Fiji, le GPU AMD di nuova generazione

Sunnyvale ha svelato le sue nuove schede grafiche discrete, una linea di prodotti che si avvantaggia di un nuovo processo produttivo e offre tutto il necessario per videogiocare in Ultra HD a 60 fps

Roma – Approfittando del palco dell’E3 2015, AMD ha presentato ufficialmente le nuove Radeon R9 ed R7 che andranno presto a coprire tutte le fasce di prezzo nel mercato delle GPU discrete; Fiji, l’architettura di ultima generazione alla base delle GPU, dovrebbe garantire (secondo la corporation) prestazioni superiori alla risoluzione Ultra HD/4K.

Con Fiji AMD adotta finalmente un nuovo processo produttivo a 28nm, fatto che favorisce la riduzione dei consumi e un incremento di performance per Watt che Sunnyvale non manca di sottolineare nel mostrare le sue nuove GPU .

La “nuova era del gaming su PC”, come l’ha definita AMD, comincia prima di tutto con la scheda Radeon R9 Fury X, un “mostro” di potenza con raffreddamento a liquido, architettura di memoria 3D HBM ( High-Bandwidth Memory ) e prestazioni per Watt 3 volte superiori rispetto alla generazione precedente. Evidentemente, Fury X è pensata per scontrarsi direttamente con la GeForce GTX 980 Ti al vertice del mercato con un prezzo adeguato all’offerta (649 dollari).

Le Radeon Rx 300 di rango inferiore abbandonano la memoria HBM e il raffreddamento a liquido per un design costruttivo più tradizionale, offrendo prestazioni ancora adeguate al gioco in Ultra HD (R9 Fury, R9 390X, R9 390 ed R9 380) oppure pensate per un solido livello di frame al secondo in Full HD (Radeon R7 370, R7 360); i prezzi vanno dai 549 dollari della Radeon R9 Fury ai 109 della Radeon R7 360. Indipendentemente dalle performance, poi, tutte le schede sono dotate di pieno supporto per le librerie grafiche DirectX 12 in arrivo assieme a Windows 10.

AMD ha presentato le nuove Radeon nell’ambito di un evento dedicato in esclusiva ai videogiochi su PC , un gradito ritorno all’E3 dei tempi che furono, quando le console non avevano ancora monopolizzato il settore, e che ha anche offerto la possibilità di mostrare un prototipo di sistema ultra-pompato e compatto su cui stanno lavorando gli ingegneri di Sunnyvale.

Project Quantum , questo il nome del prototipo, dovrebbe integrare due GPU Fiji in uno chassis unico (magari della linea Radeon Fury Nano, con un raddoppio delle performance per watt rispetto al passato in metà dello spazio di PCB) per far girare “qualsiasi gioco” in Ultra HD ad almeno 60 frame al secondo. Considerando il possibile vantaggio delle nuove architetture APU per quanto riguarda lo streaming di titoli da Xbox One , AMD dovrebbe avere una line-up adeguata a sfidare NVIDIA e Intel in ambito ludico.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • silvan scrive:
    Constatazione.
    Non serve scomodare l'Europa per accorgersi che la libertà di espressione è sempre più soffocata, lo stesso Punto Informatico la pratica ampiamente.
  • ... scrive:
    dov'e' Legione?
    oh, qui e' roba da azzeccagarbugli, ma Legione dov'e'? sara' mica ricoverato in TSO sotto farmaci e in camera di contenimento? camicia di forza, occhi vitrei, bava alla bocca che salta da una parete all'attra urlado "vi denucio tuttiiii", tentando inutilvente di sfondare a testate l'oblo corazzato della porta quando un inserviente si affaccia per vedere se e' ancora vivo... che disastro le malattie mentali :-(
  • xx tt scrive:
    Commenti esternalizzati
    Credo che alla fine dopo ogni articolo di giornale ci sarà un bel codice hashtag di riferimento. E in un'altra parte del sito si metterà in evidenza una serie di "forum offshore" dove parrebbe che qualche cattivone faccia commenti quando invece non si potrebbe.E così magicamente ci sarà sempre un thread in questi forum offshore identificabile con l'hashtag dell'articolo e quindi chi vorrà potrà commentare. Questi pirati commentatori!Naturalmente i siti italiani scoraggeranno tantissimo questa pratica illegale, mettendo in prima pagina, fissa, la descrizione di questa pratica assolutamente da evitare! :-)
  • prova123 scrive:
    un'azienda di traghetti ?
    Quindi secondo l' europa germania e francia se un'azienda fa un servizio di palta o addirittura truffa le persone queste non possono criticare ma devono avere un comportamento omertoso ? Bei personaggetti che abbiamo in europa!I questionari in forma anonima che sottopongono ai clienti perchè "le critiche dei clienti fanno crescere l'azienda" hanno deciso di eliminarli? :DNegano l'esistenza degli immigrati chiudendogli la porta in faccia lasciando all'italia il problema e poi hanno il coraggio di parlare di violazione dei diritti umani?A questo punto è necessario un intervento divino, spero che abbia abbastanza mira:http://www.today.it/scienze/metetorite-terra-2017.html
    • jnygkkyg scrive:
      Re: un'azienda di traghetti ?
      L'Italia ha trovato un bel business nel traffico di clandestini mascherato da operazione umanitaria.
    • collione scrive:
      Re: un'azienda di traghetti ?
      - Scritto da: prova123
      Bei personaggetti che abbiamo in
      europa!l'UE, un branco di personaggetti[img]http://www.salernonotizie.it/wp-content/uploads/2015/05/Crozza_Imita_De_Luca.jpg[/img]
      • silvan scrive:
        Re: un'azienda di traghetti ?
        Altro che personaggetti, mi sembrano invece tanti servi ben pagati dai "poteri forti" .
  • panda rossa scrive:
    La solita pezza peggiore del buco
    Siamo alle solite.All'alba del terzo millennio dobbiamo ancora avere a che fare con questi residuati della preistoria, che vengono denominati reati di opinione, lesioni di onore, diffamazioni, odio verbale e tutte le altre variopinte definizioni.Sono idee. Soltanto idee. Semplici ed innocue idee.E il giudizio nei confronti delle idee e' evidentemente soggettivo.Ci sono idee che piacciono, e idee che non piacciono.E che cosa fa la gente quando si imbatte in idee che non piacciono? Non contrasta mica l'idea, no! Contrasta la persona che la manifesta.Se la prende col palo che sorregge il cartello.Se la prende col link che punta al contenuto scomodo.E adesso se la prende col sito che ospita il commento.Eppure la soluzione sarebbe semplicissima: basta abrogare queste leggi arcaiche e restituire tutta la dignita' a quei sacrosanti concetti presenti in tutte le costituzioni democratiche che vanno sotto il nome di LIBERTA' DI ESPRESSIONE
    • Giulia scrive:
      Re: La solita pezza peggiore del buco
      No, basta ad esempio in Italia , eliminare tutta la seconda parte dell articolo 21 (e di tanti altri articoli che introducono bellissimi principi seguiti da una serie di distinguo!)
    • Ecco scrive:
      Re: La solita pezza peggiore del buco
      È una cosa che mi è capitato di pensare più volte e sono d'accordo con te. L'offesa in tanti casi non è ammessa, mi si può dire che è di cattivo gusto, che sono maleducato ecc. ma effettivamente punire una persona perchè ha parlato... non l'ho mai capita sta cosa. Residui di dittatura?
      • prova123 scrive:
        Re: La solita pezza peggiore del buco
        - Scritto da: Ecco
        È una cosa che mi è capitato di pensare più volte
        e sono d'accordo con te. L'offesa in tanti casi
        non è ammessa, mi si può dire che è di cattivo
        gusto, che sono maleducato ecc. ma effettivamente
        punire una persona perchè ha parlato... non l'ho
        mai capita sta cosa. Residui di
        dittatura? o realtà mafiosa?
      • kriss scrive:
        Re: La solita pezza peggiore del buco
        Si possono esprimere le proprie idee senza andare sulloffensivo. Libertà di espressione non equivale a libertà di offendere, diffamare o istigare allodio. Quando si scade ad offese più o meno pesanti di solito è sintomo di mancanza di argomentazioni valide o grettezza danimo.
        • prova123 scrive:
          Re: La solita pezza peggiore del buco
          Stiamo parlando del prodotto di un'azienda ...
        • panda rossa scrive:
          Re: La solita pezza peggiore del buco
          - Scritto da: kriss
          Si possono esprimere le proprie idee senza andare
          sulloffensivo.Che cosa ne posso sapere io se tu ti offendi?Ci sono idee che se vengono espresse in un contesto ottengono approvazione e applausi, in un altro contesto ottengono totale indifferenza, e in un altro contesto ancora vieni messo al rogo.Per le stesse esatte parole.Che facciamo?
          Libertà di espressione non
          equivale a libertà di offendere, diffamare o
          istigare allodio. Quando si scade ad offese più
          o meno pesanti di solito è sintomo di mancanza di
          argomentazioni valide o grettezza
          danimo.Non si sta parlando di insulti. Si sta parlando di concetti astratti su temi non facili: per esempio in materia di religione.
          • Izio01 scrive:
            Re: La solita pezza peggiore del buco
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: kriss

            Si possono esprimere le proprie idee senza
            andare

            sulloffensivo.

            Che cosa ne posso sapere io se tu ti offendi?

            Ci sono idee che se vengono espresse in un
            contesto ottengono approvazione e applausi, in un
            altro contesto ottengono totale indifferenza, e
            in un altro contesto ancora vieni messo al
            rogo.

            Per le stesse esatte parole.

            Che facciamo?


            Libertà di espressione non

            equivale a libertà di offendere, diffamare o

            istigare allodio. Quando si scade ad offese
            più

            o meno pesanti di solito è sintomo di
            mancanza
            di

            argomentazioni valide o grettezza

            danimo.

            Non si sta parlando di insulti. Si sta parlando
            di concetti astratti su temi non facili: per
            esempio in materia di religione.Tutto esatto.Generalmente i censori in erba si infuriano se qualcuno pubblica pensieri a loro invisi, nel qual caso fanno petizioni per chiudere il sito, il blog, la pagina Facebook. In compenso sorridono e strizzano l'occhio a chi se la prende allo stesso modo con i loro avversari, magari parlando di impiccagione, botte e piombo. In quel caso va bene, è satira, è legittima irritazione, eccetera.Nel dubbio, a me non piace censurare nessuno.
          • ... scrive:
            Re: La solita pezza peggiore del buco
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: kriss

            Si possono esprimere le proprie idee senza
            andare

            sulloffensivo.

            Che cosa ne posso sapere io se tu ti offendi?

            Ci sono idee che se vengono espresse in un
            contesto ottengono approvazione e applausi, in un
            altro contesto ottengono totale indifferenza, e
            in un altro contesto ancora vieni messo al
            rogo.

            Per le stesse esatte parole.

            Che facciamo?


            Libertà di espressione non

            equivale a libertà di offendere, diffamare o

            istigare allodio. Quando si scade ad offese
            più

            o meno pesanti di solito è sintomo di
            mancanza
            di

            argomentazioni valide o grettezza

            danimo.

            Non si sta parlando di insulti. Si sta parlando
            di concetti astratti su temi non facili: per
            esempio in materia di
            religione illogiche supersizioni a sfondo suprannaturale.FIXED
          • panda rossa scrive:
            Re: La solita pezza peggiore del buco
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: kriss


            Si possono esprimere le proprie idee senza

            andare


            sulloffensivo.



            Che cosa ne posso sapere io se tu ti offendi?



            Ci sono idee che se vengono espresse in un

            contesto ottengono approvazione e applausi, in
            un

            altro contesto ottengono totale indifferenza, e

            in un altro contesto ancora vieni messo al

            rogo.



            Per le stesse esatte parole.



            Che facciamo?




            Libertà di espressione non


            equivale a libertà di offendere, diffamare
            o


            istigare allodio. Quando si scade ad
            offese

            più


            o meno pesanti di solito è sintomo di

            mancanza

            di


            argomentazioni valide o grettezza


            danimo.



            Non si sta parlando di insulti. Si sta parlando

            di concetti astratti su temi non facili: per

            esempio in materia di

            <s
            religione </s
            illogiche supersizioni a
            sfondo
            suprannaturale.
            FIXEDCome osi? @^I miei dei onnipotenti ti puniranno tramite la mia mano, per la bestemmia che hai proferito, e io mi saro' guadagnato il paradiso. O)
        • ... scrive:
          Re: La solita pezza peggiore del buco
          - Scritto da: kriss
          Si possono esprimere le proprie idee senza andare
          sulloffensivo. Libertà di espressione non
          equivale a libertà di offendere, diffamare o
          istigare allodio. Quando si scade ad offese più
          o meno pesanti di solito è sintomo di mancanza di
          argomentazioni valide o grettezza
          danimo.Io mi sento offeso, umiliato e diffamato se qualcuno parla di "mancanza di argomentazioni valide o grettezza danimo."Cioè quello che hai appena detto tu.Come la mettiamo?
      • collione scrive:
        Re: La solita pezza peggiore del buco
        - Scritto da: Ecco
        mai capita sta cosa. Residui di
        dittatura?il 90% del nostro codice è un residuo del Codice Rocco ( aka codice fascista )
    • marcione scrive:
      Re: La solita pezza peggiore del buco
      - Scritto da: panda rossa
      Siamo alle solite.
      All'alba del terzo millennio dobbiamo ancora
      avere a che fare con questi residuati della
      preistoria, che vengono denominati reati di
      opinione, lesioni di onore, diffamazioni, odio
      verbale e tutte le altre variopinte
      definizioni.

      Sono idee. Soltanto idee. Semplici ed innocue
      idee.

      E il giudizio nei confronti delle idee e'
      evidentemente
      soggettivo.

      Ci sono idee che piacciono, e idee che non
      piacciono.
      E che cosa fa la gente quando si imbatte in idee
      che non piacciono? Non contrasta mica l'idea, no!
      Contrasta la persona che la
      manifesta.

      Se la prende col palo che sorregge il cartello.
      Se la prende col link che punta al contenuto
      scomodo.

      E adesso se la prende col sito che ospita il
      commento.

      Eppure la soluzione sarebbe semplicissima: basta
      abrogare queste leggi arcaiche e restituire tutta
      la dignita' a quei sacrosanti concetti presenti
      in tutte le costituzioni democratiche che vanno
      sotto il nome
      di

      LIBERTA' DI ESPRESSIONE anche l'essere offensivo e' espressione di qualcosa quindi basta moralismi.e se proprio vogliamo fare i brillanti, riabilitiamo il rutto come forma di comunicazione immediata (chiacchierata : telefonata = rutto : sms).
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: La solita pezza peggiore del buco
      - Scritto da: panda rossa
      Sono idee. Soltanto idee. Semplici ed innocue
      idee.Peccato che le ideologie non tollerino le idee che non siano le sue, di conseguenza pretende la censura ed un'arma per mettere a tacere chi non le condivide (le vie legali).C'è solo un caso dove la parola dovrebbe essere reato, e cioè la diffamazione del forte verso il debole, cioè quando qualcuno che conta inventa un'accusa contro chi non ha la stessa forza di reazione o replica. In sostanza, una violenza dettata dal maggiore potere.In ogni altro caso, non ha senso che se ne occupi la Legge
    • bubba scrive:
      Re: La solita pezza peggiore del buco
      - Scritto da: panda rossa
      Siamo alle solite.
      All'alba del terzo millennio dobbiamo ancora
      avere a che fare con questi residuati della
      preistoria, che vengono denominati reati di
      opinione, lesioni di onore, diffamazioni, odio
      verbale e tutte le altre variopinte
      definizioni.

      Sono idee. Soltanto idee. Semplici ed innocuementre si lotta contro i mulini a vento e i commenti anonimi, in italia accade un piccolo miracolo.... un potente condannato per lite temeraria http://www.ilpost.it/2015/06/18/formigoni-gabanelli-lite-temeraria/ .. cosa piu' rara di un gronchi rosa....
      • panda rossa scrive:
        Re: La solita pezza peggiore del buco
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: panda rossa

        Siamo alle solite.

        All'alba del terzo millennio dobbiamo ancora

        avere a che fare con questi residuati della

        preistoria, che vengono denominati reati di

        opinione, lesioni di onore, diffamazioni, odio

        verbale e tutte le altre variopinte

        definizioni.



        Sono idee. Soltanto idee. Semplici ed innocue
        mentre si lotta contro i mulini a vento e i
        commenti anonimi, in italia accade un piccolo
        miracolo.... un potente condannato per lite
        temeraria
        http://www.ilpost.it/2015/06/18/formigoni-gabanellCapirai che condanna! 5000 euro.E' un incentivo a intentarne di piu' di liti temerarie se ogni volta che perdi pagui 5000 mentre quando vinci, ne vinci 100 volte tanto.
        • bubba scrive:
          Re: La solita pezza peggiore del buco
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: bubba

          - Scritto da: panda rossa


          Siamo alle solite.


          All'alba del terzo millennio dobbiamo
          ancora


          avere a che fare con questi residuati
          della


          preistoria, che vengono denominati
          reati
          di


          opinione, lesioni di onore,
          diffamazioni,
          odio


          verbale e tutte le altre variopinte


          definizioni.





          Sono idee. Soltanto idee. Semplici ed
          innocue

          mentre si lotta contro i mulini a vento e i

          commenti anonimi, in italia accade un piccolo

          miracolo.... un potente condannato per lite

          temeraria


          http://www.ilpost.it/2015/06/18/formigoni-gabanell

          Capirai che condanna! 5000 euro.beh 5k + 7k di azzeccagarbugli...... cifra minima MA principio IMPORTANTE ('colpa grave')
          E' un incentivo a intentarne di piu' di liti
          temerarie se ogni volta che perdi pagui 5000
          mentre quando vinci, ne vinci 100 volte
          tanto.ehehhe... mah.. no... perche prima di oggi si era praticamente persa l'esistenza di questo fondamentale istituto... l'averlo riesumato e' un passo avanti (sperando non ricada nell'oblio).... SPERIAMO inoltre che i giudici (sia mai il legislatore :P) si avvicinino di piu' ai 'punitive damages' meregani in futuro... (il formiga qui non so neanche quanti danni avesse chiesto)
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: La solita pezza peggiore del buco
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: panda rossa

        Siamo alle solite.

        All'alba del terzo millennio dobbiamo ancora

        avere a che fare con questi residuati della

        preistoria, che vengono denominati reati di

        opinione, lesioni di onore, diffamazioni, odio

        verbale e tutte le altre variopinte

        definizioni.



        Sono idee. Soltanto idee. Semplici ed innocue
        mentre si lotta contro i mulini a vento e i
        commenti anonimi, in italia accade un piccolo
        miracolo.... un potente condannato per lite
        temeraria
        http://www.ilpost.it/2015/06/18/formigoni-gabanellUn potente, Formigoni? Manca un "Ex".Senza contare che in tribunale riscuote più simpatie la Gabanelli che non Formigoni. Se poi è quello di Milano...(ricordarsi le varie inchieste poi silenziate)
Chiudi i commenti