Firefox 3.6.4 promette meno crash

Dopo una lunga e travagliata gestazione ha fatto il suo debutto Firefox 3.6.4, la cui peculiarità è quella di isolare il processo di certi plug-in per minimizzare i crash del browser. Funzione ancora non presente su Mac OS X

Roma – Dopo un recente contrattempo che ne ha fatto slittare il debutto di circa tre settimane, Firefox 3.6.4 – alias Lorentz – è finalmente disponibile per il download.

È ormai noto come Lorentz, a differenza delle classiche minor release di Firefox, non si limiti a correggere bug e vulnerabilità di sicurezza: questa versione introduce anche una novità di rilievo rappresentata dalla tecnologia Out-Of-Process-Plugin ( OOPP ), che protegge il browser dai crash di specifici plug-in.

Questa prima versione di OOPP è però soggetta a due limitazioni: non è ancora stata implementata per Mac OS X (Firefox 3.6.4 per Mac contiene solo bug fix) e la funzione di isolamento del processo funziona solo con i plug-in Flash Player, QuickTime e Silverlight. Mozilla ha però già promesso, per il futuro, sia di ampliare il numero di plug-in supportati da OOPP sia di estendere i benefici di questa funzionalità ai Mac.

Gli sviluppatori di Firefox hanno spiegato che l’implementazione di OOPP su Mac OS X “richiede importanti modifiche” al browser, e per tale ragione la versione per Mac potrà essere completata solo verso fine anno: molto probabilmente in concomitanza con il rilascio di Firefox 4.0.

Come si è già avuto modo di spiegare , l’isolamento del processo del browser da quello di certi plug-in impedisce che il crash di questi ultimi si ripercuota sulla stabilità dell’intero browser. Se ad esempio va in crash Flash Player, verrà chiuso solo il processo relativo al celebre plug-in di Adobe: il processo principale di Firefox non sarà invece interrotto.

Firefox 3.6.4 corregge anche sette vulnerabilità di sicurezza , quattro delle quali classificate con il massimo grado di rischio (e dunque sfruttabili per eseguire del codice a distanza).

Contestualmente al rilascio di Lorentz, Mozilla ha provveduto ad aggiornare Firefox 3.5 (con la versione 3.5.10 ) mentre Mozilla Italia ha reso disponibile per il download la prima versione a 64 bit in italiano di Firefox per Linux. “Queste non sono build ufficiali Mozilla, che per ora non rilascia versioni a 64 bit, ma compilate dal nostro staff su una macchina Debian testing a partire dai sorgenti e le configurazioni originali di Mozilla” si legge in questo comunicato . Mozilla Italia ha preannunciato anche il rilascio di una versione a 64 bit in italiano di Thunderbird 3.1.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • passante scrive:
    Non serviranno filtri
    "A naso" non serviranno filtri dato che è p2p, di fatto libox non distribuisce nulla come youtube, ma sono i singoli a farlo. C'è una bella differenza di responsabilità tra questa piattaforma e le esistenti di videosharing.
  • utonto scrive:
    Una vecchia estensione di firefox...
    Mi ricorda una vecchia estensione ma non ricordo il nome.Il meccanismo era lo stesso, scambio file in un alista chiusa, ma era gratis.Oggi non esiste più e non è che fece il botto.Se un mio amico ha un file che mi interessa uso la pennina senza pagare nulla.Progetto morto sul nascere?Forse....
Chiudi i commenti