Chrome sarà meno pesante nella riproduzione video?

Una novità in arrivo nel codice del browser Google potrebbe far contenti coloro che lo impiegano per la riproduzione dei contenuti video sui laptop.
Una novità in arrivo nel codice del browser Google potrebbe far contenti coloro che lo impiegano per la riproduzione dei contenuti video sui laptop.

Forse Chrome non brucerà meno RAM su PC come sperato, almeno a breve, ma potrebbe presto diventare meno esigente in termini di consumo energetico durante la riproduzione video. A beneficiarne sarebbero soprattutto coloro che si affidano al browser per guardare i contenuti in streaming su un laptop con ovvie conseguenze sulla durata della batteria.

Chrome e riproduzione video sui laptop: consumerà meno?

Il metodo grazie al quale ottenere questo risultato fa leva su una peculiarità di Windows, consentendo a Desktop Windows Manager e al sistema operativo di ridurre il v-sync (la sincronizzazione verticale) quando il filmato è mostrato a schermo intero. I primi test condotti su un Surface Pro 6 di Microsoft hanno restituito risultati incoraggianti: -24% nello sfruttamento del processore quando il framerate è portato a 30 fps.

Attraverso altre ottimizzazioni la percentuale potrebbe essere ulteriormente incrementata, con ovvi benefici per chi si affida a Chrome per operazioni che vanno oltre la tradizionale navigazione online, interessando ad esempio l’intrattenimento multimediale e in questo caso particolare lo streaming.

Il browser, che ad oggi detiene saldamente la fetta più grande di market share distaccando con un ampio vantaggio tutti i concorrenti, non rappresenta certo la più leggera tra le alternative in circolazione. Google sa bene che dovrà lavorare anche su questo fronte per respingere l’avanzata dei competitor: uno su tutti Edge di Microsoft, di recente passato all’engine Chromium, che nonostante risulti ancora parecchio indietro in termini di utenza promette bene.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti