Forare un sito con una sola linea di codice

Lo ha fatto un noto esperto di sicurezza, secondo cui la stessa tecnica è applicabile anche a Hotmail e Passport


Seattle (USA) – Basterebbe una sola linea di codice per oltrepassare le difese di Hotmail e Passport – rispettivamente i servizi di Web-mail e autenticazione offerti da Microsoft ai propri utenti – e permettere ad un cracker di accedere a dati sensibili e numeri di carte di credito.

È la seconda volta in un mese che l’esperto di sicurezza Jeremiah Grossman, che ha lanciato questo nuovo allarme, ha avvertito Microsoft del problema consentendole di correggere prontamente la falla.

La tecnica usata per superare le barriere dei serveroni Microsoft porta il nome di Cross Site Scripting (CSS) ed è conosciuta dagli esperti di sicurezza fin dal 1997. Oggi, come ha spiegato Grossman, si stanno però diffondendo nuove tecniche di questo tipo che sfruttano la capacità dei siti Internet e della applicazioni Web di contenere script che puntano ad altre risorse sul Web e che potrebbero consentire l’esecuzione di codice dannoso.

Grossman afferma che queste nuove tecniche dovrebbero mettere in serio allarme tutti i siti di e-commerce.

“Purtroppo – ha affermato Grossman – più il Web cresce in complessità ed interattività, più diviene vulnerabile ad attacchi d’ogni tipo.” Ha poi avvertito gli sviluppatori ed i responsabili di sicurezza di “aggiornare quanto prima i propri filtri HTML in tutte le applicazioni basate sul Web, incluse Web-mail, aste on-line, chat HTML e guest book”.

Secondo altri esperti, i problemi legati alle tecniche CSS sono seri, ma non meritano allarmismi: “Non credo – ha affermato l’esperto di sicurezza David Litchfield – che saranno molti gli utenti affetti da questi problemi in futuro”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La verità sull'uptime
    Da Microsoft Technet, sezione Security, ecco l'elenco delle più recenti patch necessarie ad un normale server.Notate il numero di reboot necessari e fatevi du' conti (e un marchese).Poi ditemi secondo voi il numero medio di giorni di UpTime.Agosto 2001MS01-044 : 15 August 2001 Cumulative Patch for IISReboot needed: IIS 4.0: YesMS01-043 : NNTP Service in Windows NT 4.0 and Windows 2000 Contains Memory LeakReboot needed: YesLuglio 2001MS01-041 : Malformed RPC Request Can Cause Service FailureReboot needed: YesMS01-039 : Services for Unix 2.0 Telnet and NFS Services Contain Memory LeaksReboot needed: YesMS01-037 : Authentication Error in SMTP Service Could Allow Mail RelayingReboot needed: YesGiugno 2001MS01-036 : Function Exposed via LDAP over SSL Could Enable Passwords to be ChangedReboot needed: YesMS01-035 : FrontPage Server Extension Sub-Component Contains Unchecked BufferReboot needed: YesMaggio 2001MS01-026 : 14 May 2001 Cumulative Patch for IISReboot needed: Yes
  • Anonimo scrive:
    Il vero punto di forza dei sistemi Unix
    Per installare e configurare un server Unix-like bisogna conoscere a fondo il sistema, altrimenti non si combina un bel niente.Windoze invece, con tutte le sue finestrelle e i suoi wizard, permette a qualunque scimmia antropomorfa di installare e configurare un server (basta cliccare prima su "Tipica" e poi su "Avanti

    "): gli amministratori veramente preparati sono pochi, in confronto al grande numero di smanettoni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il vero punto di forza dei sistemi Unix
      - Scritto da: lucky141
      Per installare e configurare un server
      Unix-like bisogna conoscere a fondo il
      sistema, altrimenti non si combina un bel
      niente.

      Windoze invece, con tutte le sue finestrelle
      e i suoi wizard, permette a qualunque
      scimmia antropomorfa di installare e
      configurare un server (basta cliccare prima
      su "Tipica" e poi su "Avanti

      "): gli
      amministratori veramente preparati sono
      pochi, in confronto al grande numero di
      smanettoni.Non è proprio così come dici.Intanto, se parliamo di Server, parliamo di UNIX-LIKE AS LINUX; I WINDRAGA SONO SOTTOSPECI DI SERVER GROVIERA ADATTI PER DITTE DI CIOCCOLATAI CHE SE NE FREGANO DELLA SICUREZZA, DI ESSERE BUCATI, DELLA STABILITA' NEL RISPETTO DELLE RISORSE.Per il resto, è vero; UNIX e LINUX richiedono una certa conoscenza, ma nulla di trascendentale che vada al di là di una mente anche leggermente allenata sui computers; il vero nemico è la pigrizia che ferma i neuroni.Per quanto riguarda i Wizard, le ultime distro di LINUX ne sono piene; anche migliori di quelli del DRAGA; ciò non toglie che per un tuning particolare si debba entrare nei files di configurazione sapendo cosa sono e dove sono. Anche qui si tratta di un pò di allenanento e di applicazione.La macchina UNIX-LINUX fa quello che vuoi tu per come l'hai impostata, la macchina WINDRAGA fa "anche" quello che vuoi tu malamente, ma non solo.Per quanto riguar
      • Anonimo scrive:
        Re: Il vero punto di forza dei sistemi Unix
        - Scritto da: Alien


        - Scritto da: lucky141

        Per installare e configurare un server

        Unix-like bisogna conoscere a fondo il

        sistema, altrimenti non si combina un bel

        niente.



        Windoze invece, con tutte le sue
        finestrelle

        e i suoi wizard, permette a qualunque

        scimmia antropomorfa di installare e

        configurare un server (basta cliccare
        prima

        su "Tipica" e poi su "Avanti

        "): gli

        amministratori veramente preparati sono

        pochi, in confronto al grande numero di

        smanettoni.

        Non è proprio così come dici.
        Intanto, se parliamo di Server, parliamo di
        UNIX-LIKE AS LINUX; I WINDRAGA SONO
        SOTTOSPECI DI SERVER GROVIERA ADATTI PER
        DITTE DI CIOCCOLATAI CHE SE NE FREGANO DELLA
        SICUREZZA, DI ESSERE BUCATI, DELLA
        STABILITA' NEL RISPETTO DELLE RISORSE.
        Per il resto, è vero; UNIX e LINUX
        richiedono una certa conoscenza, ma nulla di
        trascendentale che vada al di là di una
        mente anche leggermente allenata sui
        computers; il vero nemico è la pigrizia che
        ferma i neuroni.
        Per quanto riguarda i Wizard, le ultime
        distro di LINUX ne sono piene; anche
        migliori di quelli del DRAGA; ciò non toglie
        che per un tuning particolare si debba
        entrare nei files di configurazione sapendo
        cosa sono e dove sono. Anche qui si tratta
        di un pò di allenanento e di applicazione.
        La macchina UNIX-LINUX fa quello che vuoi tu
        per come l'hai impostata, la macchina
        WINDRAGA fa "anche" quello che vuoi tu
        malamente, ma non solo.
        Per quanto riguar
      • Anonimo scrive:
        Re: Il vero punto di forza dei sistemi Unix

        Per quanto riguarda i Wizard, le ultime
        distro di LINUX ne sono piene Nessuno si mai accorto che la configurazione di Linux (il kernel) di fa con un wizard?;o)
  • Anonimo scrive:
    AHAHAHAHAHAAHAAAAAAAHAAHAHAHAHHAHAHAH!!!!
    MUAAAAAAHAHAHAHAAHAHAHAHAA!!!!!!!!!Che ridere ragazzi come ho detto piu` volte e` un bene che ci sia la M$ ha tirarci su il morale di prima mattina muaaaahahahahahahaahahhaah!!!!!!Un wizard aaaaaahaaaahahahahhaahahahah ecco quello che ci vuole per rendere sicuro iis, un bel wizard che guidi l'utonto alla configurazione!AHAAHAHAHAHAAHAHHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAHAHAHAHAAHAAAAAAAHAAHAHAHAHHAHAHAH!!!!
      - Scritto da: last boyscout
      MUAAAAAAHAHAHAHAAHAHAHAHAA!!!!!!!!!
      Che ridere ragazzi come ho detto piu` volte
      e` un bene che ci sia la M$ ha tirarci su il
      morale di prima mattina
      muaaaahahahahahahaahahhaah!!!!!!
      Un wizard aaaaaahaaaahahahahhaahahahah ecco
      quello che ci vuole per rendere sicuro iis,
      un bel wizard che guidi l'utonto alla
      configurazione!
      AHAAHAHAHAHAAHAHHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAUAHUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUABILE E ARRUOLATO.O lo eri già?
      • Anonimo scrive:
        Re: AHAHAHAHAHAAHAAAAAAAHAAHAHAHAHHAHAHAH!!!!
        Mi sa tanto ke hai postato e ti 6 risposto da solo visto anke l'orario.
        • Anonimo scrive:
          Re: AHAHAHAHAHAAHAAAAAAAHAAHAHAHAHHAHAHAH!!!!
          - Scritto da: IIS BOSS
          Mi sa tanto ke hai postato e ti 6 risposto
          da solo visto anke l'orario.Ti piacerebbe eh ? Piacerebbe anche a me. Invece mi sa che sono due distinti rivoluzionari omologati a vocabolario prestampato.
          • Anonimo scrive:
            Re: AHAHAHAHAHAAHAAAAAAAHAAHAHAHAHHAHAHAH!!!!
            I coglioni viaggiano sempre in coppia.- Scritto da: Burp


            - Scritto da: IIS BOSS

            Mi sa tanto ke hai postato e ti 6 risposto

            da solo visto anke l'orario.

            Ti piacerebbe eh ?
            Piacerebbe anche a me. Invece mi sa che sono
            due distinti rivoluzionari omologati a
            vocabolario prestampato.
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAHAHAHAHAAHAAAAAAAHAAHAHAHAHHAHAHAH!!!!
      Uhm pensavo di essere l'unico con questo nick ma qualcuno mi ha copiato... bah.Cmq c'è poco da ridere,quel wizard infatti fa quello che molti admin cogl***** avrebbero dovuto fare da tempo:Disabilitare tutte le cose che non servono.Non mi pare che bisognasse aspettare un wizard per fare tutto ciò.
      • Anonimo scrive:
        Re: AHAHAHAHAHAAHAAAAAAAHAAHAHAHAHHAHAHAH!!!!
        e credi che molti sono in grado di killare un processo senza wizzzzzzard ??? :))))- Scritto da: IISBOSS (quello originale)
        Uhm pensavo di essere l'unico con questo
        nick ma qualcuno mi ha copiato... bah.

        Cmq c'è poco da ridere,
        quel wizard infatti fa quello che molti
        admin cogl***** avrebbero dovuto fare da
        tempo:
        Disabilitare tutte le cose che non servono.

        Non mi pare che bisognasse aspettare un
        wizard per fare tutto ciò.
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAHAHAHAHAAHAAAAAAAHAAHAHAHAHHAHAHAH!!!!
      - Scritto da: last boyscout
      MUAAAAAAHAHAHAHAAHAHAHAHAA!!!!!!!!!
      Che ridere ragazzi come ho detto piu` volte
      e` un bene che ci sia la M$ ha tirarci su il
      morale di prima mattina
      muaaaahahahahahahaahahhaah!!!!!!
      Un wizard aaaaaahaaaahahahahhaahahahah ecco
      quello che ci vuole per rendere sicuro iis,
      un bel wizard che guidi l'utonto alla
      configurazione!
      AHAAHAHAHAHAAHAHHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAbhe, fra un po fanno le certificazioni per comici...ma devi seguire il corso :))))
  • Anonimo scrive:
    CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
    ... DOVREBBE ORMAI SAPERE CHE DEVE PASSARE A VERI SO LIKE UNIX O COMUNQUE TRASPARENTI OPEN SOURCE COME LINUX.PER 3 MOTIVI PRINCIPALI:1) INTRINSECA SICUREZZA NATIVA DEI SISTEMI LIKE UNIX COME LINUX NELLA GESTIONE DEL FILES-SYSTEM.2) TRASPARENZA DEI CODICI SORGENTI NORMALMENTE DISTRIBUITI CON LICENZA GPL GRAZIE ALLA LIBERA FILOSOFIA OPEN SOURCE.3) MASSIMA FLESSIBILITA' DI CONFIGURAZIONE.TUTTO IL RESTO SONO COMPLICAZIONI DI VITA IN PIU'. psOVVIAMENTE USATI CON UN MINIMO DI GRANU-SALIS IN PRIMIS EVITANDO DI BUTTARSI UN RETE COME "ROOT"; ANCHE UN "CRETINETTI SysAdmin UTONTO WINDRAGA" LO IMPAREREBBE SUBITO.bye from Alien.
    • Anonimo scrive:
      Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
      ...dovrebbe prima imparare ad usare il capslock
      • Anonimo scrive:
        Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
        - Scritto da: Salkaner
        ...dovrebbe prima imparare ad usare il
        capslockSONO Alien, HO UN "DEMONE" PER CAPELLO.Non te la predere.Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
      - Scritto da: Alien
      1) INTRINSECA SICUREZZA NATIVA DEI SISTEMI
      LIKE UNIX COME LINUX NELLA GESTIONE DEL
      FILES-SYSTEM."File system", non "files-system". Primo bug.
      TUTTO IL RESTO SONO COMPLICAZIONI DI VITA IN
      PIU'. Mi verrebbe da dire "partendo da vi", ma lasciamo stare.
      OVVIAMENTE USATI CON UN MINIMO DI
      GRANU-SALIS IN PRIMIS EVITANDO DI BUTTARSI
      UN RETE COME "ROOT"; ANCHE UN "CRETINETTI
      SysAdmin UTONTO WINDRAGA" LO IMPAREREBBE
      SUBITO."Grano salis" non "granu-salis". Secondo Bug.
      • Anonimo scrive:
        Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....


        TUTTO IL RESTO SONO COMPLICAZIONI DI VITA

        IN PIU'.
        Mi verrebbe da dire "partendo da vi", ma
        lasciamo stare. Anche perché è una critica infondata... potrei farti qualche nome di felici utenti Microsoft che usano Vim o Emacs per semplificarsi la vita. Non dirmi che Visual Studio ha un buon editor... (parlo del 6)
        • Anonimo scrive:
          Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
          - Scritto da: A.C.


          TUTTO IL RESTO SONO COMPLICAZIONI DI
          VITA


          IN PIU'.

          Mi verrebbe da dire "partendo da vi", ma

          lasciamo stare.

          Anche perché è una critica infondata...
          potrei farti qualche nome di felici utenti
          Microsoft che usano Vim o Emacs per
          semplificarsi la vita.
          Non dirmi che Visual Studio ha un buon
          editor... (parlo del 6)COSA SICURAMENTE PIU' UNICA CHE RARA.DUBITO CHE UTENTI WINDRAGA SAPPIANO COSA SIANO Emacs, XEmacs, VIm.PER LORO SAREBBERO ARABO ED UNA COSA INSULSA. NEMMENO IMMAGINEREBBERO COSA C'E' IN ENORME POTENZA SOTTO QUESTI "Editor", SI PERDEREBBERO DAVANTI ALLO "SCARNO" SCHERMO ED ALLA "ORRENDA" TASTIERA ED AI MULTI "BUFFER".
        • Anonimo scrive:
          Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
          - Scritto da: A.C.]zac[
          Anche perché è una critica infondata...
          potrei farti qualche nome di felici utenti
          Microsoft che usano Vim o Emacs per
          semplificarsi la vita.Io sono uno, la possbilita' di usare ediff all'interno di emacs permette di lavorare in gruppo facilmente e tenere aggiornati le varie versione dei file di un progetto facilmente e a un costo bassissimo.
          Non dirmi che Visual Studio ha un buon
          editor... (parlo del 6)Beh pero' ha un'ottima integrazione con il linguaggio, help in linea sulle varie istruzioni, funzioni di completamento e remember delle funzioni e variabile inserite, segnalazione di errori di compilazioni piu' precisa (grazie all'integrazione tra compilatore, debugger, editor).Niente di stratosferico, solo che se ne sei abituato ti ci vuole un bel periodo di ripulitura dal lavaggio del cervello che le facility fanno.
        • Anonimo scrive:
          Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
          - Scritto da: A.C.
          Non dirmi che Visual Studio ha un buon
          editor... (parlo del 6)Innanzitutto di quale programma della suite parli?Perche' di alcuni posso dirti che non hanno "un buon editor", hanno semplicemente il "miglior editor attuale".
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....

            Innanzitutto di quale programma della suite
            parli? Beh, credevo che usassero tutti lo stesso editor! O mi vuoi dire che ognuno di essi installa un editor diverso? E allora tutti i vantaggi di COM+ dove sono? (soprattutto VB, cmq)
            Perche' di alcuni posso dirti che non hanno
            "un buon editor", hanno semplicemente il
            "miglior editor attuale". Questione di gusti... Non mi pare che il componente editor di VB6 sia "il miglior editor attuale" secondo me è "appena sufficiente". Gode solo dell'integrazione con compilatore e debugger. Non credo che si avvicini nemmeno lontanamente alle potenzialità di Emacs o Vim - prova a scrivere uno script che lo faccia funzionare da web browser, client di posta, testris ;o) Ripeto, forse non sono abbastanza informato... Trovo per esempio SciTE (www.scintilla.org) già migliore (funziona anche in Windows - 360KB - provalo). E se vuoi un IDE completo basato su Scintilla (che però non gira su Win): anjuta.sf.net
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
            - Scritto da: A.C.

            Innanzitutto di quale programma della
            suite

            parli?

            Beh, credevo che usassero tutti lo stesso
            editor! O mi vuoi dire che ognuno di essi
            installa un editor diverso?
            E allora tutti i vantaggi di COM+ dove
            sono?
            (soprattutto VB, cmq)
            che c'entra CoM+ con l'editor?cmq l'editor di vb e' quello che tutti hanno copiato, comprese borland, kde (con kdevelop) e praticamente ogni IDE esistente.Un motivo ci sara'

            Perche' di alcuni posso dirti che non
            hanno

            "un buon editor", hanno semplicemente il

            "miglior editor attuale".

            Questione di gusti...
            Non mi pare che il componente editor di
            VB6 sia "il miglior editor attuale" secondo
            me è "appena sufficiente". Gode solo
            dell'integrazione con compilatore e
            debugger. Non credo che si avvicini nemmenoti pare poco?
            lontanamente alle potenzialità di Emacs o
            Vim - prova a scrivere uno script che lo
            faccia funzionare da web browser, client di
            posta, testris ;o)
            si.. ti fa anche le fasi lunari..utilita'? nessuna!diciamo che e' comodissimo vi"i" scrivi ESC :wqper cancellare un carattere? ovvio ESC vai sul carattere e poi tasto "x"...elementare no?vi va bene solo per editare al volo i file di configurazioneper il resto e' inutile...ah.. per inciso... prova con emacs a fare il debug di un programma e a variare il flusso di esecuzione, semplicemente draggando il cursore due o tr linee piu' sopra, cambinaod al volo il valore delle variabili per verificare se i test funzionano...oppure passa il cursore sul nome di una variabile per ottenere valore e tipo...
            Ripeto, forse non sono abbastanza
            informato...

            Trovo per esempio SciTE
            (www.scintilla.org) già migliore (funziona
            anche in Windows - 360KB - provalo). E se
            vuoi un IDE completo basato su Scintilla
            (che però non gira su Win): anjuta.sf.nete che avrebbero piu' di visual studio?(btw, l'editor di visual studio e' quello di interdev e sara', con molti miglioramenti, quello di tutta la suite visual studio 7)mi pare che l'autocompletamento l'abbia inventato homesite (per HTML e Cold fusion) e con VS6 e' diventato pratica standard anche per lo scripting, cosa che poi tutti hanno copiato, come ad esempio Komodo per il perl, addirittura kdevelop continua a dire che lo supportera' dalla versione 0.1 e con la ver 2.0 ancora non ce l'ha...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
            Per favore non arrabbiarti... sto cercando di discutere civilmente.
            che c'entra CoM+ con l'editor? Architettura a componenti. Scrivo un componente editor e lo uso dappertutto e magari posso anche cambiare il componente con un altro che mi piace di più, se supporta la stessa interfaccia.
            cmq l'editor di vb e' quello che tutti hanno
            copiato, comprese borland, kde (con
            kdevelop) e praticamente ogni IDE esistente.
            Un motivo ci sara' Non mi pare, non conosco KDevelop, uso altri IDE per Java e mi sembrano anche quelli meglio di VB, o almeno io li trovo più comodi. E comunque io non ho parlato di chi ha inventato prima cosa...

            me è "appena sufficiente". Gode solo

            dell'integrazione con compilatore e

            debugger. Non credo che si avvicini
            ti pare poco? No, però come comodità di *editing*, quando devi scrivere, non fare il debug, *secondo me* non è che sia proprio eccelso...

            lontanamente alle potenzialità di Emacs o

            Vim - prova a scrivere uno script che lo

            faccia funzionare da web browser, client

            di posta, testris ;o)
            si.. ti fa anche le fasi lunari..
            utilita'? nessuna! ... ehm... in fondo c'era ";o)" vuol dire che non era proprio una frase seria...
            vi va bene solo per editare al volo i file
            di configurazione
            per il resto e' inutile... prova a dirlo a Linus Torvalds e tanti altri, che ci hanno scritto un kernel che funziona... ;o)P.S. Io non uso regolarmente né Emacs né Vim...
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
            - Scritto da: A.C.
            Per favore non arrabbiarti... sto cercando
            di discutere civilmente.
            nessuna rabbia.. ti assicuro ;)ho espresso solo le mie opinioni.trovo VI troppo macchinoso e Emacs troppo over featured per essere comodi e produttivi DA SUBITO, che e' quello che di solito serve.Non metto in dubbio che con decenni di esperienza siano strumenti molto produttivi anche quelli, ma purtroppo io tempo ne ho poco.Certo, se non avessi avuto alternative, anche io oggi userei VI come torvalds, ma per fortuna ci sono ;)Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
            - Scritto da: Maks]zac[
            trovo VI troppo macchinoso e Emacs troppo
            over featured per essere comodi e produttivi
            DA SUBITO, che e' quello che di solito
            serve.Nel mondo win non c'e' niente di rapido, ci vogliono mesi per imparare i vari trucchi necessari per fare applicazioni win che vadano al di la' di una textbox su una form.Senza contare che ogni sei mesi viene tutto rivoluzionato, reso incompatibile, farraginoso.Ci vuole un giorno solo per leggerne la licenza e capirne i mille effetti collaterali.
            Non metto in dubbio che con decenni di
            esperienza siano strumenti molto produttivi
            anche quelli, ma purtroppo io tempo ne ho
            poco.Si secoli!! in qualche giorno impari i comandi base, in qualche settimana ti muovi bene, il qualche mese ti muovi naturalmente.Poi se non vuoi fare il programmatore ma solo il clikkatore di wizard e' un altro paio di maniche, in quel caso tanti auguri,
            Certo, se non avessi avuto alternative,
            anche io oggi userei VI come torvalds, ma
            per fortuna ci sono ;)Per fortuna che ci sono alternative, a vi agli ide ms, a tutto.Si dimentica sempre, spesso furbescamente, che e' il bagaglio di esperienza a rendere una cosa facile da imparare.E' evidente che uno abituato agli ide win fa' fatica ai sistemi unix, poi il rifiuto di qualcosa di diverso tende a far diventare pigri, a non cercare soluzioni migliori, ad non adattarsi.Naturalmente succede anche da unix a win.Dopo due anni che lavoro con emacs+gcc+gdb+ddd, ogni volta che ho a che fare con i frontend grafici impiego un sacco di tempo in piu'.
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....

            - Scritto da: Maks
            ]zac[

            trovo VI troppo macchinoso e Emacs troppo

            over featured per essere comodi e
            produttivi

            DA SUBITO, che e' quello che di solito

            serve.

            Nel mondo win non c'e' niente di rapido, ci
            vogliono mesi per imparare i vari trucchi
            necessari per fare applicazioni win che
            vadano al di la' di una textbox su una form.
            Senza contare che ogni sei mesi viene tutto
            rivoluzionato, reso incompatibile,
            farraginoso.
            Ci vuole un giorno solo per leggerne la
            licenza e capirne i mille effetti
            collaterali.
            si vabbe'..primo, sei saltato di palo in frascasecondo, gtk, qt, xlib.. quanti modi diversi per fare la stessa cosa?e se usi qt non c'entra una mazza con gtk... me lo chiami modo rapido di fare qualcosa?la API di windows sono uguali da anniche poi MFC faccia schifo e' un altro discorso

            Non metto in dubbio che con decenni di

            esperienza siano strumenti molto
            produttivi

            anche quelli, ma purtroppo io tempo ne ho

            poco.

            Si secoli!! in qualche giorno impari i
            comandi base, in qualche settimana ti muovi
            bene, il qualche mese ti muovi naturalmente.
            Poi se non vuoi fare il programmatore ma
            solo il clikkatore di wizard e' un altro
            paio di maniche, in quel caso tanti auguri,
            In un giorno con visual studio 7 ho imparato tutto quello che mi serviva.Se sulla tastiera ho il tasto canc mi apsetto che questo cancelli un carattere.Che Home e End vadano ad inizio e fine di riga, invece di dover usare CTRL+A e CTRL+E o dover riconfigurare i tasti...Quello che auspichi tu e' la sottomissione allo strumento, io invece auspico una sottomissione dello strumento alle mie abitudini.

            Certo, se non avessi avuto alternative,

            anche io oggi userei VI come torvalds, ma

            per fortuna ci sono ;)

            Per fortuna che ci sono alternative, a vi
            agli ide ms, a tutto.
            sono d'accordo
            Si dimentica sempre, spesso furbescamente,
            che e' il bagaglio di esperienza a rendere
            una cosa facile da imparare.
            E' evidente che uno abituato agli ide win
            fa' fatica ai sistemi unix, poi il rifiuto
            di qualcosa di diverso tende a far diventare
            pigri, a non cercare soluzioni migliori, ad
            non adattarsi.
            Naturalmente succede anche da unix a win.

            Dopo due anni che lavoro con
            emacs+gcc+gdb+ddd, ogni volta che ho a che
            fare con i frontend grafici impiego un sacco
            di tempo in piu'.Il problema e' che vi e' uguale solo a se stesso, quindi l'esperienza vi e' applicabile solo a vi.cosi' gdb.Cosi' emacs.L'ide MS e' uguale ad altre decine di ide, sia perwindows, che per linux.CTRL+S salva il file ovunque (tranne in word... non ho mai capito perche').Una volta imparate le scorciatoie, le usi dappertutto, senza ogni volta reimparare la ruota.Questo aumenta la produttivita'.E se uno strumento e' troppo complesso, e' troppo complesso, probabilmente sbatterci la testa per impararlo non conviene.Vi l'ho usato sempre appena installato linux base, che non hai altro.la prima cosa che faccio e' apt-get install jed (o joe).. almeno e' decente come editor.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
            [ tagliato il pezzo su Gtk+, Qt, MFC, ecc... che è ancora più off-topic del nostro discorso ]
            In un giorno con visual studio 7 ho imparato
            tutto quello che mi serviva. Ho usato VS6 quasi due anni e sono ancora convinto che mi manchi qualcosa...
            Quello che auspichi tu e' la sottomissione
            allo strumento, io invece auspico una
            sottomissione dello strumento alle mie
            abitudini. Appunto... questione di abitudini.
            Il problema e' che vi e' uguale solo a se
            stesso, quindi l'esperienza vi e'
            applicabile solo a vi.
            cosi' gdb.
            Cosi' emacs. Che sono disponibili su qualsiasi piattaforma mi/ti venga in mente (tra un po' li porteranno anche su Java...)
            L'ide MS e' uguale ad altre decine di ide,
            sia per windows, che per linux. Secondo me no. Non mi ci trovo... è troppo poco flessibile, quando batto INVIO voglio che almeno mi allinei la riga nuova con quella precedente (non parliamo di indentazione automatica...) ma questo in VS6 è fantascienza. Sbandiera tanto la colorazione della sintassi e non mi differenzia nemmeno le stringhe dal resto del codice... praticamente distingue solo i commenti e le parole chiave del linguaggio. Insomma, non sono un guru, ma mi piace poter configurare le cose e farle andare come fa comodo a me. L'ho già detto, mami ripeto: non uso né Emacs né Vim, tranne che sulle connessioni SSH, nelle quali il secondo è semplicemente imbattibile e ci sarà sempre.
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
            - Scritto da: MaKs]zac[
            diciamo che e' comodissimo vi
            "i" scrivi ESC :wqComodissimo l'ide, sposta la mano sul mouse, porta la freccia su file, click su salva, riporta la freccia su file, click su esci.Con vi ho gia' finito da un pezzo e' mi sto' gia' prendendo il caffe.
            per cancellare un carattere? ovvio ESC vai
            sul carattere e poi tasto "x"...
            elementare no?Sei rimasto indietro di 5 anni, vi (vim) supporta lo spostamento e la cancellazione il modalita' di editing da una vita.
            vi va bene solo per editare al volo i file
            di configurazione
            per il resto e' inutile...Falso, vim (vin migliorato) e' diventato flessibile, programmabile, ci fai codice senza grossi problemi.Vi e' lento da apprendere, ma dopo lo usi a velocita' stratosferica.
            ah.. per inciso... prova con emacs a fare il
            debug di un programma e a variare il flusso
            di esecuzione, semplicemente draggando il
            cursore due o tr linee piu' sopra, cambinaod
            al volo il valore delle variabili per
            verificare se i test funzionano...
            oppure passa il cursore sul nome di una
            variabile per ottenere valore e tipo...???? emacs usa gdb per il debug, gdb lavora in modalita' caratteri.Se vuoi e riesci solo a usare il mouse c'e' ddd, front end grafico su gdb.
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....

            Falso, vim (vin migliorato) e' diventato
            flessibile, programmabile, ci fai codice
            senza grossi problemi.
            Vi e' lento da apprendere, ma dopo lo usi a
            velocita' stratosferica.
            cvdcon l'abitudine qualsiasi cosa si fa a velocita' stratosferica...il problema e' che se per imparare una cosa ci vuole molto tempo, essa e' da considerarsi tropo complessa, specialmente se esiste qualcosa di equivalente che pero' si impara ad usare in 3 giorni.
            ???? emacs usa gdb per il debug, gdb lavora
            in modalita' caratteri.
            Se vuoi e riesci solo a usare il mouse c'e'
            ddd, front end grafico su gdb.il debuger integrato per un programmatore e' una di quelle cose che ti cambiano la vita.Non importa se a caratteri o grafico.Il debugger integrato sul turbo C 1.0 di borland andava benissimo lo stesso.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....

            Falso, vim (vin migliorato) e' diventato
            flessibile, programmabile, ci fai codice
            senza grossi problemi.
            Vi e' lento da apprendere, ma dopo lo usi a
            velocita' stratosferica.Si certo anche gli integrali doppi sono difficili da apprendere ma una volta capiti sono semplici ,solo che io non uso una doppia integrazione per fare l'area di un rettangolo ..capito il concetto?Tutto viene usato a una velocita' stratosferica dopo anni di utilizzo... questo non giustifica cose assurdamente complicate.
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....

            lontanamente alle potenzialità di Emacs o
            Vim - prova a scrivere uno script che lo
            faccia funzionare da web browser, client di
            posta, testris ;o)La domanda che il mondo si fa e' a cosa diavolo servono in un text editor delle funzionalita' che gli permettono di fare da browser ,da client di posta o di giocare a tetris? Come mai se microsoft integra funzioni nei suoi programmi le si da contro pero' poi ci si gasa per queste cose assurde e completamente inutili? VI e Emacs sono assurdamente complicati da usare alla fine fanno tutto tranne che permettere di inserire un testo in maniera semplice e intuitiva , volendo usare una famosa pubblicita' "la potenza e' nulla senza controllo" e quando per inserire un carattere ne devo premere altri tre per mettere l'editor nella modalita' giusta ,che poi ci possa anche giocare a tetris mi frega poco.
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....

            La domanda che il mondo si fa e' a cosa
            diavolo servono in un text editor delle
            funzionalita' che gli permettono di fare da
            browser ,da client di posta o di giocare a
            tetris? Come mai se microsoft integra 'naltro, qua... Stavo scherzando! E comunque nessuno ha mai aggiunto a Emacs funzionalità per funzionare a Tetris. Emacs è *programmabile* e quindi con un po' di volontà si può fare tutto. (Neanche a me piace un editor che in realtà è un sistema operativo a parte...)
            funzioni nei suoi programmi le si da contro
            pero' poi ci si gasa per queste cose assurde
            e completamente inutili? VI e Emacs sono Vedi sopra, le funzionalità non sono inutili. Emacs e Vim sono programmabili, posso farli diventare (quasi) quello che voglio (se voglio).
            controllo" e quando per inserire un
            carattere ne devo premere altri tre per
            mettere l'editor nella modalita' giusta ,che
            poi ci possa anche giocare a tetris mi frega
            poco. Vim è modale, Emacs no. Emacs gioca a Tetris, Vim no. Non mi piace spostare la mano dalla tastiera per prendere il mouse e cliccare a destra e a manca. Questo è il motivo per cui esistono le scorciatoie di tastiera, solo che spesso non vengono sfruttate a fondo e rimangono molti comandi utili che non posso fare dalla tastiera...
          • Anonimo scrive:
            Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....
            sei come un bambino :))) "il mio e piu bello, il mio e piu bello" :))))))
            "miglior editor attuale".e ti pareva che non era il migliore- Scritto da: Ciao


            - Scritto da: A.C.

            Non dirmi che Visual Studio ha un buon

            editor... (parlo del 6)

            Innanzitutto di quale programma della suite
            parli?
            Perche' di alcuni posso dirti che non hanno
            "un buon editor", hanno semplicemente il
            "miglior editor attuale".
      • Anonimo scrive:
        Re: CHI VUOE SO SICURI E AFFIDABILI ....

        "Grano salis" non "granu-salis". Secondo Bug.

        Si vede che ti conosci il latino, ma di informatica non sai prorpio un caxxo...Uno che preferisce IIS+wizard alla configurazione a manina usando vi o chi per esso....Non te la prendere, a ognuno la sua strada.In simpatia
  • Anonimo scrive:
    E l'uptime?
    L'uptime dei server NT si è abbassato paurosamente! Diventa sempre più difficile trovare server NT in piedi da più di 30 giorni, e questo a causa della notevole quantità di patch da installare negli ultimi tempi.Diventa difficile sostenere la stabilità di un sistema basato su NT quando dovete spiegare al cliente che sì, anche questa settimana deve riavviare i sistemi perchè bisogna passare l'ultima patch sennò Index Server (o chi per lui) va a putt++++!Se qualcuno si vanta con voi che il suo server NT funziona ininterrottamente da 300 giorni, bene, allora sappiate che sono 300 giorni che non installa patch (come dire: un colabrodo!)ARGH
    • Anonimo scrive:
      Re: E l'uptime?
      Il compito x casa e' trovare un bel server linux (qualsiasi altro sistema) che sia up da 300 giorni e che non necessiti di nessuna patch ,escludere tutti quelli che hanno installato openssh... - Scritto da: James T. Kirk
      L'uptime dei server NT si è abbassato
      paurosamente! Diventa sempre più difficile
      trovare server NT in piedi da più di 30
      giorni, e questo a causa della notevole
      quantità di patch da installare negli ultimi
      tempi.
      Diventa difficile sostenere la stabilità di
      un sistema basato su NT quando dovete
      spiegare al cliente che sì, anche questa
      settimana deve riavviare i sistemi perchè
      bisogna passare l'ultima patch sennò Index
      Server (o chi per lui) va a putt++++!
      Se qualcuno si vanta con voi che il suo
      server NT funziona ininterrottamente da 300
      giorni, bene, allora sappiate che sono 300
      giorni che non installa patch (come dire: un
      colabrodo!)
      ARGH
      • Anonimo scrive:
        Re: E l'uptime?
        - Scritto da: Ciao
        Il compito x casa e' trovare un bel server
        linux (qualsiasi altro sistema) che sia up
        da 300 giorni e che non necessiti di nessuna
        patch ,escludere tutti quelli che hanno
        installato openssh... ]zac[Il compito e' impostato scorrettamente, tanto per cambiare.Per patchare un server linux non serve arrestare il sistema.Con qualche accortezza si puo' perfino ripristinare tutto il s.o. da una copia di backup mentre sta' lavorando.Vai dietro la lavagna.
        • Anonimo scrive:
          Re: E l'uptime?
          - Scritto da: .
          Per patchare un server linux non serve
          arrestare il sistema.Idem con w2000. Per le hotfix di IIS basta arrestare il servizio, lanciare la hotfix con il parametro -Z, e far ripartire il servizio.Prendendosela comoda il tuo server web e' fermo per 30 secondi.
          Con qualche accortezza si puo' perfino
          ripristinare tutto il s.o. da una copia di
          backup mentre sta' lavorando.Idem con w2000.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?


            Per patchare un server linux non serve

            arrestare il sistema.
            Idem con w2000. Per le hotfix di IIS basta
            arrestare il servizio, lanciare la hotfix
            con il parametro -Z, e far ripartire il
            servizio.
            Prendendosela comoda il tuo server web e'
            fermo per 30 secondi.

            Con qualche accortezza si puo' perfino

            ripristinare tutto il s.o. da una copia di

            backup mentre sta' lavorando.
            Idem con w2000. WOW! Solo che queste cose UNIX le fa circa dagli anni '80... e MS le ha vendute come "innovazioni tecnologiche".
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: A.C.
            WOW! Solo che queste cose UNIX le fa circa
            dagli anni '80... e MS le ha vendute come
            "innovazioni tecnologiche".Personalmente non me ne frega un c***o di quello che succedeva negli anni 80. Io vivo oggi.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: Ciao]zac[
            Personalmente non me ne frega un c***o di
            quello che succedeva negli anni 80. Io vivo
            oggi.Ma va'? e ieri non hai vissuto?A no! giusto, tu non impari mai, ripeti sempre gli stessi errori ...
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?


            WOW! Solo che queste cose UNIX le fa

            circa dagli anni '80... e MS le ha vendute

            come "innovazioni tecnologiche".
            Personalmente non me ne frega un c***o di
            quello che succedeva negli anni 80. Io vivo
            oggi. E oggi paghi per quelle "innovazioni" solo perché MS voleva (vuole?) avere vita facile...
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: Ciao]zac[
            Questo se lo fai tu a mano. Le hot fix
            mettono i nuovi file nella "coda di
            rinominazione" (non so come dirlo in
            italiano). ]zac[Si capito, registra il file in quella chiave del registro di win che controlla la copia dei file all'avvio del sistema, solo che e' pericoloso perche' puoi controllare gli effetti solo al riavvio, se succede il minimo problema puo' bloccarti il boot.Nei sistemi unix puoi aggiornare le librerie mentre sono in uso e non c'e' bisogno di riavviare, puoi mantenere le vari versioni delle librerie insieme, puoi far credere ai programmi che ci sia la versione della libreria che cercano.Questo non e' poco se tieni conto che spesso non si aggiorna solo il servizio ma anche parte del sistema, specialmente in win.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: ,
            - Scritto da: Ciao
            ]zac[

            Questo se lo fai tu a mano. Le hot fix

            mettono i nuovi file nella "coda di

            rinominazione" (non so come dirlo in

            italiano).
            ]zac[

            Si capito, registra il file in quella chiave
            del registro di win che controlla la copia
            dei file all'avvio del sistema, solo che e'
            pericoloso perche' puoi controllare gli
            effetti solo al riavvio, se succede il
            minimo problema puo' bloccarti il boot.

            Nei sistemi unix puoi aggiornare le librerie
            mentre sono in uso e non c'e' bisogno di
            riavviare, puoi mantenere le vari versioni
            delle librerie insieme, puoi far credere ai
            programmi che ci sia la versione della
            libreria che cercano.

            Questo non e' poco se tieni conto che spesso
            non si aggiorna solo il servizio ma anche
            parte del sistema, specialmente in win.Ed il versioning di configurazione cosa credi che ci stia a fare? Non ti boota (a parte che a me non e' MAI successo)? Schiacci F8 alla partenza e torni come prima.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?

            Ed il versioning di configurazione cosa
            credi che ci stia a fare? Non ti boota (a
            parte che a me non e' MAI successo)?
            Schiacci F8 alla partenza e torni come
            prima.ah...perche? voi per mettere le patch dovete essere davanti alla tastiera?
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?

            Da quando i nostri clienti sono passati a
            linux non sono piu' andato da loro, una
            connessione telnet e' si risolvono tutti i
            problemi (a parte i dischi ko).spiegami come fai ad entrare in telnet se una macchina disgraziatamente non riparte dopo aver messo l'ultimo kernel.Non mi dire che dopo aver ricompilato non riavvii...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: MaKs
            spiegami come fai ad entrare in telnet se
            una macchina disgraziatamente non riparte
            dopo aver messo l'ultimo kernel.
            Non mi dire che dopo aver ricompilato non
            riavvii...A parte che ricompilare il kernel e' una cosa molto molto rara (le distribuzioni di linux hanno quasi tutto compilato come modulo), quindi se hai bisogna di qualcosa basta dare insmod 'nome modulo'.Nel 99,99% le patch non riguardano il kernel.Potrebbe essere necessario un nuovo kernel per un nuovo hardware non supportato o per un grave bug.Comunque conosco due strade:1- configuri il gestore del boot (lilo) per poter avviare tutti e due i kernel (linux permette di avere piu' kernel insieme), quello nuovo e quello vecchio, se non funziona chiedi al cliente di selezionare l'avvio del vecchio (si tratta solo di scrivere un nome (es. linuxold) al boot e ripristini l'avvio di quello vecchio.2- prepari un disco di avvio che faccia avviare il nuovo kernel, lo spedisci per posta o per e-mail, lo fai inserire nel lettore del server dal cliente, se il nuovo kernel non funziona chiedi al cliente di togliere il floppy e di riavviare il server, se funziona imposti lilo per l'avvio del nuovo kernel (e dici al cliente di togliere il floppy :) ).
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            Mamma mia che procedure strane. Chissa' perche' se un server 2000 avesse bisogno di "preparare un dischetto di boot e mandarlo per posta" sareste tutti qui a sganasciarvi dalle risate, mentre invece se e' per il pinguino e' tutto ok e tutto normale.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: Ciao
            Mamma mia che procedure strane. Chissa'
            perche' se un server 2000 avesse bisogno di
            "preparare un dischetto di boot e mandarlo
            per posta" sareste tutti qui a sganasciarvi
            dalle risate, mentre invece se e' per il
            pinguino e' tutto ok e tutto normale.Aggiornare il kernel e' una cosa strana, e' una cosa che va' ben al di la' delle patch.Se ti va' ridi anche tu, visto che a ragionarci non ti riesce proprio
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?

            Aggiornare il kernel e' una cosa strana, e'
            una cosa che va' ben al di la' delle patch.

            Se ti va' ridi anche tu, visto che a
            ragionarci non ti riesce proprioe' vero...torvalds e' un deficente..in fondo il kernel 1.2.13 (il primo che ho messo)bastava e avanzava a tutticiao
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?

            in fondo il kernel 1.2.13 (il primo che ho
            messo)bastava e avanzava a tuttiAllora mettiamo meglio la frase:"Aggiornare un Kernel di una (o più) micro version è una cosa strana ed è necessario farlo solo se vengono scoperti problemi *gravi* o se installi nuovo hardware per cui non c'è supporto nel kernel corrente"P.S. Ci credi se ti dico che c'è ancora gente che fa funzionare Linux pre 1.0? ;o)
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?

            A parte che ricompilare il kernel e' una
            cosa molto molto rara (le distribuzioni di
            linux hanno quasi tutto compilato come
            modulo), quindi se hai bisogna di qualcosa
            basta dare insmod 'nome modulo'.
            Nel 99,99% le patch non riguardano il kernel.
            Potrebbe essere necessario un nuovo kernel
            per un nuovo hardware non supportato o per
            un grave bug.
            non e' detto il kernel 2.4.9 non puoi averlo come 2.4.0 compilato con moduli del 2.4.9il core devi sempre ricompilarlo
            Comunque conosco due strade:
            1- configuri il gestore del boot (lilo) per
            poter avviare tutti e due i kernel (linux
            permette di avere piu' kernel insieme),
            quello nuovo e quello vecchio, se non
            funziona chiedi al cliente di selezionare
            l'avvio del vecchio (si tratta solo di
            scrivere un nome (es. linuxold) al boot e
            ripristini l'avvio di quello vecchio.
            2- prepari un disco di avvio che faccia
            avviare il nuovo kernel, lo spedisci per
            posta o per e-mail, lo fai inserire nel
            lettore del server dal cliente, se il nuovo
            kernel non funziona chiedi al cliente di
            togliere il floppy e di riavviare il server,
            se funziona imposti lilo per l'avvio del
            nuovo kernel (e dici al cliente di togliere
            il floppy :) ).
            era qui che volevo arrivare...se c'e' qualcosa che non va devi fare il reboot con la vecchia configurazioneovvero, come fai con windows
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: MaKs
            non e' detto
            il kernel 2.4.9 non puoi averlo come 2.4.0
            compilato con moduli del 2.4.9
            il core devi sempre ricompilarlo??? se ho bisogno di un nuovo kernel vuol dire che ho installato un nuovo hardware non supportato o e' uscito un bug grosso o intendo installare un nuovo s.o.
            era qui che volevo arrivare...
            se c'e' qualcosa che non va devi fare il
            reboot con la vecchia configurazioneNo! i due kernel sono presenti contemporaneamente, non c'e' un ripristino della configurazione, e' solo una operazione di scelta di multi boot.In maniera grossolana e' come se avessi piu' s.o. e scegliessi quale.Nessun gioco pericoloso di modifica e ripristino configurazione, solo una scelta di boot.

            ovvero, come fai con windows
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?


            non e' detto

            il kernel 2.4.9 non puoi averlo come 2.4.0

            compilato con moduli del 2.4.9

            il core devi sempre ricompilarlo

            ??? se ho bisogno di un nuovo kernel vuol
            dire che ho installato un nuovo hardware non
            supportato o e' uscito un bug grosso o
            intendo installare un nuovo s.o.
            maddaiiiiiiiiil kernel 2.4 e' gia' alla release 9vuol dire che qualcosa che non andava c'era...e poi, di solito, di release in release aumentano anche le performance
            No! i due kernel sono presenti
            contemporaneamente, non c'e' un ripristino
            della configurazione, e' solo una operazione
            di scelta di multi boot.
            In maniera grossolana e' come se avessi piu'
            s.o. e scegliessi quale.
            Nessun gioco pericoloso di modifica e
            ripristino configurazione, solo una scelta
            di boot.

            e cosa cambia?la nuova configurazione non funziona.Configurazione non e' solo il file di testo in etc...L'insieme nuovo kernel + software esistente non va..E io riparto da una situazione nota come funzionante.E' la stessa cosa..
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?

            siamo nella new economy...e soprattuto
            circondati da persone NEW...meglio NEW che GNUdal messaggio che hai scritto riveli di essere un poveraccio.Siete i primi a dire di avere patch che escono a velocita' della luce e poi vi contraddite dicendo che non serve installare sempre l'ultima patch del kernel.Ma andatevi a nascondere!!!!e' una cosa di cui ho sempre sentito la gente vantarsi.... e adesso diventa una cosa secondariama in che mondo vivete???comunque mi pare che la domanda fosse ironicaperche' se tu dici faccio tutto da remoto, ti viene chiesto "se disgraziatamente qualcosa non riparte a quale cippa di server telnet ti attacchi se non e' partito un bel NULLA?????"la risposta e' stata penosati mando un dischetto per posta...penosissima!la verita' e' che siete senza argomenti spesso.Perche' non puoi negare che se devi fare un intervento SERIO su una macchina, devi stare li!non puoi sapere cosa accade e il guasto hardware e' molto meno maneggiabile di quello softwareLinux sara' anche rock solid, e' la gente che lo usa che non me lo rende simpatico!e meno male che dovevate essere una comunita' aperta e disponiobile ad aiutare e a dialogare.Sapete dire solo "che merda windows"... troppo facile!!!Piove, governo ladro (anche se di sti tempi...)Parlate di cose serie, non fate come alien, senno' siete degli stupidissimi tifosi!alla prossima
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: gnuboy
            meglio NEW che GNU New E' Windows? ;o)
            Siete i primi a dire di avere patch che
            escono a velocita' della luce e poi vi
            contraddite dicendo che non serve installare
            sempre l'ultima patch del kernel. Una patch del kernel è ben diversa da una patch in un altro software. E` molto raro che ci siano problemi *gravi* nel kernel che *richiedono* un aggiornamento.
            la risposta e' stata penosa
            ti mando un dischetto per posta... Sì questa risposta fa ridere anche me, però ce n'erano altre due: "ti mando l'immagine del floppy per email" e "configuro LILO (preferisco GRUB ;o) per poter avviare due kernel diversi" che non mi sembravano così assurde...
            Perche' non puoi negare che se devi fare un
            intervento SERIO su una macchina, devi stare
            li!
            non puoi sapere cosa accade e il guasto
            hardware e' molto meno maneggiabile di
            quello software Però posso accorgermi che l'intervento non è serio e che il problema non è hardware ma software senza andare lì (e di solito si lavora meglio senza il cliente tra le ba**e).
            Linux sara' anche rock solid, e' la gente
            che lo usa che non me lo rende simpatico!
            e meno male che dovevate essere una
            comunita' aperta e disponiobile ad aiutare e
            a dialogare. Pronti! Agente A.C. a rapporto. Chiedi e ti sarà dato (se ne so qualcosa!).
            Parlate di cose serie, non fate come alien,
            senno' siete degli stupidissimi tifosi! Ci sto provando...
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: A.C.]zac[
            Sì questa risposta fa ridere anche me,A si e perche'?Dico al cliente ti mando un floppy cosi se per caso va' qualcosa storto tu metti il floppy e riavvi il server e continui a lavorare senza perdere neanche 10 minuti e io intanto sistemo il tutto.A me sembra che il cliente non ride, anzi e' contento che sono prudente.Forse dovrei dirli non peroccupparti, in caso di problemi ordino il cd-rom super professionale con tante belle icone, rimani bloccato per solo una settimana?Per quelli con la puzza sotto al naso si puo' sempre preparare un intero linux che si avvia e gira su cd-rom.Contenti?
            però ce n'erano altre due: "ti mando
            l'immagine del floppy per email" e
            "configuro LILO (preferisco GRUB ;o) per
            poter avviare due kernel diversi" che non mi
            sembravano così assurde...Con il floppy era la stessa identica cosa, solo che in quella maniera eviti di mettere le mani al MBR, se una cosa va' storta, via il floppy e tutto riparte.Si chiama prevenire, funziona, e' sicura, ma certo, come soluzione fa' ridere e' penosa ....Bah!Voglio proprio vedere come fareste voi ad aggiornare un kernel senza far rischiare niente al cliente.Io sono fortunato, scelgo la soluzione piu' sicura per cliente, voi due solo quella non penosa e che non fa' ridere
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?


            Sì questa risposta fa ridere anche me,
            A si e perche'? Ok, allora mi fa sorridere. Perché nell'era in cui sembra che Internet possa fare tutto, a volte è ancora necessario affidarsi a dei mezzi "fisici".
            Per quelli con la puzza sotto al naso si
            puo' sempre preparare un intero linux che si
            avvia e gira su cd-rom. Anche in un floppy se è per quello, con tanto di server web, mail e ftp...
            Contenti?Un sacco.Prova a leggere qualche altro mio messaggio, anch'io promuovo Linux e l'Open Source.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: gnuboy
            dal messaggio che hai scritto riveli di
            essere un poveraccio.Te un povero demente.
            Siete i primi a dire di avere patch che
            escono a velocita' della luce e poi vi
            contraddite dicendo che non serve installare
            sempre l'ultima patch del kernel.!!!! mi sa che non sai cos'e' il kernel, non e' kernel32.dll.
            Ma andatevi a nascondere!!!!Ma torna dalla mamma.
            e' una cosa di cui ho sempre sentito la
            gente vantarsi.... e adesso diventa una cosa
            secondaria??? cambia droga, da quando 'la gente' e' diventata depositaria del sacro verbo?Ma tu rispondi alle persone o alla gente?
            ma in che mondo vivete???Nel mondo dove contano i risultati, dove non basta dire ma la mamma microsoft mi ha detto di fare cosi.
            comunque mi pare che la domanda fosse ironica
            perche' se tu dici faccio tutto da remoto,
            ti viene chiesto "se disgraziatamente
            qualcosa non riparte a quale cippa di server
            telnet ti attacchi se non e' partito un bel
            NULLA?????"Vedi che sei proprio pirla, la risposta era molto chiara, mi preparo prima, se non dovesse ripartire mi basta riselezionare riattivare il vecchio kernel.
            la risposta e' stata penosa
            ti mando un dischetto per posta...
            penosissima!Penosa e' la tua capacita' di pensare.Per prima cosa con un dischetto si puo' far ripartire un server linux e far lavorare il cliente come se non fosse successo niente, tu col tuo magnifico cd certificato win ti attacchi.Per fortuna che i clienti non sono pirla come te, a loro importa dei risultati, non che ci sia une bellissima etichetta.
            la verita' e' che siete senza argomenti
            spesso.Siamo chi? gli alieni? ecco un'altro che vede congiure linuxiane.
            Perche' non puoi negare che se devi fare un
            intervento SERIO su una macchina, devi stare
            li!ahhahaa, lavaggio del cervello completato, mi sa che sei brutalmente invidioso delle possbilita' di assistenza remota.
            non puoi sapere cosa accade e il guasto
            hardware e' molto meno maneggiabile di
            quello software???? si parlava di patch e per assurdo di dover aggiornare il kernel.
            Linux sara' anche rock solid, e' la gente
            che lo usa che non me lo rende simpatico!
            e meno male che dovevate essere una
            comunita' aperta e disponiobile ad aiutare e
            a dialogare.A me sei ben poco simpatico tu, non conosci niente di quello che parli sputi sentenze di penoso.Tu sicuramente coi server al massimo ci giochi, io mi ci guadagno ci lavoro.Solo un pirla che non si guadagna il pane da un'altezzosa etichetta di penosa a una soluzione magari poco elegante ma funzionante e sicura.
            Sapete dire solo "che merda windows"...
            troppo facile!!!Ma sapete chi??????? a chi parli????Mo ci manca solo siete tutti comunisti e dei centri sociali ...
            Piove, governo ladro (anche se di sti
            tempi...)Di sti tempi pirla attacca il cervello e rispondi alle persone e non a voi loro essi gli alieni ...
            Parlate di cose serie, non fate come alien,
            senno' siete degli stupidissimi tifosi!Parlare di cose serie con te e' impossibile, e' evidente che non devi aver sbloccato un server col cliente incazzatissimo e preoccupatissimo manco una volta in vita tua.Continua pure a fare come vuoi ma sei vivamente pregato di non sputare sentenze su chi lavoro e trova con fatica le proprie soluzione e non si nasconde dietro e' colpa della ms.
            alla prossimaMa manco per idea, ma vedi di anna'....
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?


            siamo nella new economy...e soprattuto

            circondati da persone NEW...

            meglio NEW che GNUio sono molto aperto alle novita, ma non mi parlare di gente NEW...ma come siete messi ????
            dal messaggio che hai scritto riveli di
            essere un poveraccio.non direi proprio...anzi...per mia fortuna sono nato intelligente...che poi e anche la mia sfortuna...
            Siete i primi a dire di avere patch che
            escono a velocita' della luce e poi vi
            contraddite dicendo che non serve installare
            sempre l'ultima patch del kernel.se un programma e buccato (cosa che accade ovunque) e meglio se un patch e disponibile dopo mezz'ora che fra due mesi...
            ma in che mondo vivete???il mondo e questo e fino a quando non potro emigrare su marte, ci vivo...
            Perche' non puoi negare che se devi fare un
            intervento SERIO su una macchina, devi stare
            li!questo e ovvio, cio non toglie comunque che windows ha piu pretese...ho avuto componenti che w2k non mi riconosce neanche installando i driver (aparte la cazzata dei driver certificati), con linux me li installava con la redhat6 che e uscita prima...
            non puoi sapere cosa accade e il guasto
            hardware e' molto meno maneggiabile di
            quello softwarese un hardware e guasto il produttore se lo riprende e se mi tratta male ha perso un cliente...
            Linux sara' anche rock solid, e' la gente
            che lo usa che non me lo rende simpatico!hai mai provato a conoscerci davvero ??? senza prime impressioni o preconcetti...direi di no...
            e meno male che dovevate essere una
            comunita' aperta e disponiobile ad aiutare e
            a dialogare.e cosi infatti...
            Sapete dire solo "che merda windows"...
            troppo facile!!!voi non criticate linux ???
            Piove, governo ladro (anche se di sti
            tempi...)cazzo c'entra ???
            Parlate di cose serie, non fate come alien,
            senno' siete degli stupidissimi tifosi!

            alla prossimabhe...
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?



            siamo nella new economy...e soprattuto


            circondati da persone NEW...

            meglio NEW che GNU
            io sono molto aperto alle novita, ma non mi
            parlare di gente NEW...ma come siete messi Avete letto "Dottor Niù" di Stefano Benni?Ottimo contro i travasi di bile! ;o)
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: MaKsMancava un pezzo]zac[
            ovvero, come fai con windowsProprio no!, win salva i vari file modificati, salva il registro di configurazione, salva altre configurazione, una marea di roba.Poi all'avvio puoi scegliere se ripristinarli ad una certa configurazione, sempre che uno abbia salvato quella configurazione.La procedura e' molto complessa, se non va' a buon fine (cosa molto probabile vista la complessita', sei fregato, ciao ciao boot di win, e molto probabilmente ciao ciao win.Con linux devi solo scegliere da quale kernel fare il boot, se uno non va' scegli il boot dall'altro kernel, altro che ripristino di camionate di roba.A proposito, volendo potrei preparare un disco di avvio (con il kernel nel floppy) che consentirebbe in ogni caso di avviare il server e di farlo lavorare normalmente.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?

            Proprio no!, win salva i vari file
            modificati, salva il registro di
            configurazione, salva altre configurazione,
            una marea di roba.
            Poi all'avvio puoi scegliere se
            ripristinarli ad una certa configurazione,
            sempre che uno abbia salvato quella
            configurazione.
            La procedura e' molto complessa, se non va'
            a buon fine (cosa molto probabile vista la
            complessita', sei fregato, ciao ciao boot di
            win, e molto probabilmente ciao ciao win.

            Con linux devi solo scegliere da quale
            kernel fare il boot, se uno non va' scegli
            il boot dall'altro kernel, altro che
            ripristino di camionate di roba.

            A proposito, volendo potrei preparare un
            disco di avvio (con il kernel nel floppy)
            che consentirebbe in ogni caso di avviare il
            server e di farlo lavorare normalmente.cioe' tipo quello che e' successo a me ierimetto un driver per il controller raid che non mi fa piu' partire la macchina, riavvio, si pianta,riparto scegliendo usa l'ultima impostazione valida, faccio il rollback del driver e riparto in tutta tranquillita'.i vostri tecnicismi teneteveli...una macchina diesel e a benzina sono diverse, ma quando giro la chiave l'effetto e' sempre quello di mettere in moto il motore.Poi fate come volete...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: MaKs]zac[
            cioe' tipo quello che e' successo a me ieri
            metto un driver per il controller raid che
            non mi fa piu' partire la macchina, riavvio,
            si pianta,
            riparto scegliendo usa l'ultima impostazione
            valida, faccio il rollback del driver e
            riparto in tutta tranquillita'.Una cosa poco sicura mica fallisce sempre.Poi hai potuto risolvere perche' eri li, con linux potevi risolvere da remoto.
            i vostri tecnicismi teneteveli...E dagli col plurale ma che e'? una infezione cerebrale?
            una macchina diesel e a benzina sono
            diverse, ma quando giro la chiave l'effettoE si!, anche un fuoristrada e un panda se giri la chiave l'effetto e' uguale ....
            e' sempre quello di mettere in moto il
            motore.Io preferisco i motori robusti, semplici, poco costosi ....
            Poi fate come volete...Poi fai come vuoi, prego!!!!.Altrettanto e guarda che non lo dico con scortesia anzi.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            puoi farlo anke con Windoze. Se la libreria è una DLL normale, basta copiarla nella dir del sw ke la deve usare. Valido da Win 3.xSe devi usare un server COM (dll, ocx, exe...) puoi usare (ma solo con Win2K o sup) puoi usare la side-by-side installation, invece di usare regsvr32.exeCon .NET, basta usare il manifest (vedi MAME32), ke è un banale file XML (qndi basta il notepad)Il tutto, gaudio e tripudio, senza necessariamente dover fare reboot.Messaggio valido per Linuz e Windoze: gli strumenti vanno conosciuti, altrimenti si riskiano brutte figure.senza rancore, davvero.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?


            Per patchare un server linux non serve

            arrestare il sistema.

            Idem con w2000. Per le hotfix di IIS basta
            arrestare il servizio, lanciare la hotfix
            con il parametro -Z, e far ripartire il
            servizio.eggia, la famosa potenza del wizzard grafico...quando parte ti fa pure scegliere -z...o forse si chiamava console ???
            Prendendosela comoda il tuo server web e'
            fermo per 30 secondi.ahahahhahhaa...ma cos'e il tuo computer, un megagigasupedotato ??? 30 secondi per un patch...ahahhahah...

            Con qualche accortezza si puo' perfino

            ripristinare tutto il s.o. da una copia di

            backup mentre sta' lavorando.

            Idem con w2000.idem ??? non ne sarei cosi sicuro...e comunque con mal di testa per giorni forse...
        • Anonimo scrive:
          Re: E l'uptime?
          - Scritto da: .
          - Scritto da: Ciao

          Il compito x casa e' trovare un bel server

          linux (qualsiasi altro sistema) che sia up

          da 300 giorni e che non necessiti di
          nessuna

          patch ,escludere tutti quelli che hanno

          installato openssh...
          ]zac[

          Il compito e' impostato scorrettamente,
          tanto per cambiare.

          Per patchare un server linux non serve
          arrestare il sistema.

          Con qualche accortezza si puo' perfino
          ripristinare tutto il s.o. da una copia di
          backup mentre sta' lavorando.

          Vai dietro la lavagna.Allora e' ancora piu' facile. Avanti ... stiamo aspettando.
      • Anonimo scrive:
        Re: E l'uptime?
        - Scritto da: Ciao
        Il compito x casa e' trovare un bel server
        linux (qualsiasi altro sistema) che sia up
        da 300 giorni e che non necessiti di nessuna
        patch ,escludere tutti quelli che hanno
        installato openssh...Qui trovi la lista dei sistemi con l'uptime più alto degli ultimi tre mesi:http://uptime.netcraft.com/up/today/top.avg.htmlok, non vedo né Linux né Windows, e questo conferma le dicerie che *BSD è più stabile del pinguino e sapere che OpenBSD non ha un exploit *remoto* da 4 anni (!) mi conforta abbastanza.Facciamo un'altra prova:http://uptime.netcraft.com/up/graph?site=www.microsoft.comhttp://uptime.netcraft.com/up/graph?site=www.debian.orgqua invece vediamo che i due sistemi hanno un uptime massimo molto simile (113.13 e 136.04 rispettivamente) l'ultimo rilevato (2.66 e 98.10) è *decisamente* a favore di Debian, ma la media (64,20 e 49,18) sono un po' a favore di Microsoft...Non posso essere certo che questi due sistemi siano aggiornati, ma credo di sì...Se poi volevo essere bastardo (e forse anche poco obiettivo) ti mandavo qua:http://uptime.netcraft.com/up/graph?site=freshmeat.net;o)Ora, dato che io non promuovo a spada tratta Linux, ma l'Open Source in generale come fonte di software di qualità superiore ai modelli di sviluppo tradizionale, non posso che essere felice di vedere solamente sistemi *BSD nella classifica dei migliori uptime. Notate cmq che l'uptime non è una misura *assoluta* di qualità di un sistema, posso anche avere un server che "sta su" per 20 anni, ma se mi serve 2 richieste all'ora posso anche buttarlo alle ortiche!
        • Anonimo scrive:
          Re: E l'uptime?
          ]zac[
          http://uptime.netcraft.com/up/today/top.avg.h
          ok, non vedo né Linux né Windows, e questo
          conferma le dicerie che *BSD è più stabile
          del pinguino e sapere che OpenBSD non ha unE' anche che per linux ci sono frequenti aggiornamenti del kernel.
          exploit *remoto* da 4 anni (!) mi conforta
          abbastanza.mmmmmm ...]zac[
          Se poi volevo essere bastardo (e forse anche
          poco obiettivo) ti mandavo qua:]zac[Ci sono vari siti che la netcraft non monitorizza.]zac[
          uptime. Notate cmq che l'uptime non è una
          misura *assoluta* di qualità di un sistema,
          posso anche avere un server che "sta su" per
          20 anni, ma se mi serve 2 richieste all'ora
          posso anche buttarlo alle ortiche!Infatti, bisognerebbe avere due unita' di misura dell'uptime, a giorni e a traffico sostenuto.Tieni pero' conto che con l'elevato tasso di cracker che cercano siti vulnerabili anche se non e' usato il server finira' quasi sicuramente down.Comunque e' il downtime il parametro fondamentale.Il riavvio di un server linux e' praticamentre sempre una fase veloce e sicura (downtime basso), nei sistemi win e' spesso una fase lenta e pericolosa (downtime alto).
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: :
            Il riavvio di un server linux e'
            praticamentre sempre una fase veloce e
            sicura (downtime basso), nei sistemi win e'
            spesso una fase lenta e pericolosa (downtime
            alto).E questa come l'hai inventata?
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: Ciao
            E questa come l'hai inventata?L'ha inventata la ms.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: ;
            - Scritto da: Ciao

            E questa come l'hai inventata?

            L'ha inventata la ms.Ahhhh.. Ora capisco.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: ;

            - Scritto da: Ciao


            E questa come l'hai inventata?



            L'ha inventata la ms.

            Ahhhh.. Ora capisco.Si pero' non ti sa dare il link al comunicato dove microsoft afferma che i suoi sistemi hanno un downtime piu' alto... anzi ti dira' che per sua esperienza riavviare windows 98 e' piu' lento che riavviare linux.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?

            sistemi hanno un downtime piu' alto... anzi
            ti dira' che per sua esperienza riavviare
            windows 98 e' piu' lento che riavviare
            linux. Ho misurato (a spanne!) e per mia esperienza un avvio (da PC spento) di Win98 e di Linux Red Hat 7.1 + Ximian GNOME 1.4 in modalità grafica (con GDM) richiede circa lo stesso tempo (differenze di circa 5s). WinME sembra un po' più veloce perché (a occhio) hanno modificato l'ordine di avvio dei vari componenti e quindi si vede il desktop completo prima che sia tutto pronto ma il sistema non è ancora utilizzabile, e comunque il tempo è ridotto solo di qualche secondo. Per Win2k Pro non ho confronti misurati, ma non mi sembra ci metta tanto di più di Win98.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?


            exploit *remoto* da 4 anni (!) mi conforta

            abbastanza.
            mmmmmm ... www.securityfocus.com
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?

            Il riavvio di un server linux e'
            praticamentre sempre una fase veloce e
            sicura (downtime basso), nei sistemi win e'Ah si ,ovviamente.... l'ultima volta che ho riavviato linux mi e' uscita una bella fila di 01010101010101010 cosa voleva dire che e' tutto sicuro?
            spesso una fase lenta e pericolosa (downtime
            alto).Statistiche alla mano prima di certe affermazioni.Altrimenti sembra che ogni volta che vi smerdano il caro linux il parametro fondamentale diventa un altro...
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?
            - Scritto da: Ciao]zac[
            Ah si ,ovviamente.... l'ultima volta che ho
            riavviato linux mi e' uscita una bella fila
            di 01010101010101010 cosa voleva dire che e'
            tutto sicuro? Magari e' stato dopo che hai cancellato o sovrascritto il MBR?L'ultima volta che ho riavviato win e' comparso il messaggio missing system.Che sia perche' ho piallato i file di avvio?
            Statistiche alla mano prima di certe
            affermazioni.Non mi pare che tu fornisca mai statistiche alle tue affermazioni.
            Altrimenti sembra che ogni volta che vi
            smerdano il caro linux il parametro
            fondamentale diventa un altro... Parla al singolare, non fare sempre quello che vede congiure linux dappertutto.Ho lavorato in una ditta di assistenza hardware e software, e ho avuto modo di avere a che fare, purtroppo, con vari sistemi.Non mi sono certo fermato all'installazione la mandrake e non mi sono bloccato sulla scheda video.
          • Anonimo scrive:
            Re: E l'uptime?

            Ah si ,ovviamente.... l'ultima volta che ho
            riavviato linux mi e' uscita una bella fila
            di 01010101010101010 cosa voleva dire che e'
            tutto sicuro? eggia, quando vedi il logo di windows ti senti piu sicuro ??? aparte che di 0102032324 e pieno il registro di windows...
    • Anonimo scrive:
      Re: E l'uptime?
      - Scritto da: James T. Kirk
      Se qualcuno si vanta con voi che il suo
      server NT funziona ininterrottamente da 300
      giorni, bene, allora sappiate che sono 300
      giorni che non installa patch (come dire: un
      colabrodo!)Mica tutti i server NT stanno su internet e micatutti i server NT danno servizio Web.Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: E l'uptime?
        - Scritto da: CiccioPalla
        Mica tutti i server NT stanno su internet e
        mica
        tutti i server NT danno servizio Web.

        Ciao.Confermo, il mio e' su da 534 giorni e non homai fatto reboot. Beh non sono collegato in rete e lo uso soloper editare dei testi con notepad, ma a me funziona bene anche senza SP.
  • Anonimo scrive:
    Ma ci sono voluti anni...
    ...per fare un programmino "stupido" come quello! Non mi sembra una idea tanto originale; forse perchè ormai il numero delle patch è talmente elevato che è difficle capire cosa va installato e cosa no ?:(:((:((((:((((((((:(((((((((((((((((Progressione esponenziale)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma ci sono voluti anni...
      qualcuno spiegasse poi perché windows update deve avere sempre l'ultima versione del messenger il giorno dopo l'annuncio e un amministratore debba trovarci le patch alla sicurezza dopo settimane dall'uscita delle versioni localizzate e anche mesi dalle release ufficiali
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma ci sono voluti anni...
        - Scritto da: rootzmaster
        qualcuno spiegasse poi perché windows update
        deve avere sempre l'ultima versione del
        messenger il giorno dopo l'annuncio e un
        amministratore debba trovarci le patch alla
        sicurezza dopo settimane dall'uscita delle
        versioni localizzate e anche mesi dalle
        release ufficialiPerche' normalmente le patch escono dopo l'uscita della versione altrimenti non si chiamerebbero patch... ti lamenti del fatto che windows update sia aggiornato? E poi un amministratore non deve installare le versioni localizzate del software se ci tiene ad avere le patch il prima possibile.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma ci sono voluti anni...
          E poi un
          amministratore non deve installare le
          versioni localizzate del software se ci
          tiene ad avere le patch il prima possibile.Perchè Bill riceve i soldi due anni dopo per le verisoni localizzate?Pago la stessa cifra ma devo avere le patch dopo per quale strano motivo? Spiegamelo ti.Se compro un televisore difettoso, devo aspettare per la riparazione perchè ha il menu in italiano?CiaoLuca
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...
            - Scritto da: Luca
            Perchè Bill riceve i soldi due anni dopo per
            le verisoni localizzate?No hai ragione, ma te non paghi miga per le patch, o no? Qui e' di patch che si parlava e non di release.
            Pago la stessa cifra ma devo avere le patch
            dopo per quale strano motivo? Spiegamelo ti.Ahime', non e' colpa di Bill se l'Italiano e' meno diffuso dello spagnolo e dell'inglese. Non credo che anche altre societa' si comportino in maniera diversa.Io lavorando all'estero ho l'impressione che le versioni localizzate non godono della stessa attenzione di quella in lingua originale e quindi ogni aggiornamento viene programmato per una o due settimane dopo....a volte anche di piu'. Sono policies aziendali con ovvie ragioni di mercato dietro.
            Se compro un televisore difettoso, devo
            aspettare per la riparazione perchè ha il
            menu in italiano?E' un esempio che non calza perche' la ditta del televisore non mette a disposizione la "riparazione" ma sei te che devi portare il TV al negozio. Per il resto hai ragione, non fa nessuna differenza, ma come ripeto le due cose sono diverse.
            Ciao
            LucaCiao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...

            Io lavorando all'estero ho l'impressione che
            le versioni localizzate non godono della
            stessa attenzione di quella in lingua
            originale e quindi ogni aggiornamento viene
            programmato per una o due settimane
            dopo....a volte anche di piu'. Sono policies
            aziendali con ovvie ragioni di mercato
            dietro. Non so come funziona la localizzazione (anche se in questo caso si parla soprattutto di internazionalizzazione) in MS, ma credo che non sia così difficile revisionare in qualche ora le stringhe che sono state modificate dalla patch in questione e impacchettare tutto... almeno con gettext non è che sia così difficile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...
            Ciao A.C.,si e' vero il processo in se e per se e' semplice. Quello che va pero' considerato e' che molte volte le traduzioni provengono da societa' esterne e queste ricevono il prodotto in lingua originale e poi dopo un periodo-TOT mandano indietro le traduzioni. Nel frattempo la versione originale e' resa disponibile al pubblico e questo spiega la differenza di tempo.Volendo si potrebbe aspettare il periodo-TOT e rilasciare il tutto assieme, ma come potrai capire e' questione di immagine, marketing, soldi, etc.Francamente parlando poi a nessuno frega tanto delle versioni localizzate perche' non portano cosi' tanti soldi come quelle in Inglese; di conseguenza rivesono un'importanza inferiore all'interno di molte societa'.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...

            Volendo si potrebbe aspettare il periodo-TOT
            e rilasciare il tutto assieme, ma come
            potrai capire e' questione di immagine,
            marketing, soldi, etc. No, MS potrebbe dare il prodotto alle società esterne quando è ancora in fase di test, così loro possono finire la revisione in poche ore (spero che una patch non vada a modificare 10e10 stringhe!) ed avere tutto pronto per il rilascio.
            Francamente parlando poi a nessuno frega
            tanto delle versioni localizzate perche' non
            portano cosi' tanti soldi come quelle in
            Inglese; di conseguenza rivesono
            un'importanza inferiore all'interno di molte
            societa'. Hai perfettamente ragione, è questo il punto: $oldi!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...
            - Scritto da: A.C.]zac[
            Hai perfettamente ragione, è questo il
            punto: $oldi!Non solo, spesso la localizzazione e' anche a livello di codice.Le differenze non sono solo a livello di caratteri, ma anche su diverse parti del codice (forse le versioni in lingua non originale sono piu' indietro, comunque spesso sono parecchio diverse).Ormai non si contano piu' le volte' che installi una parte in una lingua differente e non funziona piu' niente.Alla fine mantenere una lingua differente puo' voler dire mantenere una versione differente.La cosa brutta e' che anche linux sta' andando verso questa strada, profonde modifiche tra le vari versioni e lingue, e chisse ne frega la compatibilita', passata e futura.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...

            Non solo, spesso la localizzazione e' anche
            a livello di codice.
            Le differenze non sono solo a livello di
            caratteri, ma anche su diverse parti del
            codice (forse le versioni in lingua non
            originale sono piu' indietro, comunque
            spesso sono parecchio diverse). Appunto questa è la divverenza tra localizzazione (L10n) e internazionalizzazione (I18n).
            La cosa brutta e' che anche linux sta'
            andando verso questa strada, profonde
            modifiche tra le vari versioni e lingue, e
            chisse ne frega la compatibilita', passata e
            futura. Di cosa stai parlando? Spiegati meglio perché secondo me è tutto il contrario! Esempio: www.pango.org (e anche KDE fa la sua parte ma non sono informato...) altro esempio: tubero.sf.net
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...
            - Scritto da: A.C.]zac[
            Appunto questa è la divverenza tra
            localizzazione (L10n) e
            internazionalizzazione (I18n).Infatti, e aggiungerei purtroppo.
            Di cosa stai parlando? Spiegati meglio
            perché secondo me è tutto il contrario!Mi riferivo al fatto che di molti comandi e' stato cambiato e localizzato l'output.Il punto e' che linux si basa molto sulla ridirezione, sulla pipe, quindi sull'uso dell'output dei vari comandi.Cambiarli in quella maniera e' stato criminale, andando avanti di questo passo tocchera' fare programmi e script per ogni lingua, o complicarli notevolmente andando a leggere file che contengano le localizzazioni.E pensare che per risolvere il probelma bastava aggiungere una opzione che mantenesse sempre l'ouput fisso (solo in inglese, modifiche limitate e sicure, ecc.)
            Esempio: www.pango.org (e anche KDE fa la
            sua parte ma non sono informato...) altro
            esempio: tubero.sf.netSulla parte grafica non so' molto, ma tieni presente che molti tools grafici e semigrafici si basano sull'output dei comandi (infatti i tools hanno la pessima fama di fare casini).
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...

            E pensare che per risolvere il probelma
            bastava aggiungere una opzione che
            mantenesse sempre l'ouput fisso (solo in
            inglese, modifiche limitate e sicure, ecc.) # LANG=C df Risolto.
            Sulla parte grafica non so' molto, ma tieni
            presente che molti tools grafici e
            semigrafici si basano sull'output dei
            comandi (infatti i tools hanno la pessima
            fama di fare casini). Conosco, conosco (ne ho anche scritti ;o)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...
            - Scritto da: A.C.
            # LANG=C df
            Risolto.Non ci avevo pensato, faro' delle prove.Comunque l'output viene cambiato anche solo per modernizzarlo, per semplificarlo.Il punto e' che l'output dovrebbe essere sacro (la concatenazione dei comandi e' stra usata negli unix, e' criminale cambiare cosi allegramente le fondamenta), o almeno ci vuole un'opzione che consente di avere un output inchiodato.
            Conosco, conosco (ne ho anche scritti ;o)Che fanno casini? eheheComunque da quello che ho visto parecchi tools funzionano male a causa di cambianti dell'output dei comandi e del formato dei file su cui scrivono.Non vorrei per niente essere nei panni degli scrittori di tools :) .
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...
            programmatori windows che migrano su linux...comunque TUTTI dovremmo leggere di piu...- Scritto da: .
            - Scritto da: A.C.

            # LANG=C df

            Risolto.

            Non ci avevo pensato, faro' delle prove.
            Comunque l'output viene cambiato anche solo
            per modernizzarlo, per semplificarlo.
            Il punto e' che l'output dovrebbe essere
            sacro (la concatenazione dei comandi e' stra
            usata negli unix, e' criminale cambiare cosi
            allegramente le fondamenta), o almeno ci
            vuole un'opzione che consente di avere un
            output inchiodato.


            Conosco, conosco (ne ho anche scritti
            ;o)

            Che fanno casini? ehehe

            Comunque da quello che ho visto parecchi
            tools funzionano male a causa di cambianti
            dell'output dei comandi e del formato dei
            file su cui scrivono.
            Non vorrei per niente essere nei panni degli
            scrittori di tools :) .
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...
            1. Credo che di questi tempi sia difficile trovare un programmatore che non abbia mai sviluppato in Windows (io all'inizio in Win 3.1... con le API!!!)2. Cosa c'è di sbagliato?Sul fatto che bisognerebbe leggere di più hai ragione... ah, se solo le giornate durassero 36 ore...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...
            - Scritto da: A.C.
            1. Credo che di questi tempi sia difficile
            trovare un programmatore che non abbia mai
            sviluppato in Windows (io all'inizio in Win
            3.1... con le API!!!)

            2. Cosa c'è di sbagliato?

            Sul fatto che bisognerebbe leggere di più
            hai ragione... ah, se solo le giornate
            durassero 36 ore...Mi consenta signor programmatore come si può trascorrere intere giornate e nottate sul PC?No le giornate non devono durare 36 ore. Grazie!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...


            Sul fatto che bisognerebbe leggere di più

            hai ragione... ah, se solo le giornate

            durassero 36 ore...
            Mi consenta signor programmatore come si può
            trascorrere intere giornate e nottate sul
            PC?
            No le giornate non devono durare 36 ore.
            Grazie!Per favore potresti leggere il messaggio a cui stai rispondendo?Ho scritto che voglio leggere di più, non usare il PC 36 ore.Se le giornate durassero 36 ore potrei programmare 8 ore, divertirmi con gli amici per 8 ore, dedicarmi ai miei hobby 8 ore e dormire 8 ore. invece le giornate solari durano 24 ore e le giornate lavorative rimangono a 8 (se va bene).
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...



            Sul fatto che bisognerebbe leggere di
            più


            hai ragione... ah, se solo le giornate


            durassero 36 ore...

            Mi consenta signor programmatore come si
            può

            trascorrere intere giornate e nottate sul

            PC?

            No le giornate non devono durare 36 ore.

            Grazie!

            Per favore potresti leggere il messaggio a
            cui stai rispondendo?

            Ho scritto che voglio leggere di più, non
            usare il PC 36 ore.

            Se le giornate durassero 36 ore potrei
            programmare 8 ore, divertirmi con gli amici
            per 8 ore, dedicarmi ai miei hobby 8 ore e
            dormire 8 ore. invece le giornate solari
            durano 24 ore e le giornate lavorative
            rimangono a 8 (se va bene).sarebbe un bel mondo...ma come riesci a passare 8 ore con gli amiciciii ??? hiihihihihihiihquesto aparte, io ho incominciato a programmare in basic e turbo pascal su vecchiSSIMI sistemi, poi passando a c e c++, prima della rivoluzione di w95...fortunato :))))...poi ho scoperto la system administration e la programmazione l'ho un po lasciata da parte, anche se ancora oggi do un'occhiata ai prodotti borland e ognitanto scrivo qualche codice...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...

            Ahime', non e' colpa di Bill se l'Italiano
            e' meno diffuso dello spagnolo e
            dell'inglese. Non credo che anche altre
            societa' si comportino in maniera diversa.
            Io lavorando all'estero ho l'impressione che
            le versioni localizzate non godono della
            stessa attenzione di quella in lingua
            originale e quindi ogni aggiornamento viene
            programmato per una o due settimane
            dopo....a volte anche di piu'. Sono policies
            aziendali con ovvie ragioni di mercato
            dietro.Certo e il consumatrore medio è pirla...tanto paga lo stesso. E' la strafottenza che mi fa incaz... e la frase questo è il mercato, non giustifica nulla.


            Se compro un televisore difettoso, devo

            aspettare per la riparazione perchè ha il

            menu in italiano?

            E' un esempio che non calza perche' la ditta
            del televisore non mette a disposizione la
            "riparazione" ma sei te che devi portare il
            TV al negozio. Per il resto hai ragione, non
            fa nessuna differenza, ma come ripeto le due
            cose sono diverse.Si ma se il televisore è difettoso per una cattiva progettazione o realizzazione ( capita che sui giornali ci siano annunci di ritiro di elettrodomestici potenzialmente difettosi)la riparazione non la paga l'utente... altrimente la ditta non venderebbe più un televisore.E' una questione di onestà e correttezza...ma forse non vale soprattutto nel mondo dell'informatica. Tu saresti contento di sapere che per un errore nel soft nella centralina, la tua macchina consuma il doppio di carburante?Ovviamente no! 8-) ! E se il tuo meccanico ti dicesse: la macchina l'hai acquistata in Italia, il libretto di istruzioni è in italiano, l'italiano è meno diffuso dello spagnolo, torna tra due settimane....?!? Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...

            Perchè Bill riceve i soldi due anni dopo per
            le verisoni localizzate?Ne riceve molti meno. Localizzare una versione e' un costo aggiuntivo per l'azienda , MS vista la quota di mercato che ha potrebbe tranquillamente venderti la versione inglese e dirti "arrangiati" ... visto che non paghi di piu' per la localizzata ,non ti puoi lamentare se le patch arrivano dopo.
            Pago la stessa cifra ma devo avere le patch
            dopo per quale strano motivo? Spiegamelo ti.Per il semplice fatto che i programmatori lavorano sulla versione inglese e appena la patch e' pronta la passano ai team di localizzazione.
            Se compro un televisore difettoso, devo
            aspettare per la riparazione perchè ha il
            menu in italiano?No ,probabilmente se il difetto sta nella eprom del menu italiano te lo tieni cosi' perche' non sara' mai disponibile il pezzo di ricambio funzionante. Hai scelto proprio l'esempio corretto dato che ho un videoregistratore della grundig con il menu italiano difettoso ormai da 4 anni e ancora aspetto ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...

            Ne riceve molti meno. Localizzare una
            versione e' un costo aggiuntivo per
            l'azienda , MS vista la quota di mercato che
            ha potrebbe tranquillamente venderti la
            versione inglese e dirti "arrangiati" ...
            visto che non paghi di piu' per la
            localizzata ,non ti puoi lamentare se le
            patch arrivano dopo.Allora oggi mando una lettera di ringraziamento a Bill perchè mi consente di utilizzare Win in italiano. Grazie Bill. 8-)


            Pago la stessa cifra ma devo avere le
            patch

            dopo per quale strano motivo? Spiegamelo
            ti.

            No ,probabilmente se il difetto sta nella
            eprom del menu italiano te lo tieni cosi'
            perche' non sara' mai disponibile il pezzo
            di ricambio funzionante. Hai scelto proprio
            l'esempio corretto dato che ho un
            videoregistratore della grundig con il menu
            italiano difettoso ormai da 4 anni e ancora
            aspetto ...E ai comprato altri Video della stessa marca? Spero di No! Ti sembra un corretto? CiaoLuca
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...
            io per esmpio vorrei avere la versione inglese (io uso 99% di software con Help invece di aiuto), ma se la chiedo alla micorsoft mi dicono che non e disponibile e che comunuque la posso comprare "da qualche altra parte" (risposta ufficiale)...inoltre, programmatori del caxxio, ci sono in giro vari software che cambiano lingua con un semplice clikc...imparate a programmare alla microsoft...- Scritto da: Ciao

            Perchè Bill riceve i soldi due anni dopo
            per

            le verisoni localizzate?

            Ne riceve molti meno. Localizzare una
            versione e' un costo aggiuntivo per
            l'azienda , MS vista la quota di mercato che
            ha potrebbe tranquillamente venderti la
            versione inglese e dirti "arrangiati" ...
            visto che non paghi di piu' per la
            localizzata ,non ti puoi lamentare se le
            patch arrivano dopo.


            Pago la stessa cifra ma devo avere le
            patch

            dopo per quale strano motivo? Spiegamelo
            ti.

            Per il semplice fatto che i programmatori
            lavorano sulla versione inglese e appena la
            patch e' pronta la passano ai team di
            localizzazione.


            Se compro un televisore difettoso, devo

            aspettare per la riparazione perchè ha il

            menu in italiano?

            No ,probabilmente se il difetto sta nella
            eprom del menu italiano te lo tieni cosi'
            perche' non sara' mai disponibile il pezzo
            di ricambio funzionante. Hai scelto proprio
            l'esempio corretto dato che ho un
            videoregistratore della grundig con il menu
            italiano difettoso ormai da 4 anni e ancora
            aspetto ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma ci sono voluti anni...
        - Scritto da: rootzmaster
        qualcuno spiegasse poi perch? windows update
        deve avere sempre l'ultima versione del
        messenger il giorno dopo l'annuncio e un
        amministratore debba trovarci le patch alla
        sicurezza dopo settimane dall'uscita delle
        versioni localizzate e anche mesi dalle
        release ufficialiMai sentito parlare di Consulenti Certificati M$?Diciamo che se il nuovo messanger si installa da solo non e' un problema perche non chiameresti mai un certificato per farlo... per installare una patch invece si.E sarebbe anche giusto dato che si parla di sicurezza... peccato che non tutti i certificati sanno quello che fanno (forse erano distratti in classe :P)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma ci sono voluti anni...
      - Scritto da: Ottav(i)o Nano
      ...per fare un programmino "stupido" come
      quello! Non mi sembra una idea tanto
      originale; forse perchè ormai il numeroQualcun'altro l'ha fatto?
      delle patch è talmente elevato che è
      difficle capire cosa va installato e cosa noBasta metterle tutte in un service pack...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma ci sono voluti anni...


        delle patch è talmente elevato che è

        difficle capire cosa va installato e cosa
        no

        Basta metterle tutte in un service pack... gia e fino a quando esce il service pack che fai ??? ti gratti ??? aparte il fatto che alcuni service pack non funzionano bene se hai alcuni patch installati singolarmente prima del service (e non e una cazzata, ne io scemo)...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma ci sono voluti anni...
          - Scritto da: blah
          aparte il fatto che
          alcuni service pack non funzionano bene se
          hai alcuni patch installati singolarmente
          prima del service (e non e una cazzata, ne
          io scemo)...Ciao, Blah, mi mancavi!Ma dove l'hai pescata questa storia? Io di questi problemi non ne ho MAI avuti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma ci sono voluti anni...


            aparte il fatto che

            alcuni service pack non funzionano bene se

            hai alcuni patch installati singolarmente

            prima del service (e non e una cazzata, ne

            io scemo)...

            Ciao, Blah, mi mancavi!non e che mi chiedi anche di sposarti, vero ??? :)))
            Ma dove l'hai pescata questa storia? Io di
            questi problemi non ne ho MAI avuti.sara il mio influsso malefico cazzo ne so, ma con windows combatto ogni giorno...ho sempre problemmi (bhe, sara anche perche metto le manine dapertutto), conflitti, ecc...cazzo ne so...e poi stiamo parlando di computer di marca, non del primo ferro vecchio...mah...a me non piace windows, e a quanto pare windows ricambia...
  • Anonimo scrive:
    mah...
    invece di affidarsi "alla cieca" a programminidi sicurezza ''Click&Pray'' non sarebbe meglioistruire certi sedicenti amministratori su come funziona una rete?
    • Anonimo scrive:
      Re: mah...
      Non e' un problema di quanto sappiano o non sappiano. Il problema e' che non abbandonino i sistemi a loro stessi. Guardate su netcraft. Sistemi esposti a bug scoperti e chiusi piu' di un anno fa'. Mah.
    • Anonimo scrive:
      Re: mah...

      invece di affidarsi "alla cieca" a
      programmini
      di sicurezza ''Click&Pray'' non sarebbe
      meglio
      istruire certi sedicenti amministratori su
      come funziona una rete?gia, peccato che in giro i cervelli pensanti mancano, non li vendono al chilo come a qualcuno piace pensare...la gente deve imparare a pensare...
  • Anonimo scrive:
    se pare vero
    secondo me nessun wizard e in grado di sfuggire alla cretinaggine umana .....
    • Anonimo scrive:
      Re: se pare vero

      secondo me nessun wizard e in grado di
      sfuggire alla cretinaggine umana .....
      ahahahhahahahhahahhahahaa...sai com'e...non solo i sistemi si "evolvono", ma anche gli idioti vengono toccati dalla evolution :)))))"better" systems 4 "better" idiots (in quanto un sistema fatto a cazzo rimane sempre fatto a cazzo non importa quanto lo migliori, e in quanto, a parte un fulmine in testa, un idiota rimane sempre un idiota)...
      • Anonimo scrive:
        Re: se pare vero

        a parte un fulmine in
        testa, un idiota rimane sempre un idiota)...


        ti candidi a fare l'esempio vivente a quanto vedo....hai il mio voto!
Chiudi i commenti