Contrassegno SIAE, rimborsi all'orizzonte?

di G. Scorza - Il Consiglio di Stato bacchetta il Governo (e SIAE): non si può cambiare la storia e incidere su mercato e giurisprudenza a suon di regolamenti. Nuove speranze per chi vorrebbe ottenere un rimborso

Roma – Con una bella Sentenza del 2 febbraio scorso il Consiglio di Stato ha scritto una pagina importante in una delle tante vicende italiane legate al diritto d’autore nelle quali logica, buon senso ed interesse collettivo cedono, sfortunatamente, il passo ad incomprensibili scelte adottate in nome degli interessi di pochi.
La vicenda in questione è quella legata all’obbligo di apposizione del contrassegno SIAE, l’odiosa – ed anacronistica – pecetta adesiva in nome della quale si continuano a deturpare le copertine di CD e DVD e, soprattutto, a far confluire milioni di euro all’anno nelle casse della SIAE. Prima di parlare della Sentenza, varrà la pena spendere qualche bit in un breve riassunto delle puntate precedenti a beneficio di quanti le avessero – per loro fortuna – perse.

Nel novembre del 2007, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea accerta l’illegittimità della disciplina italiana in materia di obbligo di apposizione del contrassegno SIAE, in vigore dal 2000 e, conseguentemente, ne dichiara l’inopponibilità ai privati.
In forza di quelle disposizioni di legge, tuttavia, migliaia di imprenditori italiani – e non – negli ultimi sette anni (all’epoca) erano stati costretti a versare alla SIAE una media di dieci milioni di euro all’anno per l’acquisto delle meravigliose pecette adesive.
A seguito dell’intervenuta declaratoria di illegittimità della disciplina impositiva del balzello, qualcuno pensò bene di chiedere alla SIAE di restituire quanto indebitamente incassato.
È vero che il diritto – specie nel nostro Paese – non è una scienza esatta ma è altrettanto vero che basta il buon senso a convincersi che una tassa pagata in forza di una norma dichiarata illegittima ed espunta dall’ordinamento deve essere, semplicemente, restituita a chi l’ha pagata, perché chi l’ha incassata non ha più alcun titolo per trattenerla.

A questo punto, probabilmente, SIAE avrebbe dovuto fare una cosa semplicissima: attivare una procedura per restituire le decine di milioni di euro indebitamente incassate tra il 2000 ed il 2007 e il Governo, attraverso il Ministero dei beni e delle attività culturali, avrebbe dovuto vigilare affinché la SIAE lo facesse, come suggerito – per non dire imposto – dalle regole del diritto e, prima ancora, da quelle dell’etica.
Altrove, forse, sarebbe accaduto.

Altrove, probabilmente, un ente pubblico economico non tiene nel proprio portafoglio – ammesso che siano ancora lì – decine di milioni di euro che gli sono stati versati non già sulla base di accordi negoziali ma sulla base di un obbligo di legge, travolto da una Sentenza della Corte di Giustizia che lo ha espressamente dichiarato in opponibile ai privati ed il Ministro che sull’Ente in questione ha poteri di controllo e vigilanza non lascia che ciò accade.
Altrove, forse, ma non in Italia.
Qui accade l’inimmaginabile.

Non solo SIAE non attiva alcuna procedura per la restituzione del maltolto ma si affretta a respingere tutte le richieste di ripetizione che riceve e a domandare alla Presidenza del Consiglio dei Ministri di varare un nuovo Regolamento che sostituisca quello appena dichiarato illegittimo dalla Corte di Giustizia e, soprattutto, che stabilisca un principio tanto semplice quanto anti-giuridico (per non dire anti-etico): gli importi indebitamente incassati non vanno restituiti.
SIAE ordina e il Governo esegue , anche se, forse, la dinamica non è esattamente quella che ci si attende da un’Amministrazione dello Stato in posizione di controllo e vigilanza si un Ente pubblico Economico. Nel febbraio del 2009, la Presidenza del Consiglio dei Ministri vara il nuovo regolamento sull’obbligo di apposizione del contrassegno nel quale, tra l’altro – conformemente ai desiderata di SIAE – viene scritto che “sono fatti salvi in ogni caso gli atti e i rapporti intervenuti tra la SIAE ed i soggetti indicati dall’articolo 181-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, a seguito dell’entrata in vigore della legge 18 agosto 2000, n. 248”.
Chi ha avuto, ha avuto e chi ha dato ha dato, insomma!

Non è un principio figlio di grande civiltà giuridica ma vale a salvare il portafoglio di SIAE spuntando le armi a quanti le avevano, frattanto, chiesto indietro il maltolto ed a quanti si accingevano a farlo. Una disposizione manifestamente illegittima che, altrove, non sarebbe mai stata introdotta nell’Ordinamento e, se introdotta, sarebbe stata, immediatamente, espunta dal primo giudice chiamato ad occuparsene.
Altrove, ancora una volta.

Non in Italia, dove non solo la norma finisce in Gazzetta Ufficiale ed entra in vigore ma il TAR Lazio , chiamato a pronunciarsi sulla sua legittimità, la ritiene perfettamente legittima con una Sentenza che sembra uscita più dalla pena degli avvocati di SIAE che da quella di un giudice terzo ed imparziale.

Ora, finalmente, il Consiglio di Stato ha reso giustizia. Con la Sentenza dello scorso 2 febbraio, infatti, i supremi Giudici amministrativi hanno messo finalmente nero su bianco un principio tanto ovvio quanto prezioso: “Non vi è dubbio, invero – scrivono di Giudici del Consiglio di Stato – che, atteso il generale principio di irretroattività, non è consentito alla fonte regolamentare incidere sulla disciplina dei rapporti patrimoniali pregressi (anteriori o successivi alla citata sentenza della Corte di giustizia 8 novembre 2007), la cui definizione spetta al giudice munito di giurisdizione”.
Fuor di giuridichese significa che non spetta né alla SIAE, né alla Presidenza del Consiglio dei Ministri decidere della sorte delle decine di milioni di euro finite nelle casse della SIAE tra il 2000 ed il 2009 ma ad un Giudice terzo ed imparziale o, almeno, auspicabilmente terzo ed imparziale.

Si riapre, dunque, la strada alle richieste di rimborso alla SIAE che, questa volta, non potrà limitarsi a rispondere che il nuovo Regolamento esclude espressamente tale eventualità ma dovrà difendersi e spiegare ad un Giudice a che titolo pensa di poter trattenere delle somme che migliaia di imprenditori le hanno versato non per libera scelta ma perché a ciò obbligati da una norma illegittima che non avrebbe mai dovuto entrare in vigore nel nostro Ordinamento. Forse alla fine, almeno in questa vicenda, anche in Italia, prevarranno il buon senso, l’etica ed il diritto e non saremo più costretti a dire che altrove sarebbe andata a finire diversamente.

Frattanto, anche il Parlamento, comincia a mettere in dubbio utilità ed operato della SIAE: nei giorni scorsi la Commissione cultura ha disposto un’indagine conoscitiva sulla Società italiana autori ed editori mentre, con una pioggia di emendamenti al decreto liberalizzazioni, si chiede a gran voce l’abolizione del contrassegno e, soprattutto, quella del monopolio SIAE.
Altrove, forse, tutto ciò non farebbe notizia…

Guido Scorza
Presidente Istituto per le politiche dell’innovazione
www.guidoscorza.it

Guido Scorza Guido Scorza è – con il collega Carmelo Giurdanella – il legale di Edizioni Master, parte ricorrente nel procedimento che ha condotto alla pronuncia della Sentenza commentata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    mi compiaccio!
    che "basta con la pirateria" se ne sia stato fuori dai c()gL!0Ni.O forse aveva da fare, vediamo domani se compare o no.
    • attonito scrive:
      Re: mi compiaccio!
      - Scritto da: attonito
      che "basta con la pirateria" se ne sia stato
      fuori dai
      c()gL!0Ni.
      O forse aveva da fare, vediamo domani se compare
      o
      no.opps! scusate non avevo guardato bene. C'e'.
  • Sagace scrive:
    I pirati le hanno prese
    Su questo forum direi che i vari ragionamenti dei vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane" ed altri, stavolta hanno preso sonore mazzate, tutti gli argomenti che hanno proposto sono stati smontati da evidenti prove di fatto. Mi piace questa discussione, anche se accesa a volte, e questa volta devo ammettere "pirati 0 - sostenitori del pagare il giusto 2".no, non ho partecipato anche io, ho solo letto, interessante la discussione su Blender e su Georges Méliès, dovrebbero riflettere tutti comunque su queste cose.la mia opinione personale è che, come al solito, principi corretti hanno poi avuto una deriva nell'applicazione. Trovo infatti giusto riconoscere il diritto di paternità ed un certo grado di sfruttamento dell'opera agli autori (faccio presente che questo vale anche con le CC e e la GPL dove rimane fermo il principio che c'è un autore/i ben riconosciuto, che poi voglia dare gratuitamente è un altro discorso e che comunque ha un altro tipo di ritorno), assolutamente grottesche però la cessione di diritti a major sanguisughe e copyright che valgono per decine di anni.
    • krane scrive:
      Re: I pirati le hanno prese
      - Scritto da: Sagace
      Su questo forum direi che i vari ragionamenti dei
      vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane" ed
      altri, stavolta hanno preso sonore mazzate, tutti
      gli argomenti che hanno proposto sono stati
      smontati da evidenti prove di fatto. Mi piace
      questa discussione, anche se accesa a volte, e
      questa volta devo ammettere "pirati 0 -
      sostenitori del pagare il giusto 2".Pirati ? Io parlavo di programmazione, che c'entrano i pirati ?
      • brain scrive:
        Re: I pirati le hanno prese
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: Sagace

        Su questo forum direi che i vari
        ragionamenti
        dei

        vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane"
        ed

        altri, stavolta hanno preso sonore mazzate,
        tutti

        gli argomenti che hanno proposto sono stati

        smontati da evidenti prove di fatto. Mi piace

        questa discussione, anche se accesa a volte,
        e

        questa volta devo ammettere "pirati 0 -

        sostenitori del pagare il giusto 2".

        Pirati ? Io parlavo di programmazione, che
        c'entrano i pirati
        ?come se ne capissi qualcosa :D
        • krane scrive:
          Re: I pirati le hanno prese
          - Scritto da: brain
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: Sagace


          Su questo forum direi che i vari


          ragionamenti dei vari "uno


          qualsiasi" e "panda rossa"


          "krane" ed altri, stavolta hanno


          preso sonore mazzate, tutti gli


          argomenti che hanno proposto


          sono stati smontati da evidenti


          prove di fatto. Mi piace questa


          discussione, anche se accesa a


          volte, e questa volta devo


          ammettere "pirati 0 - sostenitori


          del pagare il giusto 2".

          Pirati ? Io parlavo di programmazione,

          che c'entrano i pirati ?
          come se ne capissi qualcosa :DPer fortuna che ci sei tu, su su dai c'e' il mondo da salvare, datti da fare tu che sei in gamba...
    • brain scrive:
      Re: I pirati le hanno prese
      - Scritto da: Sagace
      Su questo forum direi che i vari ragionamenti dei
      vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane" ed
      altri, stavolta hanno preso sonore mazzate, tutti
      gli argomenti che hanno proposto sono stati
      smontati da evidenti prove di fatto. Mi piace
      questa discussione, anche se accesa a volte, e
      questa volta devo ammettere "pirati 0 -
      sostenitori del pagare il giusto
      2".

      no, non ho partecipato anche io, ho solo letto,
      interessante la discussione su Blender e su
      Georges Méliès, dovrebbero riflettere tutti
      comunque su queste
      cose.

      la mia opinione personale è che, come al solito,
      principi corretti hanno poi avuto una deriva
      nell'applicazione. Trovo infatti giusto
      riconoscere il diritto di paternità ed un certo
      grado di sfruttamento dell'opera agli autori
      (faccio presente che questo vale anche con le CC
      e e la GPL dove rimane fermo il principio che c'è
      un autore/i ben riconosciuto, che poi voglia dare
      gratuitamente è un altro discorso e che comunque
      ha un altro tipo di ritorno), assolutamente
      grottesche però la cessione di diritti a major
      sanguisughe e copyright che valgono per decine di
      anni.ottimo e condivisibile riassunto ;)
    • panda rossa scrive:
      Re: I pirati le hanno prese
      - Scritto da: Sagace
      Su questo forum direi che i vari ragionamenti dei
      vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane" ed
      altri, stavolta hanno preso sonore mazzate, tutti
      gli argomenti che hanno proposto sono stati
      smontati da evidenti prove di fatto. Mi piace
      questa discussione, anche se accesa a volte, e
      questa volta devo ammettere "pirati 0 -
      sostenitori del pagare il giusto
      2".Se anziche' presentare delle conclusioni sconclusionate totalmente al di fuori del contesto, avessi scritto quello che hai scritto QUOTANDO le situazioni in cui dici che i parassiti della rendita, che si battono per sopravvivere, hanno ragione, forse e' possibile proseguire nella discussione.Ma cosi'?
      • quasi anonimo scrive:
        Re: I pirati le hanno prese
        Sul copyright il discorso è complicato e le varie posizioni possono essere discusse, ma affermare che si possa commissionare un programma della complessità di Maya ad una sola persona, e che questa possa produrre un prodotto utilizzabile in un tempo ragionevole (senza che nel frattempo il mercato non si sia ulteriormente evoluto) non è assolutamente ragionevole, a meno di non partire da un altro programma open source tipo Blender e cambiare solamente le label...
        • krane scrive:
          Re: I pirati le hanno prese
          - Scritto da: quasi anonimo
          Sul copyright il discorso è complicato e le varie
          posizioni possono essere discusse, ma affermare
          che si possa commissionare un programma della
          complessità di Maya ad una sola persona,Infatti panda ti aveva chiaramente scritto che ti avrebbe fatto uno studio e dato un prezzo definito, sei tu che hai parlato di farlo programmare ad una sola persona.Al piu' era panda che avrebbe dovuto trovarsi uno staff, ma questi son fatti suoi.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            ribadisco, che una persona non è sufficiente nemmeno per completare la fase di "progettazione, la raccolta delle specifiche, la preanalisi e tutto quanto serve per produrre un preventivo di sviluppo" qualunque sia la metodologia utilizzata per un programma della complessità di Maya in un tempo ragionevole (con una modalità committente-cliente)...[quote]- Scritto da: Riciiaard Giear
            Fammi Maya su commissionePerche'?C'e' gia'!Comunque se proprio ci tieni, mi dai 5000 euro di anticipo, per la progettazione, la raccolta delle specifiche, la preanalisi e tutto quanto serve per produrre un preventivo di sviluppo.[/quote]
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            ribadisco, che una persona non è sufficiente
            nemmeno per completare la fase di "progettazione,
            la raccolta delle specifiche, la preanalisi e
            tutto quanto serve per produrre un preventivo di
            sviluppo" qualunque sia la metodologia utilizzata
            per un programma della complessità di Maya in un
            tempo ragionevole (con una modalità
            committente-cliente)...E quindi ?Non capisco quale sia il problema ...
            [quote]
            - Scritto da: Riciiaard Giear

            Fammi Maya su commissione
            Perche'?
            C'e' gia'!
            Comunque se proprio ci tieni, mi dai 5000 euro di
            anticipo, per la progettazione, la raccolta delle
            specifiche, la preanalisi e tutto quanto
            serve per produrre un preventivo di sviluppo.
            [/quote]Appunto, e' quello che ho detto io: nel preventivo ci saranno anche le ore/uomo necessarie, che poi si divideranno in programmatori a secondo di quanto il fretta il cliente vuole il prodotto.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Appunto, e' quello che ho detto io: nel
            preventivo ci saranno anche le ore/uomo
            necessarie, che poi si divideranno in
            programmatori a secondo di quanto il fretta il
            cliente vuole il
            prodotto.Scusa se te lo dico ma ingegneria del software e sviluppo di applicativi non sembrano essere il tuo campo. Raramente avviene che se invece di N programmatori si usano 10*N programmatori il programma lo si consegna in un decimo del tempo. Secondariamente, a seconda della complessità del programma, minimo ti servono anche un paio di esperti della materia, il cliente ti da le specifiche (es: programma per il calcolo della busta paga) ma non si mette a spiegarti per filo e per segno come calcolare ogni singolo risultato, soprattutto se gli algoritmi sono descritti nella normativa, o come strutturare la base dati di supporto all'applicazione.Secondariamente se il tuo preventivo dice: costo di sviluppo 500*N dove N=costo licenza software commerciale che compie più o meno le stesse cose... beh credo che la scelta del cliente sia prevedibile...
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            ribadisco, che una persona non è sufficiente
            nemmeno per completare la fase di "progettazione,
            la raccolta delle specifiche, la preanalisi e
            tutto quanto serve per produrre un preventivo di
            sviluppo" qualunque sia la metodologia utilizzata
            per un programma della complessità di Maya in un
            tempo ragionevole (con una modalità
            committente-cliente)...

            [quote]
            - Scritto da: Riciiaard Giear

            Fammi Maya su commissione

            Perche'?
            C'e' gia'!

            Comunque se proprio ci tieni, mi dai 5000 euro di
            anticipo, per la progettazione, la raccolta delle
            specifiche, la preanalisi e tutto quanto

            serve per produrre un preventivo di sviluppo.
            [/quote]forse 5.000 euro basterebbero per la raccolta delle specifiche e la preprepreanalisi. Supponendo di pagare, da fame, una persona per 100 lordi al giorno, 5.000 euro sono si e no due mesi di lavoro. E in due mesi una singola persona riuscirà a fare si e no un 3%/5% del lavoro.Poi c'è tutta la parte di analisi, e di ottimizzazione del codice da fare, e quella è roba alquanto mazzosa. Però in grafica 3D te ne accorgi subito se un codice è stato ottimizzato oppure se sono stati usati solo gli algoritmi ingenui. Ti basta un cronometro, nel primo caso, e un calendario per il secondo. Non stiamo parlando di scaricare l'ennesimo CMS, cambiare il tema o due css e consegnarlo al cliente.Questo comunque spiega comunque molte cose riguardo alle migrazioni verso l'open source, credete che roba grossa come SAP possa venire programmati da uno smanettone in un mese di lavoro.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            [quote]

            Comunque se proprio ci tieni, mi dai 5000
            euro
            di

            <b
            anticipo </b
            , per la progettazione, la raccolta
            delle

            specifiche, la preanalisi e tutto quanto



            serve per produrre un preventivo di sviluppo.

            [/quote]

            forse 5.000 euro basterebbero per la raccolta
            delle specifiche e la preprepreanalisi.
            Supponendo di pagare, da fame, una persona per
            100 lordi al giorno, 5.000 euro sono si e no due
            mesi di lavoro. E in due mesi una singola persona
            riuscirà a fare si e no un 3%/5% del
            lavoro.Infatti 5000 euro sono solo un anticipo, solo per cominciare.
            Questo comunque spiega comunque molte cose
            riguardo alle migrazioni verso l'open source,
            credete che roba grossa come SAP possa venire
            programmati da uno smanettone in un mese di
            lavoro.Nessuno ha mai detto che la roba grossa venga programmata da uno smanettone in un mese di lavoro, anche perche' altrimenti non sarebbe roba grossa.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas



            [quote]


            Comunque se proprio ci tieni, mi dai
            5000

            euro

            di


            <b
            anticipo </b
            , per la
            progettazione, la
            raccolta

            delle


            specifiche, la preanalisi e tutto quanto





            serve per produrre un preventivo di
            sviluppo.


            [/quote]



            forse 5.000 euro basterebbero per la raccolta

            delle specifiche e la preprepreanalisi.

            Supponendo di pagare, da fame, una persona
            per

            100 lordi al giorno, 5.000 euro sono si e
            no
            due

            mesi di lavoro. E in due mesi una singola
            persona

            riuscirà a fare si e no un 3%/5% del

            lavoro.

            Infatti 5000 euro sono solo un anticipo, solo per
            cominciare.
            <i
            Non hai che da mettere 5000 euro sul tavolo, e ti faccio l'analisi e il preventivo.Se poi accetterai il preventivo partiamo con gli sviluppi. </i
            caro hai parlato tu di analisi e preventivo. Delle due una: o lavori in pesante perdita oppure i 5000 euro ti servono per chiedere al mago othelma di farti il preventivo.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            <i
            Non hai che da mettere 5000 euro sul
            tavolo, e ti faccio l'analisi e il
            preventivo.
            Se poi accetterai il preventivo partiamo con gli
            sviluppi. </i



            caro hai parlato tu di analisi e preventivo.
            Delle due una: o lavori in pesante perdita oppure
            i 5000 euro ti servono per chiedere al mago
            othelma di farti il
            preventivo.Io non faccio il commerciale.Il commericale sa usare parole migliori delle mie per farti scucire i soldi in cambio di nulla.Quindi, se vuoi, ti passo il commerciale.Con me non puoi parlare di soldi, solo di specifiche.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Io non faccio il commerciale.
            Il commericale sa usare parole migliori delle mie
            per farti scucire i soldi in cambio di
            nulla.
            Quindi, se vuoi, ti passo il commerciale.
            Con me non puoi parlare di soldi, solo di
            specifiche.sono più su nel messaggio di "nr: Riciiaard Giear" :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            sono più su nel messaggio di "nr: Riciiaard
            Giear"
            :DLui ha scritto solo "fammi Maya su commissione".Se l'unica specifica è che il programma deve chiamarsi Maya, non ci vuole molto.file: Maya.c#include <stdio.h
            int main() { printf("hello, world"); return 0; }Ecco fatto.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: uno qualsiasi

            sono più su nel messaggio di "nr: Riciiaard

            Giear"

            :D

            Lui ha scritto solo "fammi Maya su commissione".

            Se l'unica specifica è che il programma deve
            chiamarsi Maya, non ci vuole
            molto.

            file: Maya.c

            #include <stdio.h


            int main()
            {
            printf("hello, world");
            return 0;
            }


            Ecco fatto.Ti consegno il premio:ARRAMPICATA DEL GIORNOclap! clap! clap!
          • 1 qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            Ti consiglio il premio: caduta del giorno.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            si però i 5.000 euro iniziali (un'offerta molto allettante) possono diventare tranquillamente MILIONI di euro (un'offerta decisamente meno allettante o proibitiva a seconda del cliente).Per tornare al discorso iniziale, forse comprare una licenza di Maya conviene di più?
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            si però i 5.000 euro iniziali (un'offerta molto
            allettante) possono diventare tranquillamente
            MILIONI di euro (un'offerta decisamente meno
            allettante o proibitiva a seconda del
            cliente).
            Per tornare al discorso iniziale, forse comprare
            una licenza di Maya conviene di più?Ma potrebbe non fare quello che serve a te, altrimenti Industrial Light & Magic userebba Maya invece di usare software personalizzato ad uso interno (che poi affittano).
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            La questione originale era questa: piuttosto che pagare una licenza di Maya te lo sviluppo io (eventualmente con il mio team).Siccome nel secondo caso i costi sono proibitivi non è una alternativa reale, poi se ci sono altre esigenze ed altre risorse, può essere una via percorribile ma stiamo parlando di altre esigenze e altre problematiche, non del problema iniziale.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            La questione originale era questa: piuttosto che
            pagare una licenza di Maya te lo sviluppo io
            (eventualmente con il mio team).Evidentemente questo implica dei vantaggi, sta a te cliente decidere se sei interessato o meno.
            Siccome nel secondo caso i costi sono proibitivi
            non è una alternativa reale, poi se ci sono altre
            esigenze ed altre risorse, può essere una via
            percorribile ma stiamo parlando di altre esigenze
            e altre problematiche, non del problema
            iniziale.Non ho letto le specifiche della richiesta, solo un insieme di esempi per i quali ognuno decideva le premesse che gli parevano, se a te Maya basta compratelo.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            Il thread è "Il mondo accademico alza la voce" e i termini della questione mi sembrano piuttosto chiari, anzi potrebbe confermarcelo, se ne ha voglia, "panda rossa".
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            Il thread è "Il mondo accademico alza la voce" e
            i termini della questione mi sembrano piuttosto
            chiari, anzi potrebbe confermarcelo, se ne ha
            voglia, "panda
            rossa".Ho postato un link nel primo post.Ma ci sono numerose pagine anche in italiano che riprendono il concetto.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: I pirati le hanno prese
      - Scritto da: Sagace
      Su questo forum direi che i vari ragionamenti dei
      vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane" ed
      altri, stavolta hanno preso sonore mazzateMa dove?Puoi citare i punti a cui ti riferisci?(nota: qualcuno ha usato un nick uguale al mio per rispondermi, quindi alcuni messaggi sembrano contradditori)
      • krane scrive:
        Re: I pirati le hanno prese
        - Scritto da: uno qualsiasi
        - Scritto da: Sagace

        Su questo forum direi che i vari
        ragionamenti
        dei

        vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane"
        ed

        altri, stavolta hanno preso sonore mazzate

        Ma dove?
        Puoi citare i punti a cui ti riferisci?

        (nota: qualcuno ha usato un nick uguale al mio
        per rispondermi, quindi alcuni messaggi sembrano
        contradditori)Sara' il solito Fiber, dopo gli elettroshock spesso gli escono queste afermazioni campate in aria...
        • panda rossa scrive:
          Re: I pirati le hanno prese
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: uno qualsiasi

          - Scritto da: Sagace


          Su questo forum direi che i vari

          ragionamenti

          dei


          vari "uno qualsiasi" e "panda rossa"
          "krane"

          ed


          altri, stavolta hanno preso sonore
          mazzate



          Ma dove?

          Puoi citare i punti a cui ti riferisci?



          (nota: qualcuno ha usato un nick uguale al
          mio

          per rispondermi, quindi alcuni messaggi
          sembrano

          contradditori)

          Sara' il solito Fiber, dopo gli elettroshock
          spesso gli escono queste afermazioni campate in
          aria...E poi usando un altro nick, viene a darsi ragione da solo.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: uno qualsiasi


            - Scritto da: Sagace



            Su questo forum direi che i vari


            ragionamenti


            dei



            vari "uno qualsiasi" e "panda
            rossa"

            "krane"


            ed



            altri, stavolta hanno preso sonore

            mazzate





            Ma dove?


            Puoi citare i punti a cui ti riferisci?





            (nota: qualcuno ha usato un nick uguale
            al

            mio


            per rispondermi, quindi alcuni messaggi

            sembrano


            contradditori)



            Sara' il solito Fiber, dopo gli elettroshock

            spesso gli escono queste afermazioni campate
            in

            aria...

            E poi usando un altro nick, viene a darsi ragione
            da
            solo.No, non sono fiber, non sono uno che ha clonato nickname, non ho partecipato alla discussione, ho capito benissimo quando scriveva "uno qualsiasi" originale e quando quello falso. E non ho neanche una videoteca, mi dispiace veramente.E' ovvio che la mia è solo una opinione personale, quello che ho visto da osservatore esterno è stata una enorme arrampicata di specchi dopo 2-3 post di botta e risposta, le stesse citazione fatte da voi sono state smontate in poche risposte (vedi Georges Méliès per esempio).Molto più interessanti, motivate e documentate quelle di "Skywalker" in qualche altra notizia di qualche giorno fa. Quello è uno che sa il fatto suo in materia, molto più discutibili le noiose litanie che invece che ci proponete ogni volta. Andata a lezione da Skywalker. Voi non servite alla causa, siete solo degli integralisti che prendete posizione a prescindere.Ho trovato anche molto interessante la tecnica usata da chi vi rispondeva: il cambio del nickname vi ha fatto concentrare sugli argomenti e non sulla persona, infatti solitamente scendete ad attacchi personali dopo pochi post (videotecaro in primis). Di fronte agli argomenti siete crollati in poche righe.E questa ultima scaletta di post dove vi spalleggiate è proprio la rappresentazione finale di quello che ho detto.Ovvio che non siate d'accordo, nessun problema, gli argomenti sono ancora caldi la sui post sopra (o sotto, dipende da come leggete questo cavolo di forum), a me hanno convinto altre posizioni, se avete altro da aggiungere io sono solo curioso di leggere.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: uno qualsiasi



            - Scritto da: Sagace




            Su questo forum direi che i
            vari



            ragionamenti



            dei




            vari "uno qualsiasi" e "panda

            rossa"


            "krane"



            ed




            altri, stavolta hanno preso
            sonore


            mazzate







            Ma dove?



            Puoi citare i punti a cui ti
            riferisci?







            (nota: qualcuno ha usato un nick
            uguale

            al


            mio



            per rispondermi, quindi alcuni
            messaggi


            sembrano



            contradditori)





            Sara' il solito Fiber, dopo gli
            elettroshock


            spesso gli escono queste afermazioni
            campate

            in


            aria...



            E poi usando un altro nick, viene a darsi
            ragione

            da

            solo.


            No, non sono fiber, non sono uno che ha clonato
            nickname, non ho partecipato alla discussione, ho
            capito benissimo quando scriveva "uno qualsiasi"
            originale e quando quello falso. E non ho
            neanche una videoteca, mi dispiace
            veramente.

            E' ovvio che la mia è solo una opinione
            personale, quello che ho visto da osservatore
            esterno è stata una enorme arrampicata di specchi
            dopo 2-3 post di botta e risposta, le stesse
            citazione fatte da voi sono state smontate in
            poche risposte (vedi Georges Méliès per
            esempio).

            Molto più interessanti, motivate e documentate
            quelle di "Skywalker" in qualche altra notizia di
            qualche giorno fa. Quello è uno che sa il fatto
            suo in materia, molto più discutibili le noiose
            litanie che invece che ci proponete ogni volta.
            Andata a lezione da Skywalker. Voi non servite
            alla causa, siete solo degli integralisti che
            prendete posizione a
            prescindere.
            Ho trovato anche molto interessante la tecnica
            usata da chi vi rispondeva: Ma perche' continui a parlare a plurale ? Io 2 post avro' scritto a quello che cambiava nick...
            il cambio del
            nickname vi ha fatto concentrare sugli argomenti
            e non sulla persona, infatti solitamente scendete
            ad attacchi personali dopo pochi post
            (videotecaro in primis). Di fronte agli argomenti
            siete crollati in poche righe. "Siamo" ?Io due post ho scritto poi ho avuto altro da fare : ma sei sicuro di parlare con me ? Non e' che l'ho cacato granche 'sto tread...
            E questa ultima scaletta di post dove vi
            spalleggiate è proprio la rappresentazione finale
            di quello che ho detto.
            Ovvio che non siate d'accordo, nessun problema,
            gli argomenti sono ancora caldi la sui post sopra
            (o sotto, dipende da come leggete questo cavolo
            di forum), a me hanno convinto altre posizioni,
            se avete altro da aggiungere io sono solo curioso
            di leggere.E tutte queste deduzioni le hai fatte in base a 12 post che ho scritto qua di cui 5 non hanno avuto risposta ?Complimenti...Chi e' Georges Méliès ? Che mica ho letto tutto il tread.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            Libero di sentirti escluso dal mio ragionamento, non devi giustificarti, avrò valutato o letto male. Forse.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace
            E' ovvio che la mia è solo una opinione
            personale, quello che ho visto da osservatore
            esterno è stata una enorme arrampicata di specchi
            dopo 2-3 post di botta e risposta, le stesse
            citazione fatte da voi sono state smontate in
            poche risposte (vedi Georges Méliès per
            esempio).La storia di Melies e' molto semplice e tu non hai colto tutto o solo quello che ti faceva comodo.Quello che sappiamo e' che: 1) Melies ha venduto cinema finche' c'e' stata richiesta di cinema2) Quando la richiesta e' venuta meno, ha cambiato mestiere3) Moltissime delle sue opere sono andate perdute4) Il pubblico americano, se non fosse stato per Edison, non avrebbe mai visto quelle pellicoleTutto questo come puo' costituire un punto a favore del copyright?Se ci fosse stato il copyright, molto probabilmente Melies avrebbe smesso molto prima di fare cinema e campare sugli allori.Il pubblico americano non avrebbe visto comunque i suoi film, oppure Edison sarebbe stato incarcerato, con buona pace di tutte le sue invenzioni successive a questa storia.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Quello che sappiamo e' che:
            1) Melies ha venduto cinema finche' c'e' stata
            richiesta di
            cinema
            2) Quando la richiesta e' venuta meno, ha
            cambiato
            mestiere
            3) Moltissime delle sue opere sono andate perdute
            4) Il pubblico americano, se non fosse stato per
            Edison, non avrebbe mai visto quelle
            pellicole
            puoi anche vedere il fallimento della tua teoria: gli autori devono rilasciare le opere gratis e sperare nella beneficenza delle persone. Peccato che dai film del tipo chi ci abbia mangiato sia stato edison e i gestori dei cinematografi.Forse se avrebbe avuto più soldi Melies non avrebbe dovuto trasformare i suoi film in tacchi per scarpe.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Quello che sappiamo e' che:

            1) Melies ha venduto cinema finche' c'e'
            stata

            richiesta di

            cinema

            2) Quando la richiesta e' venuta meno, ha

            cambiato

            mestiere

            3) Moltissime delle sue opere sono andate
            perdute

            4) Il pubblico americano, se non fosse stato
            per

            Edison, non avrebbe mai visto quelle

            pellicole



            puoi anche vedere il fallimento della tua teoria:
            gli autori devono rilasciare le opere gratis e
            sperare nella
            beneficenza delle persone. No. Se rilasci le opere gratis non lo fai per avere beneficenza.E comunque il biglietto di ingresso al cinematografo si pagava anche ai tempi di Melies.
            Peccato che dai film del tipo
            chi ci abbia mangiato sia stato edison e i
            gestori dei cinematografi.Lo sappiamo noi il rapporto commerciale che c'era tra i gestori dei cinematografi e Melies?Per quanto ci e' dato di sapere, Melies faceva copie delle pellicole e le vendeva ai gestori dei cinematografi i quali poi le sfruttavano commercialmente o le regalavano ad Edison.Possiamo forse dire che Melies avrebbe potuto vendere le pellicole ad un prezzo maggiore, ma avendone prodotte piu' di 1000 il mercato probabilmente lo conosceva bene.Che cosa c'e' di sbagliato nel fare pellicole e venderle ai gestori dei cinematografi?
            Forse se avrebbe avuto più soldi Melies non
            avrebbe dovuto trasformare i suoi film in tacchi
            per scarpe.Magari invece il suo prodotto non interessava piu': l'avvento del colore e i trucchi cinematografici che non stupivano piu' nessuno lo avranno convinto a fare altro.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Sagace


            E' ovvio che la mia è solo una opinione

            personale, quello che ho visto da osservatore

            esterno è stata una enorme arrampicata di
            specchi

            dopo 2-3 post di botta e risposta, le stesse

            citazione fatte da voi sono state smontate in

            poche risposte (vedi Georges Méliès per

            esempio).

            La storia di Melies e' molto semplice e tu non
            hai colto tutto o solo quello che ti faceva
            comodo.

            Quello che sappiamo e' che:
            1) Melies ha venduto cinema finche' c'e' stata
            richiesta di
            cinema
            2) Quando la richiesta e' venuta meno, ha
            cambiato
            mestiere
            3) Moltissime delle sue opere sono andate perdute
            4) Il pubblico americano, se non fosse stato per
            Edison, non avrebbe mai visto quelle
            pellicole

            Tutto questo come puo' costituire un punto a
            favore del
            copyright?
            Se ci fosse stato il copyright, molto
            probabilmente Melies avrebbe smesso molto prima
            di fare cinema e campare sugli
            allori.
            Il pubblico americano non avrebbe visto comunque
            i suoi film, oppure Edison sarebbe stato
            incarcerato, con buona pace di tutte le sue
            invenzioni successive a questa
            storia.Non voglio risponderti nel merito perchè, come ho scritto, ne sono rimasto fuori sopra e ne voglio rimanere fuori adesso.Quello che posso dirti però è cosa ho capito io dal botta e risposta a riguardo: Georges Méliès non è stato pagato per il sucXXXXX della sua opera (paga a copia ma non viene riconosciuto il diritto d'autore) e questo l'ha costretto a produrre quantità piuttosto che qualità. Il tuo ragionamento successivo è corretto a mio modo di vedere: se non c'è più richiesta di chi fa il ghiaccio perchè pagarli? ma il punto è che Georges Méliès aveva sucXXXXX, solo che gli introiti non arrivavano a lui e non ha potuto più dedicarsi in quello in cui era bravo.Attento, non stiamo parlando della stortura odierna dove i diritti vengono acquisiti dalle major e tu non puoi fare neppure una XXXXXXXXX che assomigli ad un motivetto famoso. Stiamo parlando del principio per il quale una o più persone che realizzano un'opera di ingegno guadagnino per il loro lavoro. Quanti soldi e per quanto tempo sono già passaggi successivi del ragionamento. La tesi opposta vuole invece che prodotta un'opera questa sia copiabile a piacimento senza nulla riconoscere a chi l'ha prodotta.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace
            ma il punto è che
            Georges Méliès aveva sucXXXXX, solo che gli
            introiti non arrivavano a lui e non ha potuto più
            dedicarsi in quello in cui era
            bravo.Se fosse come dici te, allora c'era una gallina dalle uova d'oro che chi doveva nutrirla ha smesso di nutrirla, perdendo cosi' le uova.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Se fosse come dici te, allora c'era una gallina
            dalle uova d'oro che chi doveva nutrirla ha
            smesso di nutrirla, perdendo cosi' le
            uova.Infatti. Ma non lo dico io, sto solo dicendo quello che ho capito in base al botta e risposta di quei post, ammesso e non conXXXXX che le fonti siano affidabili.Ammazzare una gallina delle uova d'oro è facilissimo, basta che non sia tua e, secondo me, è proprio quello che avviene con la pirateria e le major oggigiorno. Da una parte abbiamo il padrone della gallina che ce le vuole vendere decuplicando il loro valore, dall'altra chi vuole avere tutto gratis. Gli interessi della gallina non li fa nessuno o quasi.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Ammazzare una gallina delle uova d'oro è
            facilissimo, basta che non sia tua e, secondo me,
            è proprio quello che avviene con la pirateria e
            le major oggigiorno. Da una parte abbiamo il
            padrone della gallina che ce le vuole vendere
            decuplicando il loro valore, dall'altra chi vuole
            avere tutto gratis. Gli interessi della gallina
            non li fa nessuno o
            quasi.Ovvio: le galline servono per farci il brodo.Deve essere la gallina a curare i propri interessi... se chiede ad altri, gli unici che possono proporle qualcosa sono il contadino, o la volpe. E nessuno dei due farà gli interessi della gallina.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Ovvio: le galline servono per farci il brodo.
            Deve essere la gallina a curare i propri
            interessi... se chiede ad altri, gli unici che
            possono proporle qualcosa sono il contadino, o la
            volpe. E nessuno dei due farà gli interessi della
            gallina.Infatti. Le major sono il contadino e tu sei la volpe.Io sono dalla parte della gallina invece.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace

            Ovvio: le galline servono per farci

            il brodo. Deve essere la gallina a

            curare i propri interessi... se

            chiede ad altri, gli unici che

            possono proporle qualcosa sono il

            contadino, o la volpe. E nessuno

            dei due farà gli interessi della

            gallina.
            Infatti. Le major sono il contadino e
            tu sei la volpe.
            Io sono dalla parte della gallina invece.Se fossi dalla parte della gallina il tuo interesse sarebbe eliminare il contadino per andare a vendere direttamente l'uovo al mercato.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Sagace



            Ovvio: le galline servono per farci


            il brodo. Deve essere la gallina a


            curare i propri interessi... se


            chiede ad altri, gli unici che


            possono proporle qualcosa sono il


            contadino, o la volpe. E nessuno


            dei due farà gli interessi della


            gallina.


            Infatti. Le major sono il contadino e

            tu sei la volpe.

            Io sono dalla parte della gallina invece.

            Se fossi dalla parte della gallina il tuo
            interesse sarebbe eliminare il contadino per
            andare a vendere direttamente l'uovo al
            mercato.Non ho detto il contrario infatti. Difficile da capire?
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Sagace





            Ovvio: le galline servono per
            farci




            il brodo. Deve essere la gallina a



            curare i propri interessi... se



            chiede ad altri, gli unici che



            possono proporle qualcosa sono il



            contadino, o la volpe. E nessuno



            dei due farà gli interessi della



            gallina.




            Infatti. Le major sono il contadino e


            tu sei la volpe.


            Io sono dalla parte della gallina
            invece.



            Se fossi dalla parte della gallina il tuo

            interesse sarebbe eliminare il contadino per

            andare a vendere direttamente l'uovo al

            mercato.


            Non ho detto il contrario infatti. Difficile da
            capire?Non hai detto neanche di essere contro i condor, e quindi ?
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Non hai detto neanche di essere contro i condor,
            e quindi
            ?Ho scritto:"Trovo infatti giusto riconoscere il diritto di paternità ed un certo grado di sfruttamento dell'opera agli autori (faccio presente che questo vale anche con le CC e e la GPL dove rimane fermo il principio che c'è un autore/i ben riconosciuto, che poi voglia dare gratuitamente è un altro discorso e che comunque ha un altro tipo di ritorno), assolutamente grottesche però la cessione di diritti a major sanguisughe e copyright che valgono per decine di anni."Tu forse non ci puoi arrivare, ma se qualcuno leggesse questi post avrebbe l'ennesima conferma del motivo per il quale non vale la pena discutere con certa gente. Adesso sono io il "nemico", va bhè, continua pure a postare quello che ti pare, io la chiudo qua.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Infatti. Le major sono il contadino e tu sei la
            volpe.
            Io sono dalla parte della gallina invece.Perfetto. Lo vedi che se ti impegni capisci?Il punto è: dalla parte della gallina c'è solo la gallina. E la gallina può solo fare una cosa: può dire "a chi mi dà una ciotola di becchime, io lascio un uovo". Poi, chi ha preso quell'uovo potrebbe mangiarlo, o potrebbe usarlo per far nascere un'altra gallina... ma alla gallina che l'ha deposto non deve importare. Se vuole essere padrona delle sue uova, se le tiene lei.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Infatti. Le major sono il contadino e tu sei
            la

            volpe.

            Io sono dalla parte della gallina invece.

            Perfetto. Lo vedi che se ti impegni capisci?

            Il punto è: dalla parte della gallina c'è solo la
            gallina. E la gallina può solo fare una cosa: può
            dire "a chi mi dà una ciotola di becchime, io
            lascio un uovo". Poi, chi ha preso quell'uovo
            potrebbe mangiarlo, o potrebbe usarlo per far
            nascere un'altra gallina... ma alla gallina che
            l'ha deposto non deve importare. Se vuole essere
            padrona delle sue uova, se le tiene
            lei.E' proprio il caso di dire che fai ridere i polli. Tu di becchime non ne dai a nessuno ma pretendi di avere le uova.buonanotte
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            La gallina può considerarsi fortunata se le volpi si accontentano delle uova.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Ho trovato anche molto interessante la tecnica
            usata da chi vi rispondeva: il cambio del
            nickname vi ha fatto concentrare sugli argomenti
            e non sulla persona, infatti solitamente scendete
            ad attacchi personali dopo pochi post
            (videotecaro in primis). Di fronte agli argomenti
            siete crollati in poche
            righe.Torno a chiederti: dove saremmo crollati?
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Torno a chiederti: dove saremmo crollati?Ad esempio qua:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3436077&m=3438236#p3438236dove gli rispondi in pratica che l'unico modo per vendere un software che ci sia il committente prima (addirittura gli proponi la colletta...)E' un ragionamento illiberale e antieconomico perchè non accetti che ci sia il rischia d'impresa: io imprenditore decido di fare un software, non ho committenti ma sono certo che ci saranno persone/aziende disposte a comprarlo uno volta realizzato, è il mio rischio d'impresa, quello che tanto sbandierate in altre parole "se non c'è richiesta cambi lavoro", giusto? ok, giusto, adesso, io faccio il software e poi mi ritrovo gente che me lo scarica senza riconoscermi il lavoro, se gli metto protezioni sono cattivone perchè ho messo la protezione. Dove sta il fail del tuo ragionamento (e non solo nel tuo)? che dite giustamente che se non c'è richiesta l'azienda che produce un qualcosa deve cambiare mestiere, poi però, una volta che qualcuno produce qualcosa, voi ve ne usufruite senza pagarlo. Ma come? ma sto benedetto prodotto vi interessa o no? cioè, prima dici non mi interessa commissionarlo e quindi non ti pago, poi invece te lo prendi? prima dici che chi produce cose non richieste deve fallire, poi le richiedi eccome se le richiedi rischiando pure di essere punito dalle leggi vigenti?Fermo restando che puoi fare quello che ti pare, il tuo ragionamento perde di valore quando imponi agli altri come devono fare le cose e quando non è coerente, e questo è il caso ad esempio.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace
            E' un ragionamento illiberale e antieconomico
            perchè non accetti che ci sia il rischia
            d'impresa: io imprenditore decido di fare un
            software, non ho committenti ma sono certo che ci
            saranno persone/aziende disposte a comprarlo uno
            volta realizzato, è il mio rischio d'impresa,
            quello che tanto sbandierate in altre parole "se
            non c'è richiesta cambi lavoro", giusto? ok,Il rischio di impresa consiste nell'investire nella produzione di qualcosa o nell'offrire un servizio, che si possa vendere ad un prezzo che la gente e' disposta a pagare.Mobili.Abbigliamento.Trasporti.Cose del genere....Fino a che la tecnologia non consentira' alla gente di produrre tali beni da sola senza ricorrere ad un produttore.Il software puo' essere liberamente replicato quindi oggi come oggi, produrre un software e pensare di venderne le copie e' una assurdita'.Se vuoi fare business nel software, devi farlo sviluppando soluzioni su misura, e non vendere software generalista.Il software generalista lo si deve fare gratis.Non vuoi farlo tu? Benissimo. Allora spostati e lascia spazio a chi vuole farlo gratis, che c'e' la fila.
            giusto, adesso, io faccio il software e poi mi
            ritrovo gente che me lo scarica senza
            riconoscermi il lavoro, se gli metto protezioni
            sono cattivone perchè ho messo la protezione.Eh gia'. Il software non si presta proprio ad essere venduto.Esattamente come le sedie non si presterebbero ad essere vendute se esistesse un pulsante che uno schiaccia e viene materializzata una sedia.Comprendi?
            Dove sta il fail del tuo ragionamento (e non solo
            nel tuo)? che dite giustamente che se non c'è
            richiesta l'azienda che produce un qualcosa deve
            cambiare mestiere, poi però, una volta che
            qualcuno produce qualcosa, voi ve ne usufruite
            senza pagarlo. Ma come? ma sto benedetto prodotto
            vi interessa o no? Quale prodotto? La sedia?Se a me interessa quella sedia ma sono in grado di farmela da me ad un costo inferiore a quello a cui la vendi tu, io me la faccio da me.Idem per il software.
            cioè, prima dici non mi
            interessa commissionarlo e quindi non ti pago,
            poi invece te lo prendi? E' una questione di prezzo.Mi interesserebbe, ma non ci voglio spendere piu' di x.Tu invece vendi a y, con y
            x e quindi mi rivolgo a chi me lo offre a x o meno.
            prima dici che chi
            produce cose non richieste deve fallire, poi le
            richiedi eccome se le richiedi rischiando pure di
            essere punito dalle leggi
            vigenti?Prova a produrre sedie e venderle a 1000 euro l'una.Se non vendi, vuol dire che hai sbagliato tutto, e quindi ti meriti di fallire.
            Fermo restando che puoi fare quello che ti pare,
            il tuo ragionamento perde di valore quando imponi
            agli altri come devono fare le cose e quando non
            è coerente, e questo è il caso ad
            esempio.Io non impongo proprio niente.Tu vendi pure le sedie a 1000 euro l'una.Io ti dico solo che nessuno le comprera' a 1000 euro l'una quando una IKEA le vende a 10 euro l'una.E quando ci sara' una tecnologia che permettera' di copiare le sedie, pure IKEA dovra' smettere di vendere sedie.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            Tralasciando il resto, il tuo ragionamento è quello di un "artigiano" del software mentre una "industria" non può esistere con il tuo modello di sviluppo.Purtroppo la tua mentalità è largamente condivisa in Italia, motivo per cui è molto difficile che da noi nasca una nuova Apple o Microsoft che sia.
            Se vuoi fare business nel software, devi farlo
            sviluppando soluzioni su misura, e non vendere
            software generalista.
            Il software generalista lo si deve fare gratis.
            Non vuoi farlo tu? Benissimo. Allora spostati e
            lascia spazio a chi vuole farlo gratis, che c'e'
            la fila.
          • Rovesciato scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Io non impongo proprio niente.E invece si. Tu imponi che il software come qualsiasi altro bene digitale debba essere venduto come pare a te. Io invece non impongo niente a nessuno, mi piace windows/cad/office/gestionale a licenza? me lo prendo a licenza. Mi piace linux/apache/gestionale_open? meli prendo a gratis. Mi piace avere tutto verticalizzato? li commissiono e li pago. Problemi zero. Casualità il problema se lo pone chi vuole la roba a pagamento senza volerla pagare. Mentre io posso benissimo accettare di rinunciare a qualcosa magari costringendo un produttore a rivedere la sua offerta, c'è chi decide per gli altri come deve fare. Hai citato diverse volte la storia dei venditori di ghiaccio ma non ti attieni ai suoi insegnamenti: nulla vietava ai venditori di ghiaccio di continuare a produrre ghiaccio e farselo pagare a peso d'oro, se non c'era richiesta affari loro giusto? alla gente non interessava più la loro merce perchè poteva farsela da sola con le proprie materie prime. Ma quando copi un software, una musica, un film... non hai fatto niente da te, non hai usato le tua capacità, non hai usato le tue materie prime.Questo è il punto, se non riesci a coglierlo è un problema tuo.Riguardo le sedie, fattele. Ci sono già le stampanti 3d, comprati una stampante, comprati tutto il materiale che ti serve per stamparle, fatti il tuo bel disegno cad e fattela. Io magari preferirò andarmela a comprare a 20 euro all'ikea, tu fattela pure così almeno inizi a capire il lavoro che c'è dietro ogni prodotto, fisico o digitale che sia.Io l'ho detto e lo ripeto: ho letto i discorsi e chi sostiene lo "scaricamento libero" continua costantemente a peccare di incoerenza, più fate esempi e più ci contraddicete.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Rovesciato
            Hai citato diverse volte la storia dei venditori
            di ghiaccio ma non ti attieni ai suoi
            insegnamenti: nulla vietava ai venditori di
            ghiaccio di continuare a produrre ghiaccio e
            farselo pagare a peso d'oro, se non c'era
            richiesta affari loro giusto? alla gente non
            interessava più la loro merce perchè poteva
            farsela da sola con le proprie materie prime. Ma
            quando copi un software, una musica, un film...
            non hai fatto niente da te, non hai usato le tua
            capacità, non hai usato le tue materie
            prime.
            Questo è il punto, se non riesci a coglierlo è un
            problema
            tuo.Sei tu che non riesci a coglierlo.Quello che conta e' il risultato.Per il bene immateriale non occorrono materie prime.Neppure il primo autore di un bene materiale necessita di materie prime.E pure per le produzioni in serie, chi assembla pezzi di legno per produrre una sedia, non usa le proprie capacita', ma impartisce ordini ad una macchina costruita apposta per XXXXre, levigare, unire, avvitare...Quindi la tua obiezione e' estremamente capziosa e fuori luogo.E' come per il ghiaccio: che capacita' usa chi si produce il ghiaccio in casa? Si e' comprato uno strumento (frigorifero) e ci ha messo dentro l'acqua.
            Riguardo le sedie, fattele. Ci sono già le
            stampanti 3d, comprati una stampante, comprati
            tutto il materiale che ti serve per stamparle,
            fatti il tuo bel disegno cad e fattela. Se la faccio nel modo in cui hai descritto, sono un ladro?E allora perche' se compro tutto il materiale che mi serve per riprodurre un brano musicale, mi danno del ladro?
            Io magari
            preferirò andarmela a comprare a 20 euro
            all'ikea, tu fattela pure così almeno inizi a
            capire il lavoro che c'è dietro ogni prodotto,
            fisico o digitale che sia.E quando ho capito il lavoro che c'e' dietro ogni prodotto?Dovrebbe essere questa comprensione ad obbligarmi moralmente a dare soldi al progettista per l'eternita' per qualcosa che lui ha disegnato UNA VOLTA senza neppure che glielo commissionassi io?
            Io l'ho detto e lo ripeto: ho letto i discorsi e
            chi sostiene lo "scaricamento libero" continua
            costantemente a peccare di incoerenza, più fate
            esempi e più ci contraddicete.Tu mi metti in bocca lo "scaricamento libero", ma io sostengo la liberta' della cultura e della conoscenza.Lo scaricamento libero e' solo una infinitesima conseguenza di un principio molto ma molto piu' esteso.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            Nel tuo ragionamento manca un po' di onestà intellettuale, invece del ghiaccio facciamo un altro esempio: io spendo 1 miliardo di euro in laboratori, prove con materiali che poi saranno da buttare, ore pagate a ricercatori e operai e scopro che drogare il silicio in un certo modo permette di costruire chip migliori, quindi alla fine ho ottenuto "solo" conoscenza come dici tu.Ora non ritieni giusto che chi ha speso 1 miliardo di euro non rientri delle spese? Poi che il sistema dei brevetti e del copyright sia stato portato all'ecXXXXX è un altro discorso, qui si sta parlando di "giusta" retribuzione dell'opera di ingegno.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            Nel tuo ragionamento manca un po' di onestà
            intellettuale, invece del ghiaccio facciamo un
            altro esempio: io spendo 1 miliardo di euro in
            laboratori, prove con materiali che poi saranno
            da buttare, ore pagate a ricercatori e operai e
            scopro che drogare il silicio in un certo modo
            permette di costruire chip migliori, quindi alla
            fine ho ottenuto "solo" conoscenza come dici
            tu.
            Ora non ritieni giusto che chi ha speso 1
            miliardo di euro non rientri delle spese? Poi che
            il sistema dei brevetti e del copyright sia stato
            portato all'ecXXXXX è un altro discorso, qui si
            sta parlando di "giusta" retribuzione dell'opera
            di ingegno.E chi decide quant'e' il "giusto" ?? E' sempre li' il problema; allora torniamo al comunismo duro con i prezzi dei beni imposti dallo stato :D
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            Come al solito un po' di onesta non guasta: stabilire il giusto non è facile, sicuramente 0 (leggi zero) non è giusto, così come un diritto perpetuo è ugualmente sbagliato.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            Come al solito un po' di onesta non guasta:
            stabilire il giusto non è facile, sicuramente 0
            (leggi zero) non è giusto, così come un diritto
            perpetuo è ugualmente
            sbagliato.Zero si avvicina al giusto molto di piu' di infinito.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            Troppo comodo, mi sa troppo di giustificazione per un comportamento scorretto.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            Come al solito un po' di onesta non guasta:
            stabilire il giusto non è facile, sicuramente 0
            (leggi zero) non è giusto, così come un diritto
            perpetuo è ugualmente sbagliato.Ok, benissimo, attendo che dall'altra parte ci sia un po' di onesta'; io tra rootkit, blocchi regionali, imposizioni varie sono stato fin troppo paziente.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            Vedi risposta sopra: troppo comodo, se ti ritrovi un rootkit installato chi è responsabile deve pagare, ma non ci si può far giustizia da soli, se vogliamo PROVARE a vivere in una società civile.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            Vedi risposta sopra: troppo comodo, se ti ritrovi
            un rootkit installato chi è responsabile deve
            pagare, ma non ci si può far giustizia da soli,
            se vogliamo PROVARE a vivere in una società
            civile.Io non voglio fare nessuna giustizia da solo, mica sto andando a picchiare il dirtettore generale di sony, semplicemente sto attendendo che mi sia dimostrata onesta' e trasparenza, non comprero' finche' dall'altra parte non avro' delle condizioni che ritengo accettabili compresi rimborsi e scuse per rootkit e nessun problema di blocchi regionali.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            Non comprare è un tuo diritto sacrosanto, scaricare di tutto e di più perchè ritieni i prezzi ingiusti no.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            Non comprare è un tuo diritto sacrosanto,
            scaricare di tutto e di più perchè ritieni i
            prezzi ingiusti no.Infatti, chi ti dice che io scarichi ? Pensa che sono cosi' appassionato di cinema casalingo che manco ho una tv (rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            Non comprare è un tuo diritto sacrosanto,
            scaricare di tutto e di più perchè ritieni i
            prezzi ingiusti
            no.Per te che cosa cambia?Per la sony che cosa cambia?
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            soggetto 1: autore dell'opera di ingegnoha perso il proprio tempo, le proprie risorse impiegate e regalato il suo talento sfruttato da altri senza avere neanche un graziesoggetto 2: intermediarisiamo d'accordo che il loro apporto è molto ridotto e in alcuni casi dannososoggetto 3: utentese la copia abusiva è eccessiva l'autore non più ripagato dagli sforzi fatti, anche se bravo, andrà a fare altro e l'utente anche disposto a pagare non potrà più usufruire delle sue opere
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            soggetto 1: autore dell'opera di ingegno
            ha perso il proprio tempo, le proprie risorse
            impiegate e regalato il suo talento sfruttato da
            altri senza avere neanche un
            grazieSbagliato. Non ha perso proprio niente: ha fatto qualcosa che gli piaceva fare.Tu hai un hobby?Ci hai dedicato almeno un paio d'ore ultimamente?Possiamo parlare di tempo perso?
            soggetto 3: utente
            se la copia abusiva è eccessiva l'autore non più
            ripagato dagli sforzi fatti, anche se bravo,
            andrà a fare altro e l'utente anche disposto a
            pagare non potrà più usufruire delle sue
            opereSe l'utente e' disposto a pagare quanto basta all'artista per riprendere a crearne altre, l'artista torna.Se l'utente non e' disposto a pagare, vuol dire che tutto sommato quell'artista non piace e quindi vada pure a fare altro.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: quasi anonimo

            soggetto 1: autore dell'opera di ingegno

            ha perso il proprio tempo, le proprie risorse

            impiegate e regalato il suo talento sfruttato da

            altri senza avere neanche un

            grazie

            Sbagliato.
            Non ha perso proprio niente: ha fatto qualcosa
            che gli piaceva
            fare.
            Tu hai un hobby?
            Ci hai dedicato almeno un paio d'ore ultimamente?
            Possiamo parlare di tempo perso?Il lavoro, a differenza di un hobby, è quello che garantisce il sostentamento proprio e della propria famiglia/nucleo familiare, non significa che se per lavoro faccio una cosa che mi piace e in cui sono bravo non debba essere pagato.

            soggetto 3: utente

            se la copia abusiva è eccessiva l'autore non più

            ripagato dagli sforzi fatti, anche se bravo,

            andrà a fare altro e l'utente anche disposto a

            pagare non potrà più usufruire delle sue

            opere

            Se l'utente e' disposto a pagare quanto basta
            all'artista per riprendere a crearne altre,
            l'artista torna.
            Se l'utente non e' disposto a pagare, vuol dire
            che tutto sommato quell'artista non piace e
            quindi vada pure a fare altro.Se quasi tutti scaricano gratis, anche chi lo fa vorrà farlo in misura tendente a zero e portando il ragionamento agli estremi l'autore dirà "perchè devo regalare il mio lavoro?"Non è vero che gli utenti non pagano i creatori di opere dell'ingegno perchè non piacciono, dato che i prodotti software/canzoni più scaricati illegalmente sono quelli che piacciono di più.E' un fatto di comodità irrispettosa verso il lavoro altrui: se posso avere una cosa gratis perchè pagarla?Fermo restando che se i prezzi fissati sono troppo alti nessuno mi obbliga a comprare.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            Il lavoro, a differenza di un hobby, è quello che
            garantisce il sostentamento proprio e della
            propria famiglia/nucleo familiare, non significa
            che se per lavoro faccio una cosa che mi piace e
            in cui sono bravo non debba essere
            pagato.Se il lavoro serve a garantire il sostentamento, e tu con quella attivita' non riesci a garantirlo, cambia mestiere.Se invece riesci col tuo hobby a garantirti un sostentamento, buon per te.
            Se quasi tutti scaricano gratis, anche chi lo fa
            vorrà farlo in misura tendente a zero e portando
            il ragionamento agli estremi l'autore dirà
            "perchè devo regalare il mio
            lavoro?"Se quasi tutti scaricano gratis, anche l'autore sara' in grado di diffondere le sue copie gratis, aggiungendoci magari qualcosa in piu' che le copie non hanno, invogliando in questo modo i suoi sostenitori a preferire la copia firmata dall'autore che quella scaricata dal mulo.
            Non è vero che gli utenti non pagano i creatori
            di opere dell'ingegno perchè non piacciono, dato
            che i prodotti software/canzoni più scaricati
            illegalmente sono quelli che piacciono di
            più.E dimmi: quanti di questi artisti che piacciono di piu' sono morti di fame ultimamente?Io avrei un lungo elenco di artisti morti per ecXXXXX di ricchezza, ma di fame non ne ho neanche uno.Eppure, come dici tu, e' tutta gente le cui opere vengono scaricate.Ma si arricchiscono troppo ugualmente.Mah...
            E' un fatto di comodità irrispettosa verso il
            lavoro altrui: se posso avere una cosa gratis
            perchè pagarla?Forse e' il lavoro altrui ad essere irrispettoso di me, che pretende di essere pagato quando io posso non farlo.
            Fermo restando che se i prezzi fissati sono
            troppo alti nessuno mi obbliga a
            comprare.Esatto.Ma il non comprare quella cosa da quel venditore non deve significare privarmi di quella cosa, ma io devo potermela procurare altrove.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Se quasi tutti scaricano gratis, anche chi
            lo
            fa

            vorrà farlo in misura tendente a zero e
            portando

            il ragionamento agli estremi l'autore dirà

            "perchè devo regalare il mio

            lavoro?"

            Se quasi tutti scaricano gratis, anche l'autore
            sara' in grado di diffondere le sue copie gratis,
            aggiungendoci magari qualcosa in piu' che le
            copie non hanno, invogliando in questo modo i
            suoi sostenitori a preferire la copia firmata
            dall'autore che quella scaricata dal
            mulo.
            dipende da che valore viene assegnato a quel qualcosa "in più" da parte degli utenti. Il problema è che spesso l'"in più" non reca un ritorno economico tale da giustificare lo sbattimento per fare, professionalmente, la base e l'"in più".
            E dimmi: quanti di questi artisti che piacciono
            di piu' sono morti di fame
            ultimamente?
            Io avrei un lungo elenco di artisti morti per
            ecXXXXX di ricchezza, ma di fame non ne ho
            neanche
            uno.George Melies ?
            Eppure, come dici tu, e' tutta gente le cui opere
            vengono
            scaricate.
            Ma si arricchiscono troppo ugualmente.
            Mah...
            Ovvio, se vengono scaricati vuol dire che c'è voglia di sentirli. E le major invece di puntare sui gruppi di jamedo puntano a creare tanto "in più" come il vibratore con la firma di lady gaga... Se tutti vogliono birra e non vino non stupirti che nessuno metta in vendita il vino.
            Forse e' il lavoro altrui ad essere irrispettoso
            di me, che pretende di essere pagato quando io
            posso non
            farlo.
            Se uno ti commissiona il lavoro e ti dicesse: "però non posso pagartelo" cosa faresti ?
            Esatto.
            Ma il non comprare quella cosa da quel venditore
            non deve significare privarmi di quella cosa, ma
            io devo potermela procurare
            altrove.Gennarino o'manolesta ?
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            dipende da che valore viene assegnato a quel
            qualcosa "in più" da parte degli utenti. Il
            problema è che spesso l'"in più" non reca un
            ritorno economico tale da giustificare lo
            sbattimento per fare, professionalmente, la base
            e l'"in più".L'in piu' e' lo spettacolo dal vivo, e' il libro autografato, e' la foto con dedica... che ne so?Se non vale niente, allora non vale niente neppure tutto il resto.Se non restituisce il ritorno economico, allora non vale niente lo stesso.Il punto e': questo ipotetico autore e' apprezzato o no?E se e' apprezzato, come lo manifestano l'apprezzamento le persone?Rigiriamo la domanda: c'e' un numero sufficiente di persone che apprezzano l'autore tale da garantirgli un indotto soddisfacente?Se c'e', di che cosa stiamo discutendo?E se non c'e', di che cosa stiamo discutendo?

            E dimmi: quanti di questi artisti che
            piacciono

            di piu' sono morti di fame

            ultimamente?

            Io avrei un lungo elenco di artisti morti per

            ecXXXXX di ricchezza, ma di fame non ne ho

            neanche

            uno.

            George Melies ?George Melies e' morto di fame?Comunque e' morto nel 1938.Poi c'e' stata una guerra.Dopodiche' non e' morto di fame piu' nessuno.

            Eppure, come dici tu, e' tutta gente le cui
            opere

            vengono

            scaricate.

            Ma si arricchiscono troppo ugualmente.

            Mah...


            Ovvio, se vengono scaricati vuol dire che c'è
            voglia di sentirli.E se c'e' voglia di sentirli c'e' anche voglia di andarli a vedere dal vivo.
            E le major invece di puntare
            sui gruppi di jamedo puntano a creare tanto "in
            più" come il vibratore con la firma di lady
            gaga... E le major invece che di fame, moriranno di indigestione.
            Se tutti vogliono birra e non vino non
            stupirti che nessuno metta in vendita il
            vino.Non mi stupisco. Ma neppure accetto il pianto di chi produce vino.

            Forse e' il lavoro altrui ad essere
            irrispettoso

            di me, che pretende di essere pagato quando
            io

            posso non

            farlo.



            Se uno ti commissiona il lavoro e ti dicesse:
            "però non posso pagartelo" cosa faresti ?Non faccio il lavoro.E se non mi saldasse il conto alla fine, mi porterei via il lavoro.Il mio lavoro non viene mica consegnato su un dischetto con dentro setup.exe e poi avanti avanti avanti installa, sai?

            Esatto.

            Ma il non comprare quella cosa da quel
            venditore

            non deve significare privarmi di quella
            cosa,
            ma

            io devo potermela procurare

            altrove.

            Gennarino o'manolesta ?Io non ho mai tolto niente a nessuno.Questro Gennarino non lo conosco.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Se non vale niente, allora non vale niente
            neppure tutto il
            resto.di un cantante apprezzi le canzoni o la copertina del CD ?
            Il punto e': questo ipotetico autore e'
            apprezzato o
            no?se un autore viene scaricato da tutti è apprezzato o no ?
            E se e' apprezzato, come lo manifestano
            l'apprezzamento le
            persone?
            comprando i suoi CD magari ?
            Rigiriamo la domanda: c'e' un numero sufficiente
            di persone che apprezzano l'autore tale da
            garantirgli un indotto
            soddisfacente?dipende da quanto le persone sono pronte a pagare.

            George Melies ?

            George Melies e' morto di fame?
            Comunque e' morto nel 1938.
            Poi c'e' stata una guerra.
            Dopodiche' non e' morto di fame piu' nessuno.
            aggiungi anche il CR e la lotta alla pirateria.

            Ovvio, se vengono scaricati vuol dire che c'è

            voglia di sentirli.

            E se c'e' voglia di sentirli c'e' anche voglia di
            andarli a vedere dal
            vivo.
            la voglia può esserci, possono non esserci i soldi per andarli ad ascoltare. Il costo di uno spettacolo dal vivo potrebbe non limitarsi solo al biglietto d'ingresso.
            E le major invece che di fame, moriranno di
            indigestione.


            Se tutti vogliono birra e non vino non

            stupirti che nessuno metta in vendita il

            vino.

            Non mi stupisco. Ma neppure accetto il pianto di
            chi produce
            vino.
            allora non stupirti se la gente cerca di scaricare lady gaga e considera degli sfigati quelli di jamedo.

            Non faccio il lavoro.
            E se non mi saldasse il conto alla fine, mi
            porterei via il
            lavoro.
            Il mio lavoro non viene mica consegnato su un
            dischetto con dentro setup.exe e poi avanti
            avanti avanti installa,
            sai?
            hai appena giustificato i DRM, ovvero la possibilità per te di impedire che la gente ti commissioni il software, te lo copi e non ti paghi per il lavoro svolto.
          • 1 qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Non faccio il lavoro.

            E se non mi saldasse il conto alla fine, mi

            porterei via il

            lavoro.

            Il mio lavoro non viene mica consegnato su un

            dischetto con dentro setup.exe e poi avanti

            avanti avanti installa,

            sai?



            hai appena giustificato i DRM, ovvero la
            possibilità per te di impedire che la gente ti
            commissioni il software, te lo copi e non ti
            paghi per il lavoro
            svolto.Ma almeno hai letto? Praticamente non gli consegna il programma, se non viene pagato. E tu non puoi copiarlo prima che te l'abbia consegnato.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: 1 qualsiasi


            Non faccio il lavoro.


            E se non mi saldasse il conto alla
            fine,
            mi


            porterei via il


            lavoro.


            Il mio lavoro non viene mica consegnato
            su
            un


            dischetto con dentro setup.exe e poi
            avanti


            avanti avanti installa,


            sai?






            hai appena giustificato i DRM, ovvero la

            possibilità per te di impedire che la gente
            ti

            commissioni il software, te lo copi e non ti

            paghi per il lavoro

            svolto.

            Ma almeno hai letto? Praticamente non gli
            consegna il programma, se non viene pagato. E tu
            non puoi copiarlo prima che te l'abbia
            consegnato.ovvero che usa sistemi per evitare che la gente prenda il suo lavoro prima di pagarlo. Ma se fosse un vero programmatore coerente con le sue idee prima lo rilascerebbe su sourceforge e poi passerebbe a ritirarlo. D'altronde ha creato conoscenza ed è giusto che la condivida con il mondo. :)
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Se non vale niente, allora non vale niente

            neppure tutto il

            resto.

            di un cantante apprezzi le canzoni o la copertina
            del CD ?Di un cantante apprezzo le canzoni.Di un CD apprezzo la copertina.Mele con pere?

            Il punto e': questo ipotetico autore e'

            apprezzato o

            no?

            se un autore viene scaricato da tutti è
            apprezzato o no ?Lo scaricamento non e' indice di apprezzamento.Stasera per esempio mi scarichero' la prima serata di san remo, ma ti dico gia' fin d'ora che sara' una cagata pazzesca.

            E se e' apprezzato, come lo manifestano

            l'apprezzamento le

            persone?


            comprando i suoi CD magari ?Nessuno glielo vieta.

            Rigiriamo la domanda: c'e' un numero
            sufficiente

            di persone che apprezzano l'autore tale da

            garantirgli un indotto

            soddisfacente?

            dipende da quanto le persone sono pronte a pagare.Se non sono abbastanza, vuol dire che quell'artista non e' sufficientemente apprezzato.


            George Melies ?



            George Melies e' morto di fame?

            Comunque e' morto nel 1938.

            Poi c'e' stata una guerra.

            Dopodiche' non e' morto di fame piu' nessuno.


            aggiungi anche il CR e la lotta alla pirateria.Il CR e la lotta alla pirateria sono cose dell'ultimo decennio.Prima una copia home made costava di piu' e il fenomeno era limitato per una questione economica, non certo legale.


            Ovvio, se vengono scaricati vuol dire
            che
            c'è


            voglia di sentirli.



            E se c'e' voglia di sentirli c'e' anche
            voglia
            di

            andarli a vedere dal

            vivo.



            la voglia può esserci, possono non esserci i
            soldi per andarli ad ascoltare. Come non ci sono soldi per comprare gioielli e pellicce.Eppure secondo la stampa, nonostante la crisi, i beni di lusso vendono lo stesso.Se un prodotto non vende, la fabbrica chiude. Musica compresa.
            Il costo di uno
            spettacolo dal vivo potrebbe non limitarsi solo
            al biglietto d'ingresso.E allora?

            E le major invece che di fame, moriranno di

            indigestione.




            Se tutti vogliono birra e non vino non


            stupirti che nessuno metta in vendita il


            vino.



            Non mi stupisco. Ma neppure accetto il
            pianto
            di

            chi produce

            vino.


            allora non stupirti se la gente cerca di
            scaricare lady gaga e considera degli sfigati
            quelli di jamedo.Non mi stupisco mica.



            Non faccio il lavoro.

            E se non mi saldasse il conto alla fine, mi

            porterei via il

            lavoro.

            Il mio lavoro non viene mica consegnato su un

            dischetto con dentro setup.exe e poi avanti

            avanti avanti installa,

            sai?



            hai appena giustificato i DRM, ovvero la
            possibilità per te di impedire che la gente ti
            commissioni il software, te lo copi e non ti
            paghi per il lavoro svolto.Non mi mettere in bocca parole che non ho mai detto.Stai parlando di un lavoro commissionato e non pagato.Finche' non vengo pagato io non consegno.Una volta pagato, cio' che ho consegnato e' tuo e facci quello che vuoi.Non c'e' nessun DRM.Il DRM delle major serve per impedire di disporre di quanto acquistato.Il "DRM" mio serve per impedire di disporre di quanto NON acquistato.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas

            se un autore viene scaricato da tutti è

            apprezzato o no ?
            Lo scaricamento non e' indice di apprezzamento.
            Stasera per esempio mi scarichero' la prima
            serata di san remo, ma ti dico gia' fin d'ora che
            sara' una cagata pazzesca.Ti diro' ho fatto un tentativo sul sito rai per vedere se lo danno ma....Pare non abbiano i diritti :D :D :D :D :D :D :D E pare anche che tutta la rete li abbia a parte loro, per primo il tubo(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: quasi anonimo


            Il lavoro, a differenza di un hobby, è quello che

            garantisce il sostentamento proprio e della

            propria famiglia/nucleo familiare, non significa

            che se per lavoro faccio una cosa che mi piace e

            in cui sono bravo non debba essere pagato.

            Se il lavoro serve a garantire il sostentamento,
            e tu con quella attivita' non riesci a
            garantirlo, cambia
            mestiere.
            Se invece riesci col tuo hobby a garantirti un
            sostentamento, buon per te.allora mettiamola così, tu lavori nell'IT e supponiamo che ti piaccia il tuo lavoro, quando mi fatturi il lavoro svolto ti dico: "fai il lavoro che ti piace? accontentati che io non ti pago, magari vai a fare il meccanico e lavora gratis per me per hobby"
            Se quasi tutti scaricano gratis, anche l'autore
            sara' in grado di diffondere le sue copie gratis,
            aggiungendoci magari qualcosa in piu' che le
            copie non hanno, invogliando in questo modo i
            suoi sostenitori a preferire la copia firmata
            dall'autore che quella scaricata dal mulo.cosa deve aggiungerci se il prodotto va già bene, una foto con le braghe abbassate?
            E dimmi: quanti di questi artisti che piacciono
            di piu' sono morti di fame ultimamente?
            Io avrei un lungo elenco di artisti morti per
            ecXXXXX di ricchezza, ma di fame non ne ho
            neanche uno.
            Eppure, come dici tu, e' tutta gente le cui opere
            vengono scaricate.
            Ma si arricchiscono troppo ugualmente.
            Mah...su questo hai ragione, perchè ci sono gli "stupidi" che comunque pagano mentre chi scarica abusivo "viaggia gratis" a spese degli altri...

            E' un fatto di comodità irrispettosa verso il

            lavoro altrui: se posso avere una cosa gratis

            perchè pagarla?

            Forse e' il lavoro altrui ad essere irrispettoso
            di me, che pretende di essere pagato quando io
            posso non farlo.qui se intendevi "quando io non posso farlo" posso essere d'accordo, se invece intendevi proprio "quando io posso non farlo" allora i furbi non mi piacciono

            Fermo restando che se i prezzi fissati sono

            troppo alti nessuno mi obbliga a

            comprare.

            Esatto.
            Ma il non comprare quella cosa da quel venditore
            non deve significare privarmi di quella cosa, ma
            io devo potermela procurare altrove.se parliamo di aria, acqua, cibo, cure mediche ok, ma qui parliamo di altro, quindi paga o rinuncia.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo

            allora mettiamola così, tu lavori nell'IT e
            supponiamo che ti piaccia il tuo lavoro, quando
            mi fatturi il lavoro svolto ti dico: "fai il
            lavoro che ti piace? accontentati che io non ti
            pago, Ma in tal caso io non farei quello che mi chiedi tu: farei quello che mi diverte e magari a te non serve, o peggio, per te e' controproducente.
            magari vai a fare il meccanico e lavora
            gratis per me per hobby"Se trovassi qualcuno che mi mette a disposizione la sua sala macchine per farci quello che piu' mi piace, ci andrei di corsa, tutte le sere.L'ho fatto anni fa! Tutti i fine settimana andavo in un posto e passavo il fine settimana in una sala macchine con tutti i server a disposizione per farci quello che piu' mi piaceva.Incidentalmente quello che facevo piaceva pure al padrone della sala macchine, ma io avevo totale liberta': mi diceva "Inventa!"E io l'ho fatto praticamente gratis: mi passava solo i pasti nei giorni che stavo da lui, e avevo una branda in sala macchine.Che bei tempi!

            Se quasi tutti scaricano gratis, anche
            l'autore

            sara' in grado di diffondere le sue copie
            gratis,

            aggiungendoci magari qualcosa in piu' che le

            copie non hanno, invogliando in questo modo i

            suoi sostenitori a preferire la copia firmata

            dall'autore che quella scaricata dal mulo.

            cosa deve aggiungerci se il prodotto va già bene,
            una foto con le braghe abbassate?Il prodotto e' sempre migliorabile, subentrano nuove esigenze, magari cambiano delle normative e bisogna adeguare il programma...Non scrivo mica il solitario, io!

            E dimmi: quanti di questi artisti che
            piacciono

            di piu' sono morti di fame ultimamente?

            Io avrei un lungo elenco di artisti morti per

            ecXXXXX di ricchezza, ma di fame non ne ho

            neanche uno.

            Eppure, come dici tu, e' tutta gente le cui
            opere

            vengono scaricate.

            Ma si arricchiscono troppo ugualmente.

            Mah...

            su questo hai ragione, perchè ci sono gli
            "stupidi" che comunque pagano mentre chi scarica
            abusivo "viaggia gratis" a spese degli
            altri...Stai dando dello stupido a chi manifesta l'apprezzamento per l'artista?Poi chiediti perche' la gente smette di manifestare l'apprezzamento e scarica e basta.


            E' un fatto di comodità irrispettosa
            verso
            il


            lavoro altrui: se posso avere una cosa
            gratis


            perchè pagarla?



            Forse e' il lavoro altrui ad essere
            irrispettoso

            di me, che pretende di essere pagato quando
            io

            posso non farlo.

            qui se intendevi "quando io non posso farlo"
            posso essere d'accordo, se invece intendevi
            proprio "quando io posso non farlo" allora i
            furbi non mi piaccionoE pazienza: io mica ambisco a piacere a tutti.Tu invece insisti col pretendere di impedire la pioggia per legge.La tecnologia permette le copie a costo zero, e quindi piove!Ieri le copie costavano, e quindi non pioveva.Se non ci fosse questa assurda legge, tu non avresti motivo di darmi del "furbo", ma questa legge e' stata fatta per impedire di piovere, e quindi e' una legge scema.


            Fermo restando che se i prezzi fissati
            sono


            troppo alti nessuno mi obbliga a


            comprare.



            Esatto.

            Ma il non comprare quella cosa da quel
            venditore

            non deve significare privarmi di quella
            cosa,
            ma

            io devo potermela procurare altrove.

            se parliamo di aria, acqua, cibo, cure mediche
            ok, ma qui parliamo di altro, quindi paga o
            rinuncia.Parliamo di cose IMMATERIALI, che si possono procurare senza togliere niente a nessuno.Quindi non devo essere io a scegliere tra paga o rinuncia, ma tu a scegliere tra regala o rinuncia.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            L'ho fatto anni fa! Tutti i fine settimana andavo
            in un posto e passavo il fine settimana in una
            sala macchine con tutti i server a disposizione
            per farci quello che piu' mi piaceva.
            Incidentalmente quello che facevo piaceva pure al
            padrone della sala macchine, ma io avevo totale
            liberta': mi diceva "Inventa!"
            E io l'ho fatto praticamente gratis: mi passava
            solo i pasti nei giorni che stavo da lui, e avevo
            una branda in sala macchine.ok per l'hobby, ma io ti stavo chiedendo per il sostentamento, mi sembra che svicoli il discorso
            Il prodotto e' sempre migliorabile, subentrano
            nuove esigenze, magari cambiano delle normative e
            bisogna adeguare il programma...per quanto riguarda le canzoni che citavi prima, invece?
            Stai dando dello stupido a chi manifesta
            l'apprezzamento per l'artista?
            Poi chiediti perche' la gente smette di
            manifestare l'apprezzamento e scarica e
            basta.gli "stupidi" sono tra virgolette e anche io rientro nella categoria degli "stupidi" che pagano
            Tu invece insisti col pretendere di impedire la
            pioggia per legge.
            La tecnologia permette le copie a costo zero, e
            quindi piove!
            Ieri le copie costavano, e quindi non pioveva.una problematica sensata, proposta a più riprese da Mantellini, a cui tu hai già risposto a modo tuo, con una soluzione che non condivido
            Se non ci fosse questa assurda legge, tu non
            avresti motivo di darmi del "furbo", ma questa
            legge e' stata fatta per impedire di piovere, e
            quindi e' una legge scema.secondo la tua visione
            Parliamo di cose IMMATERIALI, che si possono
            procurare senza togliere niente a nessuno.ok, ti sei dimenticato tutto quello detto prima, che per ottenere "conoscenza" possono essere necessarie moltissime risorse, quindi di fatto usufruisci delle risorse altrui per giungere a quella conoscenza.Secondo questa ottica allora anche la proprietà privata non ha senso, discutiamone, però ti ricordo che la nostra società attuale si basa anche su questo.
            Quindi non devo essere io a scegliere tra paga o
            rinuncia, ma tu a scegliere tra regala o rinuncia.come detto prima, hai trovato la tua soluzione, che non condivido, ad una problematica reale creatasi con le nuove tecnologie
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo

            L'ho fatto anni fa! Tutti i fine settimana
            andavo

            in un posto e passavo il fine settimana in
            una

            sala macchine con tutti i server a
            disposizione

            per farci quello che piu' mi piaceva.

            Incidentalmente quello che facevo piaceva
            pure
            al

            padrone della sala macchine, ma io avevo
            totale

            liberta': mi diceva "Inventa!"

            E io l'ho fatto praticamente gratis: mi
            passava

            solo i pasti nei giorni che stavo da lui, e
            avevo

            una branda in sala macchine.

            ok per l'hobby, ma io ti stavo chiedendo per il
            sostentamento, mi sembra che svicoli il
            discorsoTi ho raccontato un esempio vissuto.L'hobby lo si pratica quando il problema del sostentamento e' risolto.

            Il prodotto e' sempre migliorabile,
            subentrano

            nuove esigenze, magari cambiano delle
            normative
            e

            bisogna adeguare il programma...

            per quanto riguarda le canzoni che citavi prima,
            invece?Le canti dal vivo.Sei un cantante? Canta.Ti esibisci in un locale e fai la tua serata, alzi i tuoi 100 euro a serata e vivi molto meglio di chi deve scaricare pomodori per ore per un decimo di quella cifra.Si chiama LAVORARE! Concetto a te sconosciuto, a quanto pare.

            Stai dando dello stupido a chi manifesta

            l'apprezzamento per l'artista?

            Poi chiediti perche' la gente smette di

            manifestare l'apprezzamento e scarica e

            basta.

            gli "stupidi" sono tra virgolette e anche io
            rientro nella categoria degli "stupidi" che
            paganoTi senti stupido ad attribuire un valore al tuo cantante preferito?

            Tu invece insisti col pretendere di impedire
            la

            pioggia per legge.

            La tecnologia permette le copie a costo
            zero,
            e

            quindi piove!

            Ieri le copie costavano, e quindi non
            pioveva.

            una problematica sensata, proposta a più riprese
            da Mantellini, a cui tu hai già risposto a modo
            tuo, con una soluzione che non
            condividoIl mondo e' bello perche' e' vario.

            Se non ci fosse questa assurda legge, tu non

            avresti motivo di darmi del "furbo", ma
            questa

            legge e' stata fatta per impedire di
            piovere,
            e

            quindi e' una legge scema.

            secondo la tua visioneMia e di tanti altri.

            Parliamo di cose IMMATERIALI, che si possono

            procurare senza togliere niente a nessuno.

            ok, ti sei dimenticato tutto quello detto prima,
            che per ottenere "conoscenza" possono essere
            necessarie moltissime risorse, quindi di fatto
            usufruisci delle risorse altrui per giungere a
            quella conoscenza.Chiunque usufruisce di risorse e conoscenze pregresse per giungere al nuovo!
            Secondo questa ottica allora anche la proprietà
            privata non ha senso, discutiamone, però ti
            ricordo che la nostra società attuale si basa
            anche su
            questo.La proprieta' privata e' riferita a beni tangibili.E comunque la copia non toglie niente alla tua proprieta', al massimo aggiunge.

            Quindi non devo essere io a scegliere tra
            paga
            o

            rinuncia, ma tu a scegliere tra regala o
            rinuncia.

            come detto prima, hai trovato la tua soluzione,
            che non condivido, ad una problematica reale
            creatasi con le nuove tecnologieEd e' la soluzione che intendo propagare fino a quando una massa critica la condividera' e sara' possibile scrivere nuove regole del gioco.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Si chiama LAVORARE! Concetto a te sconosciuto, a quanto pare.in realtà faccio il tuo stesso lavoro, e cerco nonostante il mio stipendio non sia elevato, di pagare le opere di ingegno altrui che utilizzo compresi i software e le canzoni, se non posso non le utilizzo
            Ti senti stupido ad attribuire un valore al tuo
            cantante preferito?in confronto a te sono "stupido" (con le virgolette) perchè per fare la stessa cosa io pago e tu no
            Chiunque usufruisce di risorse e conoscenze pregresse per giungere al nuovo!questo è ovvio, ma noi stavamo parlando d'altro, ti prego di non tirare fuori di nuovo il venditore di ghiaccio
            La proprieta' privata e' riferita a beni tangibili.uff... mi sto stancando di fare il solito esempio di risorse private MATERIALI impiegate per giungere a nuova conoscenza
            E comunque la copia non toglie niente alla tua
            proprieta', al massimo aggiunge.secondo la tua visione sicuramente
            Ed e' la soluzione che intendo propagare fino a
            quando una massa critica la condividera' e sara'
            possibile scrivere nuove regole del gioco.è un tuo diritto
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo

            in confronto a te sono "stupido" (con le
            virgolette) perchè per fare la stessa cosa io
            pago e tu noMa tu paghi perche' te lo impongono, o paghi perche' ti fa piacere riconoscere quel valore all'opera?Oppure, se io venissi da te e ti facessi un favore, poi me lo offriresti un caffe'? Anche se non te lo chiedo? Minacciando di offenderti se non lo accetto?Perche' e' tutta qui la questione.Se ritieni di dover contraccambiare non sei "stupido".Lo sei se non ritieni di doverlo fare ma lo fai lo stesso per altri motivi, che ti fanno appunto sentire "stupido".

            La proprieta' privata e' riferita a beni
            tangibili.

            uff... mi sto stancando di fare il solito esempio
            di risorse private MATERIALI impiegate per
            giungere a nuova
            conoscenzaMa la nuova conoscenza che hai ottenuto e' infinitamente replicabile.Non e' una sedia!

            E comunque la copia non toglie niente alla
            tua

            proprieta', al massimo aggiunge.

            secondo la tua visione sicuramenteNon solo: se ci scambiamo due mele, abbiamo sempre una mela per ciascuno.Se ci scambiamo due idee, alla fine avremo entrambi una idea in piu'.La tua visione invece che cosa prevede?
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Ma tu paghi perche' te lo impongono, o paghi
            perche' ti fa piacere riconoscere quel valore
            all'opera?pago perchè voglio che chi ha prodotto quel lavoro, che apprezzo, continui a farlo, se nessuno paga l'autore non continua, mi sembra semplice
            Oppure, se io venissi da te e ti facessi un
            favore, poi me lo offriresti un caffe'? Anche se
            non te lo chiedo? Minacciando di offenderti se
            non lo accetto?lascia stare i favori e la carità che parliamo di altro
            Perche' e' tutta qui la questione.
            Se ritieni di dover contraccambiare non sei "stupido".
            Lo sei se non ritieni di doverlo fare ma lo fai
            lo stesso per altri motivi, che ti fanno appunto
            sentire "stupido".ti ho risposto sopra
            Ma la nuova conoscenza che hai ottenuto e'
            infinitamente replicabile.
            Non e' una sedia!allora io ho una mela e tu una mela, per giungere a nuova conoscenza io devo "sacrificare" la mia mela però alla fine, secondo la tua logica, la conoscenza è per tutti così io ho la conoscenza e basta e tu una mela e la conoscenza. ti sembra che il discorso fila? a me non tanto
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo

            Ma tu paghi perche' te lo impongono, o paghi

            perche' ti fa piacere riconoscere quel valore

            all'opera?

            pago perchè voglio che chi ha prodotto quel
            lavoro, che apprezzo, continui a farlo, se
            nessuno paga l'autore non continua, mi sembra
            sempliceSe non ci sono abbastanza persone che apprezzano quell'autore, dovrai rassegnarti all'idea che smettera' di produrre.Non puoi pensare di imporre alla gente di pagare un tributo se non apprezza.

            Oppure, se io venissi da te e ti facessi un

            favore, poi me lo offriresti un caffe'?
            Anche
            se

            non te lo chiedo? Minacciando di offenderti
            se

            non lo accetto?

            lascia stare i favori e la carità che parliamo di
            altroNo, non parliamo d'altro. Stiamo parlando di grandi numeri.Stiamo parlando di incassare migliaia di euro al mese, come attestati di apprezzamento da parte di migliaia di supporters.Se non hai una massa critica di pubblico che ti finanzia non puoi vivere di questo business.


            Ma la nuova conoscenza che hai ottenuto e'

            infinitamente replicabile.

            Non e' una sedia!

            allora io ho una mela e tu una mela, per giungere
            a nuova conoscenza io devo "sacrificare" la mia
            mela però alla fine, secondo la tua logica, la
            conoscenza è per tutti così io ho la conoscenza e
            basta e tu una mela e la conoscenza. ti sembra
            che il discorso fila? a me non
            tantoIn tal caso non mi dare la tua idea che ti e' costata una mela.Tieni l'idea per te e sfruttala in proprio.Cosi' io avro' una mela e tu una idea.Fermo restando che mentre la mia mela prima o poi scompare, perche' la mangio o perche' marcisce, la tua idea resta e nessuno te la potra' levare.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            pago perchè voglio che chi ha prodotto quel

            lavoro, che apprezzo, continui a farlo, se

            nessuno paga l'autore non continua, mi sembra

            semplice

            Se non ci sono abbastanza persone che apprezzano
            quell'autore, dovrai rassegnarti all'idea che
            smettera' di produrre.
            Non puoi pensare di imporre alla gente di pagare
            un tributo se non apprezza.Per onestà intellettuale l'ultima tua frase va modificata come segue:"Non puoi pensare di imporre alla gente di pagare un tributo anche se magari apprezza ma può fare a meno di pagare."Altrimenti significa che la gente scarica illegalmente le cose che non apprezza, e ciò è un controsenso.
            Se non hai una massa critica di pubblico che ti
            finanzia non puoi vivere di questo business.concordo, massa critica di pubblico che TI FINANZIA: 100000 apprezzano ma non pagano 1 paga, allora non si può vivere di questo business
            In tal caso non mi dare la tua idea che ti e'
            costata una mela.
            Tieni l'idea per te e sfruttala in proprio.
            Cosi' io avro' una mela e tu una idea.in questo modo però la conoscenza non circolerebbe affatto, nemmeno a pagamento, almeno quella che non è finalizzata a creazioni materiali realizzabili in proprioOgni posizione ha i suoi pro e i suoi contro e a mio personalissimo parere la tua idea applicata in maniera sistematica e di massa disincentiverebbe la ricerca privata.Probabilmente oggi, se non ci fosse stato il riconoscimento delle opere dell'ingegno e quindi anche la leva del profitto, saremmo poco più avanti dell'univac piuttosto che con proXXXXXri N-core miniaturizzati e ultra potenti.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo

            Per onestà intellettuale l'ultima tua frase va
            modificata come
            segue:
            "Non puoi pensare di imporre alla gente di pagare
            un tributo anche se magari apprezza ma può fare a
            meno di
            pagare."
            Altrimenti significa che la gente scarica
            illegalmente le cose che non apprezza, e ciò è un
            controsenso.Non e' un controsenso.Stasera mi scarichero' la serata di ieri di sanremo.Non lo apprezzo.Neanche la guardero' dopo averla scaricata.Ma fa parte della cultura del tempo ed e' necessario consrvarla e condividerla.Tanto lo spazio sul disco non manca.

            Se non hai una massa critica di pubblico che
            ti

            finanzia non puoi vivere di questo business.

            concordo, massa critica di pubblico che TI
            FINANZIA: 100000 apprezzano ma non pagano 1 paga,
            allora non si può vivere di questo
            businessFine.

            In tal caso non mi dare la tua idea che ti e'

            costata una mela.

            Tieni l'idea per te e sfruttala in proprio.

            Cosi' io avro' una mela e tu una idea.

            in questo modo però la conoscenza non
            circolerebbe affatto, nemmeno a pagamento, almeno
            quella che non è finalizzata a creazioni
            materiali realizzabili in proprioIn tal caso ti rivolgerai presso chi puo' essere interessato a realizzare la tua idea per vedere se c'e' l'opportunita' di una collaborazione.
            Ogni posizione ha i suoi pro e i suoi contro e a
            mio personalissimo parere la tua idea applicata
            in maniera sistematica e di massa
            disincentiverebbe la ricerca
            privata.La ricerca privata esiste da millenni.
            Probabilmente oggi, se non ci fosse stato il
            riconoscimento delle opere dell'ingegno e quindi
            anche la leva del profitto, saremmo poco più
            avanti dell'univac piuttosto che con proXXXXXri
            N-core miniaturizzati e ultra
            potenti.Sulla base di quali considerazioni trai queste conclusioni?Il brevetto del motore a scoppio e' scaduto da un pezzo, ma mi pare che le automobili abbiano ancora tutte un volante e 4 ruote, come 100 anni fa.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Non e' un controsenso.
            Stasera mi scarichero' la serata di ieri di
            sanremo.
            Non lo apprezzo.
            Neanche la guardero' dopo averla scaricata.
            Ma fa parte della cultura del tempo ed e'
            necessario consrvarla e
            condividerla.
            Tanto lo spazio sul disco non manca.quindi non scarichi illegalmente le canzoni che ti piacciono? bene
            In tal caso ti rivolgerai presso chi puo' essere
            interessato a realizzare la tua idea per vedere
            se c'e' l'opportunita' di una collaborazione.ma siccome nel tuo modello economico la conoscenza non è tutelata, appena gli spiego l'idea e realizza un prototipo, si mette a costruirla per i fatti suoi senza nemmeno dire grazie

            Ogni posizione ha i suoi pro e i suoi contro e

            a mio personalissimo parere la tua idea applicata

            in maniera sistematica e di massa

            disincentiverebbe la ricerca privata.

            La ricerca privata esiste da millenni.la ricerca che richiede enormi investimenti esiste da pochi secoli, e comunque il modello economico non è quello suggerito da te
            Sulla base di quali considerazioni trai queste
            conclusioni?
            Il brevetto del motore a scoppio e' scaduto da un
            pezzo, ma mi pare che le automobili abbiano
            ancora tutte un volante e 4 ruote, come 100 anni fa.appunto, all'inizio c'era il brevetto, quindi non conoscenza di dominio pubblico immediata, il nodo della questione è questo
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo

            ma siccome nel tuo modello economico la
            conoscenza non è tutelata, appena gli spiego
            l'idea e realizza un prototipo, si mette a
            costruirla per i fatti suoi senza nemmeno dire
            grazieCioe'?Tu hai una idea rivoluzionaria e non sei abbastanza intelligente da spiegarla ad un potenziale finanziatore senza omettere i particolari piu' rilevanti, per tutelarti?

            La ricerca privata esiste da millenni.

            la ricerca che richiede enormi investimenti
            esiste da pochi secoli, e comunque il modello
            economico non è quello suggerito da
            teOgni anno telethon raccoglie fondi per la ricerca.E mi pare che ci riesca.Prova a bussare a quella porta.

            Sulla base di quali considerazioni trai
            queste

            conclusioni?

            Il brevetto del motore a scoppio e' scaduto
            da
            un

            pezzo, ma mi pare che le automobili abbiano

            ancora tutte un volante e 4 ruote, come 100
            anni
            fa.

            appunto, all'inizio c'era il brevetto, quindi non
            conoscenza di dominio pubblico immediata, il nodo
            della questione è
            questoOggi c'e' libera conoscenza sull'auto eppure siamo ancora all'univac e non all'enterprise di star trek.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Cioe'?
            Tu hai una idea rivoluzionaria e non sei
            abbastanza intelligente da spiegarla ad un
            potenziale finanziatore senza omettere i
            particolari piu' rilevanti, per tutelarti?come fai a costruire un prototipo nascondendo l'idea?
            Ogni anno telethon raccoglie fondi per la ricerca.
            E mi pare che ci riesca.
            Prova a bussare a quella porta.telethon=
            30 milioni euro/annoricerca privata (intel/case farmaceutiche/robotica/difesa)=
            decine di miliardi di euro/anno
            Oggi c'e' libera conoscenza sull'auto eppure
            siamo ancora all'univac e non all'enterprise di star trek.no, non siamo all'univac, considera che oggi le utilitarie di serie hanno una notevole automazione (riconoscimento segnali stradali, frenata automatica, ecc) ben oltre l'univac. L'apollo XIII aveva un computer di bordo paragonabile ad un commodore 64, mentre oggi a casa abbiamo PC migliaia (per alcuni aspetti milioni) di volte più potenti.comunque, dopo i vari ragionamenti che mi hai fatto non hai risposto a questa domanda: le canzoni che ti piacciono le scarichi illegalmente o le paghi?
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo

            Cioe'?

            Tu hai una idea rivoluzionaria e non sei

            abbastanza intelligente da spiegarla ad un

            potenziale finanziatore senza omettere i

            particolari piu' rilevanti, per tutelarti?

            come fai a costruire un prototipo nascondendo
            l'idea?Magari lo tieni chiuso.
            comunque, dopo i vari ragionamenti che mi hai
            fatto non hai risposto a questa domanda: le
            canzoni che ti piacciono le scarichi illegalmente
            o le paghi?Non sono mica due alternative mutualmente esclusive quelle che mi proponi.E neppure esaustive di tutte le possibilita'.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Non sono mica due alternative mutualmente
            esclusive quelle che mi proponi.
            E neppure esaustive di tutte le possibilita'.quindi? le paghi o no? proporzione (ad esempio ogni 100 ne pago 1)?
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo

            Non sono mica due alternative mutualmente

            esclusive quelle che mi proponi.

            E neppure esaustive di tutte le possibilita'.

            quindi? le paghi o no? proporzione (ad esempio
            ogni 100 ne pago
            1)?E' una domanda poco precisa la tua.Che significa "le paghi"?Se lo ha pagato qualcun altro e mi ha regalato il dvd per natale, devo considerarlo pagato o no?Se lo ha scaricato qualcun altro e mi ha passato la chiavetta, devo considerarlo scaricato o no?Riformula la domanda in modo preciso e saro' lieto di provare a rispondere.Cosi' come l'hai posta, non e' chiara.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            E' una domanda poco precisa la tua.
            Che significa "le paghi"?

            Se lo ha pagato qualcun altro e mi ha regalato il
            dvd per natale, devo considerarlo pagato o no?si è pagato
            Se lo ha scaricato qualcun altro e mi ha passato
            la chiavetta, devo considerarlo scaricato o no?no, non è pagatoquindi? proporzioni tra ascoltato e pagato?
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo

            E' una domanda poco precisa la tua.

            Che significa "le paghi"?



            Se lo ha pagato qualcun altro e mi ha
            regalato
            il

            dvd per natale, devo considerarlo pagato o
            no?

            si è pagato


            Se lo ha scaricato qualcun altro e mi ha
            passato

            la chiavetta, devo considerarlo scaricato o
            no?

            no, non è pagato

            quindi? proporzioni tra ascoltato e pagato?In tal caso posso affermare che tutto quello che ascolto e' stato pagato da qualcuno.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            comunque, dopo i vari ragionamenti che mi hai
            fatto non hai risposto a questa domanda: le
            canzoni che ti piacciono le scarichi illegalmente
            o le
            paghi?Io, ad esempio, le scarico da youtube, quindi legalmente e senza pagarle.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            Nel tuo ragionamento manca un po' di onestà
            intellettuale, invece del ghiaccio facciamo un
            altro esempio: io spendo 1 miliardo di euro in
            laboratori, prove con materiali che poi saranno
            da buttare, ore pagate a ricercatori e operai e
            scopro che drogare il silicio in un certo modo
            permette di costruire chip migliori, quindi alla
            fine ho ottenuto "solo" conoscenza come dici
            tu.
            Ora non ritieni giusto che chi ha speso 1
            miliardo di euro non rientri delle spese? Poi che
            il sistema dei brevetti e del copyright sia stato
            portato all'ecXXXXX è un altro discorso, qui si
            sta parlando di "giusta" retribuzione dell'opera
            di
            ingegno.La ricerca produce conoscenza.La conoscenza deve essere pubblica.Quindi sono gli stati a finanziare la ricerca, esattamente come gestiscono strade, ospedali, scuole e altri servizi.Vuoi fare ricerca privatamente?Fallo pure, ma sappi che i risultati della tua ricerca saranno pubblici.Tutto quello che puoi fare e' tenerli per te e sfruttarli producendo qualcosa prima degli altri.Come stanno facendo questi signori qua:http://bologna.repubblica.it/cronaca/2011/01/14/news/fusione_nucleare_a_freddo_a_bologna_ci_siamo_riusciti-11237521/Se la loro scoperta e' vera, produrranno il loro motore, lo venderanno in tutto il mondo, rientreranno ampiamente delle spese sostenute, e poi, una volta che il motore sara' in giro, chiunque potra' smontarlo, vedere come e' fatto, e rifarlo uguale.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            riporto una parte dell'articolo da te linkato, che è in contrasto con la tua tesi![quote]Il prototipo, già coperto da brevetto di proprietà di Maddalena Pascucci, moglie di Rossi, è ora pronto per la produzione industriale e la commercializzazione. "Sarà il prossimo passo", dice Rossi. I fisici obiettano: "Dovremmo poter riprodurre l'esperimento in un nostro laboratorio, ma c'è il segreto industriale sul proXXXXX". [/quote]
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            riporto una parte dell'articolo da te linkato,
            che è in contrasto con la tua
            tesi!
            [quote]
            Il prototipo, già coperto da brevetto di
            proprietà di Maddalena Pascucci, moglie di Rossi,
            è ora pronto per la produzione industriale e la
            commercializzazione. "Sarà il prossimo passo",
            dice Rossi. I fisici obiettano: "Dovremmo poter
            riprodurre l'esperimento in un nostro
            laboratorio, ma c'è il segreto industriale sul
            proXXXXX".

            [/quote]Nessuna contraddizione.L'inventore tiene segreta la sua scoperta (il segreto industriale e' un di piu') e intende avvantaggiarsi nella commercializzazione.I fisici, ai quali non frega niente della commercializzazione ma sono solo interessati a capire come funziona, aspettano.Quando il motore sara' in commercio, ne compreranno uno, lo smonteranno, guarderanno come e' fatto, e, in un mondo senza brevetti, ne produrranno uno nuovo, magari piu' efficiente e piu' economico.Ma intanto l'inventore si sara' gia' abbondantemente rifatto delle spese con la prima commercializzazione.
          • quasi anonimo scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            beh allora siamo d'accordo che copyright e brevetti, non abusati, siano una cosa giusta, era solo un problema di incomprensione tra noi.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: quasi anonimo
            beh allora siamo d'accordo che copyright e
            brevetti, non abusati, siano una cosa giusta, era
            solo un problema di incomprensione tra
            noi.Mi saro' spiegato male io, ma e' da sempre che io predico questa linea.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Rovesciato

            Io non impongo proprio niente.

            E invece si. Tu imponi che il software come
            qualsiasi altro bene digitale debba essere
            venduto come pare a te.No. Si aspeta solo che qualsiasi bene (digitale o materiale) debba essere venduto secondo le leggi di mercato, vale a dire secondo le leggi della domanda e dell'offerta. E tali leggi stabiliscono che se l'offerta tende a infinito, il prezzo tende a zero.
            Hai citato diverse volte la storia dei venditori
            di ghiaccio ma non ti attieni ai suoi
            insegnamenti: nulla vietava ai venditori di
            ghiaccio di continuare a produrre ghiaccio e
            farselo pagare a peso d'oro, se non c'era
            richiesta affari loro giusto? alla gente non
            interessava più la loro merce Ok: e ora chiediti: chi vende, che merce sta vendendo? Vende l'originale, o vende delle copie?Perchè hanno lavorato solo per produrre l'originale, non per produrre le copie: e le copie se le può produrre chiunque.
            perchè poteva
            farsela da sola con le proprie materie prime. Ma
            quando copi un software, una musica, un film...
            non hai fatto niente da te, non hai usato le tua
            capacitàNeanche il venditore: anche il venditore ha solo fatto una copia. E l'autore... è vero, lui ha usato le sue capacità, ma chissà quando: magari l'ha fatto anni prima. E quasi certamente è già stato pagato, quindi non merita di essere pagato ancora.
            Riguardo le sedie, fattele. Ci sono già le
            stampanti 3d, comprati una stampante, comprati
            tutto il materiale che ti serve per stamparle,
            fatti il tuo bel disegno cad e fattela.E se invece se lo scarica, il disegno cad?
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            No. Si aspeta solo che qualsiasi bene (digitale o
            materiale) debba essere venduto secondo le leggi
            di mercato, vale a dire secondo le leggi della
            domanda e dell'offerta. E tali leggi stabiliscono
            che se l'offerta tende a infinito, il prezzo
            tende a
            zero.
            Su quali testi avete studiato economia, così per curiosità ? Penso che l'autore meriti, senza alcun dubbio, l' <b
            ignobel </b
            .
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            No. Si aspeta solo che qualsiasi bene
            (digitale
            o

            materiale) debba essere venduto secondo le
            leggi

            di mercato, vale a dire secondo le leggi
            della

            domanda e dell'offerta. E tali leggi
            stabiliscono

            che se l'offerta tende a infinito, il prezzo

            tende a

            zero.



            Su quali testi avete studiato economia, così per
            curiosità ? Penso che l'autore meriti, senza
            alcun dubbio, l' <b
            ignobel </b

            .Tu quanto lo pagheresti un cubetto di ghiaccio, cosi' per sapere...
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Tu quanto lo pagheresti un cubetto di ghiaccio,
            cosi' per
            sapere...Il ghiaccio non ha un valore assoluto.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Tu quanto lo pagheresti un cubetto di
            ghiaccio,

            cosi' per

            sapere...

            Il ghiaccio non ha un valore assoluto.Fa niente. Facciamo una stima a spanne.Tra una bibita fresca, senza ghiaccio e una bibita fresca con dentro del ghiaccio, quale differenza di prezzo riterresti accettabile?
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas


            Tu quanto lo pagheresti un cubetto di

            ghiaccio,


            cosi' per


            sapere...



            Il ghiaccio non ha un valore assoluto.

            Fa niente. Facciamo una stima a spanne.
            Tra una bibita fresca, senza ghiaccio e una
            bibita fresca con dentro del ghiaccio, quale
            differenza di prezzo riterresti
            accettabile? diciamo 0.05 euro, tanto per dire una cifra.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 febbraio 2012 12.26-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: shevathas



            Tu quanto lo pagheresti un cubetto
            di


            ghiaccio,



            cosi' per



            sapere...





            Il ghiaccio non ha un valore assoluto.



            Fa niente. Facciamo una stima a spanne.

            Tra una bibita fresca, senza ghiaccio e una

            bibita fresca con dentro del ghiaccio, quale

            differenza di prezzo riterresti

            accettabile?

            diciamo 0.05 euro, tanto per dire una cifra.Benissimo. Hai quantificato il valore del ghiaccio per quanto ti riguarda.Accetti che invece per me anche 5 centesimi sia una esagerazione e preferisco ordinare una bibita senza ghiaccio e poi metterci il ghiaccio che mi sono portato da casa?
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Benissimo. Hai quantificato il valore del
            ghiaccio per quanto ti
            riguarda.

            Accetti che invece per me anche 5 centesimi sia
            una esagerazione e preferisco ordinare una bibita
            senza ghiaccio e poi metterci il ghiaccio che mi
            sono portato da
            casa?basta che paghi la bibita, poi puoi metterci dentro tutto quello che ti pare.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Benissimo. Hai quantificato il valore del

            ghiaccio per quanto ti

            riguarda.



            Accetti che invece per me anche 5 centesimi
            sia

            una esagerazione e preferisco ordinare una
            bibita

            senza ghiaccio e poi metterci il ghiaccio
            che
            mi

            sono portato da

            casa?

            basta che paghi la bibita, poi puoi metterci
            dentro tutto quello che ti
            pare.Esattamente come compro l'hard disk e poi ci metto dentro tutto quello che mi pare.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas


            Benissimo. Hai quantificato il valore
            del


            ghiaccio per quanto ti


            riguarda.





            Accetti che invece per me anche 5
            centesimi

            sia


            una esagerazione e preferisco ordinare
            una

            bibita


            senza ghiaccio e poi metterci il
            ghiaccio

            che

            mi


            sono portato da


            casa?



            basta che paghi la bibita, poi puoi metterci

            dentro tutto quello che ti

            pare.

            Esattamente come compro l'hard disk e poi ci
            metto dentro tutto quello che mi
            pare.l'hard disk è un contenitore non un contenuto. Al bar puoi anche portarti il bicchiere da casa ma di certo non puoi pretendere di avere una cocacola a scrocco.
          • 1 qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            Vero... ma qui non siamo al bar. La rete si usa da casa.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            l'hard disk è un contenitore non un contenuto. Al
            bar puoi anche portarti il bicchiere da casa ma
            di certo non puoi pretendere di avere una
            cocacola a
            scrocco.Si parlava di ghiaccio non di cocacola.Qui c'e' un bar che vende una coca senza ghiaccio a 3.95 e una coca con ghiaccio a 4.00Io ordino una coca senza ghiaccio, pago i 3.95, ci aggiungo i miei cubetti, e bevo alla salute del barista.Oppure potrei distribuire il mio ghiaccio a tutti i clienti del bar i quali a quel punto smetteranno di ordinare la coca con ghiaccio perche' il ghiaccio lo offro io.Alla fine il barista sara' costretto a fare un prezzo unico tra coca con ghiaccio e coca senza ghiaccio, nonostante tu sia disposto a pagare 5 centesimi di extra per avere il ghiaccio.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Si parlava di ghiaccio non di cocacola.
            Qui c'e' un bar che vende una coca senza ghiaccio
            a 3.95 e una coca con ghiaccio a
            4.00
            Io ordino una coca senza ghiaccio, pago i 3.95,
            ci aggiungo i miei cubetti, e bevo alla salute
            del
            barista.
            salute.
            Oppure potrei distribuire il mio ghiaccio a tutti
            i clienti del bar i quali a quel punto
            smetteranno di ordinare la coca con ghiaccio
            perche' il ghiaccio lo offro
            io.
            il tuo ghiaccio, quello fatto con l'acqua che paghi tu all'acquedotto nel tuo freezer attaccato alla rete elettrica di casa tua.
            Alla fine il barista sara' costretto a fare un
            prezzo unico tra coca con ghiaccio e coca senza
            ghiaccio, nonostante tu sia disposto a pagare 5
            centesimi di extra per avere il
            ghiaccio.oppure staccherà la macchinetta per il ghiaccio e venderà solo coca senza ghiaccio.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            il tuo ghiaccio, quello fatto con l'acqua che
            paghi tu all'acquedotto nel tuo freezer attaccato
            alla rete elettrica di casa
            tua.O quello fatto con il mio masterizzatore, che pago io, nel mio computer attaccato all'ADSL di casa mia.

            Alla fine il barista sara' costretto a fare
            un

            prezzo unico tra coca con ghiaccio e coca
            senza

            ghiaccio, nonostante tu sia disposto a
            pagare
            5

            centesimi di extra per avere il

            ghiaccio.

            oppure staccherà la macchinetta per il ghiaccio e
            venderà solo coca senza
            ghiaccio.In tal caso pensa che potrei anche pensare di vendere il ghiaccio mio, finche' non arrivera' qualcuno a regalarlo a sua volta.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            O quello fatto con il mio masterizzatore, che
            pago io, nel mio computer attaccato all'ADSL di
            casa
            mia.
            cioè usi il tuo frigo e le tue formine per il ghiaccio, ma usi l'acqua, ovvero i contenuti, del bar.Invece di regalare al mondo lady gaga, e contribuire ad impestare il mondo con quello schifo perché non regali le canzoni di panda rossa ?Il tuo comportamento è identico a quelli che dicono di voler lottare per il software libero installando office craccato ovunque, invece di diffondere OO.org/libre office. Con il risultato che nelle aziende LO.org arranca pesantemente.

            In tal caso pensa che potrei anche pensare di
            vendere il ghiaccio mio, finche' non arrivera'
            qualcuno a regalarlo a sua
            volta.se trovi gente disposta a pagartelo. Resta il fatto che un bar per fare il ghiaccio con le opportune macchinette spende 0,1 centesimi a cubetto, tu 1 centesimo. Non saprei quanto la tua idea di vendere ghiaccio possa essere economicamente sensata.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            O quello fatto con il mio masterizzatore, che

            pago io, nel mio computer attaccato all'ADSL
            di

            casa

            mia.


            cioè usi il tuo frigo e le tue formine per il
            ghiaccio, ma usi l'acqua, ovvero i contenuti, del
            bar.No, non del bar.L'acqua me la passa qualcuno.Qualcuno che magari l'ha pure comprata dal quel bar, ma io non lo so e non mi interessa.L'acqua c'e'.
            Invece di regalare al mondo lady gaga, e
            contribuire ad impestare il mondo con quello
            schifo perché non regali le canzoni di panda
            rossa ?Panda rossa non canta, ma scrive software, e parte di quel software e' gia' a disposizione del mondo, assieme a tanto altro software scritto da tanti altri panda rossa...
            Il tuo comportamento è identico a quelli che
            dicono di voler lottare per il software libero
            installando office craccato ovunque, invece di
            diffondere OO.org/libre office. Con il risultato
            che nelle aziende LO.org arranca
            pesantemente.Sul mio computer la roba M$ non gira, e anche se girasse, l'interfaccia di quella roba che hai nominato tu e' buona solo per quelli con un solo neurone rimasto.

            In tal caso pensa che potrei anche pensare di

            vendere il ghiaccio mio, finche' non
            arrivera'

            qualcuno a regalarlo a sua

            volta.

            se trovi gente disposta a pagartelo. Certo. Uno che e' disposto a pagarlo 5 centesimi c'e'.Considerando che a me non costa nulla sono 5 centesimi netti di margine.
            Resta il
            fatto che un bar per fare il ghiaccio con le
            opportune macchinette spende 0,1 centesimi a
            cubetto, tu 1 centesimo.E allora di che si lamentano le major?Vendessero ghiaccio a prezzo minore del mio visto che lo producono a prezzo inferiore del mio.
            Non saprei quanto la tua
            idea di vendere ghiaccio possa essere
            economicamente
            sensata.La storia ha gia' sentenziato l'estinzione dei venditori di ghiaccio.Io che la storia la conosco, non ripetero' l'errore.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            No, non del bar.
            L'acqua me la passa qualcuno.
            Qualcuno che magari l'ha pure comprata dal quel
            bar, ma io non lo so e non mi
            interessa.dovrebbe interessarti invece. O l'acqua è stata pagata, ergo chi te la fornisce ha comprato i diritti di libera duplicazione e vendita a terzi, oppure tali diritti non sono stati acquistati e si è nel caso di acqua rubata al bar.
            Panda rossa non canta, ma scrive software, e
            parte di quel software e' gia' a disposizione del
            mondo, assieme a tanto altro software scritto da
            tanti altri panda
            rossa...
            allora panda rossa condivida il suo software e lasci perdere lady gaga ;)
            Sul mio computer la roba M$ non gira, e anche se
            girasse, l'interfaccia di quella roba che hai
            nominato tu e' buona solo per quelli con un solo
            neurone
            rimasto.
            e che dire allora di quelli che se la piratano allegramente e se la scaricano dal mulo ?
            Certo. Uno che e' disposto a pagarlo 5 centesimi
            c'e'.
            Considerando che a me non costa nulla sono 5
            centesimi netti di
            margine.
            ho capito, abiti in siberia e il ghiaccio cresce anche sugli alberi.
            E allora di che si lamentano le major?
            Vendessero ghiaccio a prezzo minore del mio visto
            che lo producono a prezzo inferiore del
            mio.
            ognuno è libero di vendere il ghiaccio al prezzo che vuole, al più la gente non lo compra.

            Non saprei quanto la tua

            idea di vendere ghiaccio possa essere

            economicamente

            sensata.

            La storia ha gia' sentenziato l'estinzione dei
            venditori di
            ghiaccio.per uso domestico. In realtà la vendita di ghiaccio e strumenti di refrigerazione industriale va da dio. Anche perché produrre ghiaccio a tonnellate è leggermente al di fuori della portata dei frigoriferi domestici.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            bar, ma io non lo so e non mi

            interessa.

            dovrebbe interessarti invece. O l'acqua è stata
            pagata, ergo chi te la fornisce ha comprato i
            diritti di libera duplicazione e vendita a terzi,
            oppure tali diritti non sono stati acquistati e
            si è nel caso di acqua rubata al bar.Il bar ha ancora acqua: apre il rubinetto e l'acqua continua a sgorgare.Non e' stato rubato niente al bar.E comunque se proprio vuoi saperlo, l'acqua l'ha comprata un cliente del bar, l'ha bevuta, ha urinato, io ho raccolto l'urina, l'ho distillata, ho recuperato l'acqua e ci ho fatto il ghiaccio.

            Panda rossa non canta, ma scrive software, e

            parte di quel software e' gia' a
            disposizione
            del

            mondo, assieme a tanto altro software
            scritto
            da

            tanti altri panda

            rossa...



            allora panda rossa condivida il suo software e
            lasci perdere lady gaga ;)Perche'?

            Sul mio computer la roba M$ non gira, e
            anche
            se

            girasse, l'interfaccia di quella roba che hai

            nominato tu e' buona solo per quelli con un
            solo

            neurone

            rimasto.



            e che dire allora di quelli che se la piratano
            allegramente e se la scaricano dal mulo ?Non hanno nulla a che spartire con me.Non facciamo di ogni erba un fascio, per cortesia.

            Certo. Uno che e' disposto a pagarlo 5
            centesimi

            c'e'.

            Considerando che a me non costa nulla sono 5

            centesimi netti di

            margine.


            ho capito, abiti in siberia e il ghiaccio cresce
            anche sugli alberi.C'era un altro, in un altro topic che si lamentava perche' nel suo paese non c'era un teatro.Tu adesso ti lamenti perche' nel mio paese il ghiaccio cresce sugli alberi.Guardate che e' possibile viaggiare e trasferirsi altrove se questo giova al proprio business.

            E allora di che si lamentano le major?

            Vendessero ghiaccio a prezzo minore del mio
            visto

            che lo producono a prezzo inferiore del

            mio.


            ognuno è libero di vendere il ghiaccio al prezzo
            che vuole, al più la gente non lo
            compra.Quindi io sono libero di regalare ghiaccio.O di prendere ghiaccio che qualcuno regala.


            Non saprei quanto la tua


            idea di vendere ghiaccio possa essere


            economicamente


            sensata.



            La storia ha gia' sentenziato l'estinzione
            dei

            venditori di

            ghiaccio.

            per uso domestico.Di questo stiamo parlando: uso domestico.
            In realtà la vendita di
            ghiaccio e strumenti di refrigerazione
            industriale va da dio. Anche perché produrre
            ghiaccio a tonnellate è leggermente al di fuori
            della portata dei frigoriferi
            domestici.E allora di che si lamentano i videotecari e le major: che aprano una ghiacciaia e vendano copie di ghiaccio.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            E comunque se proprio vuoi saperlo, l'acqua l'ha
            comprata un cliente del bar, l'ha bevuta, ha
            urinato, io ho raccolto l'urina, l'ho distillata,
            ho recuperato l'acqua e ci ho fatto il
            ghiaccio.
            a costo zero. Cacchio altro che l'ecat di rossi focardi...

            lasci perdere lady gaga ;)

            Perche'?
            estiquaaaasi dire che software essere più utile a mondo di lady gaga.

            C'era un altro, in un altro topic che si
            lamentava perche' nel suo paese non c'era un
            teatro.
            Tu adesso ti lamenti perche' nel mio paese il
            ghiaccio cresce sugli
            alberi.
            era una congettura sul come mai per te il ghiaccio è a costo zero. ma allora in tal caso la bibita con ghiaccio costerebbe tanto quanto quella senza.
            Guardate che e' possibile viaggiare e trasferirsi
            altrove se questo giova al proprio
            business.
            vendere ghiaccio in siberia ?

            Quindi io sono libero di regalare ghiaccio.
            O di prendere ghiaccio che qualcuno regala.
            purché sia il tuo ghiaccio o il ghiaccio sia di proprietà di chi lo regala.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            E comunque se proprio vuoi saperlo, l'acqua
            l'ha

            comprata un cliente del bar, l'ha bevuta, ha

            urinato, io ho raccolto l'urina, l'ho
            distillata,

            ho recuperato l'acqua e ci ho fatto il

            ghiaccio.


            a costo zero. Cacchio altro che l'ecat di rossi
            focardi...In effetti potrei sfruttare la mia macchina diversamente.


            lasci perdere lady gaga ;)



            Perche'?


            estiquaaaasi dire che software essere più utile a
            mondo di lady gaga.Esticaxi sapere che software e lady gaga non essere mutualmente esclusivi?

            C'era un altro, in un altro topic che si

            lamentava perche' nel suo paese non c'era un

            teatro.

            Tu adesso ti lamenti perche' nel mio paese il

            ghiaccio cresce sugli

            alberi.


            era una congettura sul come mai per te il
            ghiaccio è a costo zero. ma allora in tal caso la
            bibita con ghiaccio costerebbe tanto quanto
            quella senza.Per me e' a costo zero anche la copia.Magari altrove, o in un'altra epoca le copie costavano piu' del ghiaccio e allora qualcuno ha pensato di fare del business vendendole.Oggi che la tecnologia ha abbassato il costo delle copie, il barman ha dovuto smettere di vendere le bibite con ghiaccio con sovrapprezzo.

            Guardate che e' possibile viaggiare e
            trasferirsi

            altrove se questo giova al proprio

            business.


            vendere ghiaccio in siberia ? Padronissimo. Ma io non ti finanzio.



            Quindi io sono libero di regalare ghiaccio.

            O di prendere ghiaccio che qualcuno regala.


            purché sia il tuo ghiaccio o il ghiaccio sia di
            proprietà di chi lo
            regala.Il ghiaccio lo faccio io a partire da acqua che scarico da un rubinetto.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Ad esempio qua:
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3436077&m=343

            dove gli rispondi in pratica che l'unico modo per
            vendere un software che ci sia il committente
            prima (addirittura gli proponi la
            colletta...)
            E' un ragionamento illiberale e antieconomico
            perchè non accetti che ci sia il rischia
            d'impresaCerto che lo accetto: puoi produrre il programma in anticipo, e aspettare che qualcuno te lo paghi la cifra dovuta (se nessuno è disposto a pagare tanto, si può fare la colletta, e tu lo pubblichi quando hai avuto i soldi).Però, il rischio di impresa include anche il fatto che tu venda una sola copia, e tutti gli altri copino da lì. Se hai venduto la prima copia sottocosto (il programma ti è costato, tra tutto, 30000 euro e tu vendi una copia a 10 euro), sei tu che hai fatto la ca22ata.
            : io imprenditore decido di fare un
            software, non ho committenti ma sono certo che ci
            saranno persone/aziende disposte a comprarlo uno
            volta realizzato, è il mio rischio d'impresa,
            quello che tanto sbandierate in altre parole "se
            non c'è richiesta cambi lavoro", giusto? ok,
            giusto, adesso, io faccio il software e poi mi
            ritrovo gente che me lo scarica senza
            riconoscermi il lavoroLo scarica DA CHI? Sul tuo sito non c'è il download. Perciò, posso scaricarlo solo da chi ha già comprato il tuo programma... e questo implica che io posso scaricarlo solo dopo che tu l'hai già venduto.E tu ne hai scritto uno solo, quindi sei stato pagato per un programma solo; al prezzo che hai chiesto TU. Se hai messo in vendita il programma sottocosto, come ti ho detto, è un tuo problema, non mio. Io non so quanto hai speso.
            Dove sta il fail del tuo ragionamento (e non solo
            nel tuo)? che dite giustamente che se non c'è
            richiesta l'azienda che produce un qualcosa deve
            cambiare mestiere, poi però, una volta che
            qualcuno produce qualcosa, voi ve ne usufruite
            senza pagarlo. Ma come? ma sto benedetto prodotto
            vi interessa o no?Dipende da che prodotto è.Se il prodotto che vendi è un programma, mi interessa.Se il prodotto che vendi è una licenza d'uso, non mi interessa, perchè mi fa solo un danno (e io non pago per avere qualcosa che mi fa un danno)
            Fermo restando che puoi fare quello che ti pare,
            il tuo ragionamento perde di valore quando imponi
            agli altri come devono fare le coseIo non ti impongo niente. Ma non accetto che tu imponga qualcosa a me. Non hai nessun diritto di dirmi cosa posso o non posso scaricare a casa mia.Io ti dico forse cosa puoi scrivere o no a casa tua?
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Io non ti impongo niente. Ma non accetto che tu
            imponga qualcosa a me. Non hai nessun diritto di
            dirmi cosa posso o non posso scaricare a casa
            mia.
            Non rispondo neppure alle corbellerie che hai scritto, non mi interessa cambiare la tua idea.Sappi solo che, come ho scritto a Panda Rossa, più scrivete e più vi contraddicete: tu dici che io non posso dirti cosa scaricare o meno a casa tua? invece la legge te lo dice eccome cosa puoi scaricarti o meno a casa tua e non per niente fate vita da latitanti.Tu a casa tua (dentro casa) puoi avere le tende gialle e camminare nudo, ma non puoi coltivarti marijuana o stampare bancanote false.La legge è ingiusta? parliamone, ma intanto è questa ed è la stessa legge che impedisce che io venga a rubare a casa tua, che impedisce di trafficare in materiale pedoXXXXX, la stessa che ti fa avere il rimborso se il tuo datore di lavoro decide di non versarti lo stipendio il 27.Ma scommetto che la legge va rispettata solo che ci pare, giusto?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Non rispondo neppure alle corbellerie che hai
            scritto, non mi interessa cambiare la tua
            idea.
            Sappi solo che, come ho scritto a Panda Rossa,
            più scrivete e più vi contraddicete: tu dici che
            io non posso dirti cosa scaricare o meno a casa
            tua? invece la legge te lo dice eccome cosa puoi
            scaricarti o meno a casa tua e non per niente
            fate vita da
            latitanti.Non lo dice affatto. Controlla pure. Dice che non posso CARICARE un contenuto protetto da diritto d'autore, ma non che non posso scaricarlo. Se pensi che non sia così, sei pregato di citarmi il testo.

            Tu a casa tua (dentro casa) puoi avere le tende
            gialle e camminare nudo, ma non puoi coltivarti
            marijuana o stampare bancanote
            false.Per le banconote, ti sbagli: si può. Basta che siano riconoscibili come false. Il reato è lo spaccio (vale a dire, cercare di usare banconote false facendole passare per banconote autentiche)
            Ma scommetto che la legge va rispettata solo che ci pare, giusto?Prima di rispettarla, dovresti almeno conoscerla.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Non lo dice affatto. Controlla pure. Dice che non
            posso CARICARE un contenuto protetto da diritto
            d'autore, ma non che non posso scaricarlo. Se
            pensi che non sia così, sei pregato di citarmi il
            testo.
            Allora siamo a posto, sbagliavo io. Si può fare.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace

            Io non ti impongo niente. Ma non accetto

            che tu imponga qualcosa a me. Non hai

            nessun diritto di dirmi cosa posso o non

            posso scaricare a casa mia.
            Non rispondo neppure alle corbellerie che
            hai scritto, non mi interessa cambiare la
            tua idea.
            Sappi solo che, come ho scritto a Panda
            Rossa, più scrivete e più vi contraddicete:
            tu dici che io non posso dirti cosa
            scaricare o meno a casa tua? invece la
            legge te lo dice eccome cosa puoi
            scaricarti o meno a casa tua e non per
            niente fate vita da latitanti.LATITANTI !!!! (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
            Tu a casa tua (dentro casa) puoi avere le tende
            gialle e camminare nudo, ma non puoi coltivarti
            marijuana o stampare bancanote false.In italia, ma in diverse parti del mondo si, ed ora grazie alla tecnologia le leggi che vigono in uno stato danno
            La legge è ingiusta? parliamone, ma intanto è
            questa ed è la stessa legge che impedisce che io
            venga a rubare a casa tua, che impedisce di
            trafficare in materiale pedoXXXXX, la stessa che
            ti fa avere il rimborso se il tuo datore di
            lavoro decide di non versarti lo stipendio il
            27.
            Ma scommetto che la legge va rispettata solo
            che ci pare, giusto?Beh, esiste la disobbedienza civile in effetti:http://it.wikipedia.org/wiki/Disobbedienza_civile
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Beh, esiste la disobbedienza civile in effetti:
            http://it.wikipedia.org/wiki/Disobbedienza_civileIl comitato no tav fa disobbedienza civile, non chi si scarica quattro canzonette.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace

            Beh, esiste la disobbedienza civile

            in effetti:
            http://it.wikipedia.org/wiki/Disobbedienza_civile
            Il comitato no tav fa disobbedienza civile, Forse dovresti rileggerti la definizione, in cosa "disobbediscono" i no tav ? Manifestare contro non e' disobbedienza civile e' manifestare.
            non
            chi si scarica quattro canzonette.Ma come ?Due post fa gli hai dato anche dei latitanti !!!(rotfl)(rotfl)In effetti la fa solo chi uploada, non chi scarica.
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace



            Beh, esiste la disobbedienza civile in
            effetti:


            http://it.wikipedia.org/wiki/Disobbedienza_civile

            Il comitato no tav fa disobbedienza civile, non
            chi si scarica quattro
            canzonette.Lascia perdere: non puoi usare la razionalità contro i fanatici invasati, continueranno a rigirarsi la frittata saltando di palo in frasca fino a quando non ti stancherai di rispondere per poi venire a starnazzare che hai mollato perché "hanno ragione loro".
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Il comitato no tav fa disobbedienza civile, non
            chi si scarica quattro
            canzonette.Quelli che incendiano i cantieri?
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: I pirati le hanno prese
        - Scritto da: uno qualsiasi
        - Scritto da: Sagace

        Su questo forum direi che i vari
        ragionamenti
        dei

        vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane"
        ed

        altri, stavolta hanno preso sonore mazzate

        Ma dove?
        Puoi citare i punti a cui ti riferisci?

        (nota: qualcuno ha usato un nick uguale al mio
        per rispondermi, quindi alcuni messaggi sembrano
        contradditori)Semplicissimo: hanno dimostrato che il modello "su commissione" non funziona per software articolati e complessi. In quei casi il modello "a licenza" è immensamente più sostenibile.Il resto sono solo figure di palta di gente che oltre a scaricare wordpress e cambiare il tema non ha fatto altro nella vita.
    • ziovax scrive:
      Re: I pirati le hanno prese
      - Scritto da: Sagace
      Su questo forum direi che i vari ragionamenti dei
      vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane" ed
      altri, stavolta hanno preso sonore mazzate, tutti
      gli argomenti che hanno proposto sono stati
      smontati da evidenti prove di fatto. Mi piace
      questa discussione, anche se accesa a volte, e
      questa volta devo ammettere "pirati 0 -
      sostenitori del pagare il giusto
      2".

      no, non ho partecipato anche io, ho solo letto,
      interessante la discussione su Blender e su
      Georges Méliès, dovrebbero riflettere tutti
      comunque su queste
      cose.

      la mia opinione personale è che, come al solito,
      principi corretti hanno poi avuto una deriva
      nell'applicazione. Trovo infatti giusto
      riconoscere il diritto di paternità ed un certo
      grado di sfruttamento dell'opera agli autori
      (faccio presente che questo vale anche con le CC
      e e la GPL dove rimane fermo il principio che c'è
      un autore/i ben riconosciuto, che poi voglia dare
      gratuitamente è un altro discorso e che comunque
      ha un altro tipo di ritorno), assolutamente
      grottesche però la cessione di diritti a major
      sanguisughe e copyright che valgono per decine di
      anni.Siamo tutti sostenitori del "pagare il giusto" e il tuo discorso non fa altro che affermare che oggi non paghiamo il giusto.
      • Sagace scrive:
        Re: I pirati le hanno prese

        Siamo tutti sostenitori del "pagare il giusto" e
        il tuo discorso non fa altro che affermare che
        oggi non paghiamo il
        giusto.No no, non tutti sostengono questo, non confondiamo le acque. Leggi bene le posizioni di ognuno.
    • Funz scrive:
      Re: I pirati le hanno prese
      - Scritto da: Sagace
      Su questo forum direi che i vari ragionamenti dei
      vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane" ed
      altri, stavolta hanno preso sonore mazzate, tutti
      gli argomenti che hanno proposto sono stati
      smontati da evidenti prove di fatto. Mi piaceMa dove? (rotfl)
      questa discussione, anche se accesa a volte, e
      questa volta devo ammettere "pirati 0 -
      sostenitori del pagare il giusto
      2".

      no, non ho partecipato anche io, ho solo letto,
      interessante la discussione su Blender e suInteressante? Un noiosissimo botta e risposta pure OT (rotfl)(rotfl)
      la mia opinione personale è che, come al solito,
      principi corretti hanno poi avuto una deriva
      nell'applicazione. Trovo infatti giusto
      riconoscere il diritto di paternità ed un certo
      grado di sfruttamento dell'opera agli autori
      (faccio presente che questo vale anche con le CC
      e e la GPL dove rimane fermo il principio che c'è
      un autore/i ben riconosciuto, che poi voglia dare
      gratuitamente è un altro discorso e che comunque
      ha un altro tipo di ritorno), assolutamente
      grottesche però la cessione di diritti a major
      sanguisughe e copyright che valgono per decine di
      anni.Hai detto le solite banalità stranote, avanti il prossimo :p
    • Guybrush scrive:
      Re: I pirati le hanno prese
      - Scritto da: Sagace
      Su questo forum direi che i vari ragionamenti dei
      vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane" ed
      altri, stavolta hanno preso sonore mazzate, tutti
      gli argomenti che hanno proposto sono stati
      smontati da evidenti prove di fatto. Mi piace
      questa discussione, anche se accesa a volte, e
      questa volta devo ammettere "pirati 0 -
      sostenitori del pagare il giusto
      2".Facciamo nmila a 2, che è un po' più vicina al vero: per quanto ti sforzi ad impedire la copia di materiale informatico ho, sinceramente, perso il conto dei crack operati contro protezioni, sistemi anti-copia e quant'altro. Nemmeno Palladium ha resistito una volta che l'attacco è stato portato direttamente al chip e da li' sono state estratte le chiavi per la decodifica.
      no, non ho partecipato anche io, ho solo letto,
      interessante la discussione su Blender e su
      Georges Méliès, dovrebbero riflettere tutti
      comunque su queste
      cose.C'e' poco da dire: Se Melies avesse rilasciato le sue opere sotto copyright avrebbe guadagnato meno all'inizio, ma poi avrebbe fatto una barca di quattrini e le sue opere si sarebbero diffuse molto rapidamente. Ha optato per la vendita diretta di ogni pellicola, con la conseguenza che i possessori delle medesime hanno potuto, a buon diritto, farne ciò che volevano.
      la mia opinione personale è che, come al solito,
      principi corretti hanno poi avuto una deriva
      nell'applicazione.Alla faccia del bicarbonato di sodio.Io più che deriva parlerei di perversione delle regole.Al momento i diritti rendono di più agli eredi dei titolari, che agli artisti stessi o i loro editori.
      Trovo infatti giusto
      riconoscere il diritto di paternità ed un certo
      grado di sfruttamento dell'opera agli autori
      (faccio presente che questo vale anche con le CC
      e e la GPL dove rimane fermo il principio che c'è
      un autore/i ben riconosciuto, che poi voglia dare
      gratuitamente è un altro discorso e che comunque
      ha un altro tipo di ritorno), assolutamente
      grottesche però la cessione di diritti a major
      sanguisughe e copyright che valgono per decine di
      anni.Fosse solo quello.La "guerra" persa in partenza per via di una simpatica scoperta fatta circa 3000 anni fa da un certo Gorgia da Lentini, da editori e autori, ha lasciato sul campo vittime assolutamente innocenti: i fruitori.Persone che infilavano, ignare, CD/DVD e giochi nei loro computer e se li ritrovavano "infettati" da malware perché i sistemi di protezione lasciavano aperte, all'insaputa dell'utente, porte sul firewall o direttamente sul PC.Utenti che, da un giorno ad un altro, vedevano sparire il loro e-book dal loro lettore in seguito ad un aggiornamento. Professionisti che vedevano cancellata la loro rubrica perché si trattava di software "non previsto" dal dispositivo. Giocatori che si ritrovavano con la console bloccata a causa di un joypad compatibile invece di uno originale... and so on.Tutto questo in aperta violazione delle leggi presenti nei rispettivi paesi e in nome della difesa della proprietà intellettuale.Nota bene: queste ROGNE le hanno avute gli utenti onesti, chi ha "craccato" la propria console, fatto XXXXXXXXX del proprio telefonino, craccato giochi e sprotetto sistemi vari, si è ritrovato immune a tutti i tentativi fatti dai vari "titolari" per buttare fuori gli "abusivi".Questo atteggiamento arrogante e completamente contrario al diritto ha causato, negli utenti, diffidenza e una sorta di giustificazione nei confronti di azioni considerate illecite (download, condivisione e utilizzo di software senza licenza).Capisci che se bastoni l'onesto e premi il "ladro" non puoi sperare di risultare simpatico, no?A questo aggiungi l'impossibilità, nel corso della propria vita, di poter fruire dal pubblico dominio di film, musica & C, ma solo poter attingere a quel che dal Pubblico Dominio arriva (sempre più a rilento, man mano che il copyright si estende, pure retroattivamente) e capisci da te che succedono cose antipatiche.O la gente si stufa e comincia a scaricare a manetta fregandosene in scioltezza di norme assurde, o si stufa e basta e fa ALTRO.Come me, ad esempio.Un salutoGT-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 febbraio 2012 17.20-----------------------------------------------------------
      • Sagace scrive:
        Re: I pirati le hanno prese


        Facciamo nmila a 2, che è un po' più vicina al
        vero: per quanto ti sforzi ad impedire la copia
        di materiale informatico ho, sinceramente, perso
        il conto dei crack operati contro protezioni,
        sistemi anti-copia e quant'altro. Nemmeno
        Palladium ha resistito una volta che l'attacco è
        stato portato direttamente al chip e da li' sono
        state estratte le chiavi per la
        decodifica.
        No, io non voglio impedire la copia di niente, non ci siamo capiti. Io sto solo sostenendo l'idea che chi produce una qualsiasi opera d'ingegno (persona fisica o azienda che sia) debba essere tutelata per un periodo di tempo ragionevole. La mia idea si contrappone al pensiero "la copia non vale niente" perchè in realtà la copia si porta dietro il lavoro fatto da diverse persone. Quando si discute di queste cose i vari personaggi che ho citato si scontrano con le loro stesse idee.
        C'e' poco da dire: Se Melies avesse rilasciato le
        sue opere sotto copyright avrebbe guadagnato meno
        all'inizio, ma poi avrebbe fatto una barca di
        quattrini e le sue opere si sarebbero diffuse
        molto rapidamente. Ha optato per la vendita
        diretta di ogni pellicola, con la conseguenza che
        i possessori delle medesime hanno potuto, a buon
        diritto, farne ciò che
        volevano.Melies avrà scelto l'idea commerciale sbagliata, può darsi che ci guadagnava di più a visione piuttosto che a vendita della copia, non lo metto in dubbio. E' il concetto che sta alla base però che a me importa, trasponi l'esempio di Melies ai giorni d'oggi dove la copia non costa niente, Melies senza nessuna tutela non sarebbe neppure arrivato a fare il secondo di cortometraggio. Io qua parlo di autori, non di sanguisughe. Se tu mi scrivi il software e lo vuoi rilasciare sotto gpl ben venga, ma se invece vuoi venderlo a copia non trovo corretto che io lo "forzi" per questo. Il modello commerciale della vendita a copia, per quanto antipatica, è quella che consente un maggior futuro per chi produce che può investire su nuove versioni. Guarda caso i prodotti più "desiderati" sono quasi sempre quelli a pagamento. A me non pare che nel mondo della musica la gente si ammazza per andare ad ascoltare i gruppi che pubblicano su jamendo piuttosto che nel software dove la roba più scaricata è quella commerciale. Quando nascono le alternative valide gratuite attecchiscono e come, basti pensare a firefox ad esempio. E magari chi prima produceva un software a pagamento è costretto a rivedere i suoi prezzi o dare un valore aggiunto che giustifichi la cifra da spendere. on ci vedo nulla di sbagliato in questo sistema.
        Alla faccia del bicarbonato di sodio.
        Io più che deriva parlerei di perversione delle
        regole.
        Al momento i diritti rendono di più agli eredi
        dei titolari, che agli artisti stessi o i loro
        editori.E' quello che dico anche io

        Fosse solo quello.
        Persone che infilavano, ignare, CD/DVD e giochi
        nei loro computer e se li ritrovavano "infettati"
        da malware perché i sistemi di protezione
        lasciavano aperte, all'insaputa dell'utente,
        porte sul firewall o direttamente sul
        PC.
        Utenti che, da un giorno ad un altro, vedevano
        sparire il loro e-book dal loro lettore in
        seguito ad un aggiornamento. Professionisti che
        vedevano cancellata la loro rubrica perché si
        trattava di software "non previsto" dal
        dispositivo. Giocatori che si ritrovavano con la
        console bloccata a causa di un joypad compatibile
        invece di uno originale... and so
        on.
        Sfondi una porta aperta, non c'è dubbio su quel che dici, la mia proposta infatti è di trovare una soluzione a queste pratiche scorrette ed al contempo dare merito a chi produce (se merita). Ti pare sbagliato?
        Tutto questo in aperta violazione delle leggi
        presenti nei rispettivi paesi e in nome della
        difesa della proprietà
        intellettuale.

        Nota bene: queste ROGNE le hanno avute gli utenti
        onesti, chi ha "craccato" la propria console,
        fatto XXXXXXXXX del proprio telefonino, craccato
        giochi e sprotetto sistemi vari, si è ritrovato
        immune a tutti i tentativi fatti dai vari
        "titolari" per buttare fuori gli
        "abusivi".
        ti ripeto: hai pienamente ragione, niente da dire a riguardo.
        Questo atteggiamento arrogante e completamente
        contrario al diritto ha causato, negli utenti,
        diffidenza e una sorta di giustificazione nei
        confronti di azioni considerate illecite
        (download, condivisione e utilizzo di software
        senza
        licenza).
        Bhè, ci sarebbe da dire che se proprio uno volesse fare l'onesto potrebbe anche comprarsi il prodotto originale e poi scaricarsi la versione piratata. Però non è quello che mi sento di suggerire a nessuno, io preferisco evitare i fornitori che mi fregano.
        Capisci che se bastoni l'onesto e premi il
        "ladro" non puoi sperare di risultare simpatico,
        no?
        ma ci mancherebbe
        A questo aggiungi l'impossibilità, nel corso
        della propria vita, di poter fruire dal pubblico
        dominio di film, musica & C, ma solo poter
        attingere a quel che dal Pubblico Dominio arriva
        (sempre più a rilento, man mano che il copyright
        si estende, pure retroattivamente) e capisci da
        te che succedono cose
        antipatiche.
        più che d'accordo
        O la gente si stufa e comincia a scaricare a
        manetta fregandosene in scioltezza di norme
        assurde, o si stufa e basta e fa
        ALTRO.
        Come me, ad esempio.
        io inevce non scarico perchè riesco a trovare quello che voglio a prezzi ragionevoli e senza protezioni. Su alcune cose scendo a compromessi ma perchè mi va bene, ad esempio a volte compro giochi da steam sapendo benissimo che magari un giorno mi chiudono tutto e perdo il gioco, ma nel mio caso quando spendo 10 euro o anche meno per passare 10-20 ore a divertirmi so già che non mi interesserà rigiocarci tra un anno, figuriamoci tra 5 o 10 o 50.
        Un saluto
        GTun saluto a te
        • quasi anonimo scrive:
          Re: I pirati le hanno prese
          Concordo con te: questa mentalità estremista contro la remunerazione delle opere di ingegno, anche per una quantità "giusta" da concordare e anche da parte di chi lavora nell'ICT (!), impedisce fra l'altro di intraprendere qualunque iniziativa che possa minimamente ambire a creare una industria del software in Italia.
        • panda rossa scrive:
          Re: I pirati le hanno prese
          - Scritto da: Sagace
          Melies avrà scelto l'idea commerciale sbagliata,
          può darsi che ci guadagnava di più a visione
          piuttosto che a vendita della copia, non lo metto
          in dubbio. E' il concetto che sta alla base però
          che a me importa, trasponi l'esempio di Melies ai
          giorni d'oggi dove la copia non costa niente,
          Melies senza nessuna tutela non sarebbe neppure
          arrivato a fare il secondo di cortometraggio.Ma non e' assolutamente vero.Melies al giorno d'oggi avrebbe potuto produrre la sua pellicola e proiettarla solo nella sala del suo cinema, e se tu la vuoi vedere vai solo in quella sala li'.Niente copie, a parte il backup custodito nella sua cassaforte.Certo, raggiungeresti un minor pubblico, ma anche i teatri hanno una capienza limitata. E il modello teatro funziona: ha funzionato per secoli.
          Io
          qua parlo di autori, non di sanguisughe. Se tu mi
          scrivi il software e lo vuoi rilasciare sotto gpl
          ben venga, ma se invece vuoi venderlo a copia non
          trovo corretto che io lo "forzi" per questo.Opinione tua. Tanti lo trovano corretto.
          Il
          modello commerciale della vendita a copia, per
          quanto antipatica, è quella che consente un
          maggior futuro per chi produce che può investire
          su nuove versioni.Io lavoro nel software da lustri e produco versioni nuove ogni anno.
          Guarda caso i prodotti più
          <s
          "desiderati" </s
          <b
          "pubblicizzati" </b
          sono quasi sempre quelli a
          pagamento. Fixed. 8)
          A me non pare che nel mondo della
          musica la gente si ammazza per andare ad
          ascoltare i gruppi che pubblicano su jamendo
          piuttosto che nel software dove la roba più
          scaricata è quella commerciale. I gruppi che pubblicano su jamendo riempiono le sale dove si esibiscono.Tu non li vedi perche' loro suonano invece di inondare le radio di pubblicita' dei loro concerti.E per quanto riguarda il software scaricato, a te sembra che la roba piu' scaricata sia quella commerciale, semplicemente perche' c'e' qualcuno che strilla.Ma la roba piu' scaricata e' quella open: se scarichi 1000 openoffice non strilla nessuno, se scarichi 1 MSoffice strillano in 1000.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Sagace


            Melies avrà scelto l'idea commerciale
            sbagliata,

            può darsi che ci guadagnava di più a visione

            piuttosto che a vendita della copia, non lo
            metto

            in dubbio. E' il concetto che sta alla base
            però

            che a me importa, trasponi l'esempio di
            Melies
            ai

            giorni d'oggi dove la copia non costa niente,

            Melies senza nessuna tutela non sarebbe
            neppure

            arrivato a fare il secondo di cortometraggio.

            Ma non e' assolutamente vero.
            Melies al giorno d'oggi avrebbe potuto produrre
            la sua pellicola e proiettarla solo nella sala
            del suo cinema, e se tu la vuoi vedere vai solo
            in quella sala
            li'.
            Niente copie, a parte il backup custodito nella
            sua
            cassaforte.

            Certo, raggiungeresti un minor pubblico, ma anche
            i teatri hanno una capienza limitata.

            E il modello teatro funziona: ha funzionato per
            secoli.
            anche carta e penna. Anche la musica da camera. Anche la fabbricazione/trasporto di ghiaccio. E allora ?

            Io lavoro nel software da lustri e produco
            versioni nuove ogni
            anno.
            ti pagano per farlo ?

            A me non pare che nel mondo della

            musica la gente si ammazza per andare ad

            ascoltare i gruppi che pubblicano su jamendo

            piuttosto che nel software dove la roba più

            scaricata è quella commerciale.

            I gruppi che pubblicano su jamendo riempiono le
            sale dove si
            esibiscono.fonte ?
            Ma la roba piu' scaricata e' quella open: se
            scarichi 1000 openoffice non strilla nessuno, se
            scarichi 1 MSoffice strillano in
            1000.e lady gaga batte qualsiasi gruppo su jamendo, quindi ?
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: panda rossa

            E il modello teatro funziona: ha funzionato
            per

            secoli.



            anche carta e penna. Anche la musica da camera.
            Anche la fabbricazione/trasporto di ghiaccio. E
            allora ?Obiezione accolta: punto per te.Riformulo il concetto: finche' il teatro continuera' a funzionare, a maggior ragione funzionerebbe il proiettare la pellicola in proprio.



            Io lavoro nel software da lustri e produco

            versioni nuove ogni

            anno.



            ti pagano per farlo ?Mi commissionano le varianti, e quindi mi pagano, certo.Se non mi pagassero non farei determinati sviluppi, ma farei altro.Fermo restando che continuerei a fare quello che faccio per hobby e rilasciarlo gratuitamente.


            A me non pare che nel mondo della


            musica la gente si ammazza per andare ad


            ascoltare i gruppi che pubblicano su
            jamendo


            piuttosto che nel software dove la roba
            più


            scaricata è quella commerciale.



            I gruppi che pubblicano su jamendo riempiono
            le

            sale dove si

            esibiscono.

            fonte ?I blog degli artisti stessi che pubblicano su jamendo.

            Ma la roba piu' scaricata e' quella open: se

            scarichi 1000 openoffice non strilla
            nessuno,
            se

            scarichi 1 MSoffice strillano in

            1000.

            e lady gaga batte qualsiasi gruppo su jamendo,
            quindi ?Ma tutti i gruppi insieme su jamendo battono lady gaga.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            Ma tutti i gruppi insieme su jamendo battono lady
            gaga.(rotfl)(rotfl)(rotfl)questa è da incorniciare(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Riformulo il concetto: finche' il teatro
            continuera' a funzionare, a maggior ragione
            funzionerebbe il proiettare la pellicola in
            proprio.Il teatro non funziona infatti, informati. Funzionano solo grosse produzioni dove c'è un largo bacino di pubblico (magari richiamato da fesserie già viste in tv) e con prezzi altissimi. E' ridicolo che il compromesso "dvd di uno spettacolo" a 10 euro non venga accettato, molto meglio andarsene a roma o milano a vedersi Grease per 50-100 euro secondo te? o mamma mia a broadway? va bhè, contento tu

            Mi commissionano le varianti, e quindi mi pagano,
            certo.
            Se non mi pagassero non farei determinati
            sviluppi, ma farei
            altro.
            Fermo restando che continuerei a fare quello che
            faccio per hobby e rilasciarlo
            gratuitamente.E' questo il tuo problema: vedi il mondo con la tua visione limitata (senza offesa). Se lo fai tu non è detto che lo debbano fare tutti, tu sei li solo per puro caso nella vita, potevi nascere a Detroit ed adesso lavoravi per la MS, potevi nascere in africa ed adesso stavi a tirare a campare per miracolo. Devi anche metterti nei panni degli altri, si chiama rispetto.
            I blog degli artisti stessi che pubblicano su
            jamendo.
            ed allora scarica da jamendo e non altro, che problema c'è?


            scarichi 1000 openoffice non strilla

            nessuno,

            se


            scarichi 1 MSoffice strillano in


            1000.

            Infatti, guarda caso se prendi 10.000 di gadget allo smau nessuno ti dice niente, se prendi un lecca lecca (senza pagarlo) al tabacchino questo ti insegue. Chissà perchè?
            Ma tutti i gruppi insieme su jamendo battono lady
            gaga.la caga..ta del secolo
          • 1 qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            E' ridicolo che il compromesso "dvd di uno
            spettacolo" a 10 euro non venga accettatoPerchè qualcuno dovrebbe accettarlo, quando può avere lo stesso dvd a 0 euro?
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: 1 qualsiasi

            E' ridicolo che il compromesso "dvd di uno

            spettacolo" a 10 euro non venga accettato

            Perchè qualcuno dovrebbe accettarlo, quando può
            avere lo stesso dvd a 0
            euro?Perchè te li hanno chiesti? è un valido motivo? se però le richieste di chi detiene i diritti di qualcosa non hanno più valore fammelo sapere insieme al tuo indirizzo
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace
            - Scritto da: 1 qualsiasi


            E' ridicolo che il compromesso "dvd di
            uno


            spettacolo" a 10 euro non venga
            accettato



            Perchè qualcuno dovrebbe accettarlo, quando
            può

            avere lo stesso dvd a 0

            euro?


            Perchè te li hanno chiesti? è un valido motivo?
            se però le richieste di chi detiene i diritti di
            qualcosa non hanno più valore fammelo sapere
            insieme al tuo
            indirizzoLe richieste hanno valore nel momento in cui non c'e' altro modo per procurarsi le cose.Tu puoi comprare il pane in panetteria al prezzo richiesto dal panettiere, o rivolgerti ad un altro panettiere, o impastarti da solo acqua e farina.Sceglierai cio' che per te e' meglio.Chi vende e' libero di richiedere il prezzo che vuole, chi compra e' altrettanto libero di procurarsi la cosa da altre fonti.Se andare altrove mi costa di piu' che spendere il prezzo richiesto, paghero' quel prezzo.Se andare altrove mi costa di meno, quel panettiere o si adegua, o, per quanto mi riguarda puo' anche fallire.Quello che e' inaccettabile e' una legge che mi obbliga a prendere il pane solo da quel panettiere, proibendo di farsi il pane in casa o andare da un altro panettiere piu' economico.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Quello che e' inaccettabile e' una legge che mi
            obbliga a prendere il pane solo da quel
            panettiere, proibendo di farsi il pane in casa o
            andare da un altro panettiere piu'
            economico.Le fonti legali esistono
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace

            Quello che e' inaccettabile e' una legge

            che mi obbliga a prendere il pane solo da

            quel panettiere, proibendo di farsi il

            pane in casa o andare da un altro

            panettiere piu' economico.
            Le fonti legali esistonoNon sta al cittadino indagare sulle fonti e sui gestori dei siti.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Sagace



            Quello che e' inaccettabile e' una
            legge



            che mi obbliga a prendere il pane solo
            da



            quel panettiere, proibendo di farsi il


            pane in casa o andare da un altro


            panettiere piu' economico.


            Le fonti legali esistono

            Non sta al cittadino indagare sulle fonti e sui
            gestori dei
            siti.e neppure lamentarsi se ignora il limite dei 50 e poi gli arriva la foto a casa...
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain

            Non sta al cittadino indagare sulle fonti e
            sui

            gestori dei

            siti.
            e neppure lamentarsi se ignora il limite dei 50 e
            poi gli arriva la foto a
            casa...Noi ci stiamo lamentando che c'e' il limite, mica che arriva la multa.Noi vogliamo rimuovere il limite, mica le multe.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: brain



            Non sta al cittadino indagare sulle
            fonti
            e

            sui


            gestori dei


            siti.

            e neppure lamentarsi se ignora il limite dei
            50
            e

            poi gli arriva la foto a

            casa...

            Noi ci stiamo lamentando che c'e' il limite, mica
            che arriva la
            multa.
            Noi vogliamo rimuovere il limite, mica le multe.Finchè c'è lo RISPETTI, anch'io per esempio non reggo la siae, ma non vado certo a tirargli le molotov ;)
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: brain





            Non sta al cittadino indagare sulle

            fonti

            e


            sui



            gestori dei



            siti.


            e neppure lamentarsi se ignora il
            limite
            dei

            50

            e


            poi gli arriva la foto a


            casa...



            Noi ci stiamo lamentando che c'e' il limite,
            mica

            che arriva la

            multa.

            Noi vogliamo rimuovere il limite, mica le
            multe.
            Finchè c'è lo RISPETTI, anch'io per esempio non
            reggo la siae, ma non vado certo a tirargli le
            molotov
            ;)Neppure io vado a tirare le molotov alla siae.Mi limito a comprare i supporti all'estero per non pagare l'equo compenso.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: brain

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: brain







            Non sta al cittadino indagare
            sulle


            fonti


            e



            sui




            gestori dei




            siti.



            e neppure lamentarsi se ignora il

            limite

            dei


            50


            e



            poi gli arriva la foto a



            casa...





            Noi ci stiamo lamentando che c'e' il
            limite,

            mica


            che arriva la


            multa.


            Noi vogliamo rimuovere il limite, mica
            le

            multe.

            Finchè c'è lo RISPETTI, anch'io per esempio
            non

            reggo la siae, ma non vado certo a tirargli
            le

            molotov

            ;)

            Neppure io vado a tirare le molotov alla siae.
            Mi limito a comprare i supporti all'estero per
            non pagare l'equo
            compenso.Per i tuoi backup Kulturali...
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain

            Neppure io vado a tirare le molotov alla
            siae.

            Mi limito a comprare i supporti all'estero
            per

            non pagare l'equo

            compenso.
            Per i tuoi backup Kulturali...Per tutti gli usi consentiti dalla tecnologia!
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: brain



            Non sta al cittadino indagare



            sulle fonti e sui gestori dei



            siti.


            e neppure lamentarsi se ignora


            il limite dei 50 e poi gli


            arriva la foto a casa...

            Noi ci stiamo lamentando che c'e'

            il limite, mica che arriva la

            multa.

            Noi vogliamo rimuovere il limite, mica

            le multe.
            Finchè c'è lo RISPETTI,Perche' ? Altrimenti ?Se fosse cosi' automatico come dici tu a che servirebbero le multe ?
            anch'io per esempio non reggo la
            siae, ma non vado certo a tirargli
            le molotov
            ;)E a me che mi fr*ga di che te ne fai delle bottiglie di birra usate, di stracci e benzina ? Per me puoi anche farne sodomia non siamo qua a parlare dei tuoi gusti a riguardo.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: brain

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: brain





            Non sta al cittadino indagare




            sulle fonti e sui gestori dei




            siti.



            e neppure lamentarsi se ignora



            il limite dei 50 e poi gli



            arriva la foto a casa...


            Noi ci stiamo lamentando che c'e'


            il limite, mica che arriva la


            multa.



            Noi vogliamo rimuovere il limite, mica


            le multe.


            Finchè c'è lo RISPETTI,

            Perche' ? Altrimenti ?
            Se fosse cosi' automatico come dici tu a che
            servirebbero le multe
            ?Come invidio gli svizzeri :(
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Sagace





            Quello che e' inaccettabile e' una

            legge





            che mi obbliga a prendere il pane
            solo

            da





            quel panettiere, proibendo di
            farsi il




            pane in casa o andare da un altro



            panettiere piu' economico.




            Le fonti legali esistono



            Non sta al cittadino indagare sulle fonti e
            sui

            gestori dei

            siti.
            e neppure lamentarsi se ignora il limite dei 50 e
            poi gli arriva la foto a casa...E chi si lamenta ???
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace



            Quello che e' inaccettabile e' una legge che
            mi

            obbliga a prendere il pane solo da quel

            panettiere, proibendo di farsi il pane in
            casa
            o

            andare da un altro panettiere piu'

            economico.


            Le fonti legali esistonoQuale parte di "legge inaccettabile" non ti e' chiara?
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Sagace





            Quello che e' inaccettabile e' una
            legge
            che

            mi


            obbliga a prendere il pane solo da quel


            panettiere, proibendo di farsi il pane
            in

            casa

            o


            andare da un altro panettiere piu'


            economico.





            Le fonti legali esistono

            Quale parte di "legge inaccettabile" non ti e'
            chiara?quale parte di "le leggi in vigore si rispettano" non ti è chiara?
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Sagace







            Quello che e' inaccettabile e' una

            legge

            che


            mi



            obbliga a prendere il pane solo da
            quel



            panettiere, proibendo di farsi il
            pane

            in


            casa


            o



            andare da un altro panettiere piu'



            economico.








            Le fonti legali esistono



            Quale parte di "legge inaccettabile" non ti
            e'

            chiara?
            quale parte di "le leggi in vigore si rispettano"
            non ti è
            chiara?Tutta la parte non mi e' chiara.Visto che non c'e' piu' l'imperatore divinita' che scrive leggi per grazia divina, oggi, in un paese democratico, le leggi le scrive il popolo, votando dei rappresentanti in parlamento.Le leggi sono sempre soggette a revisione e modifica.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Sagace

            - Scritto da: 1 qualsiasi



            E' ridicolo che il compromesso
            "dvd
            di

            uno



            spettacolo" a 10 euro non venga

            accettato





            Perchè qualcuno dovrebbe accettarlo,
            quando

            può


            avere lo stesso dvd a 0


            euro?





            Perchè te li hanno chiesti? è un valido
            motivo?

            se però le richieste di chi detiene i
            diritti
            di

            qualcosa non hanno più valore fammelo sapere

            insieme al tuo

            indirizzo

            Le richieste hanno valore nel momento in cui non
            c'e' altro modo per procurarsi le
            cose.

            Tu puoi comprare il pane in panetteria al prezzo
            richiesto dal panettiere, o rivolgerti ad un
            altro panettiere, o impastarti da solo acqua e
            farina.

            Sceglierai cio' che per te e' meglio.
            Chi vende e' libero di richiedere il prezzo che
            vuole, chi compra e' altrettanto libero di
            procurarsi la cosa da altre
            fonti.

            Se andare altrove mi costa di piu' che spendere
            il prezzo richiesto, paghero' quel
            prezzo.
            Se andare altrove mi costa di meno, quel
            panettiere o si adegua, o, per quanto mi riguarda
            puo' anche
            fallire.Quando farai il pane come Whitney Houston, lo comprerò da te, pagandolo con la tua stessa moneta ovviamente :D
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain
            Quando farai il pane come Whitney Houston, lo
            comprerò da te, pagandolo con la tua stessa
            moneta ovviamente
            :DHo proprio finito di scaricare tutta la discografia di Whitney proprio ieri sera.Se vuoi te la copio.Pagami pure con la mia stessa moneta.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: brain


            Quando farai il pane come Whitney Houston, lo

            comprerò da te, pagandolo con la tua stessa

            moneta ovviamente

            :D

            Ho proprio finito di scaricare tutta la
            discografia di Whitney proprio ieri
            sera.Bravo, hai intenzione di andare al concerto vero? :D
            Se vuoi te la copio.No grazie, ho i cd originali ;)
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: brain


            Quando farai il pane come Whitney Houston, lo

            comprerò da te, pagandolo con la tua stessa

            moneta ovviamente

            :D

            Ho proprio finito di scaricare tutta la
            discografia di Whitney proprio ieri
            sera.
            Se vuoi te la copio.
            Pagami pure con la mia stessa moneta.Si si ma non hai risposto alla sua domanda: perchè non ti sei andato a prendere il pane da un'altra parte? da jamendo ad esempio?Forse perchè volevi QUEL pane al prezzo che vuoi tu?alla faccia della libertà e del rispetto
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace

            Si si ma non hai risposto alla sua domanda:
            perchè non ti sei andato a prendere il pane da
            un'altra parte? da jamendo ad
            esempio?
            Forse perchè volevi QUEL pane al prezzo che vuoi
            tu?No, non al prezzo che voglio io, ma ad un prezzo minore o uguale a quanto costerebbe a me farmelo uguale.Torniamo all'esempio della sedia.L'ikea vende sedie a 20 euro perche' nessuno riuscirebbe con meno di 20 euro a farsi una sedia come quella.Se la stessa sedia venisse venduta a 200 euro da ikea, il giorno dopo ci sarebbero fuori dall'ikea tanti camioncini di falegnami che vendono la stessa sedia a 190.QUEL pane, io posso ottenerlo a zero, quindi tu non puoi pretendere di vendermelo a 10 euro.Fallo! Ma non lamentarti se io non te lo compro ma me lo procuro con mezzi miei.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            No, non al prezzo che voglio io, ma ad un prezzo
            minore o uguale a quanto costerebbe a me farmelo
            uguale.
            per curiosità quanto ti costerebbe incidere, chesso', il concerto di vasco rossi a san siro da te. Creare il master, mica l'ennesima copia ;)

            QUEL pane, io posso ottenerlo a zero, quindi tu
            non puoi pretendere di vendermelo a 10
            euro.io posso venderlo anche a 100, e tu sei libero di non comprarlo.
            Fallo! Ma non lamentarti se io non te lo compro
            ma me lo procuro con mezzi
            miei.finché prendi farina, sale, acqua e lievito ed impasti non c'è niente da dire. Se vieni a prendere la mia farina etc e cuoci nel mio forno poi non puoi sperare di cavartela dicendo che l'hai messo in una tua busta.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            No, non al prezzo che voglio io, ma

            ad un prezzo minore o uguale a quanto

            costerebbe a me farmelo uguale.
            per curiosità quanto ti costerebbe incidere,
            chesso', il concerto di vasco rossi a san
            siro da te. Creare il master, mica l'ennesima
            copia
            ;)

            QUEL pane, io posso ottenerlo a

            zero, quindi tu non puoi pretendere

            di vendermelo a 10 euro.
            io posso venderlo anche a 100, e tu
            sei libero di non comprarlo.O di comprarlo da quel grosso nero all'angolo con un banchetto pieno di CD, lui dice che glie li ha portati il "padrino".

            Fallo! Ma non lamentarti se io non

            te lo compro ma me lo procuro con mezzi

            miei.
            finché prendi farina, sale, acqua e lievito ed
            impasti non c'è niente da dire. Se vieni a
            prendere la mia farina etc e cuoci nel mio forno
            poi non puoi sperare di cavartela dicendo che
            l'hai messo in una tua busta.Ma chi viene da te ? Ma che credi che ho bisogno io di entrare nel tuo forno a comprare la farina ?? Semplicemente se tu ti metti in condizioni di creare un mercato in cui il tuo pane costa troppo arriva la malavita organizzata a derubarti.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Ma chi viene da te ? Ma che credi che ho bisogno
            io di entrare nel tuo forno a comprare la farina
            ?? Semplicemente se tu ti metti in condizioni di
            creare un mercato in cui il tuo pane costa troppo
            arriva la malavita organizzata a
            derubarti.speriamo solo che non ragionino tutti come te, ma i tuoi genitori ti hanno insegnato che quando vuoi una cosa devi averla con tutti i mezzi possibili leciti o no? non credo.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace

            Ma chi viene da te ? Ma che credi

            che ho bisogno io di entrare nel

            tuo forno a comprare la farina ??

            Semplicemente se tu ti metti in

            condizioni di creare un mercato

            in cui il tuo pane costa troppo

            arriva la malavita organizzata a

            derubarti.
            speriamo solo che non ragionino tutti
            come te, Ma guardati intorno ! Dove abiti tu non hai mai visto i neri girari nelle birrerie con le borse di CD copiati da vendere a fine anni '80 ?Forse sei troppo giovane per aver visto queste cose ?Personalmente in realta' a me frega assai di scaricare visto che non videogioco e non ho una tv; mi limito ad osservare quello che accade e non mi sembra che la tua visione sia realistica.
            ma i tuoi genitori ti hanno insegnato
            che quando vuoi una cosa devi averla
            con tutti i mezzi possibili leciti o
            no? non credo.Il problema non e' quello che hanno insegnato a me, singolo, i genitori, il problema sono i movimenti delle masse.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            No, non al prezzo che voglio io, ma ad un prezzo
            minore o uguale a quanto costerebbe a me farmelo
            uguale.Nessuno te lo fa uguale: volevi whitney houston? paga la sony o chi per lei al minor prezzo legale che trovi, i lresto sono tutte chiacchere per avere quello che ti pare gratis.

            Torniamo all'esempio della sedia.no no, non torniamo da nessuna parte, ogni volta che vi scontrate con la realtà cambiate discorso o esempi dementi. vuoi quel pane? pagalo quello che ti chiede quel panettiere. fine della storia
            L'ikea vende sedie a 20 euro perche' nessuno
            riuscirebbe con meno di 20 euro a farsi una sedia
            come
            quella.
            Se la stessa sedia venisse venduta a 200 euro da
            ikea, il giorno dopo ci sarebbero fuori dall'ikea
            tanti camioncini di falegnami che vendono la
            stessa sedia a
            190.
            hai perfettamente ragione, infatti io non vedo nessun nessuno vendere i suoi cd con le stesse canzoni di whitney houston cantate da loro ad un prezzo più basso, vedo solo sbafoni che vogliono la sedia da 200 euro pagandola niente
            QUEL pane, io posso ottenerlo a zero, quindi tu
            non puoi pretendere di vendermelo a 10
            euro.
            Fallo! Ma non lamentarti se io non te lo compro
            ma me lo procuro con mezzi
            miei.nessuno si lamenterebbe se tu usassi mezzi legali. su you tube ad esempio c'è tutto qyello che ti pare di whitney houston, ed anche alla radio, per quale motivo dovresti scaricarti il cd piratato? perchè non te le fai cantare da tua sorella le sue canzoni visto che per te il pane è uguale ovunque lo trovi?
          • 1 qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Nessuno te lo fa uguale: volevi whitney houston?
            paga la sony o chi per lei al minor prezzo legale
            che trovi, i lresto sono tutte chiacchere per
            avere quello che ti pare
            gratis.Il prezzo minore a cui si trova è gratis, quindi il problema non si pone.
            hai perfettamente ragione, infatti io non vedo
            nessun nessuno vendere i suoi cd con le stesse
            canzoni di whitney houston cantate da loro ad un
            prezzo più basso, vedo solo sbafoni che vogliono
            la sedia da 200 euro pagandola
            nienteProva a cantare una canzone di whitney houston e a venderla: la denuncia te la becchi (anche il testo è sotto copyright)Hai dimostrato di non sapere di cosa stai parlando.
            nessuno si lamenterebbe se tu usassi mezzi
            legali. su you tube ad esempio c'è tutto qyello
            che ti pare di whitney houston, ed anche alla
            radio, per quale motivo dovresti scaricarti il cd
            piratato?Infatti io gli mp3 me li prendo da youtube, con un semplice convertitore. Non ho mai sentito la necessità di procurarmi la musica in altri modi. C'è praticamente tutto, gratis, e molto più comodo di qualunque sistema di p2p.Auspicavo la stessa cosa per i film... e con megavideo si era arrivati molto vicino. È solo questione di tempo.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: 1 qualsiasi
            Prova a cantare una canzone di whitney houston e
            a venderla: la denuncia te la becchi (anche il
            testo è sotto
            copyright)"I will always love you" è di Dolly Parton, quella della Houston è una cover, come vedi si può fare, basta la parola magica: PAGARE :D
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: 1 qualsiasi

            E' ridicolo che il compromesso "dvd di uno

            spettacolo" a 10 euro non venga accettato

            Perchè qualcuno dovrebbe accettarlo, quando può
            avere lo stesso dvd a 0
            euro?anche il lecca lecca dal tabaccaio, basta correre veloce... :D
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: 1 qualsiasi


            E' ridicolo che il compromesso "dvd di
            uno


            spettacolo" a 10 euro non venga
            accettato



            Perchè qualcuno dovrebbe accettarlo, quando
            può

            avere lo stesso dvd a 0

            euro?
            anche il lecca lecca dal tabaccaio, basta correre
            veloce...
            :DMa nel tuo esempio scemo, il tabaccaio resta senza quel lecca lecca.Nel caso in questione non viene invece tolto nulla a nessuno.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: brain

            - Scritto da: 1 qualsiasi



            E' ridicolo che il compromesso
            "dvd
            di

            uno



            spettacolo" a 10 euro non venga

            accettato





            Perchè qualcuno dovrebbe accettarlo,
            quando

            può


            avere lo stesso dvd a 0


            euro?

            anche il lecca lecca dal tabaccaio, basta
            correre

            veloce...

            :D

            Ma nel tuo esempio scemo, il tabaccaio resta
            senza quel lecca
            lecca.
            Nel caso in questione non viene invece tolto
            nulla a
            nessuno.No, gli ho lasciato la fotocopia :D
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace



            Riformulo il concetto: finche' il teatro

            continuera' a funzionare, a maggior ragione

            funzionerebbe il proiettare la pellicola in

            proprio.


            Il teatro non funziona infatti, informati.Funziona cosi' male che non riesco mai a trovare i biglietti.
            Funzionano solo grosse produzioni dove c'è un
            largo bacino di pubblico (magari richiamato da
            fesserie già viste in tv) e con prezzi altissimi.Funzionano anche le produzioni che fanno bene il loro lavoro (e che tu evidentemente non conosci)
            E' ridicolo che il compromesso "dvd di uno
            spettacolo" a 10 euro non venga accettato, molto
            meglio andarsene a roma o milano a vedersi Grease
            per 50-100 euro secondo te? o mamma mia a
            broadway? va bhè, contento
            tuSe ragioni cosi', non capisci niente di teatro e spettacoli dal vivo, quindi e' opportuno troncare qui ogni ulteriore approfondimento.



            Mi commissionano le varianti, e quindi mi
            pagano,

            certo.

            Se non mi pagassero non farei determinati

            sviluppi, ma farei

            altro.

            Fermo restando che continuerei a fare quello
            che

            faccio per hobby e rilasciarlo

            gratuitamente.


            E' questo il tuo problema: vedi il mondo con la
            tua visione limitata (senza offesa). Vedo il mondo con una visione che funziona.
            Se lo fai tu
            non è detto che lo debbano fare tutti, tu sei li
            solo per puro caso nella vita, potevi nascere a
            Detroit ed adesso lavoravi per la MS, potevi
            nascere in africa ed adesso stavi a tirare a
            campare per miracolo. Devi anche metterti nei
            panni degli altri, si chiama
            rispetto.Il punto e' questo: la mia visione funziona, sempre e comunque, senza bisogno di una legislazione protezionista dettata dalle lobby.La tua invece non funziona piu'. La tecnologia l'ha resa obsoleta e solo grazie a delle leggi liberticide si riesce a mantenerla in vita a spregio di tutto.Il buon senso prevede che una cosa debba prima funzionare, e poi venga regolamentata da leggi e codici per come deve funzionare, non il contrario.

            I blog degli artisti stessi che pubblicano su

            jamendo.



            ed allora scarica da jamendo e non altro, che
            problema c'è?E se scarico anche altro che problema c'e'?



            scarichi 1000 openoffice non
            strilla


            nessuno,


            se



            scarichi 1 MSoffice strillano in



            1000.




            Infatti, guarda caso se prendi 10.000 di gadget
            allo smau nessuno ti dice niente, se prendi un
            lecca lecca (senza pagarlo) al tabacchino questo
            ti insegue. Chissà perchè?Tu pero' hai detto che vengono presi piu' lecca lecca dei gadget dello smau: ti rendi conto che hai detto una cosa inesatta?

            Ma tutti i gruppi insieme su jamendo battono
            lady

            gaga.


            la caga..ta del secoloI numeri parlano chiaro: la produzione di lady gaga, per quanto immensa, e' limitata alle possibilita' di una sola persona.Gli artisti di jamendo sono potenzialmente infiniti.Poi se per te la matematica e' una opinione...
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Funziona cosi' male che non riesco mai a trovare
            i
            biglietti.Tu devi guardare gli spettacoli cancellati e quelli che non fanno più, non le fesserie di Amici che vai a vedere, visione limitata, te l'ho detto
            Funzionano anche le produzioni che fanno bene il
            loro lavoro (e che tu evidentemente non
            conosci)
            informati che ci fai bella figura.

            Se ragioni cosi', non capisci niente di teatro e
            spettacoli dal vivo, quindi e' opportuno troncare
            qui ogni ulteriore
            approfondimento.
            Io mi sono mosso pure di migliaia di chilometri per vedere cose interessanti ed innovative, il furbo che abita a roma e vede tutto dal suo banchetto alto un metro sei tu.

            Vedo il mondo con una visione che funziona.
            funziona per te, esattamente come tu mangi e in africa no (non tutti almeno), allora è giusto per tutti o è giusto per te? coltiva il tuo orticello senza curarti degli altri se ti pare, ma un giorno gli affamati verranno a prendersi i tuoi ortaggi in nome di della stessa legge più giusta che che vuoi tu.

            Il punto e' questo: la mia visione funziona,
            sempre e comunque, senza bisogno di una
            legislazione protezionista dettata dalle
            lobby.funziona per te, non per tutti.

            La tua invece non funziona piu'.
            La tecnologia l'ha resa obsoleta e solo grazie a
            delle leggi liberticide si riesce a mantenerla in
            vita a spregio di
            tutto.la mia non la conosci, pensi solo di saperla perchè non ti approvo e come è logico aspettarsi da chi ha una visione limitata divento automaticamente tuo "nemico"

            Il buon senso prevede che una cosa debba prima
            funzionare, e poi venga regolamentata da leggi e
            codici per come deve funzionare, non il
            contrario.
            il buon senso ti manca.

            E se scarico anche altro che problema c'e'?che parli di libertà ma poi violi quella degli altri. se tu vivi per l'open e le CC e per la GPL, che motivo hai di scaricare roba che non sia da jamendo o altri siti free?Come ho già detto, il pensiero tuo e di altri cozza poi con la pratica.
            Tu pero' hai detto che vengono presi piu' lecca
            lecca dei gadget dello smau: ti rendi conto che
            hai detto una cosa
            inesatta?
            Infatti è vero quello che ho detto io: si scarica la roba protetta da diritto d'autore, non la roba libera, se fosse come dici tu non ci sarebbero problemi, ci hai mai pensato? o forse la domanda più corretta è: ci arrivi a capirlo?

            I numeri parlano chiaro: la produzione di lady
            gaga, per quanto immensa, e' limitata alle
            possibilita' di una sola
            persona.
            Gli artisti di jamendo sono potenzialmente
            infiniti.

            Poi se per te la matematica e' una opinione...guarda, 2+2 = 4 quindi ho ragione io, la matematica non è un una opione giusto? allora ho ragione io.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace



            Funziona cosi' male che non riesco mai a
            trovare

            i

            biglietti.


            Tu devi guardare gli spettacoli cancellati e
            quelli che non fanno più, non le fesserie di
            Amici che vai a vedere, visione limitata, te l'ho
            dettoIo non guardo le fesserie di Amici.Io vado a teatro a vedere opere liriche, quando trovo il biglietto.E non riesco a trovarlo sempre.E il teatro e' sempre pieno.

            Funzionano anche le produzioni che fanno
            bene
            il

            loro lavoro (e che tu evidentemente non

            conosci)




            informati che ci fai bella figura.Fino adesso sei tu quello che ha sparato parole e numeri a caso facendoci una figura barbina.
            Io mi sono mosso pure di migliaia di chilometri
            per vedere cose interessanti ed innovative, il
            furbo che abita a roma e vede tutto dal suo
            banchetto alto un metro sei tu.Pero' a me costa vivere a roma molto di piu' di quanto costa a te venire a vedere quello che io vedo dal mio banchetto alto un metro.Ad ogni buon conto nessuno ti impedisce di vivere a roma e mettere il tuo banchetto alto un metro pure tu.





            Vedo il mondo con una visione che funziona.




            funziona per te, esattamente come tu mangi e in
            africa no (non tutti almeno), allora è giusto per
            tutti o è giusto per te? Mi pare che i piu' furbi di quelli che stanno in africa, se ne vadano altrove, esattamente come fanno in italia quelli che non riescono a realizzare le loro aspettative: vanno via, cambiano tutto.
            coltiva il tuo orticello
            senza curarti degli altri se ti pare,Mi curo eccome degli altri io.E contribuisco pure a diffondere cultura.
            ma un
            giorno gli affamati verranno a prendersi i tuoi
            ortaggi in nome di della stessa legge più giusta
            che che vuoi tu.Prego! I miei ortaggi sono a disposizione di chiunque.



            Il punto e' questo: la mia visione funziona,

            sempre e comunque, senza bisogno di una

            legislazione protezionista dettata dalle

            lobby.


            funziona per te, non per tutti.Quindi stai dicendo che la tua visione NON FUNZIONA, e insisti col difenderla.



            La tua invece non funziona piu'.

            La tecnologia l'ha resa obsoleta e solo
            grazie
            a

            delle leggi liberticide si riesce a
            mantenerla
            in

            vita a spregio di

            tutto.

            la mia non la conosci, pensi solo di saperla
            perchè non ti approvo e come è logico aspettarsi
            da chi ha una visione limitata divento
            automaticamente tuo "nemico"Stiamo discutendo su un concetto che prevede due possibilita': o lo sostieni, o non lo sostieni.Tu non lo stai sostenendo. Quindi sei mio avversario. Non nemico, il nemico e' roba di guerra, e per il momento non c'e' nessuna guerra.



            Il buon senso prevede che una cosa debba
            prima

            funzionare, e poi venga regolamentata da
            leggi
            e

            codici per come deve funzionare, non il

            contrario.



            il buon senso ti manca.Dammi un po' del tuo allora.



            E se scarico anche altro che problema c'e'?


            che parli di libertà ma poi violi quella degli
            altri. La liberta' degli altri finisce dove comincia la mia.Nessuno puo' essere libero di entrare in casa mia e mettermi un cartello con scritto VIETATO.
            se tu vivi per l'open e le CC e per la
            GPL, che motivo hai di scaricare roba che non sia
            da jamendo o altri siti free?Ci deve essere per forza un motivo?
            Come ho già detto, il pensiero tuo e di altri
            cozza poi con la pratica.Quindi nessuno sta scaricando, in pratica.

            Tu pero' hai detto che vengono presi piu'
            lecca

            lecca dei gadget dello smau: ti rendi conto
            che

            hai detto una cosa

            inesatta?




            Infatti è vero quello che ho detto io: si scarica
            la roba protetta da diritto d'autore, non la roba
            libera, se fosse come dici tu non ci sarebbero
            problemi, ci hai mai pensato? o forse la domanda
            più corretta è: ci arrivi a capirlo?Si scarica tutto cio' che e' scaricabile.Se non fosse scaricabile, non lo si scaricherebbe.



            I numeri parlano chiaro: la produzione di
            lady

            gaga, per quanto immensa, e' limitata alle

            possibilita' di una sola

            persona.

            Gli artisti di jamendo sono potenzialmente

            infiniti.



            Poi se per te la matematica e' una
            opinione...

            guarda, 2+2 = 4 quindi ho ragione io, la
            matematica non è un una opione giusto? allora ho
            ragione
            io.Proseguiremo questa interessante discussione quando avrai ultimato l'asilo.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Io non guardo le fesserie di Amici.Il tuo livello mi sembra quello
            Io vado a teatro a vedere opere liriche, quando
            trovo il
            biglietto.
            E non riesco a trovarlo sempre.
            E il teatro e' sempre pieno.
            Ricapitolando il tuo modello di sucXXXXX per la diffusione della cultura e svago sono spettacoli dal vivo, in poche città, a prezzi di biglietto non proprio accessibili a tutti. E chi non ha soldi o non abita in grandi città si attacca. Pensa che dove abito io il teatro lo hanno chiuso talmente c'era affluenza come dici tu...un cd da 5 euro ti fa proprio schifo eh...

            Fino adesso sei tu quello che ha sparato parole e
            numeri a caso facendoci una figura
            barbina.Siccome hai sbandierato le bandiere del referendum per qualche mese mi aspettavo che almeno fossi informato sui problemi legati ai tagli sulla cultura e chi avrebbe più bisogno di questi soldi
          • 1 qualsiasi scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Ricapitolando il tuo modello di sucXXXXX per la
            diffusione della cultura e svago sono spettacoli
            dal vivo, in poche città, a prezzi di biglietto
            non proprio accessibili a tutti. E chi non ha
            soldi o non abita in grandi città si attacca.Si attacca a internet e scarica la registrazione live. Semplice.
            un cd da 5 euro ti fa proprio schifo eh...Meglio un cd da 0 euro. O no?
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Si attacca a internet e scarica la registrazione
            live.
            Semplice.
            si certo, magari fatta con un cellulare fra i colpi di tosse di quello affianco e quello davanti che si alza...proprio la stessa cosa.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Si attacca a internet e scarica

            la registrazione live.

            Semplice.
            si certo, magari fatta con un cellulare fra i
            colpi di tosse di quello affianco e quello
            davanti che si alza...
            proprio la stessa cosa.E se a me questa andasse bene ? Tu vorresti pure farmi comprare a forza un livello qualitativo che non mi interessa stapagando ?
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace

            Io non guardo le fesserie di Amici.

            Il tuo livello mi sembra quello


            Io vado a teatro a vedere opere liriche,
            quando

            trovo il

            biglietto.

            E non riesco a trovarlo sempre.

            E il teatro e' sempre pieno.




            Ricapitolando il tuo modello di sucXXXXX per la
            diffusione della cultura e svago sono spettacoli
            dal vivo, in poche città, a prezzi di biglietto
            non proprio accessibili a tutti. E chi non ha
            soldi o non abita in grandi città si attacca.No, non si attacca.O meglio, si attacca per il fatto che non puo' fruire dello spettacolo dal vivo, e dovra' accontentarsi di una ripresa registrata dello stesso.
            Pensa che dove abito io il teatro lo hanno chiuso
            talmente c'era affluenza come dici
            tu...Quindi e' dove vivi tu, che la gente preferisce Amici.
            un cd da 5 euro ti fa proprio schifo eh...Da quando posso procurarmelo a 5 centesimi, si, a 5 euro mi fa proprio schifo.Se pero' ci fosse un autografo manoscritto dell'artista sopra, allora 5 euro tornerebbe ad essere un prezzo accettabile per quanto mi riguarda.



            Fino adesso sei tu quello che ha sparato
            parole
            e

            numeri a caso facendoci una figura

            barbina.

            Siccome hai sbandierato le bandiere del
            referendum per qualche mese mi aspettavo che
            almeno fossi informato sui problemi legati ai
            tagli sulla cultura e chi avrebbe più bisogno di
            questi soldiI referendum erano per vietare il nucleare in italia e il copyright sull'acqua.E abbiamo raggiunto l'obiettivo!Tranquillo che quando ci sara' da scuotere le coscienze quando ci sara' un referendum per decidere dei fondi alla ricerca saro' di nuovo in prima linea.
          • Sagace scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            No, non si attacca.
            O meglio, si attacca per il fatto che non puo'
            fruire dello spettacolo dal vivo, e dovra'
            accontentarsi di una ripresa registrata dello
            stesso.
            che non faranno perchè non gli interessa farla, a protezione dell'originale come tu e qualcuno avete detto in 1000 post su altre notizie. quindi si attacca.
            Quindi e' dove vivi tu, che la gente preferisce
            Amici.
            dove vivo io non c'è il bacino di utenza sufficiente a far muovere una compagnia teatrale oppure dovrebbero avere prezzi troppo alti. Ti ripeto: tu vedi il mondo solo dal tuo ridottissimo oblò
            Da quando posso procurarmelo a 5 centesimi, si, a
            5 euro mi fa proprio
            schifo.e non ti fa schifo chi vive alle spalle degli altri?
            I referendum erano per vietare il nucleare in
            italia e il copyright
            sull'acqua.
            E abbiamo raggiunto l'obiettivo!
            uno che si informa di problemi sociali dvrebbe anche essere a conoscenza dei tagli alla cultura che pesano su tutto, ma parlare con chi vive del suo orticello mi pare troppo in effetti.
            Tranquillo che quando ci sara' da scuotere le
            coscienze quando ci sara' un referendum per
            decidere dei fondi alla ricerca saro' di nuovo in
            prima
            linea.se sarai d'accordo.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Sagace

            No, non si attacca.

            O meglio, si attacca per il fatto che non
            puo'

            fruire dello spettacolo dal vivo, e dovra'

            accontentarsi di una ripresa registrata dello

            stesso.




            che non faranno perchè non gli interessa farla, a
            protezione dell'originale come tu e qualcuno
            avete detto in 1000 post su altre notizie. quindi
            si attacca.E che si attacchi. Non capisco il problema.

            Quindi e' dove vivi tu, che la gente
            preferisce

            Amici.



            dove vivo io non c'è il bacino di utenza
            sufficiente a far muovere una compagnia teatrale
            oppure dovrebbero avere prezzi troppo alti. Ti
            ripeto: tu vedi il mondo solo dal tuo
            ridottissimo oblòDove vivi tu ci saranno altri vantaggi.Vivere in un certo posto e' anche una scelta.Hai scelto di vivere in quel posto? Evidentemente avrai un vantaggio ben compensato dal dover rinunciare ad andare a teatro.

            Da quando posso procurarmelo a 5 centesimi,
            si,
            a

            5 euro mi fa proprio

            schifo.

            e non ti fa schifo chi vive alle spalle degli
            altri?Si che mi fa schifo.Tipo gli editori e gli intermediari.

            I referendum erano per vietare il nucleare in

            italia e il copyright

            sull'acqua.

            E abbiamo raggiunto l'obiettivo!



            uno che si informa di problemi sociali dvrebbe
            anche essere a conoscenza dei tagli alla cultura
            che pesano su tutto, ma parlare con chi vive del
            suo orticello mi pare troppo in
            effetti.Tagli alla cultura ostacolano la creazione di nuove opere.Io mi sto battendo per la libera circolazione di quelle che gia' ci sono.Sono cose diverse.

            Tranquillo che quando ci sara' da scuotere le

            coscienze quando ci sara' un referendum per

            decidere dei fondi alla ricerca saro' di
            nuovo
            in

            prima

            linea.

            se sarai d'accordo.O se saro' contrario... sicuramente saro' in prima linea a combattere per la parte giusta, visto che l'argomento mi interessa.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Sagace





            Riformulo il concetto: finche' il teatro


            continuera' a funzionare, a maggior
            ragione


            funzionerebbe il proiettare la
            pellicola
            in


            proprio.





            Il teatro non funziona infatti, informati.

            Funziona cosi' male che non riesco mai a trovare
            i
            biglietti.
            Hai provato a pagarli? :D
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: panda rossa

            I gruppi che pubblicano su jamendo riempiono
            le

            sale dove si

            esibiscono.

            fonte ?panda rossa: una garanzia :D
      • Sagace scrive:
        Re: I pirati le hanno prese


        Facciamo nmila a 2, che è un po' più vicina al
        vero: per quanto ti sforzi ad impedire la copia
        di materiale informatico ho, sinceramente, perso
        il conto dei crack operati contro protezioni,
        sistemi anti-copia e quant'altro. Nemmeno
        Palladium ha resistito una volta che l'attacco è
        stato portato direttamente al chip e da li' sono
        state estratte le chiavi per la
        decodifica.
        No, io non voglio impedire la copia di niente, non ci siamo capiti. Io sto solo sostenendo l'idea che chi produce una qualsiasi opera d'ingegno (persona fisica o azienda che sia) debba essere tutelata per un periodo di tempo ragionevole. La mia idea si contrappone al pensiero "la copia non vale niente" perchè in realtà la copia si porta dietro il lavoro fatto da diverse persone. Quando si discute di queste cose i vari personaggi che ho citato si scontrano con le loro stesse idee.
        C'e' poco da dire: Se Melies avesse rilasciato le
        sue opere sotto copyright avrebbe guadagnato meno
        all'inizio, ma poi avrebbe fatto una barca di
        quattrini e le sue opere si sarebbero diffuse
        molto rapidamente. Ha optato per la vendita
        diretta di ogni pellicola, con la conseguenza che
        i possessori delle medesime hanno potuto, a buon
        diritto, farne ciò che
        volevano.Melies avrà scelto l'idea commerciale sbagliata, può darsi che ci guadagnava di più a visione piuttosto che a vendita della copia, non lo metto in dubbio. E' il concetto che sta alla base però che a me importa, trasponi l'esempio di Melies ai giorni d'oggi dove la copia non costa niente, Melies senza nessuna tutela non sarebbe neppure arrivato a fare il secondo di cortometraggio. Io qua parlo di autori, non di sanguisughe. Se tu mi scrivi il software e lo vuoi rilasciare sotto gpl ben venga, ma se invece vuoi venderlo a copia non trovo corretto che io lo "forzi" per questo. Il modello commerciale della vendita a copia, per quanto antipatica, è quella che consente un maggior futuro per chi produce che può investire su nuove versioni. Guarda caso i prodotti più "desiderati" sono quasi sempre quelli a pagamento. A me non pare che nel mondo della musica la gente si ammazza per andare ad ascoltare i gruppi che pubblicano su jamendo piuttosto che nel software dove la roba più scaricata è quella commerciale. Quando nascono le alternative valide gratuite attecchiscono e come, basti pensare a firefox ad esempio. E magari chi prima produceva un software a pagamento è costretto a rivedere i suoi prezzi o dare un valore aggiunto che giustifichi la cifra da spendere. on ci vedo nulla di sbagliato in questo sistema.
        Alla faccia del bicarbonato di sodio.
        Io più che deriva parlerei di perversione delle
        regole.
        Al momento i diritti rendono di più agli eredi
        dei titolari, che agli artisti stessi o i loro
        editori.E' quello che dico anche io

        Fosse solo quello.
        Persone che infilavano, ignare, CD/DVD e giochi
        nei loro computer e se li ritrovavano "infettati"
        da malware perché i sistemi di protezione
        lasciavano aperte, all'insaputa dell'utente,
        porte sul firewall o direttamente sul
        PC.
        Utenti che, da un giorno ad un altro, vedevano
        sparire il loro e-book dal loro lettore in
        seguito ad un aggiornamento. Professionisti che
        vedevano cancellata la loro rubrica perché si
        trattava di software "non previsto" dal
        dispositivo. Giocatori che si ritrovavano con la
        console bloccata a causa di un joypad compatibile
        invece di uno originale... and so
        on.
        Sfondi una porta aperta, non c'è dubbio su quel che dici, la mia proposta infatti è di trovare una soluzione a queste pratiche scorrette ed al contempo dare merito a chi produce (se merita). Ti pare sbagliato?
        Tutto questo in aperta violazione delle leggi
        presenti nei rispettivi paesi e in nome della
        difesa della proprietà
        intellettuale.

        Nota bene: queste ROGNE le hanno avute gli utenti
        onesti, chi ha "craccato" la propria console,
        fatto XXXXXXXXX del proprio telefonino, craccato
        giochi e sprotetto sistemi vari, si è ritrovato
        immune a tutti i tentativi fatti dai vari
        "titolari" per buttare fuori gli
        "abusivi".
        ti ripeto: hai pienamente ragione, niente da dire a riguardo.
        Questo atteggiamento arrogante e completamente
        contrario al diritto ha causato, negli utenti,
        diffidenza e una sorta di giustificazione nei
        confronti di azioni considerate illecite
        (download, condivisione e utilizzo di software
        senza
        licenza).
        Bhè, ci sarebbe da dire che se proprio uno volesse fare l'onesto potrebbe anche comprarsi il prodotto originale e poi scaricarsi la versione piratata. Però non è quello che mi sento di suggerire a nessuno, io preferisco evitare i fornitori che mi fregano.
        Capisci che se bastoni l'onesto e premi il
        "ladro" non puoi sperare di risultare simpatico,
        no?
        ma ci mancherebbe
        A questo aggiungi l'impossibilità, nel corso
        della propria vita, di poter fruire dal pubblico
        dominio di film, musica & C, ma solo poter
        attingere a quel che dal Pubblico Dominio arriva
        (sempre più a rilento, man mano che il copyright
        si estende, pure retroattivamente) e capisci da
        te che succedono cose
        antipatiche.
        più che d'accordo
        O la gente si stufa e comincia a scaricare a
        manetta fregandosene in scioltezza di norme
        assurde, o si stufa e basta e fa
        ALTRO.
        Come me, ad esempio.
        io inevce non scarico perchè riesco a trovare quello che voglio a prezzi ragionevoli e senza protezioni. Su alcune cose scendo a compromessi ma perchè mi va bene, ad esempio a volte compro giochi da steam sapendo benissimo che magari un giorno mi chiudono tutto e perdo il gioco, ma nel mio caso quando spendo 10 euro o anche meno per passare 10-20 ore a divertirmi so già che non mi interesserà rigiocarci tra un anno, figuriamoci tra 5 o 10 o 50.
        Un saluto
        GTun saluto a te
      • shevathas scrive:
        Re: I pirati le hanno prese

        stato portato direttamente al chip e da li' sono
        state estratte le chiavi per la
        decodifica.
        separiamo i due discorsi: una cosa è il cercare di impedire di compiere una cosa ed un altra è la legge che sanziona chi la compie. Anche se indossi giubbotti antiproiettile potresti tranquillamente venire fatto fuori, ma non mi sembra che per questo motivo sia stata chiesta la depenalizzazione dell'omicidio.
        Alla faccia del bicarbonato di sodio.
        Io più che deriva parlerei di perversione delle
        regole.
        Al momento i diritti rendono di più agli eredi
        dei titolari, che agli artisti stessi o i loro
        editori.
        su questo sfondi una porta aperta. Ma la cura per un ecXXXXX non è di certo buttarsi nell'ecXXXXX opposto.
        Tutto questo in aperta violazione delle leggi
        presenti nei rispettivi paesi e in nome della
        difesa della proprietà
        intellettuale.
        e in quei casi le ditte produttrici sarebbero state da sanzionare pesantemente, molto pesantemente. Purtroppo la gente è stupida e compra. Se le PS3 sarebbero rimaste sugli scaffali la sony sarebbe scesa a più miti consigli.
        Questo atteggiamento arrogante e completamente
        contrario al diritto ha causato, negli utenti,
        diffidenza e una sorta di giustificazione nei
        confronti di azioni considerate illecite
        (download, condivisione e utilizzo di software
        senza
        licenza).
        ovvero tornare al far west. Peccato che il farwest non convenga se tu hai arco e frecce e il tuo avversario un gruppo di fucilieri.
        O la gente si stufa e comincia a scaricare a
        manetta fregandosene in scioltezza di norme
        assurde, o si stufa e basta e fa
        ALTRO.
        Come me, ad esempio.
        è meglio fare altro. scaricare la sgallettata di turno significa dare motivi alle major per frignare. Boicottarla significa che verrà spedita rapidamente dove merita. Btw per eliminare quella porcheria del grande fratello dai palinsesti è bastato non guardarlo e conseguentemente far calare gli ascolti. Appelli alla moralità o contro la telespazzatura invece non hanno avuto effetto.
        • panda rossa scrive:
          Re: I pirati le hanno prese
          - Scritto da: shevathas

          stato portato direttamente al chip e da li'
          sono

          state estratte le chiavi per la

          decodifica.


          separiamo i due discorsi: una cosa è il cercare
          di impedire di compiere una cosa ed un altra è la
          legge che sanziona chi la compie. Anche se
          indossi giubbotti antiproiettile potresti
          tranquillamente venire fatto fuori, ma non mi
          sembra che per questo motivo sia stata chiesta la
          depenalizzazione
          dell'omicidio.Tuttavia ci sono state leggi che servivano a normare determinati comportamenti, che alla fine sono state abrogate su movimenti dal basso.Vedi il caso del divorzio, o dell'aborto.Oggi si discute sulla cittadinanza italiana a chi nasce in italia, si discute sulle coppie di fatto, sull'eutanasia, sull'articolo 18.Oggi le leggi dicono certe cose che non sono condivise da tutti.Mentre per l'omicidio la stragrande maggioranza della popolazione ritiene che sia giusto vietarlo e condannare l'omicida, per altri temi questa maggioranza non c'e', o sta diminuendo sensibilmente, fino a quando si arrivera' a riscrivere la legge o a depenalizzare cio' che oggi e' considerato reato.Quindi il dire "e' illegale" e' una scusa bella e buona da parte di chi teme il confronto perche' sa che stiamo parlando di una legge non condivisa, non accettata, non riconosciuta, e sistematicamente violata senza neppure che la gente lo percepisca.

          Alla faccia del bicarbonato di sodio.

          Io più che deriva parlerei di perversione
          delle

          regole.

          Al momento i diritti rendono di più agli
          eredi

          dei titolari, che agli artisti stessi o i
          loro

          editori.


          su questo sfondi una porta aperta. Ma la cura per
          un ecXXXXX non è di certo buttarsi nell'ecXXXXX
          opposto."Chiedi 100 per avere 10." (cit.)

          Tutto questo in aperta violazione delle leggi

          presenti nei rispettivi paesi e in nome della

          difesa della proprietà

          intellettuale.


          e in quei casi le ditte produttrici sarebbero
          state da sanzionare pesantemente, molto
          pesantemente. Purtroppo la gente è stupida e
          compra. Se le PS3 sarebbero rimaste sugli
          scaffali la sony sarebbe scesa a più miti
          consigli.


          Questo atteggiamento arrogante e
          completamente

          contrario al diritto ha causato, negli
          utenti,

          diffidenza e una sorta di giustificazione nei

          confronti di azioni considerate illecite

          (download, condivisione e utilizzo di
          software

          senza

          licenza).


          ovvero tornare al far west. Peccato che il
          farwest non convenga se tu hai arco e frecce e il
          tuo avversario un gruppo di
          fucilieri.100 fucilieri non possono nulla contro milioni di frecce.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Tuttavia ci sono state leggi che servivano a
            normare determinati comportamenti, che alla fine
            sono state abrogate su movimenti dal
            basso.
            Vedi il caso del divorzio, o dell'aborto.
            le leggi cambiano è vero. Ma fin quando sono in vigore si dovrebbero rispettare.
            Oggi si discute sulla cittadinanza italiana a chi
            nasce in italia, si discute sulle coppie di
            fatto, sull'eutanasia, sull'articolo
            18.

            Oggi le leggi dicono certe cose che non sono
            condivise da
            tutti.
            Mentre per l'omicidio la stragrande maggioranza
            della popolazione ritiene che sia giusto vietarlo
            e condannare l'omicida, per altri temi questa
            maggioranza non c'e', o sta diminuendo
            sensibilmente, fino a quando si arrivera' a
            riscrivere la legge o a depenalizzare cio' che
            oggi e' considerato
            reato.quando verrà depenalizzata non sarà reato

            Quindi il dire "e' illegale" e' una scusa bella e
            buona da parte di chi teme il confronto perche'
            sa che stiamo parlando di una legge non
            condivisa, non accettata, non riconosciuta, e
            sistematicamente violata senza neppure che la
            gente lo
            percepisca.
            e allora si abbia l'onestà di chiederne l'abrogazione. Si raccolgano le firme e si proceda ad un referendum abrogativo. Quello che non si può accettare è: la legge non la riconosco e quindi la violo ma non voglio essere sanzionato per questo.
            "Chiedi 100 per avere 10." (cit.)
            se invece chiedi 100.000 rischi solo di farti ridere dietro.
            100 fucilieri non possono nulla contro milioni di
            frecce.ma stai tranquillo che lasciano un bel po di cadaveri al suolo.
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas


            "Chiedi 100 per avere 10." (cit.)


            se invece chiedi 100.000 rischi solo di farti
            ridere
            dietro.Se chiedessi 100.000 sarebbe per avere 10.000.


            100 fucilieri non possono nulla contro
            milioni
            di

            frecce.

            ma stai tranquillo che lasciano un bel po di
            cadaveri al suolo.Pazienza.E' il prezzo da pagare per avere la certezza di eliminare per sempre quei 100 fucilieri.I nomi di coloro che saranno caduti nell'azione, verranno ricordati.I sopravvissuti invece andranno ad urinare sopra i corpi dei 100 fucilieri, come hanno fatto i marines recentemente in afghanistan.Tu da che parte vuoi stare?
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Tuttavia ci sono state leggi che

            servivano a normare determinati

            comportamenti, che alla fine sono

            state abrogate su movimenti dal

            basso.

            Vedi il caso del divorzio, o dell'aborto.
            le leggi cambiano è vero. Ma fin quando sono in
            vigore si dovrebbero rispettare.Non necessariamente, esite la disobbedienza civile.

            Quindi il dire "e' illegale" e' una

            scusa bella e buona da parte di chi

            teme il confronto perche' sa che

            stiamo parlando di una legge non

            condivisa, non accettata, non

            riconosciuta, e sistematicamente

            violata senza neppure che la gente

            lo percepisca.
            e allora si abbia l'onestà di chiederne
            l'abrogazione. Si raccolgano le firme e
            si proceda ad un referendum abrogativo.
            Quello che non si può accettare è: la
            legge non la riconosco e quindi la violo
            ma non voglio essere sanzionato per
            questo.Ma questa ridicolaggine la pui pensare solo tu !!!Non e' che basta scrivere la propria opinione su un forum per non essere arrestati se si commette un reato, dai stai scendendo nel ridicolo !

            100 fucilieri non possono nulla

            contro milioni di frecce.
            ma stai tranquillo che lasciano un
            bel po di cadaveri al suolo.Cosi' e' la guerra, mi stupisce che qualcuno se ne stupisca ancora...
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Non necessariamente, esite la disobbedienza
            civile.
            disobbedienza civile significa violare platealmente la legge con tutte le conseguenze del caso. Non significa non venire puniti perché non si riconosce valida tale legge.
            Ma questa ridicolaggine la pui pensare solo tu !!!
            Non e' che basta scrivere la propria opinione su
            un forum per non essere arrestati se si commette
            un reato, dai stai scendendo nel ridicolo
            !
            mi spieghi dove ho scritto la XXXXXta che stai tentando di mettermi in bocca ?
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Non necessariamente, esite la disobbedienza

            civile.


            disobbedienza civile significa violare
            platealmente la legge con tutte le conseguenze
            del caso. Non significa non venire puniti perché
            non si riconosce valida tale
            legge.


            Ma questa ridicolaggine la pui pensare solo
            tu
            !!!

            Non e' che basta scrivere la propria
            opinione
            su

            un forum per non essere arrestati se si
            commette

            un reato, dai stai scendendo nel ridicolo

            !


            mi spieghi dove ho scritto la XXXXXta che stai
            tentando di mettermi in bocca
            ?appena impara a leggere... :D
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: shevathas


            Non necessariamente, esite la
            disobbedienza


            civile.




            disobbedienza civile significa violare

            platealmente la legge con tutte le
            conseguenze

            del caso. Non significa non venire puniti
            perché

            non si riconosce valida tale

            legge.




            Ma questa ridicolaggine la pui pensare
            solo

            tu

            !!!


            Non e' che basta scrivere la propria

            opinione

            su


            un forum per non essere arrestati se si

            commette


            un reato, dai stai scendendo nel
            ridicolo


            !




            mi spieghi dove ho scritto la XXXXXta che
            stai

            tentando di mettermi in bocca

            ?
            appena impara a leggere... :DNon dare del tuo agli altri... Guarda che non ho studiato italiano su PI come molti qua.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Non necessariamente, esite la

            disobbedienza civile.
            disobbedienza civile significa violare
            platealmente la legge con tutte le
            conseguenze del caso. Non significa non
            venire puniti perché non si riconosce
            valida tale legge.Infatti si scarica e quando e se arrivera' la finanza a prendere mica si pensa di fare resistenza armata o dichiararsi provenienti da un altro pianeta, mica mi sto attaccando illegalmente al tuo wireless eh uso il mio ip.

            Ma questa ridicolaggine la pui

            pensare solo tu !!!

            Non e' che basta scrivere la propria

            opinione su un forum per non essere

            arrestati se si commette un reato, dai

            stai scendendo nel ridicolo !
            mi spieghi dove ho scritto la XXXXXta che stai
            tentando di mettermi in bocca ?Tue parole: " Quello che non si può accettare è: la legge non la riconosco e quindi la violo ma non voglio essere sanzionato per questo. "
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            mi spieghi dove ho scritto la XXXXXta che
            stai

            tentando di mettermi in bocca ?

            Tue parole: " Quello che non si può accettare è:
            la legge non la riconosco e quindi la violo ma
            non voglio essere sanzionato per questo.
            "riformulazione in italiano semplificato:io non riconosco la legge e quindi la violo, ma non voglio venire sanzionato a causa della mia violazione della legge.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas


            mi spieghi dove ho scritto


            la XXXXXta che stai tentando di


            mettermi in bocca ?

            Tue parole: " Quello che non si

            può accettare è: la legge non la

            riconosco e quindi la violo ma

            non voglio essere sanzionato per

            questo. "
            riformulazione in italiano semplificato:Guarda che e' sempre la stessa ridicolaggine, senti fai questa prova, scrivi qua che non vuoi essere multato da un vigile e poi prendi la macchina, la molli in mezzo ad un incrocio e aspetti; se poi un vigile ti vuole multare gli presenti la stampa del post di PI in cui dichiari che non vuoi multe.
            io non riconosco la legge e quindi la
            violo, ma non voglio venire sanzionato
            a causa della mia violazione della
            legge.Ma tu sei al delirio !!!Ma sei veramente convinto che qualcuno la possa pensare a questo modo ?! Bah !!
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Guarda che e' sempre la stessa ridicolaggine,
            senti fai questa prova, scrivi qua che non vuoi
            essere multato da un vigile e poi prendi la
            macchina, la molli in mezzo ad un incrocio e
            aspetti; se poi un vigile ti vuole multare gli
            presenti la stampa del post di PI in cui dichiari
            che non vuoi
            multe.
            mi sembra di aver scritto per primo che quanto sopra sia veramente ridicolo.

            io non riconosco la legge e quindi la

            violo, ma non voglio venire sanzionato

            a causa della mia violazione della

            legge.

            Ma tu sei al delirio !!!
            Ma sei veramente convinto che qualcuno la possa
            pensare a questo modo ?! Bah
            !!uno qualunque a caso (newbie)
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Guarda che e' sempre la stessa

            ridicolaggine, senti fai questa

            prova, scrivi qua che non vuoi

            essere multato da un vigile e

            poi prendi la macchina, la molli

            in mezzo ad un incrocio e aspetti;

            se poi un vigile ti vuole multare

            gli presenti la stampa del post

            di PI in cui dichiari che non vuoi

            multe.
            mi sembra di aver scritto per primo
            che quanto sopra sia veramente
            ridicolo.Fortunatamente a parte te questa cag@ata non la sostiene nessuno, c'e' chi vorrebbe cambiare le leggi, chi vuole disobbedirvi, chi vuole discuterne, ma per fortunatamente mi sembri l'unico cosi' malato da aver scritto una roba come quella che hai scritto (del resto ti ho quotato).
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: shevathas


            Guarda che e' sempre la stessa


            ridicolaggine, senti fai questa


            prova, scrivi qua che non vuoi


            essere multato da un vigile e


            poi prendi la macchina, la molli


            in mezzo ad un incrocio e aspetti;


            se poi un vigile ti vuole multare


            gli presenti la stampa del post


            di PI in cui dichiari che non vuoi


            multe.


            mi sembra di aver scritto per primo

            che quanto sopra sia veramente

            ridicolo.

            Fortunatamente a parte te questa cag@ata non la
            sostiene nessuno, c'e' chi vorrebbe cambiare le
            leggi, chi vuole disobbedirvi, chi vuole
            discuterne, ma per fortunatamente mi sembri
            l'unico cosi' malato da aver scritto una roba
            come quella che hai scritto (del resto ti ho
            quotato).http://www.oneworlditaliano.com/
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: shevathas



            Guarda che e' sempre la stessa



            ridicolaggine, senti fai questa



            prova, scrivi qua che non vuoi



            essere multato da un vigile e



            poi prendi la macchina, la molli



            in mezzo ad un incrocio e aspetti;



            se poi un vigile ti vuole multare



            gli presenti la stampa del post



            di PI in cui dichiari che non vuoi



            multe.




            mi sembra di aver scritto per primo


            che quanto sopra sia veramente


            ridicolo.



            Fortunatamente a parte te questa cag@ata non
            la

            sostiene nessuno, c'e' chi vorrebbe cambiare
            le

            leggi, chi vuole disobbedirvi, chi vuole

            discuterne, ma per fortunatamente mi sembri

            l'unico cosi' malato da aver scritto una roba

            come quella che hai scritto (del resto ti ho

            quotato).

            http://www.oneworlditaliano.com/Grazie dell'esempio tra la coerenza tra le tue risposte alle affermazioni altrui.
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: shevathas

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: shevathas




            Guarda che e' sempre la
            stessa





            ridicolaggine, senti fai
            questa





            prova, scrivi qua che non vuoi




            essere multato da un vigile e




            poi prendi la macchina, la
            molli





            in mezzo ad un incrocio e
            aspetti;





            se poi un vigile ti vuole
            multare




            gli presenti la stampa del
            post





            di PI in cui dichiari che non
            vuoi




            multe.






            mi sembra di aver scritto per
            primo




            che quanto sopra sia veramente



            ridicolo.





            Fortunatamente a parte te questa
            cag@ata
            non

            la


            sostiene nessuno, c'e' chi vorrebbe
            cambiare

            le


            leggi, chi vuole disobbedirvi, chi vuole


            discuterne, ma per fortunatamente mi
            sembri


            l'unico cosi' malato da aver scritto
            una
            roba


            come quella che hai scritto (del resto
            ti
            ho


            quotato).



            http://www.oneworlditaliano.com/

            Grazie dell'esempio tra la coerenza tra le tue
            risposte alle affermazioni
            altrui.[img]http://www.cinemaerrante.it/wp-content/gallery/spiderman/spiderman_6.jpg[/img]
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: shevathas


            - Scritto da: krane



            - Scritto da: shevathas





            Guarda che e' sempre la

            stessa







            ridicolaggine, senti fai

            questa







            prova, scrivi qua che
            non
            vuoi





            essere multato da un
            vigile e






            poi prendi la macchina,
            la

            molli







            in mezzo ad un incrocio e

            aspetti;







            se poi un vigile ti vuole

            multare





            gli presenti la stampa
            del

            post







            di PI in cui dichiari
            che
            non

            vuoi





            multe.








            mi sembra di aver scritto per

            primo






            che quanto sopra sia veramente




            ridicolo.







            Fortunatamente a parte te questa

            cag@ata

            non


            la



            sostiene nessuno, c'e' chi vorrebbe

            cambiare


            le



            leggi, chi vuole disobbedirvi, chi
            vuole



            discuterne, ma per fortunatamente
            mi

            sembri



            l'unico cosi' malato da aver
            scritto

            una

            roba



            come quella che hai scritto (del
            resto

            ti

            ho



            quotato).





            http://www.oneworlditaliano.com/



            Grazie dell'esempio tra la coerenza tra le
            tue

            risposte alle affermazioni

            altrui.
            Si, ho capito che hai finito gli argomenti oppure non sai esprimerli !!
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: shevathas

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: shevathas



            - Scritto da: krane




            - Scritto da: shevathas






            Guarda che e'
            sempre
            la


            stessa









            ridicolaggine,
            senti
            fai


            questa









            prova, scrivi qua
            che

            non

            vuoi






            essere multato da un

            vigile e








            poi prendi la
            macchina,

            la


            molli









            in mezzo ad un
            incrocio
            e


            aspetti;









            se poi un vigile ti
            vuole


            multare






            gli presenti la
            stampa

            del


            post









            di PI in cui
            dichiari

            che

            non


            vuoi






            multe.










            mi sembra di aver
            scritto
            per


            primo








            che quanto sopra sia
            veramente





            ridicolo.









            Fortunatamente a parte te
            questa


            cag@ata


            non



            la




            sostiene nessuno, c'e' chi
            vorrebbe


            cambiare



            le




            leggi, chi vuole
            disobbedirvi,
            chi

            vuole




            discuterne, ma per
            fortunatamente

            mi


            sembri




            l'unico cosi' malato da aver

            scritto


            una


            roba




            come quella che hai scritto
            (del

            resto


            ti


            ho




            quotato).







            http://www.oneworlditaliano.com/





            Grazie dell'esempio tra la coerenza tra
            le

            tue


            risposte alle affermazioni


            altrui.



            Si, ho capito che hai finito gli argomenti oppure
            non sai esprimerli
            !!Si, ho capito che hai finito gli argomenti oppurenon sai esprimerli!!
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: krane

            Si, ho capito che hai finito gli argomenti
            oppure

            non sai esprimerli

            !!

            Si, ho capito che hai finito gli argomenti oppure
            non sai esprimerli
            !!HITLER!Legge di Godwin.Ramo chiuso! 8)
          • Sirio scrive:
            Re: I pirati le hanno prese


            Tuttavia ci sono state leggi che servivano a
            normare determinati comportamenti, che alla fine
            sono state abrogate su movimenti dal
            basso.
            Vedi il caso del divorzio, o dell'aborto.

            Oggi si discute sulla cittadinanza italiana a chi
            nasce in italia, si discute sulle coppie di
            fatto, sull'eutanasia, sull'articolo
            18.

            Oggi le leggi dicono certe cose che non sono
            condivise da
            tutti.
            Mentre per l'omicidio la stragrande maggioranza
            della popolazione ritiene che sia giusto vietarlo
            e condannare l'omicida, per altri temi questa
            maggioranza non c'e', o sta diminuendo
            sensibilmente, fino a quando si arrivera' a
            riscrivere la legge o a depenalizzare cio' che
            oggi e' considerato
            reato.

            Quindi il dire "e' illegale" e' una scusa bella e
            buona da parte di chi teme il confronto perche'
            sa che stiamo parlando di una legge non
            condivisa, non accettata, non riconosciuta, e
            sistematicamente violata senza neppure che la
            gente lo
            percepisca.
            A parte il fatto che "uno qualsiasi" dice che scaricare materiale protetto da diritto d'autore non è reato (e quindi non serve cambiare nessuna legge), faccio presente che a parte il partito pirata nessuno sta facendo niente per cambiarle queste leggi, non mi sembra che ci siano manifestazioni in piazza o raccolte firme. Eppure il consenso popolare sarebbe altissimo vista tutta la gente che scarica.Se poi aggiungiamo questa proposta a quella famosa "più gnocca per tutti" allora penso che un neo partito possa vincere a man bassa.
        • Guybrush scrive:
          Re: I pirati le hanno prese
          - Scritto da: shevathas[...]
          separiamo i due discorsi: una cosa è il cercare
          di impedire di compiere una cosa ed un altra è la
          legge che sanziona chi la compie. Anche se
          indossi giubbotti antiproiettile potresti
          tranquillamente venire fatto fuori, ma non mi
          sembra che per questo motivo sia stata chiesta la
          depenalizzazione
          dell'omicidio.Spiega meglio l'esempio, così non è chiaro per nulla.[]
          su questo sfondi una porta aperta. Ma la cura per
          un ecXXXXX non è di certo buttarsi nell'ecXXXXX
          opposto.Non sto parlando di "curare" sto parlando di "stroncare" e l'unico modo serio è fare altro.Altro che non contempli proprio la fruizione, ad alcun titolo, di opere protette.Non posso condividere opere? E chi l'ha detto? Io ho più di 200 titoli originali che presto agli amici. E' condivisione anche questa ed è permessa dalla legge (diritto di proprietà). Posso portare con me il DVD e guardarlo insieme ad un compagno di viaggio, in treno. Azz... terribile, anche questa è una "violazione" del copyright? Come sono dispiaciuto. Purtroppo il diritto di proprietà che ho sul supporto fisico mi consente di fare questo e molto altro.Pensa: alcuni DVD li ho lasciati su una panchina, con una scheda all'interno per il book crossing. Le custodie sono a tenuta stagna (abbastanza) e viaggiano che è un piacere. Ogni scambio = 1 mancata vendita, ogni "condivisione" con gli amici sono altre mancate vendite. Vista in quest'ottica come la mettiamo? Che con 200 DVD originali riesco a causare "danni" (a 15 euro a dvd) per 3000 euro l'anno? Suvvia.
          e in quei casi le ditte produttrici sarebbero
          state da sanzionare pesantemente, molto
          pesantemente. Purtroppo la gente è stupida e
          compra. Se le PS3 sarebbero rimaste sugli
          scaffali la sony sarebbe scesa a più miti
          consigli.Ma avendo i loro bravi lobbysti a Bruxelles riescono a farla franca. In ogni caso ormai posso dire di aver chiuso con cinema e film. In 2 anni e mezzo ho visto 2 film al cinema.
          ovvero tornare al far west. Peccato che il
          farwest non convenga se tu hai arco e frecce e il
          tuo avversario un gruppo di
          fucilieri.Non funziona così. Un computer è uguale per tutti. Se tu con un computer x86 hai scritto il rootkit che mi ha stroncato il PC, io con lo stesso identico strumento posso ricambiarti il favore. E noi non siamo un'azienda, siamo i milioni di utenti che hai danneggiato. Basta che su 1.000.000 di utenti, tutti in rete, uno solo trovi il modo e tutti gli altri 999.999 hanno la possibilità di fare altrettanto. Fatti due conti e vedi che NON ti conviene.
          è meglio fare altro. scaricare la sgallettata di
          turno significa dare motivi alle major per
          frignare. Boicottarla significa che verrà spedita
          rapidamente dove merita.Concordo, e se la politica ufficiale non si muove, ci pensano gli utenti con il passaparola.
          Btw per eliminare quella
          porcheria del grande fratello dai palinsesti è
          bastato non guardarlo e conseguentemente far
          calare gli ascolti. Appelli alla moralità o
          contro la telespazzatura invece non hanno avuto
          effetto.La mossa "vincente" è stata: non parlarne.GT
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Spiega meglio l'esempio, così non è chiaro per
            nulla.
            diciamo che il non poter impedire una cosa non la rende automaticamente legale.
            Posso portare
            con me il DVD e guardarlo insieme ad un compagno
            di viaggio, in treno. Azz... terribile, anche
            questa è una "violazione" del copyright? no, cade nel fair use. E' perfettamente lecito.
            Come
            sono dispiaciuto. Purtroppo il diritto di
            proprietà che ho sul supporto fisico mi consente
            di fare questo e molto
            altro.
            Pensa: alcuni DVD li ho lasciati su una panchina,
            con una scheda all'interno per il book crossing.
            uso lecito anche questo e allora ?
            Le custodie sono a tenuta stagna (abbastanza) e
            viaggiano che è un piacere. Ogni scambio = 1
            mancata vendita, ogni "condivisione" con gli
            amici sono altre mancate vendite. Vista in
            quest'ottica come la mettiamo? Che con 200 DVD
            originali riesco a causare "danni" (a 15 euro a
            dvd) per 3000 euro l'anno?
            Suvvia.
            supponi che invece di prestare il DVD all'amico, ne fai 1.000.000 di copie e li regali agli amici, agli amici degli amici etc. etc. Il danno comincia ad essere rilevante.Fra il fair use, come il vedere il DVD con un amico o il prestarglielo, e la pirateria di massa ci son molte gradazioni intermedie.
            Non funziona così. Un computer è uguale per
            tutti. Se tu con un computer x86 hai scritto il
            rootkit che mi ha stroncato il PC, io con lo
            stesso identico strumento posso ricambiarti il
            favore.
            passando dalla parte della ragione a quella del torto.
            E noi non siamo un'azienda, siamo i milioni di
            utenti che hai danneggiato. Basta che su
            1.000.000 di utenti, tutti in rete, uno solo
            trovi il modo e tutti gli altri 999.999 hanno la
            possibilità di fare altrettanto. Fatti due conti
            e vedi che NON ti conviene.
            per queste cose esistono le leggi ed i risarcimenti. Il problema è che se ci si mette al di fuori delle leggi alla fine vince sempre il più forte, non quello che secondo logica e buon senso, avrebbe ragione.


            è meglio fare altro. scaricare la
            sgallettata
            di

            turno significa dare motivi alle major per

            frignare. Boicottarla significa che verrà
            spedita

            rapidamente dove merita.
            Concordo, e se la politica ufficiale non si
            muove, ci pensano gli utenti con il
            passaparola.


            Btw per eliminare quella

            porcheria del grande fratello dai palinsesti
            è

            bastato non guardarlo e conseguentemente far

            calare gli ascolti. Appelli alla moralità o

            contro la telespazzatura invece non hanno
            avuto

            effetto.
            La mossa "vincente" è stata: non parlarne.

            GT
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            per queste cose esistono le leggi ed i
            risarcimenti. Il problema è che se ci si mette al
            di fuori delle leggi alla fine vince sempre il
            più forte, non quello che secondo logica e buon
            senso, avrebbe ragione.Che c'entra apple adesso?
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Spiega meglio l'esempio, così

            non è chiaro per nulla.
            diciamo che il non poter impedire
            una cosa non la rende automaticamente
            legale. G.A.C. (grazie al caz..)

            Posso portare

            con me il DVD e guardarlo insieme

            ad un compagno di viaggio, in treno.

            Azz... terribile, anche questa è una

            "violazione" del copyright?
            no, cade nel fair use. E' perfettamente
            lecito.Quindi se io gli condivido il mio lettore CD via rete e' altrettanto lecito e fair use, giusto ?
            supponi che invece di prestare il DVD all'amico,
            ne fai 1.000.000 di copie e li regali agli amici,
            agli amici degli amici etc. etc. Il danno
            comincia ad essere rilevante.E quindi dove sta il limite ? dopo quanti scambi bisogna riavviare la connessione per resettare il contatore ?
            Fra il fair use, come il vedere il DVD con un
            amico o il prestarglielo, e la pirateria di massa
            ci son molte gradazioni intermedie.No, la tecnologia le ha appiattite, e' dai tempi di win 98 che posso condividere il mio DVD in rete e farlo vedere ad un amico.
            per queste cose esistono le leggi ed i
            risarcimenti. Il problema è che se ci si mette al
            di fuori delle leggi alla fine vince sempre il
            più forte, non quello che secondo logica e buon
            senso, avrebbe ragione.Mi sembra che sia esattamente il punto a cui siamo arrivati ed a cui stiamo reagendo con la pirateria e protestando contro leggi ingiuste.E non e' certo stata la pirateria a portare a questo punto ma l'avidita' delle mayor.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: krane
            No, la tecnologia le ha appiattite, e' dai tempi
            di win 98 che posso condividere il mio DVD in
            rete e farlo vedere ad un
            amico.E' dal tempo dei flintstones che chi ha la clava più grossa vince, è questo il tuo concetto di legge? :D
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: krane

            No, la tecnologia le ha appiattite, e'

            dai tempi di win 98 che posso

            condividere il mio DVD in rete e farlo

            vedere ad un amico.
            E' dal tempo dei flintstones che chi ha
            la clava più grossa vince, è questo il
            tuo concetto di legge?
            :DNon e' il "mio" concetto, ma l'hai appena detto tu che fin dai tempi dei flinstones chi ha la clava piu' grossa vince.
          • Guybrush scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Spiega meglio l'esempio, così non è chiaro
            per

            nulla.



            diciamo che il non poter impedire una cosa non la
            rende automaticamente
            legale.Ti hanno già risposto su questo.Il vietare quello che le leggi di mercato e quelle fisiche consentono, non rende automaticamente colpevole chiunque non si adegui.E' la legge che deve cambiare.Non puoi vincereNon puoi pareggiareNon puoi nemmeno abbandonare.

            Posso portare

            con me il DVD e guardarlo insieme ad un
            compagno

            di viaggio, in treno. Azz... terribile, anche

            questa è una "violazione" del copyright?

            no, cade nel fair use. E' perfettamente lecito.E allora perché l'eula presente dietro ogni supporto legalmente acquistato trovo ogni divieto possibile ed immaginabile?

            Come

            sono dispiaciuto. Purtroppo il diritto di

            proprietà che ho sul supporto fisico mi
            consente

            di fare questo e molto

            altro.

            Pensa: alcuni DVD li ho lasciati su una
            panchina,

            con una scheda all'interno per il book
            crossing.


            uso lecito anche questo e allora ?Rileggi l'eula. Lo so che la LEGGE ITALIANA mi consente di fare questo e la regola imposta dal venditore è nulla. [...]
            supponi che invece di prestare il DVD all'amico,
            ne fai 1.000.000 di copie e li regali agli amici,
            agli amici degli amici etc. etc. Il danno
            comincia ad essere
            rilevante.Non ho 1.000.000 di amici, ma se presto lo stesso DVD a 1.000.000 di persone? Ci sono problemi? Considera che un DVD ben conservato può durare 20 anni, che equivale a 7300 visioni.
            Fra il fair use, come il vedere il DVD con un
            amico o il prestarglielo, e la pirateria di massa
            ci son molte gradazioni
            intermedie.Come sopra. [...]
            passando dalla parte della ragione a quella del
            torto.Parlando di Far West non esiste torto o ragione. Esistono coltelli, colt e fucili.Quando un uomo col coltello incontra un uomo con la colt, l'uomo con il coltello è un uomo morto.Quando un uomo con il fucile incontra un uomo con la colt, l'uomo con la colt...
            per queste cose esistono le leggi ed i
            risarcimenti. Il problema è che se ci si mette al
            di fuori delle leggi alla fine vince sempre il
            più forte, non quello che secondo logica e buon
            senso, avrebbe ragione.Fammi capire: se una multinazionale del menga mi buca il PC e mi frigge il masterizzatore con i suoi sistemi di "protezione" devo stare zitto. Se dico che ho la possibilità di ricambiare il favore e intendo insegnarlo anche ai miei amici... devo rispettare la legge?Stavamo parlando di far west, mi pare.Io ho un fucile e so usarlo.Mhhhh...Facciamo che prima sparo due volte e poi, eventualmente, dico "oh scusa".GT
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: shevathas


            Spiega meglio l'esempio, così non è
            chiaro

            per


            nulla.






            diciamo che il non poter impedire una cosa
            non
            la

            rende automaticamente

            legale.
            Ti hanno già risposto su questo.
            Il vietare quello che le leggi di mercato e
            quelle fisiche consentono, non rende
            automaticamente colpevole chiunque non si
            adegui.ed è qui che sbagliate. Se è vietato dalla legge chi la viola è colpevole della violazione della legge.Poi la legge può essere cretina, idiota, arcaica, questo è pacifico. Le leggi si possono contestare e chiederne il cambiamento, cosa lecitissima.
            E' la legge che deve cambiare.benissimo esistono le raccolte firme, esistono le proposte di legge di iniziativa popolare, esistono i referendum abbrogativi, esistono mille mila modi leciti per cambiare le leggi.



            no, cade nel fair use. E' perfettamente
            lecito.
            E allora perché l'eula presente dietro ogni
            supporto legalmente acquistato trovo ogni divieto
            possibile ed
            immaginabile?
            leggi meglio l'eula allora.


            uso lecito anche questo e allora ?
            Rileggi l'eula. Lo so che la LEGGE ITALIANA mi
            consente di fare questo e la regola imposta dal
            venditore è
            nulla.
            e allora dove è il problema ?
            Non ho 1.000.000 di amici, ma se presto lo stesso
            DVD a 1.000.000 di persone? Ci sono problemi?
            Considera che un DVD ben conservato può durare
            20 anni, che equivale a 7300
            visioni.
            si se ti faccio uno squillo al cellulare mi denunci per stalking ?e se invece facessi 60 squilli ogni ora ?
            Parlando di Far West non esiste torto o ragione.
            Esistono coltelli, colt e
            fucili.
            Quando un uomo col coltello incontra un uomo con
            la colt, l'uomo con il coltello è un uomo
            morto.
            Quando un uomo con il fucile incontra un uomo con
            la colt, l'uomo con la
            colt...
            la scelta sta a voi: legge o far west, ma se scegliete il far west, ovvero del codice civile e delle leggi me ne sbatto altamente, non frignate se scoprite di essere l'uomo con il coltello.
            Fammi capire: se una multinazionale del menga mi
            buca il PC e mi frigge il masterizzatore con i
            suoi sistemi di "protezione" devo stare zitto. Se
            dico che ho la possibilità di ricambiare il
            favore e intendo insegnarlo anche ai miei
            amici... devo rispettare la
            legge?è una tua scelta, potresti scegliere di denunciare la sony e piazzarci una class action per avere il risarcimento dei danni oppure decidere di giocare sXXXXX. Ma se si inizia a giocare sXXXXX non stupirti se anche il tuo avversario tira botte sotto la cintura.
            Stavamo parlando di far west, mi pare.
            Io ho un fucile e so usarlo.
            Mhhhh...
            Facciamo che prima sparo due volte e poi,
            eventualmente, dico "oh
            scusa".

            GTocchio al 7° cavalleggeri ;)
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: Guybrush

            - Scritto da: shevathas
            è una tua scelta, potresti scegliere di
            denunciare la sony e piazzarci una class action
            per avere il risarcimento dei danni oppure
            decidere di giocare sXXXXX. Ma se si inizia a
            giocare sXXXXX non stupirti se anche il tuo
            avversario tira botte sotto la
            cintura.Emmm no, in italia in quel periodo non era consentito dalla LEGGE denunciare sony. Negli usa e' bastato un singolo giudice a bloccare la protesta di migliaia di utenti, sai e' la LEGGE; inoltre sony sta tendtando di far passare per legge la possibilita' di non farsi denunciare dai clienti tramite class action, modificando unilateralmente i termini duso del PlayStation Network.Tutto a norma di legge, quindi al singolo cittadino cosa resta ?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 febbraio 2012 15.54-----------------------------------------------------------
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: shevathas

            - Scritto da: Guybrush


            - Scritto da: shevathas


            è una tua scelta, potresti scegliere di

            denunciare la sony e piazzarci una class
            action

            per avere il risarcimento dei danni oppure

            decidere di giocare sXXXXX. Ma se si inizia a

            giocare sXXXXX non stupirti se anche il tuo

            avversario tira botte sotto la

            cintura.

            Emmm no, in italia in quel periodo non era
            consentito dalla LEGGE denunciare sony.e da quando in qua, in italia una legge vieta di denunciare ?
            Negli usa
            e' bastato un singolo giudice a bloccare la
            protesta di migliaia di utenti, sai e' la LEGGE;
            inoltre sony sta tendtando di far passare per
            legge la possibilita' di non farsi denunciare dai
            clienti tramite class action, modificando
            unilateralmente i termini duso del PlayStation
            Network.
            può modificare quello che vuole. Basta iniziare a lasciare le playstation sugli scaffali e sfanculare il PSN. E vedi come abbasseranno la cresta.
            Tutto a norma di legge, quindi al singolo
            cittadino cosa resta
            ?l'arma più potente di tutte: il suo portafoglio.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            l'arma più potente di tutte: il suo portafoglio.ti rispondo io per lui: ma io scarico tutto AGGRATISE :D
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: shevathas

            l'arma più potente di tutte: il suo
            portafoglio.
            ti rispondo io per lui: ma io scarico tutto
            AGGRATISE
            :D1) risposta trollosa:e allora cosa pretendi dalla sony ? 2) risposta seriae io ti posso rispondere portandoti come esempio "il grande fratello"; per anni ci son stati tanti fracassamenti di maroni che era una trasmissione vacua, l'esaltazione della cafonaggine, il niente televisivo assoluto, diseducativo, cafone e volgare.Eppure fino a che c'è stato interesse, la ggente andava in discoteca per vedere il tipo del GF, si compravano le riviste che parlavano dei tizi, si facevano abbonamenti a sky e mediaset premium, puntualmente te lo propugnavano. Adesso che la gente ha smesso di guardarlo, ovvero non c'è più interesse, il portafoglio non si apre più, lo eliminano dal palinsesto.Scaricare a iosa un cantante fa capire che c'è l'interesse verso di lui, che c'è mercato o diretto o su prodotti derivati, ecco perché ti trovi lady gaga ovunque e i gruppi di jamendo riempiono al più il bar sotto casa.Beh signori se scaricate lady gaga e i giochi per PS3 poi non stupitevi se vi piazzano lady gaga e la sony vi vende spazzatura a peso d'oro.
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: shevathas


            - Scritto da: Guybrush



            - Scritto da: shevathas


            è una tua scelta, potresti scegliere


            di denunciare la sony e piazzarci una class


            action per avere il risarcimento dei danni


            oppure decidere di giocare sXXXXX. Ma se


            si inizia a giocare sXXXXX non stupirti se


            anche il tuo avversario tira botte sotto


            la cintura.

            Emmm no, in italia in quel periodo non era

            consentito dalla LEGGE denunciare sony.
            e da quando in qua, in italia una legge vieta di
            denunciare ?Cioe' un singolo cittadino secondo te dovrebbe sobbarcasi le spese di una rogatoria internazionale perche' una ditta all'altro capo del pianeta commette un reato cambiando unilateralmente dei termini del contratto da me in passato implicitamente firmato ?Ma allora lo stato a cosa serve ????

            Negli usa e' bastato un singolo giudice

            a bloccare la protesta di migliaia di

            utenti, sai e' la LEGGE; inoltre sony

            sta tendtando di far passare per

            legge la possibilita' di non farsi

            denunciare dai clienti tramite class

            action, modificando unilateralmente i

            termini duso del PlayStation Network.
            può modificare quello che vuole. Basta
            iniziare a lasciare le playstation
            sugli scaffali e sfanculare il PSN. E
            vedi come abbasseranno la cresta.Troppo tardi: i termini sono stati cambiati sulle macchine gia' acquistate e gia' in possetto degli utenti.

            Tutto a norma di legge, quindi al

            singolo cittadino cosa resta ?
            l'arma più potente di tutte: il suo portafoglio.Infatti, ma perche' farlo rinunciando ? In fondo mica sony rinunicia a vendere le PS3 ?
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese

            Cioe' un singolo cittadino secondo te dovrebbe
            sobbarcasi le spese di una rogatoria
            internazionale perche' una ditta all'altro capo
            del pianeta commette un reato cambiando
            unilateralmente dei termini del contratto da me
            in passato implicitamente firmato
            ?
            ti basta prendere carta e penna e mandare all'ufficio legale di sony italia una raccomandata chiedendo la risoluzione del contratto e il risarcimento dei danni. Se rispondono picche denunci, a seconda dei casi, o davanti al giudice di pace o davanti al tribunale civile. Che rogatoria internazionale dovresti fare ?

            Troppo tardi: i termini sono stati cambiati sulle
            macchine gia' acquistate e gia' in possetto degli
            utenti.



            Tutto a norma di legge, quindi al


            singolo cittadino cosa resta ?


            l'arma più potente di tutte: il suo
            portafoglio.

            Infatti, ma perche' farlo rinunciando ? In fondo
            mica sony rinunicia a vendere le PS3
            ?se continuano a comprarle perché dovrebbe farlo ?
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Cioe' un singolo cittadino

            secondo te dovrebbe sobbarcasi

            le spese di una rogatoria

            internazionale perche' una ditta

            all'altro capo del pianeta

            commette un reato cambiando

            unilateralmente dei termini del

            contratto da me in passato

            implicitamente firmato ?
            ti basta prendere carta e penna e mandare
            all'ufficio legale di sony italia una
            raccomandata chiedendo la risoluzione del
            contratto e il risarcimento dei danni.Che verra' ignorata, come in effetti e' sucXXXXX, alla sony sono arrivate migliaia di lettere ed hanno risposto con un ciclostile firmato dal loro ufficio legale in cui sostanzialmente dicevano che la questione non gli interessava.A questo punto piu' che portarli in tribunale non si puo' fare, paghi tu ?



            Tutto a norma di legge, quindi al



            singolo cittadino cosa resta ?


            l'arma più potente di tutte: il suo

            portafoglio.

            Infatti, ma perche' farlo rinunciando ? In

            fondo mica sony rinunicia a vendere le PS3 ?
            se continuano a comprarle perché dovrebbe farlo ?E quelli che l'hanno gia' comprata si autorimborsano scaricandosi i giochi.
          • Guybrush scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: Guybrush[...]
            ed è qui che sbagliate. Se è vietato dalla legge
            chi la viola è colpevole della violazione della
            legge.Ancora una volta sei davanti al WWW.La legge di QUALE paese ha valore nel mio paese?Se nel mio paese compio una azione che, per le mie leggi, non è perseguibile che mi importa se in un altro ha effetti penalmente rilevanti?In questa area "grigia" prosperano tanto i pirati, quanto le multinazionali. A queste ultime non va giù che soggetti terzi entrino nel loro monopolio violando quelle regole che a loro sono costate tanti sforzi.
            Poi la legge può essere cretina, idiota, arcaica,
            questo è pacifico. Le leggi si possono contestare
            e chiederne il cambiamento, cosa
            lecitissima.Proprio come per il referendum sull'abrogazione della legge elettorale: 1.200.000 firme buttate nel XXXXX dalla consulta.

            E' la legge che deve cambiare.
            benissimo esistono le raccolte firme, esistono le
            proposte di legge di iniziativa popolare,
            esistono i referendum abbrogativi, esistono mille
            mila modi leciti per cambiare le leggi.Vedi, stiamo parlando di due tipi di leggi. Quelle degli uomini sono assai diverse da quelle del mercato.Queste ultime le puoi accomunare a quelle che regolano la forza di gravità, l'elettromagnetismo e il moto dei corpi.Per quanto ti sforzi non puoi regolamentare le leggi di mercato senza pagarne il prezzo. Così come non puoi volare (e vincere la gravità) se non spendi grandi quantità di energia, così non puoi violare la legge della domanda e dell'offerta senza spendere grandi quantità di denaro. Stabilita questa semplice regola, ogni altra discussione è futile.
            leggi meglio l'eula allora. A dar letta all'eula è vietato anche il prestito.(fonte: Twenty Century Fox - Cofanetto di star wars).




            uso lecito anche questo e allora ?

            Rileggi l'eula. Lo so che la LEGGE ITALIANA
            mi

            consente di fare questo e la regola imposta
            dal

            venditore è

            nulla.


            e allora dove è il problema ?Che l'utonto medio che non ha studiato diritto può: credere ciecamente all'eula e comportarsi di conseguenza, oppure scrollare la testa e fregarsene in toto.Applica il rasoio di Occam e vedi un po' che succede.

            Non ho 1.000.000 di amici, ma se presto lo
            stesso

            DVD a 1.000.000 di persone? Ci sono problemi?

            Considera che un DVD ben conservato può
            durare

            20 anni, che equivale a 7300

            visioni.


            si se ti faccio uno squillo al cellulare mi
            denunci per stalking
            ?
            e se invece facessi 60 squilli ogni ora ?Mica costringo la gente a guardarsi i miei film, trovati un altro esempio.[...]
            la scelta sta a voi: legge o far west, ma se
            scegliete il far west, ovvero del codice civile e
            delle leggi me ne sbatto altamente, non frignate
            se scoprite di essere l'uomo con il
            coltello.Knowledge is power (Thomas Moore) Più ne sai e più il tuo arsenale si arricchisce.

            Fammi capire: se una multinazionale del[...]

            è una tua scelta, potresti scegliere di
            denunciare la sony e piazzarci una class action
            per avere il risarcimento dei danni oppure
            decidere di giocare sXXXXX.Adesso lo posso fare, ma non ho più alcun motivo per farlo: ho smesso di comprare CD/DVD & strumenti per la riproduzione da qualche anno.Adesso suono la chitarra.
            Ma se si inizia a
            giocare sXXXXX non stupirti se anche il tuo
            avversario tira botte sotto la
            cintura.Puo' provarci, finora l'unico che ci ha provato ha rimediato: una email di reclamoun cliente XXXXXXXto un mattone http://punto-informatico.it/3162413/PI/Commenti/lampi-cassandra-mattoniamoli-prima-che-ci-mattonino.aspxaltri clienti persi grazie alle informazioni che sono state diffuse in seguito al reclamo.Tutte voci da scrivere sotto al paragrafo "perdite" del bilancio annuale.
            occhio al 7° cavalleggeri ;)Come la battaglia del Sand Creek ci insegna: son bravi a prendersela con donne, vecchi e bambini, ma quando si tratta di Little Big Horn la musica cambia.100 fucili10000 freccefine della storia.GT
          • shevathas scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: shevathas

            - Scritto da: Guybrush
            [...]

            ed è qui che sbagliate. Se è vietato dalla
            legge

            chi la viola è colpevole della violazione
            della

            legge.
            Ancora una volta sei davanti al WWW.
            La legge di QUALE paese ha valore nel mio paese?quella del tuo paese.
            Se nel mio paese compio una azione che, per le
            mie leggi, non è perseguibile che mi importa se
            in un altro ha effetti penalmente
            rilevanti?nessuno.
            In questa area "grigia" prosperano tanto i
            pirati, quanto le multinazionali. A queste ultime
            non va giù che soggetti terzi entrino nel loro
            monopolio violando quelle regole che a loro sono
            costate tanti
            sforzi.regole delle multinazionali o leggi ?

            Proprio come per il referendum sull'abrogazione
            della legge elettorale: 1.200.000 firme buttate
            nel XXXXX dalla
            consulta.
            o colpa di un quesito malposto e malscritto ?
            Che l'utonto medio che non ha studiato diritto
            può: credere ciecamente all'eula e comportarsi di
            conseguenza, oppure scrollare la testa e
            fregarsene in
            toto.
            Applica il rasoio di Occam e vedi un po' che
            succede.
            l'ignorante ha sempre torto.
            Mica costringo la gente a guardarsi i miei film,
            trovati un altro
            esempio.
            noto che hai evitato la domanda.

            una email di reclamo
            un cliente XXXXXXXto
            un mattone
            http://punto-informatico.it/3162413/PI/Commenti/la
            altri clienti persi grazie alle informazioni che
            sono state diffuse in seguito al
            reclamo.
            modo di agire che condivido pienamente.

            100 fucili
            10000 frecce
            fine della storia.
            entrambi sono episodi. Come sia andata a finire fra indiani e colonizzatori si sa.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: Guybrush



            100 fucili

            10000 frecce

            fine della storia.


            entrambi sono episodi. Come sia andata a finire
            fra indiani e colonizzatori si
            sa.Passagli il film, magari la capisce :D
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas

            Ancora una volta sei davanti al WWW.

            La legge di QUALE paese ha valore nel mio
            paese?
            quella del tuo paese.Quindi se io, trovandomi in arabia, mangiassi un hot dog, si applicherebbero le leggi del mio paese?O si applicano le leggi del paese in cui ti trovi?E nel caso del WWW in quale paese ti trovi?Quello del server o quello del client?E se il file non fosse ne' sul server ne' sul client ma nella nuvola?
            A queste
            ultime

            non va giù che soggetti terzi entrino nel
            loro

            monopolio violando quelle regole che a loro
            sono

            costate tanti

            sforzi.

            regole delle multinazionali o leggi ? Stessa cosa: regole delle multinazionali, che con grandi sforzi delle major, sono diventate leggi.

            100 fucili

            10000 frecce

            fine della storia.


            entrambi sono episodi. Come sia andata a finire
            fra indiani e colonizzatori si
            sa.E non ripeteremo quegli errori.
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas



            Ancora una volta sei davanti al WWW.


            La legge di QUALE paese ha valore nel
            mio

            paese?

            quella del tuo paese.

            Quindi se io, trovandomi in arabia, mangiassi un
            hot dog, si applicherebbero le leggi del mio
            paese?Non era un hot dog, e non lo stavi mangiando :D
            E nel caso del WWW in quale paese ti trovi?
            Quello del server o quello del client?Potrebbe essere: san vittore itaGlia, sei contento?
            E se il file non fosse ne' sul server ne' sul
            client ma nella
            nuvola?E si, perchè i server stanno sulle nuvole, non sulla terra in un punto ben preciso vero?Chiedilo al ciccione dov'erano i suoi... :D
          • panda rossa scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain

            E si, perchè i server stanno sulle nuvole, non
            sulla terra in un punto ben preciso
            vero?
            Chiedilo al ciccione dov'erano i suoi... :DI server forse no, ma i dati si.La nuvola rende il dato disponibile ovunque.Ridondato su diversi server ai quattro angoli del mondo, impossibile da cancellare.
          • Guybrush scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa[...]
            I server forse no, ma i dati si.
            La nuvola rende il dato disponibile ovunque.
            Ridondato su diversi server ai quattro angoli del
            mondo, impossibile da
            cancellare.Più costoso, ma non impossibile.E' che se sulla stessa nuvola ci sono sia i dati del pirata che quelli della multinazionale... ah, che spasso.Prova a silurarla.GT
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: panda rossa
            [...]

            I server forse no, ma i dati si.

            La nuvola rende il dato disponibile ovunque.

            Ridondato su diversi server ai quattro
            angoli
            del

            mondo, impossibile da

            cancellare.

            Più costoso, ma non impossibile.
            E' che se sulla stessa nuvola ci sono sia i dati
            del pirata che quelli della multinazionale... ah,
            che
            spasso.
            Prova a silurarla.

            GTCerto possono sempre sequestrare Amazon, Microsoft o Google eh...Certo certo...
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: krane
            Certo possono sempre sequestrare Amazon,
            Microsoft o Google
            eh...
            Certo certo...Basta "suggerire" ad amazon che i dati di wikileaks non sono graditi, e per magia spariscono, bello vero? :D
          • krane scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: krane

            Certo possono sempre sequestrare Amazon,

            Microsoft o Google eh...

            Certo certo...
            Basta "suggerire" ad amazon che i dati di
            wikileaks non sono graditi, e per magia
            spariscono, bello vero?
            :DBeh, per il crack fatto a playstation network e' stato usato proprio il cloud Amazon :D :D
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: brain

            - Scritto da: krane


            Certo possono sempre sequestrare Amazon,


            Microsoft o Google eh...


            Certo certo...

            Basta "suggerire" ad amazon che i dati di

            wikileaks non sono graditi, e per magia

            spariscono, bello vero?

            :D

            Beh, per il crack fatto a playstation network e'
            stato usato proprio il cloud Amazon :D
            :Dma per i proXXXXXri NON per i dati ;)
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: brain




            E si, perchè i server stanno sulle nuvole,
            non

            sulla terra in un punto ben preciso

            vero?

            Chiedilo al ciccione dov'erano i suoi... :D

            I server forse no, ma i dati si.
            La nuvola rende il dato disponibile ovunque.E facilmente cancellabile ovunque :D
          • Guybrush scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: Guybrush[...]
            entrambi sono episodi. Come sia andata a finire
            fra indiani e colonizzatori si
            sa.Quella volta sono stati gli indiani a mettersi di traverso alle leggi di mercato.Stavolta sono i coloni.Almeno: non mi pare molto sano "sparare" contro i propri clienti (vedi il riferimento al "mattone" nel post precedente).Infatti il trend attuale comporta:cloud spinto (niente applicazioni sui PC degli utenti, così non possono craccare e copiare)Walled Garden (nessuna possibilità di installare software non approvato, così la finiscono di costruirsi i fucili)Licenze sul software fornito a corredo di smartphone e gadget vari che trasformano l'acquisto in un comodato d'uso così da avere le comodità di una vendita e i diritti sul bene acquistato dall'utente come nel comodato d'uso....io questo lo chiamo colpire sotto la cintura.E riguardo all'ignorante che ha sempre torto: finché l'ignorante è solo, questo se la prende in q-lo. Se sono due ancora si può fare. Quando sono 2mila il discorso si fa serio e se ne hai 2*10^8 hai un problema.Buona serataGT
          • brain scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: Guybrush
            E riguardo all'ignorante che ha sempre torto:
            finché l'ignorante è solo, questo se la prende in
            q-lo. Se sono due ancora si può fare. Quando sono
            2mila il discorso si fa serio e se ne hai 2*10^8
            hai un
            problema.Non ti preoccupare costruiranno nuove carceri :D
          • Guybrush scrive:
            Re: I pirati le hanno prese
            - Scritto da: panda rossa[...]
            Tu puoi scegliere se accomodarti nella gabbia
            insieme a loro, o se comprare un biglietto per lo
            zoo.Mi metto in fila.Ci sono spettacoli per i quali val proprio la pena pagare il biglietto.E pure il popcorn.GT
    • Appello scrive:
      Re: I pirati le hanno prese
      - Scritto da: Sagace
      Su questo forum direi che i vari ragionamenti dei
      vari "uno qualsiasi" e "panda rossa" "krane" ed
      altri, stavolta hanno preso sonore mazzate, tutti
      gli argomenti che hanno proposto sono stati
      smontati da evidenti prove di fatto.Veramente a me sembra evidente il contrario... Comunque ognuno e' libero di essere convinto di cio' che desidera: per me hanno vinto i ragionamenti degli anti pirateria, i vari shevathas e anonimi non mi sono sembrati avere molti argomenti, lo stesso Sagace sembrava voler piu' portare acqua al proprio mulino (asciutto) che non scambiare realmente opinioni.
      • quasi anonimo scrive:
        Re: I pirati le hanno prese

        Veramente a me sembra evidente il contrario...
        Comunque ognuno e' libero di essere convinto di
        cio' che desidera: per me hanno vinto i
        ragionamenti degli ***ANTI*** pirateria, refuso?
        i vari shevathas e anonimi non mi sono sembrati avere
        molti argomenti, lo stesso Sagace sembrava voler
        piu' portare acqua al proprio mulino (asciutto)
        che non scambiare realmente opinioni.Ti quoto: "Comunque ognuno e' libero di essere convinto di cio' che desidera"
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    ABOLIRE IL COPYRIGHT
    ABOLIRE IL COPYRIGHT p)
  • Enry scrive:
    ehm...
    Non hai che da mettere 5000 euro sul tavolo, e ti faccio l'analisi e il preventivo.Se poi accetterai il preventivo partiamo con gli sviluppi. E perchè mai dovrebbe pagartelo? Tu fallo che poi lo "condividiamo". Non è così che fai con i film e con la musica "altrui"? Dai su... datti da fare... facce ride....Enry
    • panda rossa scrive:
      Re: ehm...
      - Scritto da: Enry
      <quote

      Non hai che da mettere 5000 euro sul tavolo, e ti
      faccio l'analisi e il
      preventivo.
      Se poi accetterai il preventivo partiamo con gli
      sviluppi. </quote


      E perchè mai dovrebbe pagartelo? Tu fallo che poi
      lo "condividiamo".Se vuoi, c'e' gia' qualcosa a disposizione.Se non ti basta quello che gia' c'e', allora finanzia uno sviluppo su misura.
      Non è così che fai con i film e con la musica
      "altrui"?Io non commissiono nulla a nessuno.
      Dai su... datti da fare... facce ride....

      EnryPer adesso sono io quello che ride.
    • Guybrush scrive:
      Re: ehm...
      - Scritto da: Enry

      Non hai che da mettere 5000 euro sul tavolo, e ti
      faccio l'analisi e il
      preventivo.
      Se poi accetterai il preventivo partiamo con gli
      sviluppi.

      E perchè mai dovrebbe pagartelo? Tu fallo che poi
      lo "condividiamo".Non funziona così.
      Non è così che fai con i film e con la musica
      "altrui"?Non proprio.
      Dai su... datti da fare... facce ride....Allora ridiamo un po'.Hai bisogno del software "x", magari non esiste o quello che esiste non fa esattamente ciò che serve alla tua azienda.Paghi la consulenza del panda rossa di turno, questo ti dice che può fare il lavoro per xmila euro e ti, una volta pagato, consegna il programma che hai chiesto, più le eventuali modifiche (se incluse nel contratto).Poi lo può anche condividere, se nel contratto non erano compresi i sorgenti/diritti di sfruttamento economico o simili.In ogni caso il Panda Rossa di turno non si smuoverà se prima non lo paghi. OpenSource Gratis.GT
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: ehm...
      - Scritto da: Enry
      <quote

      Non hai che da mettere 5000 euro sul tavolo, e ti
      faccio l'analisi e il
      preventivo.
      Se poi accetterai il preventivo partiamo con gli
      sviluppi. </quote


      E perchè mai dovrebbe pagartelo?Forse perchè se non gli dai un anticipo lui non inizia nemmeno a realizzare l'opera. Perchè mai dovrebbe realizzarla?
      Tu fallo che poi lo "condividiamo".Dopo che hai pagato, lui te la realizza, e poi tu condividi tutto quello che ti pare.

      Non è così che fai con i film e con la musica
      "altrui"?Quelli sono già stati pagati.E poi... "altrui"... ma altrui di chi?
    • Haha scrive:
      Re: ehm...
      Avrai mica Equitalia in videoteca?
  • D3BO scrive:
    La pirateria cinematografica
    La pirateria cinematografica è vecchia quanto il cinema stesso."Viaggio nella Luna è un film fantastico del 1902 realizzato da Georges Méliès. Assieme al Viaggio attraverso l'impossibile è uno dei suoi film più famosi, forse il capolavoro. Il film è una parodia basata liberamente sul romanzo di Jules Verne Dalla Terra alla Luna[1] e su quello di H. G. Wells I primi uomini sulla Luna.Una delle scene iniziali del film, la navicella spaziale che si schianta sull'occhio della Luna (che presenta un volto umano), è entrata nell'immaginario collettivoed è una delle sequenze che hanno fatto la storia del cinema.Il film venne girato nel 1902 negli studi della Star Film di Méliès presso Montreuil, vicino Parigi. Costò la considerevole cifra di 10.000 franchi, spesi soprattutto per i costumi dei Seleniti e per le ricche scenografie dipinte.Fu la prima opera di finzione cinematografica a conoscere un sucXXXXX mondiale[2]. Il rovescio della medaglia fu anche la massiccia opera di pirataggio, operata innanzitutto da Thomas Edison che lo distribuì personalmente in America controtipando illegalmente una copia."http://bak11n.blogspot.com/2012/02/il-viaggio-nella-luna-le-voyage-dans-la.html#more
    • panda rossa scrive:
      Re: La pirateria cinematografica
      - Scritto da: D3BO

      Fu la prima opera di finzione cinematografica a
      conoscere un sucXXXXX mondiale[2]. Il rovescio
      della medaglia fu anche la massiccia opera di
      pirataggio, operata innanzitutto da Thomas Edison
      che lo distribuì personalmente in America
      controtipando illegalmente una
      copia."E questa copia illegalmente distribuita in america, che danno ha causato a Melies oltre a farlo conoscere ad un pubblico che altrimenti non ne avrebbe mai sentito parlare, e consegnarlo alla storia?E vogliamo parlare anche di questa perdita ? <i
      "Diresse più di 1500 film tra il 1896 e il 1914, di durata variabile tra uno e quaranta minuti, dei quali ci sono pervenuti poco più di cinquecento, alcuni frammentari." </i
      http://it.wikipedia.org/wiki/Georges_M%C3%A9li%C3%A8sMagari il Viaggio nella luna si sarebbe perduto pure lui se non fosse stato per la meritoria opera di Edison che lo ha conservato.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 febbraio 2012 14.25-----------------------------------------------------------
      • Guybrush scrive:
        Re: La pirateria cinematografica
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: D3BO




        Fu la prima opera di finzione
        cinematografica
        a

        conoscere un sucXXXXX mondiale[2]. Il
        rovescio

        della medaglia fu anche la massiccia opera di

        pirataggio, operata innanzitutto da Thomas
        Edison

        che lo distribuì personalmente in America

        controtipando illegalmente una

        copia."

        E questa copia illegalmente distribuita in
        america, che danno ha causato a Melies oltre a
        farlo conoscere ad un pubblico che altrimenti non
        ne avrebbe mai sentito parlare, e consegnarlo
        alla
        storia?

        E vogliamo parlare anche di questa perdita ?
        <i
        "Diresse più di 1500 film tra il 1896
        e il 1914, di durata variabile tra uno e quaranta
        minuti, dei quali ci sono pervenuti poco più di
        cinquecento, alcuni frammentari." </i


        http://it.wikipedia.org/wiki/Georges_M%C3%A9li%C3%

        Magari il Viaggio nella luna si sarebbe perduto
        pure lui se non fosse stato per la meritoria
        opera di Edison che lo ha
        conservato.In quel caso non è stato Edison, ma il lavoro di tanti appassionati che avevano conservato copie dei suoi film.Melies finì in bolletta a gestire un chiosco di souvenirs, aperto vendendo le pellicole, riciclate per produrre tacchi per scarpe... la storia vera è raccontata in modo un po' romanzato dal recente (e ottimo) Hugo Cabret, se ti capita vai al cinema a guardarlo, ma evita il 3D: non serve.GT
      • shevathas scrive:
        Re: La pirateria cinematografica
        <i
        Nel 1913 la Star Film, la compagnia cinematografica di Méliès, andò in bancarotta a causa delle politiche commerciali: Méliès vendeva le copie dei suoi film una per una, ma non percepiva nessun diritto d'autore per le singole proiezioni; per cui, paradossalmente, mentre i suoi film spopolavano in Europa e in America, <b
        era costretto a impegnarsi economicamente per creare continuamente nuove pellicole, </b
        che però iniziarono ad essere ripetitive, compassate, ridicole, perdendo l'interesse del mercato[2]. </i
        • panda rossa scrive:
          Re: La pirateria cinematografica
          - Scritto da: shevathas
          <i
          Nel 1913 la Star Film, la compagnia
          cinematografica di Méliès, andò in bancarotta a
          causa delle politiche commerciali: Méliès vendeva
          le copie dei suoi film una per una, ma non
          percepiva nessun diritto d'autore per le singole
          proiezioni; per cui, paradossalmente, mentre i
          suoi film spopolavano in Europa e in America,
          <b
          era costretto a impegnarsi
          economicamente per creare continuamente nuove
          pellicole, </b
          che però iniziarono ad
          essere ripetitive, compassate, ridicole, perdendo
          l'interesse del
          mercato[2].
          </i
          Quale parte di "perdendo l'interesse del mercato" non e' chiara?E' giusto che finche' c'e' l'intreresse, le opere vengano prodotte, ma quando questo interesse vien meno, si va a lavorare al chioschetto e non si vive di rendita parassitaria. Anche se ti chiami Melies.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: La pirateria cinematografica
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas

            <i
            Nel 1913 la Star Film, la
            compagnia

            cinematografica di Méliès, andò in
            bancarotta
            a

            causa delle politiche commerciali: Méliès
            vendeva

            le copie dei suoi film una per una, ma non

            percepiva nessun diritto d'autore per le
            singole

            proiezioni; per cui, paradossalmente, mentre
            i

            suoi film spopolavano in Europa e in
            America,


            <b
            era costretto a impegnarsi

            economicamente per creare continuamente nuove

            pellicole, </b
            che però iniziarono ad

            essere ripetitive, compassate, ridicole,
            perdendo

            l'interesse del

            mercato[2].

            </i



            Quale parte di "perdendo l'interesse del mercato"
            non e'
            chiara?

            E' giusto che finche' c'e' l'intreresse, le opere
            vengano prodotte, ma quando questo interesse vien
            meno, si va a lavorare al chioschetto e non si
            vive di rendita parassitaria. Anche se ti chiami
            Melies.Se avesse guadagnato il giusto avrebbe prodotto più lentamente e con maggiore qualità
          • panda rossa scrive:
            Re: La pirateria cinematografica
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Se avesse guadagnato il giusto avrebbe prodotto
            più lentamente e con maggiore
            qualitàHa guadagnato il giusto!In ogni caso non ha senso produrre ghiaccio se la gente non e' piu' interessata al ghiaccio.
          • Guybrush scrive:
            Re: La pirateria cinematografica
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: uno qualsiasi


            Se avesse guadagnato il giusto avrebbe
            prodotto

            più lentamente e con maggiore

            qualità

            Ha guadagnato il giusto!

            In ogni caso non ha senso produrre ghiaccio se la
            gente non e' piu' interessata al
            ghiaccio.E da bravo imprenditore invece di stare a recriminare sull'ingratitudine umana, si è rimboccato le maniche.GT
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: La pirateria cinematografica

            Se avesse guadagnato il giusto avrebbe prodotto
            più lentamente e con maggiore
            qualitàE quindi avrebbe prodotto meno, e avrebbe preteso di più. Quindi, uno svantaggio per gli utenti.
    • JosaFat scrive:
      Re: La pirateria cinematografica
      Ah, è molto famoso! Ricordo che la scena della navetta che si schianta sulla Luna è presente anche nel video di "Tonight, tonight" degli Smashing Pumpkins!Comunque mi fa un po' tristezza vedere che un regista capace di produrre buoni film, debba ridursi a vedere le pellicole per fare tacchi di scarpe, mentre dall'altra parte dell'oceano le sale cinematografiche ingrassavano sui suoi film...
  • Nome e cognome scrive:
    Ripeti con me..
    "Il fatto che io calpesti un diritto altrui che pure spero nessuno calpesti ai miei danni può essere visto come una dissociazione, o una pia illusione, o un tentativo di free-riding, o un sepolcro imbiancato"L'italiano ha un parola unica per tutto questo discorso: Ipocrisia.. Uno scrittore che non la conosce forse dovrebbe scaricare anche il Dizionario italiano (free-riding con il trattino è veramente orribile!)
    • ruppolo scrive:
      Re: Ripeti con me..
      - Scritto da: Nome e cognome
      L'italiano ha un parola unica per tutto questo
      discorso: Ipocrisia..Ineccepibile.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Ripeti con me..
        due che se la cantano e se la suonano da soli
        • panda rossa scrive:
          Re: Ripeti con me..
          - Scritto da: Sgabbio
          due che se la cantano e se la suonano da soliE che vorrebbero pure essere pagati per farlo.
          • bubba scrive:
            Re: Ripeti con me..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Sgabbio

            due che se la cantano e se la suonano da soli

            E che vorrebbero pure essere pagati per farlo.io li suonerei gratis. entrambi. con un bastone nodoso :)
  • ruppolo scrive:
    "i DRM non sono la soluzione..."
    "...ad un rapporto di buon vicinato".Perché, un bel muro di confine lo è?Se OGGI le case sono tutte divise da muri, ringhiere, reti e quant'altro lo dobbiamo ad una categoria di gente nota come LADRI.Niente di nuovo sotto il sole, se non un aumento indiscriminato di ladri, e quindi di illegalità, prosaicamente chiamati "pirati".Così risolviamo il problema sollevato da Latronico, "Non va combattuta la pirateria (e magari va chiamata anche in un altro modo)". Appunto, va chiamata per quello che è, un furto ai danni del prossimo.Ma schiere di ipocriti eccellenti diranno che "rubare" = "sottrarre", e che nulla viene sottratto. Come se i beni immateriali non si potessero sottrarre!Questi ipocriti sono in realtà degli inetti rispetto le cose che rubano. Rubano libri, musica, film: cose che non sono capaci di fare. Le lasciano fare agli altri, che ne sono capaci, e poi gliele prendono a sbafo.Ah, ma sono sicuro che se fosse LORO, il lavoro, sarebbero i primi a difenderlo a spada tratta!Mantellini esorta a discuterne. C'è poco da discutere, ci sono solo da ridurre o eliminare certi intermediari, l'acqua sXXXXX, senza "gettare il bambino", come si sta facendo oggi nel più totale menefreghismo e mancanza di rispetto del prossimo."Mancanza di rispetto del prossimo", una frase di cui si è dimenticato il significato.Chi pirata, oggi, non ha alcuna voce in capitolo, nessun onore, è ladro tanto quanto lo sono gli intermediari che contesta. Anzi, spesso non gli frega nulla degli intermediari e di tutta la questione etica morale che sta dietro, semplicemente arraffa. Nessun diritto di parola, a costui!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 febbraio 2012 13.25-----------------------------------------------------------
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: "i DRM non sono la soluzione..."
      - Scritto da: ruppolo
      "...ad un rapporto di buon vicinato".

      Perché, un bel muro di confine lo è?Il muro di confine è tra la mia proprietà e quella altrui, non è dentro casa mia. Se tu cerchi di mettere un muro in casa mia contro la mia volontà, non sorprenderi se lo spacco a picconate (e se butto te fuori a calci)
      Appunto, va chiamata per quello che è, un furto
      ai danni del
      prossimo.

      Ma schiere di ipocriti eccellenti diranno che
      "rubare" = "sottrarre", e che nulla viene
      sottratto. Come se i beni immateriali non si
      potessero
      sottrarre!Infatti non si possono sottrarre, a meno di non cancellare l'originale.L'originale ce l'hai ancora? Se la risposta è sì, non ti è stato sottratto. Se affermi il contrario stai <b
      mentendo </b


      Questi ipocriti sono in realtà degli inetti
      rispetto le cose che rubano. Rubano libri,
      musica, film: cose che non sono capaci di fare.
      Le lasciano fare agli altri, che ne sono capaci,
      e poi gliele prendono a
      sbafo.Non le prendiamo a chi le ha fatte; le prendiamo solo a chi le condivide volontariamente.Qualcuno si è mai intrufolato sul tuo server per forzare la password e prendersi un file contro la tua volontà? Non credo.
      Ah, ma sono sicuro che se fosse LORO, il lavoro,
      sarebbero i primi a difenderlo a spada
      tratta!Falso, visto che il nostro lavoro è open.

      Mantellini esorta a discuterne. C'è poco da
      discutere, ci sono solo da ridurre o eliminare
      certi intermediari, l'acqua sXXXXX, senza
      "gettare il bambino", come si sta facendo oggi
      nel più totale menefreghismo e mancanza di
      rispetto del
      prossimo.Non nell'acqua; dalla rupe tarpea.
      "Mancanza di rispetto del prossimo", una frase di
      cui si è dimenticato il
      significato.No, ce lo ricordiamo: chi mette il drm non ci rispetta, e perciò merita solo disprezzo.

      Chi pirata, oggi, non ha alcuna voce in capitolo,Non conta la voce, ma i fatti.
      nessun onore, è ladro tanto quanto lo sono gli
      intermediari che contesta.No, non è un ladro. E tu rischi di essere accusato di calunnia, lo sai.
      Anzi, spesso non gli
      frega nulla degli intermediari e di tutta la
      questione etica morale che sta dietro,Infatti: falliscano pure.
      semplicemente arraffa. Nessun diritto di parola,
      a
      costui!Se hanno lasciato a te il diritto di parola, vuol dire che lo lasciano a tutti.Il drm sparirà, e chi ha basato il suo business su quello si ridurrà a mendicare, o a contendere croste di pane secco ai topi.
      • brain scrive:
        Re: "i DRM non sono la soluzione..."
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Il drm sparirà, e chi ha basato il suo business
        su quello si ridurrà a mendicare, o a contendere
        croste di pane secco ai
        topi.Il ciccione di megaupload era proprio alla fame :D
      • Ortisumm scrive:
        Re: "i DRM non sono la soluzione..."


        Il muro di confine è tra la mia proprietà e
        quella altrui, non è dentro casa mia. Se tu
        cerchi di mettere un muro in casa mia contro la
        mia volontà, non sorprenderi se lo spacco a
        picconate (e se butto te fuori a
        calci)
        Le leggi dello stato le osservi a casa e fuori casa, se non lo fai ti vengono a prendere e ti spaccano muretto e porta d'ingresso senza tanti problemi pur di acchiapparti. Rispetta le leggi.

        Infatti non si possono sottrarre, a meno di non
        cancellare
        l'originale.
        L'originale ce l'hai ancora? Se la risposta è sì,
        non ti è stato sottratto. Se affermi il contrario
        stai <b
        mentendo </b

        Hai ragione ma la tua idea non vale niente. Non vale niente perchè non è la tua idea, è la copia di un altro che la ha avuta, quindi se me lo viene a dire quella persona che l'ha avuta allora bene, se me la vieni a dire tu non vale nulla. Ed è per questo motivo che personaggi come malcom x o marter luther king o ghandi non contano niente, perchè hanno una idea che vale tanto quanto la mia o la tua, non importa se quella idea viene poi condivisa da milioni di persone, non conta nulla, sono solo persone che copiano.

        Non le prendiamo a chi le ha fatte; le prendiamo
        solo a chi le condivide
        volontariamente.
        esatto, come il ladro che viene a casa tua e poi le vende a me, cosa me ne frega dove le ha prese, lui me le sta dando volontariamente.
        Falso, visto che il nostro lavoro è open.Lavoro che nessuno, dico nessuno, ha mai visto. Vi riempite la bocca di lavoro degli altri ma del vostro nessuno ha mai visto niente.

        No, ce lo ricordiamo: chi mette il drm non ci
        rispetta, e perciò merita solo
        disprezzo.
        però quello su cui mette il drm ti interessa, guarda che combinazione...

        Non conta la voce, ma i fatti.ed i fatti sono che stanno mettendo in ginocchio internet per colpa vostra.

        Infatti: falliscano pure.tanto mica ci lavorano parenti tuoi

        Se hanno lasciato a te il diritto di parola, vuol
        dire che lo lasciano a
        tutti.questo è evidente
        • Wolf01 scrive:
          Re: "i DRM non sono la soluzione..."
          - Scritto da: Ortisumm
          esatto, come il ladro che viene a casa tua e poi
          le vende a me, cosa me ne frega dove le ha prese,
          lui me le sta dando volontariamente.Difatti equiparano anche uno che compra un libro e lo presta ad un amico al ladro che ruba il libro e lo vende a te, visto che prestare è illegale.
      • ruppolo scrive:
        Re: "i DRM non sono la soluzione..."
        - Scritto da: uno qualsiasi
        - Scritto da: ruppolo

        "...ad un rapporto di buon vicinato".



        Perché, un bel muro di confine lo è?

        Il muro di confine è tra la mia proprietà e
        quella altrui, non è dentro casa mia. Se tu
        cerchi di mettere un muro in casa mia contro la
        mia volontà, non sorprenderi se lo spacco a
        picconate (e se butto te fuori a
        calci)Il muro nessuno te lo mette in casa, se eventualmente TU che te lo porti dentro. E sai perfettamente cosa ti stai portando in casa.



        Appunto, va chiamata per quello che è, un
        furto

        ai danni del

        prossimo.



        Ma schiere di ipocriti eccellenti diranno che

        "rubare" = "sottrarre", e che nulla viene

        sottratto. Come se i beni immateriali non si

        potessero

        sottrarre!

        Infatti non si possono sottrarre, a meno di non
        cancellare
        l'originale.Ininfluente, in danno avviene ugualmente.
        L'originale ce l'hai ancora? Se la risposta è sì,
        non ti è stato sottratto. Se affermi il contrario
        stai <b
        mentendo </b
        Ipocrita, CVD.



        Questi ipocriti sono in realtà degli inetti

        rispetto le cose che rubano. Rubano libri,

        musica, film: cose che non sono capaci di
        fare.

        Le lasciano fare agli altri, che ne sono
        capaci,

        e poi gliele prendono a

        sbafo.

        Non le prendiamo a chi le ha fatte; le prendiamo
        solo a chi le condivide
        volontariamente.Come dire che chi tiene il sacco non sta rubando, il ladro è quell'altro che mette la refurtiva nel sacco.
        Qualcuno si è mai intrufolato sul tuo server per
        forzare la password e prendersi un file contro la
        tua volontà? Non
        credo.E quindi?


        Ah, ma sono sicuro che se fosse LORO, il
        lavoro,

        sarebbero i primi a difenderlo a spada

        tratta!

        Falso, visto che il nostro lavoro è open.Anch'io posso lavorare a gratis se per vivere derubo gli altri.



        Mantellini esorta a discuterne. C'è poco da

        discutere, ci sono solo da ridurre o
        eliminare

        certi intermediari, l'acqua sXXXXX, senza

        "gettare il bambino", come si sta facendo
        oggi

        nel più totale menefreghismo e mancanza di

        rispetto del

        prossimo.

        Non nell'acqua; dalla rupe tarpea.Direi che non hai proprio capito nulla.


        "Mancanza di rispetto del prossimo", una
        frase
        di

        cui si è dimenticato il

        significato.

        No, ce lo ricordiamo: chi mette il drm non ci
        rispetta, e perciò merita solo
        disprezzo.Chi mette il DRM lo fa per proteggersi da quelli come te.




        Chi pirata, oggi, non ha alcuna voce in
        capitolo,

        Non conta la voce, ma i fatti.Infatti i carceri contengono solo persone che hanno compiuto fatti.


        nessun onore, è ladro tanto quanto lo sono
        gli

        intermediari che contesta.

        No, non è un ladro. E tu rischi di essere
        accusato di calunnia, lo
        sai.Cerchi, tu ladro, di intimorirmi?


        Anzi, spesso non gli

        frega nulla degli intermediari e di tutta la

        questione etica morale che sta dietro,

        Infatti: falliscano pure.Infatti il parassita non si preoccupa della salute dell'organismo ospitante. Infatti una volta morto l'organismo ospitante, muore pure il (fesso) parassita.


        semplicemente arraffa. Nessun diritto di
        parola,

        a

        costui!

        Se hanno lasciato a te il diritto di parola, vuol
        dire che lo lasciano a
        tutti.Infatti contesto che certe persone abbiano il diritto di parola. I criminali non lo dovrebbero avere.
        Il drm sparirà, e chi ha basato il suo business
        su quello si ridurrà a mendicare, o a contendere
        croste di pane secco ai
        topi.Più facile che i ladri finiscano dove sono sempre finiti: a vedere il sole a scacchi.
        • panda rossa scrive:
          Re: "i DRM non sono la soluzione..."
          - Scritto da: ruppolo
          Più facile che i ladri finiscano dove sono sempre
          finiti: a vedere il sole a
          scacchi.Se per te questa e' la soluzione al problema, non hai che da costruire una bella gabbia 2x2 ed entrarci.Cosi' tutti i "ladri" saranno finalmente dietro le sbarre, dal tuo punto di vista, e siamo tutti contenti.
        • krane scrive:
          Re: "i DRM non sono la soluzione..."
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: uno qualsiasi

          - Scritto da: ruppolo


          "...ad un rapporto di buon vicinato".





          Perché, un bel muro di confine lo è?



          Il muro di confine è tra la mia proprietà e

          quella altrui, non è dentro casa mia. Se tu

          cerchi di mettere un muro in casa mia contro
          la

          mia volontà, non sorprenderi se lo spacco a

          picconate (e se butto te fuori a

          calci)

          Il muro nessuno te lo mette in casa, se
          eventualmente TU che te lo porti dentro. E sai
          perfettamente cosa ti stai portando in
          casa.







          Appunto, va chiamata per quello che è,
          un

          furto


          ai danni del


          prossimo.





          Ma schiere di ipocriti eccellenti
          diranno
          che


          "rubare" = "sottrarre", e che nulla
          viene


          sottratto. Come se i beni immateriali
          non
          si


          potessero


          sottrarre!



          Infatti non si possono sottrarre, a meno di
          non

          cancellare

          l'originale.

          Ininfluente, in danno avviene ugualmente.


          L'originale ce l'hai ancora? Se la risposta
          è
          sì,

          non ti è stato sottratto. Se affermi il
          contrario

          stai <b
          mentendo </b


          Ipocrita, CVD.






          Questi ipocriti sono in realtà degli
          inetti


          rispetto le cose che rubano. Rubano
          libri,


          musica, film: cose che non sono capaci
          di

          fare.


          Le lasciano fare agli altri, che ne sono

          capaci,


          e poi gliele prendono a


          sbafo.



          Non le prendiamo a chi le ha fatte; le
          prendiamo

          solo a chi le condivide

          volontariamente.

          Come dire che chi tiene il sacco non sta rubando,
          il ladro è quell'altro che mette la refurtiva nel
          sacco.


          Qualcuno si è mai intrufolato sul tuo server
          per

          forzare la password e prendersi un file
          contro
          la

          tua volontà? Non

          credo.

          E quindi?





          Ah, ma sono sicuro che se fosse LORO, il

          lavoro,


          sarebbero i primi a difenderlo a spada


          tratta!



          Falso, visto che il nostro lavoro è open.

          Anch'io posso lavorare a gratis se per vivere
          derubo gli
          altri.






          Mantellini esorta a discuterne. C'è
          poco
          da


          discutere, ci sono solo da ridurre o

          eliminare


          certi intermediari, l'acqua sXXXXX,
          senza


          "gettare il bambino", come si sta
          facendo

          oggi


          nel più totale menefreghismo e mancanza
          di


          rispetto del


          prossimo.



          Non nell'acqua; dalla rupe tarpea.

          Direi che non hai proprio capito nulla.





          "Mancanza di rispetto del prossimo", una

          frase

          di


          cui si è dimenticato il


          significato.



          No, ce lo ricordiamo: chi mette il drm

          non ci rispetta, e perciò merita solo

          disprezzo.
          Chi mette il DRM lo fa per proteggersi da
          quelli come te.Visto quanto chi non ha originali sono disturbati dai DRM sembra che vengano messi invece per disturbare gli acquirenti.
          Più facile che i ladri finiscano dove sono
          sempre finiti: a vedere il sole a scacchi.Piu' facile intercettare una rete tor.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: "i DRM non sono la soluzione..."
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: uno qualsiasi

          - Scritto da: ruppolo

          Più facile che i ladri finiscano dove sono sempre
          finiti: a vedere il sole a
          scacchi.IO fossi in te starei attento al sole a scacchi, trovo sia un reato infinitamente più grave evadere le tasse come ti sei vantato tu, che "piratare"!
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: "i DRM non sono la soluzione..."
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: uno qualsiasi

          - Scritto da: ruppolo

          Più facile che i ladri finiscano dove sono sempre
          finiti: a vedere il sole a
          scacchi.IO fossi in te starei attento al sole a scacchi, trovo sia un reato infinitamente più grave evadere le tasse come ti sei vantato tu, che "piratare"!
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: "i DRM non sono la soluzione..."

          Il muro nessuno te lo mette in casa, se
          eventualmente TU che te lo porti dentro. E sai
          perfettamente cosa ti stai portando in
          casa.Sì, me lo mettono in casa, perchè lo installano (o pre-installano) sul mio computer/lettore.E mi fa danni anche per gli usi ufficialmente permessi.



          Infatti non si possono sottrarre, a meno di
          non

          cancellare

          l'originale.

          Ininfluente, in danno avviene ugualmente.Allora ti dico: dammi 10000 euro.Non me li vuoi dare? Mi hai fatto un danno di 10000 euro.


          L'originale ce l'hai ancora? Se la risposta
          è
          sì,

          non ti è stato sottratto. Se affermi il
          contrario

          stai <b
          mentendo </b


          Ipocrita, CVD.Contaballe, CVD.

          Non le prendiamo a chi le ha fatte; le
          prendiamo

          solo a chi le condivide

          volontariamente.

          Come dire che chi tiene il sacco non sta rubando,
          il ladro è quell'altro che mette la refurtiva nel
          sacco.No, perchè lui la "refurtiva" l'ha pagata. Chi condivide per primo ha comprato il file.


          Qualcuno si è mai intrufolato sul tuo server
          per

          forzare la password e prendersi un file
          contro
          la

          tua volontà? Non

          credo.

          E quindi?E quindi non ti hanno derubato. Punto.





          Ah, ma sono sicuro che se fosse LORO, il

          lavoro,


          sarebbero i primi a difenderlo a spada


          tratta!



          Falso, visto che il nostro lavoro è open.

          Anch'io posso lavorare a gratis se per vivere
          derubo gli
          altri.Non derubiamo nessuno.






          Mantellini esorta a discuterne. C'è
          poco
          da


          discutere, ci sono solo da ridurre o

          eliminare


          certi intermediari, l'acqua sXXXXX,
          senza


          "gettare il bambino", come si sta
          facendo

          oggi


          nel più totale menefreghismo e mancanza
          di


          rispetto del


          prossimo.



          Non nell'acqua; dalla rupe tarpea.

          Direi che non hai proprio capito nulla.Sì, invece. Il concetto è: non solo ci dobbiamo sbarazzare degli intermediari, ma anche degli autori vecchi, legati a concetti come il pay-per-view e la vendita delle copie. Poi, si potrà ricominciare con accordi nuovi.Come dire: se non accetti di cambiare le condizioni del contratto, io non sto a cercare un compromesso: ti licenzio e cerco qualcun altro per fare quel lavoro.





          "Mancanza di rispetto del prossimo", una

          frase

          di


          cui si è dimenticato il


          significato.



          No, ce lo ricordiamo: chi mette il drm non ci

          rispetta, e perciò merita solo

          disprezzo.

          Chi mette il DRM lo fa per proteggersi da quelli
          come
          te.E i crack servono a proteggersi da quelli come te.








          Chi pirata, oggi, non ha alcuna voce in

          capitolo,



          Non conta la voce, ma i fatti.

          Infatti i carceri contengono solo persone che
          hanno compiuto
          fatti.E gli spazi sotto i ponti contengono persone che pensavano di aver diritto a una rendita senza lavorare.





          nessun onore, è ladro tanto quanto lo
          sono

          gli


          intermediari che contesta.



          No, non è un ladro. E tu rischi di essere

          accusato di calunnia, lo

          sai.

          Cerchi, tu ladro, di intimorirmi?Hai già insultato un mucchio di persone senza nessuna prova.E i tuoi post rimangono. Hai anche fatto minacce fisiche.
          Infatti il parassita non si preoccupa della
          salute dell'organismo ospitante. Infatti una
          volta morto l'organismo ospitante, muore pure il
          (fesso)
          parassita.Guardati la differenza tra parassiti e parassitoidi. Il parasitoide è quello che può abbandonare l'ospite... e lo fa poco prima che l'ospite muoia.
          Infatti contesto che certe persone abbiano il
          diritto di parola. I criminali non lo dovrebbero
          avere.Allora, se hai un po' di coerenza, ti devi autocensurare, visto che tu hai commesso dei reati, su questo forum, scrivendo delle minacce in passato.


          Il drm sparirà, e chi ha basato il suo
          business

          su quello si ridurrà a mendicare, o a
          contendere

          croste di pane secco ai

          topi.

          Più facile che i ladri finiscano dove sono sempre
          finiti: a vedere il sole a
          scacchi.La "prigione" sarebbe talmente grande, per contenere tutti, che l'unico posto fuori dalla prigione sarebbe casa tua: quindi, saresti tu a trovarti circondato dalle sbarre.
    • nuovo scrive:
      Re: "i DRM non sono la soluzione..."
      mi fai pena
    • krane scrive:
      Re: "i DRM non sono la soluzione..."
      - Scritto da: ruppolo
      Chi pirata, oggi, non ha alcuna voce in capitolo,
      nessun onore, è ladro tanto quanto lo sono gli
      intermediari che contesta. Anzi, spesso non gli
      frega nulla degli intermediari e di tutta la
      questione etica morale che sta dietro,
      semplicemente arraffa. Nessun diritto di parola,
      a costui!Eh, ok, bravo intanto stasera i pirati si guardano un film o si giocano un gioco alla facciazza tua.
    • Sgabbio scrive:
      Re: "i DRM non sono la soluzione..."
      - Scritto da: ruppolo
      "...ad un rapporto di buon vicinato".

      Perché, un bel muro di confine lo è?Pere con le mele.Perchè paragoni un centro residenziale ad una cosa fastidiosa, inutile e pure artificosa, come i DRM ?
      Se OGGI le case sono tutte divise da muri,
      ringhiere, reti e quant'altro lo dobbiamo ad una
      categoria di gente nota come
      LADRI.Ladri che entrano in casa = Uno che scarica su internet! Altro paragone che non regge! Poi scusami, i muri che dividono le verie proprietà private, sono tutt'altra cosa rispetto ad un DRM....
      Niente di nuovo sotto il sole, se non un aumento
      indiscriminato di ladri, e quindi di illegalità,
      prosaicamente chiamati
      "pirati".Ladri ? Quali Ladri ?
      Così risolviamo il problema sollevato da
      Latronico, "Non va combattuta la pirateria (e
      magari va chiamata anche in un altro modo)".
      Appunto, va chiamata per quello che è, un furto
      ai danni del
      prossimo.Dove sta la sottrazione del bene materiale ? Ti è stato spiegato mille volte....
      Ma schiere di ipocriti eccellenti diranno che
      "rubare" = "sottrarre", e che nulla viene
      sottratto. Come se i beni immateriali non si
      potessero
      sottrarre!Ma è un dato di fatto, non una ipocrisia, non è che facendo un copia incolla, l'operazione di copia, elimina il file precedente, eh ?Mi sembra che pure una sentenza della cassazione, seppur non vincolante, si era espressa che il download non è equiparabile al furto.
      Questi ipocriti sono in realtà degli inetti
      rispetto le cose che rubano. Rubano libri,
      musica, film: cose che non sono capaci di fare.
      Le lasciano fare agli altri, che ne sono capaci,
      e poi gliele prendono a
      sbafo.Quindi, tu sei un musicista, registra, attore, scrittore ?A parte che l'articolo non l'hai letto bene, ma ricordiamoci, che dove non esiste una certa offerta legale decente, ci si procura questo o quello in altre vie.Vogliamo perlate di tutte quello cose, vecchie anche da decenni, che non hanno mai calcato il territorio italiano, per miopia dei distributori ?Se mi scarico quelle cose, quale "mistico" danno potrei arrecare in italia ? Chi ha i diritti di quella cosa in italia, se nessuno l'ha mai importato ufficialmente ?Pensa alle folte schiere di fansubber, che si sbattono a far sottititoli per anime e film, che non sono mai arrivati da noi (E solo nell'ultimo anno certi editori si sono dati una svegliata).
      Ah, ma sono sicuro che se fosse LORO, il lavoro,
      sarebbero i primi a difenderlo a spada
      tratta!Scherzi ? Più si diffonde, più gente conosce, più gente apprezza ergo: Ti fai una bella schiera di estimatori.Sta poi all'autore/editore, trovare un modo per incassare, gadget, concerti, eventi.....
      Mantellini esorta a discuterne. C'è poco da
      discutere, ci sono solo da ridurre o eliminare
      certi intermediari, l'acqua sXXXXX, senza
      "gettare il bambino", come si sta facendo oggi
      nel più totale menefreghismo e mancanza di
      rispetto del
      prossimo.Io invece, vedo che fanno di tutto per mantenere gli intermediari ormai inutili, basta vedere cosa hanno fatto, dopo l'arrivo di Amazon in italia.
      "Mancanza di rispetto del prossimo", una frase di
      cui si è dimenticato il
      significato.Scaricare = Mancanza di rispetto... che visione ristretta che hai nel tuo iRagionamento.
      Chi pirata, oggi, non ha alcuna voce in capitolo,
      nessun onore, è ladro tanto quanto lo sono gli
      intermediari che contesta. Anzi, spesso non gli
      frega nulla degli intermediari e di tutta la
      questione etica morale che sta dietro,
      semplicemente arraffa. Nessun diritto di parola,
      a
      costui!A parte che il diritto di parla è garantito a tutti, lo so che nel tuo iRagionamento, i diritti del uomo.app non è stato approvato del sacro serve del tuo app store celebrale.Ma vorrei farti notare che le persone che piratano, quelli che tu diffamamente ed erroniamente chiami LADRI, sono pure quelli che acquistano non poco, lo sanno le major, lo sanno quelli del copyright prima di tutto, lo sanno pure chi è nel settore.Ci sono ricerche, commessionate pure delle grandi etichette che di mostrano ciò....
      --------------------------------------------------
      Modificato dall' autore il 13 febbraio 2012 13.25
      --------------------------------------------------
    • mela avvelenata scrive:
      Re: "i DRM non sono la soluzione..."
      Dai Ruppolo, se anche Latronico confessa candidamente di "rubare", come dici tu, agli altri, anche se poi lui vive grazie anche al diritto d'autore! E poi, mica tutti sono pirati integrali...e non parliamo degli iPhone, iPod ed iPad XXXXXXXXXati! Dai, non siamo sempre cosi intransigenti!
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: "i DRM non sono la soluzione..."
      - Scritto da: ruppolo
      Così risolviamo il problema sollevato da
      Latronico, "Non va combattuta la pirateria (e
      magari va chiamata anche in un altro modo)".
      Appunto, va chiamata per quello che è, un furto
      ai danni del
      prossimo.
      Furto uguale sottrazione di un bene di cui se ne priva il godimento al legittimo proprietario, mi rubi l'auto = furto, mi rubi l'unica copia anche digitale di un'opera = furto....duplicare abusivamente un'opera digitale non è un furto!Altro discorso è invocare un danno economico da mancata vendita di copie digitali della mia opera:1° bisogna provare che il danno economico ci sia stato... e non come certe statistiche delle major in cui 1 file copiato = 1 prodotto non venduto2° bisogna riformare i diritti d'autore, sorti per garantire una buona vecchiaia agli autori, quando l'istituto della pensione non esisteva e ora trasformati in qualche cosa di assurdo
      Ma schiere di ipocriti eccellenti diranno che
      "rubare" = "sottrarre", e che nulla viene
      sottratto. Come se i beni immateriali non si
      potessero
      sottrarre!
      Infatti nulla viene sottratto, si parla meramente di un possibile e non dimostrato danno economico da eventuale riduzione di vendite di certi beni immateriali!
      Questi ipocriti sono in realtà degli inetti
      rispetto le cose che rubano. Rubano libri,
      musica, film: cose che non sono capaci di fare.
      Le lasciano fare agli altri, che ne sono capaci,
      e poi gliele prendono a
      sbafo.Stai parlando delle major? Degli editori?Gente che magari perchè ritiene non economicamente remunerativo seppelisce milioni di opere in archivi polverosi sottraendoli al pubblico dominio per secoli? Come ad esempio certi libri?
      Ah, ma sono sicuro che se fosse LORO, il lavoro,
      sarebbero i primi a difenderlo a spada
      tratta!
      I diritti d'autore hanno un senso se si limitano ad un arco di massimo 10 anni dalla pubblicazione di un'opera e se si limitano all'ambito del lucro, il fair use e la condivisione fra privati non dovrebbe proprio essere toccata dal diritto d'autore, quindi nessun limite al P2P, ma nel contempo va stangato chi ne fa un commercio, vedi megaupload e similia (certo non con i sistemi impiegati, che sono peggiori del crimine che vanno a combattere.)
      Mantellini esorta a discuterne. C'è poco da
      discutere, ci sono solo da ridurre o eliminare
      certi intermediari, l'acqua sXXXXX, senza
      "gettare il bambino", come si sta facendo oggi
      nel più totale menefreghismo e mancanza di
      rispetto del
      prossimo.Il problema è che certi intermediari non hanno nessuna voglia di togliersi di torno e grazie alle loro lobby modificano pro domo loro le leggi delle varie nazioni.Se una canzone venisse venduta a 10 centesimi o un libro a meno di un'euro senza DRM , non credi che la "pirateria" finirebbe per ridimensionarsi nettamente? Il bello è che gli autori percepirebbero praticamente gli stessi soldi per copia con il vantaggio di moltiplicare le vendite di numerose volte visti i prezzi nettamente più bassi... a cifre tanto basse molte opere potrebbero addirittura reggersi su sponsorizzazioni pubblicitarie!
      "Mancanza di rispetto del prossimo", una frase di
      cui si è dimenticato il
      significato.
      Ma chi sarebbe questo prossimo da tutelare con leggi tanto ferree? Le major? Non certo gli autori!
      Chi pirata, oggi, non ha alcuna voce in capitolo,
      nessun onore, è ladro tanto quanto lo sono gli
      intermediari che contesta. Anzi, spesso non gli
      frega nulla degli intermediari e di tutta la
      questione etica morale che sta dietro,
      semplicemente arraffa. Nessun diritto di parola,
      a
      costui!Io la penso diversamente, la "pirateria" è l'unico modo per cambiare le regole... già con la musica è riuscita a far cadere i DRM, se non ci fosse stata la pirateria secondo te li avrebbero mai tolti?Le major capiscono solo il linguaggio dei soldi, che tu faccia manifestazioni non frega nulla a nessuno!Ecco perchè la pirateria è necessaria, è l'unico strumento che hanno i cittadini per arrivare a cambiare le leggi!
    • Suta scrive:
      Re: "i DRM non sono la soluzione..."
      Guarda come rosicano i videotechini...
    • CiVuolePazi enza scrive:
      Re: "i DRM non sono la soluzione..."
      I pirati scaricano e guardano i loro film ecc.Chi non pirata ha tanto tempo libero e fa post provocatori su PI.Quale categoria preferite?
    • Funz scrive:
      Re: "i DRM non sono la soluzione..."
      Se non ti piace il mondo alloroa tira su un bel muro di cinta, un firewall (basta anche staccare lo spinotto dal router) e chiuditici dentro.
  • panda rossa scrive:
    Il mondo accademico alza la voce.
    E' in corso una campagna, promossa dal mondo accademico, per combattere un malcostume di stampo mafioso, operato da un cartello di editori che si sono appropriati in esclusiva delle pubblicazioni scientifiche e le rivendono a peso d'oro, sottraendole di fatto alla pubblica consultazione.http://news.sciencemag.org/scienceinsider/2012/02/thousands-of-scientists-vow-to-b.htmlE' tempo di disinfestare il mondo da questi parassiti.
    • Riciiaard Giear scrive:
      Re: Il mondo accademico alza la voce.
      - Scritto da: panda rossa
      E' in corso una campagna, promossa dal mondo
      accademico, per combattere un malcostume di
      stampo mafioso, operato da un cartello di editori
      che si sono appropriati in esclusiva delle
      pubblicazioni scientifiche e le rivendono a peso
      d'oro, sottraendole di fatto alla pubblica
      consultazione.

      http://news.sciencemag.org/scienceinsider/2012/02/

      E' tempo di disinfestare il mondo da questi
      parassiti.E in ragione di ciò tu protesti scaricandoti un film di Peter Jackson o di Nolan (rotfl)
      • panda rossa scrive:
        Re: Il mondo accademico alza la voce.
        - Scritto da: Riciiaard Giear
        - Scritto da: panda rossa

        E' in corso una campagna, promossa dal mondo

        accademico, per combattere un malcostume di

        stampo mafioso, operato da un cartello di
        editori

        che si sono appropriati in esclusiva delle

        pubblicazioni scientifiche e le rivendono a
        peso

        d'oro, sottraendole di fatto alla pubblica

        consultazione.




        http://news.sciencemag.org/scienceinsider/2012/02/



        E' tempo di disinfestare il mondo da questi

        parassiti.

        E in ragione di ciò tu protesti scaricandoti un
        film di Peter Jackson o di Nolan
        (rotfl)E in ragione di questo, io indico la luna, e tu per impedirmelo ti metti di spalle tra il mio dito e la luna.
        • Riciiaard Giear scrive:
          Re: Il mondo accademico alza la voce.
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Riciiaard Giear

          - Scritto da: panda rossa


          E' in corso una campagna, promossa dal
          mondo


          accademico, per combattere un
          malcostume
          di


          stampo mafioso, operato da un cartello
          di

          editori


          che si sono appropriati in esclusiva
          delle


          pubblicazioni scientifiche e le
          rivendono
          a

          peso


          d'oro, sottraendole di fatto alla
          pubblica


          consultazione.








          http://news.sciencemag.org/scienceinsider/2012/02/





          E' tempo di disinfestare il mondo da
          questi


          parassiti.



          E in ragione di ciò tu protesti scaricandoti
          un

          film di Peter Jackson o di Nolan

          (rotfl)

          E in ragione di questo, io indico la luna, e tu
          per impedirmelo ti metti di spalle tra il mio
          dito e la
          luna.Parli di dito che indica la luna, ma neanche hai capito cosa volevo dire. Io sono contro l'attuale legge sul diritto d'autore. Ma allo stesso tempo disprezzo le persone come te che tirano fuori tutte queste notizie collaterali di cui in realtà non gliene frega niente, ma che usano come scuse per la loro attività di scaricare gratis filmetti, musica e videogiochi da Internet. Chiamano gli altri parassiti ma non vogliono dare un euro in cambio. Tipo la tua grande sciocchezza di fare tutto solo su commissione. Fammi Maya su commissione (rotfl)
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Riciiaard Giear
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Riciiaard Giear


            - Scritto da: panda rossa



            E' in corso una campagna, promossa
            dal

            mondo



            accademico, per combattere un

            malcostume

            di



            stampo mafioso, operato da un
            cartello

            di


            editori



            che si sono appropriati in
            esclusiva

            delle



            pubblicazioni scientifiche e le

            rivendono

            a


            peso



            d'oro, sottraendole di fatto alla

            pubblica



            consultazione.













            http://news.sciencemag.org/scienceinsider/2012/02/







            E' tempo di disinfestare il mondo
            da

            questi



            parassiti.





            E in ragione di ciò tu protesti
            scaricandoti

            un


            film di Peter Jackson o di Nolan


            (rotfl)



            E in ragione di questo, io indico la luna, e
            tu

            per impedirmelo ti metti di spalle tra il mio

            dito e la

            luna.

            Parli di dito che indica la luna, ma neanche hai
            capito cosa volevo dire.

            Io sono contro l'attuale legge sul diritto
            d'autore. Ma allo stesso tempo disprezzo le
            persone come te che tirano fuori tutte queste
            notizie collaterali di cui in realtà non gliene
            frega niente, ma che usano come scuse per la loro
            attività di scaricare gratis filmetti, musica e
            videogiochi da Internet. Chiamano gli altri
            parassiti ma non vogliono dare un euro in cambio.
            Tipo la tua grande sciocchezza di fare tutto solo
            su commissione. Fammi Maya su commissione
            (rotfl)+1
          • Guybrush scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Basta Pirateria
            - Scritto da: Riciiaard Giear[...]
            su commissione. Fammi Maya su commissione

            (rotfl)

            +1Fatto:http://www.blender.org/Insieme a 3D studio MAX e Maya è uno dei più usati (ed è lo strumento più flessibile dei tre).Saluti.GT
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: Basta Pirateria

            - Scritto da: Riciiaard Giear
            [...]


            su commissione. Fammi Maya su commissione


            (rotfl)



            +1

            Fatto:
            http://www.blender.org/

            Insieme a 3D studio MAX e Maya è uno dei più
            usati (ed è lo strumento più flessibile dei
            tre).

            Saluti.
            GTL'ha fatto Panda Rossa? WOW non lo sapevo! Perché il discorso non è se esistono o no software open source di alto livello, ma se Panda Rossa è vero che può fare veramente ciò che dice: realizzare qualunque software uno gli commissiona. Cosa che per me è una XXXXXXX incredibile.ps: Blender era il software interno di un'azienda di animazioni che è fallita ed è stato poi reso open source. Non è stato commissionato.Non è neanche vero che è uno dei più usati. Nel mondo del cinema è stato usato in pochissimi film, per esempio in Spiderman 2 per una scena sola.
          • krane scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: Guybrush

            - Scritto da: Basta Pirateria


            - Scritto da: Riciiaard Giear

            [...]



            su commissione. Fammi Maya



            su commissione (rotfl)


            +1

            Fatto:

            http://www.blender.org/

            Insieme a 3D studio MAX e Maya è

            uno dei più usati (ed è lo strumento

            più flessibile dei tre).

            Saluti.

            GT
            L'ha fatto Panda Rossa? WOW non lo
            sapevo! Perché il discorso non è se
            esistono o no software open source di
            alto livello, ma se Panda Rossa è vero
            che può fare veramente ciò che dice:
            realizzare qualunque software uno gli
            commissiona. Cosa che per me è una
            XXXXXXX incredibile.Domanda: ma ci sono gli ingegneri che fanno i ponti, quelli che fanno le dighe, quelli che fanno le case, o ci sono gli ingegneri ?Il programmatore e' uguale, il suo lavoro e' convertire quello di cui tu hai bisogno in programma, sta a te dire di cosa hai bisogno.
            ps: Blender era il software interno di
            un'azienda di animazioni che è fallita
            ed è stato poi reso open source. Non è
            stato commissionato.
            Non è neanche vero che è uno dei più
            usati. Nel mondo del cinema è stato
            usato in pochissimi film, per esempio
            in Spiderman 2 per una scena sola.E quindi ?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: krane
            Il programmatore e' uguale, il suo lavoro e'
            convertire quello di cui tu hai bisogno in
            programma, sta a te dire di cosa hai
            bisogno.Un conto è se chiedo un gestionale. Ma se ti chiedo di farmi un software che richiede 5 anni di lavoro e milioni di linee di codice, decine di programmatori, secondo te lo chiedo a Panda Rossa?Secondo te è meglio che io spendo milioni di dollari per farlo realizzare solo per me o che un'azienda lo produce per conto proprio e poi ammortizza i costi facendo pagare le licenze ai clienti?A parte questo Panda Rossa né nessun altro programmatore della terra è in grado di fare qualunque tipo di software. Se voglio giocare a un nuovo gioco per Xbox lo chiedo a Panda Rossa? Ma dai come si fa a discutere di una cosa così, siete proprio senza vergogna.


            ps: Blender era il software interno di

            un'azienda di animazioni che è fallita

            ed è stato poi reso open source. Non è

            stato commissionato.

            Non è neanche vero che è uno dei più

            usati. Nel mondo del cinema è stato

            usato in pochissimi film, per esempio

            in Spiderman 2 per una scena sola.

            E quindi ?E quindi cosa? Si capisce da solo. Lui dice che è usato tantissimo nei film e io gli ho detto di no.
          • krane scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: krane

            Il programmatore e' uguale, il suo lavoro e'

            convertire quello di cui tu hai bisogno in

            programma, sta a te dire di cosa hai

            bisogno.
            Un conto è se chiedo un gestionale. Ma se ti
            chiedo di farmi un software che richiede 5 anni
            di lavoro e milioni di linee di codice, decine di
            programmatori, secondo te lo chiedo a Panda
            Rossa?Se i soldi sono tuoi saranno affari tuoi a chi lo chiedi no ?
            Secondo te è meglio che io spendo milioni di
            dollari per farlo realizzare solo per me o che
            un'azienda lo produce per conto proprio e poi
            ammortizza i costi facendo pagare le licenze ai
            clienti?Sono scelte aziendali, moltissime aziende investono in software interno.
            A parte questo Panda Rossa né nessun altro
            programmatore della terra è in grado di fare
            qualunque tipo di software. Se voglio giocare a
            un nuovo gioco per Xbox lo chiedo a Panda Rossa?
            Ma dai come si fa a discutere di una cosa così,
            siete proprio senza vergogna.Quindi il software si produce da solo ?


            ps: Blender era il software interno di


            un'azienda di animazioni che è fallita


            ed è stato poi reso open source. Non è


            stato commissionato.


            Non è neanche vero che è uno dei più


            usati. Nel mondo del cinema è stato


            usato in pochissimi film, per esempio


            in Spiderman 2 per una scena sola.

            E quindi ?
            E quindi cosa? Si capisce da solo. Lui dice che è
            usato tantissimo nei film e io gli ho detto di
            no.Cio' non toglie che possa essere scritto da un qualsiasi programmatore a cui siano state date le specifiche.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: krane
            Se i soldi sono tuoi saranno affari tuoi a chi lo
            chiedi no
            ?Dai suuuuuuuuu daiiiiiiiii è chiaro che è una cosa stupida chiedere a Panda Rossa di fare un programma di quel tipo. Su daiiiiiiiiii fai mica il finto tonto.
            Sono scelte aziendali, moltissime aziende
            investono in software
            interno.Dai suuuuuuuuu daiiiiiiiiii ma dipende dal software dai suuuuuuuuuuuu dai che ci arrivi su

            Quindi il software si produce da solo ?Dai suuuuuuu che ci arrivviiiiiiiiiii daiiiiiii. Solo certi software si chiedono su commissione. Per altri ha più senso la politica del mercato rivolta al pubblico. Dove chi fa un software vende le licenze e se poi il mercato gli dà ragione ha sucXXXXX. E tu quando devi scegliere che software utilizzare in quel campo anziché reinventare la ruota internamente spendi un millesimo e compri una soluzione già fatta.Daiiiiii suuuuuu che ci puoi arrivare daiiiiiii


            Cio' non toglie che possa essere scritto da un
            qualsiasi programmatore a cui siano state date le
            specifiche.Sì un qualsiasi programmatore, vai ne peschi uno e te lo fa. Ma che cosa dici daiiiiiiiiiii Tu comunque non sai programmare, su questo non ci piove.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Dai suuuuuuuuu daiiiiiiiii è chiaro che è una
            cosa stupida chiedere a Panda Rossa di fare un
            programma di quel tipo. Su daiiiiiiiiii fai mica
            il finto
            tonto.Tu non fai il finto tonto, mi sa, sei proprio così.
            Dai suuuuuuu che ci arrivviiiiiiiiiii daiiiiiii.
            Solo certi software si chiedono su commissione.
            Per altri ha più senso la politica del mercato
            rivolta al pubblico.No, perchè le leggi di mercato non si applicano a ciò che è duplicabile.
            Dove chi fa un software
            vende le licenze e se poi il mercato gli dà
            ragione ha sucXXXXX.Peccato che l'utente non vuole la licenza, vuole il software; perciò potrebbe decidere di non comprare la licenza e procurarsi il software altrove (e lo fa)
            E tu quando devi scegliere
            che software utilizzare in quel campo anziché
            reinventare la ruota Anzichè reinventare la ruota riutilizzi un programma già esistente, modificandolo dove serve.
            internamente spendi un
            millesimo e compri una soluzione già
            fatta.Se è già fatta, la scarico gratis, non la compro. Infatti, se è già fatta, nessuno ci sta lavorando, il lavoro è finito.
            Tu comunque non sai programmare, su questo non ci pioveKrane è un programmatore professionista. Tu, a giudicare da quanto scrivi, non sai usare nemmeno il visual basic.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Krane è un programmatore professionista. Tu, a
            giudicare da quanto scrivi, non sai usare nemmeno
            il visual
            basic.Ma a giudicare da cosa? Se non abbiamo detto niente di tecnico. Su fanciullo Krane manco lo conosci di persona. Se fosse come dite voi fioccherebbero programmi che farebbero impallidire photoshop e Maya.Blender è stato creato da uno che ha studiato tutta la vita quell'argomento. Non da uno a cui hanno commissionato un programma e puff in un anno l'ha creato. State dicendo delle grandi scemenze.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Ma a giudicare da cosa? Se non abbiamo detto
            niente di tecnico. Appunto. Un programmatore l'avrebbe fatto, invece.
            Su fanciullo Krane manco lo
            conosci di persona. E che ne sai? Magari io sono lui (il fatto di avere un nick registrato non mi impedirebbe di postare da non registrato)
            Se fosse come dite voi
            fioccherebbero programmi che farebbero
            impallidire photoshop e
            Maya.Ne esistono, in ogni settore.
            Blender è stato creato da uno che ha studiato
            tutta la vita quell'argomento. Non da uno a cui
            hanno commissionato un programma e puff in un
            anno l'ha creato. Se lo commissionano, è il committente ad aver studiato l'argomento (altrimenti non sarebbe in grado di dare le specifiche)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Se lo commissionano, è il committente ad aver
            studiato l'argomento (altrimenti non sarebbe in
            grado di dare le
            specifiche)A quel punto non te lo commissionava: se lo scriveva.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Se lo commissionano, è il committente ad aver

            studiato l'argomento (altrimenti non sarebbe
            in

            grado di dare le

            specifiche)

            A quel punto non te lo commissionava: se lo
            scriveva.Ma io pensavo che il programmatore fosse un dattilografo :o
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Krane è un programmatore professionista. Tu,
            a

            giudicare da quanto scrivi, non sai usare
            nemmeno

            il visual

            basic.

            Ma a giudicare da cosa? Se non abbiamo detto
            niente di tecnico. Su fanciullo Krane manco lo
            conosci di persona. Se fosse come dite voi
            fioccherebbero programmi che farebbero
            impallidire photoshop e
            Maya.
            Blender è stato creato da uno che ha studiato
            tutta la vita quell'argomento. Non da uno a cui
            hanno commissionato un programma e puff in un
            anno l'ha creato. State dicendo delle grandi
            scemenze.Ma tu dai retta a panda rossa? Dopo che lui stesso ha ammesso che i suoi programmi sono i peggiori per la pessima qualità del codice e per lo straordinario numero di bug?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            Panda rossa ne sa molto più di te, che ti rispondi da solo.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Un conto è se chiedo un gestionale. Ma se ti
            chiedo di farmi un software che richiede 5 anni
            di lavoro e milioni di linee di codice, decine di
            programmatori, secondo te lo chiedo a Panda
            Rossa?
            Secondo te è meglio che io spendo milioni di
            dollari per farlo realizzare solo per mePuoi metterti d'accordo con altri e fare una colletta.
            o che
            un'azienda lo produce per conto proprio e poi
            ammortizza i costi facendo pagare le licenze ai
            clienti?E una volta ammortizzati i costi? Se a quel punto rende tutto open, per me va bene. Ma se si fa pagare a oltranza, sta tradendo i clienti e sta commettendo una truffa.
            A parte questo Panda Rossa né nessun altro
            programmatore della terra è in grado di fare
            qualunque tipo di software. Se voglio giocare a
            un nuovo gioco per Xbox lo chiedo a Panda Rossa?Ma a te importa il gioco o la piattaforma?
          • shevathas scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Domanda: ma ci sono gli ingegneri che fanno i
            ponti, quelli che fanno le dighe, quelli che
            fanno le case, o ci sono gli ingegneri
            ?
            la prima che hai detto. Esistono ingegneri che si specializzano in dighe, altri che si specializzano in ponti, altri che si specializzano in case. Così come esiste il cardiologo, l'oncologo, l'ortopedico.
            Il programmatore e' uguale, il suo lavoro e'
            convertire quello di cui tu hai bisogno in
            programma, sta a te dire di cosa hai
            bisogno.
            Non è così semplice purtroppo. Il 3D richiede la conoscenza di tanti begli algoritmi per ottimizzare e velocizzare il disegno, la predisposizione di un gestionale richiede la conoscenza della normativa fiscale, la predisposizione di un sistema di datawharehouse richiede la conoscenza degli algoritmi e delle funzioni per il datawharehousing. E' come la medicina, devi scegliere in che branca specializzarti. Nelle altre puoi averne conoscenza ma rimani inferiore a chi invece si è specializzato in quella branca.
          • krane scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: shevathas

            Domanda: ma ci sono gli ingegneri che fanno i

            ponti, quelli che fanno le dighe, quelli che

            fanno le case, o ci sono gli ingegneri ?
            la prima che hai detto. Esistono ingegneri che si
            specializzano in dighe, altri che si
            specializzano in ponti, altri che si
            specializzano in case. Così come esiste il
            cardiologo, l'oncologo, l'ortopedico.

            Il programmatore e' uguale, il suo lavoro e'

            convertire quello di cui tu hai bisogno in

            programma, sta a te dire di cosa hai

            bisogno.
            Non è così semplice purtroppo. Il 3D richiede la
            conoscenza di tanti begli algoritmi per
            ottimizzare e velocizzare il disegno, la
            predisposizione di un gestionale richiede la
            conoscenza della normativa fiscale, la
            predisposizione di un sistema di datawharehouse
            richiede la conoscenza degli algoritmi e delle
            funzioni per il datawharehousing. E' come la
            medicina, devi scegliere in che branca
            specializzarti. Nelle altre puoi averne
            conoscenza ma rimani inferiore a chi invece si è
            specializzato in quella branca.Non nasci imparato, quando ti serve quella conoscienza la accumuli, non devi conoscere le formule, quelle le conosce il committente.
          • Enry scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: shevathas

            Domanda: ma ci sono gli ingegneri che fanno i

            ponti, quelli che fanno le dighe, quelli che

            fanno le case, o ci sono gli ingegneri

            ?


            la prima che hai detto. Esistono ingegneri che si
            specializzano in dighe, altri che si
            specializzano in ponti, altri che si
            specializzano in case. Così come esiste il
            cardiologo, l'oncologo,
            l'ortopedico.


            Il programmatore e' uguale, il suo lavoro e'

            convertire quello di cui tu hai bisogno in

            programma, sta a te dire di cosa hai

            bisogno.



            Non è così semplice purtroppo. Il 3D richiede la
            conoscenza di tanti begli algoritmi per
            ottimizzare e velocizzare il disegno, la
            predisposizione di un gestionale richiede la
            conoscenza della normativa fiscale, la
            predisposizione di un sistema di datawharehouse
            richiede la conoscenza degli algoritmi e delle
            funzioni per il datawharehousing. E' come la
            medicina, devi scegliere in che branca
            specializzarti. Nelle altre puoi averne
            conoscenza ma rimani inferiore a chi invece si è
            specializzato in quella
            branca.Hai la mia stima che glielo hai spiegato, grazie... ma non hai capito che ha il cervello pari a quello di un macaco? Ti pare possibile che uno venga a dire "o esistono gli ingegneri?" Cioè, roba che neanche un tronista di Maria De Filippi dice ste scemenze eh... e il bello che manco se ne rende conto... la prossima volta magari facciamo una colletta e gli regaliamo i cubi, quelli dei bambini, magari una costruzione riesce a metterla insieme, anche se le premesse devo dire sono imbarazzanti.Enry
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi

            L'ha fatto Panda Rossa? WOW non lo sapevo! Perché
            il discorso non è se esistono o no software open
            source di alto livello, ma se Panda Rossa è vero
            che può fare veramente ciò che dice: realizzare
            qualunque software uno gli commissiona. Cosa che
            per me è una XXXXXXX
            incredibile.Non hai che da mettere 5000 euro sul tavolo, e ti faccio l'analisi e il preventivo.Se poi accetterai il preventivo partiamo con gli sviluppi.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa
            Non hai che da mettere 5000 euro sul tavolo, e ti
            faccio l'analisi e il
            preventivo.
            Se poi accetterai il preventivo partiamo con gli
            sviluppi.Peccato che con un quinto di quella cifra mi compro già la licenza di Maya e uso un programma già fatto e testato. Anziché pagare 5000 euro per un preventivo e aspettare anni per un software che forse verrà fatto e chissà quanto bene funzionerà.
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: panda rossa

            Non hai che da mettere 5000 euro sul tavolo,
            e
            ti

            faccio l'analisi e il

            preventivo.

            Se poi accetterai il preventivo partiamo con
            gli

            sviluppi.

            Peccato che con un quinto di quella cifra mi
            compro già la licenza di Maya e uso un programma
            già fatto e testato. Anziché pagare 5000 euro per
            un preventivo e aspettare anni per un software
            che forse verrà fatto e chissà quanto bene
            funzionerà.ma hai la garanzia "panda rossa", sinonimo di qualità in tutto il mondo :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: panda rossa

            Non hai che da mettere 5000 euro sul tavolo,
            e
            ti

            faccio l'analisi e il

            preventivo.

            Se poi accetterai il preventivo partiamo con
            gli

            sviluppi.

            Peccato che con un quinto di quella cifra mi
            compro già la licenza di Maya e uso un programma
            già fatto e testato. Anziché pagare 5000 euro per
            un preventivo e aspettare anni per un software
            che forse verrà fatto e chissà quanto bene
            funzionerà.Come ti hanno gia' detto, i soldi sono tuoi.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            Guarda che quello è un clone... io non comprerei mai una licenza.
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Guarda che quello è un clone... io non comprerei
            mai una
            licenza.Io non rispondo mica alle persone, io rispondo al testo.Tutti gli utenti non registrati, per me pari sono, visto che c'e' gente che non riuscendo a sostenere l'insostenibile, cerca di generare confusione coi nick.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Guarda che quello è un clone... io non comprerei
            mai una
            licenza.Anche perché bisogna avere i soldi per comprarla ;)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Guarda che quello è un clone... io non
            comprerei

            mai una

            licenza.

            Anche perché bisogna avere i soldi per comprarla
            ;)Se non si compra la licenza si risparmia... e così io avrò più soldi di te.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Se non si compra la licenza si risparmia... e
            così io avrò più soldi di
            te.Anche se fai il "vento" al ristorante accumuli del denaro, ma questo non fa di te una persona migliore.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            Migliore di te, di sicuro.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Se non si compra la licenza si risparmia... e
            così io avrò più soldi di
            te.Le licenze si ammortizzano, sono un costo irrisorio per un'azienda seria che lavora. Al contrario di una che lavora con software perennemente in alpha per risparmiare quattro soldi.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            Che c'entrano le alpha? Si scaricano le versioni stabili.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Che c'entrano le alpha? Si scaricano le versioni
            stabili.Stabili e poverissime di funzioni. L'open source sul desktop sta al palo.Ma tanto tu pensi che un'azienda decida il proprio business per risparmiare quattro soldi sulle licenze.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Stabili e poverissime di funzioni. L'open source
            sul desktop sta al
            palo.Forse a casa tua.
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Che c'entrano le alpha? Si scaricano le
            versioni

            stabili.

            Stabili e poverissime di funzioni. L'open source
            sul desktop sta al palo.Il desktop non serve mica per l'attivita' di qualunque azienda.Quando diventerai grande te ne accorgerai tu stesso.
          • Guybrush scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi[...] L'ha fatto Panda Rossa?Se vuoi l'elenco dei programmi che ha scritto PR perché non glielo chiedi?
            WOW non lo sapevo! Perché
            il discorso non è se esistono o no software open
            source di alto livello, ma se Panda Rossa è vero
            che può fare veramente ciò che dice: realizzare
            qualunque software uno gli commissiona. Cosa che
            per me è una XXXXXXX
            incredibile.

            ps: Blender era il software interno di un'azienda
            di animazioni che è fallita ed è stato poi reso
            open source. Non è stato
            commissionato.Le modifiche successive si, o non sarebbe cambiata una cippalippa del programma.
            Non è neanche vero che è uno dei più usati.Il che vuol dire che hai notizie di altri software, oltre ai tre citati, usati per modellare in 3D e animazioni varie.Allora mentre panda rossa ci allieta con l'elenco dei suoi ultimi lavori, tu puoi andare a sciorinare il lungo elenco di software alternativo a Maya, oltre a Blender.CiaoGT
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: uno qualsiasi
            [...]

            L'ha fatto Panda Rossa?
            Se vuoi l'elenco dei programmi che ha scritto PR
            perché non glielo
            chiedi?Glielo hanno chiesto in tanti e non l'ha mai voluto dire.


            WOW non lo sapevo! Perché

            il discorso non è se esistono o no software open

            source di alto livello, ma se Panda Rossa è vero

            che può fare veramente ciò che dice: realizzare

            qualunque software uno gli commissiona. Cosa che

            per me è una XXXXXXX

            incredibile.



            ps: Blender era il software interno di
            un'azienda

            di animazioni che è fallita ed è stato poi reso

            open source. Non è stato

            commissionato.
            Le modifiche successive si, o non sarebbe
            cambiata una cippalippa del
            programma.


            Non è neanche vero che è uno dei più usati.
            Il che vuol dire che hai notizie di altri
            software, oltre ai tre citati, usati per
            modellare in 3D e animazioni
            varie.

            Allora mentre panda rossa ci allieta con l'elenco
            dei suoi ultimi lavori, tu puoi andare a
            sciorinare il lungo elenco di software
            alternativo a Maya, oltre a
            Blender.Panda Rossa dice solo: sourceforge, si vede che è timido.Cosa c'entra il lungo elenco di programmi oltre a Maya e Blender? In ambito professionale Maya, Lightwave e 3D Studio Max ci sono da molto più tempo di Blender.Per esempio per il fotoritocco ci sono Photoshop e Gimp che sono molto conosciuti. Il 99.99% dei professionisti indovina cosa usa? Anche se tra Blender e gli altri il divario è inferiore, ma c'è.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            L'ha fatto Panda Rossa? WOW non lo sapevo! Perché
            il discorso non è se esistono o no software open
            source di alto livello, ma se Panda Rossa è vero
            che può fare veramente ciò che dice: realizzare
            qualunque software uno gli commissiona. Può farlo... al massimo costa di più
            Cosa che per me è una XXXXXXX
            incredibile.Tu non sai programmare.

            ps: Blender era il software interno di un'azienda
            di animazioni che è fallita ed è stato poi reso
            open source. Non è stato
            commissionato.È stato "riscattato": sono stati ripagati i costi di sviluppo, e il programma è stato reso open.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Può farlo... al massimo costa di piùhaha ma che dici (rotfl) Al massimo costa di più (rotfl)



            Cosa che per me è una XXXXXXX

            incredibile.

            Tu non sai programmare.
            Veramente so anche programmare, ma poi ho fatto altro perché in Italia è un mestiere che non vale la pena intraprendere. Tu invece che sai programmare pensi che un programmatore generico sia in grado di fare Maya se dato su commissione? (rotfl) Tanto costa un po' di più (rotfl)



            ps: Blender era il software interno di
            un'azienda

            di animazioni che è fallita ed è stato poi
            reso

            open source. Non è stato

            commissionato.

            È stato "riscattato": sono stati ripagati i
            costi di sviluppo, e il programma è stato reso
            open.Non sono stati ripagati i costi di sviluppo, ma lo vedi che non sai di cosa parli? L'azienda andava male ed è stata chiusa e per rilasciare il codice è stata fatta una colletta per pagare gli altri soci e avere la loro autorizzazione a lasciare il codice con licenza GPL. Capito? Solo per coprire le loro perdite. Cosa che non c'entra niente con il pagare i costi di sviluppo (rotfl)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Veramente so anche programmare, ma poi ho fatto
            altro perché in Italia è un mestiere che non vale
            la pena intraprendere.Per te non vale la pena. Per gente capace, sì. Devo dedurre che tu fossi un pessimo programmatore.
            Tu invece che sai
            programmare pensi che un programmatore generico
            sia in grado di fare Maya se dato su commissione?Un programmatore generico non deve necessariamente partire da zero (può partire da blender o da altri programmi open, e aggiungere le funzion richieste), e non è obbligato ad agire da solo (può assumere collaboratori, sai?)





            ps: Blender era il software interno di

            un'azienda


            di animazioni che è fallita ed è stato
            poi

            reso


            open source. Non è stato


            commissionato.



            È stato "riscattato": sono stati
            ripagati
            i

            costi di sviluppo, e il programma è stato
            reso

            open.

            Non sono stati ripagati i costi di sviluppo, ma
            lo vedi che non sai di cosa parli? L'azienda
            andava male ed è stata chiusa e per rilasciare il
            codice è stata fatta una colletta per pagare gli
            altri soci e avere la loro autorizzazione a
            lasciare il codice con licenza GPL. Appunto: e quindi, il software è stato venduto. Il modello corretto è questo.
            Capito? Solo
            per coprire le loro perdite. Cosa che non c'entra
            niente con il pagare i costi di sviluppoLe loro perdite erano proprio i costi di sviluppo, vedi che non sai ragionare?
          • shevathas scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Un programmatore generico non deve
            necessariamente partire da zero (può partire da
            blender o da altri programmi open, e aggiungere
            le funzion richieste), e non è obbligato ad agire
            da solo (può assumere collaboratori,
            sai?)
            potrebbe farlo ma per farlo deve1) studiare il funzionamento del programma e capire la logica di funzionamento, cosa che per programmi con molte righe di codice, per quanto ben commentate, non è immediata.2) conoscere come implementare le funzioni richieste e/o trovare delle librerie open o closed che le implementano. 3) inserire quelle funzioni all'interno del programma.Non sono lavori, se si parte da zero, da fare in una settimana. A seconda della complessità delle funzioni da implementare e dell'assenza di librerie adatte si può tranquillamente supporre che le modifiche richieste saranno pronte, nel caso di un singolo programmatore, non prima di un anno.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: shevathas

            Un programmatore generico non deve

            necessariamente partire da zero (può partire
            da

            blender o da altri programmi open, e
            aggiungere

            le funzion richieste), e non è obbligato ad
            agire

            da solo (può assumere collaboratori,

            sai?)


            potrebbe farlo ma per farlo deve

            1) studiare il funzionamento del programma e
            capire la logica di funzionamento, cosa che per
            programmi con molte righe di codice, per quanto
            ben commentate, non è
            immediata.

            2) conoscere come implementare le funzioni
            richieste e/o trovare delle librerie open o
            closed che le implementano.


            3) inserire quelle funzioni all'interno del
            programma.

            Non sono lavori, se si parte da zero, da fare in
            una settimana. A seconda della complessità delle
            funzioni da implementare e dell'assenza di
            librerie adatte si può tranquillamente supporre
            che le modifiche richieste saranno pronte, nel
            caso di un singolo programmatore, non prima di un
            anno.Esatto !!! (sei un grande)E aggiungo: un programmatore "tutto gratis perché sono figo" alla panda rossa rischierebbe di violare un centinaio di brevetti e venire sbranato, o ancora di mettere in pericolo l'azienda che inavvertitamente dovesse usare quel software.Non basta fare un sitarello in php o buttare giù 10 righe di perl per definirsi "programmatore".
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            E aggiungo: un programmatore "tutto gratis perché
            sono figo" alla panda rossa rischierebbe di
            violare un centinaio di brevetti Ragione di più per eliminare i brevetti (che in italia non mi pare siano riconosciuti, sul software)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Per te non vale la pena. Per gente capace, sì.
            Devo dedurre che tu fossi un pessimo
            programmatore.Le tue deduzioni derivano solo dal fatto che ti brucia veder ridicolizzate le tue sciocchezze. In Italia il programmatore non rende niente e ci sono poche aziende che lavorano in settori interessanti. Tu quando finirai le superiori ricordatelo.

            Un programmatore generico non deve
            necessariamente partire da zero (può partire da
            blender o da altri programmi open, e aggiungere
            le funzion richieste), e non è obbligato ad agire
            da solo (può assumere collaboratori,
            sai?)
            Assumere collaboratori? Ma tu non hai capito come funziona il mondo del lavoro. Non è che commissioni il lavoro a uno che forse da Blender può creare qualcosa, che forse può assumere collaboratori. Ma poi sai quanto è complicato e lungo trovare il giusto personale? Assunti poi(rotfl) Le grosse software house americane prendono il meglio che c'è nel mondo. Tu parli di cose di cui non capisci niente. L'idea di uno che gli commissionano Maya e inizia a fare colloqui raccattando un po' di programmatori italiani fa ridere i polli.
            Appunto: e quindi, il software è stato venduto.
            Il modello corretto è
            questo.Non è stato venduto. Era socio pure quello che l'aveva fatto. E' stato solo per pagare i debiti rimasti per sciogliere la società.
            Le loro perdite erano proprio i costi di
            sviluppo, vedi che non sai
            ragionare?HAHA ma allora è difficile farti capire le cose. Quel software è stato fatto anni prima di chiudere bottega. Fatto fra l'altro da uno che ha studiato come farlo per tutta la vita, non gli è stato commissionato, lui era socio fondatore dell'azienda.Va bene ho capito questo è quello che mi tocca leggere quando discuto con uno che parla a vanvera. Buonanotte bambinoun bacio dormi bene tesoro
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Le tue deduzioni derivano solo dal fatto che ti
            brucia veder ridicolizzate le tue sciocchezze. In
            Italia il programmatore non rende niente A te, forse. Rosica pure.
            Assumere collaboratori? Ma tu non hai capito come
            funziona il mondo del lavoro. Non è che
            commissioni il lavoro a uno che forse da Blender
            può creare qualcosa, che forse può assumere
            collaboratori. Ma poi sai quanto è complicato e
            lungo trovare il giusto personale? Assunti
            poi(rotfl)Non è complicato... se te lo puoi permettere.Scusami, comunque: credevo che tu avessi più mezzi, non mi ero reso conto che non potevi permettertelo.
          • shevathas scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Non è complicato... se te lo puoi permettere.Esiste un teorema del calcolo delle probabilità che dimostra, matematicamente, che è possibile sbancare qualsiasi casinò. Basta avere tempo infinito e capitale infinito.
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: shevathas

            Non è complicato... se te lo puoi permettere.

            Esiste un teorema del calcolo delle probabilità
            che dimostra, matematicamente, che è possibile
            sbancare qualsiasi casinò. Basta avere tempo
            infinito e capitale
            infinito.quanta pazienza che hai... ;)
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: Basta Pirateria

            - Scritto da: Riciiaard Giear
            [...]


            su commissione. Fammi Maya su commissione


            (rotfl)



            +1

            Fatto:
            http://www.blender.org/

            Insieme a 3D studio MAX e Maya è uno dei più
            usati (ed è lo strumento più flessibile dei
            tre).

            Saluti.
            GTCerto! Perché Blender è un clone di Maya eseguito su commissione!!!Questo tuo post dovrebbe essere inserito nelle enciclopedie alla voce: EPIC FAIL!
          • krane scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Basta Pirateria
            - Scritto da: Guybrush

            - Scritto da: Basta Pirateria


            - Scritto da: Riciiaard Giear

            [...]



            su commissione. Fammi Maya su
            commissione



            (rotfl)





            +1



            Fatto:

            http://www.blender.org/



            Insieme a 3D studio MAX e Maya è uno dei più

            usati (ed è lo strumento più flessibile dei

            tre).



            Saluti.

            GT

            Certo! Perché Blender è un clone di Maya eseguito
            su commissione!!!Scusa, ma... NO:Blender e' stato usato come esempio o termine di paragone per ipotizzare un software richiesto da una ditta per uso interno. Che poi se vogliamo e' esattamente la storia del software che usa Industrial Light and Magic, creato ad utilizzo interno e raramente affittato.
            Questo tuo post dovrebbe essere inserito nelle
            enciclopedie alla voce: EPIC
            FAIL!
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Riciiaard Giear
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Riciiaard Giear


            - Scritto da: panda rossa



            E' in corso una campagna, promossa
            dal

            mondo



            accademico, per combattere un

            malcostume

            di



            stampo mafioso, operato da un
            cartello

            di


            editori



            che si sono appropriati in
            esclusiva

            delle



            pubblicazioni scientifiche e le

            rivendono

            a


            peso



            d'oro, sottraendole di fatto alla

            pubblica



            consultazione.













            http://news.sciencemag.org/scienceinsider/2012/02/







            E' tempo di disinfestare il mondo
            da

            questi



            parassiti.





            E in ragione di ciò tu protesti
            scaricandoti

            un


            film di Peter Jackson o di Nolan


            (rotfl)



            E in ragione di questo, io indico la luna, e
            tu

            per impedirmelo ti metti di spalle tra il mio

            dito e la

            luna.

            Parli di dito che indica la luna, ma neanche hai
            capito cosa volevo dire.

            Io sono contro l'attuale legge sul diritto
            d'autore. Ma allo stesso tempo disprezzo le
            persone come te che tirano fuori tutte queste
            notizie collaterali di cui in realtà non gliene
            frega niente, ma che usano come scuse per la loro
            attività di scaricare gratis filmetti, musica e
            videogiochi da Internet. Chiamano gli altri
            parassiti ma non vogliono dare un euro in cambio.
            Tipo la tua grande sciocchezza di fare tutto solo
            su commissione. Fammi Maya su commissione
            (rotfl)Dipende da quanto è la commissione furbone!Mi spieghi perché dovrebbe rischiare l'autore (invece che l'editore che è l'imprenditore) dato che per l'editore il rischio di impresa è parte del mestiere (per qualunque imprenditore NORMALE)?Mi spieghi perché l'editoria è l'unica attività che non solo non si vuole accollare il rischio di compensare l'autore con una commissione decente ma lo obbliga a partecipare al rischio e lo compensa poi con una miseria?Mi spieghi perché le attività di editoria hanno collecting society pubbliche che noi manteniamo coi soldi di tutti?Mi spieghi perché (a differenza delle altre imprese) queste aziende hanno leggi speciali che le proteggono dalla concorrenza?E... detto tra noi secondo te San pietro e la cappella sistina (roba FORSE un pochino più importante di Maya) sono stati fatti su commissione o compensando Michelangelo (uno degli uomini più pagati del suo tempo) con i futuri incassi dei turisti che vanno a visitarli?Rispondi pure con parole tue grazie!
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: Riciiaard Giear

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: Riciiaard Giear



            - Scritto da: panda rossa




            E' in corso una campagna,
            promossa

            dal


            mondo




            accademico, per combattere un


            malcostume


            di




            stampo mafioso, operato da un

            cartello


            di



            editori




            che si sono appropriati in

            esclusiva


            delle




            pubblicazioni scientifiche e le


            rivendono


            a



            peso




            d'oro, sottraendole di fatto alla


            pubblica




            consultazione.



















            http://news.sciencemag.org/scienceinsider/2012/02/









            E' tempo di disinfestare il mondo

            da


            questi




            parassiti.







            E in ragione di ciò tu protesti

            scaricandoti


            un



            film di Peter Jackson o di Nolan



            (rotfl)





            E in ragione di questo, io indico la luna,
            e

            tu


            per impedirmelo ti metti di spalle tra il
            mio


            dito e la


            luna.



            Parli di dito che indica la luna, ma neanche hai

            capito cosa volevo dire.



            Io sono contro l'attuale legge sul diritto

            d'autore. Ma allo stesso tempo disprezzo le

            persone come te che tirano fuori tutte queste

            notizie collaterali di cui in realtà non gliene

            frega niente, ma che usano come scuse per la
            loro

            attività di scaricare gratis filmetti, musica e

            videogiochi da Internet. Chiamano gli altri

            parassiti ma non vogliono dare un euro in
            cambio.

            Tipo la tua grande sciocchezza di fare tutto
            solo

            su commissione. Fammi Maya su commissione

            (rotfl)

            Dipende da quanto è la commissione furbone!

            Mi spieghi perché dovrebbe rischiare l'autore
            (invece che l'editore che è l'imprenditore) dato
            che per l'editore il rischio di impresa è parte
            del mestiere (per qualunque imprenditore
            NORMALE)?

            Mi spieghi perché l'editoria è l'unica attività
            che non solo non si vuole accollare il rischio di
            compensare l'autore con una commissione decente
            ma lo obbliga a partecipare al rischio e lo
            compensa poi con una
            miseria?

            Mi spieghi perché le attività di editoria hanno
            collecting society pubbliche che noi manteniamo
            coi soldi di
            tutti?

            Mi spieghi perché (a differenza delle altre
            imprese) queste aziende hanno leggi speciali che
            le proteggono dalla
            concorrenza?

            E... detto tra noi secondo te San pietro e la
            cappella sistina (roba FORSE un pochino più
            importante di Maya) sono stati fatti su
            commissione o compensando Michelangelo (uno degli
            uomini più pagati del suo tempo) con i futuri
            incassi dei turisti che vanno a
            visitarli?

            Rispondi pure con parole tue grazie!ah si dimenticavo ....Perchè basta con la pirateria?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: Riciiaard Giear


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: Riciiaard Giear




            - Scritto da: panda rossa





            E' in corso una campagna,

            promossa


            dal



            mondo





            accademico, per combattere un



            malcostume



            di





            stampo mafioso, operato da un


            cartello



            di




            editori





            che si sono appropriati in


            esclusiva



            delle





            pubblicazioni scientifiche e le



            rivendono



            a




            peso





            d'oro, sottraendole di fatto
            alla



            pubblica





            consultazione.


























            http://news.sciencemag.org/scienceinsider/2012/02/











            E' tempo di disinfestare il
            mondo


            da



            questi





            parassiti.









            E in ragione di ciò tu protesti


            scaricandoti



            un




            film di Peter Jackson o di Nolan




            (rotfl)







            E in ragione di questo, io indico la
            luna,

            e


            tu



            per impedirmelo ti metti di spalle tra il

            mio



            dito e la



            luna.





            Parli di dito che indica la luna, ma neanche
            hai


            capito cosa volevo dire.





            Io sono contro l'attuale legge sul diritto


            d'autore. Ma allo stesso tempo disprezzo le


            persone come te che tirano fuori tutte queste


            notizie collaterali di cui in realtà non
            gliene


            frega niente, ma che usano come scuse per la

            loro


            attività di scaricare gratis filmetti, musica
            e


            videogiochi da Internet. Chiamano gli altri


            parassiti ma non vogliono dare un euro in

            cambio.


            Tipo la tua grande sciocchezza di fare tutto

            solo


            su commissione. Fammi Maya su commissione


            (rotfl)



            Dipende da quanto è la commissione furbone!



            Mi spieghi perché dovrebbe rischiare l'autore

            (invece che l'editore che è l'imprenditore) dato

            che per l'editore il rischio di impresa è parte

            del mestiere (per qualunque imprenditore

            NORMALE)?



            Mi spieghi perché l'editoria è l'unica attività

            che non solo non si vuole accollare il rischio
            di

            compensare l'autore con una commissione decente

            ma lo obbliga a partecipare al rischio e lo

            compensa poi con una

            miseria?



            Mi spieghi perché le attività di editoria hanno

            collecting society pubbliche che noi manteniamo

            coi soldi di

            tutti?



            Mi spieghi perché (a differenza delle altre

            imprese) queste aziende hanno leggi speciali che

            le proteggono dalla

            concorrenza?



            E... detto tra noi secondo te San pietro e la

            cappella sistina (roba FORSE un pochino più

            importante di Maya) sono stati fatti su

            commissione o compensando Michelangelo (uno
            degli

            uomini più pagati del suo tempo) con i futuri

            incassi dei turisti che vanno a

            visitarli?



            Rispondi pure con parole tue grazie!
            ah si dimenticavo ....
            Perchè basta con la pirateria?Diccelo tu che sei un esperto.
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            E... detto tra noi secondo te San pietro e la
            cappella sistina (roba FORSE un pochino più
            importante di Maya) sono stati fatti su
            commissione o compensando Michelangelo (uno degli
            uomini più pagati del suo tempo) con i futuri
            incassi dei turisti che vanno a
            visitarli?No, sono state fatte da privati per LORO uso e consumo, se è questo che vuoi l'arte solo per chi può pagarsela... :DE i soldi venivano tirati fuori da questi contributi "volontari"http://it.wikipedia.org/wiki/Decima
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: tucumcari

            E... detto tra noi secondo te San pietro e la

            cappella sistina (roba FORSE un pochino più

            importante di Maya) sono stati fatti su

            commissione o compensando Michelangelo (uno
            degli

            uomini più pagati del suo tempo) con i futuri

            incassi dei turisti che vanno a

            visitarli?
            No, sono state fatte da privati per LORO uso e
            consumo, se è questo che vuoi l'arte solo per chi
            può pagarsela...
            :D
            E i soldi venivano tirati fuori da questi
            contributi
            "volontari"
            http://it.wikipedia.org/wiki/DecimaSbagliato Sono state fatte (al contrario di quanto dici) proprio perché la gente le vedesse (avevano e hanno uno scopo anche pedagogico come tutta l'arte del periodo rinascimentale e barocco).Quanto scrivi dimostra di quanta ignoranza della storia e della cultura e pressapochismo siano imbastiti i tuoi discorsi quelli di basta la pirateria e quelli dei suoi padroni!Ma lo sapevamo già non avevamo bisogno di conferme!
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: brain

            - Scritto da: tucumcari


            E... detto tra noi secondo te San pietro e
            la


            cappella sistina (roba FORSE un pochino più


            importante di Maya) sono stati fatti su


            commissione o compensando Michelangelo (uno

            degli


            uomini più pagati del suo tempo) con i
            futuri


            incassi dei turisti che vanno a


            visitarli?

            No, sono state fatte da privati per LORO uso e

            consumo, se è questo che vuoi l'arte solo per
            chi

            può pagarsela...

            :D

            E i soldi venivano tirati fuori da questi

            contributi

            "volontari"

            http://it.wikipedia.org/wiki/Decima

            Sbagliato Sono state fatte (al contrario di
            quanto dici) proprio perché la gente le vedesse
            (avevano e hanno uno scopo anche pedagogico come
            tutta l'arte del periodo rinascimentale e
            barocco).Fatte da PRIVATI per scopi PRIVATI, vendere indulgenze e paradisi è il loro ramo d'affari :D
            Quanto scrivi dimostra di quanta ignoranza della
            storia e della cultura e pressapochismo siano
            imbastiti i tuoi discorsi quelli di basta la
            pirateria e quelli dei suoi
            padroni!
            Ma lo sapevamo già non avevamo bisogno di
            conferme!E sui pagamenti "volontari" come la mettiamo: erano come l'equo compenso no? :D
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: brain


            - Scritto da: tucumcari



            E... detto tra noi secondo te San
            pietro
            e

            la



            cappella sistina (roba FORSE un
            pochino
            più



            importante di Maya) sono stati
            fatti
            su



            commissione o compensando
            Michelangelo
            (uno


            degli



            uomini più pagati del suo tempo)
            con
            i

            futuri



            incassi dei turisti che vanno a



            visitarli?


            No, sono state fatte da privati per
            LORO uso
            e


            consumo, se è questo che vuoi l'arte
            solo
            per

            chi


            può pagarsela...


            :D


            E i soldi venivano tirati fuori da
            questi


            contributi


            "volontari"


            http://it.wikipedia.org/wiki/Decima



            Sbagliato Sono state fatte (al contrario di

            quanto dici) proprio perché la gente le
            vedesse

            (avevano e hanno uno scopo anche pedagogico
            come

            tutta l'arte del periodo rinascimentale e

            barocco).

            Fatte da PRIVATI per scopi PRIVATI, vendere
            indulgenze e paradisi è il loro ramo d'affari
            :D


            Quanto scrivi dimostra di quanta ignoranza
            della

            storia e della cultura e pressapochismo siano

            imbastiti i tuoi discorsi quelli di basta la

            pirateria e quelli dei suoi

            padroni!

            Ma lo sapevamo già non avevamo bisogno di

            conferme!

            E sui pagamenti "volontari" come la mettiamo:
            erano come l'equo compenso no?
            :DQuelle erano tasse generali e ci facevano pure le guerre!Oggi tu le tasse per caso non le paghi? :DCosa credi che la decima servisse per pagare michelangelo?(rotfl)(rotfl)Ma per favoreeeee!Applicati di più potresti trovare di meglio...Se vuoi (dato che mi sembri deboluccio) ti do io qualche suggerimento più vicino alla realtà! :D
          • Guybrush scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: tucumcari[...] Fatte da PRIVATI per scopi PRIVATI, vendere
            indulgenze e paradisi è il loro ramo d'affari
            :DRealizzate da privati per scopi pubblici: la decorazione di una cattedrale, piuttosto che di una cappella o di una piazza, aveva come scopo primario quella di offrire un elemento di arredo urbano e, già che c'era, la memoria di chi quel monumento lo aveva voluto.Molto spesso si trova, quale modello, un personaggio dell'epoca. Personaggio che, spesso, era anche il committente dell'opera.Il risultato però, come si evince in modo eccezzionale ad esempio nel duomo di Orvieto, era educare il popolo ad una condotta che li portasse, alla fine del percorso terreno, a varcare le porte del paradiso.http://it.wikipedia.org/wiki/Duomo_di_OrvietoCredo che a nessuno piaccia quel che i satanassi riservavano alle anime dannate... a parte qualche masochista convinto.
            E sui pagamenti "volontari" come la mettiamo:
            erano come l'equo compenso no?
            :DPotevi benissimo non pagare, il punto è che la richiesta di indulgenza per le anime dei defunti era una domanda che partiva dal BASSO.Santa Romana Chiesa ha, semplicemente, deciso di raggranellare denari in quel modo... causando lo scisma protestante (ci sarebbe stato comunque, ma quella fu la fatidica goccia).Chi comprava l'indulgenza poteva almeno sperare che il caro estinto avesse, nell'aldilà, un trattamento meno duro o un piccolo sollievo, se non la salvezza. Speranza che col compenso equo (o equestre) invece sei costretto a lasciare dantescamente.GT
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Guybrush

            E sui pagamenti "volontari" come la mettiamo:

            erano come l'equo compenso no?

            :D
            Potevi benissimo non pagare, il punto è che la
            richiesta di indulgenza per le anime dei defunti
            era una domanda che partiva dal
            BASSO.Non si parlva di indulgenze
            Santa Romana Chiesa ha, semplicemente, deciso di
            raggranellare denari in quel modo... causando lo
            scisma protestante (ci sarebbe stato comunque, ma
            quella fu la fatidica
            goccia).
            Chi comprava l'indulgenza poteva almeno sperare
            che il caro estinto avesse, nell'aldilà, un
            trattamento meno duro o un piccolo sollievo, se
            non la salvezza.


            Speranza che col compenso equo (o equestre)
            invece sei costretto a lasciare
            dantescamente. Dalle mie parti c'è una bella statuetta dedicata ad un famoso vescovo di Milano, ti posso garantire che i contribuiti NON erano volontari :|
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: brain


            - Scritto da: tucumcari



            E... detto tra noi secondo te San
            pietro
            e

            la



            cappella sistina (roba FORSE un
            pochino
            più



            importante di Maya) sono stati
            fatti
            su



            commissione o compensando
            Michelangelo
            (uno


            degli



            uomini più pagati del suo tempo)
            con
            i

            futuri



            incassi dei turisti che vanno a



            visitarli?


            No, sono state fatte da privati per
            LORO uso
            e


            consumo, se è questo che vuoi l'arte
            solo
            per

            chi


            può pagarsela...


            :D


            E i soldi venivano tirati fuori da
            questi


            contributi


            "volontari"


            http://it.wikipedia.org/wiki/Decima



            Sbagliato Sono state fatte (al contrario di

            quanto dici) proprio perché la gente le
            vedesse

            (avevano e hanno uno scopo anche pedagogico
            come

            tutta l'arte del periodo rinascimentale e

            barocco).

            Fatte da PRIVATI per scopi PRIVATI, vendere
            indulgenze e paradisi è il loro ramo d'affari
            :D


            Quanto scrivi dimostra di quanta ignoranza
            della

            storia e della cultura e pressapochismo siano

            imbastiti i tuoi discorsi quelli di basta la

            pirateria e quelli dei suoi

            padroni!

            Ma lo sapevamo già non avevamo bisogno di

            conferme!

            E sui pagamenti "volontari" come la mettiamo:
            erano come l'equo compenso no?
            :DLi almeno pagavano delle "decime" oggi di tasse quanto si paga?Io ho fatto il conto che fra tasse dirette e quelle indirette Io arrivo a pagare il 70% e oltre e tu?Mai possibile che con quelle tasse ci debba pure mantenere SIAE editori & C. e poi sentirmi dare del pirata?
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Enjoy with Us
            Li almeno pagavano delle "decime" oggi di tasse
            quanto si
            paga?Un'altro teorico dell'evasione per necessità? :D
            Io ho fatto il conto che fra tasse dirette e
            quelle indirette Io arrivo a pagare il 70% e
            oltre e
            tu?Pure io :'(
            Mai possibile che con quelle tasse ci debba pure
            mantenere SIAE editori & C. e poi sentirmi dare
            del
            pirata?Su questo mi trovi pienamente d'accordo ;)
          • krane scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: Riciiaard Giear

            - Scritto da: panda rossa

            Io sono contro l'attuale legge sul diritto

            d'autore. Ma allo stesso tempo disprezzo le

            persone come te che tirano fuori tutte queste

            notizie collaterali di cui in realtà non

            gliene frega niente, ma che usano come scuse

            per la loro attività di scaricare gratis

            filmetti, musica e videogiochi da Internet.

            Chiamano gli altri parassiti ma non vogliono

            dare un euro in cambio.

            Tipo la tua grande sciocchezza di fare

            tutto solo su commissione. Fammi Maya su

            commissione

            (rotfl)
            Dipende da quanto è la commissione furbone!
            Mi spieghi perché dovrebbe rischiare l'autore
            (invece che l'editore che è l'imprenditore) dato
            che per l'editore il rischio di impresa è parte
            del mestiere (per qualunque imprenditore NORMALE)?O almeno cosi' dovrebbe essere, pero' o sei famoso o ti chiedono un botto di soldini come contributo alle spese di pubblicazione.Quindi in effetti le domande che poni sono valide gia' ora nel mondo dell'editoria non digitale.
            Mi spieghi perché l'editoria è l'unica attività
            che non solo non si vuole accollare il rischio di
            compensare l'autore con una commissione decente
            ma lo obbliga a partecipare al rischio e lo
            compensa poi con una miseria?

            Mi spieghi perché le attività di editoria hanno
            collecting society pubbliche che noi manteniamo
            coi soldi di
            tutti?

            Mi spieghi perché (a differenza delle altre
            imprese) queste aziende hanno leggi speciali che
            le proteggono dalla
            concorrenza?

            E... detto tra noi secondo te San pietro e la
            cappella sistina (roba FORSE un pochino più
            importante di Maya) sono stati fatti su
            commissione o compensando Michelangelo (uno degli
            uomini più pagati del suo tempo) con i futuri
            incassi dei turisti che vanno a
            visitarli?

            Rispondi pure con parole tue grazie!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari[...]
            E... detto tra noi secondo te San pietro e la
            cappella sistina (roba FORSE un pochino più
            importante di Maya) sono stati fatti su
            commissioneSono state commissionate da un papa, e sono infatti opere uniche al mondo. Se dovessimo aspettare che i papi commissionino le opere allora non avremmo niente da scaricare.Questo è stato un autogol...
            o compensando Michelangelo (uno degli
            uomini più pagati del suo tempo) con i futuri
            incassi dei turisti che vanno a
            visitarli?Quando fu commissionata la cappella non era aperta al pubblico.Secondo autogol...

            Rispondi pure con parole tue grazie!Meglio che cambi argomento e vai a ripassare la storia.
          • un altro qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            Mi sa che hai sbagliato nick...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: un altro qualsiasi
            Mi sa che hai sbagliato nick...Non credo proprio.
          • un altro qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: un altro qualsiasi
            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?Lascia perdere è quel poveraccio di basta pirateria che pensa che clonarsi con molti nik sia una cosa furba ma purtroppo per lui lo sgamano tutti!
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: un altro qualsiasi

            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?
            Lascia perdere è quel poveraccio di basta
            pirateria che pensa che clonarsi con molti nik
            sia una cosa furba ma purtroppo per lui lo
            sgamano
            tutti!meglio usare un'altro di nick :D
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: un altro qualsiasi


            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?

            Lascia perdere è quel poveraccio di basta

            pirateria che pensa che clonarsi con molti
            nik

            sia una cosa furba ma purtroppo per lui lo

            sgamano

            tutti!
            meglio usare un'altro di nick :DMa insomma la smettete? Continuando così non riusciamo a ribadire che tutto gratis è un diritto per le genti!(clonatemi pure! io sono come V per Videotechino, l'ho visto al cinema! anzi... l'ho scaricato!)
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: un altro qualsiasi



            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?


            Lascia perdere è quel poveraccio di
            basta


            pirateria che pensa che clonarsi con
            molti

            nik


            sia una cosa furba ma purtroppo per lui
            lo


            sgamano


            tutti!

            meglio usare un'altro di nick :D

            Ma insomma la smettete? Continuando così non
            riusciamo a ribadire che tutto gratis è un
            diritto per le
            genti!

            (clonatemi pure! io sono come V per Videotechino,
            l'ho visto al cinema! anzi... l'ho
            scaricato!)Hai fatto bene! :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: un altro qualsiasi

            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?
            Lascia perdere è quel poveraccio di basta
            pirateria che pensa che clonarsi con molti nik
            sia una cosa furba ma purtroppo per lui lo
            sgamano
            tutti!L'ho sgamato anche io.
          • mazz0lator scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: un altro qualsiasi


            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?

            Lascia perdere è quel poveraccio di basta

            pirateria che pensa che clonarsi con molti
            nik

            sia una cosa furba ma purtroppo per lui lo

            sgamano

            tutti!

            L'ho sgamato anche io.Se và di moda allora anche io sono un clone di Basta Pirateria, che poi è un nick registrato di tucumcari, che probabilmente è un clone di uno qualsiasi, e forse sono tutti lo stesso scagnozzo della redazione.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: mazz0lator
            - Scritto da: uno qualsiasi

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: un altro qualsiasi



            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?


            Lascia perdere è quel poveraccio di
            basta


            pirateria che pensa che clonarsi con
            molti

            nik


            sia una cosa furba ma purtroppo per lui
            lo


            sgamano


            tutti!



            L'ho sgamato anche io.

            Se và di moda allora anche io sono un clone di
            Basta Pirateria, Lo sanno tutti basta l'orologio per accorgersene! :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: un altro qualsiasi
            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?Mai guardato fuori dalla finestra?P.S.perché non ti scegli un nick tuo invece di prendere in prestito quello degli altri?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: un altro qualsiasi

            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?

            Mai guardato fuori dalla finestra?

            P.S.
            perché non ti scegli un nick tuo invece di
            prendere in prestito quello degli
            altri?Vero, perché non scegli un nick tuo invece di prendere quello degli altri?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: uno qualsiasi

            - Scritto da: un altro qualsiasi


            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?



            Mai guardato fuori dalla finestra?



            P.S.

            perché non ti scegli un nick tuo invece di

            prendere in prestito quello degli

            altri?
            Vero, perché non scegli un nick tuo invece di
            prendere quello degli
            altri?Che fai, oltre a clonare il mio nick ora cloni anche i miei post?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: un altro qualsiasi

            ma quanti "uno qualsiasi" ci sono?

            Mai guardato fuori dalla finestra?

            P.S.
            perché non ti scegli un nick tuo invece di
            prendere in prestito quello degli
            altri?Degli altri? Il mio nick mica è tuo. E' come uno che si chiama Stefano che dice agli altri che devono usare altri nomi.Il nickname si può copiare quindi non ti è stato rubato.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: tucumcari
            [...]
            E... detto tra noi secondo te San
            pietro e
            la

            cappella sistina (roba FORSE un pochino più

            importante di Maya) sono stati fatti su

            commissione

            Sono state commissionate da un papa, e sono
            infatti opere uniche al mondo. Se dovessimo
            aspettare che i papi commissionino le opere
            allora non avremmo niente da
            scaricare.Per tua norma TUTTE LE OPERE SONO UNICHE AL MONDO!Le altre sono COPIE!Esiste (per definizione) uno e un solo ORIGINALE di qualunque opera tu parli!

            Questo è stato un autogol...E certo confondi gli originali con le copie!


            o compensando Michelangelo (uno degli

            uomini più pagati del suo tempo) con i futuri

            incassi dei turisti che vanno a

            visitarli?

            Quando fu commissionata la cappella non era
            aperta al
            pubblico.Era aperta a un pubblico limitato!E san pietro direi proprio che lo fosse!come il DAVIDE, La Pietà ecc. ecc.

            Secondo autogol...Meglio che studi!




            Rispondi pure con parole tue grazie!

            Meglio che cambi argomento e vai a ripassare la
            storia.Pare che chi non conosce la storia sei tu!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari[...]

            Sono state commissionate da un papa, e sono

            infatti opere uniche al mondo. Se dovessimo

            aspettare che i papi commissionino le opere

            allora non avremmo niente da

            scaricare.
            Per tua norma TUTTE LE OPERE SONO UNICHE AL MONDO!
            Le altre sono COPIE!
            Esiste (per definizione) uno e un solo ORIGINALE
            di qualunque opera tu
            parli!
            Quando non sai cosa dire confondi il grande fratello con la divina commedia.

            Quando fu commissionata la cappella non era

            aperta al

            pubblico.

            Era aperta a un pubblico limitato!
            E san pietro direi proprio che lo fosse!
            come il DAVIDE, La Pietà ecc. ecc.Si circa l'1% della popolazione.Quello si che era diritto alla cultura!

            Meglio che cambi argomento e vai a ripassare la

            storia.
            Pare che chi non conosce la storia sei tu!L'hai dimostrato infilando due epic fail uno di seguito all'altro e ancora tacci il prossimo di ignoranza ??
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Si circa l'1% della popolazione.
            Quello si che era diritto alla cultura!Prova a renderlo accessibile al resto della popolazione mondiale, se non hai aerei, nè stampa, nè altri mezzi di comunicazione a distanza o di trasporto veloce.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Si circa l'1% della popolazione.

            Quello si che era diritto alla cultura!

            Prova a renderlo accessibile al resto della
            popolazione mondiale, se non hai aerei, nè
            stampa, nè altri mezzi di comunicazione a
            distanza o di trasporto
            veloce.Nel 1500 non la sistina non era aperta al pubblico ma solo agli ecclesiastici.Quindi? Facciamo prendere i voti a tutti ?
          • krane scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: uno qualsiasi


            Si circa l'1% della popolazione.


            Quello si che era diritto alla cultura!



            Prova a renderlo accessibile al resto della

            popolazione mondiale, se non hai aerei, nè

            stampa, nè altri mezzi di comunicazione a

            distanza o di trasporto

            veloce.

            Nel 1500 non la sistina non era aperta al
            pubblico ma solo agli
            ecclesiastici.

            Quindi? Facciamo prendere i voti a tutti ?No esprorpiamo tutto agli ecclesiastici !!!Sangue e anime :@ :@
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Nel 1500 non la sistina non era aperta al
            pubblico ma solo agli
            ecclesiastici.Benissimo: se era stata la chiesa a pagarlo, ne aveva diritto. La possibilità di condividere un'opera non significa l'obbligo a condividerla. Il punto importante è che non puoi impedire agli altri di condividere le copie (ma visto che, in quel caso, di copie non ce n'erano, il problema non si poneva)
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Nel 1500 non la sistina non era aperta al

            pubblico ma solo agli

            ecclesiastici.

            Benissimo: se era stata la chiesa a pagarlo, ne
            aveva diritto. La possibilità di condividere
            un'opera non significa l'obbligo a condividerla.
            Il punto importante è che non puoi impedire agli
            altri di condividere le copie (ma visto che, in
            quel caso, di copie non ce n'erano, il problema
            non si
            poneva)Che esempio idiota!Guarda che se vuoi vedere la cappella sistina paghi!Anche se ci non ci sono copie!Quello delle copie è un falso problema!Lo sappiamo tutti sei tu l'unico che non se ne è accorto!(rotfl)(rotfl)
          • Wolf01 scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            Ecco sei arrivato al dunque.Una volta c'era repressione totale sulla conoscenza. Non era questione di chi poteva pagare e chi no, la discriminante era semplice: se eri di nascita nobile o eri un contadino.Mi risulta che si stiano cercando di eliminare queste distinzioni (adesso un contadino può diventare dirigente... forse) però mi pare anche che i fantasmi di queste "caste" si stiano lamentando che non vogliono morire, e che invece ne stiano rinascendo come le teste dell'idra da altre parti.Abbiamo preso i borghesi e li abbiamo messi a governare per levarci dalle palle i nobili, e quelli adesso fanno come facevano i nobili.Se ci leviamo dalle balle i borghesi e ci mettiamo il popolo sicuramente finirà così di nuovo.E tutto continuerà ancora e ancora finché ci sarà qualcuno che ci guadagna su queste cose.Il governo e gli enti/società/lobby dovrebbero starsene completamente separati in modo da non influenzarsi a vicenda, ma prima o poi invece di separarli ci troveremo con le lobby che ci governano direttamente.E a quel punto non ci sarà più diritto di cultura, perché la cultura sarà di nuovo appannaggio della nuova "nobiltà".
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: tucumcari
            [...]


            Sono state commissionate da un papa, e
            sono


            infatti opere uniche al mondo. Se
            dovessimo


            aspettare che i papi commissionino le
            opere


            allora non avremmo niente da


            scaricare.

            Per tua norma TUTTE LE OPERE SONO UNICHE AL
            MONDO!

            Le altre sono COPIE!

            Esiste (per definizione) uno e un solo
            ORIGINALE

            di qualunque opera tu

            parli!



            Quando non sai cosa dire confondi il grande
            fratello con la divina
            commedia.
            Mi sa che se tu che confondi e sei appunto uno da "grande fratello"


            Quando fu commissionata la cappella non
            era


            aperta al


            pubblico.



            Era aperta a un pubblico limitato!

            E san pietro direi proprio che lo fosse!

            come il DAVIDE, La Pietà ecc. ecc.

            Si circa l'1% della popolazione.
            Quello si che era diritto alla cultura!Quale 1% ?Lo sai o no che parli di una chiesa (la più grande al mondo) e di piazze (firenze ecc.) le opere dell'epoca (comprati un libro di storia dell'arte e leggi che è meglio) erano fatte proprio per essere viste da tutti!Ed è proprio per questo motivo che Michelangelo (genio poco convenzionale) incorse nella "punizione" dei "mutandoni" inopinatamente imposti a diverse sue opere!Questa è storia bimbo mio!È meglio che impari almeno a leggere se non vuoi continuare a fare figure barbine come quella che stai facendo!Quanti anni hai 10?(rotfl)(rotfl)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: uno qualsiasi

            - Scritto da: tucumcari

            [...]



            Sono state commissionate da un
            papa,
            e

            sono



            infatti opere uniche al mondo. Se

            dovessimo



            aspettare che i papi commissionino
            le

            opere



            allora non avremmo niente da



            scaricare.


            Per tua norma TUTTE LE OPERE SONO
            UNICHE
            AL

            MONDO!


            Le altre sono COPIE!


            Esiste (per definizione) uno e un solo

            ORIGINALE


            di qualunque opera tu


            parli!






            Quando non sai cosa dire confondi il grande

            fratello con la divina

            commedia.


            Mi sa che se tu che confondi e sei appunto uno da
            "grande
            fratello"




            Quando fu commissionata la
            cappella
            non

            era



            aperta al



            pubblico.





            Era aperta a un pubblico limitato!


            E san pietro direi proprio che lo fosse!


            come il DAVIDE, La Pietà ecc. ecc.



            Si circa l'1% della popolazione.

            Quello si che era diritto alla cultura!

            Quale 1% ?
            Lo sai o no che parli di una chiesa (la più
            grande al mondo) e di piazze (firenze ecc.) le
            opere dell'epoca (comprati un libro di storia
            dell'arte e leggi che è meglio) erano fatte
            proprio per essere viste da
            tutti!
            Ed è proprio per questo motivo che Michelangelo
            (genio poco convenzionale) incorse nella
            "punizione" dei "mutandoni" inopinatamente
            imposti a diverse sue
            opere!
            Questa è storia bimbo mio!
            È meglio che impari almeno a leggere se non
            vuoi continuare a fare figure barbine come quella
            che stai
            facendo!
            Quanti anni hai 10?
            (rotfl)(rotfl)La storia di cui parli si è svolta SECOLI dopo che le opere stesse sono state realizzate.Visto che hai del tempo libero vatti a prendere due ripetizioni.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: uno qualsiasi


            - Scritto da: tucumcari


            [...]




            Sono state commissionate da un

            papa,

            e


            sono




            infatti opere uniche al
            mondo.
            Se


            dovessimo




            aspettare che i papi
            commissionino

            le


            opere




            allora non avremmo niente da




            scaricare.



            Per tua norma TUTTE LE OPERE SONO

            UNICHE

            AL


            MONDO!



            Le altre sono COPIE!



            Esiste (per definizione) uno e un
            solo


            ORIGINALE



            di qualunque opera tu



            parli!









            Quando non sai cosa dire confondi il
            grande


            fratello con la divina


            commedia.




            Mi sa che se tu che confondi e sei appunto
            uno
            da

            "grande

            fratello"






            Quando fu commissionata la

            cappella

            non


            era




            aperta al




            pubblico.







            Era aperta a un pubblico limitato!



            E san pietro direi proprio che lo
            fosse!



            come il DAVIDE, La Pietà ecc. ecc.





            Si circa l'1% della popolazione.


            Quello si che era diritto alla cultura!



            Quale 1% ?

            Lo sai o no che parli di una chiesa (la più

            grande al mondo) e di piazze (firenze ecc.)
            le

            opere dell'epoca (comprati un libro di storia

            dell'arte e leggi che è meglio) erano fatte

            proprio per essere viste da

            tutti!

            Ed è proprio per questo motivo che
            Michelangelo

            (genio poco convenzionale) incorse nella

            "punizione" dei "mutandoni" inopinatamente

            imposti a diverse sue

            opere!

            Questa è storia bimbo mio!

            È meglio che impari almeno a leggere se
            non

            vuoi continuare a fare figure barbine come
            quella

            che stai

            facendo!

            Quanti anni hai 10?

            (rotfl)(rotfl)

            La storia di cui parli si è svolta SECOLI dopo
            che le opere stesse sono state
            realizzate.

            Visto che hai del tempo libero vatti a prendere
            due
            ripetizioni.Si hai ragione di ripetizioni ne hai proprio bisogno!Secoli!(rotfl)(rotfl)Daniele Ricciarelli, meglio noto come Daniele da Volterra o il Braghettone (Volterra, 1509 Roma, 4 aprile 1566)http://it.wikipedia.org/wiki/Daniele_da_VolterraMamma mia che ignoranza!(rotfl)(rotfl)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            Daniele Ricciarelli, meglio noto come Daniele da
            Volterra o il Braghettone (Volterra, 1509 Roma,
            4 aprile
            1566)

            http://it.wikipedia.org/wiki/Daniele_da_Volterra
            Mamma mia che ignoranza!
            (rotfl)(rotfl)E quindi? Salti di palo in frasca arrampicandoti sugli specchi per dimostrare di avere ragione. Se vuoi torna tu al 1400 e goditi la cultura e la civiltà dell'epoca, assieme ad una speranza di vita di 40 anni (se eri ricco).Noi stiamo meglio nel 2000, dove con una ADSL si può accedere a tutto lo scibile e non c'è bisogno dell'intervento di un potente per commissionare un'opera.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: tucumcari

            Daniele Ricciarelli, meglio noto come
            Daniele
            da

            Volterra o il Braghettone (Volterra, 1509
            Roma,

            4 aprile

            1566)




            http://it.wikipedia.org/wiki/Daniele_da_Volterra

            Mamma mia che ignoranza!

            (rotfl)(rotfl)

            E quindi? E quindi michelangelo è morto a Roma, 18 febbraio 1564 quando il braghettone ha "braghettato" le opere di michelangelo non erano passati secoli!Anzi il braghettone è morto prima di michelangelo!Sei di una ignoranza belluina!CVD(rotfl)(rotfl)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Noi stiamo meglio nel 2000, dove con una ADSL si
            può accedere a tutto lo scibilee soprattutto, si può accedere gratis.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Visto che hai del tempo libero vatti a prendere
            due
            ripetizioni.Per te invece sarebbero solo soldi gettati ai porci visto che di cervello non ne hai
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Visto che hai del tempo libero vatti a
            prendere

            due

            ripetizioni.
            Per te invece sarebbero solo soldi gettati ai
            porci visto che di cervello non ne
            haiSei rimasto senza argomenti e scadi negli insulti. Tipico dei troll.
          • mazz0lator scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: uno qualsiasi

            - Scritto da: uno qualsiasi


            Visto che hai del tempo libero vatti a

            prendere


            due


            ripetizioni.

            Per te invece sarebbero solo soldi gettati ai

            porci visto che di cervello non ne

            hai

            Sei rimasto senza argomenti e scadi negli
            insulti. Tipico dei
            troll.Taci clonaccio!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            Il bello è che nessuno dei due è l' "uno qualsiasi" originale! (che sarei io, ma non posso provarlo e sinceramente non me ne frega nulla)
          • smilzoboboz scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            E certo confondi gli originali con le copie!Ma quindi, secondo te ha senso "pagare" un film solo ed esclusivamente per vedere fisicamente il "rullo in celluloide"? Del resto tutto il resto è mera copia, in formati diversi.Il mercato dell'intrattenimento/arte non funziona come il resto del mercato dove si può applicare il modello "a richiesta segue offerta", semplicemente perché i prodotti in se non hanno nessun fine che produca degli utili.Quindi bisogna per forza creare richiesta anche tramite offerta e, perciò, è giusto pagare anche per le copie. O beh, certo c'è anche l'opzione fortuna sfacciata e cioè un magnate che sponsorizzi di tasca sua ogni cosa...Altrimenti è giusto che non ci siano prodotti senza scopo utilitaristico e non esista il diritto di copia.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: tucumcari
            [...]
            E... detto tra noi secondo te San
            pietro e
            la

            cappella sistina (roba FORSE un pochino più

            importante di Maya) sono stati fatti su

            commissione

            Sono state commissionate da un papa, e sono
            infatti opere uniche al mondo. Se dovessimo
            aspettare che i papi commissionino le opere
            allora non avremmo niente da
            scaricare.
            Ci sono diversi altri esempi di opere commissionate ma di pubblico utilizzo... ad esempio tutte le chiese monumentali... e se la cappella sistina era chiusa al pubblico, certo non lo era il resto di San Pietro!Una volta tutte le opere d'arte o di letteratura o di musica erano prodotte grazie a mecenati... e prima o poi sono diventate tutte o quasi di pubblico dominio!
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Riciiaard Giear
            Fammi Maya su commissionePerche'?C'e' gia'!Comunque se proprio ci tieni, mi dai 5000 euro di anticipo, per la progettazione, la raccolta delle specifiche, la preanalisi e tutto quanto serve per produrre un preventivo di sviluppo.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa[...]
            Comunque se proprio ci tieni, mi dai 5000 euro di
            anticipo,Come come? No, ci spiace, qui di soldi non tene diamo. Torna in videoteca se vuoi guadagnare con le copie.Preferisco comprarmi 5000 euro di kebab che darli ad un autore. Un autore come te poi non se ne parla proprio!! Hai tu stesso ammesso che i tuoi software sono i peggiori e sono quelli che contengono più bug:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3408280&m=3409191#p3409191
          • mazz0lator scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: panda rossa
            [...]

            Comunque se proprio ci tieni, mi dai 5000
            euro
            di

            anticipo,

            Come come?
            No, ci spiace, qui di soldi non tene diamo. Torna
            in videoteca se vuoi guadagnare con le
            copie.

            Preferisco comprarmi 5000 euro di kebab che darli
            ad un autore. Un autore come te poi non se ne
            parla proprio!! Hai tu stesso ammesso che i tuoi
            software sono i peggiori e sono quelli che
            contengono più
            bug:

            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3408280&m=340[img]http://edge.ebaumsworld.com/picture/xXReneeXx/owned9wz.jpg[/img]
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: mazz0lator
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: panda rossa

            [...]


            Comunque se proprio ci tieni, mi dai
            5000

            euro

            di


            anticipo,



            Come come?

            No, ci spiace, qui di soldi non tene diamo.
            Torna

            in videoteca se vuoi guadagnare con le

            copie.



            Preferisco comprarmi 5000 euro di kebab che
            darli

            ad un autore. Un autore come te poi non se ne

            parla proprio!! Hai tu stesso ammesso che i
            tuoi

            software sono i peggiori e sono quelli che

            contengono più

            bug:




            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3408280&m=340

            [img]http://edge.ebaumsworld.com/picture/xXReneeXxGuarda furbone (si fa per dire ovviamente!) Che se continui a clonarti in modo così stupido se ne accorgono tutti!Basta confrontare gli orari dei tuoi stupidi post per accorgersi di quali siano i tuoi inutili cloni!Se proprio un "povero di mezzi" neanche le copie e i cloni sai fare in modo "furbo"!(rotfl)(rotfl)
          • mazz0lator scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: mazz0lator

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: panda rossa


            [...]



            Comunque se proprio ci tieni, mi
            dai

            5000


            euro


            di



            anticipo,





            Come come?


            No, ci spiace, qui di soldi non tene
            diamo.

            Torna


            in videoteca se vuoi guadagnare con le


            copie.





            Preferisco comprarmi 5000 euro di kebab
            che

            darli


            ad un autore. Un autore come te poi non
            se
            ne


            parla proprio!! Hai tu stesso ammesso
            che
            i

            tuoi


            software sono i peggiori e sono quelli
            che


            contengono più


            bug:








            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3408280&m=340




            [img]http://edge.ebaumsworld.com/picture/xXReneeXx

            Guarda furbone (si fa per dire ovviamente!)
            Che se continui a clonarti in modo così stupido
            se ne accorgono
            tutti!
            Basta confrontare gli orari dei tuoi stupidi post
            per accorgersi di quali siano i tuoi inutili
            cloni!
            Se proprio un "povero di mezzi" neanche le copie
            e i cloni sai fare in modo
            "furbo"!
            (rotfl)(rotfl)O mamma mia! Mi hai scoperto! Cosa fai nella vita? L'investigatore privato?(rotfl) (rotfl)
          • mazz0lator scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: mazz0lator
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: mazz0lator


            - Scritto da: tucumcari



            - Scritto da: panda rossa



            [...]




            Comunque se proprio ci tieni,
            mi

            dai


            5000



            euro



            di




            anticipo,







            Come come?



            No, ci spiace, qui di soldi non
            tene

            diamo.


            Torna



            in videoteca se vuoi guadagnare
            con
            le



            copie.







            Preferisco comprarmi 5000 euro di
            kebab

            che


            darli



            ad un autore. Un autore come te
            poi
            non

            se

            ne



            parla proprio!! Hai tu stesso
            ammesso

            che

            i


            tuoi



            software sono i peggiori e sono
            quelli

            che



            contengono più



            bug:













            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3408280&m=340








            [img]http://edge.ebaumsworld.com/picture/xXReneeXx



            Guarda furbone (si fa per dire ovviamente!)

            Che se continui a clonarti in modo così
            stupido

            se ne accorgono

            tutti!

            Basta confrontare gli orari dei tuoi stupidi
            post

            per accorgersi di quali siano i tuoi inutili

            cloni!

            Se proprio un "povero di mezzi" neanche le
            copie

            e i cloni sai fare in modo

            "furbo"!

            (rotfl)(rotfl)

            O mamma mia! Mi hai scoperto! Cosa fai nella
            vita? L'investigatore
            privato?

            (rotfl) (rotfl)No faccio il mazz0latorE io mazz0lo molto più efficacemente di te!(rotfl)(rotfl)Tana!
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: panda rossa
            [...]

            Comunque se proprio ci tieni, mi dai 5000
            euro
            di

            anticipo,

            Come come?
            No, ci spiace, qui di soldi non tene diamo. Torna
            in videoteca se vuoi guadagnare con le
            copie.Dov'e' che avrei fatto pubblicita' o cercato di vendere qualcosa in questo forum, che non me lo ricordo?
            Preferisco comprarmi 5000 euro di kebab che darli
            ad un autore. Buon appetito.
            Un autore come te poi non se ne
            parla proprio!! Hai tu stesso ammesso che i tuoi
            software sono i peggiori e sono quelli che
            contengono più
            bug:

            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3408280&m=340E' vero.Ma nonostante questo (e mi darai atto che io sono onesto e non vendo fumo), qualcuno mi ha commissionato comunque un programma di CAD.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa
            Dov'e' che avrei fatto pubblicita' o cercato di
            vendere qualcosa in questo forum, che non me lo
            ricordo?Due post più in alto hai chiesto un anticipo di 5000 euro per realizzare un programma che esiste già.


            Preferisco comprarmi 5000 euro di kebab che
            darli

            ad un autore.

            Buon appetito.Grazie :D


            Un autore come te poi non se ne

            parla proprio!! Hai tu stesso ammesso che i
            tuoi

            software sono i peggiori e sono quelli che

            contengono più

            bug:




            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3408280&m=340

            E' vero.
            Ma nonostante questo (e mi darai atto che io sono
            onesto e non vendo fumo), qualcuno mi ha
            commissionato comunque un programma di
            CAD.Quale ?("fatti, non pugnette!" cit.)
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: panda rossa

            Dov'e' che avrei fatto pubblicita' o cercato
            di

            vendere qualcosa in questo forum, che non me
            lo

            ricordo?

            Due post più in alto hai chiesto un anticipo di
            5000 euro per realizzare un programma che esiste
            già.Due post piu' in alto qualcuno mi ha commissionato del software.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: panda rossa


            Dov'e' che avrei fatto pubblicita' o
            cercato

            di


            vendere qualcosa in questo forum, che
            non
            me

            lo


            ricordo?



            Due post più in alto hai chiesto un anticipo
            di

            5000 euro per realizzare un programma che
            esiste

            già.

            Due post piu' in alto qualcuno mi ha
            commissionato del
            software.Si te lo ha chiesto Basta Pirateria che si crede furbo!
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari

            Due post piu' in alto qualcuno mi ha

            commissionato del

            software.
            Si te lo ha chiesto Basta Pirateria che si crede
            furbo!Io sono un professionista e non rifiuto certo una offerta di lavoro per motivi ideologici.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: tucumcari



            Due post piu' in alto qualcuno mi ha


            commissionato del


            software.

            Si te lo ha chiesto Basta Pirateria che si
            crede

            furbo!

            Io sono un professionista e non rifiuto certo una
            offerta di lavoro per motivi
            ideologici.Ovvio e giusto.
          • ruppolo scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Riciiaard Giear

            Fammi Maya su commissione

            Perche'?
            C'e' gia'!

            Comunque se proprio ci tieni, mi dai 5000 euro di
            anticipo, per la progettazione, la raccolta delle
            specifiche, la preanalisi e tutto quanto serve
            per produrre un preventivo di
            sviluppo.Perché dovrebbero pagarti per qualcosa che si può copiare?
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: ruppolo
            Perché dovrebbero pagarti per qualcosa che si può
            copiare?Non mi pagano mica per qualcosa.Mi pagano per il tempo che dedico loro.E il mio tempo non si puo' copiare.Poi, dopo che avro' realizzato quanto commissionato, potranno copiarlo tutte le volte che vorranno: e' loro.
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Riciiaard Giear
            Ma allo stesso tempo disprezzo le
            persone come te che tirano fuori tutte queste
            notizie collaterali di cui in realtà non gliene
            frega niente, ma che usano come scuse per la loro
            attività di scaricare gratis filmetti, musica e
            videogiochi da Internet. Pensa che invece il mondo intero disprezza quelli come te, che pur di mantenere la loro rendita parassitaria derivante dal controllo mafioso sulla distribuzione della cultura, accusano chi si attiva per la difesa della cultura medesima, di volerlo fare solo per scaricarsi filmetti e canzonette.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Riciiaard Giear

            Ma allo stesso tempo disprezzo le

            persone come te che tirano fuori tutte queste

            notizie collaterali di cui in realtà non
            gliene

            frega niente, ma che usano come scuse per la
            loro

            attività di scaricare gratis filmetti,
            musica
            e

            videogiochi da Internet.

            Pensa che invece il mondo intero disprezza quelli
            come te, che pur di mantenere la loro rendita
            parassitaria derivante dal controllo mafioso
            sulla distribuzione della cultura, accusano chi
            si attiva per la difesa della cultura medesima,
            di volerlo fare solo per scaricarsi filmetti e
            canzonette.Parla per te!Io difendo ideologicamente il diritto di scaricare le canzonette!Tutto è cultura, anche "amici". Ti basta o devo tirarti fuori l'esempio schiacciante delle leggi naziste ?
          • Ubunto scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Riciiaard Giear


            Ma allo stesso tempo disprezzo le


            persone come te che tirano fuori tutte
            queste


            notizie collaterali di cui in realtà non

            gliene


            frega niente, ma che usano come scuse
            per
            la

            loro


            attività di scaricare gratis filmetti,

            musica

            e


            videogiochi da Internet.



            Pensa che invece il mondo intero disprezza
            quelli

            come te, che pur di mantenere la loro rendita

            parassitaria derivante dal controllo mafioso

            sulla distribuzione della cultura, accusano
            chi

            si attiva per la difesa della cultura
            medesima,

            di volerlo fare solo per scaricarsi filmetti
            e

            canzonette.

            Parla per te!
            Io difendo ideologicamente il diritto di
            scaricare le
            canzonette!
            Tutto è cultura, anche "amici". Ti basta o devo
            tirarti fuori l'esempio schiacciante delle leggi
            naziste
            ?Caro clone di tucumcari, tu o ci sei o ci fai, perché se non hai - dopo settimane di flames - ancora compreso che la tutela di "amici" non può compromettere in alcun modo quello che non è "amici", ed in nessun caso è accettabile che la tutela di "amici" possa anche solo potenzialmente intaccare il resto... appunto: o ci sei o ci fai.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: Riciiaard Giear



            Ma allo stesso tempo disprezzo le



            persone come te che tirano fuori
            tutte

            queste



            notizie collaterali di cui in
            realtà
            non


            gliene



            frega niente, ma che usano come
            scuse

            per

            la


            loro



            attività di scaricare gratis
            filmetti,


            musica


            e



            videogiochi da Internet.





            Pensa che invece il mondo intero
            disprezza

            quelli


            come te, che pur di mantenere la loro
            rendita


            parassitaria derivante dal controllo
            mafioso


            sulla distribuzione della cultura,
            accusano

            chi


            si attiva per la difesa della cultura

            medesima,


            di volerlo fare solo per scaricarsi
            filmetti

            e


            canzonette.



            Parla per te!

            Io difendo ideologicamente il diritto di

            scaricare le

            canzonette!

            Tutto è cultura, anche "amici". Ti basta o
            devo

            tirarti fuori l'esempio schiacciante delle
            leggi

            naziste

            ?

            Caro clone di tucumcari, tu o ci sei o ci fai,
            perché se non hai - dopo settimane di flames -
            ancora compreso che la tutela di "amici" non può
            compromettere in alcun modo quello che non è
            "amici", ed in nessun caso è accettabile che la
            tutela di "amici" possa anche solo potenzialmente
            intaccare il resto... appunto: o ci sei o ci
            fai.Ci è eccome se ci è !è appunto quel poveraccio di Basta Pirateria che crede di essere furbo e clona i nik.Lui pensa che così facendo funzioni!
          • Gino Latino scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Riciiaard Giear
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Riciiaard Giear


            - Scritto da: panda rossa



            E' in corso una campagna, promossa
            dal

            mondo



            accademico, per combattere un

            malcostume

            di



            stampo mafioso, operato da un
            cartello

            di


            editori



            che si sono appropriati in
            esclusiva

            delle



            pubblicazioni scientifiche e le

            rivendono

            a


            peso



            d'oro, sottraendole di fatto alla

            pubblica



            consultazione.













            http://news.sciencemag.org/scienceinsider/2012/02/







            E' tempo di disinfestare il mondo
            da

            questi



            parassiti.





            E in ragione di ciò tu protesti
            scaricandoti

            un


            film di Peter Jackson o di Nolan


            (rotfl)



            E in ragione di questo, io indico la luna, e
            tu

            per impedirmelo ti metti di spalle tra il mio

            dito e la

            luna.

            Parli di dito che indica la luna, ma neanche hai
            capito cosa volevo dire.

            Io sono contro l'attuale legge sul diritto
            d'autore. Ma allo stesso tempo disprezzo le
            persone come te che tirano fuori tutte queste
            notizie collaterali di cui in realtà non gliene
            frega niente, ma che usano come scuse per la loro
            attività di scaricare gratis filmetti, musica e
            videogiochi da Internet. Chiamano gli altri
            parassiti ma non vogliono dare un euro in cambio.
            Tipo la tua grande sciocchezza di fare tutto solo
            su commissione. Fammi Maya su commissione
            (rotfl)Non può, è troppo occupato a scrivere sui forum.
    • shevathas scrive:
      Re: Il mondo accademico alza la voce.
      - Scritto da: panda rossa
      E' in corso una campagna, promossa dal mondo
      accademico, per combattere un malcostume di
      stampo mafioso, operato da un cartello di editori
      che si sono appropriati in esclusiva delle
      pubblicazioni scientifiche e le rivendono a peso
      d'oro, sottraendole di fatto alla pubblica
      consultazione.
      si organizzino per pubblicare i loro articoli su riviste autoprodotte. Sono loro gli autori e, a differenza di cantanti o attori, non hanno firmato alcunché con le major. Creino le loro riviste e le diffondano, non vedo cosa ci sia di tanto complicato.
      • tucumcari scrive:
        Re: Il mondo accademico alza la voce.
        - Scritto da: shevathas
        - Scritto da: panda rossa

        E' in corso una campagna, promossa dal mondo

        accademico, per combattere un malcostume di

        stampo mafioso, operato da un cartello di
        editori

        che si sono appropriati in esclusiva delle

        pubblicazioni scientifiche e le rivendono a
        peso

        d'oro, sottraendole di fatto alla pubblica

        consultazione.



        si organizzino per pubblicare i loro articoli su
        riviste autoprodotte. Sono loro gli autori e, a
        differenza di cantanti o attori, non hanno
        firmato alcunché con le major. Creino le loro
        riviste e le diffondano, non vedo cosa ci sia di
        tanto
        complicato.Infatti c'è chi lo fa! :DAnche grazie alla digitalizzazione!Finite le vacche grasse AGGRATIS!(rotfl)(rotfl)
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Il mondo accademico alza la voce.
          - Scritto da: tucumcari
          Finite le vacche grasse AGGRATIS!
          (rotfl)(rotfl)Ma che finite? Le vacche grasse sono appena cominciate. I contenuti li scarichiamo gratis E BASTA.Tu rotfla pure, io richiedo una seconda ADSL per scaricare al doppio della velocità.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: tucumcari


            Finite le vacche grasse AGGRATIS!

            (rotfl)(rotfl)

            Ma che finite? Le vacche grasse sono appena
            cominciate. I contenuti li scarichiamo gratis E
            BASTA.

            Tu rotfla pure, io richiedo una seconda ADSL per
            scaricare al doppio della
            velocità.Bravo!E a me?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: uno qualsiasi

            - Scritto da: tucumcari




            Finite le vacche grasse AGGRATIS!


            (rotfl)(rotfl)



            Ma che finite? Le vacche grasse sono appena

            cominciate. I contenuti li scarichiamo
            gratis
            E

            BASTA.



            Tu rotfla pure, io richiedo una seconda ADSL
            per

            scaricare al doppio della

            velocità.
            Bravo!
            E a me?Non "a te", più che altro "a noi".Ci ammorbi con i tuoi cloni ed i tuoi continui post e poi te la prendi se ti si risponde a tono?
          • mazz0lator scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: uno qualsiasi


            - Scritto da: tucumcari






            Finite le vacche grasse AGGRATIS!



            (rotfl)(rotfl)





            Ma che finite? Le vacche grasse sono
            appena


            cominciate. I contenuti li scarichiamo

            gratis

            E


            BASTA.





            Tu rotfla pure, io richiedo una seconda
            ADSL

            per


            scaricare al doppio della


            velocità.

            Bravo!

            E a me?

            Non "a te", più che altro "a noi".
            Ci ammorbi con i tuoi cloni ed i tuoi continui
            post e poi te la prendi se ti si risponde a
            tono?coloni?Quali coni?(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: uno qualsiasi


            - Scritto da: tucumcari






            Finite le vacche grasse AGGRATIS!



            (rotfl)(rotfl)





            Ma che finite? Le vacche grasse sono
            appena


            cominciate. I contenuti li scarichiamo

            gratis

            E


            BASTA.





            Tu rotfla pure, io richiedo una seconda
            ADSL

            per


            scaricare al doppio della


            velocità.

            Bravo!

            E a me?

            Non "a te", più che altro "a noi".
            Ci ammorbi con i tuoi cloni ed i tuoi continui
            post e poi te la prendi se ti si risponde a
            tono?Ok allora ...E a noi?
        • shevathas scrive:
          Re: Il mondo accademico alza la voce.

          Infatti c'è chi lo fa!
          :D
          Anche grazie alla digitalizzazione!
          Finite le vacche grasse AGGRATIS!
          (rotfl)(rotfl)molti articoli (versione preprint) si trovano su http://arxiv.org/però ha un problema, è demandato al lettore il separare il grano dalla pula. I servizi, extra, di organizzazione e peer review si pagano.
          • mazz0lator scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: shevathas

            Infatti c'è chi lo fa!

            :D

            Anche grazie alla digitalizzazione!

            Finite le vacche grasse AGGRATIS!

            (rotfl)(rotfl)

            molti articoli (versione preprint) si trovano su
            http://arxiv.org/

            però ha un problema, è demandato al lettore il
            separare il grano dalla pula. I servizi, extra,
            di organizzazione e peer review si
            pagano.Anche nell'altro caso devi sempre "separare il grano dalla pula" (se non sei un XXXXX) e nessuno lo può fare per te!Vuoi un elenco di "bufale famose" pubblicate addirittura su "nature"?N.B.nature è una di quelle più prestigiose!Figurati le altre!Lascia perdere va che è meglio!
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: mazz0lator
            - Scritto da: shevathas


            Infatti c'è chi lo fa!


            :D


            Anche grazie alla digitalizzazione!


            Finite le vacche grasse AGGRATIS!


            (rotfl)(rotfl)



            molti articoli (versione preprint) si
            trovano
            su

            http://arxiv.org/



            però ha un problema, è demandato al lettore
            il

            separare il grano dalla pula. I servizi,
            extra,

            di organizzazione e peer review si

            pagano.
            Anche nell'altro caso devi sempre "separare il
            grano dalla pula" (se non sei un XXXXX) e nessuno
            lo può fare per
            te!
            Vuoi un elenco di "bufale famose" pubblicate
            addirittura su
            "nature"?
            N.B.
            nature è una di quelle più prestigiose!
            Figurati le altre!
            Lascia perdere va che è meglio!Quoto! :D
          • shevathas scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Anche nell'altro caso devi sempre "separare il
            grano dalla pula" (se non sei un XXXXX) e nessuno
            lo può fare per
            te!e allora come mai gli editori continuano a macinare utili ? Tutte le università sono popolate da gonzi ?
            Vuoi un elenco di "bufale famose" pubblicate
            addirittura su
            "nature"?errori ne capitano in tutti i campi, solo che su nature le bufale famose sono poche, molto poche.
          • tucumcari scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: shevathas

            Anche nell'altro caso devi sempre "separare
            il

            grano dalla pula" (se non sei un XXXXX) e
            nessuno

            lo può fare per

            te!

            e allora come mai gli editori continuano a
            macinare utili ? Tutte le università sono
            popolate da gonzi
            ?


            Vuoi un elenco di "bufale famose" pubblicate

            addirittura su

            "nature"?

            errori ne capitano in tutti i campi, solo che su
            nature le bufale famose sono poche, molto
            poche.E quindi?Non sono affatto percentualmente diverse (dati alla mano) da quelle delle opere libere .Anzi se prendi la licenza CC io di bufale non ne ho vista neanche una!Caro il mio spargitore di FUD da 4 soldi!
          • shevathas scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: shevathas


            Anche nell'altro caso devi sempre
            "separare

            il


            grano dalla pula" (se non sei un XXXXX)
            e

            nessuno


            lo può fare per


            te!



            e allora come mai gli editori continuano a

            macinare utili ? Tutte le università sono

            popolate da gonzi

            ?




            Vuoi un elenco di "bufale famose"
            pubblicate


            addirittura su


            "nature"?



            errori ne capitano in tutti i campi, solo
            che
            su

            nature le bufale famose sono poche, molto

            poche.
            E quindi?
            Non sono affatto percentualmente diverse (dati
            alla mano) da quelle delle opere libere
            .
            Anzi se prendi la licenza CC io di bufale non ne
            ho vista neanche
            una!
            Caro il mio spargitore di FUD da 4 soldi!che onore, parlare con un peer reviewer di "chi" e di "cronaca vera"...
      • brain scrive:
        Re: Il mondo accademico alza la voce.
        - Scritto da: shevathas
        - Scritto da: panda rossa

        E' in corso una campagna, promossa dal mondo

        accademico, per combattere un malcostume di

        stampo mafioso, operato da un cartello di
        editori

        che si sono appropriati in esclusiva delle

        pubblicazioni scientifiche e le rivendono a
        peso

        d'oro, sottraendole di fatto alla pubblica

        consultazione.



        si organizzino per pubblicare i loro articoli su
        riviste autoprodotte. Sono loro gli autori e, a
        differenza di cantanti o attori, non hanno
        firmato alcunché con le major. Creino le loro
        riviste e le diffondano, non vedo cosa ci sia di
        tanto
        complicato.Per il panda l'importante è avere un nemico ;)
        • tucumcari scrive:
          Re: Il mondo accademico alza la voce.
          - Scritto da: brain
          - Scritto da: shevathas

          - Scritto da: panda rossa


          E' in corso una campagna, promossa dal
          mondo


          accademico, per combattere un
          malcostume
          di


          stampo mafioso, operato da un cartello
          di

          editori


          che si sono appropriati in esclusiva
          delle


          pubblicazioni scientifiche e le
          rivendono
          a

          peso


          d'oro, sottraendole di fatto alla
          pubblica


          consultazione.






          si organizzino per pubblicare i loro
          articoli
          su

          riviste autoprodotte. Sono loro gli autori
          e,
          a

          differenza di cantanti o attori, non hanno

          firmato alcunché con le major. Creino le loro

          riviste e le diffondano, non vedo cosa ci
          sia
          di

          tanto

          complicato.
          Per il panda l'importante è avere un nemico ;)Ma... sono teorie... anche per il "brain" l'importante è avere dei neuroni... ma purtroppo non è il tuo caso!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: brain

            - Scritto da: shevathas


            - Scritto da: panda rossa



            E' in corso una campagna, promossa
            dal

            mondo



            accademico, per combattere un

            malcostume

            di



            stampo mafioso, operato da un
            cartello

            di


            editori



            che si sono appropriati in
            esclusiva

            delle



            pubblicazioni scientifiche e le

            rivendono

            a


            peso



            d'oro, sottraendole di fatto alla

            pubblica



            consultazione.









            si organizzino per pubblicare i loro

            articoli

            su


            riviste autoprodotte. Sono loro gli
            autori

            e,

            a


            differenza di cantanti o attori, non
            hanno


            firmato alcunché con le major. Creino
            le
            loro


            riviste e le diffondano, non vedo cosa
            ci

            sia

            di


            tanto


            complicato.

            Per il panda l'importante è avere un nemico
            ;)
            Ma... sono teorie... anche per il "brain"
            l'importante è avere dei neuroni... ma purtroppo
            non è il tuo
            caso!+1
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: brain

            - Scritto da: shevathas


            - Scritto da: panda rossa



            E' in corso una campagna, promossa
            dal

            mondo



            accademico, per combattere un

            malcostume

            di



            stampo mafioso, operato da un
            cartello

            di


            editori



            che si sono appropriati in
            esclusiva

            delle



            pubblicazioni scientifiche e le

            rivendono

            a


            peso



            d'oro, sottraendole di fatto alla

            pubblica



            consultazione.









            si organizzino per pubblicare i loro

            articoli

            su


            riviste autoprodotte. Sono loro gli
            autori

            e,

            a


            differenza di cantanti o attori, non
            hanno


            firmato alcunché con le major. Creino
            le
            loro


            riviste e le diffondano, non vedo cosa
            ci

            sia

            di


            tanto


            complicato.

            Per il panda l'importante è avere un nemico
            ;)
            Ma... sono teorie... anche per il "brain"
            l'importante è avere dei neuroni... ma purtroppo
            non è il tuo
            caso!Offensivo e contrario alle policy del forum.
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: brain

            Offensivo e contrario alle policy del forum.Offensivo per il neurone, non certo per te.
          • mazz0lator scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: brain


            - Scritto da: shevathas



            - Scritto da: panda rossa




            E' in corso una campagna,
            promossa

            dal


            mondo




            accademico, per combattere un


            malcostume


            di




            stampo mafioso, operato da un

            cartello


            di



            editori




            che si sono appropriati in

            esclusiva


            delle




            pubblicazioni scientifiche e
            le


            rivendono


            a



            peso




            d'oro, sottraendole di fatto
            alla


            pubblica




            consultazione.












            si organizzino per pubblicare i
            loro


            articoli


            su



            riviste autoprodotte. Sono loro gli

            autori


            e,


            a



            differenza di cantanti o attori,
            non

            hanno



            firmato alcunché con le major.
            Creino

            le

            loro



            riviste e le diffondano, non vedo
            cosa

            ci


            sia


            di



            tanto



            complicato.


            Per il panda l'importante è avere un
            nemico

            ;)

            Ma... sono teorie... anche per il "brain"

            l'importante è avere dei neuroni... ma
            purtroppo

            non è il tuo

            caso!

            Offensivo e contrario alle policy del forum.sisi...Tana liberi tutti!(rotfl)
      • pignolo scrive:
        Re: Il mondo accademico alza la voce.
        - Scritto da: shevathas

        si organizzino per pubblicare i loro articoli su
        riviste autoprodotte. Sono loro gli autori e, a
        differenza di cantanti o attori, non hanno
        firmato alcunché con le major. Creino le loro
        riviste e le diffondano, non vedo cosa ci sia di
        tanto
        complicato.O più semplicemente tutti, non solo i fisici, dovrebbero cominciare ad utilizzare sistematicamente http://arxiv.org/
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Il mondo accademico alza la voce.
        - Scritto da: shevathas
        - Scritto da: panda rossa

        E' in corso una campagna, promossa dal mondo

        accademico, per combattere un malcostume di

        stampo mafioso, operato da un cartello di
        editori

        che si sono appropriati in esclusiva delle

        pubblicazioni scientifiche e le rivendono a
        peso

        d'oro, sottraendole di fatto alla pubblica

        consultazione.



        si organizzino per pubblicare i loro articoli su
        riviste autoprodotte. Sono loro gli autori e, a
        differenza di cantanti o attori, non hanno
        firmato alcunché con le major. Creino le loro
        riviste e le diffondano, non vedo cosa ci sia di
        tanto
        complicato.Le pubblicazioni scientifiche servono appunto per provare che come ricercatore si è prodotto qualcosa. La rivista scientifica come ente terzo e imparziale valuta proprio cosa vada pubblicato e cosa no. Se uno le pubblica da sé non sta aiutando il proprio curriculum.
      • Ubunto scrive:
        Re: Il mondo accademico alza la voce.
        - Scritto da: shevathas
        - Scritto da: panda rossa

        E' in corso una campagna, promossa dal mondo

        accademico, per combattere un malcostume di

        stampo mafioso, operato da un cartello di
        editori

        che si sono appropriati in esclusiva delle

        pubblicazioni scientifiche e le rivendono a
        peso

        d'oro, sottraendole di fatto alla pubblica

        consultazione.



        si organizzino per pubblicare i loro articoli su
        riviste autoprodotte. Sono loro gli autori e, a
        differenza di cantanti o attori, non hanno
        firmato alcunché con le major. Creino le loro
        riviste e le diffondano, non vedo cosa ci sia di
        tanto
        complicato.Non sono troppo addentro a queste cose, pur avendoci a che fare, ma credo che sia il sistema di valutazione della ricerca ad essere viziato dal "prestigio" della rivista.
        • panda rossa scrive:
          Re: Il mondo accademico alza la voce.
          - Scritto da: Ubunto

          Non sono troppo addentro a queste cose, pur
          avendoci a che fare, ma credo che sia il sistema
          di valutazione della ricerca ad essere viziato
          dal "prestigio" della
          rivista.Il prestigio di una rivista di pubblicazioni scientifiche e' basato sul numero di articoli che questa rifiuta di pubblicare.Per questo motivo nasce il Journal of Universal Rejectionhttp://www.universalrejection.org/Rifiuta di pubblicare qualunque cosa, arrogandosi il titolo di rivista di pubblicazioni piu' prestigiosa del mondo.
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Ubunto




            Non sono troppo addentro a queste cose, pur

            avendoci a che fare, ma credo che sia il
            sistema

            di valutazione della ricerca ad essere
            viziato

            dal "prestigio" della

            rivista.

            Il prestigio di una rivista di pubblicazioni
            scientifiche e' basato sul numero di articoli che
            questa rifiuta di
            pubblicare.

            Per questo motivo nasce il Journal of Universal
            Rejection
            http://www.universalrejection.org/

            Rifiuta di pubblicare qualunque cosa, arrogandosi
            il titolo di rivista di pubblicazioni piu'
            prestigiosa del
            mondo.Dove pubblichi il tuo software? :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: brain
            Dove pubblichi il tuo software? :DHo gia' risposto altre volte a questa domanda.Rileggiti i miei post su questo forum.
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: brain


            Dove pubblichi il tuo software? :D

            Ho gia' risposto altre volte a questa domanda.
            Rileggiti i miei post su questo forum.Certo, certo, io ho appena terminato guerre stellari in 3D... :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: brain




            Dove pubblichi il tuo software? :D



            Ho gia' risposto altre volte a questa
            domanda.

            Rileggiti i miei post su questo forum.
            Certo, certo, io ho appena terminato guerre
            stellari in 3D...
            :DNon credi a quello che dico?Oppure credi solo a quello che ti fa comodo?
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: brain

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: brain






            Dove pubblichi il tuo software? :D





            Ho gia' risposto altre volte a questa

            domanda.


            Rileggiti i miei post su questo forum.

            Certo, certo, io ho appena terminato guerre

            stellari in 3D...

            :D

            Non credi a quello che dico?Dovrei?
            Oppure credi solo a quello che ti fa comodo?Porta delle prove o taci, semplice no? :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: brain

            Non credi a quello che dico?

            Dovrei?Vedi tu.Nessuno ti obbliga a venire qua a freneticare.

            Oppure credi solo a quello che ti fa comodo?
            Porta delle prove o taci, semplice no? :DLe prove ci sono.Ci sono anche delle testimonianze.Tu comunque sei libero di credere a quello che ti pare, che tanto tu non sei sulla mia strada.
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: brain


            Non credi a quello che dico?



            Dovrei?

            Vedi tu.
            Nessuno ti obbliga a venire qua a freneticare.In effetti, parlare con una panda :|



            Oppure credi solo a quello che ti fa
            comodo?


            Porta delle prove o taci, semplice no? :D

            Le prove ci sono.
            Ci sono anche delle testimonianze.Come quelle su dio?Non ti stai allargando un po' troppo? :D
    • ruppolo scrive:
      Re: Il mondo accademico alza la voce.
      - Scritto da: panda rossa
      E' tempo di disinfestare il mondo da questi
      parassiti.Senti chi parla di parassiti, il parassita per eccellenza, nella vita privata come nel lavoro.Spero che un giorno gente come te subisca il parassitismo di altri, così forse capisce.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Il mondo accademico alza la voce.

        Spero che un giorno gente come te subisca il
        parassitismo di altri, così forse
        capisce.Visto che i suoi lavori sono open, non è possibile.Sarebbe come se un mercante di schiavi dicesse a chi vuole abolire la schiavitù "spero che un giorno gente come te si veda scappare tutti gli schiavi, così forse capisce"; tu rideresti di una simile affermazione, visto che non hai mai avuto schiavi, mai hai voluto averne, perciò non ti scapperanno mai.
        • ruppolo scrive:
          Re: Il mondo accademico alza la voce.
          - Scritto da: uno qualsiasi

          Spero che un giorno gente come te subisca il

          parassitismo di altri, così forse

          capisce.

          Visto che i suoi lavori sono open, non è
          possibile.Non è mica su quelli che gli auguro di subire, ma su sugli altri, quelli che gli portano pranzo e cena.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            Non è mica su quelli che gli auguro di subire, ma
            su sugli altri, quelli che gli portano pranzo e
            cena.Quali altri? Tutti i lavori di panda rossa sono open, per quanto ne so.
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Il mondo accademico alza la voce.
      - Scritto da: panda rossa
      E' in corso una campagna, promossa dal mondo
      accademico, per combattere un malcostume di
      stampo mafioso, operato da un cartello di editori
      che si sono appropriati in esclusiva delle
      pubblicazioni scientifiche e le rivendono a peso
      d'oro, sottraendole di fatto alla pubblica
      consultazione.

      http://news.sciencemag.org/scienceinsider/2012/02/

      E' tempo di disinfestare il mondo da questi
      parassiti.Finalmente!Mi chiedevo per quanto ancora si ritenesse accettabile che per leggere un'articolo scientifico fosse necessario pagare un editore!Tenete presente che chi fa tali lavori li pubblica gratis, anzi di solito deve anche pagare delle spese, non solo a fare le "pulci" (la revisione dei lavori) nella stragrande maggioranza dei casi... una follia , viste le possibilità offerte da internet oggi, si potrebbe tranquillamente mettere su una sorta giornale on line a libera consultazione!
      • ruppolo scrive:
        Re: Il mondo accademico alza la voce.
        - Scritto da: Enjoy with Us
        Finalmente!
        Mi chiedevo per quanto ancora si ritenesse
        accettabile che per leggere un'articolo
        scientifico fosse necessario pagare un
        editore!Non lo è, e non lo è mai stato.
        Tenete presente che chi fa tali lavori li
        pubblica gratis,Mica tutti. Esiste la libertà di pubblicare un libro gratuito come un libro a pagamento.
        anzi di solito deve anche pagare
        delle spese, non solo a fare le "pulci" (la
        revisione dei lavori) nella stragrande
        maggioranza dei casi... una follia , viste le
        possibilità offerte da internet oggi, si potrebbe
        tranquillamente mettere su una sorta giornale on
        line a libera
        consultazione!Certo che si può. Come si può anche rispettare la decisione dell'autore del lavoro.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Il mondo accademico alza la voce.
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) (rotfl)(rotfl)- Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Enjoy with Us

          Finalmente!

          Mi chiedevo per quanto ancora si ritenesse

          accettabile che per leggere un'articolo

          scientifico fosse necessario pagare un

          editore!

          Non lo è, e non lo è mai stato.


          Tenete presente che chi fa tali lavori li

          pubblica gratis,

          Mica tutti. Esiste la libertà di pubblicare un
          libro gratuito come un libro a
          pagamento.


          anzi di solito deve anche pagare

          delle spese, non solo a fare le "pulci" (la

          revisione dei lavori) nella stragrande

          maggioranza dei casi... una follia , viste le

          possibilità offerte da internet oggi, si
          potrebbe

          tranquillamente mettere su una sorta
          giornale
          on

          line a libera

          consultazione!

          Certo che si può. Come si può anche rispettare la
          decisione dell'autore del
          lavoro.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Il mondo accademico alza la voce.
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Enjoy with Us

          Finalmente!

          Mi chiedevo per quanto ancora si ritenesse

          accettabile che per leggere un'articolo

          scientifico fosse necessario pagare un

          editore!

          Non lo è, e non lo è mai stato.
          Intanto oggi grazie a certe leggi è così!

          Tenete presente che chi fa tali lavori li

          pubblica gratis,

          Mica tutti. Esiste la libertà di pubblicare un
          libro gratuito come un libro a
          pagamento.
          Certo che uno è libero, ma attualmente non esiste una pubblicazione scientifica in cui gli autori siano stati remunerati per la loro opera, anzi molto spesso per poter pubblicare hanno sostenuto loro o i loro istituti dei costi a volte neppure tanto piccoli, non solo i revisori delle riviste scientifiche nella massima parte dei casi prestano la loro opera gratuitamente... quindi se una volta il prezzo della rivista e degli articoli poteva essere giustificato dai costi editoriali oggi non lo è più... ma intanto continuano a pretendere soldi e neanche pochi, per un singolo articolo in assenza di abbonamenti (e chi si può abbonare a 20-30 riviste diverse?) chiedono anche 30 dollari!

          anzi di solito deve anche pagare

          delle spese, non solo a fare le "pulci" (la

          revisione dei lavori) nella stragrande

          maggioranza dei casi... una follia , viste le

          possibilità offerte da internet oggi, si
          potrebbe

          tranquillamente mettere su una sorta
          giornale
          on

          line a libera

          consultazione!

          Certo che si può. Come si può anche rispettare la
          decisione dell'autore del
          lavoro.Vedo che continui a non capire, l'autore del lavoro non pretende alcun diritto sul lavoro stesso, tranne quello ovviamente sulla paternità, è la rivista sulla quale viene pubblicato che pretende soldi!
          • shevathas scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: Enjoy with Us


            Finalmente!


            Mi chiedevo per quanto ancora si
            ritenesse


            accettabile che per leggere un'articolo


            scientifico fosse necessario pagare un


            editore!



            Non lo è, e non lo è mai stato.



            Intanto oggi grazie a certe leggi è così!
            Per niente. L'editore della rivista scientifica non ha i diritti esclusivi di pubblicazione dell'articolo. L'autore volendo può pubblicarlo dove gli pare. Non è un romanzo e l'autore non ha ceduto i diritti.
            Certo che uno è libero, ma attualmente non esiste
            una pubblicazione scientifica in cui gli autori
            siano stati remunerati per la loro opera, anzi
            molto spesso per poter pubblicare hanno sostenuto
            loro o i loro istituti dei costi a volte neppure
            tanto piccoli, non solo i revisori delle riviste
            scientifiche nella massima parte dei casi
            prestano la loro opera gratuitamente... quindi se
            una volta il prezzo della rivista e degli
            articoli poteva essere giustificato dai costi
            editoriali oggi non lo è più... ma intanto
            continuano a pretendere soldi e neanche pochi,
            per un singolo articolo in assenza di abbonamenti
            (e chi si può abbonare a 20-30 riviste diverse?)
            chiedono anche 30
            dollari!
            considera che il mercato delle riviste scientifiche è un mercato molto chiuso e settoriale e neppure può sostenersi con la pubblicità.
            Vedo che continui a non capire, l'autore del
            lavoro non pretende alcun diritto sul lavoro
            stesso, tranne quello ovviamente sulla paternità,
            è la rivista sulla quale viene pubblicato che
            pretende
            soldi!e allora ? l'autore non lo mandi alla rivista e lo pubblichi a gratis sul suo sito. Semplice e lineare.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: Enjoy with Us

            - Scritto da: ruppolo


            - Scritto da: Enjoy with Us



            Finalmente!



            Mi chiedevo per quanto ancora si

            ritenesse



            accettabile che per leggere
            un'articolo



            scientifico fosse necessario
            pagare
            un



            editore!





            Non lo è, e non lo è mai stato.






            Intanto oggi grazie a certe leggi è così!


            Per niente. L'editore della rivista scientifica
            non ha i diritti esclusivi di pubblicazione
            dell'articolo. L'autore volendo può pubblicarlo
            dove gli pare. Non è un romanzo e l'autore non ha
            ceduto i
            diritti.
            L'autore il manoscritto lo invia anche a più di una rivista, che dopo una accurata review (fatta appunto da personalità conosciute nel campo e generalmente gratis) lo pubblica, molte riviste pongono la condizione di essere le uniche a poter pubblicare quel materiale, pena il respingimento del manoscritto. Dato che l'autore deve pubblicare per poter vedere riconosciuta la propria opera scientifica e dato che la sua produzione viene valutata con logiche del tipo quanti articoli su quali riviste e con quale impact factor, ti dovrebbe essere ben chiaro il perchè alla fine buona parte degli articoli siano visionabili solo dietro pagamento!

            Certo che uno è libero, ma attualmente non
            esiste

            una pubblicazione scientifica in cui gli
            autori

            siano stati remunerati per la loro opera,
            anzi

            molto spesso per poter pubblicare hanno
            sostenuto

            loro o i loro istituti dei costi a volte
            neppure

            tanto piccoli, non solo i revisori delle
            riviste

            scientifiche nella massima parte dei casi

            prestano la loro opera gratuitamente...
            quindi
            se

            una volta il prezzo della rivista e degli

            articoli poteva essere giustificato dai costi

            editoriali oggi non lo è più... ma intanto

            continuano a pretendere soldi e neanche
            pochi,

            per un singolo articolo in assenza di
            abbonamenti

            (e chi si può abbonare a 20-30 riviste
            diverse?)

            chiedono anche 30

            dollari!


            considera che il mercato delle riviste
            scientifiche è un mercato molto chiuso e
            settoriale e neppure può sostenersi con la
            pubblicità.
            Una volta il discorso poteva reggere per i costi tipografici, ma oggi? Che costi ci sono per pubblicare su internet? E tali costi non possono essere coperti da sponsor (cavolo sopravvivono quelli di Wikipedia!) e inserti pubblicitari?Sarà anche un mercato di nicchia ma francamente visto che le aziende farmaceutiche sono disponibili a mandare plotoni di informatori scientifici e a finanziare attività congressuali, trovo difficile credere che sia tanto impossibile sovvenzionare delle riviste on line dai costi di gestione estremamente ridotti!

            Vedo che continui a non capire, l'autore del

            lavoro non pretende alcun diritto sul lavoro

            stesso, tranne quello ovviamente sulla
            paternità,

            è la rivista sulla quale viene pubblicato che

            pretende

            soldi!

            e allora ? l'autore non lo mandi alla rivista e
            lo pubblichi a gratis sul suo sito. Semplice e
            lineare.Già ma se non lo pubblichi su una rivista, quel lavoro non ha nessun valore nei concorsi e nelle valutazioni sulla tua produzione scientifica...
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Enjoy with Us
            Una volta il discorso poteva reggere per i costi
            tipografici, ma oggi? Che costi ci sono per
            pubblicare su internet? E tali costi non possono
            essere coperti da sponsor (cavolo sopravvivono
            quelli di Wikipedia!) e inserti
            pubblicitari?
            Sarà anche un mercato di nicchia ma francamente
            visto che le aziende farmaceutiche sono
            disponibili a mandare plotoni di informatori
            scientifici e a finanziare attività congressuali,
            trovo difficile credere che sia tanto impossibile
            sovvenzionare delle riviste on line dai costi di
            gestione estremamente
            ridotti!E tanti saluti all'obbiettività :D
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: Enjoy with Us

            Una volta il discorso poteva reggere per i
            costi

            tipografici, ma oggi? Che costi ci sono per

            pubblicare su internet? E tali costi non
            possono

            essere coperti da sponsor (cavolo
            sopravvivono

            quelli di Wikipedia!) e inserti

            pubblicitari?

            Sarà anche un mercato di nicchia ma
            francamente

            visto che le aziende farmaceutiche sono

            disponibili a mandare plotoni di informatori

            scientifici e a finanziare attività
            congressuali,

            trovo difficile credere che sia tanto
            impossibile

            sovvenzionare delle riviste on line dai
            costi
            di

            gestione estremamente

            ridotti!

            E tanti saluti all'obbiettività :DAh perchè ora invece sono obbiettive... si vede che non hai a che fare con la medicina e le case farmaceutiche...
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: brain

            - Scritto da: Enjoy with Us


            Una volta il discorso poteva reggere
            per
            i

            costi


            tipografici, ma oggi? Che costi ci sono
            per


            pubblicare su internet? E tali costi non

            possono


            essere coperti da sponsor (cavolo

            sopravvivono


            quelli di Wikipedia!) e inserti


            pubblicitari?


            Sarà anche un mercato di nicchia ma

            francamente


            visto che le aziende farmaceutiche sono


            disponibili a mandare plotoni di
            informatori


            scientifici e a finanziare attività

            congressuali,


            trovo difficile credere che sia tanto

            impossibile


            sovvenzionare delle riviste on line dai

            costi

            di


            gestione estremamente


            ridotti!



            E tanti saluti all'obbiettività :D

            Ah perchè ora invece sono obbiettive... si vede
            che non hai a che fare con la medicina e le case
            farmaceutiche...Beh almeno col sistema attuale hai qualche speranza, dopo te la scordi :'(
          • shevathas scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.

            L'autore il manoscritto lo invia anche a più di
            una rivista, che dopo una accurata review (fatta
            appunto da personalità conosciute nel campo e
            generalmente gratis) lo pubblica, molte riviste
            pongono la condizione di essere le uniche a poter
            pubblicare quel materiale, pena il respingimento
            del manoscritto. Veramente pongono la condizione dell'originalità del manoscritto. Comunque una volta pubblicato su una rivista nulla vieta all'autore di divulgarlo sul suo sito.

            Una volta il discorso poteva reggere per i costi
            tipografici, ma oggi? Che costi ci sono per
            pubblicare su internet? E tali costi non possono
            essere coperti da sponsor (cavolo sopravvivono
            quelli di Wikipedia!) e inserti
            pubblicitari?ci sono costi se vuoi fare un sito decente. Su wikipedia, soprattutto quella it, meglio non parlarne. Non ha l'attendibilità di una rivista scientifica dove il 99% delle bufale vengono inappellabilmente XXXXte.
            trovo difficile credere che sia tanto impossibile
            sovvenzionare delle riviste on line dai costi di
            gestione estremamente
            ridotti!
            forse il personale delle riviste deve essere in grado di fare una prima scrematura e capire a quali esperti l'articolo deve essere mandato ? Non stiamo parlando di esperti di pokemon.
            Già ma se non lo pubblichi su una rivista, quel
            lavoro non ha nessun valore nei concorsi e nelle
            valutazioni sulla tua produzione
            scientifica...e dopo pubblicato (newbie)
          • brain scrive:
            Re: Il mondo accademico alza la voce.
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: shevathas


            L'autore il manoscritto lo invia anche
            a
            più

            di


            una rivista, che dopo una accurata
            review

            (fatta


            appunto da personalità conosciute nel
            campo
            e


            generalmente gratis) lo pubblica, molte

            riviste


            pongono la condizione di essere le
            uniche
            a

            poter


            pubblicare quel materiale, pena il

            respingimento


            del manoscritto.



            Veramente pongono la condizione
            dell'originalità

            del manoscritto. Comunque una volta
            pubblicato
            su

            una rivista nulla vieta all'autore di
            divulgarlo

            sul suo

            sito.

            Appunto l'originalità, se la pubblichi altrove
            ovviamente perdi
            l'originalità!Hai mai provato a scorrerti qualche elenco di pubblicazioni?Trovi montagne di articoli fotocopie, o tanti lavori dove si aggiunge un pezzettino alla volta per giustificare l'esistenza di un nuovo articolo...
            Quindi prima devi aspettare che te lo
            pubblichino, poi dopo potrai anche metterlo sul
            tuo sito, piccolo particolare, se il tuo sito non
            è indicizzato (come ovviamente non lo è) da
            medline, come fanno a sepere i fruitori che la
            versione integrale dell'articolo è disponibile
            anche gratis?Facile, basta saper leggere ;)
Chiudi i commenti