Così Chrome proteggerà i pagamenti su Android

Google Chrome per Android proteggerà e memorizzerà i dati delle carte di credito dietro il lettore di impronte digitali: più sicurezza, più velocità.
Google Chrome per Android proteggerà e memorizzerà i dati delle carte di credito dietro il lettore di impronte digitali: più sicurezza, più velocità.

Mentre su desktop Google sta cercando di mettere la gestione delle password completamente nelle mani di Chrome, così da evitare la fallacia della memoria ed aiutando nel frattempo nella gestione delle credenziali più deboli, su mobile la scelta è quella di fare un passo ulteriore, introducendo la biometria a protezione delle credenziali per i pagamenti online.

Protezione dei pagamenti su Android

Google Chrome su Android consentirà infatti presto di tutelare le password in una procedura semplificata grazie alla quale, all’atto di qualsivoglia login, è sufficiente appoggiare il dito sul lettore di impronte per abilitare la compilazione automatica dei moduli relativi, ad esempio, alla carta di credito. Questo gesto non solo compila i moduli in automatico sulla base dei dati in memoria, ma permette altresì di poter scegliere tra più account qualora si disponga di più credenziali sullo stesso servizio.

Fingerprint: protezione password su Android

L’obiettivo è duplice: proteggere i dati , ma anche velocizzare le procedure di compilazione ed evitare che si dimentichino informazioni essenziali o che occorra avere in mano la carta di credito per poter proseguire nell’operazione. Si tratta di un passaggio importante in ambo le direzioni, con la conseguenza di migliorare l’esperienza mobile degli utenti affinché possano vivere con maggior serenità l’acquisto di prodotti, il pagamento degli stessi e la gestione delle proprie credenziali sfruttando l’ormai ottimizzata gestione delle impronte digitali.

I dati richiesti (quali la conferma CVC per i pagamenti) andranno introdotti una volta soltanto, la prima: da quel momento in poi sarà il browser ad associare impronta e informazioni per procedere con la compilazione automatica.

Quella che fino a pochi anni or sono poteva sembrare una chimera (anelata da molto tempo), entro breve sarà realtà sulla maggior parte degli smartphone in circolazione: laddove ci sarà un sensore per impronte digitali, Chrome sarà in grado di gestire ogni procedura in autonomia. Il rollout è in corso: “Questa funzione sta per arrivare su Chrome per Android nelle prossime settimane, ma questo è solo l’inizio. Continueremo a concentrarci sulla creazione di funzionalità intuitive che mantengano al sicuro login e pagamenti sul Web e ve ne parleremo meglio prossimamente“. Questo sembra voler proiettare Android anche in una dimensione di maggior affidabilità, rendendolo sempre di più tanto un semplice ambiente per telefonate e social network in ottica consumer, quanto un ambiente di sicurezza e produttività per un ambito business.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 07 2020
Link copiato negli appunti