Equo compenso, il tavolo italiano

E' stato istituito presso il MiBAC, per monitorare il mercato e scodellare proposte. Vi siederanno istituzioni, detentori dei diritti, SIAE e produttori di dispositivi e supporti

Roma – I convitati sono rappresentanti delle istituzioni e dei detentori dei diritti, parteciperanno anche esponenti dell’industria dei supporti e dei dispositivi elettronici: il MiBAC ha annunciato l’istituzione con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del tavolo di lavoro tecnico sulla copia privata.

Il suo avvento era stato promesso nel quadro del cosiddetto decreto Bondi firmato nelle ultime ore del 2009, con il quale si è aggiornato il tariffario e si è ampliato il novero dei dispositivi e dei supporti al cui prezzo viene applicata una maggiorazione volta a ricompensare i detentori dei diritti per le copie private legittimamente effettuate da chi acquista contenuti. Un tavolo per raccogliere e dibattere le istanze delle parti in causa, per avere il polso del mercato e prevenire eventuali controversie.

Controversie che peraltro ribollono su diversi fronti: se i detentori dei diritti sono compatti nel mostrare soddisfazione, sia i consumatori sia i rappresentanti dell’industria dei supporti non esprimono entusiasmo nei confronti di una disposizione che dovrebbe riversare nelle casse della SIAE oltre 250 milioni di euro l’anno. Denari prelevati al momento dell’acquisto di un apparecchio che può contenere copie private ma che non viene necessariamente impiegati per quello scopo, prelevati nonostante il fatto che il consumatore non abbia la certezza di poter effettuare una copia dei contenuti che acquista legalmente, prelevati anche dalle tasche di coloro che già remunerano gli autori pagando una licenza per effettuare lecitamente una copia dei contenuti acquisiti.

Di questi nodi è probabile si occuperà il tavolo tecnico istituito presso il MiBAC: il decreto gli affida il compito di “monitorare le dinamiche reali del mercato dei supporti e degli apparecchi interessati dal prelievo per copia privata e di formulare proposte ai fini dell’aggiornamento del decreto ministeriale di determinazione del compenso”. Per ora non è dato sapere come si intesseranno le trattative, non è dato sapere se, come sta avvenendo in Svizzera, si soppeseranno con attenzione e con prudenza i tipi di dispositivi che dovranno remunerare i detentori dei diritti.

Certo è che il coordinamento spetterà a Mario Torsello del MiBAC, vi parteciperà un delegato della Presidenza del Consiglio e del Ministero dello Sviluppo Economico, mentre si fronteggeranno i rappresentanti dei detentori dei diritti e dell’industria dei contenuti (il presidente di SIAE Giorgio Assumma, il presidente di FIMI Enzo Mazza, Paolo Ferrari di Confindustria Cultura, Mario Gallavotti di ANICA) e i rappresentanti dell’industria degli apparecchi (Stefano Pileri per Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Guidalberto Guidi per Confindustria ANIE, Mario Pissetti per l’Associazione di Categoria dei produttori dei supporti magnetici e Maurizio Iorio per Confcommerio ANDEC).
Nessuno spazio è stato riservato per i consumatori, nonostante fossero le schiere più agguerrite all’indomani della firma del Decreto Bondi e nonostante siano con ogni probabilità la parte più interessata dal prelievo per compenso per copia privata. Ma, si spiega nel decreto, “il Tavolo di lavoro tecnico può essere integrato, di volta in volta, su disposizione del Coordinatore, con i rappresentanti delle associazioni e degli enti interessati”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anonym ous scrive:
    Povera Figlia
    costretta a usare un XXXXX del genere...
  • Wolf01 scrive:
    Kin invenduti
    Essendo la brutta copia di iPhone 2G non mi stupisco che restino invenduti: manca il multitasking, manca il copia incolla, software installabile solo da Microsoft Marketplace, software sviluppabile solo con C# e XNA...A sto punto uno si prende un iPhone4.Comunque PER ME 1000 volte meglio WM fino a 6.5.3
    • Rover scrive:
      Re: Kin invenduti
      Confermo.Ottimo WM 6.5.3Poi si scateneranno i soliti noti....
    • r1348 scrive:
      Re: Kin invenduti
      - Scritto da: Wolf01
      Comunque PER ME 1000 volte meglio
      WM fino a
      6.5.3Ritieniti fortunato: PER ME WM 6.1 si è dimostrato un'esperienza raccapricciante, che ancora mi sveglio urlando la notte credendo che devices.exe sia crashato.
      • Max3D scrive:
        Re: Kin invenduti
        probabilmente colpa dell'hardware, io sul mio HTC HD, dopo aver provato di tutto, ho messo su una rom con WinMo 6.1 proprio perche' le prestazioni del 6.5 mi lasciavano un po' perplesso, certo che se vuoi un pc da tasca e pretendi di farlo con un HP da 200 hai preso una cantonata.Sicuramente con un HD2 o cmq. con un procio da 1Ghz il 6.5 gira una meraviglia-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 giugno 2010 15.28-----------------------------------------------------------
        • Rover scrive:
          Re: Kin invenduti
          Difatti pesno che rispetto a WM 6.1 ci siano due varianti imnportanti, con HD2:procio da 1ghz e sistema operativo migliorato
      • Rover scrive:
        Re: Kin invenduti
        Ti "incubi per poco, la notte!
    • Qualunquista scrive:
      Re: Kin invenduti
      mah!http://www.youtube.com/watch?v=tRlYjzRhuxM&feature=player_embedded
    • Aleph72 scrive:
      Re: Kin invenduti
      - Scritto da: Wolf01
      Comunque PER ME 1000 volte meglio
      WM fino a
      6.5.3Io questo me lo sono perso. L'ultimo WM che ho avuto era il TytnII che aveva, se non sbaglio, la 6.1.Che migliorie hanno apportato con la 6.5.3? Solo per curiosità.
    • ottomano scrive:
      Re: Kin invenduti
      - Scritto da: Wolf01
      Essendo la brutta copia di iPhone 2G non mi
      stupisco che restino invenduti: manca il
      multitasking, manca il copia incolla, software
      installabile solo da Microsoft Marketplace,
      software sviluppabile solo con C# e
      XNA...
      A sto punto uno si prende un iPhone4.

      Comunque PER ME 1000 volte meglio
      WM fino a
      6.5.3+1
  • Sergio scrive:
    ridicola
    hihihi povera Microsoft :))))))))
Chiudi i commenti