Falla IE, arriva la patch

Nella serata di oggi Microsoft rilascerà una patch straordinaria per correggere la nota vulnerabilità zero-day di Internet Explorer

Roma – Microsoft ha fatto sapere che nella serata di oggi rilascerà una patch straordinaria per risolvere la vulnerabilità di sicurezza zero-day emersa in Internet Explorer la scorsa settimana, e già sfruttata dai criminali informatici.

La patch sarà pubblicata intorno alle 19,00 ora italiana, e non appena disponibile potrà essere scaricata dal Microsoft Download Center .

Feliciano Intini, chief security advisor di Microsoft Italia, spiega in questo post che il rilascio di questa patch fuori dal tradizionale ciclo mensile dei bollettini di Microsoft si è reso necessario per via della “diffusione che si sta osservando di siti web infettati tramite gli attacchi di SQL Injection di cui detto nel post precedente . “In questo modo, – continua Intini – anche siti che gli utenti ritengono affidabili potrebbero risultare veicolo di infezione”.

Il security advisor di Microsoft Italia sottolinea come, dal momento in cui BigM ha cominciato ad investigare sul problema ad oggi, sono trascorsi 8 giorni: un tempo record, dice Intini, se si considera che la patch dev’essere testata su tutte le versioni supportate di Windows e su tutte le relative localizzazioni (27).

Intini ha confermato che tutte le versioni di IE sono vulnerabili, ma che al momento gli attacchi interessano esclusivamente la versione 7.0.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Protervia e violenza
    Ecco cos'è il regime cinese.Sono le loro leggi il problema, non la loro "volontà di farle rispettare". Qualunque opinione contraria al regime è un crimine.
  • Caribe 1999 scrive:
    Reati d'opinione
    Chiaro ad evidente è che nel caso in cui uno stato preveda i reati d'opinione possono nascere queste deliziose contraddizioni in un mondo, come quello attuale, fortemente globalizzato per quanto riguarda le comunicazioni.Ciò che è reato esprimere in un posto non lo è in un altro o, peggio ancora, se è reato negare delle cose in un posto potrebbe essere reato non negarle in un altro!Purtroppo esistono già dei casi reali.
  • Joliet Jake scrive:
    Loro parlano e quaggiù prendono appunti
    Purtroppo... :s
Chiudi i commenti