Facebook Moments in Europa è meno fisionomista

Facebook Moments in Europa è meno fisionomista

L'applicazione, pensata per identificare i soggetti ritratti nelle foto scattate dagli utenti, si limita a individuare delle somiglianze. L'Europa non intende tollerare che il riconoscimento facciale diventi schedatura
L'applicazione, pensata per identificare i soggetti ritratti nelle foto scattate dagli utenti, si limita a individuare delle somiglianze. L'Europa non intende tollerare che il riconoscimento facciale diventi schedatura

Facebook aveva avvertito : il social network è disposto ad adattarsi alle specificità delle leggi locali e alle esigenze di privacy dettate dalle autorità, ma a patirne saranno i cittadini, utenti del social network che fruiranno di funzioni parziali. È quanto avvenuto per Facebook Moments , applicazione per la condivisione di fotografie incentrata sulla capacità di riconoscere gli amici sulla base dei tratti del volto, applicazione che in Europa è stata messa a disposizione mutilata della sua funzione più rilevante.

Facebook sta investendo con decisione sulle proprie tecnologie per il riconoscimento facciale: il sistema DeepFace ha dimostrato di poter operare con un’accuratezza paragonabile all’occhio umano e Menlo Park sta lavorando per identificare gli individui anche nello scorrere dei frame dei video. Il social network considera il riconoscimento facciale come una soluzione per favorire l’interazione e il coinvolgimento dei propri utenti e Moments, app a sé stante lanciata lo scorso anno negli USA, opera proprio con questo intento: permette di aggregare e organizzare le immagini scattate con il proprio smartphone, e di suggerire opportunità di condivisione con delle persone identificate nelle foto sulla base dei tratti del loro volto.

L’Europa non tollera che il riconoscimento facciale venga messo a frutto dalle aziende ai danni della riservatezza del cittadino, lo ritiene uno strumento che di fatto contribuisce a schedare gli individui? Facebook ha già accettato di sospendere nel Vecchio Continente la funzione di riconoscimento facciale asservita all’etichettatura automatica a mezzo tag sul social network e ha scelto di fare altrettanto con Moments.

badge

È così che in Canada e in Europa, dove vigono regolamentazioni più garantiste rispetto alla privacy dei cittadini, l’app è stata proposta in versione ridotta : non identifica gli individui immortalati nelle foto, ma si limita a suggerire che determinate immagini possono raffigurare lo stesso individuo. Il social network ha riferito che l’applicazione, in Europa e in Canada, non lavora con tecnologie di riconoscimento facciale ma impiega delle soluzioni meno sofisticate che individuano somiglianze fra i volti sulla base di parametri meno dettagliati, limitandosi ad analizzare la distanza tra gli elementi del viso, senza tenere conto delle espressioni. Spetta all’utente, in Europa e in Canada, attribuire un nome alla persona che Moments riconosce come ricorrente nelle foto, e la categorizzazione sarà al servizio del solo utente.

Non è dato sapere, per ora, se gli utenti europei considereranno un equo compromesso rinunciare alla funzione centrale dell’applicazione nel nome del proprio diritto alla privacy. Non è dato sapere nemmeno se Facebook potrà confidare nel futuro di Moments negli States: anche Oltreoceano le autorità si mostrano impensierite rispetto al riconoscimento facciale e le tecnologie sfruttate dal social network si dovranno presso confrontare con la giustizia.

Gaia Bottà

Fonte immagine

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 11 mag 2016
Link copiato negli appunti