Dialer, beccato l'untore del worm Zelig

La Guardia di Finanza ha concluso un'operazione che ha portato all'individuazione di un commerciante italiano che risiede a Caracas, autore del worm sparadialer. Alle indagini hanno contribuito anche i servizi americani. Tutti i dettagli


Roma – Il worm Zelig che ha colpito e preoccupato gli utenti italiani è stato preso di punta dalla Guardia di Finanza che ha annunciato la conclusione di un’operazione nel corso della quale è stato anche individuato quello che si ritiene essere l’autore del worm sparadialer (vedi SalvaPC n. 69 ). Ad aver tradito l’untore dialerista è stata proprio la spavalderia con cui ha utilizzato il numero di telefono a pagamento sul quale faceva convergere le chiamate inconsapevoli delle sue vittime.

Il Nucleo Regionale di Polizia Tributaria della Lombardia della Guardia di finanza, su delega del P.M. di Milano Claudio Gittardi, ha lavorato sul worm che, sfruttando la popolarità della trasmissione televisiva Zelig, ha alterato fraudolentemente la connessione telefonica di migliaia di utenti. Si ritiene che il worm sia stato responsabile di connessioni telefoniche fraudolente per 104mila euro . Molti dei colpiti potrebbero tutt’ora non essere consapevoli dell’epidemia: chi ha qualche dubbio è bene che dia un’occhiata alle configurazioni delle connessioni ad Internet del proprio PC per essere certo di non aver subito l’assalto del worm.

L?operazione delle Fiamme Gialle di Milano, caratterizzata anche dalla cooperazione internazionale con il Secret Service americano, ha portato alla denuncia di un commerciante di pellami italiano , residente a Caracas e domiciliato a Pisa, per le violazioni previste dagli artt. 615-quinquies e 640-ter del codice penale, all?accertamento di una frode informatica per svariate migliaia di euro ed al recupero di un credito telefonico di pari importo destinato dapprima su un conto di transito acceso a New York e successivamente su un conto corrente di Aruba.

“Il virus – spiegano i cybercop della GdF – è stato diffuso, tra il 24 e il 25 ottobre, attraverso un messaggio di posta elettronica che invitava a riversare sul PC degli utenti un salva schermo di Zelig, la popolare trasmissione televisiva, prelevandolo da un sito internet indicato nello stesso messaggio. La pericolosità del virus scaturiva dal fatto che, per la prima volta al mondo, sono stati fusi, in un unico programma informatico, i due maggiori pericoli della rete internet: un virus sconosciuto della famiglia worm, successivamente identificato all?estero come ?marquee? ed in Italia come ?zelig?, e un dialer di connessione telefonica all?899”.

Le indagini hanno consentito di appurare che, dietro il fasullo screen server, si nascondeva un worm capace di alterare le funzionalità del computer infetto, di autoreplicarsi tramite e-mail e, contemporaneamente, di reimpostare la connessione ad internet verso un numero di telefono con prefisso 899, con conseguente vantaggio patrimoniale del beneficiario di questa utenza.

“Le statistiche – si legge in una nota diffusa dalle Fiamme Gialle – hanno evidenziato, dalle ore 12.00 circa del 24 ottobre alle ore 19.20 circa del 27 ottobre, connessioni illecitamente deviate per un totale di 57.794 minuti (a 1,80 euro al minuto), facendo presagire, laddove la truffa non fosse immediatamente interrotta dall?intervento della Guardia di Finanza, danni nei confronti dei consumatori per ingenti importi (con una costanza di collegamenti della stessa frequenza dei primi due giorni sarebbe stato frodato in un mese un importo pari a circa un milione di euro)”.

Va detto che i cybercop delle Fiamme Gialle che hanno bloccato l’autore di Zelig sono gli stessi che hanno agito contro il celebre virus Vierika , considerato il primo malware italiano. Con lo United States Secret Services, inoltre, stanno collaborando dal 2002 “per ricostruire una complessa serie di attacchi informatici, consumati, da parte di due gruppi di cracker italiani, ai danni della Nasa, dell’Esercito e della Marina statunitensi, oltre che in pregiudizio di più di 1000 computer di università ed istituti di ricerca di tutto il mondo, utilizzati come teste di ponte”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il Painter 8 è favoloso!
    Altro che Alias Sketchpad! Il Painter 8 e' l'incarnazione del vecchio Fractal Painter! Simula la risposta frattale della carta al bagnato delle pennellate e mescola i colori come su una tela reale! Miiitico!!! Credevo avesse fallito, invece se l'è comprato la Corel! Grandi, sono i soli che resistono alla Microsoft! Nessuno sa se c'è anche il Corel Painter 3D? Sul sito non l'ho visto... permetteva di dipingere sugli oggetti 3d caricati da 3dstudio.. che fine ha fatto? Mike
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Painter 8 è favoloso!
      - Scritto da: Anonimo
      Altro che Alias Sketchpad! Il Painter 8 e'
      l'incarnazione
      Corel! Grandi, sono i soli che resistono
      alla Microsoft!ehmhttp://www.wired.com/news/business/0,1367,39204,00.htmlforse ti e' scappata la notizia di qualche anno fa..O.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il Painter 8 è favoloso!
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Altro che Alias Sketchpad! Il Painter 8
        e'

        l'incarnazione

        Corel! Grandi, sono i soli che resistono

        alla Microsoft!

        ehm
        http://www.wired.com/news/business/0,1367,392

        forse ti e' scappata la notizia di qualche
        anno fa..

        O.il soliti esterofilo scusa.. ecco in italiano!!!! http://punto-informatico.it/p.asp?i=33353"4/10/00 - Commenti - Milano - L'entrata di Microsoft nel capitale azionario di Corel è stata una doccia fredda un po ' per tutti quelli che ormai consideravano l'azienda canadese un importante supporter di Linux e del software open source. Sembra ancora di sentire il sibilo delle frecciate roventi che Michael Cowpland, il fondatore di Corel, soltanto un anno fa lanciava a Microsoft, sostenendo che prima o poi Linux avrebbe preso il posto di Windows, anche sui desktop."etc etcah, ovviamente Corel ha abbandonato Linux ;) O.
Chiudi i commenti