Copilot: GPT-4 Turbo disponibile per alcuni utenti

Copilot: GPT-4 Turbo disponibile per alcuni utenti

Microsoft ha avviato i test per GPT-4 Turbo, quindi alcuni utenti potranno utilizzare il nuovo modello di OpenAI tramite Copilot (ex Bing Chat).
Copilot: GPT-4 Turbo disponibile per alcuni utenti
Microsoft ha avviato i test per GPT-4 Turbo, quindi alcuni utenti potranno utilizzare il nuovo modello di OpenAI tramite Copilot (ex Bing Chat).

All’inizio del mese, Microsoft aveva annunciato diverse novità per Copilot (ex Bing Chat), tra cui il supporto per GPT-4 Turbo. Windows Latest ha scoperto che il nuovo modello di OpenAI può essere sfruttato gratuitamente da alcuni utenti. L’azienda di Redmond ha avviato anche i test per il plugin Search e l’aggiornamento di Code Interpreter.

Microsoft Copilot con GPT-4 Turbo

GPT-4 Turbo è il modello più recente di OpenAI. Può essere utilizzato attraverso ChatGPT Plus e ChatGPT Enterprise, quindi occorre un abbonamento. Microsoft permetterà invece a tutti di accedere al nuovo modello in forma completamente gratuita tramite Copilot. GPT-4 Turbo può fornire risposte più dettagliate a domande su argomenti recenti (fino ad aprile 2023) e consente conversazione più lunghe, in quando la context window è ampia 128.000 token, equivalenti ad oltre 300 pagine di testo.

Microsoft ha confermato l’avvio del rollout graduale. La scelta del modello avviene in base alle query e allo stile di conversazione (creativo, bilanciato o preciso). Dopo aver avviato una chat in Edge o Chrome è possibile conoscere il modello usato visualizzando l’origine della pagina (opzione nel menu contestuale o CTRL + U). Se nel codice della pagina è presente la stringa “dlgpt4t“, Copilot sfrutta GPT-4 Turbo.

Il nuovo modello può essere utilizzato insieme al plugin Search. Se quest’ultimo è disattivato, Copilot risponde in base ai dati di addestramento (quindi non conosce gli eventi successivi ad aprile 2023). Per ottenere risposte più aggiornate deve essere attivato il plugin Search per accedere al web con Bing.

Microsoft ha inoltre avviato i test per l’upgrade di Code Interpreter. Gli utenti potranno quindi usare il tool per compiti più complessi.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 25 dic 2023
Link copiato negli appunti