Codice di condotta per il peer-to-peer

A promuoverlo sono grandi nomi del P2P: a loro dire un'intesa con le major è possibile anche se escludono qualsiasi filtro contro lo scambio libero di materiali. RIAA, intanto, compone 64 delle 261 denunce contro utenti P2P


Washington (USA) – P2P United, il gruppo associativo di pressione che raccoglie alcuni dei principali player del mondo del peer-to-peer, inizia a far sentire il proprio peso. Nelle scorse ore ha reso pubblico un codice di condotta al quale faranno riferimento i suoi componenti, vale a dire i network di scambio di Grokster, Lime Wire, BearShare, Morpheus, eDonkey ed altri.

L’idea di P2P United , al quale non partecipa Kazaa, è quella di far passare il concetto che le imprese che sviluppano software e servizi per la condivisione di file vogliono trovare una forma di intesa con i produttori di contenuti, a partire dalle major della musica e del cinema. Anche per questo, rivelando il Codice, l’associazione ha chiesto al Congresso di definire le giuste modalità con cui i network P2P possano compensare in modo forfetario , un po’ come già avviene per le radio, i detentori di diritto d’autore i cui materiali vengono scambiati sulle reti di file sharing.

Nelle stesse ore in cui veniva rivelato il codice di condotta, le major del disco della RIAA annunciavano che 64 delle prime 261 denunce formalizzate contro altrettanti utenti dei sistemi peer-to-peer hanno già trovato una composizione. Nella maggioranza dei casi gli utenti denunciati se la sono cavata pagando ai discografici meno di 5mila dollari.

Secondo Adam Eisgrau, la mente di P2P United, le accuse delle major contro i sistemi di peer-to-peer, come quella di veicolare pedopornografia, “non sono centrali” in un momento in cui occorre “definire un mercato online per il 21esimo secolo”.

A questo proposito, una delle misure del Codice prevede che le aziende del P2P collaborino con le forze dell’ordine per rendere più facile l’identificazione di quegli utenti che condividono immagini di pornografia infantile. Allo stesso tempo, però, i network si impegnano a rendere più facile per gli utenti proteggere sui propri computer i contenuti più riservati, come password e file personali.

Uno dei punti fondamentali del codice, destinato a sollevare non poca attenzione nella comunità degli utenti, è l’impegno dei produttori di non installare spyware sui computer di chi usa i network di scambio.

Ultimo punto previsto dal codice è un impegno per informare gli utenti del P2P delle leggi sul copyright e il diritto d’autore, sebbene venga escluso a priori qualsiasi filtro che possa limitare lo scambio di materiali. Un portavoce RIAA ha affermato che è senz’altro “rinfrescante” sapere che i network vogliono informare i propri utenti delle leggi di settore “ma – ha anche detto – diciamocelo: devono fare molto ma molto di più prima di poter sostenere di essere aziende legittime”.

Dal canto suo, P2P United nelle scorse ore ha anche lanciato il suo “programma di affiliazione” che potrebbe spingere moltissimi siti in rete ad esporre banner di sostegno all’iniziativa dei produttori del file sharing…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Grazie lo stesso
    Come tanti team di ripper, releaser e altre attività ;) rischiano personalmente in nome del principio di condividere e contro questa arroganza delle major. Un esempio:Ho visto ora i costi del cartone sitting ducks in dvd: 20,99 euro ciascuno, quando lo hanno trasmesso gratis su italia 1!!! :| :@Io dovrei dare 60 euro a questi impostori??? Ma per un cartone animato, pur se ben fatto???Stanno esagerandops: ho comprato 3 dvd di film che mi piacevano a 12,50 euro, mentre la colonna sonora in cd (da Ricordi) ne costa ancora una ventina :@Mettete le cose al giusto prezzo please :)Altrimenti comincierò a ringraziare queste persone (anche se hulk non l'ho visto nè al cinema nè in divx :P )
  • Anonimo scrive:
    Libero arbitrio
    Sapeva quello che faceva, e le conseguenze: adesso paghi.
  • Anonimo scrive:
    Hanno fatto bene
    chiunque abbia diffuso in qualsiasi modo (on-line, DVD, cinema ecc...) quella me*data di film va perseguito dovunque e quantunque con la massima durezza e severita' consentite dalla legge...
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      - Scritto da: Anonimo
      chiunque abbia diffuso in qualsiasi modo
      (on-line, DVD, cinema ecc...) quella me*data
      di film va perseguito dovunque e quantunque
      con la massima durezza e severita'
      consentite dalla legge...ROTFL!!!Salutoni da GiGiOP.S. Certo che ne fanno di film pessimi 'sti americani...
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      Si parlava della severità (inutile) della punizione, non della qualità del film...Spesso ci sono interventi totalmente inutili.In qualsiasi caso se piace o no un film è sempre soggettivo. Non si va a sbandierare che il film è una porcheria o si racconta il finale giusto perché a 1 soggetto non è piaciuto. Che si dovrebbe dire allora di chi si è visto Titanic 5 volte?Steve.
  • Anonimo scrive:
    E se io domani vado al cinema...
    ...e racconto il finale mentre ridacchio in coda per entrare?Rischio qualcosa? :o
    • Anonimo scrive:
      Re: E se io domani vado al cinema...
      - Scritto da: Anonimo
      ...e racconto il finale mentre ridacchio in
      coda per entrare?
      Rischio qualcosa? :oParli del combattimento finale tra Hulk ed il padre mutato o del fatto che Banner vada a vivere nella giungla? ;)
  • Anonimo scrive:
    Le solite contraddizioni USA
    diffondi un film illegalmente e ti batostanoInvecie il pilota dell'aereo che nel 2001 trancio' i cavi della funivia del Cermis causando 20 morti è stato giudicato prima non colpevole e ultimamente ha avuto pure una promozione!Della serie la vita conta meno dei soldi dei potenti!!
  • Anonimo scrive:
    Rubare un DVD
    Leggo dall'articolo: "Un crimine che il tribunale ha equiparato a chi ruba il DVD di un film dagli scaffali di un negozio." Il tizio si è preso:-2mila dollari di multa -più altri 5mila dollari per la Universal Pictures-sei mesi di arresti domiciliari-tre anni di libertà vigilata.Non credo che se fossi andato in un negozio e avessi rubato un DVD mi avrebbero dato queste pene. Al massimo un calcio nelle chiappe e l'obbligo, da parte del negoziante, di non farmi piu' vedere nel suo negozio.
  • Pentawa scrive:
    Bisognava premiarlo
    Kerry Gonzalez va premiato per la sua azione.Bisognerebbe conferirgli una medaglia, altro che carcere.Bisogna sconfiggere le major con tutti i mezzi.Grazie Kerry
  • Anonimo scrive:
    Se tanto mi da tanto...
    ...i dirigenti della Enron cosa meritano, 96767487478 ergastoli ma testa?
    • Anonimo scrive:
      Re: Se tanto mi da tanto...
      - Scritto da: Anonimo
      ...i dirigenti della Enron cosa meritano,
      96767487478 ergastoli ma testa?E poi chi rimarrebbe dell'amministrazione Bush ?
  • Anonimo scrive:
    bella giustizia
    se invece avesse investito e ucciso qualcuno (volontariamente o involontariamente) adesso se ne starebbe tranquillamente a casa o magari in giro in auto...eh certo che il crimine per aver rubato 4 fotogrammi di un film per bambini scemi si è sentito tantissimo nella nostra società...adesso possiamo vivere un po' meglio!
    • Anonimo scrive:
      Re: bella giustizia
      - Scritto da: Anonimo
      se invece avesse investito e ucciso qualcuno
      (volontariamente o involontariamente) adesso
      se ne starebbe tranquillamente a casa o
      magari in giro in auto...eh certo che il
      crimine per aver rubato 4 fotogrammi di un
      film per bambini scemi si è sentito
      tantissimo nella nostra società...adesso
      possiamo vivere un po' meglio!Hulk non e' un film per bambini.
      • Anonimo scrive:
        Re: bella giustizia
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        se invece avesse investito e ucciso
        qualcuno

        (volontariamente o involontariamente)
        adesso

        se ne starebbe tranquillamente a casa o

        magari in giro in auto...eh certo che il

        crimine per aver rubato 4 fotogrammi di un

        film per bambini scemi si è sentito

        tantissimo nella nostra società...adesso

        possiamo vivere un po' meglio!

        Hulk non e' un film per bambini.Hai ragione, è per "adulti" cerebrolesi...
    • Anonimo scrive:
      Re: bella giustizia
      mmmmm....forse se fosse successo da noi in Italia.........Negli US dubito fortemente che un presunto omicida ( a meno che nn ricco e famoso....) riesca a farsi un giretto in auto.............- Scritto da: Anonimo
      se invece avesse investito e ucciso qualcuno
      (volontariamente o involontariamente) adesso
      se ne starebbe tranquillamente a casa o
      magari in giro in auto...eh certo che il
      crimine per aver rubato 4 fotogrammi di un
      film per bambini scemi si è sentito
      tantissimo nella nostra società...adesso
      possiamo vivere un po' meglio!
    • Anonimo scrive:
      Re: bella giustizia
      Non hai capito che la giustizia è il braccio armato dei potenti? Se impedisci ad un miliardario di comprarsi il quarto jet personale commetti un crimine mille volte più grave che se falciassi una folla innocente a colpi di Kalashnikov.
  • Anonimo scrive:
    News sbagliata e/o incompleta
    Kerry Gonzalez ha sottratto una copia di lavorazione del film destinata ad altri usi, ha successivamente diffuso il materiale via internet.E' stato condannato per essersi impossessato di questa copia destinata ad uso interno e per averla condivisa con altro (senza autorizzazione, violandone quindi il copyright)... che abbia usato internet e' assolutamente irrilevante, sarebbe stato condannato (ovviamente) pure se l'avesse venduta sulle bancarelle.Il reato non ha nulla a che vedere col p2p o con i network di scambio, se non per il "mezzo trasmissivo", il tizio ha ricevuta una condanna per aver rubato il film e per averlo diffuso, in pratica sarebbe stato condannato pure se non l'avesse diffuso (con un pena piu' lieve certo).L'affermazione di Jack Valenti, se letta nel contesto, inoltre contribuisce a confondere il reale motivo della condanna: ha detto che compiere illeciti via internet non significa farlo nell'anonimato (e fin qui non ci piove); ma non c'entra un piffero questo con i film o con le canzoni: QUALSIASI operazione illegale su internet non da' garanzia di non essere mai scoperti... ma questo lo sanno gia' tutti, non serve Jack Valenti a sottolinearlo.Quindi in sostanza si e' preso uno che ha compiuto un reato ed e' stato scritto un articolo che lascia supporre che il reato contestato sia la diffusione del film sulla rete, quando invece il reato "vero" e' il furto del film e il suo "utilizzo" illecito (la diffusione al quale non era destinato).
    • AlessioC scrive:
      Re: News sbagliata e/o incompleta
      A difesa dell'articolo vorrei far notare come l'utilizzo di un "mezzo trasmissivo" come internet forse non influisce sulla configurabilità del reato (nella specie si discute della violazione di copyright), ma certamente sul cosiddetto "danno emergente" per la Universal e sul conseguente risarcimento.Un conto è "rubare" una copia del film e venderlo sulle bancarelle e decine di avventori... un altro è metterlo in rete e causare una diffusiore epidemica nei network P2P...CiaoAC
  • Ekleptical scrive:
    E uno...
    Come volevasi dimostrare, nonostante le baggianate dei p2pari, chi si da allo sharing e viene beccato, se portato in tribunale fa una brutta fine!E' solo uno dei tanti. In attesa del grosso con la RIAA!Poi inventate tutto quello che volete, tanto alla prova dei fatti se qualcuno sarà coì pirla da non patteggiare, farà esattamente la fine di questo tizio!
    • Anonimo scrive:
      Re: E uno...
      Lavori per la RIAA?
    • Anonimo scrive:
      Re: E uno...
      - Scritto da: Ekleptical
      Come volevasi dimostrare, nonostante le
      baggianate dei p2pari, chi si da allo
      sharing e viene beccato, se portato in
      tribunale fa una brutta fine!

      E' solo uno dei tanti. In attesa del grosso
      con la RIAA!

      Poi inventate tutto quello che volete, tanto
      alla prova dei fatti se qualcuno sarà coì
      pirla da non patteggiare, farà esattamente
      la fine di questo tizio!Come al solito parli per dare aria alla bocca. A quanto ho capito il tizio in questione prima di mettere il divx in rete, si era procurato, con mezzi non convenzionali, il dvd. E quindi non viene implicato solo il p2p, ma dobbiamo considerare anche le circostanze che hanno portato l' uomo in questione ad entrare in possessso del dvd.
      • Anonimo scrive:
        Re: E uno...
        ma come mai non vedo notiziole di collette varie stile bambina 12enne con 1.000 mp3 nel proprio harddisk?mmmmmmmm..... RIAA....ahahahahahaahhahahahahahahaha
        • Anonimo scrive:
          Re: E uno...
          perchè questo, prima di sharare, ha commesso un reato davvero...- Scritto da: Anonimo
          ma come mai non vedo notiziole di collette
          varie stile bambina 12enne con 1.000 mp3 nel
          proprio harddisk?

          mmmmmmmm.....
          RIAA....ahahahahahaahhahahahahahahaha
    • Anonimo scrive:
      Re: E uno...
      - Scritto da: Ekleptical
      Come volevasi dimostrare, nonostante le
      baggianate dei p2pari, chi si da allo
      sharing e viene beccato, se portato in
      tribunale fa una brutta fine!(troll) (troll) (troll)
      E' solo uno dei tanti. In attesa del grosso
      con la RIAA!(troll) (troll) (troll)
      Poi inventate tutto quello che volete, tanto
      alla prova dei fatti se qualcuno sarà coì
      pirla da non patteggiare, farà esattamente
      la fine di questo tizio!(troll) (troll) (troll)
    • Anonimo scrive:
      Re: E uno...
      - Scritto da: Ekleptical
      Come volevasi dimostrare, nonostante le
      baggianate dei p2pari, chi si da allo
      sharing e viene beccato, se portato in
      tribunale fa una brutta fine!

      E' solo uno dei tanti. In attesa del grosso
      con la RIAA!

      Poi inventate tutto quello che volete, tanto
      alla prova dei fatti se qualcuno sarà coì
      pirla da non patteggiare, farà esattamente
      la fine di questo tizio!Scusa ekle, ma tu vieni sempre fuori quando c'è da parlare di p2p, per altre questioni non si legge mai un tuo commento. Inoltre è evidente che ti diverti a scatenare le flame: ma dico io, poi ti lamenti che qui la gente ti insulta e ti augura il cancro? Suvvia, fai il bravo, i commenti da troll risparmiateli e fatti una passeggiata ogni tanto, non fosse altro perchè ogni discussione è intasata dalle tue flame e relative risposte provocatorie. Rendiamo questo posto più vivibile.
    • Anonimo scrive:
      Re: E uno...
      1) le prove basate sui log se non supportate da quelle acquisite nelle perquisizioni son carta straccia2) esistono i file system criptatiergo se ti beccano sei tu che sei tanto fesso da farti beccare :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: E uno...
        - Scritto da: Anonimo
        1) le prove basate sui log se non supportate
        da quelle acquisite nelle perquisizioni son
        carta stracciavero
        2) esistono i file system criptatiVero, ma sei obbligato a fornire la chiave o la password in caso di sequestro del pc
        ergo se ti beccano sei tu che sei tanto
        fesso da farti beccare :-)Non sempre, ma i mezzi per ridurre i rischi ci sono :)
    • Anonimo scrive:
      Re: E uno...
      A sto punto te lo devo proprio dire ekle SEI UN BUFFONE
Chiudi i commenti