Encarta, lo spegnimento è programmato

Microsoft, a partire dalla fine di ottobre, non offrirà più la propria enciclopedia. La motivazione? E' cambiato il modo in cui la cultura circola in rete, ammettono da Redmond

Roma – Encarta ha fatto il suo corso, ha soddisfatto la curiosità di schiere di utenti. Ma i modi con cui si consuma e si produce cultura sono cambiati, spiega Microsoft: Encarta sarà consegnata alla storia, non verrà più aggiornata, i siti dedicati presto non saranno più disponibili .

Encarta su Wikipedia Redmond ha annunciato la data di spegnimento: dal 31 ottobre 2009 i cittadini della rete non potranno più accedere alle risorse online dell’enciclopedia di Microsoft, una data che sarà posticipata al 31 dicembre per la versione giapponese dell’enciclopedia. Dal mese di giugno non verranno più distribuiti e venduti i prodotti inscatolati nei supporti e dedicati a studenti e a utenti ordinari, il supporto a Encarta Premium verrà garantito solo fino alla fine di ottobre: Microsoft il 30 aprile risarcirà coloro che abbiano sottoscritto abbonamenti a lungo termine.

Articoli e edutainment, video e illustrazioni: rimarranno archiviati su CD e DVD degli utenti, rimarranno le citazioni negli elaborati degli studenti. Encarta invecchierà senza aggiornamenti , il tempo renderà l’enciclopedia digitale simile ad un volume archiviato sugli scaffali di una libreria. Se i bit sono plasmabili, se l’informazione digitale è un flusso che scorre senza i limiti di carta e inchiostro, Encarta rappresentava ancora un modello ibrido, un modello di transizione rispetto alle dinamiche con cui la cultura sempre più spesso si dissemina e si organizza in rete.

È la stessa Microsoft ad osservarlo, e a offrilo come motivazione alla chiusura dell’enciclopedia: “la categoria delle enciclopedie tradizionali e del materiale considerato un punto di riferimento è cambiata. Le persone oggi cercano e consumano informazione in maniera molto diversa rispetto al passato”. È questa una riflessione che ha animato i colossi del sapere enciclopedico tradizionale: la stessa Enciclopedia Treccani, baluardo di scienze, arti e cultura, ha assunto la forma di un portale collaborativo e dinamico, si è schiusa alla collaborazione e alla partecipazione dei cittadini della rete. Si tratta di una apertura mediata dalla redazione specializzata dell’enciclopedia, si tratta di una ristrutturazione che dovrebbe consentire all’opera di declinarsi sulle esigenze dei netizen di partecipare alla cultura e di alimentarla collettivamente con le risorse e i saperi di cui sono in possesso. Encarta, nonostante abbia in passato tentato di battere questa strada, rappresenta un modello che non sembra più raccogliere l’interesse degli utenti: non sembra essere abbastanza “efficace e coinvolgente” per convincere Redmond a mantenerla in vita.

Il confronto non è esplicito , ma i dati parlano chiaro: gli articoli di Wikipedia intessuti in inglese sono oltre 2,8 milioni, le rifinite e certificate voci di Encarta offerte con servizio Premium sono poco più di 60mila . Fra le enciclopedie online Wikipedia, stando alle rilevazioni effettuate da Hitwise nel mese di gennaio, si accaparrava il 97 per cento delle visite; Encarta, in seconda posizione, racimolava l’1,27 per cento del traffico di categoria. L’inarrestabile fluire di informazione aggiornata e tempestiva sembra compensare le turbolenze dell’enciclopedia libera, sembra garantire a Wikipedia il primato rispetto agli accumulatori di cultura tradizionali. I wikipediani hanno già aggiornato l’ articolo relativo ad Encarta, l’enciclopedia libera già offre ai cittadini della rete le novità sulle sorti del prodotto made in Redmond.

Gli stessi utenti lo avevano previsto : fra i rami da sfrondare per Microsoft, anche quello enciclopedico. Ma Redmond non sembra rinunciare al proposito di disseminare sapere : “Microsoft ritiene che tutti, in tutto il mondo, abbiano diritto ad accedere ad una formazione di qualità e riteniamo che si possa reinvestire in soluzioni tecnologiche per il futuro quello che abbiamo imparato e le competenze che abbiamo maturato lavorando a prodotti come Encarta”. Non è dato sapere quali siano i programmi che fermentano a Redmond. I cittadini della rete avanzano proposte : Microsoft potrebbe continuare a partecipare e ad alimentare la cultura rilasciando con licenze libere il materiale che non convergerà più in Encarta.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • kawathebest scrive:
    microsoft e opensource
    si fa pagare per i suoi brevetti e poi quando fa comodo sfrutta tutto quello che può dall'altra parte. Si certo, può farlo perchè opensource, comunque è un comportamento ipocrita e opportunista.
  • Alvaro Vitali scrive:
    E quando M$ implementerà i simlink?
    Quei cialtroni di M$ ancora non sono riusciti ad implementare i link simbolici stile UNIX, per cui il rilascio di WinFileSystem è stato ulteriormente rimandato; mi domando, però, se a M$ chiederanno di pagare qualche brevetto quando WinFS sarà rilasciato!Vedremo SCO dichiarare guerra pure ai loro amici di M$?E, infine, con quale coraggio M$ chiede soldi a chi usa un filesystem-ciofeca come FAT32?
    • Manuel scrive:
      Re: E quando M$ implementerà i simlink?
      Semplice col coraggio di chi ne possiede i diritti... non ti sembra?!Potrà anche non essere bello, il migliore o quello che vuoi, ma è loro e se lo vuoi usare devi pagare i diritti...
  • lellykelly scrive:
    niente più tomtom su win
    così niente aggiornamenti allegri, e chiuderanno i battenti.
    • ullala scrive:
      Re: niente più tomtom su win
      - Scritto da: lellykelly
      così niente aggiornamenti allegri, e chiuderanno
      i
      battenti.Sisisssi aspetta e spera....Non è che gli "aggiornamenti" li devi fare per forza sul filesistem "pippo" o "pluto" e non è che questo influisca granché sul sucXXXXX... o ti sei già scordato il "clamoroso sucXXXXX" di zune?Bastasse il fat a vincere... forse i fattori di sucXXXXX non sono proprio quelli che pensi tu!Poveri pretoriani se c'è una cosa che non hanno è la memoria... deve essere per quello che M$ li abitua da piccoli al "bloatware" dove la memoria è sempre scarsa (e quella che c'è è sprecata)...
      • lellykelly scrive:
        Re: niente più tomtom su win
        un fs che win beve senza XXXXXX e che un babbeo riesce a sfruttare?
        • Paolo Castellano scrive:
          Re: niente più tomtom su win
          - Scritto da: lellykelly
          un fs che win beve senza XXXXXX e che un babbeo
          riesce a
          sfruttare?Esattamente quale sarebbe il problema? Anche se c'è un filesystem diverso ciò non implica che tu non possa usarlo.Al posto di scrivere direttamente sulla memory card passerai obbligatoriamente per il SO del Tom Tom.. come carichi i tuoi file sulla periferica caricherai anche le mappe "allegre" ci sarà solo un po' più di lavoro per chi scrive il firmware del Tom Tom...E nel caso la Tom Tom usi questo per controllare le mappe "allegre" sono sicuro che migliaia di sedicenni scriveranno fior fiore di programmi in grado di scrivere sul filesystem scelto da TomTom per sostituire FAT... allora si che forse cominceremo a toglierci dalle palle il FAT... ma forse con quest'ultima frase sono troppo ottimista.
          • lellykelly scrive:
            Re: niente più tomtom su win
            anche a me il fat non mi sta simpatico, ma è talmente diffuso che ti formattano pure i dischi da 500gb o ti danno le tacconate di mediacroste in fat.una alternativa diffondibile in tempo zero?diffondibile implica che windows la legga di suo senza problemi, perchè è windows il più diffuso e bisogna fare una cosa commercialmente valida.IMHO
    • lellykelly scrive:
      Re: niente più tomtom su win
      e fin qua ok, ma se queste interfacce che comunicano direttamente con l'apparecchio impedissero l'utilizzo di mappe non comprate? quanti meno apparecchi venduti ci sarebbero?quando uno va a prendere un navigatore e sa che alcuni modelli non permettono l'uso di file scaricati allegramente, cosa sarà propenso ad acquistare?
    • barbaro scrive:
      Re: niente più tomtom su win
      E poi chi se lo compra il tomtom? 4 gatti?
      • lwMwvYeBQVT J scrive:
        Re: niente più tomtom su win
        2, http://farXXXXXnrn.com/farm-machibnes-for-sale/red-chicken/ proben-c, http://www.thathottness.com/blog/local-sound-dj-ghostdad/ Thathottness, http://farXXXXXnrn.com/farm-machibnes-for-sale/gear-shifter/ Get More Information, http://www.thathottness.com/blog/seen-at-goldenstash-x-allston-stop-shop-1126/ Visit This Link, http://www.thathottness.com/blog/2008/01/ as example, http://www.thathottness.com/blog/flash-mob-at-phoenix-landing-tonight/trackback/ http://www.thathottness.com/blog/flash-mob-at-phoenix-landing-tonight/trackback/, http://www.thathottness.com/blog/rob-heppler-going-away-party-x-good-life/ FOR MORE INFO, http://www.thathottness.com/blog/reebok-court-victory-pump/trackback/ Get More Info,
      • YNWCouiyXka j scrive:
        Re: niente più tomtom su win
        http://bactrim-without-prescription.com/#9783 bactrim,
      • USKnCyXELOm jvVuubF scrive:
        Re: niente più tomtom su win
        http://wellbutrin.cf/#1865 generic for wellbutrin,
      • sbEhXbQsKKk XrFQVe scrive:
        Re: niente più tomtom su win
        http://buy-mobic.ga/#6968 mobic, http://prednisone50mg.ml/#6932 example, http://atenolol-25-mg.ga/#3024 atenolol,
      • eGBMQqmKIeE uLzRSn scrive:
        Re: niente più tomtom su win
        http://fluoxetine-hcl.com/fluoxetine-10mg.html#8065 fluoxetine 10mg, http://diclofenac-sod.com/voltaren-price.html#6397 voltaren price, http://tretinoin-retin-a.com/tretinoin-prescription.html#5445 tretinoin prescription,
      • LYgnjUKdPaY KiX scrive:
        Re: niente più tomtom su win
        http://lexapro5mg.tk/buy-lexapro-online.html#8791 buy lexapro online,
  • iark scrive:
    Se fossi TomTom mi vendicherei
    ... facendo il TomTom Home in java!Questo permetterebbe di formattare in JFS (o anche EXT2 e qualche API magari open) e permettere a tutte le piattaforme (e con un dispendio minore di risorse) di funzionare correttamente. Del resto, esiste già il TomTom in versione java.
    • ullala scrive:
      Re: Se fossi TomTom mi vendicherei
      - Scritto da: iark
      ... facendo il TomTom Home in java!
      Questo permetterebbe di formattare in JFS (o
      anche EXT2 e qualche API magari open) e
      permettere a tutte le piattaforme (e con un
      dispendio minore di risorse) di funzionare
      correttamente. Del resto, esiste già il TomTom in
      versione
      java.Il che dimostra che non hai capito un tubo!Non è che a essere oggetto del brevetto sia la tecnologia che lo usa (java o qualunque altra cosa) l'oggetto del brevetto è i FAT come FS... EXT2 o JFS o SquashFS... o altro non sono un problema (sono tutti utilizzabili senza problemi e con o senza java) il FAT è stato utilizzato da TOM TOM non perché ci fossero problemi a usare qualunque altra cosa ma per usare (aka favorire) chi aveva un FS Winzozz compatibile o delle SD già formattate (dal produttore) in quel modo...Il che è la vera ironia di tutta la vicenda... ha favorito la compatibilità con gli utonti winzozz e M$ ti chiede pure dei soldi!Secondo me va messo tra le "lesson learned" !
      • iark scrive:
        Re: Se fossi TomTom mi vendicherei
        - Scritto da: ullala
        Il che dimostra che non hai capito un tubo!
        Non è che a essere oggetto del brevetto sia la
        tecnologia che lo usa (java o qualunque altra
        cosa) l'oggetto del brevetto è i FAT come FS...
        EXT2 o JFS o SquashFS... o altro non sono un
        problema (sono tutti utilizzabili senza problemi
        e con o senza java) il FAT è stato utilizzato da
        TOM TOM non perché ci fossero problemi a usare
        qualunque altra cosa ma per usare (aka favorire)
        chi aveva un FS Winzozz compatibile o delle SD
        già formattate (dal produttore) in quel
        modo...E oggi ci sono tutte le condizioni per passare a java (tra parentesi io uso python, ma non mi aspetto niente al riguardo).A differenza dei "vecchi tempi" (TomTom non è un prodotto nuovo) java era troppo pesante per i computer desktop e c'era troppo disordine tra le versioni (1.4.2, 1.5.0 ecc...).Con i computer d'oggi e con una soluzione java, sarebbe giusto se TomTom valutasse questo passo. Non solo perchè avrebbe meno spese di adesso (deve mantenere due versioni, una per windows e una per mac) ma per dare una risposta "chiara" a un vero e proprio abuso subito.IMHO
        • ullala scrive:
          Re: Se fossi TomTom mi vendicherei
          - Scritto da: iark
          - Scritto da: ullala

          Il che dimostra che non hai capito un tubo!

          Non è che a essere oggetto del brevetto sia la

          tecnologia che lo usa (java o qualunque altra

          cosa) l'oggetto del brevetto è i FAT come FS...

          EXT2 o JFS o SquashFS... o altro non sono un

          problema (sono tutti utilizzabili senza problemi

          e con o senza java) il FAT è stato utilizzato da

          TOM TOM non perché ci fossero problemi a usare

          qualunque altra cosa ma per usare (aka favorire)

          chi aveva un FS Winzozz compatibile o delle SD

          già formattate (dal produttore) in quel

          modo...

          E oggi ci sono tutte le condizioni per passare a
          java (tra parentesi io uso python, ma non mi
          aspetto niente al
          riguardo).
          A differenza dei "vecchi tempi" (TomTom non è un
          prodotto nuovo) java era troppo pesante per i
          computer desktop e c'era troppo disordine tra le
          versioni (1.4.2, 1.5.0
          ecc...).

          Con i computer d'oggi e con una soluzione java,
          sarebbe giusto se TomTom valutasse questo passo.
          Non solo perchè avrebbe meno spese di adesso
          (deve mantenere due versioni, una per windows e
          una per mac) ma per dare una risposta "chiara" a
          un vero e proprio abuso
          subito.

          IMHOMa allora continui a non capire! la risposta chiara non dipende da java o altro...Basta non usare FAT il chè è ugualmente facile con o senza java con o senza python non è una questione di linguaggi applicativi!Di fatto hanno già deciso di non usare ulteriormente (leggi l'articolo) il FAT il che significa ne più ne meno che hanno a disposizione una vasta scelta di FS A PRESCINDERE dal linguaggio applicativo di sviluppo! non in funzione del linguaggio! il FS escludendo il FAT non sarà (banalmente) compatibile con Win a meno che non venga prodotto un "driver" che consenta agli utenti "win" il tipo di FS che TOM TOM deciderà di usare le applicazioni e il livello "applicativo" con tutto ciò non ha niente da spartire!
          • iark scrive:
            Re: Se fossi TomTom mi vendicherei
            - Scritto da: ullala
            Ma allora continui a non capire! la risposta
            chiara non dipende da java o
            altro...Aspetta che ti posto l'oggetto che ho scritto:
            Re: Se fossi TomTom mi vendicherei
    • Jango scrive:
      Re: Se fossi TomTom mi vendicherei
      Si peccato che Java fa pietà...
  • iark scrive:
    Ma scusate... :-?
    Allora questa notizia... ??http://www.webnews.it/news/leggi/5608/microsoft-perde-il-brevetto-fat-in-germania/E' vero che TomTom è su scala internazionale, ma se è vero che Microsoft ha già perso una causa...Inoltre avevo letto in un altro sito che Microsoft deteneva anche i diritti sulle memorie flash, è vero?? Non ho mai trovati altri riscontri a proposito...
    • pabloski scrive:
      Re: Ma scusate... :-?
      sulle memorie flash è sicuramente una bufala....figurati se intel, wd, ocz e compagni non gli spezzano le gamberiguardo fat è vero che in Germania ha perso in brevetto, ma si sa conta quello che si dice negli USA
  • Athos scrive:
    FAT
    Suppongo che nel 2009 si possa vivere lo stesso anche senza FAT...
    • Wolf01 scrive:
      Re: FAT
      bhe, tenendo conto che winsux legge o fat(16, 32) o ntfs (almeno fino a XP, da vista in poi non so) con cosa vorresti sostituire il filesystem?Potrebbe anche andare un qualsiasi filesystem usato da linux, però dopo non lamentatevi che non potete più caricare le mappe direttamente su SD ma vi servirà un software che faccia da "ponte" tra il sistema operativo e l'ammenicolo delle mappe
      • iark scrive:
        Re: FAT
        - Scritto da: Wolf01
        usato da linux, però dopo non lamentatevi che non
        potete più caricare le mappe direttamente su SD
        ma vi servirà un software che faccia da "ponte"
        tra il sistema operativo e l'ammenicolo delle
        mappeNon serve nessun programma, basta un driver.http://www.fs-driver.org/ScreenExplorer.html
        • Wolf01 scrive:
          Re: FAT
          Lo so anche io che basta un driver, ma devi appunto far installare questo driver all'utente finalePuoi farlo automatico tanto che vuoi, ma già winhose è impestato di suo, poi magari ogni GPS deve installare una sua versione del driver, un po' come se ogni pennetta usb che attacchi debba installare una sua versione del filesystem, che ne so, roba tipo FAT32r16, un'altra FAT32r18 poi devi reinserire la prima che magari non gradisce la r18 e torna a reinstallare la r16Ti dico che se fosse installato di default non ci si dovrebbe preoccupare di installarlo, i produttori dovrebbero solo aggiornare i loro dispositivi e non dovrebbero preoccuparsi di aggiornare driver di terziUn po' come succede con le applicazioni, tanto per buttarla lì: installa 3 runtime di access, 97, XP e 2003, poi installi office 2007 e non va più una tega, le applicazioni devono essere fatte in modo di referenziare la loro versione del runtime e non quella che gli passa il sistema operativoCon java succede la stessa cosa, 300 aggiornamenti installati e i programmi devono sapere quale usare, altrimenti ERRORE!MS ha fatto lo sbaglio, o meglio il capriccio, di non voler supportare filesystem non suoi e tutti hanno dovuto supportare i filesystem di MS solo per non rompersi di stare ad installare roba che dovrebbe essere installata di default
          • Di_ME scrive:
            Re: FAT
            "lo so che basta solo un driver ma lo devi installare blabla mucchio di cavolete blabla"...Dov'e' il problema? Quando compri un tomtom non devi installare tutto il software per aggiornare le mappe e tutto il resto? Quindi se mentre installati il software del tomtom ti installa anche il driver incluso nel CD che problema c'e'?Perche' mai dovrebbero essere cosi' cretidioti da usare ext3 sul tomtom e poi richiedere che sia l'utente ad andare su internet a cercare il driver?
  • Fabrizio scrive:
    Interoperabilità?
    Nessuno mi sembra abbia visto il problema dal lato TOM TOMIo tom tom faccio un navigatore, voglio che ci giri linux sopra per motivi miei ma devo far si che le mappe possano essere messe su scheda SD da qualsiasi sistema operativo, in particolare dal più diffuso (per motivi suoi non ci interessa se questo monopolio è lecito o no). Che filesystem usare? Quello di Linux non è supportato da MS nativamente con il suo sistema operativo non posso ne leggervi ne scrivervi quindi per forza di cose devo usare un filesystem MS, nel caso specifico quello meglio supportato da Linux il FAT 32.Chi è dalla parte del torto chi non supporta filesystem non suoi o chi si deve adattare e usare filesystem supportati dall'altro?MS invece di ringraziare Tom Tom gli fa causa complimenti
    • pabloski scrive:
      Re: Interoperabilità?
      mmm forse stanno cercando di raschiare il barile? :Ddel resto adesso che hanno aggiunto il bluray a xbox e quindi col conseguente aumento del prezzo dovranno pur campare di qualcosa...con sVista sono ancora in perdita :D
  • Di_ME scrive:
    MS Installable File System
    MS IFS - INSTALLABLE File System...Tu puoi creare una dll per far riconoscere e utilizzare a Windows qualsiasi Filesystem tu voglia, un esempio e' ext2ifs che permette a windows di riconoscere e mappare come unita' di sistema una partizione EXT2 o EXT3Anche qui l'ignoranza di voi winari tocca sempre il fondo, io sono un utente Linux eppure questa features di Windows mentre nessun utente windows lo sa.E' inutile che dite che se usassero EXT2 o qualche altro FS libero poi voi poveri utenti windows non potrete usare il device, visto che esiste questa feature di windows basta solo installare il driver, non mi sembra un problema... visto che voi ogni aggeggio che comprate dovete cmq sempre ficcare il CD col suo relativo software, nel detto CD la casa madre mettera' anche il setup del driver e fine delle storie.Inoltre sotto ho menzionato anche la soluzione MTP.Il problema che le cose che dico sono palesemente stupide da realizzare, io non capisco la grande maggioranza dei progettisti quanto e' ignorante per non arrivarci prima a ste cose.
  • Di_ME scrive:
    Protocollo MTP
    A parte che microsoft e' una m3rd4cc14, se il device in questione avesse usato qualche altro so che non fosse linux non gliene sarebbe fregato niente.Inoltre questi brevetti sono assurdi, oltretutto il brevetto sulla fat non ha senso ne valore perche' esiste la priorart della fat di CP/M sui computer a 8 bit da cui msdos deriva.Cmq potrebbero usare il protocollo MTP gia' usato da diversi lettori mp3 e anche altri device e che anche linux supporta, invece di accedere al filesystem del device (col roschio di rovinarlo tipo crash di windows o utente che lo stacca mentre sta scrivendo, filesystem che poi e' solo da riformattare ma molti utenti si convincono sia rotto il device) usi il protocollo MTP, il device al suo interno adotta il filesystem che gli pare, quindi anche un ext2/ext3 e i file vengono trasferiti tramite un piccolo software di gestione sul computer, a scriverli realmente sul filesystem interno ci pensa il SO sul device.Non mi sembra cosi' strano ne difficile da capire e/o concepire.
  • gnulinux86 scrive:
    ...........
    doppio post elimino.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 aprile 2009 12.29-----------------------------------------------------------
  • Enrico scrive:
    Brevetti fantasma
    Se davvero Linux violasse tutte quelle (230) proprietà intellettuali, perché mai M$ non si è ancora fatta valere? Perché posso ancora scaricare Linux, openoffice e quant'altro senza nessun problema?Can che abbaia non morde :D
    • lll scrive:
      Re: Brevetti fantasma
      perchè linux non è proprietà di nessuno. Chi chiami in causa se vuoi fare una causa a linux?
      • Davide Impegnato scrive:
        Re: Brevetti fantasma
        Le aziende che mettono su internet le distro, no? Mandriva, Canonical, Red Hat, ... Novell no, ha l'accordo... poi i vari mirror, come per esempio il GARR... non ultime, magari, le università che fanno anche loro mirror e sviluppano... caso recente unibs che ha reingegnerizzato i firmware broadcom b43 (se non erro) e che supporta e finanzia sabayon...Oppure, potrebbero prendersela con i produttori di computer che vendono linux... ACER, DELL... anche se non c'è interesse in un'inimicizia di tipo legale, di sicuro un po' di pressione di può fare..Ci sono tanti "enti" ricattabili e che non hanno nessuna voglia di immolarsi per La Causa...
      • pabloski scrive:
        Re: Brevetti fantasma
        Linux è di proprietà della Linux Foundation, beh, almeno il marchiopoi possono chiamare in casa direttamente le aziende che lo vendono/distribuiscono
  • abassign scrive:
    L'inizio della fine o l'inizio di ...
    L'inizio della fine o l'inizio di una nuova era ?Lasciando da un lato l'assurdità dei brevetti nel SW (e lo dice uno che sui brevetti ci lavora...) la stessa M$ non ha mai pagato chi ha veramente inventato quello vecchio catorcio chiamato FAT32 in quanto nato dalle menti di tanti informatici negli anni 60 e 70.Io stesso mi sono però sempre sorpreso della banale incapacità di una azienda di continuare ad usare FAT32 invece del più prestante ext2/3 o tanto altro ancora... Anche nei riguardi del fatto che TomTom è infarcito di DRM e che quindi l'acXXXXX diretto al suo FS da parte di una macchina con SW M$ è oramai praticamente inutile.Questo il motivo di tale comportamento ed il fatto che il tutto è finito praticamente a patta e che TomTom ha deciso di buttare via quel XXXXX di FS. Qui non ci sono ne vinti ne vincitori, ci sono solo due c......i!In futuro ?Si vedrà magari M$ compra TomTom e ci ficca i suoi gioglielli di famiglia così che finalmente potremo vedere su TomTom quello che vedevo in un mio precedente navigatore Navigon, che solo dopo 2 giorni di uso si bloccava richiedendo il reset mentre ero incasinato in mezzo ad una città mostrandomi una videata troppo simile quella di Windows CE facendomi quindi decidere per il TomTom... che di fatto è risultato molto più affidabile!
    • iark scrive:
      Re: L'inizio della fine o l'inizio di ...
      - Scritto da: abassign
      tanto altro ancora... Anche nei riguardi del
      fatto che TomTom è infarcito di DRM e che quindi
      l'acXXXXX diretto al suo FS da parte di una
      macchina con SW M$ è oramai praticamente
      inutile.Io ho un TomTom e aggiorno i miei pdi con Ubuntu, viene visto come un hard disk esterno... Non ho capito cosa intendevi.L'unica cosa che mi manca è il TomTom Home per poter acquistare (il giorno che vorrò farlo) nuove mappe, voci o altro. Più che un DRM, il TomTom Home è un driver che si connette al dispositivo e al loro sito (con i dati che risiedono sul loro server).
      • Aadriano scrive:
        Re: L'inizio della fine o l'inizio di ...
        Se vai con il suo SW di gestione USB vedrai che opera in modo protetto, sullo stile di Ipod. Non è visto come un HD, solo se lo vedi come unità allora lo diventa (almeno la mia versione di 6 mesi fa...)
      • fulcrum scrive:
        Re: L'inizio della fine o l'inizio di ...
        Diciamo anche che ti mancano i GPSFix e gli aggiornamenti delle mappe di MapShare, se non usi TTHome... ;-)Cordiali SalutiFulcrum
  • the_m scrive:
    M$ fuorilegge
    Questo è un altro caso di m$ fuorilegge per ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE.Adesso tutto il mondo che usa dispositivi di memoria, in particolare palmari, smartphone, radio per auto e stereo mp3, stampanti con lettore sd/mmc, ecc. in un qualsiasi momento potrebbero essere accusate da m$ per utilizzo del suo primitivo fat32. E vai, tutti a regalarle dei soldi (che ovviamente pagheranno gli utenti sul prodotto finale).Per quale motivo poi? Ovviamente perchè window$ è illegalmente presente su ogni PC e supporta solo quella ciofeca di filesystem.Hanno già rovinato Internet con decine di milioni di zombie che sparano miliardi di e-mail di spam tutti i giorni e effettuano ogni tipo di crimine informatico ad insaputa dell'utente.Ora riusciranno a inquinare anche il resto del mondo dell'elettronica con le loro XXXXXte.
    • pabloski scrive:
      Re: M$ fuorilegge
      direi che piuttosto sono quei cerebrolesi dei produttori di hardware, TomTom e compagnia che ostinandosi ad usare quella ciofeca di fs continuano a fare gli interessi di MSper quale dannato motivo TomTom non può usare Ext2 e imporre ai propri utenti windows l'installazione del driver ifs?è facile, veloce e senza rischilo stesso dicasi per tutti i produttori che formattano di default con fat32 le loro unità di memorizzazionenon dimentichiamo che certi soggetti hanno potere solo perchè tutti noi come pecore glielo diamo e continuiamo a dargli corda....c'è Linux che è gratis, standard, completo, almeno loro che sviluppano device embedded potrebbero farne uso....e infatti poi TomTom lo usa ma accoppiato a Fat32, cosa che è allucinante
      • the_m scrive:
        Re: M$ fuorilegge
        Hai ragione, nel caso di TomTom potrebbero anche imporre l'installazione del driver ext2, essendoci già il loro software da installare.Però capisco che in generale questi dispositivi devono interfacciarsi ai PC (cioè a windows) e i produttori devono fare in modo che l'operazione sia più semplice possibile.Ad esempio in azienda potrei non avere i permessi per installare driver sul sistema, ma avere cmq la necessità di aggiornare i POI su tomtom, caricare file su una chiave usb o scaricare foto da una fotocamera..Più che sperare sui produttori, al punto di non ritorno in cui siamo arrivati, vedo necessario un intervento del legislatore (es. antitrust/commissione europea) altrimenti non se ne esce più IMHO
      • w la cantina scrive:
        Re: M$ fuorilegge
        quoto.Darsi una bella zappata sulle palle e poi lamentarsi che ci si è fatti un male bestia...
      • iark scrive:
        Re: M$ fuorilegge
        - Scritto da: pabloski
        per quale dannato motivo TomTom non può usare
        Ext2 e imporre ai propri utenti windows
        l'installazione del driver
        ifs?Forse perchè le schedine vengono vendute già formattate in FAT?I brevetti (soprattutto sul software) sono sbagliati e anacronistici, la colpa non è certo dei produttori di hardware, ma di chi li rivendica per battere cassa, cioè come ha fatto la m$.
        • pabloski scrive:
          Re: M$ fuorilegge
          ma così non se ne escei produttori di schedine le formattano con fat, tomtom è "costretta" pertanto ad usare fat e intanto ms ne approfitta per far soldi aggratisse da qualche parte non si comincia non si risolverà mai questo problemapoi quando l'UE interviene le diamo del fascista, ma insomma come si deve fare?per questo dico che TomTom cominciasse a fornire driver per ext2, i clienti aziendali beh si fregano, ci sono in giro 50 milioni di netbook e chi li ha comprati? i clienti aziendali di sicuro, se vogliono le mappe beh attaccano il tomtom al loro netbook piuttosto che al pc di lavoro
  • CSOE scrive:
    Giustissimo
    Microsoft ha pagato i programmatori e i progettisti che hanno realizzato la Fat32, e vuole che chi la usa paghi, per poter pagare altri programmatori e progettisti per progettare nuovo software, nuovi file system ecc.Ecco perchè nel closed c'è sempre un flusso di denaro per innovare, mentre nell'open o si fa mantenimento o si lavora in perdita.
    • pabloski scrive:
      Re: Giustissimo
      francamente queste perdite le vedi solo tue comunque in cosa abbia innovato MS in questi 30 anni è tutto da vederea parte scopiazzare materiale BSD non mi pare facciano altro
    • Giambo scrive:
      Re: Giustissimo
      - Scritto da: CSOE
      Ecco perchè nel closed c'è sempre un flusso di
      denaro per innovare, mentre nell'open o si fa
      mantenimento o si lavora in
      perdita.Intanto Red Hat ha fatto un risultato fuori dal comune nel 2008 ;)http://www.linux-watch.com/news/NS9327789877.html
      • CSOE scrive:
        Re: Giustissimo

        Intanto Red Hat ha fatto un risultato fuori dal
        comune nel 2008Vero, ma fa essenzialmente manutenzione ed assistenza su software scritto da altri.Intanto però gli entrano nei server :http://www.itbusinessedge.com/cm/community/news/sec/blog/red-hat-reveals-details-on-fedora-intrusion/?cs=31469
        • Giambo scrive:
          Re: Giustissimo
          - Scritto da: CSOE

          Intanto Red Hat ha fatto un risultato fuori dal

          comune nel 2008

          Vero, ma fa essenzialmente manutenzione ed
          assistenza su software scritto da
          altri.No: RedHat contribuisce tantissimo all'Open Source: Partendo dal progetto Fedora fino al codice per il Kernel, Xorg, Gnome, KDE, OpenOffice, FireFox ... la lista sarebbe molto lunga :)
          Intanto però gli entrano nei server :

          http://www.itbusinessedge.com/cm/community/news/seIrrilevante ai fini del discorso
          • saimonegarf anchel scrive:
            Re: Giustissimo

            No: RedHat contribuisce tantissimo all'Open
            Source: Partendo dal progetto Fedora fino al
            codice per il Kernel, Xorg, Gnome, KDE,
            OpenOffice, FireFox ... la lista sarebbe molto
            lunga
            :)lunga per lunga ci aggiungo Cluster suite_e_ GFS2, che porta finalmente su linux un ozzac di filesystem clusterizzato quasi a livello del mio adorato AdvFs (sigh, tru64 sigh, alpha sigh ..... basta o vado a finire in un bagno di lacrime :P)
        • CSOE scrive:
          Re: Giustissimo

          Redhat fa solo manutenzione? hai mai sentito
          parlare di Kernel mode setting? JBoss? e non
          voglio fare una lista senza senso, tanto c'è già
          questa
          http://fedoraproject.org/wiki/RedHatContributionsContribuisce, ma non mi sembra di ricordare neppure una sighificativa innovazione.JBoss l'ha comprata.
          • pabloski scrive:
            Re: Giustissimo
            pure MS ha comprato IE a suo tempo....per non parlare del DOSil software non è che una volta comprato lo metti lì e fa tutto da solo....va aggiornato, esteso, sviluppato ulteriormenteriguardo Redhat è tra i primi 10 contributor con progetti di alto calibro integrati nel kernel....ti ho citato il kernel mode setting che di certo non è una bazzecola e ci sono una miriade di altri progetti a cui lavoranoriguardo le innovazioni, beh, pure da MS mi pare che non sia venuta nessuna significativa innovazione...Windows è anni ' 70 come architettura
    • the_m scrive:
      Re: Giustissimo
      - Scritto da: CSOE
      Microsoft ha pagato i programmatori e i
      progettisti che hanno realizzato la Fat32, e
      vuole che chi la usa paghi, per poter pagare
      altri programmatori e progettisti per progettare
      nuovo software, nuovi file system
      ecc.

      Ecco perchè nel closed c'è sempre un flusso di
      denaro per innovare, mentre nell'open o si fa
      mantenimento o si lavora in
      perdita.Complimenti, hai girato i fatti per raccontare il contrario esatto della realtà.Questa storia è invece una palese dimostrazione di come i brevetti e le tecnologie microsoftiane bloccano lo sviluppo (infatti grazie a win si deve usare un fs ultra obsoleto e limitato), aumentano i costi (pagare oboli a m$ senza aver alcun vantaggio), creano dispute legali (gli avvocati ringraziano), stabilizzano i monopoli (con danni alla concorrenza e al libero mercato)Il flusso di denaro è utile e fa comodo per innovare ma deve derivare da tecnologie e prodotti validi, non da XXXXXte di 20 anni fa reimplementate in driver open solo per motivi di compatibilità e che in un mercato libero *nessuno* avrebbe interesse ad utilizzare.
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Giustissimo
      Guarda che non è necesario che tu faccia la solita crociata personale ad ogni post, lo abbiamo capito che per te il ClosedSource è bello e l'OpenSource è brutto.Ma questa volta a cosa dobbiamo questa crociata fanboystica?Effetto Conficker??Astio perchè TomTom usa Linux con il rivoluzionario FAT32 (rotfl)??Sei in competizione con Dovella??-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 aprile 2009 12.03-----------------------------------------------------------
      • CSOE scrive:
        Re: Giustissimo

        Ma questa volta a cosa dobbiamo questa crociata
        fanboystica?Avevo tempo libero e non c'erano altri articoli a disposizione, che devo fare ? Mi sono accontentato, uno spazietto per dire che l'open non rende si trova sempre!
  • Occhio scrive:
    Violare un brevetto non è un reato
    In tanti messaggi oggi si usa a sproposito la parola reato riferendosi alla violazione dei brevetti.In parole povere: è reato ciò per cui si va in galera, tutto ciò per cui si pagano i danni (come per una violazione di un brevetto) è qualcosa di diverso, come ad esempio parcheggiare in divieto di sosta. La legge, nella forma del codice della strada, prevede che non lo si debba fare ma non per questo è un reato: quando metti la macchina davanti ad un passo carraio ti danno una multa e te la portano via ma non vai in prigione, anche se due anni dentro per aver rotto l'anima al prossimo sarebbero il minimo, idem per la doppia fila ;-) E con questo mi auguro che la differenza tra i due concetti sia chiara e si possa dare la giusta prospettiva alla discussione.http://it.wikipedia.org/wiki/Reatohttp://it.wikipedia.org/wiki/Brevetto
    • Zago scrive:
      Re: Violare un brevetto non è un reato
      - Scritto da: Occhio
      In tanti messaggi oggi si usa a sproposito la
      parola reato riferendosi alla violazione dei
      brevetti.

      In parole povere: è reato ciò per cui si va in
      galera, tutto ciò per cui si pagano i danni (come
      per una violazione di un brevetto) è qualcosa di
      diverso, come ad esempio parcheggiare in divieto
      di sosta. La legge, nella forma del codice della
      strada, prevede che non lo si debba fare ma non
      per questo è un reato: quando metti la macchina
      davanti ad un passo carraio ti danno una multa e
      te la portano via ma non vai in prigione, anche
      se due anni dentro per aver rotto l'anima al
      prossimo sarebbero il minimo, idem per la doppia
      fila ;-)


      E con questo mi auguro che la differenza tra i
      due concetti sia chiara e si possa dare la giusta
      prospettiva alla
      discussione.

      http://it.wikipedia.org/wiki/Reato
      http://it.wikipedia.org/wiki/Brevettouccidere e rubare è un reato (si va nel penale)parcheggiare in divieto di sosta è una infrazione (ovvero non si va nel penale ma nel civile al massimo)
      • Guybrush scrive:
        Re: Violare un brevetto non è un reato
        - Scritto da: Zago
        - Scritto da: Occhio

        In tanti messaggi oggi si usa a sproposito la[...]

        http://it.wikipedia.org/wiki/Reato

        http://it.wikipedia.org/wiki/Brevetto


        uccidere e rubare è un reato (si va nel penale)
        parcheggiare in divieto di sosta è una infrazione
        (ovvero non si va nel penale ma nel civile al
        massimo)Il divieto di sosta e' un illecito amministrativo, sanzionabile con una multa e senza conseguenze sulla fedina penale.La violazione di brevetto... boh? Mi sa che e' di natura squisitamente civile, per cui neanche la multa (ma se ti fanno causa quasi sicuramente perdi).GT
      • Orwell scrive:
        Re: Violare un brevetto non è un reato
        - Scritto da: Zago

        uccidere e rubare è un reato (si va nel penale)
        parcheggiare in divieto di sosta è una infrazione
        (ovvero non si va nel penale ma nel civile al
        massimo)La violazione di un brevetto non costituisce ne' reato ne' infrazione; non sono previste ne' pene ne' sanzioni. La violazione di un brevetto riguarda solo e soltanto due parti (di solito due aziende o un privato e un'azienda). LA materia e' regolata dal Codice Civile ed in particolare dal Codice della Proprieta' Industriale.
    • naso scrive:
      Re: Violare un brevetto non è un reato
      XXXXXXX!!!
  • Marco scrive:
    Puzza di bruciato...
    Mi pare un pò strano questa resa tra due aziende...Non sarà mica per far XXXXXX addosso qualcun'altro che utilizza fat32?Tipo tutta la comunità linux?
    • MAH scrive:
      Re: Puzza di bruciato...
      Beh, a questo punto mi sembra abbastanza scontato che1) Canonical e RedHat corrano da Microsoft a firmare l'accordino anti denuncia stile Novell2) Il supporto fat32 venga rimosso dal kernel.In via preventiva, penso si potrebbe anche eliminare ntfs3g e Wine.
      • pabloski scrive:
        Re: Puzza di bruciato...
        - Scritto da: MAH
        Beh, a questo punto mi sembra abbastanza scontato
        che

        1) Canonical e RedHat corrano da Microsoft a
        firmare l'accordino anti denuncia stile
        Novellnessuna delle due farà mai una cosa del genere, soprattutto visto che è stata MS a chinare la testa davanti a Redhat e firmare un accordo per la virtualizzazione di Windows su Xen
        2) Il supporto fat32 venga rimosso dal kernel.
        improbabile
        In via preventiva, penso si potrebbe anche
        eliminare ntfs3g e
        Wine.nemmeno questo faranno....non si può impedire lo sviluppo di interfacce per l'interoperabilità....Wine non contiene codice Windows, Wine messe a disposizione un'interfaccia che i programmi Windows usano per girare sotto Unixsi innesterebbe un proXXXXX distruttivo nei confronti dei brevetti, tra prior art, brevetti campati in aria, concessioni di brevetti assurdi, crollerebbe tuttodel resto MS perchè fino ad oggi non ha mai citato le aziende che vendono Linux? forse perchè è cosciente del fatto che le invaliderebbero un mare di brevetti
        • MAH scrive:
          Re: Puzza di bruciato...
          Non vedo alcuna differenza tra la posizione di Wine e quella dell'implementazione della FAT32.
          • pabloski scrive:
            Re: Puzza di bruciato...
            quindi per te un software che legge degli eseguibili, lista le funzioni dell'API chiamate e le ridireziona verso altre funzioni dell'OS host è uguale ad un software che implementa un meccanismo di gestione dei file?fino ad oggi i nomi delle funzioni non sono ancora stati brevettati, se un giorno lo saranno avrai ragioneripeto Wine si limita a leggere i nomi delle funzioni dell'API che l'exe chiama e le ridireziona nelle corrispondenti funzioni dell'API linuxin tutto questo non c'è codice MS, non ci sono algoritmi MS, non c'è l'implementazione di architetture MS, com'è invece con Mono nei confronti di .NET
          • MAH scrive:
            Re: Puzza di bruciato...
            LOL per te il lavoro di progetto è privo di significato?Per te Wine significa implementare delle funzioni con un certo nome, per me significa implementare una tecnologia che è frutto di DECENNI di ricerca da parte di Microsoft,e che sarà coperta da 123456 brevetti.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Puzza di bruciato...
            Ti è troppo difficile comprendere ciò che ha scritto pabloski??
          • aleks scrive:
            Re: Puzza di bruciato...
            - Scritto da: MAH
            per me significa implementare
            una tecnologia che è frutto di DECENNI di ricerca
            da parte di Microsoft,Quale tecnologia?
          • MAH scrive:
            Re: Puzza di bruciato...
            Naturalmente Mono, almeno per quanto riguarda linguaggio e macchina virtuale,è l'implementazione di uno standard ECMA,quindi lecita,e non ci sarà mai alcun pericolo.
          • pabloski scrive:
            Re: Puzza di bruciato...
            - Scritto da: MAH
            Naturalmente Mono, almeno per quanto riguarda
            linguaggio e macchina
            virtuale,
            è l'implementazione di uno standard ECMA,
            quindi lecita,
            e non ci sarà mai alcun pericolo.e i brevetti sull'architettura del CLR???in questo caso stiamo parlando di implementare un'idea fatta da altri non nel caso di Wine in cui si è copiato solo il nome delle funzioniquindi secondo te se io creo una libreria e chiamo una funzione GetPixel devo pagare MS perchè GetPixel esiste pure in GDI?ripeto, Wine non emula l'architettura di Windows ( del resto Wine Is Not An Emulator ) ma implementa l'interfaccia ( API ) tramite la quale i programmi possono interagire col sistemaed è una cosa totalmente diversa dall'implementare .NET, C#, AD, ActiveX, ecc...
      • MAH scrive:
        Re: Puzza di bruciato...
        Wow sono passate poche oree gia' si fa un passo in avanti verso il punto 2."Linux Foundation says it's time to ditch Microsoft's FAT"http://arstechnica.com/open-source/news/2009/04/linux-foundation-says-its-time-to-ditch-microsofts-fat.ars
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Puzza di bruciato...
      Il tuo commento puzza di troll.La comunità Linux come la chiami tu ha da poco rilasciato EXT4, non si sono mica fermati come Microsoft a gli anni 80 con FAT o a gli anni 90 con NTFS.A proposito ma su Windows7 si vedrà il nuovo fantomatico filesystem??-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 aprile 2009 12.02-----------------------------------------------------------
      • Marco scrive:
        Re: Puzza di bruciato...
        Ho pensato che fosse un accordo tra le due aziende.E' un pensiero da troll questo?Perchè non ti dai meno arie sfigato?
      • Marco scrive:
        Re: Puzza di bruciato...
        Una curiosità.Tu sei un admin?Come mai tu puoi offendere sempre gli altri, dare del troll e gli altri non possono fare lo stesso con te?Accendi flame con la tua arroganza e dopo pochi secondi i post di risposta vengono cancellati.Quindi suppongo che sia tu a XXXXrli e questo spiegherebbe quanto sei codardo e saccente.
        • gnulinux86 scrive:
          Re: Puzza di bruciato...
          Admin io, su Punto-Informatico?? Magari.Troll non è un offesa è un termine informatico, per definire un certo tipo di comportamento.Le offese sono quelle che tu rivolgi a me, mi hai appena dato del:"arrogante e codardo"Complimenti per l'educazione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 aprile 2009 12.51-----------------------------------------------------------
  • Illo Illi scrive:
    i brevetti software sono assurdi
    E con l'oggetto ho detto tutto.
    • Get Real scrive:
      Re: i brevetti software sono assurdi
      Ma qualcuno più ricco e potente di te la pensa altrimenti e ha abbastanza mezzi per imporre la sua volontà. Non è la ragione che conta, ma le ragioni del denaro.
      • uharrrr scrive:
        Re: i brevetti software sono assurdi
        - Scritto da: Get Real
        Ma qualcuno più ricco e potente di te la pensa
        altrimenti e ha abbastanza mezzi per imporre la
        sua volontà. Non è la ragione che conta, ma le
        ragioni del
        denaro.purtroppo è così
    • nome e cognome scrive:
      Re: i brevetti software sono assurdi
      - Scritto da: Illo Illi
      E con l'oggetto ho detto tutto.E perchè? Se io scrivo una canzone ricevo i diritti, se invento un nuovo motore posso brevettarlo e chi lo usa paga. Se scatto una foto particolarmente bella chi vuole usarla paga (e spesso anche chi vuole vederla), ecc, eccSolo chi inventa un algoritmo deve fare la fame?
      • Aresio scrive:
        Re: i brevetti software sono assurdi
        bravo!adesso corro a brevettare il ciclo for! tanto tu non ci saresti MAI arrivato da solo! :
      • pabloski scrive:
        Re: i brevetti software sono assurdi
        ecco il problema è cosa si brevettaquando brevetti un congegno meccanico stai brevettando il congegno non i principi fisici alla base del suo funzionamentocosì dovrebbe essere col software e cioè dovrebbe essere possibile brevettare esclusivamente gli elementi specifici....brevettare cose del tipo "lista linkata di elementi residenti in memoria" è un assurdo
        • Myzhar scrive:
          Re: i brevetti software sono assurdi
          Io programmatore brevetto l'algoritmo, non il codice... come il compositore brevetta la melodia e non le note.Dove sta il problema?
          • Skywalker scrive:
            Re: i brevetti software sono assurdi
            - Scritto da: Myzhar
            Io programmatore brevetto l'algoritmo, non il
            codice... come il compositore brevetta la melodia
            e non le
            note.

            Dove sta il problema?"Se non puoi vincerli, confondili", vero?Il "compositore" non brevetta un bel niente, al massimo gode della protezione sull'opera da lui composta di quel monopolio legalizzato chiamato "Diritto d'autore" o, altrove, "Diritto di Copia". Se tu scrivi una passacaglia, io posso scrivere una passacaglia diversa, basta che non sia identica. Se tu scrivi una canzone d'amore con ritornelli, io posso scriverne una diversa.Il programmatore GIA' gode della stessa protezione del "compositore", tanto che i programmi da lui scritti sono coperti da Copyright.Ma se riscrivo un programma "from scratch", lo posso fare.I brevetti, quelli veri, sono applicati a implementazioni fisiche, originali, innovative, non banali. Metodi e processi per piegare le forze della natura al raggiungimento di un dichiarato risultato fisico.L'esempio classico è sempre lo stesso: il Copyright protegge quanto scritto sulla fotocopia, il brevetto come costruire quella specifica fotocopiatrice.Quello che vorrebbero che sponsorizza i "Brevetti sul Software" (che nessuno in ambito ufficiale chiama cosi, ma invece subdolamente chiama "Computer Implemented Inventions") è poter BREVETTARE L'IDEA STESSA DI FOTOCOPIATRICE. Non una specifica implementazione.E questo, almeno in Europa, più volte è stato rigettato del Parlamento Europeo, malgrado pressioni che sono arrivate fino ad una lettera esplicita dall'Amministrazione USA.Perché le IDEE le può avere chiunque, e più sono idee complesse e più si appoggiano ad una marea di idee di altri. Così come qualunque teorema di matematica si appoggia su tutta la matematica fin li sviluppata. Infatti i teoremi, come il "software as is" non è brevettabile in Europa.Permettere di "brevettare il software" significa bloccare lo sviluppo, premiare chi ha una idea generica, magari pure vaga, ma non investe nel tempo e nel costo di tradurre quell'idea dalla teoria alla pratica.Ed i brevetti si occupano di pratica, non di teoria. Per quella c'è già il Copyright.
          • what scrive:
            Re: i brevetti software sono assurdi
            Piccola differenza:la musica è protetta dal diritto d'autore, non da un brevetto.
          • pabloski scrive:
            Re: i brevetti software sono assurdi
            infatti nessun compositore ha mai brevettato alcunchè, le opera musicali e letterarie non sono protette da brevetti, proprio perchè il diritto ( quando i legislatori sapevano fare il proprio mestiere ) ammette l'impossibilità di brevettare principi ed idee....si possono brevettare solo implementazioni e applicazioni di principi ed idee
        • pippo75 scrive:
          Re: i brevetti software sono assurdi
          - Scritto da: pabloski
          ecco il problema è cosa si brevetta

          quando brevetti un congegno meccanico stai
          brevettando il congegno non i principi fisici
          alla base del suo
          funzionamentose non sbaglio tra le varie cose hanno brevettato la vite con filetto a passo lungo ( madrevite o vite senza fine ).

          così dovrebbe essere col software e cioè dovrebbe
          essere possibile brevettare esclusivamente gli
          elementi specifici....brevettare cose del tipo
          "lista linkata di elementi residenti in memoria"
          è un assurdoVero, ci vorrebbe qualcosa di più valido, ma anche negli altri settori è cosi.Il contentitore delle patatine è sotto brevetto.
          • pabloski scrive:
            Re: i brevetti software sono assurdi
            - Scritto da: pippo75
            Il contentitore delle patatine è sotto brevetto.gli specifici contenitori sono sotto brevetto....ad esempio il contratto fatto di lega di magnesio ( ammesso che esistesse ) sarebbe brevettabile, ma nessuno potrebbe mai registrare un brevetto del tipo "oggetto atto a contenere patatine per permetterne il trasporto" senza definire uno straccio di implementazione del concetto stessoad esempio sono d'accordo sul brevetto sul CLR di MS, lì effettivamente è brevettata una "macchina" anche se virtualema di certo sarebbe scandaloso se si concedesse un brevetto per le linked lists
      • Skywalker scrive:
        Re: i brevetti software sono assurdi
        - Scritto da: Davide Impegnato
        Siamo in attesa dei nuovi
        prezzi TomTom, per capire quanto pesa questo
        attacco, e se
        fallirà.Mah, spero che per quelli venduti in Europa, visto che in Europa i Brevetti Sofware sono ILLEGALI, TomTom non dia un centesimo a MS e costino uguali. Solo quelli venduti in USA dovrebbero costare di più e produrre utili a MS.Se così non fosse, mi sorgerebbe il dubbio sulla sovranità degli Stati Europei...
        • Davide Impegnato scrive:
          Re: i brevetti software sono assurdi
          Sovranità? ti devo ricordare Vicenza e Aviano (giusto per dir due nomi)?http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2007/06_Giugno/14/vicenza_basi_lavori.shtmlhttp://it.wikipedia.org/wiki/AvianoComunque, esiste sempre la "Conferenza dell'Aia sul diritto privato internazionale": tu fai qui una cosa illegale là? ebbene, là ti condannano, e poi qui sono obbligati ad estradarti là ;-)
        • Orwell scrive:
          Re: i brevetti software sono assurdi
          - Scritto da: Skywalker
          Mah, spero che per quelli venduti in Europa,
          visto che in Europa i Brevetti Sofware sono
          ILLEGALINon e' esattamente cosi'. In Europa non e' ILLEGALE brevettare il software; la normativa italiana ed europea stabilisce che non e' brevettabile il software "in quanto tale". Ancora si discute sul significato di queste tre parole, ma sostanzialmente questo significa che e' possibile brevettare solo quel software che fornisca un contributo tecnico allo stato dell'arte anteriore. In parole povere il software si puo' brevettare quando caricato su una macchina e fatto girare fornisce un effetto tecnico (es. fa lavorare meglio il proXXXXXre, ecc.)
      • Shu scrive:
        Re: i brevetti software sono assurdi
        - Scritto da: nome e cognome
        E perchè? Se io scrivo una canzone ricevo i
        diritti, Perche' ne hai il copyright (il diritto d'autore), non il brevetto.
        se invento un nuovo motore posso
        brevettarlo e chi lo usa paga.No. Puoi brevettare il metodo per costruirlo, ma non il motore in se`.
        Se scatto una foto
        particolarmente bella chi vuole usarla paga (e
        spesso anche chi vuole vederla), ecc,
        eccSempre copyright e non brevetto e`.
        Solo chi inventa un algoritmo deve fare la fame?Mi dici, per favore, quali algoritmi hanno inventato negli ultimi 5 anni Microsoft e Adobe?Mi risulta invece che nella maggior parte dei casi usino algoritmi inventati ben prima di loro e documentati in tutti i testi universitari.Inoltre non confondere brevetto e copyright come hai fatto sopra.Un programmatore ha tutto il diritto ad avere il copyright del suo codice, e ce l'ha. Io non posso copiare il suo codice a meno che lui non me lo consenta tramite una licenza adatta (GPL, BSD, ...).Certo che non posso prendere il codice di Windows (che tra l'altro non ho...) e usarlo per un mio software, ma se voglio implementare un carrello della spesa sul mio sito scrivendo codice mio, devo poterlo fare.E invece e` brevettato.Ti pare un brevetto "sano di mente"?I brevetti stanno uccidendo l'industria del software. Non la stanno aiutando. Stanno aiutando solo due categorie:- i monopolisti- gli avvocati
        • Davide Impegnato scrive:
          Re: i brevetti software sono assurdi

          Mi risulta invece che nella maggior parte dei
          casi usino algoritmi inventati ben prima di loro
          e documentati in tutti i testi
          universitari.Aspetta... questo non è del tutto vero, M$ qualche innovazione l'ha fatta, di ricerca ne viene fatta comunque, quindi affermare una cosa del genere è sbagliato. Verò è che molti dei suoi pupilli vengono da "acquisizioni", ma di qui a dire che M$ non ha inventato mai nulla ce ne passa, insomma...Detto questo, tutto il resto del ragionamento è corretto.
  • MAH scrive:
    Morale
    L'implementazione della fat32 inclusa nelkernel Linux è illegale.Questo è quanto ho capito, o sbaglio?
    • Utonto scrive:
      Re: Morale
      Direi che più che l'implementazione ne è vietato l'uso, ovviamente detto in legalese... :)
    • outkid scrive:
      Re: Morale
      E' vero solo negli stati uniti dove i brevetti software hanno valore legale.
      • Get Real scrive:
        Re: Morale
        TomTom non può tagliarsi fuori dal mercato USA o rischiare sanzioni o azioni legali da parte loro, quindi non ha scelta.
    • pabloski scrive:
      Re: Morale
      perchè guarda caso MS non ha mai fatto nulla contro Linux, chissà come mai eh!?!forse hanno paura che in tribunale gli venga chiesto di lasciar ispezionare i sorgenti di windows :D
      • eTomm scrive:
        Re: Morale
        - Scritto da: pabloski
        perchè guarda caso MS non ha mai fatto nulla
        contro Linux, chissà come mai
        eh!?!

        forse hanno paura che in tribunale gli venga
        chiesto di lasciar ispezionare i sorgenti di
        windows
        :DE che problemi ci sarebbero. E' un attività che già viene svolta in molte università. Non penso sia un problema farlo in un tribunale.
        • fred scrive:
          Re: Morale
          Il rischio e' che si apra una discussione sulla revisione dei brevetti che abbia le capacita' ad arrivare ad un proposta di legge per modificare il sistema di brevetti attuale.
        • pabloski scrive:
          Re: Morale
          nelle università c'hanno i sorgenti di Windows? non scherziamo, fino ad oggi l'unico ad aver messo le mani su quei sorgenti è stato il governo cinese e ovviamente quello americano ( la NSA precisamente )se venissero ispezionati i sorgenti credo che MS passerebbe un brutto periodo inondata da cause legali dovute alle violazioni di brevetti ad opera dei suoi programmatori
          • nome e cognome scrive:
            Re: Morale
            - Scritto da: pabloski
            nelle università c'hanno i sorgenti di Windows?
            non scherziamo, fino ad oggi l'unico ad aver
            messo le mani su quei sorgenti è stato il governo
            cinese e ovviamente quello americano ( la NSA
            precisamente
            )Don't say boiate... http://www.microsoft.com/resources/sharedsource/productsourceprogram.mspx
            se venissero ispezionati i sorgenti credo che MS
            passerebbe un brutto periodo inondata da cause
            legali dovute alle violazioni di brevetti ad
            opera dei suoi
            programmatoriEh si... certamente, sono li apposta per farsi XXXXXXX dal santone.
          • pabloski scrive:
            Re: Morale
            - Scritto da: nome e cognome
            Don't say boiate...

            http://www.microsoft.com/resources/sharedsource/pr

            mmm e questa? "Under the Product Source Programs, Microsoft licenses select Microsoft products to qualifying customers and partners. Only qualifying customers, partners and government agencies are eligible to view the source code published under this program."non ci saranno di mezzo degli NDA? sicuramente si :Dnon mi pare che MS vada in giro nelle università a dare aggratis i sorgenti di Windows
            Eh si... certamente, sono li apposta per farsi
            XXXXXXX dal
            santone.intanto sono stati colti più volte con in mano tecnologie, brevetti e sorgenti altruiil santone intanto ha creato un'ecosistema che si autosostiene, innova e collabora, a differenza di una certa azienda da 2 bit che da 25 anni ci propina sempre le stesse finestrelle colorate
          • Rick scrive:
            Re: Morale
            Il motore endotermico a scoppio ha circa 1 secolo però lo usiamo ancora...
          • pabloski scrive:
            Re: Morale
            pure i kernel ibridi li usiamo ancora, ma c'è Haiku che all'apice dell'evoluzione e NT che è fermo agli anni '70
    • zzz scrive:
      Re: Morale
      No, vuol dire solo che TomTom ha preferito pagare un accordo e liberarsi dei FAT (entrambi: FAT32 e SteveBallmer) invece che pagare spese legali.Un accordo extra-giudiziario non costituisce precedente legale (anche se può essere utilizzato per fare FUD) e non dimostra alcunchè.
      • iRoby scrive:
        Re: Morale
        E se avesse invece pagato Microsoft?Ossia è un accordo extra-giudiziario, può essere accaduto di tutto e la versione ufficiale diramata nei comunicati può non essere quella vera.Quando fu di BeOS M$ ha pagato parecchio all'azienda.
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Morale
      Dipende da come avviene l'implementazione, tratto dall'articolo:"Gli altri tre brevetti rivendicati da Redmond sono salvi, posto che essi vengano implementati seguendo correttamente i dettami della licenza open GPLv2."
  • Pingu scrive:
    Passare a ext2/3
    Basterebbe passare a ext2/3, e qualora venisse inserita una SD formattata FAT32, il dispositivo dovrebbe avvisare che è necessario formattare la scheda di memoria prima di poterla utilizzare, e provvedere a farlo dopo aver ottenuto la conferma dell'utente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Passare a ext2/3
      - Scritto da: Pingu
      Basterebbe passare a ext2/3Così chi usa windows NON potrà neanche aggiornare i POI del navigatore mentre chi usa Linux potrà montare la scheda normalmente. Risultato? qualcuno passerà a linux, e microsoft si crogiolerà con meno clienti dentro al suo file system, abbandonato da tutti.
      • T888 scrive:
        Re: Passare a ext2/3
        no...risultato nessuno compra più il tom tom
        • albertobs88 scrive:
          Re: Passare a ext2/3
          Risultato?Chi dovrà comprare un navigatore, comprerà Tomtom.Una volta a casa si accorgerà che i POI si installano solo tramite il software Tomtom incluso nella confezione.Non cambierà praticamente nulla all'utente finale, perchè il programmino in questione installa un "explorer" del Tomtom.Per chi ha un Tomtom recente sa bene che il Tomtom HOME si interfaccia a tutto il tomtom (POI, mappe, aggiornamenti, ecc...) quindi sa bene che le differenze saranno minime (questo è ciò che penso io ;P)
          • picard12 scrive:
            Re: Passare a ext2/3
            tra l'altro driver ext2/3 per win esistono... sarebbero sicuramente migliorati.
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Passare a ext2/3
            Continuate pure a sognare...
          • picard12 scrive:
            Re: Passare a ext2/3
            grazie per l'augurio, sempre degno d nota e dotto..
          • Alexrgs scrive:
            Re: Passare a ext2/3
            Forse di sogni ce ne sono piu' di uno.Uno di questi e':http://www.ext2fsd.com/projects/projects.htm#ext2fsdche uso quotidianamente avendo un HD portatile formattato in ext3.- Scritto da: Nome e cognome
            Continuate pure a sognare...
          • mazzolatore scrive:
            Re: Passare a ext2/3
            - Scritto da: picard12
            tra l'altro driver ext2/3 per win esistono...
            sarebbero sicuramente
            migliorati.Infatti, basterebbe che il sig. TomTom si degnasse di corredare il navigatore di un driverino che permettesse la lettura/scrittura anche sotto Windows.E con questo chiuderebbe il discorso
        • pauroso OT scrive:
          Re: Passare a ext2/3
          - Scritto da: T888
          no...
          risultato nessuno compra più il tom tom
      • pabloski scrive:
        Re: Passare a ext2/3
        c'è questo http://www.fs-driver.org/ da una vitaleggere e scrivere ext2/ext3 su windows è alla portata di chiunque
        • iRoby scrive:
          Re: Passare a ext2/3
          Infatti quasi tutti i sevice per Windows ti obbligano ad installare un mare di bloatware che facilita all'utente l'uso del device. Cosa gli costa installare i driver ext2/3 per Windows?
          • algaso scrive:
            Re: Passare a ext2/3
            Di fatto non servirebbe nemmeno installare nulla, basterebbe includere un eseguibile per un file manager personalizzato che visualizza ext3es: http://www.chrysocome.net/explore2fs
          • Risposta al commento scrive:
            Re: Passare a ext2/3
            - Scritto da: iRoby
            Infatti quasi tutti i sevice per Windows ti
            obbligano ad installare un mare di bloatware che
            facilita all'utente l'uso del device. Cosa gli
            costa installare i driver ext2/3 per
            Windows?Ti quoto.Per ogni XXXXXXX che si acquista, dove per XXXXXXX mi riferisco a qualsiasi periferica e/o dispositivo di ogni sorta, quasi sempre all'interno della confezione ci trovi il solito CD farcito di software inutili. Basterebbe addizionare ai driver (che solitamente sono lo 00,1% del contenuto dei CD) i driver per EXT2/3.All'arrembaggio!
        • Funz scrive:
          Re: Passare a ext2/3
          - Scritto da: pabloski
          c'è questo http://www.fs-driver.org/ da una vita

          leggere e scrivere ext2/ext3 su windows è alla
          portata di
          chiunqueMa perchè mi dovrei sbattere io per colmare le lacune di Windows?Tra l'altro quando avevo W2000 l'avevo pure fatto, di installare il supporto ad EXT, ma funzionava parecchio male e lasciai perdere per timore di corrompere i dati.
          • pabloski scrive:
            Re: Passare a ext2/3
            - Scritto da: Funz
            Ma perchè mi dovrei sbattere io per colmare le
            lacune di
            Windows?eh beh non c'è altro modo....se TomTom davvero migrasse a Ext2 le uniche possibilità sarebbero IFS o Explore2FSperò la tua affermazione solleva una questione importante e cioè che Windows è incredibilmente lacunoso e infatti chi passa dal mondo Unix a quello Windows se ne accorge subitosolo che siccome l'utonto si è abituato ad usare solo quello che MS mette a disposizione, crede che il mondo finisca lì e vede lacune solo negli OS concorrenti
  • m l scrive:
    ipocrisia microsoft
    microsoft dovrebbe lasciar perdere le pretestuose pretese di brevetti violati dal mondo open source, sia perchè è molto più probabile che un programmatore microsoft copi un codice pubblico open source piuttosto che un programmatore open source copi codice nascosto microsoft, sia perchè microsoft sa benissimo (come tante altre software house) che deve il suo sucXXXXX al fatto di aver sfruttato, nei primi 10 anni di vita di ms-dos/windows, la "pirateria" (l'hanno fatto tutti) per diffondere il proprio software, salvo poi ergersi paladini della legalità una volta raggiunta una posizione di dominio monopolistico sul mercato.microsoft lasci perdere le battaglie legali e pensi piuttosto a fare qualcosa di utile per la comunità, visto quanti software schifezze ci ha propinato per anni, che altrimenti farà la stessa fine che ha fatto encarta con wikipedia...
    • Criticone scrive:
      Re: ipocrisia microsoft
      E qui si vede la confusione imperante: non è questione di codice copiato (in questo caso si tratterebbe di violazione del diritto d'autore) ma di implementazione di un formato di filesystem.
      • pabloski scrive:
        Re: ipocrisia microsoft
        infatti la copia del codice è un reato molto più grave perchè viola i brevetti su cui il codice è basato e in più viola il diritto d'autore
    • nome scrive:
      Re: ipocrisia microsoft
      E' un mucchio di stonzate!!! Scusate se mi sfogo, ma sono anni che sento tutti piangere sul monopolio MS!!! BASTA!!!BASTAAAAAAA!!!!Il mondo e' pieno di OS, di software (open o closed)!! Nessuno mi obbliga a comprare MS: io uso sia OsX che Debian, i miei documenti sono gestiti da Openoffice.org e non ho problemi!!In rete vado con safari e/o iceweasel e non ho MAI dovuto lamentarmi.Non mi piaceva come si comportava Microsoft nei confronti del mondo IT e ho fatto quello che e' in mio potere come persona sensiente: ho cambiato!!!Non ne posso piu' di vedervi/sentirvi piangere
      • Anonimo 1 scrive:
        Re: ipocrisia microsoft
        - Scritto da: nome
        Nessuno mi obbliga a comprare MSGià, infatti nei computer preassemblati Vista te lo regalano.
  • FrancescoP scrive:
    Ingenuità di TomTom con il FAT32...
    Ho capito che usare il FAT32 era più semplice a livello implementativo, ma se avessero deciso fin dall'inizio di usare un altro fs, sarebbero stati anche meno soggetti alla pirateria casuale. Inoltre, mi sembra che *in generale* sia più saggio inibire l'acXXXXX del filesystem interno del TomTom all'utente finale, proprio per evitare che combini disastri.
    • nome e cognome scrive:
      Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
      - Scritto da: FrancescoP
      Ho capito che usare il FAT32 era più semplice a
      livello implementativo, Ma no, è che tutte le sdcard, ma più in generale i supporti preformattati, escono formattati FAT(32). A livello implementativo era assolutamente la stessa cosa, si tratta solo di selezionare la giusta opzione sul menu di configurazione del kernel (make menuconfig eccetera)
      ma se avessero deciso fin
      dall'inizio di usare un altro fs, sarebbero stati
      anche meno soggetti alla pirateria casuale.
      Inoltre, mi sembra che *in generale* sia più
      saggio inibire l'acXXXXX del filesystem interno
      del TomTom all'utente finale, proprio per evitare
      che combini
      disastri."più saggio" dipende. Considera che, almeno nel TomTom Go500, quando colleghi lo strumento al PC via USB esso viene visto come dispositivo di memoria rimovibile (usb-storage). Ogni aggiornamento, pertanto, passa attraverso la copia su tale storage, anche quando si usa TomTom Home. Di conseguenza l'uso di FAT32 era *inevitabile*, stante così l'architettura, e stante il fatto che Windows non è in grado di accedere in scrittura ad altri filesystem che non siano FAT32/NTFS ed oggi exfat.Si poteva forzare l'utente ad installare un driver di terze parti, ma ciò avrebbe comportato maggiori difficoltà per l'utente stesso.Fatte le debite considerazioni, e stante il fatto che fino ad ora Microsoft ha sempre permesso l'uso di fat32 senza perseguire alcuno, era naturale questa scelta.E' abbastanza difficile piuttosto da digerire il fatto che Microsoft possa sfruttare questo brevetto a piacimento: se lo considera una proprietà intellettuale dovrebbe procedere verso chiunque infranga il brevetto (a cominciare dai venditori di storage preformattato), altrimenti sarebbe da considerare il suo disinteresse come una rinuncia al brevetto.Vivremmo tutti meglio.
      • ede scrive:
        Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
        Questo è scorretto: se io ho un diritto, ma mi riservo di non applicarlo in determinate situazioni, non per questo il mio diritto deve venire meno.I brevetti sono come i reati punibili solo attraverso una denuncia, se non faccio denuncia mi sta bene che il reato venga commesso, ma se la faccio deve essere perseguito.
        • outkid scrive:
          Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
          si però è un po' come un'estorsione.Ti faccio delle foto che pomici con la tua amante sotto l'arco di trionfo e poi ti chiamo a casa: o paghi n euro o le do a tua moglie.Sarà anche legale.. ma.. è etico per un'azienda?
          • longinous scrive:
            Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
            - Scritto da: outkid
            si però è un po' come un'estorsione.
            Ti faccio delle foto che pomici con la tua amante
            sotto l'arco di trionfo e poi ti chiamo a casa: o
            paghi n euro o le do a tua
            moglie.
            Sarà anche legale.. ma.. è etico per un'azienda?Hemmm, mi sa che hai sbagliato esempio... questo è stalking più invasione di privacy a scopo di estorsione...Che poi non sia etico siamo d'accordo.
        • Davide Impegnato scrive:
          Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
          Il problema sta proprio nel fatto che non dovrebbe esistere quel diritto. Che diritto ha M$ di menar per l'aia le aziende che operano non_nel_continente_americano, per costringerle a rispettare leggi che esistono solo nel continente americano?Perché io italiano se produco un navigatore satellitare devo sottostare alle leggi americane? perché TomTom (olandese) deve?In EU quel brevetto è carta straccia, ma TomTom deve pagare lo stesso, e chi compra il TomTom, d'ora in avanti, pagherà.PERCHE'?
          • ninjaverde scrive:
            Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
            Probabilmente solo perchè non vuol perdere il mercato in USA no?Certamente occorre dire che se avesso scelto un sistema tutto open questa storia non ci sarebbe.Ho aggiornato un Tom Tom ad un amico.Occorreva "per forza" avere XP e spazio sul disco C: Ha un senso tutto cio?Sono scelte di mercato per facilitare la vita agli utoni, certo, ma purtroppo queste scelte hanno un costo... ed è quello che è sucXXXXX.
      • erererert scrive:
        Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...

        Di conseguenza l'uso
        di FAT32 era *inevitabile*, stante così
        l'architettura, e stante il fatto che Windows non
        è in grado di accedere in scrittura ad altri
        filesystem che non siano FAT32/NTFS ed oggi
        exfat.hmmm... non credo proprio, sai ?
        • Funz scrive:
          Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
          - Scritto da: erererert

          Di conseguenza l'uso

          di FAT32 era *inevitabile*, stante così

          l'architettura, e stante il fatto che Windows
          non

          è in grado di accedere in scrittura ad altri

          filesystem che non siano FAT32/NTFS ed oggi

          exfat.

          hmmm... non credo proprio, sai ?Ah si? Allora perchè il mio XP non riesce ad accedere alle altre partizioni EXT2/3 e ReiserFS sullo stesso disco rigido? Eppure sono standard liberi e documentati, e potrebbero essere implementati in Windows senza difficoltà.
          • Cell scrive:
            Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
            IFS driver, per EXT2/3
            Ah si? Allora perchè il mio XP non riesce ad
            accedere alle altre partizioni EXT2/3 e ReiserFS
            sullo stesso disco rigido? Eppure sono standard
            liberi e documentati, e potrebbero essere
            implementati in Windows senza
            difficoltà.
          • gino scrive:
            Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
            si intendeva ufficialmente da ms
      • outkid scrive:
        Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
        purtroppo la strategia per MS piu' proficua e' quella.E' un po' ciò che avviene cone le leggi in italia no?Ce ne sono mille mila inappilicate.. salvo poi usarle in maniera vessatoria per un motivo x.
      • Xilitolo scrive:
        Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
        - Scritto da: nome e cognome
        E' abbastanza difficile piuttosto da digerire il
        fatto che Microsoft possa sfruttare questo
        brevetto a piacimento: se lo considera una
        proprietà intellettuale dovrebbe procedere verso
        chiunque infranga il brevetto (a cominciare dai
        venditori di storage preformattato), altrimenti
        sarebbe da considerare il suo disinteresse come
        una rinuncia al
        brevetto.
        Vivremmo tutti meglio.Se procedesse verso chiunque diventerebbe palese a tutti, ed in particolare alle istituzioni, la nocività e la demenzialità dei brevetti software, innanzitutto perderebbe ogni speranza di un loro riconoscimento in Europa e poi potrebbero essere rimessi in discussione anche negli USA.Inoltre ad un'azione di massa potrebbe corrispondere una reazione che potrebbe avere effetti imprevedibili per MS.
      • Funz scrive:
        Re: Ingenuità di TomTom con il FAT32...
        - Scritto da: nome e cognome
        Ma no, è che tutte le sdcard, ma più in generale
        i supporti preformattati, escono formattati
        FAT(32).Il solito non-standard-ma-standard-de-facto di MS che strozza la concorrenza e l'innovazione.
        Considera che, almeno nel TomTom Go500, quando
        colleghi lo strumento al PC via USB esso viene
        visto come dispositivo di memoria rimovibile
        (usb-storage). Ogni aggiornamento, pertanto,
        passa attraverso la copia su tale storage, anche
        quando si usa TomTom Home. Di conseguenza l'uso
        di FAT32 era *inevitabile*, stante così
        l'architettura, e stante il fatto che Windows non
        è in grado di accedere in scrittura ad altri
        filesystem che non siano FAT32/NTFS ed oggi
        exfat.Inevitabile non direi...
        Si poteva forzare l'utente ad installare un
        driver di terze parti, ma ciò avrebbe comportato
        maggiori difficoltà per l'utente
        stesso.Insomma, se usi Windows sei abituato a infilare un CD e installare i driver quando compri un nuovo hardware... (nota OT: alla faccia di chi dice che Windows è più facile)
        E' abbastanza difficile piuttosto da digerire il
        fatto che Microsoft possa sfruttare questo
        brevetto a piacimento: se lo considera una
        proprietà intellettuale dovrebbe procedere verso
        chiunque infranga il brevetto (a cominciare dai
        venditori di storage preformattato), altrimenti
        sarebbe da considerare il suo disinteresse come
        una rinuncia al
        brevetto.
        Vivremmo tutti meglio.Vero. Sarebbe ora che tutti i produttori di dispositivi esterni abbandonassero l'obsoleto FAT32 in favore di FS migliori e per di più liberi.
  • vac scrive:
    Se contiente tecnologie M$
    Se d'ora in poi comprare un Tom Tom significhera dare anche solo 10cent a M$ io non ne comprerò.Pagare per un file system come il FAT32 poi è veramente ridicolo.
  • Davide Impegnato scrive:
    Pollycoke
    Pollycoke c'ha messo un giorno di meno... bah...
    • anonimo scrive:
      Re: Pollycoke
      - Scritto da: Davide Impegnato
      Pollycoke c'ha messo un giorno di meno... bah...stiXXXXX
      • outkid scrive:
        Re: Pollycoke
        competente come una casalinga di voghera nel dissertare sulla divina commedia...
        • diktuo scrive:
          Re: Pollycoke
          ...qui invece è pieno di geni! ahahahahahahahahahahah
        • nome scrive:
          Re: Pollycoke
          Non toccate Pollycoke!!!E' uno dei pochi blog di informatica con un po' di sana autoironia......e tornando all'argomento: basta usare ext3 su tutti i dispositivi (portandosi dietro uno dei tanti software per far leggere a winzoz oltre NTFS ("niu tecnologi fil sistem" new!!! (rotfl) ) anche un file system serio!!!
          • Giambo scrive:
            Re: Pollycoke
            - Scritto da: nome
            ...e tornando all'argomento: basta usare ext3 su
            tutti i dispositivi Questo significa che bisogna riscrivere l'algoritmo per ext3: Quello attuale e' protetto da GPL e non credo sia impiegabile in prodotti "closed".Inoltre ext3 e' journaled, non so se fa senso su dispositivi del genere. Forse ext2 puo' bastare (Ed e' sempre un bel passo avanti rispetto a VFAT).Forse l'alternativa migliore e' prendere il codice del FS di *BSD, vista la licenza permissiva di quest'ultimo !
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Pollycoke
            Polly cita le fonti, il che lo rende autorevole.Ext2/3 possono tranquillamente essere usati... ah, TomTom funziona su kernel linux ;-)L'unico problema è che ext2/3 sono ovviamente più computazionalmente pesanti (grazie tante, vfat metti tutto di seguito senza pensare!) quindi serve elettronica più performante, oppure si hanno prestazioni inferiori.vfat è carino per quei dispositivi, come il tomtom, dove non si spostano i file ogni 3 secondi. Per questo vengono usati anche sulle chiavette usb. Ops, ho detto chiavette USB? chissà cosa dirà m$ se se ne accorge....
          • Giambo scrive:
            Re: Pollycoke
            - Scritto da: Davide Impegnato
            L'unico problema è che ext2/3 sono ovviamente più
            computazionalmente pesanti (grazie tante, vfat
            metti tutto di seguito senza pensare!) quindi
            serve elettronica più performante, oppure si
            hanno prestazioni
            inferiori.Per questo dicevo che un FS journaled mi pare "overkill".ext2 va' piu' che bene, magari anche qualcosa di "inferiore" (?).Probabilmente con quel che a TomTom spendeva in avvocati, poteva implementare il proprio FS "minimale" ;) !Tra l'altro, come la mettiamo con la frammentazione del FS, croce di VFAT ?
      • ahahblabla scrive:
        Re: Pollycoke
        ma vaffan*ulo va'...
      • Pollycozza scrive:
        Re: Pollycoke

        Per quale motivo scusa? Non puoi dire che felipe non sia una persona
        competente, soprattutto se pensi che quello non è il suo lavoroecco il tipico fanboy che fa pure l'amicone di ""felipe""(ma chi (4zz.0 vi conosce poi....)stessa pasta di Salvo aranzulla........"che cancella i commenti dal sul blog dicendo incivili anarchici" e si fa circondare da una fitta schiera di adulatori buoni solo per gli ads pubblicitari.....
        • edenroz scrive:
          Re: Pollycoke
          ma tu guarda quanto sei idiota.di commenti dissacranti su pollycoke ne ho lasciati parecchi, non me li ha mai cancellati!Salvo aranzulla invece si diverte a cancellarli, in modo da far pensare agli idioti come te che sia il beniamino di internet.10 euro che sto commento verra cancellato da PI, forse non sarà censura ma di certo su pollycoke una cosa del genere non avverrà mai. Stimo molto felipe, fa informazione molto migliore di quanto possa farne tu o PI messi assieme, fatti i tuoi 5 minuti all'angolino e buona deframmentazioneQui siamo tutti fanboy, fanboy di qua e fanboy di la. Anche io mi sento un fanboy della nutella se è per questo, sono un fanboy dei baustelle.... e tu di cosa sei un fanboy???
          • Vistabuntu scrive:
            Re: Pollycoke
            - Scritto da: edenroz
            ma tu guarda quanto sei idiota.
            di commenti dissacranti su pollycoke ne ho
            lasciati parecchi, non me li ha mai
            cancellati!

            Salvo aranzulla invece si diverte a cancellarli,
            in modo da far pensare agli idioti come te che
            sia il beniamino di
            internet.

            10 euro che sto commento verra cancellato da PI,
            forse non sarà censura ma di certo su pollycoke
            una cosa del genere non avverrà mai. Stimo molto
            felipe, fa informazione molto migliore di quanto
            possa farne tu o PI messi assieme, fatti i tuoi 5
            minuti all'angolino e buona
            deframmentazione

            Qui siamo tutti fanboy, fanboy di qua e fanboy di
            la. Anche io mi sento un fanboy della nutella se
            è per questo, sono un fanboy dei baustelle.... e
            tu di cosa sei un
            fanboy???A me quelli scomodi li ha deletati tutti
        • edenroz scrive:
          Re: Pollycoke
          ahahah, c.v.d.
          • anonimo scrive:
            Re: Pollycoke
            - Scritto da: edenroz
            ahahah, c.v.d.L'ho letto il tuo messaggio, gli hai dato dell'idiota o qualcosa di simile. E' una violazione della policy quindi hai poco da compiacerti, è normale che l'abbiano cancellato.Io al contrario degli altri quel blog lo conosco poco, ma le poche volte che ci sono stato ho letto un sacco di cose errate e per non parlare poi dei commenti, roba da mettersi le mani nei capelli. A me chi gestisce quel blog dà l'idea di uno che si è iscritto al feed di planet kde, planet gnome, slashdot e che prende notizie solo da lì. Avrà sucXXXXX perché tanti italiani non sanno l'inglese e non sono in grado di capire le fonti originali (basta poco, cioè iscriversi a quei 3 feed). Il tizio le reinterpreta a modo suo aggiungendo diverse castronerie e quelli che lo seguono prendono tutto per oro colato.
          • QUOTONE scrive:
            Re: Pollycoke

            Io al contrario degli altri quel blog lo conosco poco, ma le poche
            volte che ci sono stato ho letto un sacco di cose errate e per non
            parlare poi dei commenti, roba da mettersi le mani nei capelli.
            A me chi gestisce quel blog dà l'idea di uno che si è iscritto al
            feed di planet kde, planet gnome, slashdot e che prende notizie solo
            da lì. Avrà sucXXXXX perché tanti italiani non sanno l'inglese e non
            sono in grado di capire le fonti originali (basta poco, cioè
            iscriversi a quei 3 feed). Il tizio le reinterpreta a modo suo
            aggiungendo diverse castronerie e quelli che lo seguono prendono
            tutto per oro colato.qUOTO IN pieno
          • Dani scrive:
            Re: Pollycoke
            Lo dico in maniera imparziale e da semplice lettore: Pollycoke è il blog italiano #1 su linux e software libero (e non solo). Appassionante, fresco e _mai_ banale. Peccato che esistano ovunque i qualunquisti che pur di screditare qualcuno farebbero carte false...Meditate.
    • ahahblabla scrive:
      Re: Pollycoke
      ma vaffan*o va...
Chiudi i commenti