Coronavirus: Apple chiude uffici e store in Cina

Come misura precauzionale nell'ambito dell'emergenza coronavirus, Apple sospende l'attività nei propri uffici e store di tutto il paese.
Come misura precauzionale nell'ambito dell'emergenza coronavirus, Apple sospende l'attività nei propri uffici e store di tutto il paese.

Adottando una misura precauzionale già attuata tra gli altri anche da Google, Apple ha scelto di mettere al riparo i suoi dipendenti e clienti da qualsiasi potenziale rischio legato alla diffusione del coronavirus chiudendo temporaneamente tutti gli uffici e gli store presenti in Cina.

Cina: uffici e negozi Apple in standby per il coronavirus

Lo aveva fatto già nelle scorse settimane con tre negozi situati all’interno dell’area maggiormente interessata dal contagio, estendendo ora la decisione a tutti i 49 aperti nel paese. Rimarranno chiusi per una settimana circa, fino al 9 febbraio, salvo ulteriori nuove disposizioni.

Restando in tema, nell’area di Wuhan sono presenti alcuni fornitori del gruppo di Cupertino e non è da escludere che questo possa avere un impatto sul business nei trimestri a venire: gli analisti prevedono una flessione delle vendite fino al 10%, proprio nel momento in cui gli iPhone sono tornati a innescare un trend positivo. Dal canto suo Foxconn ha già assicurato che non si verificheranno rallentamenti nei ritmi di produzione.

Nel momento in cui viene scritto e pubblicato questo articolo i casi confermati di infezione da 2019-nCoV sono 17.459 nel mondo (17.256 in Cina). 362 i decessi, ma 489 i pazienti guariti, a testimonianza di come anche in questo contesto emergenziale le buone notizie non manchino. Due anche in Italia, una coppia di turisti provenienti dal paese asiatico, al momento ancora sotto osservazione.

Fonte: Reuters
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti