Chiama Google, lui ti registra

Tra i servizi sperimentali e innovativi di BigG anche service telefonici che forniscono informazioni e in cambio registrano fonemi e dettagli vocali. Per specializzarsi meglio

Roma – Google è il gigante dei motori di ricerca, Google vuole organizzare le informazioni e gli utenti stessi all’interno di un nuovo socialcoso di dati e applicativi web , Google ha l’ambizione di contribuire essa stessa ad arricchire la conoscenza condivisa nata dal web . Google vuole fare tutto , e ben vengano in tal senso servizi “dati via gratis” se questi servono a irrobustire le tecnologie utili alla conquista delle connessioni menti dei suoi utilizzatori. Visto il colosso in campo non è un caso che ogni sua mossa sia scrutata da vicino.

È il caso del servizio vocale telefonico GOOG-411 , considerato un perfetto rappresentante di questa “strategia del limone”, il cui scopo ultimo non sembra il somministrare una dose di advertising al fruitore, bensì ottenere un vantaggio dal semplice fatto che l’utente lo usi . Apparentemente, GOOG-411 usa una tecnologia avanzata di riconoscimento vocale per smistare gli utenti USA verso gli esercizi commerciali da loro desiderati. Il tutto gratuitamente, com’è tradizione per BigG.

A far emergere la reale natura del centralino automatico Google è stata Marissa Mayer, bionda vice-presidente del settore Search Products & User Experience che in una intervista di qualche tempo fa lo ha così descritto: “Se una linea gratuita-411 sia un business profittevole o meno di per sé è una cosa tutta da vedere. Personalmente sono un po’ scettica. La vera ragione per cui l’abbiamo aperto è perché abbiamo bisogno di mettere in piedi un ottimo modello speech-to-text… che potremo poi usare per ogni genere di cose differenti, inclusa la ricerca nei video”.

La strategia è così acclarata: gli utenti chiamano, noi cerchiamo di essere loro di aiuto senza chiedere in cambio un penny ma usiamo i fonemi e i dati audio raccolti dalle innumerevoli chiamate per migliorare la nostra piattaforma tecnologica di conversione da voce a testo. Gli utenti sono contenti, e gli esperti di riconoscimento vocale in forze a Google – alla caccia costante di fonemi , appunto – lo sono ancora di più.

Geniale, dal punto di vista di BigG, un po’ meno per i potenziali utenti se si vuole dar credito alle recenti reazioni della blogosfera: a richiamare attenzione sulla strategia del limone in salsa Google è Google Blogoscoped , il weblog che “contiene l’80% di Google” e che parla di GOOG-411 come della ennesima occasione per “collezionare ancora più informazioni su di noi, scimmie borg droni umani”.

Gli fa eco Valleywag , che satireggia di “teorie di cospirazione” sulla reale utilità del servizio GOOG-411 meno bizzarre e “orrorifiche” della verità. Come succede sempre quando si parla di Google, le reazioni mischiano riso amaro alla consapevolezza di essere oramai schiavi della Grande G in ogni possibile ambito di ricerca delle informazioni. La differenza, forse, è che ora se ne è schiavi anche fuori dalla Rete. E la cosa non potrà che peggiorare in futuro.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ricky scrive:
    In un mondo perfetto...
    Nemmeno servirebbero...in uno imperfetto la loro presenza e' un problema e va' regolamentata.Esistono queste regole?Sono legate a qualche controllo superpartes?Certezze su pene e sicurezza della privacy?Niente...Quindi PRIMA si deveva operare in merito e POI si dovevano installare le cam.Al solito si fa alla rovescia,tanto nessuno viene mai punito a dovere per le scelte sbagliate che fa.
  • Nome e cognome scrive:
    Siete liberi.. di pensare come voglio io
    Chi non sa difendere la propria libertà, i propri diritti, la propria vita, non è degno di vivere libero.Quando vedete una CCTV la annerite con della vernice, quando è difficile da raggiungere usate un fucile da paintball o a piombini. Le pietre sono sempre una buona alternativa, ma spesso troppo rumorosa.Ricordate sempre di coprirvi.
    • Disgraziato scrive:
      Re: Siete liberi.. di pensare come voglio io

      Quando vedete una CCTV la annerite con della
      vernice, quando è difficile da raggiungere usate
      un fucile da paintball o a piombini. Le pietre
      sono sempre una buona alternativa, ma spesso
      troppo
      rumorosa.
      Ricordate sempre di coprirvi.Quando poi il mariolo di turno ti fotterà tutti i soldi possibili facendo prelievi con il tuo bancomat clonato immagino la tua felicità nel non poter avere la minima possibilità di rintracciarlo e punirlo
      • DeAbner scrive:
        Re: Siete liberi.. di pensare come voglio io
        Eggià ... perchè vengono SEMPRE beccati... ma per piacere...
        • Disgraziato scrive:
          Re: Siete liberi.. di pensare come voglio io
          - Scritto da: DeAbner
          Eggià ... perchè vengono SEMPRE beccati... ma per
          piacere...Era un esempio... Elasticità mentale zero, eh?
          • . . scrive:
            Re: Siete liberi.. di pensare come voglio io
            - Scritto da: Disgraziato

            Eggià ... perchè vengono SEMPRE beccati... ma

            per piacere...
            Era un esempio... Elasticità mentale zero, eh?Eh già... da che mondo è mondo, chi vuole, *coscientemente* commettere un illecito, si premunisce per non essere rintracciato. Leggiamo spesso di connessioni e dischi criptati, et similia. Nel caso delle cam non è neanche difficile: basta pianificare un'operazione rapida opportunamente camuffati.Se ci fossero, sul territorio, Forze dell'Ordine ben intenzionate, un soggetto che gira col passamontagna in estate non avrebbe vita facile, mentre con le cam, una volta compiuto il "fattaccio" è pressoché impossibile risalire all'autore (a meno che non abbia consapevolmente lasciato chiari "indizi" per la successiva rivendicazione, come in un noto recente caso).Nota a margine: anche senza ricorrere ai travestimenti, la persona ripresa è "ri-conoscibile" solo se "pre-conosciuta". Ad esempio, quante sono le possibilità di "ri-conoscere" un soggetto che compie a volto scoperto un'azione rapida in una città distante dalla sua, nella quale non è mai stato e mai tornerà?
          • Disgraziato scrive:
            Re: Siete liberi.. di pensare come voglio io
            Allora che facciamo, aboliamo tutte le telecamere di sorveglianza? Tanto se uno vuole delinquere si camuffa quindi a che servono...
          • . . scrive:
            Re: Siete liberi.. di pensare come voglio io
            - Scritto da: Disgraziato
            Allora che facciamo, aboliamo tutte le telecamere
            di sorveglianza? Tanto se uno vuole delinquere si
            camuffa quindi a che servono...Si fa così: se ne mettono di meno (solo dove servono davvero), si inibisce l'uso pretestuoso, e si torna a "fare sicurezza", quella vera, sul campo.Con agenti veri, che si occupino degli illeciti veri (cioè quelli che davvero nuocciono alla società: reati contro la personain primis e contro il patrimonio in secundis), possibilmente PREVENENDOLI o comunque EVITANDO CHE VENGANO PORTATI A CONSEGUENZE ULTERIORI (com'è compito esplicito e specifico della P.S.).Se, ad es., Tizio corre (davvero) troppo in auto, ed è pericoloso per gli altri, DEVE essere FERMATO, e non semplicemente multato (magari a ripetizione...) con verbale notificato a casa "entro 150 giorni dall'infrazione".L'obiettivo è salvare le vittime (potenziali o attuali), non collezionare colpevoli.Le cam (e i sedicenti cybercop in generale) invece stanno facendo questo: forniscono un comodo mezzo per dire "abbiamo fatto tanto" mentre in realtà non si è fatto quasi nulla.
          • Silvione scrive:
            Re: Siete liberi.. di pensare come voglio io

            Se proprio si vuole controllare il cittadino,
            perchè non dotarci tutti di un chip stile rfid
            non removibile?Esiste gia' e si chiama telefono cellulare.
    • Silvione scrive:
      Re: Siete liberi.. di pensare come voglio io

      Quando vedete una CCTV la annerite con della
      vernice, quando è difficile da raggiungere usate
      un fucile da paintball o a piombini. Le pietre
      sono sempre una buona alternativa, ma spesso
      troppo rumorosa.Fermo restando che sono d'accordo all'uso delle telecamere entro certi limiti ed in alcune zone come proprieta' private, banche e simili o luoghi pubblici non privacy-isticamente sensibili (esempio, va bene la piazza per monitorare il traffico, NON va bene il parco dove vanno le coppiette), ricordo che anche il piu' scalcinato installatore che gioca a fare lo 007 guardando le boiate che mostrano i telefilm americani sa che le telecamere vanno sempre montate in modo che si guardino a vicenda, anche in gruppi maggiori di due. L'attrezzatura che uno si deve portare dietro per neutralizzare un gruppo di telecamere a distanza di sicurezza basta da sola per giustificare un fermo preventivo da parte delle FDO, quindi occhio a quello che fate.
  • anonimous scrive:
    1984
    E' d'obbligo anche se scontato
Chiudi i commenti