Copyright, RIAA cerca aiuto in BitTorrent

L'industria della musica si rivolge all'azienda che ha reso popolare una tecnologia di cui utenti abusano in spregio del diritto d'autore. BitTorrent, sostiene RIAA, non può giocare la carta della neutralità e dovrebbe provvedere ad arginare la violazioni

Roma – Non sono sufficienti le periodiche prese di posizione rispetto alla neutralità della propria tecnologia, non sono sufficienti le iniziative come Bundle volte a dimostrare che il mercato dei contenuti può finalmente venire incontro alle abituidini degli utenti connessi: la Recording Industry Association of America (RIAA) si è rivolta direttamente a BitTorrent per chiedere collaborazione nell’arginare lo scambio pirata all’azienda “all’origine di software usato prevalentemente per commettere violazioni”.

In una missiva vergata da Brad Buckles, ai vertici della divisione antipirateria di RIAA, e indirizzata al CEO di BitTorrent Inc. Eric Klinker si ricorda come ricorra il decimo anniversario dell’ implementazione della tecnologia DHT, capace di rendere effettivamente decentrata e scalabile la rete della condivisione. Condivisione che, stando alle parole di RIAA, consiste in pirateria nella gran parte dei casi.

Il software messo a disposizione da BitTorrent “ha agevolato approssimativamente il 75 per cento degli oltre 1,6 milioni casi di violazione basati su torrent e con oggetto le opere dei nostri membri segnalati nel 2014” afferma Buckles, “su un campione di 500 torrent relativi a file musicali rilevati attraverso le tabelle di hash distribuite (DHT) di BitTorrent Inc., l’82,4 per cento è associato a contenuti in commercio e quindi probabilmente scambiato in violazione del copyright” sostiene il dirigente RIAA, aggiungendo che “99 su 100 dei file torrent più popolari nella categoria Musica di uno dei più popolari portali torrent, KickassTorrents, sono stati giudicati in violazione del copyright”.
I client uTorrent e BitTorrent, sottolinea Buckles, “sono usati di milioni di persone e il numero delle violazioni del copyright rispetto alle opere dei nostri associati è ben più grande del numero di notifiche che abbiamo inviato”.

Sono cifre e percentuali che la RIAA sfodera per ribattere alle parole affidate nel 2013 a Matt Mason, all’epoca vicepresidente alla divisione marketing di BitTorrent Inc., il quale affermava che la pirateria si consumasse “al di fuori dell’ecosistema di BitTorrent” e ribadiva che l’azienda non supportasse in alcun modo l’illegalità . L’industria della musica, a due anni di distanza, riesuma questa presa di posizione per cercare di trasformarla in un impegno: “sollecitiamo BitTorrent Inc. a dare seguito a queste parole e a compiere dei passi significativi per scongiurare che questa abitudine alla violazione si perpetui attraverso i suoi prodotti e i suoi servizi”.

Mason, la cui carriera ha ormai preso un’altra direzione, si è espresso su Twitter per confermare la neutralità del protocollo BitTorrent, probabilmente sollevato nel non doversi confrontare con le richieste avanzate da RIAA: “Vorremmo consolidare una collaborazione per condividere su base regolare con BitTorrent Inc. gli hash (identificativi dei file che circolano in violazione del copyright, ndr ) – conclude Buckles – affinché BitTorent Inc. li possa usare per individuare ulteriori violazioni perpetrate attraverso i suoi servizi”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Re Fresh scrive:
    Articolo troppo vago
    In realtá l'articolo semplifica troppo.La vera chicca é il chipset, e per il momento servono queste cpu per utilizzarne tutte le funzionalitá.
    • ... scrive:
      Re: Articolo troppo vago
      - Scritto da: Re Fresh
      In realtá l'articolo semplifica troppo.

      La vera chicca é il chipset, e per il momento
      servono queste cpu per utilizzarne tutte le
      funzionalitá.lamentantene con chi l'a scritto, alfosino di limita a tradurre.
    • ... scrive:
      Re: Articolo troppo vago
      - Scritto da: Re Fresh
      In realtá l'articolo semplifica troppo.

      La vera chicca é il chipset, e per il momento
      servono queste cpu per utilizzarne tutte le
      funzionalitá.lamentantene con chi l'ha scritto, alfosino di limita a tradurre.
  • ... scrive:
    la verita' la sappiamo tutti
    e semplicemente e' che NON SERVONO nuove cpu per almeno altri 7-8 anni, quelle che ci sono bastano e avanzano...."eh, ma i giochi", mi sempra di serir dire da bimbominkia di turno.. o fanno giochi che girano col mio hardware o se li possono pure picchiare su per il XXXX. Basta dare soldi a questi XXXXXXXX!
    • ces scrive:
      Re: la verita' la sappiamo tutti
      - Scritto da: ...
      e semplicemente e' che NON SERVONO nuove cpu per
      almeno altri 7-8 anni, quelle che ci sono bastano
      e
      avanzano....
      "eh, ma i giochi", mi sempra di serir dire da
      bimbominkia di turno.. o fanno giochi che girano
      col mio hardware o se li possono pure picchiare
      su per il XXXX. Basta dare soldi a questi
      XXXXXXXX!Anche perché se hai una cpu appena decente difficilmente sarà quello il collo di bottiglia.
      • prova123 scrive:
        Re: la verita' la sappiamo tutti
        e quelli che girano male è che sono stati fatti da cul*! Vedi gli ultimi casi eclatanti che riguardano Warner Bros. Interactive Entertainment e Ubisoft. Senza contare i giochi indie che hanno imparato a fare uno scialbo spezzatino in 3/4 episodi dal costo di circa 30/40 e tempo di gioco di qualche ora. Addirittura steam è arrivata a rimborsare il costo di giochi troppo brevi ... quelli che un tempo si chiamavano DEMO.
        • ... scrive:
          Re: la verita' la sappiamo tutti
          - Scritto da: prova123
          e quelli che girano male è che sono stati fatti
          da cul*! Vedi gli ultimi casi eclatanti che
          riguardano Warner Bros. Interactive Entertainment
          e Ubisoft. Senza contare i giochi indie che hanno
          imparato a fare uno scialbo spezzatino in 3/4
          episodi dal costo di circa 30/40 e tempo di
          gioco di qualche ora. Addirittura steam è
          arrivata a rimborsare il costo di giochi troppo
          brevi ... quelli che un tempo si chiamavano
          DEMO.dopo l'ultimo gioco di cegghini durato MENO di 9 ore per 30 euro, la mia scelta l'ho fatta: prima lo scarico rigorosamente piratato, lo gioco, lo finisco e se merita prendo il cofanetto per averlo e rigiocarlo quando voglio. le XXXXXXXte steam "virtuali" non fanno per me: o disco o niente. Fotte un XXXXX se "il mondo va da un'altra parte", ci vada pure da solo.
          • prova123 scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            Io ho tutti i miei giochi originali che ho regolarmente pagato, rippato e con relativo crack per non utlizzare il supporto originale. Tra l'altro ho tutta la collezione originale dei Myst che adoro e che fortunatamente ho rippato in quanto il disco3 di installazione di MystIII nonostante tutte le accortezze a causa di un difetto del supporto è diventato in alcuni punti non più leggibile. Quando necessario li gioco con SCUMMvm, DOSBox & Co., macchine virtuali con Win98 regolarmente pagato in bundle con il computer. Se vedo un gioco nuovo che potrebbe meritare prima mi leggo tutte le recensioni a partire da metacritic, poi mi guardo sul tubo i video del gameplay e se il prezzo è al massimo 20/25 lo compro altrimenti non mi interessa. Per quanto riguarda i giochi di durata breve ti dico semplicemente che le DEMO non mi sono mai interessate nemmeno regalate. Ci sono le avventure e gli strategici gestionali/RPG PC degli anni novanta/duemila che posso rigiocare tranquillamente.Altro che prevendite a 70 euro e poi scoprire che il gioco gira male anche su un computer high end (perchè fatto da cul*) e poi essere costretto a scaricare gigabyte di patch.Per quanto riguarda i giochi del tipo "affetta angurie" credo che sia il caso di dire Fine dei Giochi.
          • Elettrone scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            Provate questo fatto da una sola persona nel tempo libero con richieste HW del secolo scorso totale 5MBhttp://www.cavestory.org/per capire tutti i danni che sono stati fatti dai soldi e della megaproduzioni in questo settore.
          • prova123 scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            Stupendo, l'ho finito molti anni fa.A me piacciono molto i videogames di metà anni 60' di quando c'erano i server ed i videoterminali. Sono fuori dal tempo.
          • prova123 scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            sorry, metà anni 70'... i primi rpg grafici ... :D
          • bubba scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            - Scritto da: prova123
            sorry, metà anni 70'... i primi rpg grafici ... :Dehhh... e come li giocavi... avevi un pdp11 con decnet in casa? :)magari ci hai giocato un po DOPO la meta' degli anni '70 .... ghio giocavo ad hack (aka rogue) su Sparc.... :Po parli di veri e propri MUD... tipo il nostrano (eh si) Lumen et Umbra o (ancora nostrano e piu' pionieristico ancora) Necronomicon ? o quelli che giravano su Galacticomm/MajorBBS ? :)
          • prova123 scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: prova123

            sorry, metà anni 70'... i primi rpg grafici ...
            :D
            ehhh... e come li giocavi... avevi un pdp11 con
            decnet in casa?
            :)

            magari ci hai giocato un po DOPO la meta' degli
            anni '70 ....Certo, ma adesso sto posso giocare i programmi originali sul computer originale anche questa mattina? non banali remake o versioni PC!Attualmente sto vagando per il sistema e per uno malato come me è una cosa fuori di testa. Si può utilizzare windows/apple/unix/linux.Ti interessa avere la prova? (rotfl)
          • Passante scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            - Scritto da: prova123
            - Scritto da: bubba

            - Scritto da: prova123


            sorry, metà anni 70'... i primi rpg grafici
            ...

            :D

            ehhh... e come li giocavi... avevi un pdp11 con

            decnet in casa?

            :)



            magari ci hai giocato un po DOPO la meta' degli

            anni '70 ....

            Certo, ma adesso sto posso giocare i programmi
            originali sul computer originale anche questa
            mattina? non banali remake o versioni
            PC!
            Attualmente sto vagando per il sistema e per uno
            malato come me è una cosa fuori di testa. Si può
            utilizzare
            windows/apple/unix/linux.
            Ti interessa avere la prova? (rotfl)Ti consiglio: http://ufoai.org/wiki/DownloadE' un remake ma ben fatto.
          • prova123 scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            Grazie! Il remake del mitico X-COM (ora utilizzabile con Dosbox) mi mancava!Ricambio con con il link al remake freeware di Elite. :)http://www.oolite.org/Anche questo è un bel malloppo con tutti gli addon.
          • Passante scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            - Scritto da: prova123
            Grazie! Il remake del mitico X-COM (ora
            utilizzabile con Dosbox) mi mancava!
            Ricambio con con il link al remake freeware di
            Elite.
            :)
            http://www.oolite.org/
            Anche questo è un bel malloppo con tutti gli
            addon.Wow, mi ero dimenticato di questo, l'avevo visto anni fa !Sembra diventato unaXXXXXta, grazi. :)
          • prova123 scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            Questo non è un gioco arcade, ma un simulatore di volo spaziale creato da Martin Schweiger, ricercatore dell'University College di Londra.Quanto realistico? Non è fatto da XXXX, capcom, ubisoft ... sembra abbastanza realistico qui c'è l'intervista all'autore :)http://www.tuttovola.org/?topic=4281.0https://it.wikipedia.org/wiki/Orbiter_(simulatore)Il sito ufficialehttp://orbit.medphys.ucl.ac.uk/download.htmlIl manuale in italiano:http://www.orbithangar.com/searchid.php?ID=4360Il forum Italiano:http://orbiteritalia.forumotion.com/E' sicuramente un programma interessante! :)
          • Passante scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            - Scritto da: prova123
            Questo non è un gioco arcade, ma un simulatore di
            volo spaziale creato da Martin Schweiger,
            ricercatore dell'University College di
            Londra.
            Quanto realistico? Non è fatto da XXXX, capcom,
            ubisoft ... sembra abbastanza realistico qui c'è
            l'intervista all'autore
            :)

            http://www.tuttovola.org/?topic=4281.0

            https://it.wikipedia.org/wiki/Orbiter_(simulatore)

            Il sito ufficiale
            http://orbit.medphys.ucl.ac.uk/download.html

            Il manuale in italiano:
            http://www.orbithangar.com/searchid.php?ID=4360

            Il forum Italiano:
            http://orbiteritalia.forumotion.com/

            E' sicuramente un programma interessante! :)Sembra unaXXXXXta !!!Stasera lo provo, grazie ancora.
          • prova123 scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            - Scritto da: bubba
            io giocavo ad hack (aka rogue) su Sparc.... :P
            o parli di veri e propri MUD... tipo il nostrano
            (eh si) Lumen et Umbra o (ancora nostrano e piu'
            pionieristico ancora) Necronomicon ? o quelli che
            giravano su Galacticomm/MajorBBS ?
            :)Tu scrivi di sistemi recenti, sistemi da prima metà anni 80 a prima metà anni 90, i MUD (Multi User Dungeon) sono molto più antichi!! ;)
          • user_ scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            L'ho provato e non mi piace. Super mario world per snes è meglio, questo cave sembra a 8 bit e è noioso.
          • ... scrive:
            Re: la verita' la sappiamo tutti
            - Scritto da: Elettrone
            Provate questo fatto da una sola persona nel
            tempo libero con richieste HW del secolo scorso
            totale
            5MB

            http://www.cavestory.org/

            per capire tutti i danni che sono stati fatti dai
            soldi e della megaproduzioni in questo
            settore.e qeulli che: "sei in una stanza con un tavolo, due sedie e una pendola, ci sono porte a nord, sud e ovest. A est una grande finestra e' affacciata su un giardino. Cosa vuoi fare?"se andava bene, sopra la scritta c'era disegnata la stanza stilizzata...oh, era roba cazzuta, occupavano anche 30-35K di ram.XXXXXXX quante bestemmie per finirli :-D
    • Elettrone scrive:
      Re: la verita' la sappiamo tutti
      La Wii ha insegnato che non servono chissa quali CPU per creare qualcosa di diverte ma idee.
  • prova123 scrive:
    La solita minestra riscaldata
    con i classici 4-core fisici per entrambe le CPU, la velocità è data dai 4GHz. Non mi danno motivo di cambiare nulla.
    • ... scrive:
      Re: La solita minestra riscaldata
      Sono overcloccabili fino a 5.2 ad aria.
      • prova123 scrive:
        Re: La solita minestra riscaldata
        Di ogni overclock bisogna poi vedere l'efficacia reale. Esempio se overclocco un computer da 4Ghz a 5.1Ghz mi aspetto prestazioni di circa il 28% superiori, ma se così non fosse stresso inutilmente il sistema. Se overclocchi il sistema e poi ci sono una svalangata di cicli di wait/idle sulla ram te ne fai poco. Metti sullo stesso sistema non overcloccato una scheda grafica bella tosta ed il sistema vola.Gli overclock sono da anni 90, quando sostituivi una cpu 33 Mhz con una da 50 Mhz passando cosi da un sistema DX2 33/66 ad un DX2 50/100 Mhz ed allora la cpu aveva un peso molto maggiore di quello che ha oggi. Gli effetti più evidenti si notavano con i programmi di rendering come il 3DStudio.
        • ... scrive:
          Re: La solita minestra riscaldata
          - Scritto da: prova123
          Di ogni overclock bisogna poi vedere l'efficacia
          reale. Esempio se overclocco un computer da 4Ghz
          a 5.1Ghz mi aspetto prestazioni di circa il 28%
          superiori, ma se così non fosse stresso
          inutilmente il sistema.L'utilità o meno di un overclock non la si può misurare in termini esclusivamente oggettivi.Anche se fosse un +24% di prestazioni, a fronte di un +28% di overclock, la stragrande maggioranza della gente lo riterrebbe comunque un ottimo compromesso.
          Se overclocchi il sistema
          e poi ci sono una svalangata di cicli di
          wait/idle sulla ram te ne fai poco. Metti sullo
          stesso sistema non overcloccato una scheda
          grafica bella tosta ed il sistema vola.Una scheda grafica bella tosta dev'essere comunque abbinata a una cpu medio-alta. Pena il non raggiungimento del 99% di utilizzo ideale della gpu, che significa che non la stai sfruttando.
          Gli overclock sono da anni 90, quando sostituivi
          una cpu 33 Mhz con una da 50 Mhz passando cosi da
          un sistema DX2 33/66 ad un DX2 50/100 Mhz ed
          allora la cpu aveva un peso molto maggiore di
          quello che ha oggi.Lo scopo dell'overclock oggi non è tanto quello delle pure performance (almeno per quanto riguarda la cpu), ma quello di eguagliare le performance di prodotti di fascia alta-estrema senza doverne pagare però il prezzo.
          • ... scrive:
            Re: La solita minestra riscaldata
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: prova123


            Di ogni overclock bisogna poi vedere l'efficacia

            reale. Esempio se overclocco un computer da 4Ghz

            a 5.1Ghz mi aspetto prestazioni di circa il 28%

            superiori, ma se così non fosse stresso

            inutilmente il sistema.

            L'utilità o meno di un overclock non la si può
            misurare in termini esclusivamente
            oggettivi.
            Anche se fosse un +24% di prestazioni, a fronte
            di un +28% di overclock, la stragrande
            maggioranza della gente lo riterrebbe comunque un
            ottimo compromesso.hai dimenticato il +70% di consumi, e' da li' che arriva l'inculatura, senza contare la minor aspettativa di vita della cpu.

            Se overclocchi il sistema

            e poi ci sono una svalangata di cicli di

            wait/idle sulla ram te ne fai poco. Metti sullo

            stesso sistema non overcloccato una scheda

            grafica bella tosta ed il sistema vola.

            Una scheda grafica bella tosta dev'essere
            comunque abbinata a una cpu medio-alta. Pena il
            non raggiungimento del 99% di utilizzo ideale
            della gpu, che significa che non la stai
            sfruttando.


            Gli overclock sono da anni 90, quando sostituivi

            una cpu 33 Mhz con una da 50 Mhz passando cosi
            da

            un sistema DX2 33/66 ad un DX2 50/100 Mhz ed

            allora la cpu aveva un peso molto maggiore di

            quello che ha oggi.

            Lo scopo dell'overclock oggi non è tanto quello
            delle pure performance (almeno per quanto
            riguarda la cpu), ma quello di eguagliare le
            performance di prodotti di fascia alta-estrema
            senza doverne pagare però il
            prezzo.
  • user_ scrive:
    le leggi del mercato
    I5-5675C costa 345 euro, con quello che costano ora i cpu io mi tengo il mio phenom2 x2 550 3.10ghz altri due anniiiiiiiii ... e già ce l'ho da 6 anni.
    • ces scrive:
      Re: le leggi del mercato
      Concordo, la verità è che Intel non propone niente di nuovo da Sandy Bridge a parte numerosi die shrink. Ovviamente non ne hanno nemmeno bisogno vista la stagnazione del settore e la concorrenza nulla di AMD, ma allo stesso tempo il mercato ne risente proprio per la mancanza di prodotti non dico rivoluzionari ma quanto meno innovativi.
    • Stephen scrive:
      Re: le leggi del mercato
      - Scritto da: user_
      I5-5675C costa 345 euro, con quello che costano
      ora i cpu io mi tengo il mio phenom2 x2 550
      3.10ghz altri due anniiiiiiiii ... e già ce l'ho
      da 6
      anni.Mi auguro che tu stia scherzando, ne servono almeno quattro delle tue cpu per eguagliare un i5-2500K di 4 anni fa e vuoi dire che per quel che costano non vale la pena prendere queste nuove cpu? ma LOL
      • marcione scrive:
        Re: le leggi del mercato
        - Scritto da: Stephen
        - Scritto da: user_

        I5-5675C costa 345 euro, con quello che costano

        ora i cpu io mi tengo il mio phenom2 x2 550

        3.10ghz altri due anniiiiiiiii ... e già ce l'ho

        da 6

        anni.

        Mi auguro che tu stia scherzando, ne servono
        almeno quattro delle tue cpu per eguagliare un
        i5-2500K di 4 anni fa e vuoi dire che per quel
        che costano non vale la pena prendere queste
        nuove cpu? ma
        LOLper eguagliare in che termini?su, spiega. non fare il timido.
        • Stephen scrive:
          Re: le leggi del mercato
          in qualsiasi applicativo credi che un Phenom II X2 possa lontanamente competere con Core i5 quinta e sesta gen.?
          • marcione scrive:
            Re: le leggi del mercato
            - Scritto da: Stephen
            in qualsiasi applicativo credi che un Phenom II
            X2 possa lontanamente competere con Core i5
            quinta e sesta
            gen.?guarda che non tutti paragonano i proXXXXXri guardando i grafici su cpubenchmark.net...esistono scenari (anche domestici) in cui la 'forza bruta' di un proXXXXXre NON serve.
          • Stephen scrive:
            Re: le leggi del mercato
            lo so benissimo che un benchmark serve solo da metodo di paragone per catalogare e classificare una determinata cpu, ma non puoi dire che non vi sia grande differenza tra uno SkyLake ed un Phenom, ti sbotterebbero a ridere chiunque.Se per utilizzo intendi navigare su internet allora basta anche un Celeron
          • marcione scrive:
            Re: le leggi del mercato
            se lo sai evita affermazione come (e ti quoto):'in qualsiasi applicativo credi che un Phenom II X2 possa lontanamente competere con Core i5 quinta e sesta gen.?'nell'IT non c'e' spazio per misure XXXXXmetriche o affermazioni approssimative.poi oh, se vuoi ridere ridi, a me che mi frega.
          • obbligatori o scrive:
            Re: le leggi del mercato
            - Scritto da: marcione
            nell'IT non c'e' spazio per misure XXXXXmetriche
            o affermazioni
            approssimative.ma per piacere, tutte le volte che ho letto: "più performante", "il 50% più veloce e oltre"il fatto è che il settore è pieno di ciarlatani.
          • marcione scrive:
            Re: le leggi del mercato
            si ma anche tu... :|io non parlavo di marketing, venditori, sparagestionali e parolai vari.mi riferivo all'IT nell'accezione originale del significato:'the technology of the production, storage, and communication of information using computers and microelectronics'
          • Stephen scrive:
            Re: le leggi del mercato
            ripeto, è tutto relativo dipende dall'uso che se ne fa del pc, anche un Pentium 4 dual core può essere ancora più che sufficiente dipende dalle esigenze che uno ha.Quindi trovo esagerato dire che non vale la pena cambiare un prodotto con uno di fascia più alta e decisamente più prestante.Bye.
          • ... scrive:
            Re: le leggi del mercato
            - Scritto da: Stephen
            in qualsiasi applicativo credi che un Phenom II
            X2 possa lontanamente competere con Core i5
            quinta e sesta gen.?e qui sta il punto: quanti applicativi necessitano di piu di un Phenom II X2? La maggior parde deli applicativi non hanno bisogno di tale potenza, anche se i marchettari di intel tentano disperatamente di convincermi del contrario. "piu nuovo piu potente piu questo piu quello"..... a me basta solo il "piu soldi nelle mie tasche se non cambio pc ogni tre anni" ecco, quel piu' li, mi basta.
      • user_ scrive:
        Re: le leggi del mercato
        - Scritto da: Stephen
        - Scritto da: user_

        I5-5675C costa 345 euro, con quello che costano

        ora i cpu io mi tengo il mio phenom2 x2 550

        3.10ghz altri due anniiiiiiiii ... e già ce l'ho

        da 6

        anni.

        Mi auguro che tu stia scherzando, ne servono
        almeno quattro delle tue cpu per eguagliare un
        i5-2500K di 4 anni fa e vuoi dire che per quel
        che costano non vale la pena prendere queste
        nuove cpu? ma
        LOLIo sono abituato a cambiare proXXXXXre quando c'è un proXXXXXre (nei negozi dove conviene comprare che hanno i prezzi più bassi) che è 6 volte piu' potente del mio e che costi circa 100 euro, anche aspettando 8 anni. QUesto l'ho potuto fare ad esempio passando da un athlon 1000 del 2001 a un phenom2 x2 550 3.10 ghz pagato 90 euro nel 2009, ora non mi pare che ci siano proXXXXXri sei volte piu' potenti del phenom2 x2 550 3.10ghz e che costino circa 100 euro, mi tocca aspettare ancora anni sennò mi sentirei truffato, anche se vorrei cambiare pc quest'anno, ma voglio spendere poco, perchè dovrei spendere 300 euro per un proXXXXXre? comunque l'fx-6300 che costa 100 euro non è molto piu' potente del phenom2 x2 550 e ha una tecnologia di 3 anni fa.Forse è 3 volte piu' veloce del mio, e non sei volte! E consuma parecchio.O sennò ci sarebbe anche i5-4460S (quad core,socket 1150) a 182 euro ,ma il prezzo è alto!I dual core intel non li prendo proprio in considerazione, ormai sono vecchi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 agosto 2015 13.26----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 agosto 2015 13.32-----------------------------------------------------------
        • Stephen scrive:
          Re: le leggi del mercato
          se proprio devi cambiare cpu la scelta migliore è indubbiamente il 8350 che al Phenom se lo mangia per colazione e non mi pare abbia un costo così esagerato per 150.Spendere soldi per qualsiasi Intel con lettera S o T è da cretini costano di più e vanno di meno avendo una frequenza base minore, tanto poi i consumi elettrici rispetto ad un K per ammortizzarli ci vuole un infinità di tempo.Comunque se tutto il discorso tuo si basa sul fatto di disponibilità economica è un conto un altro è dire che un determinato prodotto non ha grandi differenze con l'altro, tralasciando le prestazioni del proXXXXXre la nuova serie Intel si porta dietro una serie moltissime novità, 20 linee pcie 3.0 per il chipset rispetto alle 8 di Haswell e precedenti, ssd M.2, usb 3.1 e type C, sata express, ddr4.
          • user_ scrive:
            Re: le leggi del mercato
            - Scritto da: Stephen
            se proprio devi cambiare cpu la scelta migliore è
            indubbiamente il 8350 che al Phenom se lo mangia
            per colazione e non mi pare abbia un costo così
            esagerato per
            150.
            Spendere soldi per qualsiasi Intel con lettera S
            o T è da cretini costano di più e vanno di meno
            avendo una frequenza base minore, tanto poi i
            consumi elettrici rispetto ad un K per
            ammortizzarli ci vuole un infinità di
            tempo.
            Comunque se tutto il discorso tuo si basa sul
            fatto di disponibilità economica è un conto un
            altro è dire che un determinato prodotto non ha
            grandi differenze con l'altro, tralasciando le
            prestazioni del proXXXXXre la nuova serie Intel
            si porta dietro una serie moltissime novità, 20
            linee pcie 3.0 per il chipset rispetto alle 8 di
            Haswell e precedenti, ssd M.2, usb 3.1 e type C,
            sata express,
            ddr4.l'8350 consuma troppo, casomai l'8320e che consuma 95w ma si trova poco. è difficile trovarlo.QUelle novità nella serie intel che chissà quando mai userai davvero.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 agosto 2015 20.49-----------------------------------------------------------
          • Stephen scrive:
            Re: le leggi del mercato
            veramente l'8320E lo si compra benissimo senza problemi su qualsiasi shop di informatica, ma comunque ciò che mi hai scritto mi ha fatto sbellicare innanzitutto il TDP di 95W non sono i watt consumati e poi per 20 in più pensi che sia meglio prendere un 8320E che va meno di un normale 8320 per risparmiare due spicci all'anno?
          • user_ scrive:
            Re: le leggi del mercato
            - Scritto da: Stephen
            veramente l'8320E lo si compra benissimo senza
            problemi su qualsiasi shop di informatica, ma
            comunque ciò che mi hai scritto mi ha fatto
            sbellicare innanzitutto il TDP di 95W non sono i
            watt consumati e poi per 20 in più pensi che sia
            meglio prendere un 8320E che va meno di un
            normale 8320 per risparmiare due spicci
            all'anno?va bene forse non conviene ma i proXXXXXri amd di quel tipo scaldano troppo e consumano troppo, per forza vanno overclockati sennò sono sprecati, e ci va comprato anche un grosso dissipatore costoso potentissimo che neanche c'entra nei case stretti che ho io. HO capito che bisogna comprare cpu intel allora, perchè sono fatti meglio, vanno più veloci e scaldano/consumano meno.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 agosto 2015 23.20-----------------------------------------------------------
          • Stephen scrive:
            Re: le leggi del mercato
            non ho mai detto che Intel è meglio di amd il discorso era solo sul fatto che il Phenom ha fatto il suo tempo tutto qui.non è per nulla vero che servono dissipatori costosi e grossi un CM Hyper 412S o un Lepa LV12 da 35 bastano e avanzano.Come ultimo consiglio dimentica ogni ca22ata riguardo i consumi non recupererai mai quei soldi in bolletta comprando cpu più costose che hanno solo pochi watt in meno (non il TDP) bisogna sempre puntare sul miglior prodotto qualità prezzo ma sempre in relazione all'utilizzo, per determinati lavori un i7 anche se costoso vale sempre la spesa
          • user_ scrive:
            Re: le leggi del mercato
            Il CM Hyper 412S è troppo largo per i miei casi ,è 128 x 70 x 160 mm .Mentre il CM Hyper tx3 evo (che ho comprato ma non ancora montato) è 90 x 79 x 136 mm e va bene per il mio case "zalman z3 plus white" ma ancora li devo mettere insieme per un nuovo pc.Ora sono indeciso tra FX-6300 e I3-4150, te che sceglieresti tra questi due ??Costano rispettivamente 96 e 120 euro, quindi il prezzo è simile.Voglio spendere così , non troppo, e il pc lo userò per un po' di tutto e anche per certi giochi molto pesanti come battlefield hardline.Preferisco l'i3-4150 ma non so. forse cambierò idea o forse no.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 agosto 2015 00.27-----------------------------------------------------------
          • Stephen scrive:
            Re: le leggi del mercato
            se puoi spendere 120 allora l'unica scelta sensata è il fx 8320 non c'è storia contro un inutile i3
    • Stephen scrive:
      Re: le leggi del mercato
      anch'io ho un Sandy Bridge 2700K e la differenza in IPC col 6700K è quasi doppia dipende tutto da cosa devi farci, un i7 va comprato per lavorarci in determinati ambiti e non per gaming e menate varie.Intel può permettersi di avere quei prezzi perchè da una qualità decisamente più alta di amd, anche un Opel può andar veloce come un Mercedes ma non si può dire che ne complesso possano essere paragonate.Le prestazioni negli anni sono andate sempre aumentando anche se in proporzione i consumi sono rimasti stabili o di poco inferiori.La paternale non è fatta così perchè non avevo nulla da fare ma per il fatto che non ho sentito nessuna valida motivazione a parte il prezzo da sborsare per il nuovo hardware, pc da 1000 o 2000 valgono quel che costano, assolutamente non paragonabili alle console che invece si possono replicare con hardware molto più economico e con migliori performance.
Chiudi i commenti