Echo Studio, qualità e muscoli: da domani in Italia

Da oggi in Italia il nuovo Amazon Echo Studio, esponente di spicco della famiglia Echo: una prova muscolare nel mondo degli speaker con Alexa.
Da oggi in Italia il nuovo Amazon Echo Studio, esponente di spicco della famiglia Echo: una prova muscolare nel mondo degli speaker con Alexa.
Guarda 13 foto Guarda 13 foto

Una elegante borsina per completare il packaging, il peso del pacco a testimonianza di quanto materiale si sta per estrarre e infine il gradevole impatto dei polpastrelli sulla retina laterale ce dona una sensazione soffice ed un profilo raffinato al prodotto: Echo Studio è la new entry della famiglia Echo, un superbo speaker dalle linee riconoscibili (ci sono tutti gli elementi tradizionali del design Amazon), in grado di farsi notare soprattutto quando si invoca Alexa e le si chiede di riprodurre brani musicali.

Echo Studio è disponibile da domani in Italia al prezzo di 199,99 euro (disponibile il preordine, consegne a partire dal 7 novembre) Sebbene rappresenti l’Echo di maggior costo, si tratta di un investimento di sicuro impatto all’interno del proprio ambiente domestico: può interagire con gli elementi domotici (compatibile Zigbee), consente di interagire con Alexa, riproduce suoni musicali ad alta qualità, può essere usato come interfono, funge da sistema dolby per l’intrattenimento televisivo, è un divertente passatempo per i bambini e molto altro ancora: inserirne uno in salotto, magari in occasione del Natale, sarà sicuramente una scelta appagante.

Echo Studio, alzate il volume

Per capire la differenza tra Echo Studio (qui su Amazon) e il resto della famiglia Echo (qui su Amazon) è sufficiente avviare un brano musicale, alzare il volume, chiudere gli occhi e ascoltare. Lo abbiamo provato: la differenza è facilmente avvertibile da chiunque e di fronte ad un orecchio allenato verranno immediatamente a galla tutte le sfumature del suono che sui precedenti speaker – giocoforza – non era possibile esprimere.

Echo Studio è una prova muscolare nel mondo degli speaker e degli assistenti vocali. All’intelligenza di Alexa, infatti, Amazon ha aggiunto un woofer da 13,3cm, un tweeter da 2,5cm e tre unità midrange da 5 cm.

Amazon Echo Studio

Non resta che alzare il volume per dar fondo alle possibilità del dispositivo, quindi: 330W di potenza massima sono a disposizione per riempire l’ambiente con un suono realmente avvolgente, in grado di adattarsi al locale circostante e capace di offrire un’esperienza di ascolto chiaramente superiore.

Su alcune tracce audio in particolare (Amazon consiglia ad esempio Ariana Grande, Lady Gaga e altri, ove tale esperienza può essere spinta ai massimi livelli) l’effetto 3D del suono è particolarmente chiaro, identificabile come una sorta di eco controllato nell’ambiente e in realtà perfettamente simulato dallo speaker.

Si adatta a qualsiasi stanza: rileva automaticamente l’acustica dell’ambiente in cui si trova, adattando la riproduzione per offrire un audio ottimale.

Amazon Echo Studio

La differenza rispetto al passato è – letteralmente – tangibile: la sottile apertura sulla parte inferiore dello speaker consente ai bassi di esprimere al meglio il proprio calore ed è sufficiente appoggiare la mano sulle superfici limitrofe per avvertire le sottili vibrazioni prodotte: una potenza piacevole poiché accompagnata da una chiara qualità sonora, che Amazon consiglia di esprimere appieno posizionando il device lontano da pareti o oggetti per consentire al suono di fluire al meglio. Questo consiglio appare del tutto opportuno poiché, sposandosi anche solo di pochi metri rispetto ad una posizione centrale di ascolto, è possibile avvertire la differenza nell’ascolto dei bassi: l’uscita appare quasi direzionale, ma questo effetto è del tutto calmierato quando lo speaker può essere appoggiato ad esempio su un tavolino invece che posizionato nei pressi di una parete o allocato dentro un vano. La posizione, insomma, è importante per consentire a Echo Studio di esprimersi appieno

È possibile abbinare uno o due dispositivi Echo Studio a determinati dispositivi Fire TV per la riproduzione audio con suono multicanale e supporto per i formati Dolby Atmos, Dolby Audio 5.1 e audio stereo.

Echo a confronto

L’equalizzatore di Echo Studio può essere regolato sia tramite l’app Alexa che impartendo ordini vocali del tipo Alexa, aumenta i bassi. Può essere inoltre organizzato in gruppi di Echo per gestire l’ascolto multistanza, oppure può essere abbinato ad una Fire TV Stick per sincronizzare una riproduzione video con un audio di qualità superiore.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 11 2019
Link copiato negli appunti