Facebook, promesse più

Il social network in blu risponde a Google e si prepara a lanciare un nuovo servizio in collaborazione con Microsoft. La battaglia si svolgerà sulle videochiamate di gruppo?

Roma – Facebook, secondo le indiscrezioni, starebbe per lanciare un nuovo servizio di chat video in collaborazione con Skype , recentemente passato sotto l’egida di Microsoft.

Si tratterebbe della nuova “fantastica funzione” annunciata per il 6 luglio da Mark Zuckerberg: ma dato che nel frattempo vi è stato il positivo esordio, in beta testing, di Google+, la mossa del social network in blu sembra la risposta alla nuova iniziativa di Mountain View.

Il nuovo servizio di chat video funzionerà, si mormora , via browser e offrirà quella che viene descritta come una “profonda integrazione” tra Facebook e Skype e quindi un triangolo inatteso contrapposto a Google, vista la recente acquisizione del servizio VoIP da parte di Microsoft.

La sfida si giocherà dunque, oltre che in generale sulla capacità di fare “rete” del nuovo social network targato Google, sui servizi di chat video, per cui Mountain View ha già offerto una versione con conversazioni di gruppi, servizio che invece per il momento Skype limita agli utenti paganti.

Inoltre un nuovo sito, creato dagli uomini di Facebook e chiamato Circle Hack, permette tramite una funzione di drag-and-drop , una distribuzione dei propri amici Facebook simile a quella pensata per i circoli di Google+ .

A supporto di quelle che sono ancora indiscrezioni, Facebook ha confermato un evento-lancio per la prossima settimana.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    E' finita
    Condizioni draconiane dei produttori: dacci tutti i diritti di sfruttamento commerciale, per sempre, in cambio di una percentuale ridicola sugli incassi. Altrimenti stai fuori dal mercato.E' finita, gente, rendetevene conto o estinguetevi.
  • Ad esempio Valeria Del Monte scrive:
    c'è un piccolo problema
    L'autore non ha calcolato che chi scarica un film dal torrente è perchè lo conosce già. Non ho mai visto nessuno scaricare film di cui non ha mai almeno sentito parlare e/o visto un trailer.
    • Riketto scrive:
      Re: c'è un piccolo problema
      magari poi me ne dimentico (non di fare quello che dico, ma mi dimentico il titolo del film, etc), ma la mia intenzione sarebbe quella di scaricare meta' di quel film e se e' di mio gradimento poi andare a vederlo al cine. Se non e' di mio gradimento non lo finisco neppure.
  • anonimo scrive:
    Come mai lo fa?
    La spiegazione è nelle prime righe dell'articolo:"Justin Eugene Evans è l'ultimo dei registi"Non lo conosco, ma chissà perché chi usa queste tecniche di marketing produce cose che nessuno mai comprerebbe.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come mai lo fa?
      Insomma, mica del tutto vero... The Tunnel è una classica produzione da major, mentre ci sono perle su VoDo che hanno riscosso un buon sucXXXXX di pubblico e di incassi. Dagli YesMen alla serie Pioneer One, per scrivere i primi due che mi vengono in mente. Certamente mancano i polpettoni hollywoodiani tutti effetti speciali (costosissimi) e niente trama, ma può essere un bene invece che un male.
Chiudi i commenti