Cyberwar, striscia il pericolo iraniano

Anonime fonti statunitensi mettono in guardia dal tentativo di Teheran di "saggiare" le capacità difensive dei sistemi infrastrutturali del paese. E' l'inizio di una possibile campagna di cyber-attacchi, dicono. L'Iran smentisce

Roma – Stando a quanto anonimi funzionari statunitensi hanno riferito al Wall Street Journal , il nuovo fronte caldo della cyberwar a stelle e strisce potrebbe presto venire da un’iniziativa iraniana. Iniziativa che è già in corso con incursioni che lasciano presagire qualcosa di molto peggiore, e di molto pericoloso per le infrastrutture e la sicurezza nazionale.

Le fonti anonime del Journal parlano di attacchi sponsorizzati da Teheran, azioni che per ora sarebbero limitate alla raccolta di informazioni su come le stazioni petrolifere e le utility energetiche gestiscano i proprio sistemi informatici e hi-tech.

Il tentativo di sondaggio rappresenterebbe l’escalation della “cyber attività” del regime iraniano contro gli USA, dicono le fonti, un attività che ha evidentemente allertato chi di dovere e desta preoccupazione crescente presso Washington e il Pentagono.

Gli hacker iraniani si preparerebbero a colpire le infrastrutture USA e i sistemi di controllo industriali basandosi le informazioni carpite in queste prime scorribande, suggeriscono le fonti anonime, una chiara rappresaglia all’ operazione Stuxnet – largamente attribuita a un’iniziativa israelo-statunitense – e che secondo i think thank statunitensi sarebbe molto più pericolosa , in prospettiva, dei frequenti tentativi di cyber-spionaggio degli hacker cinesi.

Dal punto di vista di Teheran, le accuse degli USA sono solo propaganda: in relazione alle accuse di cyber-attacchi già mosse in precedenza contro l’Iran, l’addetto stampa della missione iraniana alle Nazione Unite ha avuto recentemente a dire che il paese è una vittima del cyber-warfare (cioè la suddetta operazione Stuxnet) e che, essendo un membro “responsabile” della comunità internazionale, non ha nemmeno contrattaccato a queste aggressioni.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Skywalker scrive:
    Ecco perché
    continuerò ad aggiornare OpenStreetMap invece di Waze.L'idea era carina, ma fare Crowdsourcing ad una azienda privata che, non ti rilascia in licenza open i dati delle mappe e che alla fine ha chiuso anche il codice del programma stesso, non è nelle mie corde.Vedere poi vedere che chi ha raccolto il crowdsourcing batte cassa, mi fa sentire un po' sfruttato.Quando lavoro gratis, preferisco che i risultati siano gratis per tutti.I beg to differ.
    • Funz scrive:
      Re: Ecco perché
      - Scritto da: Skywalker
      continuerò ad aggiornare OpenStreetMap invece di
      Waze.

      L'idea era carina, ma fare Crowdsourcing ad una
      azienda privata che, non ti rilascia in licenza
      open i dati delle mappe e che alla fine ha chiuso
      anche il codice del programma stesso, non è nelle
      mie
      corde.

      Vedere poi vedere che chi ha raccolto il
      crowdsourcing batte cassa, mi fa sentire un po'
      sfruttato.

      Quando lavoro gratis, preferisco che i risultati
      siano gratis per
      tutti.

      I beg to differ.Volevo scrivere la stessa cosa, quasi parola per parola.waze è comodo e funziona bene, ma questa cosa non mi è mai piaciuta per niente. Se poi per usarlo bisognerà collegarlo all'account di FB o di G+ allora sarà un grosso motivo in più per non usarlo.Se invece venisse preso da Apple, il problema di usarlo o no non si porrà nemmeno più :p
  • Antigoogle scrive:
    Speriamo non a Google
    Se venisse comprato da Google, sarebbe l'ennesimo prodotto soppresso...
  • Cavallo Pazzo scrive:
    pericoloso!
    Ma è legale utilizzare lo smartphone mentre si guida?
    • Palm Face scrive:
      Re: pericoloso!
      Tu quando rimani bloccato in mezzo al traffico continui a guardare specchietti, leggere i segnali stradali, tieni le mani alle 11 e 10 e tenere sott'occhio il contakm?
      • ndr scrive:
        Re: pericoloso!
        - Scritto da: Palm Face
        Tu quando rimani bloccato in mezzo al traffico
        continui a guardare specchietti, leggere i
        segnali stradali, tieni le mani alle 11 e 10 e
        tenere sott'occhio il
        contakm?Cosa significa?Se sei fermo in coda stai comunque guidando, il codice della strada è chiaro: non puoi usare il telefono. Non ci sono interpretazioni, se poi vuoi chiacchierare sulle tue opinioni personali in tema di giusto e sbagliato è un altro discorso, lascia il tempo che trova.Dura lex, sed lex.
  • AlbertoPd scrive:
    Waze da solo
    Non so perchè... ma sento che sarebbe meglio se Waze rimanesse indipendente.Sopratutto non lo vorrei di proprietà GG, FB, M$,o Apple.
Chiudi i commenti