Contact tracing: l'app Immuni ce la farà?

Il progetto Immuni non può centrare il proprio obiettivo senza la collaborazione attiva di tutti noi: l'utilizzo dell'applicazione è volontario.
Il progetto Immuni non può centrare il proprio obiettivo senza la collaborazione attiva di tutti noi: l'utilizzo dell'applicazione è volontario.
Guarda 19 foto Guarda 19 foto

L’ennesima iniziativa messa in campo dall’Italia con l’obiettivo di assestare un colpo decisivo alla crisi sanitaria, culminata ieri con il lancio di Immuni, ha bisogno della collaborazione attiva di tutti i cittadini. L’app di contact tracing non costituisce una ulteriore misura restrittiva calata dall’alto: il suo utilizzo è volontario. Non c’è alcun obbligo, ma perché il progetto possa esprimere appieno il proprio potenziale è necessario che il maggior numero possibile di persone aderiscano scaricando e installando il software sui loro smartphone.

Immuni: serve la collaborazione attiva di tutti

Secondo le previsioni e le simulazioni della vigilia serve che almeno il 60% degli italiani abbia Immuni attiva sullo telefono. Già nei prossimi giorni sarà possibile cogliere una prima stima sulla diffusione dell’app basandosi sul volume dei download delle versioni per Android e iOS. Ecco quanto si legge nella sezione Domande del sito ufficiale.

Più persone usano Immuni, più l’app può essere efficace. Infatti, maggiore è la diffusione di Immuni, più sono i potenziali contagiati che l’app riesce ad avvertire e che possono quindi isolarsi, aiutando a contenere l’epidemia e ad accelerare il ritorno alla normalità.

Come scaricare l’app Immuni: CLICCA QUI

E nel caso in cui non si riuscisse a raggiunge la quota indicata poc’anzi, fermandosi a una percentuale inferiore? I responsabili del progetto affermano che sarà comunque utile, contribuendo a rallentare la circolazione della malattia.

Tuttavia, anche se la diffusione di Immuni fosse limitata, l’app potrà comunque contribuire a rallentare l’epidemia, specialmente in combinazione alle altre misure implementate dal governo. Questo rallentamento, anche se minimo, ridurrà la pressione sul Servizio Sanitario Nazionale, permettendo a più pazienti di ricevere cure appropriate e potenzialmente salvando molte vite. Nel frattempo, la ricerca scientifica avanza verso un possibile vaccino.

Gran parte delle perplessità che circolano a proposito di Immuni, potenzialmente in grado di limitarne l’efficacia, sono legate a una cattiva informazione nonché alle immancabili teorie del complotto che vorrebbero l’app svolgere segretamente un compito di sorveglianza e controllo della popolazione. A tal proposito ricordiamo che il progetto ha ottenuto il via libera da parte del Garante Privacy, che il codice sorgente è aperto all’analisi di chiunque ne abbia competenze e che durante l’utilizzo non viene raccolto alcun dato a proposito degli spostamenti. Inoltre, il consumo della batteria e del traffico dati è irrisorio.

Fonte: Immuni
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti