Definite le specifiche del 5G, ora si guarda alle prime offerte commerciali

Il 5G è ormai realtà. Sono state definite a livello internazionale le specifiche del nuovo standard di comunicazione mobile, che nel frattempo inizia a fare capolino tra le offerte degli operatori

Roma – Le prime specifiche per il 5G sono state dichiarate completate da parte del 3GPP (Third Generation Partnership Project). “È davvero il passo che consente ai venditori di iniziare a costruire gli impianti” – ha dichiarato Matt Branda, director of technical marketing di Qualcomm, una delle aziende strette nell’accordo di collaborazione che dal 1998 si occupa della standardizzazione dei sistemi di telecomunicazione nel mondo (il 3GPP appunto). All’esultanza si è unito anche Dave Wolter, AVP di Radio Technology and Strategy presso i laboratori AT&T esulta per il risultato: “è stato estremamente difficile e la gente ha impiegato un sacco di tempo e sforzi e sembra che ce l’abbiamo fatta”. AT&T è tra i promotori dell’iniziativa e si distingue per aver sostenuto la netta accelerata dell’ultimo anno.


5g

Le specifiche ufficializzate riguardano il supporto per lo spettro di bassa, media e alta banda, da sotto 1 GHz, come 600 e 700 MHz, fino a circa 50 GHz, e includono la banda da 3,5 GHz. Entro giugno 2018 è previsto inoltre il completamento della versione Standalone (SA) che offre la piena capacità per l’utente di controllo sul 5G NR (New Radio) utilizzando dunque il cuore di quella che è la nuova architettura del 5G.

I tempi sono stati rispettati, nonostante durante il recente meeting plenario di Settembre in Giappone fosse stato espresso qualche dubbio sul rispetto dei tempi per via di argomenti prettamente tecnici da smarcare (channel modeling, nonorthogonal multiple access, lo spettro per NR, eV2X evaluation methodology, accesso integrato).

A febbraio di quest’anno l’agenzia delle Nazioni Unite aveva comunicato l’intesa sulla bozza finale per le reti di comunicazione di prossima generazione. Si era trattato di un ulteriore conferma e legittimazione della strada verso la standardizzazione già avviata, e in cui ITU, l’International Telecommunication Union (ITU) è stato il principale promotore.

La corsa al 5G potrà ora procedere con la fase di valutazione e decisioni strategiche per arrivare al 2020 con la completa definizione di quelle che sono le specifiche IMT-2020. Il nostro Paese è parte attiva nel processo e al fine di incentivare la diffusione della nuova tecnologia, il Governo sta spianando le porte per l’attribuzione delle frequenze (in particolare quelle comprese tra i 3,4 e 3,8 GHz) che saranno assegnate mediante asta fruttando alle casse dello stato oltre 2 miliardi di euro. In Paesi come gli Stati Uniti il roll out della tecnologia è già stato avviato, e a breve saranno formulate le prime offerte commerciali da parte degli operatori, ma anche nello stivale qualcosa si muove.

Mirko Zago
fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • e meno male che ci sono i fessi scrive:
    azionisti comuni..
    pigliatevela la! E mi raccomando firmate pure veloce altrimenti non lo pigliate come si deve!
    • liquidator 3000 scrive:
      Re: azionisti comuni..
      - Scritto da: e meno male che ci sono i fessi
      pigliatevela la! E mi raccomando firmate pure
      veloce altrimenti non lo pigliate come si
      deve!hanno preso 24 milioni di finaziamenti e hanno rivenduto l'azienda a 1, io lo chiamo fallimento o liquidazione concordata
      • New Ideal scrive:
        Re: azionisti comuni..
        - Scritto da: liquidator 3000
        - Scritto da: e meno male che ci sono i fessi

        pigliatevela la! E mi raccomando firmate pure

        veloce altrimenti non lo pigliate come si

        deve!

        hanno preso 24 milioni di finaziamenti e hanno
        rivenduto l'azienda a 1, io lo chiamo fallimento
        o liquidazione
        concordataIo li chiamo furboni! Oggi come oggi, c'è il 90% del Popolo Mondiale che si trovano bene nella parte dei fessi, speranzosi. E un restante 10% di popolazione, che deve pur occuparsene di questa maggioranza.E devo dire che i tanti, accettano di buon grado di essere soggiocati fintanto che gli venga sempre datto che per loro c'è speranza. o)
Chiudi i commenti