DirectX 10 in Vista

Microsoft ha fornito qualche dettaglio in più sulla futura major release delle librerie grafiche DirectX, la stessa che si troverà integrata in Windows Vista


Londra – C’è un piccolo ritorno al passato nel futuro delle famose librerie grafiche DirectX. Microsoft ha infatti deciso di accantonare l’altisonante nome Windows Graphic Foundation e chiamare la prossima release delle sue API (Application Programming Interface) semplicemente DirectX 10, continuando così una tradizione che va avanti da circa un decennio.

Alla Game Developers Conference Europe , Microsoft ha poi confermato che le DirectX 10 accompagneranno la prossima major release di Windows, Vista, e poggeranno sul Display Driver Model di Longhorn: quest’ultimo renderà possibile, fra le altre cose, installare i driver video della propria scheda grafica senza la necessità di riavviare il PC.

Le nuove tecnologie alla base delle DirectX 10, e l’utilizzo di nuove e – secondo quanto promesso da Microsoft – più veloci DLL (Dynamic Link Library), renderà le nuove API incompatibili con le versioni precedenti. Per consentire comunque agli utenti di far girare su Windows Vista l’attuale generazione di giochi, il big di Redmond aggiungerà alle DirectX 10 uno strato di emulazione software: questa soluzione, secondo alcuni, potrebbe però causare un calo delle performance (che in molti casi dovrebbe tuttavia essere bilanciato dalla maggiore potenza dei PC su cui girerà Windows Vista). La retrocompatibilità fornita dall’emulazione dovrebbe spingersi fino alle DirectX 7.

Tra gli altri dettagli resi noti da Microsoft c’è che le DirectX supporteranno lo Shader Model 4.0, una tecnologia che potrebbe tuttavia essere introdotta prima del lancio di Windows Vista grazie ad una versione aggiornata delle DirectX 9.

I due maggiori produttori di processori grafici per PC, ATI e Nvidia, si sono già detti pronti a supportare le DirectX 10 nelle loro prossime generazioni di GPU.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma perchè...
    ... tutto questo macello solo per dei giochi ? oh!, ho detto giochi ! non sono cose serie, in teoria servirebbero solo per passare qualche minuto di divertimento (e allora non vale la pena comprarli)... possibile che siano cose così importanti ? tanto da dedicarci tutto questo popò di tecnologia ? boh non capisco, sarà che non sono appassionato...
    • Anonimo scrive:
      Re: ma perchè...
      - Scritto da: Anonimo
      ... tutto questo macello solo per dei giochi ?
      oh!, ho detto giochi ! non sono cose serie, in
      teoria servirebbero solo per passare qualche
      minuto di divertimento (e allora non vale la pena
      comprarli)... possibile che siano cose così
      importanti ? tanto da dedicarci tutto questo popò
      di tecnologia ? boh non capisco, sarà che non
      sono appassionato...Pensaci, quello dei giochi, sia per bambini che per adulti e' un mercato da taaaanti soldi.
    • Locke scrive:
      Re: ma perchè...
      - Scritto da: Anonimo
      ... tutto questo macello solo per dei giochi ?
      oh!, ho detto giochi ! non sono cose serie, in
      teoria servirebbero solo per passare qualche
      minuto di divertimento (e allora non vale la pena
      comprarli)... possibile che siano cose così
      importanti ? tanto da dedicarci tutto questo popò
      di tecnologia ? boh non capisco, sarà che non
      sono appassionato...
      Scambia "giochi" con "Formula 1"Scambia "giochi" con "Calcio"Scambia "giochi" con "Cinema"Scambia "giochi" con "una cosa che a te piace"
  • Anonimo scrive:
    Lanciatevi su altre alternative
    Non vi piace pagare? beh esistono MILIONI di alternative per non pagare e giocare di ruolo. Ad esempio una delle innumerevoli shard di neverwinternights,che sono gratuite (paghi solo il gioco) innovative, tutte diverse e legali. Ora come ora mi vengono in mente queste duehttp://ardemor.rpg-x.comhttp://xoomer.virgilio.it/rebornnwn/Buon game a tutti, paganti e non ;)
    • Locke scrive:
      Re: Lanciatevi su altre alternative
      - Scritto da: Anonimo
      esistono MILIONI di alternative per non pagare
      e giocare di ruolo. Se per te giocare di ruolo è andare in piazza e urlare a tutto il mod "CERCO CHIERICO LVL 20 PER LA QUEST TAL DEI TALI SERVE ALMENO 18 DI INT E ALTO CARISMA PER SCACCIARE NON MORTI", ammazzare draghi a go-go e fare esperienza a stecca, allora le alternative sono milioniSe invece è andare in giro interpretando un ruolo senza che diventare lvl 20 in una settimana sia il tuo obbiettivo ed incontrando gente che ha gli stessi tuoi ideali, allora le alternative sono misere...
      • Anonimo scrive:
        Re: Lanciatevi su altre alternative
        ...la differenza non la fanno i giochi, la fanno i giocatori e di giocatori seri di rpg ne esistono ben pochi!
  • Anonimo scrive:
    Re: Lasciarli negli scaffali?
    - Scritto da: Anonimo
    4 marmocchi?Cioé gente che magari ha oltre 40 anni, e ce ne sono tanti. Ma per favore....
  • Anonimo scrive:
    Re: Lasciarli negli scaffali?
    Urka...certa gente se le va proprio a cercarevolete avere videogiochi superfantastici da passarci il tempo? Siete disposti a spendere chissàchè per averli?LiberissimiVi aumentano il tutto del 30%, 50% e così via perchè stanno costruendo un monopoilo e a voi va bene lo steso?OkIl mondo in genere con le sue disgrazie non vi tocca minimamente? Se avete la possibilità di prendervi giochi meno cari, multiplayer nessuno lo vieta. Ci sono! Per ora.Poi come tutto, basta insinuare che sia illegale avere reti multiplayer libere, dato che non possono essere controllate, che all'interno vi giri chi istruisce al terrorismo o pedofili o chissàancoracosa, ed ecco le leggine.Quando vi toglieranno quello che per il momento è gratis allora tutto vi andrà bene. Tanto il denaro per comperarvelo ne avete in abbondanza ed al limite, basta saltare i pasti o non comperare vestiti e scarpe...
    • Anonimo scrive:
      Re: Lasciarli negli scaffali?

      certa gente se le va proprio a cercareche cosa???
      volete avere videogiochi superfantastici da
      passarci il tempo? Siete disposti a spendere
      chissàchè per averli?

      Liberissimii giochi come "tutte" le cose sono aumentati del 50%!Farai anche tu acquisti quindi sta zitto, per favore!
      Vi aumentano il tutto del 30%, 50% e così via
      perchè stanno costruendo un monopoilo e a voi va
      bene lo steso?

      OkMa monopolio de che'?Se i giochi blizzard sono cazzuti non mi pare ci sia niente di negativo, ti rode che hanno milioni di utenti?????Io ripeto non ci gioco perchè e caro, ma un paio di mesetti me li sono fatti mettendo in conto l'enorme esbors monetario, nel frattempo non vado al cinema non faccio sport eheeh e non guardo neanche la tv!E le birre me le compro al supermarket...sarò libero di fare quello che me pare?????
      Il mondo in genere con le sue disgrazie non vi
      tocca minimamente? e che centra????
      Se avete la possibilità di prendervi giochi meno
      cari, multiplayer nessuno lo vieta. Ci sono! Per
      ora.....sinceramente questa al giorno d'oggi è la cosa che mi preoccupa di meno ci sono problemi ben più gravi caro il mio amico saccente!
      Poi come tutto, basta insinuare che sia illegale
      avere reti multiplayer libere, dato che non
      possono essere controllate, che all'interno vi
      giri chi istruisce al terrorismo o pedofili o
      chissàancoracosa, ed ecco le leggine....qui dici fanta cazzate!!!!!!
      Quando vi toglieranno quello che per il momento è
      gratis allora tutto vi andrà bene. Tanto il
      denaro per comperarvelo ne avete in abbondanza ed
      al limite, basta saltare i pasti o non comperare
      vestiti e scarpe......boooooooh, un po di luoghi comuni????????
  • Anonimo scrive:
    Re: Lasciarli negli scaffali?
    - Scritto da: Anonimo
    Una volta si comperava, forse un po' cari,
    programmi che avevano la possibilità di giocare
    in multiplayer.Anche adesso.
    Nel frattempo le vie ufficiali, non sono più
    accessibili dal gioco originale. Bisogna avere un
    abbonamento!Mica vero, esistono giochi di tutti i tipi con abbonamento o senza, alcuni completamente gratis.
    Per il quale si deve possedere carta
    di credito! Falso
    Adesso i fornitori di regole americane
    lobbistiche (giudici), vietano con ragioni
    ineccepibili (....),Ironia senza argomentazioni
    le reti alternative.Falso, anche adesso si puo' giocare a giochi in rete come in passato.
    Gioia e tripudio delle case madri che avranno il
    loro tornaconto con abbonamenti finora non
    incassati.Se vuoi un gioco con abbonamento sei libero di comprarlo ma anche di non comprarlo.le case madri non ti obbligano di certo.
    Mi sto chiedendo:
    1) Ma esiste davvero qualcuno che mette a
    disposizione rete e servizi in modo gratuito solo
    per far giocare 4 marmocchi?"Marmocchi"?
    2) Esiste davvero un'organizzazione mondiale che
    raccoglie tutti i giovani del mondo che altro non
    fanno che il maltornaconto di queste povere case
    fornitrici?Certo che esiste si chiama "Giovani marmocchi per la Causa" e per esservi associati serve uno speciale abbonamento.
    Ora, forti delle decisioni dei loro compari,
    potranno accrescere i loro abbonamenti fino
    all'estremo possibile. Se ci vuoi giocare paghi,
    se no che ti frega?Gia' che ti frega?
    Infatti, vista la qualità del gioco, visto la
    continua spesa per una cosa che ci perdo solo
    tempo, ed alla fine, mi fa vivere in un mondo
    virtuale, pieno solo di morte e distruzione,
    senza nessun apporto educativo, non solo non li
    compero ma mi rifiuto di avere in casa schifezze
    del genere anche gratis!Perfetto allora prese e comunicate le tue decisioni, ora che siamo tutti contenti, accenditi la TV ed educati come hai sempre fatto.
    Lasciateli sugli scaffali, che se li comprino il
    favoloso popolo americano.Da che pulpito viene la predica... (troll2)
  • Anonimo scrive:
    Re: Lasciarli negli scaffali?
    - Scritto da: Anonimo
    Infatti, vista la qualità del gioco, visto la
    continua spesa per una cosa che ci perdo solo
    tempo, ed alla fine, mi fa vivere in un mondo
    virtuale, pieno solo di morte e distruzione,
    senza nessun apporto educativo, non solo non li
    compero ma mi rifiuto di avere in casa schifezze
    del genere anche gratis!hmmm non sapevo che il Moige leggesse PI
  • Anonimo scrive:
    Re: Lasciarli negli scaffali?

    1) Ma esiste davvero qualcuno che mette a
    disposizione rete e servizi in modo gratuito solo
    per far giocare 4 marmocchi?Guild Wars! Lo acquisti originale e giochi gratis quanto te pare! Marmocchi poi non direi proprio! tipica mentalità da italiano medio che considra i videogiocatori un marmocchio!
    Infatti, vista la qualità del gioco, visto la
    continua spesa per una cosa che ci perdo solo
    tempo, ed alla fine, mi fa vivere in un mondo
    virtuale, pieno solo di morte e distruzione,
    senza nessun apporto educativo, non solo non li
    compero ma mi rifiuto di avere in casa schifezze
    del genere anche gratis!La qualità di World of warcraft è a dir poco notevole, le tue sono le solite insinuazioni di chi non sa neanche di cosa parla.E' solo un gioco, adesso non sono neanche libero di massacrare quello che mi pare nel mio pc!Che vuoi una simulazione di ballerine in tutù rosa che ballano ? Programmatela e non stracciare le balle agli altri o che sei affiliato alla moglie di bill clinton e ti giochi i games della cuccarini??????O sei uno di quelli che si comprerebbe i giochi cristiani in cui fai punti convertendo a mazzate gli infedeli????
    Lasciateli sugli scaffali, che se li comprino il
    favoloso popolo americano.Caro il mio sbruffone sprovveduto tieni la politica lontana da ste cose e non fare di tutta l'erba un fascio e non si giudica un popolo da chi lo governa, e noi allora cosa dovremmo essere????....Giocare a WoW in server non ufficiali non è minimamente paragonabile alla profondità di gioco che trovi sui server ufficiali, ma siccome costa troppo gioco a guild wars che non ha niente da invidiare al succitato titolo della Blizzard!
    • Anonimo scrive:
      Re: Lasciarli negli scaffali?
      ...
      invidiare al succitato titolo della Blizzard!Tutto ben detto, per giuda!
    • Anonimo scrive:
      Re: Lasciarli negli scaffali?

      Guild Wars! Lo acquisti originale e giochi gratis
      quanto te pare! Marmocchi poi non direi proprio!
      tipica mentalità da italiano medio che considra i
      videogiocatori un marmocchio!Era riferito a chi ha fatto leggi restrittive, sei fra questi?
      La qualità di World of warcraft è a dir poco
      notevole, le tue sono le solite insinuazioni di
      chi non sa neanche di cosa parla.
      E' solo un gioco, adesso non sono neanche libero
      di massacrare quello che mi pare nel mio pc!
      Che vuoi una simulazione di ballerine in tutù
      rosa che ballano ? Programmatela e non stracciare
      le balle agli altri o che sei affiliato alla
      moglie di bill clinton e ti giochi i games della
      cuccarini??????
      O sei uno di quelli che si comprerebbe i giochi
      cristiani in cui fai punti convertendo a mazzate
      gli infedeli????Ti senti insultato? Devi per forza offendere?
      Caro il mio sbruffone sprovveduto tieni la
      politica lontana da ste cose e non fare di tutta
      l'erba un fascio e non si giudica un popolo da
      chi lo governa, e noi allora cosa dovremmo
      essere????Ti commenti da solo: offendi, insulti e ti arrabbi... fai te
      ....Giocare a WoW in server non ufficiali non è
      minimamente paragonabile alla profondità di gioco
      che trovi sui server ufficiali, ma siccome costa
      troppo gioco a guild wars che non ha niente da
      invidiare al succitato titolo della Blizzard!e chi te lo proibisce?..per oraAspetta diventi illegale in qualche modo e poi vedrai
      • Anonimo scrive:
        Re: Lasciarli negli scaffali?
        - Scritto da: Anonimo

        Guild Wars! Lo acquisti originale e giochi
        gratis

        quanto te pare! Marmocchi poi non direi proprio!

        tipica mentalità da italiano medio che considra
        i

        videogiocatori un marmocchio!

        Era riferito a chi ha fatto leggi restrittive,
        sei fra questi?...non ricordi neanche quello che scrivi?????

        La qualità di World of warcraft è a dir poco

        notevole, le tue sono le solite insinuazioni di

        chi non sa neanche di cosa parla.

        E' solo un gioco, adesso non sono neanche libero

        di massacrare quello che mi pare nel mio pc!

        Che vuoi una simulazione di ballerine in tutù

        rosa che ballano ? Programmatela e non
        stracciare

        le balle agli altri o che sei affiliato alla

        moglie di bill clinton e ti giochi i games della

        cuccarini??????

        O sei uno di quelli che si comprerebbe i giochi

        cristiani in cui fai punti convertendo a mazzate

        gli infedeli????

        Ti senti insultato? Devi per forza offendere?
        ...scusa non mi sono sentito insultato , mi sei sembrato e mi sembri ridicolo tu che critichi la violenza nei videogiochi, meglio quella reale vero????

        Caro il mio sbruffone sprovveduto tieni la

        politica lontana da ste cose e non fare di tutta

        l'erba un fascio e non si giudica un popolo da

        chi lo governa, e noi allora cosa dovremmo

        essere????

        Ti commenti da solo: offendi, insulti e ti
        arrabbi... fai te
        ......controbatti con frasi fatte ..con te non c'è dialogo!

        ....Giocare a WoW in server non ufficiali non è

        minimamente paragonabile alla profondità di
        gioco

        che trovi sui server ufficiali, ma siccome costa

        troppo gioco a guild wars che non ha niente da

        invidiare al succitato titolo della Blizzard!

        e chi te lo proibisce?..per ora
        Aspetta diventi illegale in qualche modo e poi
        vedraiDiventerà illegale quando persone come te decideranno che non è giusto giocare a giochi in cui fai violenza ad un pixel! eheheheheh
    • Locke scrive:
      Re: Lasciarli negli scaffali?
      - Scritto da: Anonimo
      [...] ma siccome costa troppo gioco a guild wars
      che non ha niente da invidiare al succitato titolo
      della Blizzard!Guild Wars te lo vendono come MMORPG, in realtà è più un Diablo 2 evoluto.Qualcuno ha da ridire dicendo "Ma in Guild Wars ci sono tanti giocatori presenti in un'area quindi è un MMORPG", anche nelle chat di Battle.net ci sono tanti giocatori presenti nello stesso momento e che parlano, ma non definirei Starcraft un MMORPG :D Il fatto che nelle varie città puoi parlare solo con gli utenti presenti è la stessa cosa dei canali di chat, se io sono nel canale "Pippo" non posso parlare con quelli del canale "Pluto" se non con messaggi privati e se ci sono tanti utenti nel canale Pippo verrà creato un Pippo 2... qualcuno si ricorda i famosi Starcraft Ita-1 e Starcraft Ita-2?Insomma, quelli di Arena.Net hanno fatto passare Guild Wars per un MMORPG ed hanno basato il loro successo sul fatto che non era richiesto un canone mensile. Non sono impressionato di ciò, di Diablo 2 non ho mai dovuto pagare nulla oltre al prezzo del gioco. Comunque stiano le cose, Guild Wars è dannatamente bello :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Lasciarli negli scaffali?
        ..concordo Guild Wars è dannatamente bello e ricordo al simpaticone che scrive fesserie senza sapere di cosa parla che GuildWars è stato creato da programmatori che facevano parte del team blizzard ex diablo e diablo 2, e infatti hanno mantenuto la stessa politica di diablo e diablo2 per il multiplayer.Non condivido ovviamente la politica della blizzard che oltre all'acquisto del gioco originale con questa mossa pretende anche che tu per giocare debba pagare un canone mensile, ma non per questo sputo sentenze contro ddi loro, il loro mestirere programmare giochi lo fanno dannatamente bene. semplicemente ho smesso di giocare a wow , ho fatto il mese gratuito e due mesetti niente di più, ora gioco a guild wars e sono pienamente soddisfatto!Un'alternativa gratis salta sempre fuori! O almeno lo si spera e se non c'è la si crea!
      • Anonimo scrive:
        Re: Lasciarli negli scaffali?
        - Scritto da: Locke
        - Scritto da: Anonimo

        [...] ma siccome costa troppo gioco a guild
        wars

        che non ha niente da invidiare al succitato
        titolo

        della Blizzard!

        Guild Wars te lo vendono come MMORPG, in realtà è
        più un Diablo 2 evoluto.

        Qualcuno ha da ridire dicendo "Ma in Guild Wars
        ci sono tanti giocatori presenti in un'area
        quindi è un MMORPG", anche nelle chat di
        Battle.net ci sono tanti giocatori presenti nello
        stesso momento e che parlano, ma non definirei
        Starcraft un MMORPG :D

        Il fatto che nelle varie città puoi parlare solo
        con gli utenti presenti è la stessa cosa dei
        canali di chat, se io sono nel canale "Pippo" non
        posso parlare con quelli del canale "Pluto" se
        non con messaggi privati e se ci sono tanti
        utenti nel canale Pippo verrà creato un Pippo
        2... qualcuno si ricorda i famosi Starcraft Ita-1
        e Starcraft Ita-2?

        Insomma, quelli di Arena.Net hanno fatto passare
        Guild Wars per un MMORPG ed hanno basato il loro
        successo sul fatto che non era richiesto un
        canone mensile. Non sono impressionato di ciò, di
        Diablo 2 non ho mai dovuto pagare nulla oltre al
        prezzo del gioco.

        Comunque stiano le cose, Guild Wars è
        dannatamente bello :Dla stessa casa produttrice di GW lo spaccia come un NON mmorpg!!! la gente lo ha associato a quel tipo di gioco; se poi entri nelle discussioni GW vs WoW vedrai che finiscono sempre dicendo che "sono giochi diversi"..gw è fico, ma alla fine a me non ha preso più di tanto :)
        • Locke scrive:
          Re: Lasciarli negli scaffali?
          - Scritto da: Anonimo

          la stessa casa produttrice di GW lo spaccia come
          un NON mmorpg!!! la gente lo ha associato a quel
          tipo di gioco; Miliardi di riviste lo chiamano MMORPG perchè hanno i redattori di marzapane (TGM Online lo definì " il nuovo MMORPG (senza canone di abbonamento)"), il giocatore medio ci crede e va in giro a dire "Guild Wars è un MMORPG GRATIS!!!!!!!!!!"
  • Locke scrive:
    Multiplayer legale senza server
    Scaricatevi Battle.Lan, è un emulatore di LAN, in pratica mettendo gli IP dei partecipanti, è possibile creare partite e collegarvici come se si fosse in rete locale (immagino che crei una specie di VPN, non ho trovato nessuna documentazione sul programma...)Questo funziona con qualunque gioco che abbia a disposizione il gioco via rete locale. Chi joina un game vedrà le partite elencate sotto "Lan games"http://www.infoceptor.net/files/war3/battlelan.zipIn alcuni casi, durante i miei test, è risultato che un giocatore entrava in un game ma l'host non lo vedeva, oppure gli dava un errore di timeout. Non sempre ha funzionato, ma nella maggior parte dei casi si.
    • Anonimo scrive:
      Re: Multiplayer legale senza server
      ...ok ma il server??????
      • Anonimo scrive:
        Re: Multiplayer legale senza server
        ...nel senso che senza un server e avendo solo un client non è che possa giocarci!
        • Locke scrive:
          Re: Multiplayer legale senza server
          - Scritto da: Anonimo
          ...nel senso che senza un server e avendo solo un
          client non è che possa giocarci!Come no?Quando sei in lan non serve un server centrale per organizzare le partite... a meno che tu con server non intendi chi crea la partita.E' chiaro che uno deve creare il game e gli altri devono premere "join", usando questo programma anche se io sono in Italia e tu in Australia possiamo giocare come se fossimo in lan (più precisamente, come se avessimo fatto una VPN)
          • Anonimo scrive:
            Re: Multiplayer legale senza server
            ..si intendevo chi crea la partita.....beh che dire gran ficata!!!!!!Ok in diablo e diablo2 tu crei la partita e glialtri si collegano a te perfetto, ma in WoW ....e qui scusa la domanda idiota, si crea una partita? io non ricordo ma mi sembrava di no!
          • Locke scrive:
            Re: Multiplayer legale senza server
            - Scritto da: Anonimo

            ..si intendevo chi crea la partita.....beh che
            dire gran ficata!!!!!!
            Ok in diablo e diablo2 tu crei la partita e
            glialtri si collegano a te perfetto, ma in WoW
            ....e qui scusa la domanda idiota, si crea una
            partita? io non ricordo ma mi sembrava di no!Assolutamente no, WoW è un MMORPG che si collega ad un server e qui non ci puoi fare niente, quel programma funziona solo per giochi a "partite", non per mondi persistenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Multiplayer legale senza server
            ...e infatti quando ti dicevo che senza server non ci potevi giocare mi riferivo a wow, non agli altri giochi!
  • Anonimo scrive:
    Re: Lasciarli negli scaffali?
    Hai mai giocato a un gioco Blizzard?Hai mai visto la qualità dei loro giochi in confronto ad altri giochiWarcraft, Diablo, Warcraft II, Starcraft, Diablo II, Warcraft III e World of Wacraft sono pietre miliari nella storia del videogioco, giochi che hanno portato l'industria avanti di decenni, gioche che molti han tentato di imitare ma che nessuno è mai riuscito a battere.Io li ho tutti originali e sono contento di aver pagato per ciò che mi sono goduto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Lasciarli negli scaffali?
      Ma questo non autorizza la Blizzard ad essere così, ehm, "simpatica".
      • Anonimo scrive:
        Re: Lasciarli negli scaffali?
        - Scritto da: Anonimo
        Ma questo non autorizza la Blizzard ad essere
        così, ehm, "simpatica".simpatia è proteggere un propio prodotto? facciamo così te fatti una casa, io appoggio il mio allacciamento "open" al tuo allacciamento del gas "closed"
        • Anonimo scrive:
          Re: Lasciarli negli scaffali?
          ..o ancora meglio , si faccia il wifi che vengo a prendergli banda per giocare online eheheheh, lui paga ovviamente, io sottraggo solo la sua banda!(cylon)
    • Anonimo scrive:
      Re: Lasciarli negli scaffali?
      - Scritto da: Anonimo
      Hai mai giocato a un gioco Blizzard?

      Hai mai visto la qualità dei loro giochi in
      confronto ad altri giochi

      Warcraft, Diablo, Warcraft II, Starcraft, Diablo
      II, Warcraft III e World of Wacraft sono pietre
      miliari nella storia del videogioco, giochi che
      hanno portato l'industria avanti di decenni,
      gioche che molti han tentato di imitare ma che
      nessuno è mai riuscito a battere.

      Io li ho tutti originali e sono contento di aver
      pagato per ciò che mi sono goduto.Ci sono multiplayer online GRATUITI, basta cercare.Del genere MMORG (che io sconsiglio tutti vivamente, trattandosi di perditempo addictive quasi come una droga leggera e dal cui assillo mi sono liberato da poco) c'è ad esempio OGame.Del genere FPS che io prediligo ci sono Wolfenstein Enemy Terrotory, Americas Army, ET Fortress, tutti AGGRATIS !Quindi se lo tenessero il loro Wordcraft alla Blizzard e comunque penso che la versione craccata fosse troppo palesemente illegale da essere tollerata, quindi DMCA o non-DMCA quando la si fa troppo sporca non si può passare inosservati.Avessero fatto un client open con maggiori funzionalità, ma rispettoso dei limiti di licenza d'uso del multiplayer, allora bena, ma così eccheccavolo ....
      • Locke scrive:
        Re: Lasciarli negli scaffali?
        - Scritto da: Anonimo

        Ci sono multiplayer online GRATUITI, basta
        cercare.Ad esempio Knight online mi verrebbe da dire... l'ho provato una volta, dopo 5 secondi l'ho disinstallato per via della grafica (avevo appena finito di giocare alla beta di WoW e mi ero depresso) ma qualcuno dice che è carino...
        • Anonimo scrive:
          Re: Lasciarli negli scaffali?
          adesso dice pure che è migliorato... si chiama knight ascension...io ho un mago lvl 51 ma non ho più giocato perchè:- è troppo ripetitivo.- ci sono poche quest.- c'erano un sacco di cheater con armi/soldi/armature al massimo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Lasciarli negli scaffali?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Hai mai giocato a un gioco Blizzard?



        Hai mai visto la qualità dei loro giochi in

        confronto ad altri giochi



        Warcraft, Diablo, Warcraft II, Starcraft,
        Diablo

        II, Warcraft III e World of Wacraft sono pietre

        miliari nella storia del videogioco, giochi che

        hanno portato l'industria avanti di decenni,

        gioche che molti han tentato di imitare ma che

        nessuno è mai riuscito a battere.



        Io li ho tutti originali e sono contento di aver

        pagato per ciò che mi sono goduto.

        Ci sono multiplayer online GRATUITI, basta
        cercare.Ma se a uno piace WoW e se lo compra che male c'e'?Senza contare che Diablo 1, 2 e StarCraft li giochi gratis online.
        • shezan74 scrive:
          Re: Lasciarli negli scaffali?

          Ma se a uno piace WoW e se lo compra che male
          c'e'?
          Senza contare che Diablo 1, 2 e StarCraft li
          giochi gratis online.Niente... io l'ho comprato, come ho comprato D1 e D2...però ho smesso di giocarci...pagare un gioco solo online 50 euro (o giù di li), pagare la connessione e pagare 15 euro al mese per giocare con un gioco che ho comprato regolarmente mi pare veramente un volermi prender per il culx e spennare come un pollastro!L'avessero messo a download free + pagamento online ma... insomma adesso ho un gioco che ho comprato (caro) e non posso più usare perchè mi devo abbonare...Sinceramente è l'ultima mia esperienza online in MMORPG. A queste condizioni non ne farò altre.
      • Anonimo scrive:
        Re: Lasciarli negli scaffali?
        Da come parli non hai mai provato Starcrat o Warcraft, quindi forse e' meglio che stai zitto invece di fare figure di merda...
  • Guybrush scrive:
    Alla fine e' meglio pagare
    C'era una volta Ultima On LIne.Solo che all'epoca non potevo permettermelo.Al che mi procurai un client, quando ancora questo non costituiva un crimine, e cominciai a giocare a vari cloni online del celebre mmorpg.Cominciai ad andare a sbattere contro:stats che venivano resettate, lamer, ragazzini piagnoni, ma che giocavano 12-14 ore al gionro e che pretendevano l'implementazione di regole particolarmente restrittive... per cui loro, che potevano permettersi tanto tempo online, avevano PG simili a dei, chi come me giocava 1-2 ore al giorno restava immancabilmente al palo (e, porcamiseria, che te ne viene? Con tutto quel tempo online il PG ti diventa comunque un semidio, ti secca cosi' tanto se gioco pure io? Ma al ragazzino frignone dava fastidio il fatto che due-tre PG se si organizzavano potevano anche ammazzargli il suo PG e allora...) e tutta una serie di bug che per un motivo o per l'altro rendevano l'esperienza di gioco un pelino frustrante.Del resto erano server gratuiti, quindi ci si doveva accontentare di cio' che passava il convento.Dopo due anni sono passato a UoL ufficiale.Dalla notte al giorno: per tirare su un PG a livello decente (una skill al massimo e un altro paio a livelli medio alti) occorreva solo qualche mese invece dei 24-30 mesi richiesti da certi server (NGI prima fra tutte) e soprattutto per qualsiasi problema arrivava un solerte DM che provvedeva.Infinitamente meglio, ma proprio. Son rimasto due anni, finche' non ne ho avuto abbastanza, ma quanto mi sono divertito!Ho lasciato un fabbro & esperto minatore con la sua avviata attivita' di venditore ambulante: armi, armature e riparazioni lampo al seguito di valorosi avventurieri.Vabbe', il punto e' che il servizio fornito col supporto originale creava quel valore aggiunto che mi faceva dire "anche 'sto mese ho ben speso i miei soldi", specie se andavo a ripensare a certi server dove il gioco crashava pure se starnutivi troppo.La blizzard, costringendo alla chiusura tutti i server che imitano il suo servizio, di fatto, dovra' rinunciare a tutti quelli che hanno rimediato un client (pirata), ma decidono comunque di pagare per giocare.Non solo: si inimichera' tutti quelli che hanno comprato regolarmente il suo client e vanno a giocare altrove (affari loro, dopotutto) che si ritroveranno con un canone indesiderato tra capo e collo.Oltretutto per molti giochi non c'e' nessun server, ma solo un elenco di giocatori online che ospitano partite, un servizio che e' ben supportato da piattaforme come ASE (all seeing eye) e che potrebbero crescere parecchio con questa manovra.
    A
    • Anonimo scrive:
      Re: Alla fine e' meglio pagare
      Guild Wars lo acquisti originale e.......giochi online gratuitamente, non per fare pubblicità ma alla fine non pago un canone di 12 euro che è un pò esagerato!
      • Locke scrive:
        Re: Alla fine e' meglio pagare
        - Scritto da: Anonimo
        Guild Wars lo acquisti originale e.......giochi
        online gratuitamente, non per fare pubblicità ma
        alla fine non pago un canone di 12 euro che è un
        pò esagerato!Anche Diablo 2 lo giochi online gratuitamente.Guild Wars, inoltre, non è un MMORPG.
    • Anonimo scrive:
      Re: Alla fine e' meglio pagare
      E allora paga e gioca come ti aggrada, tutto ok.L'importante è che chi NON vuole pagare per il servizio ufficiale, possa farlo.L'importante è che ci siano delle alternative free, perchè finchè ci sono delle alternative free non ci può essere monopolio e finchè non c'è monopolio anche chi paga come te ne trae vantaggio Se per giocare al gioco xyz online DEVI collegarti al server ufficiale e solo al server ufficiale...anche se il server ufficiale è una chiavica, ti attacchi, se invece esistono nmila server free, allora il server ufficiale è costretto a fornire un servizio superiore alle alternative free, altrimenti resta vuoto e dimenticato (e addio incassi).Questa è il concetto di domanda e offerta come dovrebbe funzionare in un sistema sano.
      • Guybrush scrive:
        Re: Alla fine e' meglio pagare
        Sottoscrivo in pieno quanto dici.E' solo che in teoria UoL poteva allinearsi alla concorrenza e offrire un servizio appena un po' superiore rispetto al resto.Invece e' proprio un altro pianeta, il che mi ha fatto solo piacere. Ovvio che parlo solo per me e per il modo in cui affronto il gioco online. WoW non l'ho mai giocato, costa troppo e senza la possibilita' di giocarci aggratis dove piu' mi aggrada non mi vedra' mai tra gli entusiasti giocatori di. In questo senso Blizzard mi ha definitivamente perduto come potenziale cliente.Un saluto
        GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Alla fine e' meglio pagare
      - Scritto da: Guybrush
      C'era una volta Ultima On LIne.
      Solo che all'epoca non potevo permettermelo.

      Al che mi procurai un client, quando ancora
      questo non costituiva un crimine, e cominciai a
      giocare a vari cloni online del celebre mmorpg.

      Cominciai ad andare a sbattere contro:
      stats che venivano resettate, lamer, ragazzini
      piagnoni, ma che giocavano 12-14 ore al gionro e
      che pretendevano l'implementazione di regole
      particolarmente restrittive... per cui loro, che
      potevano permettersi tanto tempo online, avevano
      PG simili a dei, chi come me giocava 1-2 ore al
      giorno restava immancabilmente al palo (e,
      porcamiseria, che te ne viene? Con tutto quel
      tempo online il PG ti diventa comunque un
      semidio, ti secca cosi' tanto se gioco pure io?
      Ma al ragazzino frignone dava fastidio il fatto
      che due-tre PG se si organizzavano potevano anche
      ammazzargli il suo PG e allora...) e tutta una
      serie di bug che per un motivo o per l'altro
      rendevano l'esperienza di gioco un pelino
      frustrante.

      Del resto erano server gratuiti, quindi ci si
      doveva accontentare di cio' che passava il
      convento.

      Dopo due anni sono passato a UoL ufficiale.

      Dalla notte al giorno: per tirare su un PG a
      livello decente (una skill al massimo e un altro
      paio a livelli medio alti) occorreva solo qualche
      mese invece dei 24-30 mesi richiesti da certi
      server (NGI prima fra tutte) e soprattutto per
      qualsiasi problema arrivava un solerte DM che
      provvedeva.

      Infinitamente meglio, ma proprio. Son rimasto due
      anni, finche' non ne ho avuto abbastanza, ma
      quanto mi sono divertito!

      Ho lasciato un fabbro & esperto minatore con la
      sua avviata attivita' di venditore ambulante:
      armi, armature e riparazioni lampo al seguito di
      valorosi avventurieri.Perche' eri un niubbo rosikone. Nei MMORPG ci si diverte solo quando si rosika forte e io non mi sono mai divertito tanto come quando giocavo ad UO su GamersRevolt, nonostante il mio cadavere fosse l'oggetto piu' diffuso del server. Se non eri capace facevi bene a rimanere nella bambagia, nella turris eburnea, dei server ufficiali.Sukapippakalvasflam
      • Guybrush scrive:
        Re: Alla fine e' meglio pagare
        [...]
        Perche' eri un niubbo rosikone. Nei MMORPG ci si
        diverte solo quando si rosika forte e io non mi
        sono mai divertito tanto come quando giocavo ad
        UO su GamersRevolt, nonostante il mio cadavere
        fosse l'oggetto piu' diffuso del server. Se non
        eri capace facevi bene a rimanere nella bambagia,
        nella turris eburnea, dei server ufficiali.

        SukapippakalvasflamNon era la morte del PG a darmi fastidio, visto che come fantasma mi divertivo a perseguitare il mio assassino.Il punto era che in seguito ai miei exploit di fantasma il bampa di turno chiamava l'admin."Ueehhh il fantasma cattivo non mi lascia giocare in pace!!!""OooOOOoooMaledettooooOOoooo mi hai ucciisooooOOooo la mia anima dannata ti perseguitera' per tutta la tua miserabile esistenzaaaaaaaAAAaaa"hai presente? Si chiama gioco di ruolo.Sicche' come fantasma potevo seguire il malcapitato ovunque (quasi), avvisare le potenziali vittime del suo arrivo e cose cosi'. Uno spasso per un rompiballe come me e fanculo i punti esperienza: certe cose non hanno prezzo.E poi perche' non posso usare il mio ventaglio diafasico in tutta la sua interezza? Sto interpretanto un nano e pure bastardo? Locuzioni come "brutto figlio di una Ettin incestuosa" o "testa di troll" fanno parte del personaggio che, privo dei freni inibitori dovuti al corpo fisico ora si sfoga in piena liberta'.E a momenti mi bannavano... mortacci loro, perche' in quanto fantasma avevo il dovere di farmi ressare da un chierico e, domunque, di non offendere i PG.Niente di tutto cio' accadeva nei server a pagamento, dove, grazie all'abbondanza di PG e ai PNG con una buona IA potevo noleggiare una scorta, oltre che ai muli, quando andavo in miniera.La prima volta non lo sapevo e me ne stavo bel bello a scavare, una tipa mi attacca e rimane sbalodita nel vedere che invece di scappare prendo il piccone e comincio a dargliele di santa ragione.Alla fine mi ha ammazzato, ma poi mi ha fatto i complimenti per come ho interpretato la vicenda.Mai niente del genere mi e' capitato sui vari Venus, UONGI, GamersRevolt (si sono stato per un po' anche li')... ecc...
        GT
      • Anonimo scrive:
        Re: Alla fine e' meglio pagare
        Io gioco a WoW, e non posso ritenermi insoddisfatto.Il servizio è molto buono, quando si verifica un problema, a volte anche solo di qualche ora, la Blizzard dice "ok, sto giorno non te lo sei goduto appieno, te ne do uno gratis".La gente critica la Blizzard quando non si accorge che:1) non esiste solo la blizzard, ci sono molti altri mmorpg e con canoni analoghi. Pagare per giocare online non è quindi una scoperta bruciante.2)la blizzard si accanisce contro chi mette su servizi free utilizzando il SUO prodotto. Bella forza, io compro il gioco originale e pago il canone, tu fai lo stesso che faccio io gratis? Non sta nè in cielo nè in terra.Non dico che la gente sia costretta a dover pagare per giocare a qualsiasi cosa, ma i servizi a pagamento esistono dall'alba dei tempi e questo è il primo della blizzard. Cribbio, se non vi va di pagare, non giocate a QUESTO titolo. Ce ne sono altri e altrettanto validi che non richiedono il canone. Per la cronaca, la blizzard si accanisce allo stesso modo con chi bara in game, catapultandolo fuori e dicendogli "ok, hai barato? da te i soldi non li voglio più, hai finito di giocare". Pagheremo 12,99 euro al mese, ma è un servizio pulito, onesto e che va via liscio come l'olio.3) pagare è scandaloso? Per il ludo? quanta gente caccia fuori 57 euro al mese per sky, poi altro per il cinema, parchi di divertimento, discoteche, sigarette e chi piu ne ha più ne metta. Ed è scandaloso pagare per divertirsi? Vi suona strano perchè fino ad ora il multiplayer (quello massivo) non si è mai diffuso in italia come lo ha diffuso WoW, e vi sembra un'assurdità. E' un nuovo tipo di intrattenimento per noi quello di massa (in realtà no, ma solo poco diffuso prima di WoW), ma chi vorrà giocare pagando solo il costo del gioco in scatola, sarà sempre libero di farlo. Solo, non lo potrà fare con WoW.
        • Guybrush scrive:
          Re: Alla fine e' meglio pagare
          - Scritto da: Anonimo
          Io gioco a WoW, e non posso ritenermi
          insoddisfatto.
          Il servizio è molto buono, quando si verifica un
          problema, a volte anche solo di qualche ora, la
          Blizzard dice "ok, sto giorno non te lo sei
          goduto appieno, te ne do uno gratis".
          La gente critica la Blizzard quando non si
          accorge che:Visto il prezzo, la qualita' deve essere almeno pari a quella dei concorrenti.
          1) non esiste solo la blizzard, ci sono molti
          altri mmorpg e con canoni analoghi. Pagare per
          giocare online non è quindi una scoperta
          bruciante.E chi obietta questo?
          2)la blizzard si accanisce contro chi mette su
          servizi free utilizzando il SUO prodotto. Bella
          forza, io compro il gioco originale e pago il
          canone, tu fai lo stesso che faccio io gratis?Uso Ultima Online come pietra di paragone eh? UO costava parecchio (120 eur l'anno) sicche' qualcuno decise di creare un server "gratis", si fece un mazzo tanto per creare qualcosa che si interfacciasse con successo ad un client originale e diede vita al primo server "gratuito". Il codice era aperto e di li a poco le shard non ufficiali sorsero come funghi. All'inizio ci furono "fuoco e fiamme", ma poi si verifico' un fenomeno tipico dell'open source: ogni shard sviluppo peculiarita' proprie che rendevano il gioco, di fatto, completamente differente. Qualcuno apprezzava le novita', qualcun altro no e gli utenti di UO ufficiale crebbero ancora.
          Non sta nè in cielo nè in terra.
          Non dico che la gente sia costretta a dover
          pagare per giocare a qualsiasi cosa, ma i servizi
          a pagamento esistono dall'alba dei tempi e questo
          è il primo della blizzard. Cribbio, se non vi va
          di pagare, non giocate a QUESTO titolo. Ce ne
          sono altri e altrettanto validi che non
          richiedono il canone. Certo, giustissimo, ma se IO che ho comprato il tuo client decido, nel rispetto dell'EULA di usarlo per connettermi altrove? Ho capito che la cosa ti fa rodere, d'altro canto se nell'eula c'era la clausola vessatoria "puoi usare il presente prodotto solo sui server blizzard, senno' ti si fa il culo a stelle e strisce" e non me l'hai fatta firmare a parte (e non potevi, dato che mi hai messo la clausola per accettazione all'apertura della scatola) che minchia vuoi? La tua EULA e' nulla per la legge italiana e il tuo software ricade sotto l'ombrello della Legge sul Diritto d'Autore, quindi non posso distribuirne copie, craccarlo o farci altro che giocare.
          Per la cronaca, la blizzard si accanisce allo
          stesso modo con chi bara in game, catapultandolo
          fuori e dicendogli "ok, hai barato? da te i soldi
          non li voglio più, hai finito di giocare".Mi sta benissimo 'sta cosa, ottimo, se voglio giocare senza rompiballe tra i piedi paghero' ben volentieri la blizzard, ma se voglio usufruire dei servizi di qualcun altro non puoi impedirmelo, o non mi avresti dovuto vendere la licenza del gioco, ma solo la licenza di accesso ai tuoi server, nel qualcaso dovevi scrivere ben chiaro sulla scatola che non c'era il gioco dentro, che pagavo quei soldi solo per accedere ad un server.Allora pero' ho come l'impressione che le vendite sarebbero state diverse.
          Pagheremo 12,99 euro al mese, ma è un servizio
          pulito, onesto e che va via liscio come l'olio.Benissimo, sono contentissimo per te.
          3) pagare è scandaloso?Ma quando mai?
          Per il ludo?men che meno.Costo di un DvD 20 euro, durata: tie', 3 ore, costo per ora: quasi 7 euro.Costo di un abbonamento a WoW: 13 euro al mese, con una media di 1 ora al giorno per 5 giorni la settimana fanno 20 ore al mese e 0,065 eur/ora di rendimento. Se si gioca di piu' il costo orario scende ancora.
          quanta gente
          caccia fuori 57 euro al mese per sky, poi altro
          per il cinema, parchi di divertimento,
          discoteche, sigarette e chi piu ne ha più ne
          metta. Ed è scandaloso pagare per divertirsi? Assolutamente no. Quanto dici e' sacrosanto.
          Vi suona strano perchè fino ad ora il multiplayer[...]
          con WoW.L'assurdita' e' che con la mia licenza del client io non possa connettermi dove mi pare, ma debba per forza usare i server della blizzard.Legalmente parlando e' una cosa che non sta ne in cielo ne in terra. Per tutto il resto, con me, sfondi una porta gia' aperta.
          GT
        • Anonimo scrive:
          Re: Alla fine e' meglio pagare
          - Scritto da: Anonimo
          Io gioco a WoW, e non posso ritenermi
          insoddisfatto.
          Il servizio è molto buono, quando si verifica un
          problema, a volte anche solo di qualche ora, la
          Blizzard dice "ok, sto giorno non te lo sei
          goduto appieno, te ne do uno gratis".EHH??!!!!!!!!!!!WoW è sicuramente il gioco migliore mai visto, vale tutti i soldi spesi (che sono molti) e non avrà rivali per anni.Ma NON SI PUO' dire che l'assistenza Blizzard sia buona!E' davvero il punto dolens della questione!Io sto aspettando da mesi una risposta ad un problema e credo che mai mi risponderanno.Di solito la mail di segnalazione del problema torna indietro per "mailbox full" del destinatario...Il giorno gratis ci mancherebbe che non te lo diano! Peccato che i problemi si verificano quasi sempre nel fine settimana ed il giorno gratis invece capiterà quando capiterà...E comunque lo danno solo quando il problema è esteso a numerosi utenti, se il problema lo hai solo tu o comunque pochi utenti te lo prendi in quel posto il rimborso.Gnappetta su SIlvermoon (uno dei server più afflitti dalla dabbenaggine Blizzard, sceglietene un altro)
      • Locke scrive:
        Re: Alla fine e' meglio pagare
        - Scritto da: Anonimo

        Perche' eri un niubbo rosikone. Nei MMORPG ci si
        diverte solo quando si rosika forte e io non mi
        sono mai divertito tanto come quando giocavo ad
        UO su GamersRevolt, nonostante il mio cadavere
        fosse l'oggetto piu' diffuso del server. Se non
        eri capace facevi bene a rimanere nella bambagia,
        nella turris eburnea, dei server ufficiali.

        SukapippakalvasflamAhaha già il server di UO di Gamersrevolt... che bei ricordi :DTrovavi bardi per strada che cantavano giocando di ruolo e giu i lamer a dirgli "AO' ZITTO CHE LAGGHI" :DParlavi tranquillamente con un chaos tuo amico, arrivava un PK della sua stessa gilda che ti ammazzava e se ne andava lollando :DAvevi una casa ed uno dei + famosi del server usava il bug delle canne da pesca per aprirti la porta, viene sgamato dai GM e questi gli danno una punizione ridicola, se lo faceva il primo arrivato lo bannavano dal server e mandavano comunicato anche sul server ufficiale per segargli ogni futuro account :DQuest alle 3 di notte solo per favorire i soliti noti con la scusa del "c'è meno gente a quell'ora se no è troppo caotico" :DMaghi che castavano in corsa mentre fuggivano a cavallo (!) e warrior che non avevano chance se non interveniva il Dio della Lag a bloccarli :DMaghi rosiconi che dicevano "UDIU noi macr... err alleniamo magery per tutta la notte è ovvio che dobbiamo essere più forti alla fine!" :DMaghi rosiconi parte 2 che dicevano "Mi avete nerfato l'energy vortex adesso come faccio a farmi i dungeon più forti da solo PD" :DIn poche parole: che server del menga :D
        • Guybrush scrive:
          Re: Alla fine e' meglio pagare
          La mia presenza in Gamersrevolt e' stata molto breve: troppi fregnoni che strillavano per avere le loro regole preferite implementate e un admin decisamente in gamba, ma poco paziente. Accontentava chi strillava piu' spesso onde evitare troppe rotture di OO e fughe in massa.Il master di un GDR non si comporta cosi'.
          GT
  • Anonimo scrive:
    Domanda?
    Visto che si parla della Blizzard, qulacuno sa dirmi come superare in Diablo II il secondo mostro Duriel ??? Sto sclerando....
  • numerone scrive:
    Vogliono affossare il mercato del porno!
    Poveracci sti americani: l'autoerotismo é un'alternativa autoprodotta!!! :|
    • Anonimo scrive:
      Re: Vogliono affossare il mercato del po
      - Scritto da: numerone
      Poveracci sti americani: l'autoerotismo é
      un'alternativa autoprodotta!!! :|Ma stai bene??????
  • Anonimo scrive:
    [OT]Io sto acnora aspettando...
    Starcraft 2!, si sono persi su warkraft e starcraft sebra quasi che lo abbiano abbandonato...che tristezza:'(
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT]Io sto acnora aspettando...
      - Scritto da: Anonimo
      Starcraft 2!, si sono persi su warkraft e
      starcraft sebra quasi che lo abbiano
      abbandonato...che tristezza:'(La Blizzard con wow ha impiegato ogni risorsa possibile, uccidendo o quasi altri giochi di cui aspettavo l'uscita con ansia... starcraft due temo anch'io fortemente che non lo svilupperanno mai, o se lo faranno, probabilmente cambierà solo con la grafica 3d al posto degli sprite, un mp gestito meglio (ora è estremamente essenziale e spartano) e qualche cazzatina. In queste condizioni non sono molto fiducioso...Pure Ghost (il fps in prima persona) è stato dichiarato che uscirà (QUANDO uscirà) solo per console, niente pc :Blizzard, non ci abbandonare!!! ^_________^;;;P.s.provate Warhammer40k, è uno strategico con i fiocchi, peccato per le poche mappe e la difficolta della cpu mal gestita.ByeDemone
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT]Io sto acnora aspettando...
        si warhammer 40k .....sbavv ....sbavvorchi space marine sangue tanto sangue (...virtuale si intende!) fuoco esplosioni e odore di polvere da sparo e carne bruciata .....fantastico! Puristi e perbenisti di ogni schieramento, non iniziate con le vostre solite menate, sono solo videogames,come al tempo dissero i rolling stones "it's only rock'n'roll"..but i like it i like it yes i do.
  • Anonimo scrive:
    paga e non lamentarti
    Questo è, e sarà il motto dei vari DMCA, DRM, TCPA echissà quanti ne inseriranno per vendere all'utente cosa?Nulla; Vengono chiamati pirati quelli che da anni forniscono idee e, che puntualmente vengono derubate dacoloro che li trascinano in tribunali, ed un ungendo ruote e tesserandosi alle varie logge massoniche, si fanno far leggi ad acta per finire questi progetti, perchè ormai scomodi e privi di idee da derubare. Ma non derubano solo gli sviluppatori open, anche noi lo siamo: con tutte le schifezze che CD, DVD software e S.O. commerciali che ci propinano e fra poco se non li ostacoliamo pure l'hardware diverrà una proprietà non più di chi l'acquista, ma di chi la produce. Hanno paura che i loro bei prodotti siano buttati nella spazzatura e che il modello open, cioè quello che è più naturale per l'uomo li surclassi. Così, non potendo più concorrere giocano la loro carta su leggi ultraprotezionistiche insensate, offrendo a caro prezzo prodotti mediocri e malfunzionanti...tanto...paga e non lamentarti, l'hai accettato nella licenza con un colpo di click del mouse.
    • Anonimo scrive:
      Re: paga e non lamentarti
      da una parte hanno ragione anche loro: hanno sviluppato il gioco anche per poterci lucrare sul multiplayer, se glielo togli gli togli guadagni che avevano già messo in conto (chi me lo fa fare a perdere tempo a sviluppare il multiplayer se poi la gente lo gioca gratis su altri server? mica sono un open-source io)d'altra parte hai ragione tu che a volte i produttori di software raggiungono e sorpassano al prepotenza: io ho una copia comprata e legalissima di un navigatore GPS, beh, la sua licenza mi permette di attivalo DUE volte e poi basta. il palmare originale si è rotto, ho porvato quello di un collega poi be ho comprato un terzo.risultato ho il software originale ma non è più mio, lo già usato due volte (ma anche disinstallato, ma questo a loro non conta) se voglio usarlo ancora dovrei pagare
      • Anonimo scrive:
        Re: paga e non lamentarti
        - Scritto da: Anonimo

        d'altra parte hai ragione tu che a volte i
        produttori di software raggiungono e sorpassano
        al prepotenza: io ho una copia comprata e
        legalissima di un navigatore GPS, beh, la sua
        licenza mi permette di attivalo DUE volte e poi
        basta. il palmare originale si è rotto, ho
        porvato quello di un collega poi be ho comprato
        un terzo.
        risultato ho il software originale ma non è più
        mio, lo già usato due volte (ma anche
        disinstallato, ma questo a loro non conta) se
        voglio usarlo ancora dovrei pagareG***in IQ** 3600?Saluti,ByUlix (Amiga) (linux) Amiga lover since 1985Amiga will never dies!
  • Anonimo scrive:
    ma che ..
    ..bella sta mania open...prima si giustificavano con la scusa che si poteva anche guadagnare sui servizi, adesso pure i servizi sono fregati da lestofanti che nascondono tutto sotto l'insegna dell'open.che tristezza.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma che ..
      - Scritto da: Anonimo
      ..bella sta mania open...prima si giustificavano
      con la scusa che si poteva anche guadagnare sui
      servizi, adesso pure i servizi sono fregati da
      lestofanti che nascondono tutto sotto l'insegna dell'open.
      che tristezza.Non sarebbe scorretto proporre servizi alternativi a quelli principali una volta pagato onestamente il software client, i costi mensili dovrebbero servire più che altro per la connettività. Dovrebbero separare i costi della connettività dallo sviluppo del gioco, o al limite si dovrebbe pagare la rata mensile anche se si vuole giocare solo su server alternativi, se si fa questo Blizzard non dovrebbe dire proprio niente
    • numerone scrive:
      Re: ma che ..
      - Scritto da: Anonimo
      ..bella sta mania open...prima si giustificavano
      con la scusa che si poteva anche guadagnare sui
      servizi, adesso pure i servizi sono fregati da
      lestofanti che nascondono tutto sotto l'insegna
      dell'open.
      che tristezza.Hai perso una buona occasione di star zitto...Se io sono uno smanettone e c'ho un amico con cui voglio giocare a quel gioco senza voler necessariamente pagare nulla HO IL DIRITTO di poter hackerare in qualche modo la situazione, in quanto sono umano.I geni americani hanno perso l'ennesima occasione per dichiarare l'umanità più importante del denaro.Che tristezza...
      • Anonimo scrive:
        Re: ma che ..
        - Scritto da: numerone
        Hai perso una buona occasione di star zitto...
        Se io sono uno smanettone e c'ho un amico con cui
        voglio giocare a quel gioco senza voler
        necessariamente pagare nulla HO IL DIRITTO di
        poter hackerare in qualche modo la situazione, in
        quanto sono umano.

        I geni americani hanno perso l'ennesima occasione
        per dichiarare l'umanità più importante del
        denaro.

        Che tristezza...(rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) v
        • numerone scrive:
          Re: ma che ..
          Che si fa?Rendiamo illegali i falegnami perché posso farmi fare una sedia da loro al posto di comprare quella della foppapedretti?Così non si campa più...
          • Anonimo scrive:
            Re: ma che ..
            - Scritto da: numerone
            Che si fa?
            Rendiamo illegali i falegnami perché posso farmi
            fare una sedia da loro al posto di comprare
            quella della foppapedretti?

            Così non si campa più...Non è "esattamente" quello che hai detto prima
          • numerone scrive:
            Re: ma che ..
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: numerone

            Che si fa?

            Rendiamo illegali i falegnami perché posso farmi

            fare una sedia da loro al posto di comprare

            quella della foppapedretti?



            Così non si campa più...

            Non è "esattamente" quello che hai detto primaSe io non voglio pagare non usufruisco del tuo servizio.Se io voglio usufruire del tuo servizio senza pagare allora apro un mio servizio identico al tuo: questo é alla base della concorrenza.Poi io ci faccio ciò che voglio: voglio proporlo al mondo gratis? Posso farlo: é un mio diritto in quanto fornitore di servizi!Se tu pretendi di essere l'unico fornitore di un servizio e pretendi di darlo a pagamento, per restare nella legalità mi costringi a pagare anche quando non voglio.Sa molto di estorsione...Più chiaro il concetto adesso?==================================Modificato dall'autore il 05/09/2005 2.21.18
          • Anonimo scrive:
            Re: ma che ..
            Sembrava che dicessi se io voglio copiare il programma lo posso fare, comunque...Il problema è che spesso questi giochi sono sottoprezzati perchè recuperano dopo con i soldi dell'abbonamento, in effetti sono cazzi loro, dovrebbero dare il giusto prezzo ad ogni cosa e soprattutto separare il costo della connettività da quello per gli aggiornamenti (perchè una buona parte del costo dell'abbonamento va in questi, quindi se vuoi fare quello che dici dovresti stare attento a utilizzare il gioco originale senza alcun aggiornamento - o a pagare comunque gli aggiornamenti).Comunque in definitiva se fanno pagare una cosa meno del suo valore in effetti sono cazzi loro, qua c'è solo da decidere se si vogliono permettere le licenze poco permissive (prendi il prodotto solo scontato ma lo utilizzi solo in questo modo) o no e far pagare ogni prodotto il suo giusto prezzo. Io personalmente propendo per la seconda, ma sarebbe da discutere.In quanto alla legalità adesso è difficile da stabilire, le leggi non mi sembrano chiarissime ma se nella licenza del prodotto non era specificato l'utilizzo esclusivo con tale piattaforma probabilmente in tribunale l'avrai vinta (nel caso contrario non so).
          • Anonimo scrive:
            Re: ma che ..
            - Scritto da: Anonimo
            o a pagare comunque gli aggiornamenti).O a pagare comunque gli abbonamenti, volevo dire.
          • numerone scrive:
            Re: ma che ..
            Anfatti se la licenza proibiva ciò l'attuale legislazione (fatta zio paperino in persona in compagnia di pippo, pluto e clarabella) ha ragione.In ogni caso loro non hanno copiato il gioco, ma bensì il multiplayer.
          • Anonimo scrive:
            Re: ma che ..
            - Scritto da: numerone
            Anfatti se la licenza proibiva ciò l'attuale
            legislazione (fatta zio paperino in persona in
            compagnia di pippo, pluto e clarabella) ha
            ragione.

            In ogni caso loro non hanno copiato il gioco, ma
            bensì il multiplayer.Il problema che i giudici si pongono è che spesso il prodotto viene fatto pagare poco o niente perchè ci si vuole ripagare con l'abbonamento, purtroppo la legge è spesso equivoca e i giudici 9999 volte su 10.000 leccano il culo alle multinazionali su questi argomenti. A volte sono d'accordo con certe affermazioni di Berlusconi e co.
          • Anonimo scrive:
            Re: ma che ..
            - Scritto da: Anonimo
            Il problema che i giudici si pongono è che spesso
            il prodotto viene fatto pagare poco o niente
            perchè ci si vuole ripagare con l'abbonamento,Ma questo non c'entra un beneamato c@##0!!!I server della Blizzard (battle.net) sono gratuiti...
          • Anonimo scrive:
            Re: ma che ..
            - Scritto da: Anonimo

            Il problema che i giudici si pongono è che spesso

            il prodotto viene fatto pagare poco o niente

            perchè ci si vuole ripagare con l'abbonamento,

            Ma questo non c'entra un beneamato c@##0!!!
            I server della Blizzard (battle.net) sono
            gratuiti...Ah non c'è un abbonamento mensile che parte 12.99$?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma che ..
      - Scritto da: Anonimo
      ..bella sta mania open...prima si giustificavano
      con la scusa che si poteva anche guadagnare sui
      servizi, adesso pure i servizi sono fregati da
      lestofanti che nascondono tutto sotto l'insegna
      dell'open.
      che tristezza.Ma se l'open è così meglio perché non se li fanno da loro i giochi anziché stare lì a cavillare con la Blizzard? Se la blizzard non vuole il reverse perché poi su gli altri server si collegano con copie pirata è legittimata a vietarlo.Nessuno ti obbliga a comprare i loro prodotti e non ti piacciono le loro licenze.Vogliono la botte piena e la moglie ubriaca.
      • Anonimo scrive:
        Re: ma che ..

        Ma se l'open è così meglio perché non se li fanno
        da loro i giochi anziché stare lì a cavillare con
        la Blizzard?Wesnoth e Glest sono i primi due giochi opensource che mi vengono in mente in ambito strategico con un'ottima grafica e giocabilità. Se la blizzard non vuole il reverse
        perché poi su gli altri server si collegano con
        copie pirata è legittimata a vietarlo.Quindi la colpa è di chi usa copie pirata, non di chi mette in piedi il server.Oppure è colpa della beretta perchè produce armi che accoppano la gente oltre che i passerotti... Interessante punto di vista.
        Nessuno ti obbliga a comprare i loro prodotti e
        non ti piacciono le loro licenze.
        Il problema è che io la licenza la posso leggere solo DOPO che l'ho acquistato perchè è ALL'INTERNO della scatola che devo aprire, accettando così la licenza.
        Vogliono la botte piena e la moglie ubriaca.A parte che non ho capito cosa ci azzecchi l'OpenSource.Cosa è, la parolina magica per fare scalpore come Hacker e Antrace?
      • numerone scrive:
        Re: ma che ..
        - Scritto da: Anonimo
        Ma se l'open è così meglio perché non se li fanno
        da loro i giochi anziché stare lì a cavillare con
        la Blizzard? Se la blizzard non vuole il reverse
        perché poi su gli altri server si collegano con
        copie pirata è legittimata a vietarlo.Nel momento in cui io essere umano decido di fornire un servizio alternativo ad uno già esistente ho il diritto di fornirlo come mi pare e piace a me.
        Nessuno ti obbliga a comprare i loro prodotti e
        non ti piacciono le loro licenze.Ne riparleremo quando metteranno le licenze sulle confezioni. Al momento le vedo solo quando clicco su "avanti"...
        Vogliono la botte piena e la moglie ubriaca.Ed anche gli asini che volano!
        • Anonimo scrive:
          Re: ma che ..
          - Scritto da: numerone
          - Scritto da: Anonimo

          Ma se l'open è così meglio perché non se li
          fanno

          da loro i giochi anziché stare lì a cavillare
          con

          la Blizzard? Se la blizzard non vuole il reverse

          perché poi su gli altri server si collegano con

          copie pirata è legittimata a vietarlo.

          Nel momento in cui io essere umano decido di
          fornire un servizio alternativo ad uno già
          esistente ho il diritto di fornirlo come mi pare
          e piace a me.


          Nessuno ti obbliga a comprare i loro prodotti e

          non ti piacciono le loro licenze.

          Ne riparleremo quando metteranno le licenze sulle
          confezioni. Al momento le vedo solo quando clicco
          su "avanti"...
          Divertiti e vai in un negozio che vende videogiochi. Prendi una scatola di WoW e leggi il retro. Dopo ritorna qui e dicci!!!!Ma forse documentarsi prima di scrivere e' troppo per voi!!!

          Vogliono la botte piena e la moglie ubriaca.
          Ed anche gli asini che volano!
  • Anonimo scrive:
    Reverse engineering-x programmatori
    Tra i lettori penso che ci saranno anche dei programmatori che hanno scritto dei programmi con il divieto di reverse engineering all'interno della licenza. Se siete tra questi, potreste spiegarmi il motivo?
    • yenaplyskyn scrive:
      Re: Reverse engineering-x programmatori
      semplice,se all'interno di una tua applicazione utilizzi del codice per creare un metodo proprietario di connessione o di scambio dati...per comunicare insomma...tra l'applicazione stessa e altri applicativi da te scritti è evidente l'intento di non permettere al cliente che si rivolga ad altri per completare, ampliare o modificare un tuo lavoro.Quindi inserisci nella licenza una clausola che impedisca di disassemblare e modificare il tuo codice.E' una logica di mercato...sbagliata lo so, però serve a difendersi sopratutto dalla concorrenza sleale.ByEYenA
      • Anonimo scrive:
        Re: Reverse engineering-x programmatori
        - Scritto da: yenaplyskyn
        E' una logica di mercato...sbagliata lo so, però
        serve a difendersi sopratutto dalla concorrenza sleale.Concorrenza sleale secondo te sarebbe realizzare programmi compatibili?
        • Anonimo scrive:
          Re: Reverse engineering-x programmatori
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: yenaplyskyn

          E' una logica di mercato...sbagliata lo so, però

          serve a difendersi sopratutto dalla concorrenza
          sleale.

          Concorrenza sleale secondo te sarebbe realizzare
          programmi compatibili?Dipende, realizzarli come? Dissassemblando un programma altrui, copiandone il lavoro e spacciandolo per proprio?Se cosi' fosse direi proprio di si.
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            Dipende, realizzarli come? Dissassemblando un
            programma altrui, copiandone il lavoro e
            spacciandolo per proprio?
            Se cosi' fosse direi proprio di si.Se non lo fai disassemblando come lo fai? Lo scopo delle clausole di non reverse engineering è proprio quella di chiudere il cliente nella tua rete ed impedirgli di usare i tuoi software con prodotti di altri produttori. È ovvio dunque che non fornirai manuali su come farlo. Il reverse engineering, in molti casi, resta l'unico modo in cui l'utente può riappropriarsi dei suoi diritti.Disassemblare qualcosa e fare il reverse engineering non significa "copiare il lavoro e spacciarlo per proprio", ma si usa per capire un determinato algoritmo (per esempio "come Word salva i tuoi documenti per poter creare da zero un OpenOffice ad esso compatibile") quando non esistono manuali al riguardo e il produttore si rifiuta di fornirti documentazione.Il software può anche continuare ad appartenere al produttore (e già qui secondo me è una truffa legalizzata visto che l'utente ha pagato e non ti ha detto "con questi soldi non puoi comprarci i pomodori e la pasta" però tu ti permetti di decidere come l'utente deve usare ciò per cui ha pagato inventandoti il concetto di "licenza d'uso"), ma i dati appartengono al cliente che ha tutto il diritto di non farseli sequestrare da te e dai tuoi software, inclusi i dati che il software spedisce al server per permetterti di giocare visto che questi dati li hai generati TU con le tue azioni e sono quindi tuoi (altrimenti voglio il diritto di chiedere alla Blizzard il copyright sulle mie azioni all'interno del loro gioco visto che poi tali azioni sono usate dai loro server per creare intrattenimento per altri utenti e creare dunque guadagno... e pretendo di farmi pagare un tanto al mese per questi dati che io fornisco).
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Wakko Warner
            - Scritto da: Anonimo

            Dipende, realizzarli come? Dissassemblando un

            programma altrui, copiandone il lavoro e

            spacciandolo per proprio?

            Se cosi' fosse direi proprio di si.

            Se non lo fai disassemblando come lo fai? appunto...non ti viene in mente che forse non vogliono fartelo fare
            Lo scopo delle clausole di non reverse
            engineering è proprio quella di chiudere il
            cliente nella tua rete ed impedirgli di usare i
            tuoi software con prodotti di altri produttori. non esagerare.lo scopo è quello di evitare che tramite rev. eng. copi il loro codice (frutto di tempo e denaro) e produci qualcosa di simile sottraendo clienti e quindi soldi
            È ovvio dunque che non fornirai manuali su come
            farlo. Il reverse engineering, in molti casi,
            resta l'unico modo in cui l'utente può
            riappropriarsi dei suoi diritti.la parola 'diritti' ormai è usato un pò per tutto...che dire dei diritti delle sw-house di non farsi rubare il codice?

            Disassemblare qualcosa e fare il reverse
            engineering non significa "copiare il lavoro e
            spacciarlo per proprio"spesso si....in questo caso significa copiare il lavoro, rubare il codice e minare gli introiti di chi quel codice lo ha prodotto onostamente
            , ma si usa per capire un
            determinato algoritmo (per esempio "come Word
            salva i tuoi documenti per poter creare da zero
            un OpenOffice ad esso compatibile") quando non
            esistono manuali al riguardo e il produttore si
            rifiuta di fornirti documentazione.forse il produttore non ha fornito tutorial perchè vuole guadagnare dal gioco online?forse quei soldi gli spettano?

            Il software può anche continuare ad appartenere
            al produttorema smettila.se gli rubi il servizio e come se gli rubassi codice.il produttore vuole che il gioco sia frubile in multiplayer solo dietro compenso e tu non sei nessuno per privarlo di questo diritto.BASTA VOLERE TUTTO OPEN E GRATIS se non ti stanno bene le condizioni di utilizzo del prodotto non usarlo
            (e già qui secondo me è una truffa
            legalizzata visto che l'utente ha pagato e non ti
            ha detto "con questi soldi non puoi comprarci i
            pomodori e la pasta" però tu ti permetti di
            decidere come l'utente deve usare ciò per cui ha
            pagato inventandoti il concetto di "licenza
            d'uso"), ma i dati appartengono al cliente che ha
            tutto il diritto di non farseli sequestrareda qui ho smesso di leggere: le solite cozzaglie di luoghi comuni e deliri da anarchico-alternativo da te
            e dai tuoi software, inclusi i dati che il
            software spedisce al server per permetterti di
            giocare visto che questi dati li hai generati TU
            con le tue azioni e sono quindi tuoi (altrimenti
            voglio il diritto di chiedere alla Blizzard il
            copyright sulle mie azioni all'interno del loro
            gioco visto che poi tali azioni sono usate dai
            loro server per creare intrattenimento per altri
            utenti e creare dunque guadagno... e pretendo di
            farmi pagare un tanto al mese per questi dati che
            io fornisco).
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Wakko Warner
            Se a te essere inchiappettato va bene fallo pure.Senti chi parla
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo

            Le ragioni del produttore non mi interessano,

            quando acquisto una cosa pretendo che sia

            mia e che non mi si imponga nulla sul suo

            utilizzo.

            Voglio avere *anche* il diritto di poter

            smontare questa cosa per capire come

            funziona.

            Le ragioni potranno anche non interessare a te,
            ma e' un po' come dire una persona mi sta
            antipatica le sparo e non mi interessa quello che
            mi faranno dopo... Ma poi se ti sbattono dentro
            non venirti a lamentare :-DAnalizzando il codice chi lo scritto muore?

            Se ho acquistato il gioco come lo uso dopo

            sono fatti miei. I miei soldi se li sono presi

            e io non ho imposto limiti sul loro utilizzo,

            pretendo che loro non mi impongano limiti

            solo perché poverini così non possono più

            rubarmi ulteriori soldi.

            Allora ti converra' cominciare ad organizzare :
            manifestazioni, scioperi, iniziative; perche' al
            momento il produttore puo' anche importi di
            cancellare il software che hai pagato (se ad
            esempio hai comprato un prodotto sotto contratto
            EULA ); ed alivello legale ha ragione lui,
            checche' ne pensi tu. Se vuoi cambiare questo
            devi puntare a far cambiare le leggi.Questo è certo
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            Le ragioni del produttore non mi


            interessano, quando acquisto una


            cosa pretendo che sia mia e che


            non mi si imponga nulla sul suo


            utilizzo.


            Voglio avere *anche* il diritto di poter


            smontare questa cosa per capire come


            funziona.

            Le ragioni potranno anche non

            interessare a te, ma e' un po' come

            dire una persona mi sta antipatica

            le sparo e non mi interessa quello

            che mi faranno dopo... Ma poi se ti

            sbattono dentro non venirti a lamentare

            :-D
            Analizzando il codice chi lo scritto muore?Chi infrange la legge rischia la galera, sia che abbia ammazzato, sia che abbia analizzato il codice (magare in questo 2' caso hai meno aggravanti :-D ).


            Se ho acquistato il gioco come lo uso


            dopo sono fatti miei. I miei soldi se li


            sono presi e io non ho imposto limiti


            sul loro utilizzo, pretendo che loro


            non mi impongano limiti solo perché


            poverini così non possono più


            rubarmi ulteriori soldi.

            Allora ti converra' cominciare ad

            organizzare : manifestazioni, scioperi,

            iniziative; perche' al momento il

            produttore puo' anche importi di

            cancellare il software che hai pagato

            (se ad esempio hai comprato un prodotto

            sotto contratto EULA ); ed a livello legale

            ha ragione lui, checche' ne pensi tu. Se

            vuoi cambiare questo devi puntare a far

            cambiare le leggi.
            Questo è certoGuarda, sono con te, dimmi data, ora, luogo delle manifestazioni che verro' anche io con un bel cartellone anti EULA.
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo


            Le ragioni potranno anche non


            interessare a te, ma e' un po' come


            dire una persona mi sta antipatica


            le sparo e non mi interessa quello


            che mi faranno dopo... Ma poi se ti


            sbattono dentro non venirti a lamentare


            :-D


            Analizzando il codice chi lo scritto muore?

            Chi infrange la legge rischia la galera, sia che
            abbia ammazzato, sia che abbia analizzato il
            codice (magare in questo 2' caso hai meno
            aggravanti :-D ).Ecco ma non fare paragoni che non c'entrano un cazzo allora
            Guarda, sono con te, dimmi data, ora, luogo delle
            manifestazioni che verro' anche io con un bel
            cartellone anti EULA.Non sono tipo, non credo che si faccia tanto con le manifestazioni
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo



            Le ragioni potranno anche non



            interessare a te, ma e' un po' come



            dire una persona mi sta antipatica



            le sparo e non mi interessa quello



            che mi faranno dopo... Ma poi se ti



            sbattono dentro non venirti a lamentare



            :-D




            Analizzando il codice chi lo scritto muore?

            Chi infrange la legge rischia la galera, sia che

            abbia ammazzato, sia che abbia analizzato il

            codice (magare in questo 2' caso hai meno

            aggravanti :-D ).
            Ecco ma non fare paragoni che non c'entrano un
            cazzo alloraQuale parte di "infangere la legge = problemi giudiziari" non ti e' chiara ???

            Guarda, sono con te, dimmi data, ora, luogo

            delle manifestazioni che verro' anche io con

            un bel cartellone anti EULA.
            Non sono tipo, non credo che si faccia tanto con
            le manifestazioniEvidentemente allora sei il classico tipo che blatera blatera, si lamenta, poi non fa altro che comprare le cose senza neanche leggere il contratto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            Evidentemente allora sei il classico tipo che
            blatera blatera, si lamenta, poi non fa altro che
            comprare le cose senza neanche leggere il
            contratto.Si si
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • Guybrush scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            [...]
            appunto...non ti viene in mente che forse non
            vogliono fartelo fareDa buon informatico rispondo "sticazzi".Il reverse engineering non e' una passeggiata di salute: col tempo e le risorse che hai impiegato per decompilare il codice (e vabbe', ormai ci vuole poco) e studiare quello che il codice fa, imho, ci riscrivi il programma ex novo.Anzi, a dirla tutta, si fa prima nella seconda ipotesi limitando il r.e. allo studio dei dati in entrata e in uscita dal programma, niente di illecito o criminale insomma.

            Lo scopo delle clausole di non reverse

            engineering è proprio quella di chiudere il

            cliente nella tua rete ed impedirgli di usare i

            tuoi software con prodotti di altri produttori.

            non esagerare.
            lo scopo è quello di evitare che tramite rev.
            eng. copi il loro codice (frutto di tempo e
            denaro) e produci qualcosa di simile sottraendo
            clienti e quindi soldiPer quello c'e' la LDA (Legge sul Diritto d'Autore), qualsiasi altra clausola che comporta un aggravio e/o limitazioni all'uso del programma non previste dalla legge, e quindi per definizione sconosciute all'acquirente, deve essere resa nota prima della sottoscrizione o e' NULLA.Nullita' vuol dire che quella clausola non ha mai prodotto effetti di sorta.Quindi, per ora, niente mi vieta di creare ex novo un programma con funzioni analoghe ad un altro gia' esistente (oltertutto il r.e. e' indimostrabile).

            È ovvio dunque che non fornirai manuali su come

            farlo. Il reverse engineering, in molti casi,

            resta l'unico modo in cui l'utente può

            riappropriarsi dei suoi diritti.

            la parola 'diritti' ormai è usato un pò per
            tutto...che dire dei diritti delle sw-house di
            non farsi rubare il codice?Il diritto e' una linea molto sottile e labile che definisce certi comportamenti come "leciti" e normalmente favorisce il quieto vivere tra i membri di una societa'.Qui stiamo parlando, pero', di concorrenza: blizzard non vuole che i suoi client vadano a connettersi a server che non siano i suoi, se permetti c'e' una bella differenza.[...]
            spesso si....in questo caso significa copiare il
            lavoro, rubare il codice e minare gli introiti di
            chi quel codice lo ha prodotto onostamenteDifficilmente un prodotto realizzato attraverso tecniche di r.e. funzionera' bene come l'originale e, a meno di una versione a pagamento di "Hallo world", chi detiene i diritti su un programma puo' dormire come al solito.

            , ma si usa per capire un

            determinato algoritmo (per esempio "come Word

            salva i tuoi documenti per poter creare da zero

            un OpenOffice ad esso compatibile") quando non

            esistono manuali al riguardo e il produttore si

            rifiuta di fornirti documentazione.

            forse il produttore non ha fornito tutorial
            perchè vuole guadagnare dal gioco online?Benissimo, pagasse un esperto di marketing e non un avvocato. Rendesse il gioco online appetibile oltre ogni aspettativa e non l'unica alternativa possibile.
            forse quei soldi gli spettano?Ma quando mai? Vendi la licenza del client? Io ho il diritto di usarla, la legge mi vieta di decompilare il tuo client, di distribuirlo e di farne copie per usi diversi da quello personale. Benissimo, ma se il tuo programma mi permette di scegliere indirizzi del server di gioco diversi dai tuoi... io lo faccio e se dove mi connetto non scatta il tassametro, meglio.Che poi su questi server alternativi ci sono "le calate dei vecchi moli, tra quell'aria spessa carica di sale e gonfia di odori, e ci troverai i ladri, gli assassini e il tipo strano... " come diceva De Andre', sono cavolacci tuoi, mica puo' rispondere chi ha creato il client di quello.



            Il software può anche continuare ad appartenere

            al produttore

            ma smettila.
            se gli rubi il servizio e come se gli rubassi
            codice.neanche per sogno.E nemmeno possono dire che sono stati rubati marchi, grafiche o altro, perche' il server non contiene un solo bit di grafica o altro, ha tutto il client.Il server lavora in maniera squisitamente numerica.
            il produttore vuole che il gioco sia frubile in
            multiplayer solo dietro compenso e tu non sei
            nessuno per privarlo di questo diritto.Il servizio, porcapaletta, paghi per avere un servizio ma non puoi essere obbligato ad avere quel servizio per forza.
            BASTA VOLERE TUTTO OPEN E GRATIS se non ti
            stanno
            bene le condizioni di utilizzo del prodotto non
            usarloQuando le condizioni di utilizzo stanno dentro la scatola e per conoscerle devi aprire la scatola (e quindi pagare) per la legge italiana tutto cio' che esula dalla legge e' da considerarsi nullo. Quindi mi vendi una licenza d'uso per un software, benissimo, con la stessa licenza mi imponi la connessione ad un certo server e gia' non ci siamo proprio, oltretutto questo comporta per me acquirente l'aggravio dell'abbonamento (12.99 eur/mese): si tratta di una clausola vessatoria non sottoscritta dal contraente, quindi nulla. La licenza e' valida, ma la clausola no e col client mi connetto dove mi pare.[...]
            da qui ho smesso di leggere: le solite cozzaglie
            di luoghi comuni e deliri da
            anarchico-alternativoVabbe', perdonalo, difende male cose sacrosante.Il punto e' che quello che la blizzard sta facendo e' eliminare la concorrenza.
            GT
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori


            forse quei soldi gli spettano?
            Ma quando mai? Vendi la licenza del client? Io ho
            il diritto di usarla, la legge mi vieta di
            decompilare il tuo client, di distribuirlo e di
            farne copie per usi diversi da quello personale.
            Benissimo, ma se il tuo programma mi permette di
            scegliere indirizzi del server di gioco diversi
            dai tuoi... io lo faccio e se dove mi connetto
            non scatta il tassametro, meglio.Il client non permette di specificare nessun ip di connessione in maniera nativa.

            Che poi su questi server alternativi ci sono "le
            calate dei vecchi moli, tra quell'aria spessa
            carica di sale e gonfia di odori, e ci troverai i
            ladri, gli assassini e il tipo strano... " come
            diceva De Andre', sono cavolacci tuoi, mica puo'
            rispondere chi ha creato il client di quello.









            Il software può anche continuare ad
            appartenere


            al produttore



            ma smettila.

            se gli rubi il servizio e come se gli rubassi

            codice.
            neanche per sogno.
            E nemmeno possono dire che sono stati rubati
            marchi, grafiche o altro, perche' il server non
            contiene un solo bit di grafica o altro, ha tutto
            il client.
            Il server lavora in maniera squisitamente
            numerica.
            Il server si, ma WoW e' in continua evoluzione e le evoluzioni vengono scaricate gratis. Quindi i programmatori della Blizzard lavorano gratis???

            il produttore vuole che il gioco sia frubile in

            multiplayer solo dietro compenso e tu non sei

            nessuno per privarlo di questo diritto.
            Il servizio, porcapaletta, paghi per avere un
            servizio ma non puoi essere obbligato ad avere
            quel servizio per forza.




            BASTA VOLERE TUTTO OPEN E GRATIS se non ti

            stanno

            bene le condizioni di utilizzo del prodotto non

            usarlo
            Quando le condizioni di utilizzo stanno dentro la
            scatola e per conoscerle devi aprire la scatola
            (e quindi pagare) per la legge italiana tutto
            cio' che esula dalla legge e' da considerarsi
            nullo.

            Quindi mi vendi una licenza d'uso per un
            software, benissimo, con la stessa licenza mi
            imponi la connessione ad un certo server e gia'
            non ci siamo proprio, oltretutto questo comporta
            per me acquirente l'aggravio dell'abbonamento
            (12.99 eur/mese): si tratta di una clausola
            vessatoria non sottoscritta dal contraente,
            quindi nulla. La licenza e' valida, ma la
            clausola no e col client mi connetto dove mi
            pare.
            Comunque quello che dici e' scritto esplicitamente sulla scatola prima di aprirla.CiaoP.S. felicissimo giocatore di WoW (Runetotem rule)
      • Anonimo scrive:
        Re: Reverse engineering-x programmatori
        Il problema che molti usano questo divieto in modo sleale per primi, prima di quelli che poi gli fanno il reverse ...
        • Anonimo scrive:
          Re: Reverse engineering-x programmatori
          Sostanzialmente il divieto di reverse serve ad evitare il sorgere di applicazioni che copino i meccanismi di funzionamento di un applicativo.Ciò esclude anche la possibilità di creare sistemi compatibili senza violare le licenze.Nel caso di sistemi proprietari però l'unico sistema per creare applicazioni compatibili è il reverse visto che non essendo note le specifiche si deve capire come funziona il sistema per renderlo compatibile con i client.Tuttavia qui è ben chiaro il perchè Blizard se la sia presa tanto: loro forniscono il gioco e il servizio on-line come un tuttuno e non due servizi separati. Quindi esigono che si giochi solo sulla loro piattaforma on-line.Di fatto la contestazione del reverse è una contestazione alla fornitura alternativa del servizio (probabilmente perchè gratuita :) )
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            Sostanzialmente il divieto di reverse serve ad
            evitare il sorgere di applicazioni che copino i
            meccanismi di funzionamento di un applicativo.Non basterebbe vietare questo piuttosto che vietare lo studio del codice, visto che le cose sono equivalenti al momento della verifica in tribunale?Io credo che dovrebbe essere un diritto guardare cosa fa un'applicazione che può avere accesso ai propri dati, voi cosa ne pensate?
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            Io credo che dovrebbe essere un diritto guardare
            cosa fa un'applicazione che può avere accesso ai
            propri dati, voi cosa ne pensate?Si, io pretendo che un programma che entra in esecuzione sulla mia proprietà mi dica esattamente cosa fa. Un software che entra in esecuzione sulla mia macchina non solo usa il mio hardware (hardware per cui io ho pagato), non solo può potenzialmente accedere a tutti i miei dati, ma può persino spedirli a qualcuno a sua discrezione.Eseguire un programma che non solo non ti fornisce il codice sorgente, ma non ti permette nemmeno di sapere cosa sta facendo con altri mezzi sul TUO computer è come permettere ad un operaio entrato in casa tua per riparare il tubo dell'acqua del lavello di cucina di aggirarsi per le stanze, guardare dentro gli armadi e i cassetti, leggere la tua posta e magari farsi una copia di tutto ciò che trova da consegnare a chiunque egli voglia. Nessuno si sognerebbe di lasciare un operaio sconosciuto in casa propria per il weekend... eppure è proprio ciò che accade ogni volta che su un computer si esegue un software proprietario che spesso ha la clausola (a mia opinione vessatoria) del divieto per il reverse engineering... dopotutto... è sul MIO hardware che quel programma deve girare... come minimo voglio sapere cosa andrà a fare e perché.==================================Modificato dall'autore il 05/09/2005 4.55.52
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            Se non ti vanno bene le clausule di un programma non lo installi, nessuno ti obbliga. Non è un bene essenzionale.Un produttore ha il DIRITTO di mettere le condizioni d'uso che vuole e di difendere il proprio lavoro come meglio crede: se poi al potenziale cliente le cose non vanno bene non compra.I diritti mica stanno solo dalla parte degli utenti, cosa che invece vedo sempre qui su P.I.Premesso questo Il vero problema è un altro: le clausule si leggono sempre e solo DOPO aver aperto la confezione e inserito il cd/dvd nel lettore: dovrebbero obbligarne la stampa sulla confezione.Parere di sviluppatore E utente
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            Se non ti vanno bene le clausule di un programma
            non lo installi, nessuno ti obbliga. Non è un
            bene essenzionale.D'accordo.
            Un produttore ha il DIRITTO di mettere le
            condizioni d'uso che vuole e di difendere il
            proprio lavoro come meglio crede: se poi al
            potenziale cliente le cose non vanno bene non
            compra.Direi proprio di no. Ci devono essere dei limiti sulle condizioni d'uso...
            I diritti mica stanno solo dalla parte degli
            utenti, cosa che invece vedo sempre qui su P.I.Ah intanto sarebbe bene specificare quali sono i diritti degli utenti: ti faccio notare che il SW e' un qualcosa che tu compri, ma che se poi non funziona o funziona male, il produttore puo' permettersi di far finta di nulla...
            Premesso questo Il vero problema è un altro: le
            clausule si leggono sempre e solo DOPO aver
            aperto la confezione e inserito il cd/dvd nel
            lettore: dovrebbero obbligarne la stampa sulla
            confezione.Anche questa non sarebbe una cattiva idea...
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            Se non ti vanno bene le clausule di un programma
            non lo installi, nessuno ti obbliga. Non è un
            bene essenzionale.
            Un produttore ha il DIRITTO di mettere le
            condizioni d'uso che vuole e di difendere il
            proprio lavoro come meglio crede: se poi al
            potenziale cliente le cose non vanno bene non
            compra.Non sono affatto d'accordo. Se io acquisto un tavolo sono poi fatti miei se lo uso attaccato al soffitto. Il produttore del tavolo non può permettersi di decidere come io devo usare tale tavolo, io l'ho comprato e io ci faccio quello che mi pare e piace visto che, quando l'ho comprato, non ho imposto limiti sull'uso dei soldi che ho dato in cambio.Si tratta di una truffa legalizzata accettata semplicemente perché è da anni che i produttori di software fanno così. Ma ciò non significa affatto che sia giusto che sia così.
            I diritti mica stanno solo dalla parte degli
            utenti, cosa che invece vedo sempre qui su P.I.Stanno *ANCHE* dalla parte degli utenti. Io acquisto una cosa, da quel momento in poi quella cosa è *MIA* e ci faccio quello che mi pare.Altrimenti io potrei dare i soldi "in licenza" a chi mi fornisce i beni stabilendo le mie regole su come tali soldi possano essere usati o meno. Visto che non lo faccio pretendo che nemmeno chi produce il software possa imporre limiti di questo tipo a me.
            Premesso questo Il vero problema è un altro: le
            clausule si leggono sempre e solo DOPO aver
            aperto la confezione e inserito il cd/dvd nel
            lettore: dovrebbero obbligarne la stampa sulla
            confezione.Questo è vero. Purtroppo le clausole sono spessissimo scritte all'interno della confezione rendendo impossibile per l'utente leggerle prima di accettarle (un'altra truffa legalizzata semplicemente perché "così si è sempre fatto", esattamente come per le licenze d'uso).Inoltre l'utente spesso non ha nemmeno idea di cosa tali licenze dicano visto che non sono tutti dei tecnici e che spesso tali licenze sono incomprensibili anche ai tecnici stessi.
            Parere di sviluppatore E utenteParere di sviluppatore E utente.==================================Modificato dall'autore il 05/09/2005 13.32.11
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            Wakko prima di parlare informati. Non sparare
            sentenze senza neanche sapere di cosa stai
            parlando. Non puoi paragonare un tavolo (lavoro
            finito e non modificato nel tempo) con WoW. Il
            software ha continue evoluzioni anche pesanti e
            non si parla di bug-fixing ma di vere evoluzioni.
            Il mondo creato dalla Blizzard, non e' statico ma
            ci sono continuamente aggiunte e migliorie.
            Collegandoti a server non ufficiali secondo te
            chi li paga i programmatori??? Chi ci rimette se
            non gli utenti finali?????Infatti ci dovrebbe essere una separazione della tariffa mensile in sviluppo e connettività, col dovere di pagare solo quella per lo sviluppo se non si usano i server Blizzard. Comunque se usi il prodotto originale senza update o paghi l'abbonamento mensile senza neanche usare i loro server dovresti avere il diritto di usare il prodotto come vuoi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            Wakko prima di parlare informati.Si da il caso che seguo questa vicenda oramai da un sacco di tempo. Scrissi alla Blizzard su questa faccenda ben 1 anno fa cercando di farli ragionare, ma sono accecati dai facili guadagni dettati dalla possibilità di chiudere i propri utenti in gabbie dorate di loro proprietà. Direi quindi di essere sufficentemente informato sui fatti.
            Non sparare
            sentenze senza neanche sapere di cosa stai
            parlando. Non puoi paragonare un tavolo (lavoro
            finito e non modificato nel tempo) con WoW. Il
            software ha continue evoluzioni anche pesanti e
            non si parla di bug-fixing ma di vere evoluzioni.
            Il mondo creato dalla Blizzard, non e' statico ma
            ci sono continuamente aggiunte e migliorie.
            Collegandoti a server non ufficiali secondo te
            chi li paga i programmatori??? Chi ci rimette se
            non gli utenti finali?????E questo cosa c'entra? Vogliono essere pagati per il *loro* lavoro? Io non ho nulla in contrario su questo. Se vogliono farsi pagare gli update o come li definisci tu "le evoluzioni" sono liberi di farlo. Non sto mettendo in discussione questo.Quello che non mi va bene è che usino leggi prodotte dalla corruzzione e dagli interessi di pochi come la DMCA per limitare (leggasi: "annientare") la concorrenza rubando i diritti dei propri utenti e giustificandosi con clausole vessatorie di ogni tipo.Comunque se a te questa situazione va bene, situazione in cui i *tuoi* diritti sono limitati da leggi corrotte e clausole vessatorie, va bene anche a me. Ma siccome il pool degli utenti della Blizzard non riguarda solo te e ci sono anche altri utenti che vogliono avere il diritto di usare il software che hanno *acquistato* come meglio gli pare allora mi spiace ma non posso darti ragione.Tu sei libero di farti limitare i tuoi diritti come vuoi... e pure di esserne felice se è veramente questo quello che vuoi.Ma ti avverto, quella che scegli è una strada pericolosa perché questo caso servirà solo a convincere i produttori di software (ma anche altri tipi di produttori) che possono prendere i tuoi diritti e metterli sotto i loro piedi. Non si sta dunque parlando solo di un giochetto.A conti fatti non so se ti conviene.Che i giochi sviluppati dalla Blizzard siano ottimi non è messo in discussione, puoi essere certamente felice del prodotto che hai acquistato ma questo non significa che devi permettere loro di derubarti dei tuoi diritti quindi valuta bene la situazione, cos'è che per te vale di più? I tuoi diritti o poter giocare con il tuo gioco preferito?Anche io ho dovuto fare scelte spiacevoli per difendere i miei diritti, a volte ho dovuto rinunciare a cose che mi sarebbero state utili o che mi avrebbero comunque dato piacere, ma ritengo che i miei diritti siano più importanti che potermi vedere un film, un documentario o poter giocare a un qualche gioco. Tu fai la tua scelta e segui la strada che ritieni migliore per te e i tuoi figli... perché è anche dei diritti dei tuoi (futuri?) figli che si sta parlando, non solo dei tuoi diritti. Se molli la presa ora sui tuoi diritti probabilmente in futuro non potrai più riaverli indietro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            Se non ti vanno bene le clausule di un programma
            non lo installi, nessuno ti obbliga. Non è un
            bene essenzionale.
            Un produttore ha il DIRITTO di mettere le
            condizioni d'uso che vuole e di difendere il
            proprio lavoro come meglio credeRicorda che questo diritto (che esiste solo in parte) deriva da una concessione della legge, non è una condizione naturale. Le licenze vengono usate nel software perchè si tratta di un bene copiabile all'infinito e quindi c'è bisogno di porre certi limiti al suo utilizzo, limiti che per gli altri prodotti sono già imposti dallo stato attuale delle cose.Tu hai diritto di porre alcune limitazioni, non quello che vuoi.In un mercato totalmente libero molti pensano che il mercato si regolerebbe da solo, per soddisfare i consumatori al massimo possibile. Il problema è che il capitalismo reale (come il comunismo) funziona diversamente, il mercato si regola in molti campi per dare il massimo guadagno a chi è già ricco, e ci riesce anche trascurando i desideri dei consumatori.E' per questo che esiste lo stato e le leggi, che cercano di equilibrare i diritti e doveri tra tutte le parti nel modo migliore.Può sembrare un messaggio off-topic ma non credo che lo sia
          • Anonimo scrive:
            Re: Reverse engineering-x programmatori
            - Scritto da: Anonimo
            Di fatto la contestazione del reverse è una
            contestazione alla fornitura alternativa del
            servizio (probabilmente perchè gratuita :) )Se non sapere, meglio tacere.I servizi di battle.net sono gratuiti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Reverse engineering-x programmatori

        Quindi inserisci nella licenza una clausola che
        impedisca di disassemblare e modificare il tuo
        codice.Quella licenza, comunque, non è impugnabile in Europa. La legge in vigore in Europa, Italia compresa, dice espressamente che il reverse engineering è permesso se usato allo scopo di permettere l'interoperabilità tra applicazioni e, testualmente, qualsiasi accordo di licenza contrario è da considerarsi nullo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Reverse engineering-x programmatori
      - Scritto da: Anonimo
      Tra i lettori penso che ci saranno anche dei
      programmatori che hanno scritto dei programmi con
      il divieto di reverse engineering all'interno
      della licenza. Se siete tra questi, potreste
      spiegarmi il motivo?semplicemente perché le specifiche si vendono, non si regalano.interoperabilità? quando mai?
      • Anonimo scrive:
        Re: Reverse engineering-x programmatori
        - Scritto da: Anonimo

        Tra i lettori penso che ci saranno anche dei

        programmatori che hanno scritto dei programmi con

        il divieto di reverse engineering all'interno

        della licenza. Se siete tra questi, potreste

        spiegarmi il motivo?

        semplicemente perché le specifiche si vendono, non si regalano.
        interoperabilità? quando mai?Spero presto, l'utilizzo di un formato molto particolare potrebbe anche essere fatto pagare, ma non c'è nessun bisogno di impedire la conoscenza del formato.
    • deltree scrive:
      Re: Reverse engineering-x programmatori
      - Scritto da: Anonimo
      Tra i lettori penso che ci saranno anche dei
      programmatori che hanno scritto dei programmi con
      il divieto di reverse engineering all'interno
      della licenza. Se siete tra questi, potreste
      spiegarmi il motivo?Mai fatto, non ha senso e ho sempre cercato di dare il codice a chi ne faceva richiesta. Quando non era allegato.Il "codice" in quanto tale è una cosa estremamente sopravvalutata, specie quando il suo valore aggiunto si traduce in feature che tutti avranno nel giro di pochi mesi e che tutti copiano dalle stesse fonti. Anche il vantaggio temporale inizia ad avere sempre meno importanza. Chi programma vuole qualità, chi gioca vuole contenuti. E chi di solito fa prima, raramente ha entrambi in quantità accettabile.
Chiudi i commenti