Concerti gratis per spingere Zune

E' l'ultima idea di Microsoft per dare respiro al suo player multimediale e accrescere le quote di mercato

Redmond – Partirà da Los Angeles e toccherà altre grandi città statunitensi come Chicago e New York il tour di concerti ad accesso gratuito sponsorizzati da Microsoft e pensati esplicitamente per promuovere Zune, il suo player multimediale.

I concerti, il primo dei quali si terrà a L.A. tra due giorni, si chiamano Zune Live at the BBQ e ospiteranno artisti come Common, Mos Def, Bilal, Collie Budz, E-40 e Cham. Sul sito dedicato Microsoft avverte che i nomi dei musicisti partecipanti aumenteranno via via e anche nuove date e città saranno presto annunciate: per partecipare gli utenti statunitensi non devono far altro che registrarsi, lasciando nome, cognome, indirizzo email, data di nascita e telefono.

Per Microsoft, il cui Zune non è ancora sbarcato sui mercati di tutto il Mondo come invece è accaduto ad alcuni dei più noti player multimediali americani, i “Live at the BBQ” rappresentano un test definitivo per comprendere fino a che punto il player può richiamare l’attenzione del pubblico giovanile a cui si rivolge.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Phabio76 scrive:
    2.0 a tutti i costi
    Avverto una smania quasi fastidiosa da parte di tutti i "grandi" della rete di creare la piattaforma web 2.0 per eccellenza che, in qualche modo, li consacri.Il web 2.0 nasce dal basso, si sta cercando di cavalcarlo e si rischia di snaturarlo (almeno culturalmente).
    • HeroProtagonist scrive:
      Re: 2.0 a tutti i costi
      Non sarei propriamente d'accordo. Il Web 2.0 nasce si dal baso, ma unicamente come contenuti. L'utente si appoggia su una infrastruttura tecnologica/applicativa fornita da terzi per veicolare i propri contributi e renderli disponibili agli altri.
      • Phabio76 scrive:
        Re: 2.0 a tutti i costi
        Ok, d'accordissimo."Dal basso" intendevo anche:Flickr e Digg rispetto a Yahoo (che le ha acquisite)Stessa discorso per youtube e google...C'è un'idea, bene. La si realizza con tutte le competenze necessarie, e sforzi anche economicamente ingenti e POI, forse, se gli utenti a cui ti rivolgi fanno tutto quello che avevi pensato, puoi fregiarti del marchio 2.0 !
  • yoghi scrive:
    Non vedo il video
    Comunque credo sia lo stesso che c'è qui:http://video.google.com/videoplay?docid=-6610704975433050156&q=socialstream&total=2&start=0
Chiudi i commenti