Come scegliere un fornitore di web hosting

Come scegliere un fornitore hosting: cosa devi valutare e quali sono le domande da farti prima di acquistare un pacchetto hosting.
Come scegliere un fornitore hosting: cosa devi valutare e quali sono le domande da farti prima di acquistare un pacchetto hosting.

Nelle guide precedenti abbiamo scoperto tutto ciò che serve sull’hosting e scoperto caratteristiche e vantaggi del cloud hosting.

In questo articolo, invece, vedremo quali criteri adottare nella scelta di un fornitore di web hosting : sul mercato, infatti, esistono diversi web hosting provider ed è importante capire a quale affidarsi sulla base di parametri ben precisi.

Cosa valutare in un servizio di web hosting

Come scegliere un fornitore di web hosting valido? Quali criteri seguire?

Fare una scelta consapevole non è facile. Intanto, bisogna aver ben chiaro il proprio progetto e le proprie esigenze: un blog avrà necessità diverse da un e-commerce, un sito vetrina completamente differenti da un sito di news.
Ci sono diversi aspetti da valutare quando scegliamo il nostro hosting provider.

Supporto 24/7

Uno dei servizi più importanti da valutare al momento di scegliere il fornitore di hosting è l’assistenza. Se infatti dovesse succedere qualcosa al server o al sito (errori tecnici, malfunzionamenti, attacchi hacker), risolvere il problema in tempi brevi è fondamentale per non subire cali di traffico e, di conseguenza, diminuire le visite al sito, le vendite, i contatti, etc. Dunque, è importante che il web hosting provider garantisca un supporto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 attraverso più canali: chat, numero di telefono, email, forum, Whatsapp.

Accesso FTP 24/7

Aggiornare con costanza il sito web è fondamentale per blogger, e-commerce, portali di news, siti istituzionali.
Ecco perché poter accedere al proprio sito web tramite protocollo FTP (File Transfer Protocol)  è un parametro da tenere in considerazione nella scelta del web hosting provider.

Accesso a database

Accedere al database del proprio sito dev’essere un’operazione intuitiva e deve permettere, attraverso il pannello di controllo, di svolgere in semplicità tutte le operazioni necessarie: per esempio, fare un backup del database, ottimizzarlo e spostarlo da un hosting a un altro.

Numero di account e-mail

Un altro aspetto da non sottovalutare è la possibilità di avere più caselle di posta elettronica. Molti provider propongono pacchetti con più indirizzi e-mail compresi: quando si sceglie, è bene valutare non solo le esigenze attuali, ma quelle future.

Pannello di controllo online per la gestione del sito

Accedere con le proprie credenziali e gestire tutti gli aspetti della gestione del sito è un’esigenza che vale sia per chi ha un piccolo sito, sia per chi ha siti più strutturati. Cpanel è una delle interfacce più diffuse per semplicità d’uso, fornita da molti web hosting perché adatto anche ai principianti.

Statistiche sul traffico online

Le statistiche sul traffico servono a conoscere quante persone visitano il tuo sito e ad avere sottomano report dettagliati sull’accesso al sito. Alcuni provider includono le statistiche nei pacchetti hosting, altri invece le rendono opzionali.

Un solido sistema di gestione del database

MySQL e MS SQL sono entrambi DBMS (Database Management System) relazionali validi. MySQL è un software open source sviluppato da Oracle molto popolare per i siti WordPress, MS SQL è invece il DBMS di Microsoft. A seconda delle necessità, è possibile usare o l’uno o l’altro.

Cosa è importante in un web hosting

Un buon fornitore è in grado di garantire prestazioni di livello, sicurezza e affidabilità. Com’è logico, se scegli un pacchetto base, entry-level, avrai determinati servizi ma non altri più avanzati, che invece puoi ottenere spendendo di più. Tutto sta a individuare le esigenze sulla base degli obiettivi del sito, tenendo presente anche eventuali necessità future (picchi di traffico, più spazio, etc.).
Vediamo quali sono i parametri da valutare nella scelta di un web hosting provider.

Velocità di connessione

Questo aspetto è strettamente legato con le performance di un sito. La velocità di caricamento delle pagine, infatti, si traduce in concreto nella velocità di accesso al sito. Parliamo di un fattore determinante per il successo di un sito, importante anche lato Seo.

Uptime

In informatica, l’uptime rappresenta l’intervallo in cui un sistema informatico resta acceso in modo continuo. Misura l’affidabilità e la stabilità di un sito web e viene espresso in termini percentuali: una buona percentuale di uptime si aggira intorno al 99,5%. Al contrario, il downtime è legato a disservizi e può costare caro. Dunque, è bene scegliere un hosting provider che garantisca un eccellente uptime.

Volume del traffico e larghezza di banda fornita

Valuitare un web hosting provider sul volume di traffico a disposizione dell’utente è sicuramente una buona prassi, sebbene quasi tutti offrano volumi di traffico decisamente più alti rispetto alle necessità di un sito web di medie dimensioni. Tuttavia, per gestire eventuali picchi di traffico, è importante considerare anche quest’aspetto, così come la larghezza di banda a disposizione del server.

Servizi: PHP, htaccess, SSH, MySQL, FTP

Quali servizi offre il web hosting provider? Quando decidi se acquistare un pacchetto hosting da un fornitore, accertati di conoscere i servizi a disposizione.
Il PHP è un linguaggio di scripting il più delle volte incluso tra i servizi offerti dal web host, ma assicurati, se ti è necessario, che possa supportare anche linguaggi come Python e Ruby. Inoltre, è importante sapere se l’hosting permette la modifica del file htaccess, che permette di attivare o disattivare determinate funzionalità. Ugualmente, alcuni fornitori consentono di utilizzare la procedura di sicurezza SSH (Secure Socket Shell), che permette a due computer di connettersi in modo diretto e sicuro, solo acquistato i pacchetti pro, quelli più costosi. Lo stesso vale per il protocollo FTP e il DBMS MySQL, l’open source di Oracle: quando acquisti uno servizio hosting da un fornitore, verifica con attenzione i servizi connessi.

Pannello di controllo

Cpanel è il software che svolge la funzione di pannello di controllo: serve per accedere al proprio sito e installare i software e i plugin necessari per il funzionamento del sito. Tramite Cpanel e interfacce simili è possibile accedere al pannello di controllo e fare tutte le installazioni che servono, anche senza avere conoscenze informatiche approfondite.

Hosting di domini multipli

Alcuni hosting provider, nei diversi pacchetti a disposizione dei clienti, danno la possibilità di avere più domini nello stesso spazio web. Si tratta di un’opzione da valutare se hai intenzione di allargare il tuo progetto oppure affiancare al tuo sito altri domini.

E-mail

L’hosting provider permette di creare una o più mail con il nome di dominio come estensione? Ecco un altro aspetto da tenere in considerazione: può darsi che, in un primo momento, una mail associata al dominio sia sufficiente, ma qualora le esigenze aumentino è importante tu possa attivare più caselle e-mail. Altro parametro da valutare, lo spazio di archiviazione di ciascuna mail. Non dimentichiamo, infine, la PEC: la maggior parte dei web hosting offre questo servizio a parte, ma in alcuni casi può essere inclusa nei pacchetti “tutto compreso”.

web hosting fornitore

Certificato SSL

Il certificato SSL (Secure Socket Layer) è il protocollo standard che protegge le transazioni e le altre attività che utilizzano dati sensibili (password, carta di credito, etc.). Avere un certificato SSL sul proprio sito è garanzia di affidabilità: grazie al SSL, infatti, quando infatti il client e il server web comunicano, il server web trasmette il certificato digitale al browser, permettendo così la connessione sicura.
Proteggere l’utente da frodi e dal furto di dati sensibili è un dovere.

Hosting e-mail e page builder

L’hosting e-mail è un servizio che può anche essere indipendente dall’hosting in sé e permette di avere un indirizzo mail professionale, solitamente con più spazio di archiviazione, antivirus e antimalware, mail alias e altri servizi pensati per le necessità di aziende e professionisti.
Il Page Builder è invece un plug-in o una funzione nativa che permette di creare layout personalizzati in modo intuitivo e rapido, attraverso la funzione drag and drop, che permette di spostare a piacimento gli elementi all’interno di una schermata, anche senza essere web designer. Ti suggeriamo, comunque, di avere nozioni sufficienti di web e graphic design prima di decidere la struttura di un sito, a favore della user experience.

Strumenti di sviluppo

A volte si può avere la necessità di sviluppare plugin e applicazioni. I fornitori di hosting offrono spesso servizi come WP-CLI (interfaccia per linea di comando per WordPress) o SFTP (protocollo alternativo a FTP, crittografato e più sicuro) per permettere agli sviluppatori di gestire il sito in completà libertà. Se pensi di dover utilizzare strumenti di sviluppo, cerca un hosting che proponga questi servizi.

Servizio di assistenza clienti 24/7

Ricevere assistenza tutti i giorni, 24 ore al giorno: l’assistenza clienti di un web hosting dev’essere in cima alla lista dei parametri da valutare quando si sceglie un web hosting. Un qualsiasi problema che faccia “cadere” il tuo sito, infatti, può costarti caro, in termini economici e di immagine. Valuta attentamente il servizio di assistenza di un hosting prima di fare la tua scelta: soprattutto, considera quanti canali di comunicazione offre, dall’e-mail al numero verde.

Backup automatici dei siti web

Il backup è una copia di sicurezza del database di un sito. Fare un backup periodico del proprio sito è un’azione fortemente consigliata: di conseguenza, è bene scegliere un web hosting provider che automatizzi questa funzione, creando copie integrali del sito in modo automatico e a intervalli periodici.

Installazione di software per WordPress, Drupal e altri

Un altro aspetto di cui tener conto al momento di comprare un pacchetto hosting è la possibilità di installare software e plug-in per i principali CMS: WordPress, Drupal, Magento, Prestashop, Joomla e tutti gli altri. Di solito, i fornitori di hosting includono nei propri pacchetti interfacce come Softaculous o Installatron, che consentono di installare in un click le applicazioni più importanti per la gestione di un sito web.

Tabella riassuntiva requisiti

Per agevolarti il lavoro, abbiamo riassunto in breve le domande che devi farti prima di acquistare un pacchetto hosting da un fornitore. Ti consigliamo di essere lungimirante e di non soffermarti sulle esigenze del momento. La cosa da fare è ragionare a lungo termine.

• Di quanto spazio su disco ho bisogno (ora e in futuro)?
• Di quanta larghezza di banda ho bisogno (ora e in futuro)?
• Quanto traffico devo supportare?
• Disponibilità del sito Web: quanto tempo di inattività sono disposto ad accettare?
• Ho bisogno di un nome di dominio?
• Ho bisogno di indirizzi e-mail nel mio dominio? Quanti?
• Ho bisogno del supporto per un linguaggio di scripting lato server?
• Ho bisogno del supporto per un database?
• Ho bisogno di strutture di e-commerce, carrello della spesa, gateway di pagamento?
• Ho bisogno di SSL?
• Ho bisogno di fare analisi del traffico?
• Ho bisogno di conoscere parametri quali l’utilizzo della RAM, della CPU, dell’HD, della rete?
• Localizzazione dei server: dove si trovano?
• Devo essere in grado di installare prodotti di terze parti sul server?
• Ho bisogno che la società di hosting mi assegni un account manager?
• Devo inserire annunci di terze parti in tutto il mio sito Web?
• Prezzo: qual è il mio budget?

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 09 2020
Link copiato negli appunti