DRM e Web, il W3C verso la standardizzazione

L'organizzazione raccomanda la proposta di implementazione della discussa coppia EME+CDM, una soluzione che ha fatto discutere per anni e continuerà, prevedibilmente, a far discutere

Roma – Il World Wide Web Consortium (W3C) ha promosso a “proposta raccomandata” le specifiche di Encrypted Media Extensions ( EME ), sistema di protezione dei contenuti digitali (DRM) di cui si discute da anni e che presto potrebbe entrare a far parte delle tecnologie ratificate dal W3C per l’ uso assieme ad HTML5 .

La tecnologia EME fa dunque un passo avanti significativo verso la standardizzazione , e adesso l’unico ostacolo ancora da superare è rappresentato dalla risposta negativa o affermativa dei membri (paganti) del W3C sulla ratifica definitiva del nuovo standard. Ma le possibilità che tale ratifica venga respinta sono poche, nonostante il dibattito riguardo alle DRM “iniettate” all’interno di HTML5 sia a dir poco furente.

Una soluzione come EME offre un meccanismo “open” attraverso cui integrare un modulo esterno per la decodifica dei contenuti cifrati (CDM), un “blob” binario e blindato che le varie aziende impegnate nella gestione dei flussi in streaming di contenuti digitali saranno libere di implementare nei rispettivi browser proprietari per PC Windows e non solo.

In questi anni la coppia EME+CDM ha polarizzato il dibattito tra favorevoli e contrari, con i primi impegnati a incensare la nuova soluzione come un modo per continuare a mantenere il Web al passo coi tempi pur nel rispetto dei suoi valori di “openness”, e i secondi – come Richard Stallman – pronti ad accusare il W3C di aver venduto l’anima al diavolo dei nuovi padroni del vapore digitale.

Al gruppo dei favorevoli si è in questi giorni unito nientemeno che Sir Tim Berners-Lee , riconosciuto padre del Web che ha personalmente approvato la ratifica delle specifiche di EME come un modo per accettare la nuova realtà del mercato telematico e per continuare a difendere (sic) la privacy degli utenti. Il campo dei favorevoli include naturalmente anche i colossi tecnologici come Google, Microsoft e Apple, tutti impegnati a sviluppare un proprio modulo CDM da integrare nei rispettivi browser (Chrome, Edge, Safari).

La proliferazione di moduli di decodifica degli streaming blindati porterà a una nuova frammentazione del Web con esperienze di fruizione più o meno differenziate a seconda dei browser, avvertono i commentatori , mentre chi la coppia EME+CDM proprio non la può vedere sottolinea l’ inutilità pratica delle tecnologia anticopia e i rischi, più che concreti , di guai legali per i ricercatori di sicurezza interessati all’analisi del codice binario. Quel che appare certo è che il dibattito sulle DRM nel Web, con o senza ratifica da parte del W3C, è destinato a durare ancora per molto .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • milingo scrive:
    eroi giornalistici
    "Apple non cede"?!?!?Che supereroi!Se è vero, si sono fatti rubare centinaia di milioni account?!?Ma è roba da sterminarli tutti, iniziando dal cuoco fino all'ultimo leccapiedi della setta, non prima di aver chiesto miliardi di danni.
  • tocomoro scrive:
    75.000 Bitcoin...
    .... Sono circa 70 milioni di dollari :-)Forse volevate dire 75 Bitcoin?
  • praflo scrive:
    75.000 bitcoin????
    "75mila Bitcoin o Ethereum, o in alternativa 100mila Dollari in carte regalo iTunes"a prescindere che sia una bufala o meno, almeno scrivete i numeri giusti.75.000 Bitcoin al cambio di oggi sarebbero almeno 70 milioni di dollari americani (1 bitcoin vale quasi 1000 dollari)forse erano 75 i bitcoin?e 75.000 ethereum varrebbero piu' di 3 milioni di dollari...poche idee ma ben confuse ;)
    • Il Fuddaro scrive:
      Re: 75.000 bitcoin????
      - Scritto da: praflo
      "75mila Bitcoin o Ethereum, o in alternativa
      100mila Dollari in carte regalo
      iTunes"

      a prescindere che sia una bufala o meno, almeno
      scrivete i numeri
      giusti.
      75.000 Bitcoin al cambio di oggi sarebbero almeno
      70 milioni di dollari americani (1 bitcoin vale
      quasi 1000
      dollari)

      forse erano 75 i bitcoin?

      e 75.000 ethereum varrebbero piu' di 3 milioni di
      dollari...

      poche idee ma ben confuse ;)Tra l'altro è Tambborrino che scrive, che altro pretendevi oltre la munnezza di bit?
  • benny mussolo scrive:
    mi sono rotto il XXXXX
    mi sono rotto il XXXXX di andare in giro in città e sentire parlare in tante lingue di XXXXX tranne l'italiano. via rumeni, negri, cinesi, albanesi, l'italia è degli italiani, fuori sti immigrati ladri e stupratori.
    • Il Fuddaro scrive:
      Re: mi sono rotto il XXXXX
      - Scritto da: benny mussolo
      mi sono rotto il XXXXX di andare in giro in città
      e sentire parlare in tante lingue di XXXXX tranne
      l'italiano. via rumeni, negri, cinesi, albanesi,
      l'italia è degli italiani, fuori sti immigrati
      ladri e
      stupratori.Sai che inizio a provare le stesse cose. Infatti alcuni miei conoscenti nel circolo mi chiedono soave: ma fuddaro che te sta ha diventà razzista?Secondo voi cosa debbo rispondergli?
      • panda rossa scrive:
        Re: mi sono rotto il XXXXX
        - Scritto da: Il Fuddaro
        - Scritto da: benny mussolo

        mi sono rotto il XXXXX di andare in giro in
        città

        e sentire parlare in tante lingue di XXXXX
        tranne

        l'italiano. via rumeni, negri, cinesi, albanesi,

        l'italia è degli italiani, fuori sti immigrati

        ladri e

        stupratori.

        Sai che inizio a provare le stesse cose. Infatti
        alcuni miei conoscenti nel circolo mi chiedono
        soave: ma fuddaro che te sta ha diventà
        razzista?

        Secondo voi cosa debbo rispondergli?Dagli di XXXXXXXX.
  • panda rossa scrive:
    Bufale in rete
    Mai e poi mai avrei pensato di trovare una bufala nel sito dell'antibufala per eccellenza.http://attivissimo.blogspot.it/2017/03/wikileaks-rivela-il-cacciavite-sonico.htmlQui ci vogliono far credere che basta infilare un aggeggio qualunque nella thunderbolt per installare software malevolo e prendere possesso del device apple.Da non credere!Lo sanno pure i macachi che apple e' sinonimo di sicurezza e impenetrabilita'.
    • vittorio palpebra scrive:
      Re: Bufale in rete
      <i
      Niente panico, comunque: questa tecnica funzionava solo sui MacBook costruiti fra fine 2011 e la metà del 2012, e Apple ha rilasciato da tempo degli aggiornamenti del firmware di questi computer che risolvono il problema. </i
      adesso va di moda bucare i sistemi linux based, siano essi iot o android. e non serve avere le risorse della cia e l'acXXXXX fisico alla macchina, basta avere quattro conoscenze di hacking e lo puoi fare tranquillamente da remoto.
      • bubba scrive:
        Re: Bufale in rete
        - Scritto da: vittorio palpebra
        <i
        Niente panico, comunque: questa
        tecnica funzionava solo sui MacBook costruiti fra
        fine 2011 e la metà del 2012, e Apple ha
        rilasciato da tempo degli aggiornamenti del
        firmware di questi computer che risolvono il
        problema. </i

        in realta' non proprio. https://trmm.net/Thunderstrike_FAQ .
      • panda rossa scrive:
        Re: Bufale in rete
        - Scritto da: vittorio palpebra
        <i
        Niente panico, comunque: questa
        tecnica funzionava solo sui MacBook costruiti fra
        fine 2011 e la metà del 2012, e Apple ha
        rilasciato da tempo degli aggiornamenti del
        firmware di questi computer che risolvono il
        problema. </i



        adesso va di moda bucare i sistemi linux based,
        siano essi iot o android. e non serve avere le
        risorse della cia e l'acXXXXX fisico alla
        macchina, basta avere quattro conoscenze di
        hacking e lo puoi fare tranquillamente da
        remoto.Certamente.Pieno di server linux bucati, la' fuori.
      • palpebra cadente scrive:
        Re: Bufale in rete
        - Scritto da: vittorio palpebra
        <i
        Niente panico, comunque: questa
        tecnica funzionava solo sui MacBook costruiti fra
        fine 2011 e la metà del 2012, e Apple ha
        rilasciato da tempo degli aggiornamenti del
        firmware di questi computer che risolvono il
        problema. </i



        adesso va di moda bucare i sistemi linux based,
        siano essi iot o android. e non serve avere le
        risorse della cia e l'acXXXXX fisico alla
        macchina, basta avere quattro conoscenze di
        hacking e lo puoi fare tranquillamente da
        remoto.Si e proprio vero glande palpebra cadente!
      • mela marcia scrive:
        Re: Bufale in rete
        Ti brucia che pure Windows sia più sicuro di macOS? E ti ricordo che senza Linux col tuo Mac non ci faresti nulla, dato che tutti i router hanno Linux a bordo...
    • palpebra cadente scrive:
      Re: Bufale in rete
      - Scritto da: panda rossa
      Mai e poi mai avrei pensato di trovare una bufala
      nel sito dell'antibufala per
      eccellenza.

      http://attivissimo.blogspot.it/2017/03/wikileaks-r

      Qui ci vogliono far credere che basta infilare un
      aggeggio qualunque nella thunderbolt per
      installare software malevolo e prendere possesso
      del device
      apple.

      Da non credere!

      Lo sanno pure i macachi che apple e' sinonimo di
      sicurezza e
      impenetrabilita'.Guarda che anche il tuo menzionato è un macaco! Oltre ad essere paraXXXX e macaco fanatico!
      • panda rossa scrive:
        Re: Bufale in rete
        - Scritto da: palpebra cadente
        - Scritto da: panda rossa

        Mai e poi mai avrei pensato di trovare una
        bufala

        nel sito dell'antibufala per

        eccellenza.




        http://attivissimo.blogspot.it/2017/03/wikileaks-r



        Qui ci vogliono far credere che basta infilare
        un

        aggeggio qualunque nella thunderbolt per

        installare software malevolo e prendere possesso

        del device

        apple.



        Da non credere!



        Lo sanno pure i macachi che apple e' sinonimo di

        sicurezza e

        impenetrabilita'.

        Guarda che anche il tuo menzionato è un macaco!
        Oltre ad essere paraXXXX e macaco
        fanatico!Visto che preferisci guardare le dita invece della luna, potresti anche dare un parere sullo smalto usato per l'unghia, che sicuramente te ne intendi.
    • panda rossa scrive:
      Re: Bufale in rete
      - Scritto da: panda rossa
      Mai e poi mai avrei pensato di trovare una bufala
      nel sito dell'antibufala per
      eccellenza.

      http://attivissimo.blogspot.it/2017/03/wikileaks-r

      Qui ci vogliono far credere che basta infilare un
      aggeggio qualunque nella thunderbolt per
      installare software malevolo e prendere possesso
      del device
      apple.

      Da non credere!

      Lo sanno pure i macachi che apple e' sinonimo di
      sicurezza e
      impenetrabilita'.La presente discussione e' da considerarsi chiusa.Ci trasferiamo di la':http://punto-informatico.it/4378444/PI/News/vault-7-cacciavite-sonico-della-cia-mac-iphone.aspx
  • Il Fuddaro scrive:
    Si inizia pian piano
    E iniziato l' esperimento esfiltrazione dati sanitari. Per adesso si adulano i vecchi e malati, poi pian piano obbligano tutti!E continuate a dare del complottista a quanti vi sbattono la verità in faccia, se pur a voi non piace.
  • iRoby scrive:
    Ricattabile
    Mi stupisce come alla fine una delle più grandi multinazionali americane (della fuffa aggiungerei) con intrallazzi politici e fiscali di vario tipo,alla fine sia così disastrata e ricattabile da un manipolo di cracker turchi...
    • Il Fuddaro scrive:
      Re: Ricattabile
      - Scritto da: iRoby
      Mi stupisce come alla fine una delle più grandi
      multinazionali americane (della fuffa
      aggiungerei) con intrallazzi politici e fiscali
      di vario
      tipo,
      alla fine sia così disastrata e ricattabile da un
      manipolo di cracker
      turchi...Alla fine vedrai che è tutto un gomblotto! (rotfl)
  • ... scrive:
    crittofobia
    627 milioni di account :s? Ma non era soltanto social engineering???Ma non era tutto crittografato? End to end (anonimo)?berty dove sei? (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • bertuccia scrive:
      Re: crittofobia
      - Scritto da: ...

      627 milioni di account :s?mah, così dicono quelli che vorrebbero farsi pagare il riscatto in iTunes Cards.peccato per loro che il ricattato è Apple, se trovavano un pollazzo come te sai che festa?
      Ma non era soltanto social engineering???
      Ma non era tutto crittografato? End to end
      (anonimo)?nono, questi hanno akerato la apple, me l'ha detto pure mio cuggino
      berty dove sei? (rotfl)(rotfl)(rotfl)a tirare noccioline a quelli come te, come sempre
      • trolla macachi scrive:
        Re: crittofobia
        75,000 bitcoin (rotfl), apple tiene duro tanto i dati sono i tuoi, poi come al solito il ricarico lo fanno sulla clientela e la stampa tace .... pulitiii. Come al solito.Metti da parte le noccioline e preparati a lanciare carte di credito in direzione di Cupertino (rotfl)(rotfl)(rotfl).
        • bertuccia scrive:
          Re: crittofobia
          - Scritto da: trolla macachi

          75,000 bitcoin (rotfl)"o in alternativa 100mila Dollari in carte regalo iTunes"questi finchè trovano pollazzi come te campano alla grande (rotfl)ti interessa mica una fontana in centro a roma?
          Metti da parte <gli lancia un'altra nocciolina
      • mela marcia scrive:
        Re: crittofobia
        - Scritto da: bertuccia
        nono, questi hanno akerato la apple, me l'ha
        detto pure mio cugginoSe è vero o no lo scopriremo quando scade l'ultimatum. Nel dubbio fatti un bel backup offline...
        • bertuccia scrive:
          Re: crittofobia
          - Scritto da: mela marcia

          Se è vero o no lo scopriremo quando scade
          l'ultimatum.ecco un altro boccalone..tempi d'oro per i truffatori a quanto pare
          • mela marcia scrive:
            Re: crittofobia
            - Scritto da: bertuccia
            tempi d'oro per i truffatori a quanto pareAl momento gli unici dati di fatto sono che iCloud è stato più volte bucato ed è finito in rete il materiale rubato. E non era solo colpa delle attrici che ha usato una password troppo banale, ma c'erano problemi di sicurezza nei sistemi Apple.In questo caso non sappiamo se è vero o è tutto un bluff, ma basta aspettare alcune settimane per scoprirlo. Io non ho neppure un bit nelle mani di quell'azienda, quindi me la godo da spettatore esterno ;)
      • gnammolo scrive:
        Re: crittofobia
        na bote de fero (rotfl)(rotfl)(rotfl)https://www.tomshw.it/cia-leaks-i-manuali-spiare-mac-iphone-84396
      • Bertina scrive:
        Re: crittofobia
        - Scritto da: bertuccia
        - Scritto da: ...



        627 milioni di account :s?

        mah, così dicono quelli che vorrebbero farsi
        pagare il riscatto in iTunes
        Cards.

        peccato per loro che il ricattato è Apple, se
        trovavano un pollazzo come te sai che festa?



        Ma non era soltanto social engineering???

        Ma non era tutto crittografato? End to end

        (anonimo)?

        nono, questi hanno akerato la apple, me l'ha
        detto pure mio
        cuggino



        berty dove sei? (rotfl)(rotfl)(rotfl)

        a tirare noccioline a quelli come te, come sempreA Berty tije!!https://wikileaks.org/vault7/darkmatter/document/
        • iRoby scrive:
          Re: crittofobia
          Dopo trapanato il portafogli, cracker e agenzie governative gli trapanano il device.Ok Android non sta messo meglio. Ma almeno non hai pagato 1000 euro convinto che sarebbe stato molto più sicuro...
    • bradipao scrive:
      Re: crittofobia
      - Scritto da: ...
      Ma non era tutto crittografato? End to end
      (anonimo)?iCloud non è crittografato end-to-end. La chiave crittografica di iCloud è quella di Apple, non quella dell'utente. Altrimenti non avresti modo di recuperarne il contenuto in caso di smarrimento password.
      • palpebra cadente scrive:
        Re: crittofobia
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: ...

        Ma non era tutto crittografato? End to end

        (anonimo)?

        iCloud non è crittografato end-to-end. La chiave
        crittografica di iCloud è quella di Apple, non
        quella dell'utente. Altrimenti non avresti modo
        di recuperarne il contenuto in caso di
        smarrimento
        password.A quanto pare è Berty che dovrebbe caXXXXX una volta per tutte.
  • maxsix scrive:
    Pura omofobia
    Turchia, paese fascista, cerca di sXXXXXXXre Apple. Abbiamo capito tutto, andiamo pure avanti con questa omofobia gratuita.
    • benito scrive:
      Re: Pura omofobia
      [img]http://m.memegen.com/crakz3.jpg[/img]
    • palpebra cadente scrive:
      Re: Pura omofobia
      - Scritto da: maxsix
      Turchia, paese fascista, cerca di sXXXXXXXre
      Apple. Abbiamo capito tutto, andiamo pure avanti
      con questa omofobia
      gratuita.Non ci pigli in giro. maxsix non avrebbe mai usato tali deplorevoli parole.He! Caspita!
      • sgamafroci scrive:
        Re: Pura omofobia
        - Scritto da: palpebra cadente
        - Scritto da: maxsix

        Turchia, paese fascista, cerca di sXXXXXXXre

        Apple. Abbiamo capito tutto, andiamo pure avanti

        con questa omofobia

        gratuita.

        Non ci pigli in giro. maxsix non avrebbe mai
        usato tali deplorevoli
        parole.

        He! Caspita!Non vedo la differenza. Vero o falso, maxsix rimane comunque un XXXXXo conclamato. E ogni tanto gli tocca scrivere messaggi da non-registrato per tentare di negarlo, vero? 8)
  • Peppe scrive:
    Se li spazzano via...
    ...ci godo come un riccio. Così poi i applefan che ci sono al lavoro, se ne staranno un po' zitti....
    • ... scrive:
      Re: Se li spazzano via...
      - Scritto da: Peppe
      ...ci godo come un riccio. Così poi i applefan
      che ci sono al lavoro, se ne staranno un po'
      zitti....Lo stesso dicasi dei tuoi amici cantinari, palesemente inchapettati ma mai zittiti
      • Il Fuddaro scrive:
        Re: Se li spazzano via...
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: Peppe

        ...ci godo come un riccio. Così poi i
        applefan

        che ci sono al lavoro, se ne staranno un po'

        zitti....
        Lo stesso dicasi dei tuoi amici cantinari,
        palesemente inchapettati ma mai
        zittitiCerto che in quella specie di immondizzaio che è Mil-ano cantine nun se ne trovano vero?So che le vostre cantine latrine non assomigliano manco lontanamente alle cantine che tu odi.I migliori stanno nelle cantine ed è vero! I peggiori nelle latrine, a Mil-ano!
    • Mao99 scrive:
      Re: Se li spazzano via...
      - Scritto da: Peppe
      ...ci godo come un riccio. Così poi i applefan
      che ci sono al lavoro, se ne staranno un po'
      zitti....Io come 32 ricci.
  • xte scrive:
    Un test
    Al di la di questa notizia: che cosa succede se le vostre mail, Drive/DropBox/iCloud ecc spariscono per un qualsivoglia motivo?Quanti hanno i propri dati in locale (copia della rubrica aggiornata inclusa)? Quanti han le proprie mail in locale? Quanti avendole possono usare senza problemi?Se siete a posto ottimo, se non lo siete rifletteteci.
    • ... scrive:
      Re: Un test
      - Scritto da: xte
      Al di la di questa notizia: che cosa succede se
      le vostre mail, Drive/DropBox/iCloud ecc
      spariscono per un qualsivoglia
      motivo?Con rispetto parlando: me ne sbatto le *****.

      Quanti hanno i propri dati in locale (copia della
      rubrica aggiornata inclusa)? Quanti han le
      proprie mail in locale? Quanti avendole possono
      usare senza
      problemi?Io e per me è un numero sufficientemente grande di persone...

      Se siete a posto ottimo, se non lo siete
      rifletteteci.Mah, ti daranno ascolto? Secondo me no.
      • xte scrive:
        Re: Un test

        Con rispetto parlando: me ne sbatto le *****.Purtroppo anche chi come me ha le mail in locale, la rubrica in locale, i propri dati in locale ecc ha motivo di preoccuparsi: se tra un po' di anni un gigante come GMail decidesse di passare da un IMAP semi-standard ad un protocollo proprietario "per integrare al meglio i nuovi servizi yadda yadda bla bla"? Che si fa? Non si comunica più con tutti gli utenti GMail? È uno scenario improbabile ma non così fantascientifico, basta guardare cosa i vari Watsapp&c han fatto agli sms.
        Io e per me è un numero sufficientemente grande
        di persone...Guarda come si evolvono i computer, prova solo a cambiare hd ad un laptop recente. Se il trend resta invariato tra un po' di anni non avremo più macchine desktop "usabili" ma dei finti desktop con sw lucchettato come sono ora smartphones/tablets. Non basta "esserne fuori" giacché un computer in casa a partire da sabbia, metalli e plastiche non possiamo farcelo...
        Mah, ti daranno ascolto? Secondo me no.Probabile, ma qualcuno magari farà girar la ruota del criceto, e questo è sempre utile.
        • ... scrive:
          Re: Un test
          - Scritto da: xte

          Con rispetto parlando: me ne sbatto le *****.
          Purtroppo anche chi come me ha le mail in locale,
          la rubrica in locale, i propri dati in locale ecc
          ha motivo di preoccuparsi: se tra un po' di anni
          un gigante come GMail decidesse di passare da un
          IMAP semi-standard ad un protocollo proprietario
          "per integrare al meglio i nuovi servizi yadda
          yadda bla bla"? Che si fa?Si torna a chi IMAP lo supporta ancora, google è grande ma non è "tutto" non scordare mai questo piccolo dettaglio, in tanti prima di loro hanno dominato incontrastati per poi cadere e non contare più nulla.
          Non si comunica più
          con tutti gli utenti GMail? È uno scenario
          improbabile ma non così fantascientifico, basta
          guardare cosa i vari Watsapp&c han fatto agli
          sms.


          Io e per me è un numero sufficientemente grande

          di persone...
          Guarda come si evolvono i computer, prova solo a
          cambiare hd ad un laptop recente. Se il trend
          resta invariato tra un po' di anni non avremo più
          macchine desktop "usabili" ma dei finti desktop
          con sw lucchettato come sono ora
          smartphones/tablets.Non credo proprio, poi il software chi lo sviluppa?
          Non basta "esserne fuori"
          giacché un computer in casa a partire da sabbia,
          metalli e plastiche non possiamo
          farcelo...


          Mah, ti daranno ascolto? Secondo me no.
          Probabile, ma qualcuno magari farà girar la ruota
          del criceto, e questo è sempre
          utile.
          • xte scrive:
            Re: Un test

            Si torna a chi IMAP lo supporta ancora, google è
            grande ma non è "tutto" non scordare mai questo
            piccolo dettaglio, in tanti prima di loro hanno
            dominato incontrastati per poi cadere e non
            contare più
            nulla.Nel medio e lungo periodo sono d'accordo ma nell'interim ho parecchie perplessità, già oggi non sai quante volte mi tocca *spiegare* perché non ho né voglio Whatsapp. Se il trend continua temo sarà anche peggio. Prendi i social network: non c'è certo solo facebook ma è praticamente l'unico noto. In se il social network non è utile al privato tipo come potrei esser io, ma se hai un'azienda e i tuoi clienti protestano che ti vogliono su una certa piattaforma hai un problema, se hai concorrenti che si fan conoscere su una certa piattaforma enorme hai un problema. Altro esempio: sai quanti colloqui mi han proposto via Skype? Ho potuto sempre rispondere "sono un informatico, non uso se ne ho anche una minima possibilità d'evitarlo certi prodotti per queste ragioni: ..." ma quanti potrebbero non aver scelta? Per evitare questo vi son IMVHO solo due strade: la prima è diventar tutti più competenti (molto bello, ma direi vagamente utopico) la seconda è agire a livello di leggi dello Stato, imporre standard aperti, codice aperto usabile ecc.
            Non credo proprio, poi il software chi lo
            sviluppa?Ad oggi il 99% dei firmware dalle radio dei cellofoni alle centraline delle auto sino all'UEFI dei PC è sviluppata da qualche big corporation, magari anche usando codice open, magari anche in violazione della licenza. Di open c'è tutti il resto, ma non basta: la forza di una catena si misura dal suo anello più debole. Come posso "fidarmi" della mia distro GNU/Linux se sotto di lei gira un fw che non controllo in alcun modo, che potenzialmente può mentirmi, che potenzialmente non posso isolare perché anche il mio firewall (openplatform, installato da me, ma sempre su un fw closed della scheda madre, della nic e di altri componenti). Se un domani oltre al secureboot fan qualche altro lucchetto che impedisce proprio l'uso di sw compilato in casa, che fai?
          • panda rossa scrive:
            Re: Un test
            - Scritto da: xte

            Si torna a chi IMAP lo supporta ancora, google è

            grande ma non è "tutto" non scordare mai questo

            piccolo dettaglio, in tanti prima di loro hanno

            dominato incontrastati per poi cadere e non

            contare più

            nulla.
            Nel medio e lungo periodo sono d'accordo ma
            nell'interim ho parecchie perplessità, già oggi
            non sai quante volte mi tocca *spiegare* perché
            non ho né voglio Whatsapp.Io non devo spiegare proprio niente.La risposta e' NO. Eventualmente siano loro a spiegarmi quale parte di NO non hanno capito.
            Se il trend continua
            temo sarà anche peggio. Prendi i social network:
            non c'è certo solo facebook ma è praticamente
            l'unico noto. In se il social network non è utile
            al privato tipo come potrei esser io, ma se hai
            un'azienda e i tuoi clienti protestano che ti
            vogliono su una certa piattaforma hai un
            problema, se hai concorrenti che si fan conoscere
            su una certa piattaforma enorme hai un problema.Se l'azienda deve presentarsi ai clienti usando una certa piattaforma, lo faccia.Fornira' ai dipendenti un codice aziendale con cui presentarsi sulla piattaforma che verra' consultata solo in orario di ufficio.Sai che ci vuole a chiudere una porta in locale in modo da non ricevere notifiche indesiderate!
            Altro esempio: sai quanti colloqui mi han
            proposto via Skype? Ho potuto sempre rispondere
            "sono un informatico, non uso se ne ho anche una
            minima possibilità d'evitarlo certi prodotti per
            queste ragioni: ..." ma quanti potrebbero non
            aver scelta?Finche' skype viene usato in alternativa al telefono, perche' no?Basta creare un account per una specifica chiamata e poi buttarlo.
          • xte scrive:
            Re: Un test

            Io non devo spiegare proprio niente.
            La risposta e' NO. Ok, quindi quando il tuo stakeholder $tizio di dirà "ho provato a mandarti un whatsapp..."; "non lo uso"; "ma peeecheeeé è gratis!!!" gli butterai giù il telefono :D
            Se l'azienda deve presentarsi ai clienti usando
            una certa piattaforma, lo
            faccia.
            Fornira' ai dipendenti un codice aziendale con
            cui presentarsi sulla piattaforma che verra'
            consultata solo in orario di
            ufficio.Ovvero l'azienda sarà di fatto costretta ad utilizzare uno strumento sgradito solo perché questo è diventato un monopolista grazie alla *aggine del popolino... Non è un problema secondo te?
            Finche' skype viene usato in alternativa al
            telefono, perche'
            no?
            Basta creare un account per una specifica
            chiamata e poi
            buttarlo.Perché ho alcuni bei softphone SIP opensource, vari telefoni fisici SIP ed un'infrastruttura SIP che permette il peering verso svariate reti, che mi da un numero PSTN italico ovunque mi trovi nel mondo, che ha un'assistenza veloce ed efficiente e che notizia bomba in versione base (con numero PSTN ecc) è gratis. Ho già quindi "telefoni" più efficienti di Skype e non ho bisogno di installare quel mare di roba binaria che poi non è detto resti per una sola chiamata, se poi ti vogliono ricontattare ecc. Diciamo che ritengo un dovere morale educare certo prossimo all'uso di strumenti opportuni...
          • panda rossa scrive:
            Re: Un test
            - Scritto da: xte

            Io non devo spiegare proprio niente.

            La risposta e' NO.
            Ok, quindi quando il tuo stakeholder $tizio di
            dirà "ho provato a mandarti un whatsapp..."; "non
            lo uso"; "ma peeecheeeé è gratis!!!" gli butterai
            giù il telefono
            :DQuale telefono? (newbie)


            Se l'azienda deve presentarsi ai clienti
            usando

            una certa piattaforma, lo

            faccia.

            Fornira' ai dipendenti un codice aziendale
            con

            cui presentarsi sulla piattaforma che verra'

            consultata solo in orario di

            ufficio.
            Ovvero l'azienda sarà di fatto costretta ad
            utilizzare uno strumento sgradito solo perché
            questo è diventato un monopolista grazie alla
            *aggine del popolino... Non è un problema secondo
            te?Non e' un <b
            <u
            MIO </u
            </b
            problema.

            Finche' skype viene usato in alternativa al

            telefono, perche'

            no?

            Basta creare un account per una specifica

            chiamata e poi

            buttarlo.
            Perché ho alcuni bei softphone SIP opensource,
            vari telefoni fisici SIP ed un'infrastruttura SIP
            che permette il peering verso svariate reti, che
            mi da un numero PSTN italico ovunque mi trovi nel
            mondo, che ha un'assistenza veloce ed efficiente
            e che notizia bomba in versione base (con numero
            PSTN ecc) è gratis. Ho già quindi "telefoni" più
            efficienti di Skype e non ho bisogno di
            installare quel mare di roba binaria che poi non
            è detto resti per una sola chiamata, se poi ti
            vogliono ricontattare ecc. Diciamo che ritengo un
            dovere morale educare certo prossimo all'uso di
            strumenti
            opportuni...VM con dentro skype, da cancellare subito dopo la telefonata, con tutto l'eventuale che resta dentro.Io provo molta piu' soddisfazione a tentare di rieducare i ciuchi.Come dice il proverbio, a lavar la testa all'asino, si perde tempo acqua e sapone, ma almeno non ci si XXXXXXX.
        • panda rossa scrive:
          Re: Un test
          - Scritto da: xte

          Con rispetto parlando: me ne sbatto le *****.
          Purtroppo anche chi come me ha le mail in locale,
          la rubrica in locale, i propri dati in locale ecc
          ha motivo di preoccuparsi: se tra un po' di anni
          un gigante come GMail decidesse di passare da un
          IMAP semi-standard ad un protocollo proprietario
          "per integrare al meglio i nuovi servizi yadda
          yadda bla bla"? Che si fa? Non si comunica più
          con tutti gli utenti GMail? È uno scenario
          improbabile ma non così fantascientifico, basta
          guardare cosa i vari Watsapp&c han fatto agli
          sms.Forse ti sfugge un concetto che mi appresto a sottolineare.Mail: il client e' MIO quindi il server deve rispettare lo standard se vuole che il MIO client si connetta.Vari whatsapp: il client e' LORO, quindi se tu vuoi continuare a usare il servizio devi scaricarti il nuovo client. Non puoi usarne uno tuo.E ancora una volta il protocollo aperto sconfigge il closed per manifesta superiorita'!
          • xte scrive:
            Re: Un test
            Mai detto il contrario, ho posto invece un problema: se si arriva a soluzioni proprietarie, non standard, monopiattaforma che diventano lo standard de facto per gli utenti finali che fai? Per capirci se il 99% delle persone con cui comunichi decide che la mail non la legge più e legge solo WhatsApp, col tuo MUA, ma anche con l'intera infrastruttura di posta che ci fa? Siamo ancora lontani da questo scenario ma non è così improbabile da non esser allarmante IMVHO. Pensa solo com'è oggi nntp, pensa allo stato dei vari gruppi a tema vs i vari stackexchange.Non ti preoccupa il trend?
          • panda rossa scrive:
            Re: Un test
            - Scritto da: xte
            Mai detto il contrario, ho posto invece un
            problema: se si arriva a soluzioni proprietarie,
            non standard, monopiattaforma che diventano lo
            standard de facto per gli utenti finali che fai?Che faccio?Sai quante rotture di caxxo in meno se la gente non mi contatta piu'?Che si rinchiudessero pure tutti nel recinto.
            Per capirci se il 99% delle persone con cui
            comunichi decide che la mail non la legge più e
            legge solo WhatsApp, No. Il 99% delle persone con cui comunico utilizza la mail.Chi non usa la mail non ha alcuna speranza di rentrare nel ristretto giro dei miei corrispondenti.
            col tuo MUA, ma anche con
            l'intera infrastruttura di posta che ci fa? Siamo
            ancora lontani da questo scenario ma non è così
            improbabile da non esser allarmante IMVHO. Pensa
            solo com'è oggi nntp, pensa allo stato dei vari
            gruppi a tema vs i vari
            stackexchange.
            Non ti preoccupa il trend?Neanche un po'.
    • Il Fuddaro scrive:
      Re: Un test
      - Scritto da: xte
      Al di la di questa notizia: che cosa succede se
      le vostre mail, Drive/DropBox/iCloud ecc
      spariscono per un qualsivoglia
      motivo?

      Quanti hanno i propri dati in locale (copia della
      rubrica aggiornata inclusa)? Quanti han le
      proprie mail in locale? Quanti avendole possono
      usare senza
      problemi?

      Se siete a posto ottimo, se non lo siete
      rifletteteci.Manco debbo riflettere per un millessimo di secondo. So sicurissimo che non è così!E avete voglia a chiamarci antiquati!
    • maxsix scrive:
      Re: Un test
      - Scritto da: xte
      Al di la di questa notizia: che cosa succede se
      le vostre mail, Drive/DropBox/iCloud ecc
      spariscono per un qualsivoglia
      motivo?

      Quanti hanno i propri dati in locale (copia della
      rubrica aggiornata inclusa)? Quanti han le
      proprie mail in locale? Quanti avendole possono
      usare senza
      problemi?
      Tutti. Sia iOS che Android per la rubrica.Per Dropbox o virtual drive generici non saprei, io li uso come repository temporanei per condividere con altri, e credo sia così per tutti.Sulle mail invece no, son sincero, ho tutto sul server IMAP. Non ho nulla in locale se non la cache (scrauza) di Mail per mac os XSi, ovviamente pago emailsrvr profumatamente per il servizio, quindi credo non ci siano problemi di sorta.
      Se siete a posto ottimo, se non lo siete
      rifletteteci.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2017 10.21-----------------------------------------------------------
  • se mi lasci non vale se mi lasci non val scrive:
    Ma non era sicura?
    Ma Apple non era sicura? (rotfl)
  • F Type scrive:
    Papple security
    Dai non può essere, apple è l'emblema della sicurezza i loro seguaci si fidano ciecamente :D"C'è anche un video pubblicato su YouTube nel quale un loro membro (o meglio una persona con acXXXXX ai loro server, ma non direttamente collegato al gruppo) afferma di star facendo acXXXXX all'account di un'anziana signora vittima del furto di dati, mostrando come possa accedere alle foto salvate in backup e cancellare da remoto tutti i contenuti salvati nel dispositivo.":DCome hanno fatto poi questi a rubare in totale 627 milioni di account ?Glieli ha passati apple ? :D
  • Pomeriggio5 scrive:
    75 Mila??????
    75mila Bitcoin o Ethereum... 75mila?????? Mannaggia maledetti copia incolla di cui non si capisce il tema...
    • bubba scrive:
      Re: 75 Mila??????
      - Scritto da: Pomeriggio5
      75mila Bitcoin o Ethereum...

      75mila?????? Mannaggia maledetti copia incolla di
      cui non si capisce il
      tema...che pignolo... :D < demanded $75,000 in Bitcoin or Ethereum, another increasingly popular crypto-currency, or $100,000 worth of iTunes gift cards in exchange for deleting the alleged cache of data.
      • collione scrive:
        Re: 75 Mila??????
        boh, tutti a leccare ethereum che si e' aumentata di brutto, ma lo sono altrettanto monero e zcash
  • Il Fuddaro scrive:
    il titolo e troppo cortooooooooo
    Ma non ti permettere nemmeno a pensarla una cosa del genere.Qua stiamo parlando di apple, mica shenzen computers.
  • collione scrive:
    oh no
    mamma li turchifate un articolo su questo invece http://www.zerohedge.com/news/2017-03-23/nightskies-12-wikileaks-latest-leak-says-cia-bugging-factory-fresh-iphones-2008con buona pace dei vari maxsix, bertuccia, aphex e macachi assortiti
    • Sg@bbio scrive:
      Re: oh no
      - Scritto da: collione
      mamma li turchi

      fate un articolo su questo invece
      http://www.zerohedge.com/news/2017-03-23/nightskie

      con buona pace dei vari maxsix, bertuccia, aphex
      e macachi
      assortitimanca iroby che fa i suoi deliri complottistici, anche.
      • iRoby scrive:
        Re: oh no
        A me sinceramente non me ne frega niente che di per se Apple sia stata attaccata.Questa vicenda mette in dubbio l'opportunità del cloud.Ma soprattutto non Wikileaks ma fu Snowden a dire che questi big dell'IT in qualche modo collaborano con le agenzie governative, non ne sono vittime. Così vorrebbero apparire ma solo per salvare la faccia.Ovviamente non collaborano alla scrittura dei root kit, più che altro gli lasciano backdoor o più spesso buona documentazione per poi CIA/NSA scriversi da soli tool efficaci.
    • bubba scrive:
      Re: oh no
      - Scritto da: collione
      mamma li turchi

      fate un articolo su questo invece
      http://www.zerohedge.com/news/2017-03-23/nightskie

      con buona pace dei vari maxsix, bertuccia, aphex
      e macachi
      assortitia parte la bruttezza del sito, saltiamo direttamene su https://wikileaks.org/vault7/darkmatter/?cia semmai.Pero' pero', quella e' paradossalmente meno grave. nel senso che attacchi e implant a (u)efi, iboot e compagnia li vediamo ad ogni defcon,blackhat e co. non esattamente un segreto. e li usano/scoprono anche XXXXXXXXXer e forencer.Mi inquieta di piu' la quantita' di accounts in liberta'... (a parte che non credo ai 560mln ma) incidentalmente l'altro gg c'era su Krebs la dimostrazione della quantita' smodata di macachi che si fanno infinocchiare dal semplice phishing... proprio grazie all'automagic di Apple... cioe' la sensazione e' che piu' metti automagic (come piace a maxsix) piu' e' apparentemente difficile fregarti, MA contemporaneamente l'utente diventa piu' idiota... c'e' proprio un industria del "ruba il cellulare (superlocked e tracciabile), phisha un findmyphone-fake e fatti dare le credenziali icloud, pialla tutto e vivi felice (e ruba anche le foto)" :P
      • bubba scrive:
        Re: oh no
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: collione

        mamma li turchi



        fate un articolo su questo invece


        http://www.zerohedge.com/news/2017-03-23/nightskie



        con buona pace dei vari maxsix, bertuccia, aphex

        e macachi

        assortiti
        a parte la bruttezza del sito, saltiamo
        direttamene su
        https://wikileaks.org/vault7/darkmatter/?cia
        semmai.

        Pero' pero', quella e' paradossalmente meno
        grave. nel senso che attacchi e implant a (u)efi,
        iboot e compagnia li vediamo ad ogni
        defcon,blackhat e co. non esattamente un segreto.
        e li usano/scoprono anche XXXXXXXXXer e
        forencer.mi autoquoto perche', per l'appunto....[img]http://pbs.twimg.com/media/C7nK2QdXgAAsw4-.jpg[/img]
        Mi inquieta di piu' la quantita' di accounts in
        liberta'... (a parte che non credo ai 560mln ma)
        incidentalmente l'altro gg c'era su Krebs la
        dimostrazione della quantita' smodata di macachi
        che si fanno infinocchiare dal semplice
        phishing... proprio grazie all'automagic di
        Apple... cioe' la sensazione e' che piu' metti
        automagic (come piace a maxsix) piu' e'
        apparentemente difficile fregarti, MA
        contemporaneamente l'utente diventa piu'
        idiota... c'e' proprio un industria del "ruba il
        cellulare (superlocked e tracciabile), phisha un
        findmyphone-fake e fatti dare le credenziali
        icloud, pialla tutto e vivi felice (e ruba anche
        le foto)"
        :P
    • panda rossa scrive:
      Re: oh no
      - Scritto da: collione
      mamma li turchi

      fate un articolo su questo invece
      http://www.zerohedge.com/news/2017-03-23/nightskie

      con buona pace dei vari maxsix, bertuccia, aphex
      e macachi
      assortitiQuante balle.La propagada ufficiale dice che i sistemi apple sono sicuri.E tanto deve bastare!Del resto la qualita' e la sicurezza hanno un costo.
    • iRoby scrive:
      Re: oh no
      No non hai capito!All'Apple fan e l'iAddicted non interessa se la CIA gli sfonna il telefono, e tutto il contorno di malware e spionaggio.Per loro anche fosse bloccato da un Ransomware e non funzionasse più, lo prenderebbero lo stesso per portarlo all'aperitivo.E farebbero pure finta di stare scrivendo un messaggio.L'importante è mostrarlo a quei pezzenti degli amici al bar.
    • mela marcia scrive:
      Re: oh no
      Tanto di cappello al marketing Apple: i loro sistemi hanno la fama di essere i più sicuri, quando invece è l'esatto contrario.
Chiudi i commenti