Carte di credito, è facile indovinare

Ricercatori identificano un nuovo veicolo di attacco "facilitato" contro il network finanziario di Visa, un problema che coinvolge una quantità enorme di esercenti online e che non sembra destinato a risolversi nell'immediato

Roma – Dagli esperti della Newscastle University arriva un nuovo studio sulla fragilità dello scenario dei pagamenti online sui siti di e-commerce, un lavoro di ricerca che si concentra in particolare sul network finanziario di Visa e sull’ipotesi che esso faciliti, ancorché in maniera involontaria, la proliferazione di frodi economiche ai danni degli utenti e di Visa stessa.

I ricercatori hanno investigato sui sistemi di pagamenti adottati dai 400 siti di commercio elettronico più importanti secondo la classifica Alexa, verificando la possibilità di condurre un attacco di tipo “forza bruta” con cui provare a indovinare un numero di carta di credito valido attraverso una serie estremamente ampia di tentativi.

Al momento il circuito Visa non identifica una valanga di richieste di autenticazione come illegittime o inusuali, spiegano i ricercatori , e l’attacco è altresì facilitato dal fatto che “diversi siti Web presentano diversi campi per identificare il proprietario di una carta”: il risultato è una “falla” di sistema, che prima o poi permetterebbe a un malintenzionato (o una gang di cyber-criminali) di identificare una carta di credito valida per rubare denaro e non solo.

L’attacco distribuito ideato dai ricercatori britannici è “paurosamente facile” da portare a compimento e può richiedere un minimo di sei secondi per l’identificazione di un account finanziario valido, anche se Visa prova a gettare acqua sul fuoco parlando dei “livelli aggiuntivi di prevenzione delle frodi” integrati nel sistema di pagamento che i ricercatori non hanno preso in considerazione nel loro studio.

Resta il pericolo dell’ennesima possibilità di azione a disposizione dei cyber-criminali, un’azione che tra l’altro sarebbe già stata messa in pratica sotto forme similari durante l’attacco all’istituto bancario britannico Tesco Bank: alle migliaia di account colpiti con furti di denaro non sono evidentemente serviti i livelli di protezione aggiuntiva di cui parla Visa.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • JaneT scrive:
    JaneT
    I agree. 100%Jane Thomsonhttps://voiise.com
  • Anonimissim o scrive:
    E perchè mai?
    Perchè mai la normativa IVA sui beni digitali dovrebbe essere "uniformata" a livello UE? Non lo vogliamo lo "stato federale europeo", la piantassero di "europeizzare" ogni cosa.Senza contare che bisogna vedere se tra 5 anni la UE esisterà ancora.
  • Anonimo 2 scrive:
    non eletto
    Per Panda Rossa, che fa alcuni interventi interessanti e condivisibili, uno spunto di riflessione.L'attuale costituzione prevede che alcune figure istituzionali (ad es. Presidenti della Repubblica, delle Camere, del Consiglio) non vengano elette direttamente dal popolo penso per evitare una troppo forte investitura popolare che possa riportarci a un mussoliniano "uomo forte" che senza la contrapposizione di altri poteri riporti l'Italia a disastri simili a quelli occorsi nella seconda guerra mondiale.Mi sembra quindi contradditorio difendere l'attuale costituzione ed insieme contestare a Renzi il fatto di non essere stato eletto direttamente dal popolo.La mia idea in merito, purtroppo pare non molto diffusa, e che per il rispetto del principio democratico della separazione e bilanciamento dei poteri, sarebbe opportuno che chi è eletto in parlamento non potesse occupare nessun'altra poltrona.I tre poteri (Esecutivo - Legislativo - Giudiziario) è bene che siano e restino distinti e non appartengano nemmeno in parte ad una stessa persona.IMHO, my 2 cent
    • Anonimissim o scrive:
      Re: non eletto
      E' almeno dal '94 che i partiti si presentano alle elezioni indicando chi eventualmente appoggeranno come presidente del consiglio. Trattasi di TRASPARENZA verso l'elettorato. Raccontare PALLE e poi appoggiare come primo ministro uno che doveva fare il sindaco di firenze non sarà incostituzionale, ma è una porcheria lo stesso.
      • Hop scrive:
        Re: non eletto
        - Scritto da: Anonimissim o
        Raccontare PALLE e poi appoggiare come primo
        ministro uno che doveva fare il sindaco di
        firenze non sarà incostituzionaleE anche da quelle parti, se lo trovano in giro senza scorta, gli dimostrano quanto è apprezzato :D
  • Anonimo 2 scrive:
    non eletto
    Per Panda Rossa, che spesso fa interventi interesaanti,uno spunto di riflessione; l'attuale costituzione prevede che alcune figure istituzionali (ad es. Presidenti della Repubblica, delle Camere, del Consiglio) non vengano elette direttamente dal penso per evitare una troppo forte investitura popolare che possa riportarci a un mussoliniano "uomo forte" che senza la contrapposizione di altri poteri riporti l'Italia a disastri simili a quelli occorsi nella seconda guerra mondiale.Mi sembra quindi contradditorio difendere l'attuale costituzione ed insieme contestare a Renzi il fatto di non essere stato eletto direttamente dal popolo.La mia idea in merito, purtroppo pare non molto diffusa, è che per il rispetto del principio democratico della separazione e bilanciamento dei poteri, sarebbe opportuno che chi è eletto in parlamento non potesse occupare nessun'altra poltrona.I tre poteri (Esecutivo - Legislativo - Giudiziario) è bene che siano e restino distinti e non appartengano nemmeno in parte ad una stessa persona.IMHO, my 2 cent
    • panda rossa scrive:
      Re: non eletto
      - Scritto da: Anonimo 2
      Per Panda Rossa, che spesso fa interventi
      interesaanti,
      uno spunto di riflessione; l'attuale costituzione
      prevede che alcune figure istituzionali (ad es.
      Presidenti della Repubblica, delle Camere, del
      Consiglio) non vengano elette direttamente dal
      penso per evitare una troppo forte investitura
      popolare che possa riportarci a un mussoliniano
      "uomo forte" che senza la contrapposizione di
      altri poteri riporti l'Italia a disastri simili a
      quelli occorsi nella seconda guerra
      mondiale.
      Mi sembra quindi contradditorio difendere
      l'attuale costituzione ed insieme contestare a
      Renzi il fatto di non essere stato eletto
      direttamente dal
      popolo.Dal 1948 in Italia funziona che i partiti si presentano all'elezione CON UN PROGRAMMA.Poi formano maggioranze per realizzare QUEL PROGRAMMA!Alle precedenti elezioni il sig. Bersani si era presentato alle elezioni con un programma ben preciso: SMACCHIARE IL GIAGUARO.In coalizione con SEL ha preso la maggioranza.Poi e' arrivao lo SCONFITTO, nominato direttamente dal vecchio DEMERITO, e con una accozzaglia di maggioranza che comprende Alfano e Verdini e la defenestrazione di Vendola (alla faccia del giaguaro), si e' messo a legiferare per decreto, quando la COSTITUZIONE dice che il potere legislativo e' del parlamento, non del governo.E legiferando per decreto ha smantellato lo stato sociale, la scuola, la sanita', e si e' messo a parlare di ponti sullo stretto.In quale programma c'erano tutte queste cose?Alle prossime elezioni che si presenti in coalizione con Verdini e Alfano e presenti un bel progeamma elettorale in cui promette di distruggere tutto quello che e' ancora rimasto in piedi, e vediamo quanti voti prende.
      La mia idea in merito, purtroppo pare non molto
      diffusa, è che per il rispetto del principio
      democratico della separazione e bilanciamento dei
      poteri, sarebbe opportuno che chi è eletto in
      parlamento non potesse occupare nessun'altra
      poltrona.Sarebbe sufficiente che il governo non legiferasse proprio, come dice la Costituzione.
      I tre poteri (Esecutivo - Legislativo -
      Giudiziario) è bene che siano e restino distinti
      e non appartengano nemmeno in parte ad una stessa
      persona.Infatti c'e' stata una valanga di NO.
  • locutor77 scrive:
    IVA digital
    I agree this low - http://www.locutortv.es
  • eustorgio scrive:
    XXXXXXXXXtà europea
    Coglionazzi, il lavoro riprenderà quando le tasse scenderanno sotto il 30 percento (che sommato ai contributi pensionistici, che non rivedi per decenni, diventa il 50 percento), quando l'iva sarà al 4 percento e quando il costo dei dipendenti scenderà al 50 percento dello stipendio.Come, per stare vicini, in Svizzera, per esempio, o come negli USA, in Canada, in Australia....
    • Hop scrive:
      Re: XXXXXXXXXtà europea
      - Scritto da: eustorgio
      Coglionazzi, il lavoro riprenderà quando le tasse
      scenderanno sotto il 30 percento (che sommato ai
      contributi pensionistici, che non rivedi per
      decenni, diventa il 50 percento), quando l'iva
      sarà al 4 percento e quando il costo dei
      dipendenti scenderà al 50 percento dello
      stipendio.
      Come, per stare vicini, in Svizzera, per esempio,
      o come negli USA, in Canada, in
      Australia....Per tua informazione:https://en.wikipedia.org/wiki/Taxation_in_DenmarkEppure nessuno si lamenta forse ti stai sbagliando? :D
      • iRoby scrive:
        Re: XXXXXXXXXtà europea
        Ma l'hai letto il link che hai postato?Le imposte massime locali sono al 27,8%.Anche se c'è l'IVA al 25%, le altre sono più basse che in Italia.C'è da dire però che gli stipendi medi sono 3000 euro al mese, con professionisti che guadagnano l'equivalente di 6000 euro al mese.Il mio amico che lavora come sviluppatore in Autodesk guadagna quasi 20.000 euro al mese.
      • eustorgio scrive:
        Re: XXXXXXXXXtà europea
        Cioè, ma tu vuoi fare un paragone fra la Danimarca e l'italia?!?Forse vivi su Marte?!??Proprio stamattina leggevo su repubblica che gli stipendi al sud sono inferiori rispetto al nord, senza dire che anche i costi al sud sono inferiori rispetto al nord.Tu devi essere un loro collega.
        • Hop scrive:
          Re: XXXXXXXXXtà europea
          - Scritto da: eustorgio
          Cioè, ma tu vuoi fare un paragone fra la
          Danimarca e
          l'italia?!?
          Forse vivi su Marte?!??

          Proprio stamattina leggevo su repubblicaA beh se l'hai letto su repubblica...Stai sereno :D
  • panda rossa scrive:
    Gli ebook non sono libri
    Finche' gli ebook conterranno del software a puro uso e consumo degli intermediari parassiti e di nessuna utilita' per il fruitore finale, gli ebook non potranno essere considerati libri e quindi non devono avere per nessuna ragione l'iva agevolata.Il DRM va pagato caro!
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli ebook non sono libri
      E anche l'immobilismo politico costerà caro!
      • panda rossa scrive:
        Re: Gli ebook non sono libri
        - Scritto da: Anonimo
        E anche l'immobilismo politico costerà caro!L'immobilismo politico non e' un problema dell'italia.Proprio ieri sera abbiamo dato un pedatone nelle natiche dell'usurpatore non eletto.Immobilismo ci sarebbe stato se avessero vinto i brogli.
      • annusatore scrive:
        Re: Gli ebook non sono libri
        - Scritto da: Anonimo
        E anche l'immobilismo politico costerà caro!maxsix, si sente puzza di XXXXXo da 10 km di distanza.
        • Anonimo scrive:
          Re: Gli ebook non sono libri
          Peccato che io NON sia maxsis, idiota!PS x Panda Rossa: LEGGITI LA COSTITUZIONE! IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO E' NOMINATO DAL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA! E può essere NOMINATO QUALSIASI CITTADINO ITALIANO ANCHE SE NON ELETTO IN PARLAMENTO! E CAMBIA QUEL XXXXX DI AVATAR!
          • panda rossa scrive:
            Re: Gli ebook non sono libri
            - Scritto da: Anonimo
            Peccato che io NON sia maxsis, idiota!

            PS x Panda Rossa: LEGGITI LA COSTITUZIONE! IL
            PRESIDENTE DEL CONSIGLIO E' NOMINATO DAL
            PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA! E può essere
            NOMINATO QUALSIASI CITTADINO ITALIANO ANCHE SE
            NON ELETTO IN PARLAMENTO! E CAMBIA QUEL XXXXX DI
            AVATAR!Io di solito non parlo coi perdenti piddini, ma siccome non ho ancora smesso di XXXXXXXre da ieri sera, faro' una eccezione.Puo' != deve.Dimmi un solo presidente del consiglio negli ultimi 30 anni (a parte lo sconfitto) che e' stato indicato tra i non parlamentari.Uno solo.
      • dcvdvrcr scrive:
        Re: Gli ebook non sono libri
        - Scritto da: Anonimo
        E anche l'immobilismo politico costerà caro!L'immobilismo non è peggio di come siamo messi ora. La svolta autoritaria si. Di ventenni ne abbiamo avuti abbastanza.
    • dcvdvrcr scrive:
      Re: Gli ebook non sono libri
      - Scritto da: panda rossa
      Finche' gli ebook conterranno del software a puro
      uso e consumo degli intermediari parassiti e di
      nessuna utilita' per il fruitore finale, gli
      ebook non potranno essere considerati libri e
      quindi non devono avere per nessuna ragione l'iva
      agevolata.

      Il DRM va pagato caro!L'hai spiegato a Franceschini?
      • Il fuddaro scrive:
        Re: Gli ebook non sono libri
        - Scritto da: dcvdvrcr
        - Scritto da: panda rossa

        Finche' gli ebook conterranno del software a
        puro

        uso e consumo degli intermediari parassiti e di

        nessuna utilita' per il fruitore finale, gli

        ebook non potranno essere considerati libri e

        quindi non devono avere per nessuna ragione
        l'iva

        agevolata.



        Il DRM va pagato caro!

        L'hai spiegato a Franceschini?Franceschini? Quando vedi dei personaggi di quel calibro capisci il perché siamo nella XXXXX! Vi rendete conto quello e l'uomp delle innaugurazioni che il giorno dopo chiudono, per non parlare di Italia.it......... Se a reppresentarci come politici abbiamo quelle deficienze beh, di che XXXXX ci lamentiamo?
Chiudi i commenti