Corea del Nord, un tablet di stato

Più che un tablet, il dispositivo autarchico sembrerebbe un palmare. Niente connessione né fotocamera, ma tanti contenuti scelti dallo stato a favore dei cittadini

Roma – Non è dato sapere se emerge dalle fucine di stato, né se il prezzo sarà alla portata dei cittadini: certo è che non è connesso alla rete, che non monta una fotocamera, ma è zeppo di sussidi educativi. Samjiyon, in omaggio a una regione della Corea del Nord, è il nome con cui le indiscrezioni identificano il tablet prodotto dalla Repubblica Democratica Popolare di Corea.

Samjiyon Il dispositivo, secondo fonti locali riportate da Bloomberg TV , sarebbe in avanzata fase di sviluppo. potrebbe trattarsi di una seconda epifania di una tavoletta di stato mostrata il mese scorso ad un’esposizione di Pyongyang dedicata all’elettronica.

Niente connessione a Internet, come prevedibile , niente fotocamera: gli utenti, lo si osserva dalle icone presentate sullo schermo in inglese come terminologia IT impone , potranno però intrattenersi con contenuti precaricati quali ebook e video, un’enciclopedia, un servizio di mappe. Una strategia che sembra collimare con il programma di informatizzazione che la Corea del Nord vorrebbe introdurre fra le più giovani leve.

Nulla trapela riguardo al sistema operativo, che probabilmente sarà declinato su misura, come avviene per la distro Linux di stato Red Star.

È mistero anche sull’origine dell’hardware: lo scorso anno Pyongyang aveva presentato con orgoglio la propria gamma di computer autarchici, mostrando ai cittadini le fabbriche in cui la macchine sarebbero state forgiate. Fabbriche ancore in via di costruzione. Il che aveva fatto pensare ad una soluzione che prevedesse componenti cinesi assemblate in Corea del Nord, o alla semplice installazione del software autarchico su prodotti confezionati altrove. Anche nel caso di Samjiyon non c’è chiarezza alcuna .

Gaia Bottà

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giovanni lo scettico scrive:
    Poca astronomia
    Gli asteroidi non sono vicini all' orbita di Venere, ma a quella di Marte!!!
  • attonito scrive:
    bella idea!
    l'idea di fondo e' bella, ma che si fa, dopo?Si, il satillite occhiuto dice: allarme, sta arrivando un asteroide che tra tre giorni impatta: che XXXXX facciamo? ce la fanno a sparargli contro una dozzina di testate nucleari o no?
    • prova123 scrive:
      Re: bella idea!
      Come al solito vi indicano la luna e guardate il dito ...la luna è rappresentata dai finanziamenti :D
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: bella idea!
      - Scritto da: attonito
      l'idea di fondo e' bella, ma che si fa, dopo?Gli attacchi la corda e ti fai dare un passaggio gratis fino a Marte ;-)
      Si, il satillite occhiuto dice: allarme, sta
      arrivando un asteroide che tra tre giorni
      impatta:Quando si dice il tempismo, neh!
      che XXXXX facciamo?Se credi preghi, se non credi..libera uscita
      ce la fanno a
      sparargli contro una dozzina di testate nucleari
      o
      no?Un dozzina di testate nucleare ad un ciottolone di meno di 800 metri di diametro?Al massimo ci basta Bruss Uillis con un po' di dinamiteCiao!
    • harvey scrive:
      Re: bella idea!
      Le testate atomiche non farebbero altro che frammentarlo e renderlo più pericoloso (anche se non ho idea di quanto danno farebbe una esplosione atomica in orbita, magari poco o nulla)Le teorie più probabili sono di deviarli tramite laser
      • v1doc scrive:
        Re: bella idea!
        - Scritto da: harvey
        Le testate atomiche non farebbero altro che
        frammentarlo e renderlo più pericoloso (anche se
        non ho idea di quanto danno farebbe una
        esplosione atomica in orbita, magari poco o
        nulla)

        Le teorie più probabili sono di deviarli tramite
        laserIl lago Chagan (diametro 400 metri, profondità 100 metri) è stata creato con un modesto ordigno da 140Kt.L'ordigno più potente mai costruito è arrivato a 50.000 kt (in realtà era da 100.000 kt ma è stato depotenziato per ovvi motivi).Non penso che un sasso da 800 metri possa rappresentare un problema, a patto che il confetto possa essere spedito in tempo utile.
        • harvey scrive:
          Re: bella idea!
          Almeno hai capito la differenza tra un'esplosione in orbita e una sulla superficie?Sai, se non hai atmosfera non fai onda d'urto. E una esplosione atomica priva di ossigeno che effetto ha?
          • v1doc scrive:
            Re: bella idea!
            - Scritto da: harvey
            Almeno hai capito la differenza tra un'esplosione
            in orbita e una sulla
            superficie?Penso di si.
            Sai, se non hai atmosfera non fai onda d'urto. E
            una esplosione atomica priva di ossigeno che
            effetto
            ha?Se il corpo contiene acqua o ghiaccio secco penso che l'effetto sia assicurato, le radiazioni viaggiano benissimo nello spazio, la vaporizzazione del materiale farebbe cambiare traiettoria al corpo.Se il corpo è formato da sola roccia l'ordigno dovrebbe atterrare per essere efficacie, non mi sembra complicato visto che è già stato fatto (Es.: Hayabusa)
  • qwqeqeeqqe scrive:
    alieni venite
    portatemi via e distruggete questo posto maledettoannientate questi umani inumani
Chiudi i commenti