Geoblocking, in UE è una questione antitrust

I primi risultati dell'indagine comunitaria sul geoblocking evidenziano la diffusione della pratica in Europa, con potenziali problemi sul fronte delle norme antitrust che tutelano la competizione nel mercato unico europeo

Roma – La Commissione Europea ha pubblicato i primi risultati dell’indagine settoriale sul geoblocking , una pratica di gestione separata dei singoli mercati europei potenzialmente in contrasto con le regole sulla concorrenza e con gli obiettivi del mercato unico digitale europeo .

Prendendo in considerazione 1.400 risposte inviate da altrettanti “dettaglianti e fornitori” di contenuti digitali sparsi tra i 28 stati membri della UE, l’indagine della Commissione ha stabilito che le pratiche di geoblocking sono “comuni e diffuse”.

Nel 68 per cento dei casi, i fornitori di contenuti hanno confermato di attuare pratiche di blocco all’accesso ai suddetti contenuti all’interno di un mercato, quello europeo appunto, che dovrebbe essere “comune” per definizione.

I motivi del blocco all’accesso? Nel 59 per cento dei casi i servizi di rete hanno confermato di essere stati costretti dai fornitori primari dei contenuti, e neanche a dirlo tra i contenuti più bloccati sono presenti fiction televisive (74 per cento), film (66 per cento) ed eventi sportivi (63 per cento).

Contenuti e geoblocking

Anche se si tratta solo di risultati preliminari di un’indagine ancora in corso, dalle autorità di Bruxelles arriva la conferma del fatto che qualcosa di problematico sul fronte antitrust potrebbe esserci: quando il geoblocking deriva da un accordo commerciale, dicono dalla UE, è responsabilità della Commissione osservare più da vicino la questione per valutare l’eventuale presenza di un comportamento che potrebbe ostacolare la concorrenza.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Elrond scrive:
    Paghi un po' di più
    ...ma in compenso...!http://www.zdnet.com/article/apples-scariest-bug-this-week-pwn-your-device-over-the-wi-fi/
    • prova123 scrive:
      Re: Paghi un po' di più
      Abbiamo visto la fine di chi fa sistemi sicuri ... trucrypt ... lavabit... il ridicolo siparietto tra apple e fbi riesce a strappare lo scettro alla sceneggiata napoletana. Nemmeno il grande mario merola avrebbe saputo fare meglio del cuoco.
      • prova123 scrive:
        Re: Paghi un po' di più
        PS: da alcune email trafugate e non confermate da anonymous risulterebbe che il cuoco al termine di una email al capo della effebiai avrebbe concluso con: "Gli smartphonne eppol so piezz'è core!" :D
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: Paghi un po' di più
      Ormai è un bagno di sangue!
  • ... scrive:
    Capitan SalvaLaMela in azione!
    adesso arrivera' CapitanSalvaLaMela con un bel "E andoid, allora?".occhio che arriva in 5.. 4.. 3..
Chiudi i commenti