Il cashback di Autostrade con l'applicazione Free to X

Cashback Autostrade con l'applicazione Free to X

Entro agosto il via alla fase di sperimentazione, poi la possibilità sarà estesa a tutti coloro in transito sulla rete autostradale.
Entro agosto il via alla fase di sperimentazione, poi la possibilità sarà estesa a tutti coloro in transito sulla rete autostradale.

Come anticipato a fine marzo dall'amministratore delegato Roberto Tomasi, è in arrivo il cashback di Autostrade. Il termine, preso in prestito da quello “di Stato”, non premierà però i cittadini per le transazioni effettuate ai caselli, ma riconoscerà loro una sorta di indennizzo in caso di disagi incontrati durante la percorrenza, quando si troveranno in coda o imbottigliati nel traffico causato dai cantieri.

Free to X, l'app per il cashback di Autostrade

La fase sperimentale prenderà il via nell'immediato, con modalità che ancora non sono state rese note, coinvolgendo circa 10.000 utenti già entro la fine dell'estate. Più avanti la possibilità di chiedere e ottenere il rimborso sarà messa a disposizione di tutti. Di seguito le parole di Tomasi raccolte e riportate da Repubblica, che specificano il criterio valutato per l'assegnazione.

Il rimborso del pedaggio qualora, causa lavori in autostrada, il tempo di percorrenza risulti sensibilmente maggiore rispetto alla media della tratta.

Aspi (Autostrade per l'Italia) riconosce la necessità di ammodernare l'infrastruttura che collega il paese, intervenendo in particolare su gallerie e ponti costruiti in alcune occasioni oltre mezzo secolo fa. Questo provoca e provocherà inevitabilmente code e disagi.

L'indennizzo sarà calcolato sulla base di una misurazione oggettiva del tempo di percorrenza lungo le tratte, attraverso l'impiego di un'applicazione battezzata Free to X che sarà messa a disposizione in breve tempo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti