Gli SSD non seducono Western Digital

Il colosso degli hard disk si è detto ancora poco attratto dal mercato dei dischi a stato solido, ed afferma di voler continuare a stare alla finestra per seguire l'evolversi di questa tecnologia. Che definisce ancora immatura e costosa

Roma – Al contrario di Seagate , che sembra ormai in procinto di lanciare i suoi preannunciati dischi a stato solido (SSD), Western Digital nega ancora ogni interesse verso il business dei driver flash. Quella del colosso americano non è però una chiusura a priori: l’azienda si dice più che disposta ad abbracciare i dischi flash, ma solo quando questi dimostreranno di essere qualcosa più di un costoso e ancora immaturo prodotto di nicchia.

“WD entra su mercati che esistono e annuncia prodotti effettivamente disponibili”, ha dichiarato tagliente Richard Rutledge, senior vice president of marketing di WD. “L’espansione del nostro portafoglio prodotti segue un approccio controllato, metodico, sequenziale e incrementale, fondato su un modello di business solido alla costante ricerca delle migliori opportunità”. Opportunità che, secondo WD, gli SSD ancora non offrono: questo perlomeno negli ambiti che più interessano WD, come quello enterprise.

Il settore enterprise è del resto quello in cui dovrebbero debuttare, nel corso del prossimo anno, i primi modelli di SSD targati Seagate. Questi drive impiegheranno chip flash con tecnologia mista, SLC (Single-Level Cell) e MLC (Multi-Level Cell), così da raggiungere un buon compromesso tra performance e costo per gigabyte. Oltre a ciò, utilizzeranno algoritmi di wear levelling per allungare il più possibile la longevità delle celle di memoria.

“Quando il costo per gigabyte scenderà a 10 centesimi, gli SSD diverranno soluzioni interessanti anche per il settore consumer. Ciò potrebbe accadere nell’arco di tre o quattro anni”, ha commentato la scorsa primavera Krishna Chander, senior analyst di iSuppli .

Rutledge sembra essere sostanzialmente d’accordo con questa opinione, ma ritiene che in questo arco di tempo gli SSD debbano anche migliorare la propria longevità – oggi inferiore a quella di un tipico hard disk di classe enterprise – e le performance in scrittura, che attualmente sono spesso limitate da controller poco efficienti e file system non ottimizzati per le memorie flash.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Adi78 scrive:
    Non sono convinto
    Insomma, secondo me è colpa degli utenti e non delle consolle!! Io ho la Wii, la X360 e una marea di altre cozzaglie elettroniche attaccate sulla stessa ciabatta (dotata di switch) e quando esco o vado a nanna la spengo! Tutti soldini risparmiati! (e come diceva la pubblicità.. ogni soldino risparmiato è un soldino guadagnato!).Comunque ritengo sia prettamente una questione di educazione..
  • Pippo calo scrive:
    chi non spegne la console
    Non voglio fare "il moralizzatore" però non capisco proprio... cioè, è qualcosa che non mi era neanche passata x l'anticamera del cervello:mi volete spiegare che in america hanno il problema della gente che quando finisce di giocare abbandona il joypad sul divano e se ne va senza spegnere la console?Non dico che non possa capitare x distrazione, ma non ci credo che alcuni lo fanno come abitudine... è totalmente demenziale!Qui non ci vuole un sistema che spenga la console se inutilizzata x 3 ore, qui ci vuole un pungolo per bovini che aiuti i culoni (termine scientifico anatomico) americani ad alzarsi dal divano x schiacciare il tasto di spegnimento sulla console... e' come se finito di cucinare la gente lasciasse i fornelli accesi, o sbaglio?
    • saaf scrive:
      Re: chi non spegne la console
      Non e' proprio cosi.Almeno per la Xbox360 (quella che ho io) si puo' lasciare la console in stand-by per continuare, ad esempio, il download di materiale multimediale (demo di giochi, film, ecc.), ma a tutti gli effetti rimane accesa.Ma personalmente non lo faccio, per i motivi illustrati nell'articolo in questione.
  • barioni scrive:
    Errore di posizionamento risposta
    Sorry-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 novembre 2008 14.37-----------------------------------------------------------
  • rocco siffredi scrive:
    comprate na ciabatta
    e tutte le paure saranno finite..
  • ziolla scrive:
    ma siamo sicuri?
    mi sembra una grossas boiata... di solito la teconlogia quando migliora tende a consumare di meno... ad esempio per la ps3 la riduzione del disegno della cpu e gpu portano ad un notevole risparmio energetico... come è possibile che la nuova consumi più della vecchia?Mi sa tanto di boiata....
    • rocco siffredi scrive:
      Re: ma siamo sicuri?
      Si e ti pare che la potenza sia rimasta a quella della ps2?Dove vivi?Con i pc è uguale.. perchè se no ci vogliono alimentatori da 450W quando 8-9 anni fa bastava la metà?
      • dawid999 scrive:
        Re: ma siamo sicuri?
        non hai capito,lui parla sempre della ps3 ed giusto quello che dice,il processo produttivo della cpu è calato cosi anche come i consumi granzie anche al nuovo firmware che puntava proprio su questo aspetto aggiungendo la modalità di risparmio.
        • fred scrive:
          Re: ma siamo sicuri?
          "calare" e' un termine relativo;basta che vai a verificare come l'intel usa la definizione di ridurre i consumi sulle sue cpu;difatto se approfondite bene ne risulta che la riduzione e' dichiarata se rapportata alla potenza di calcolo e difatto le cpu incrementano la potenza ma il TDP rimane costate (130w al limite), in sostanza impieghi meno potenza per fare la stessa quantita' di lavoro oppure la stessa potenza per avere una velocita' superiore a seconda di come la vedete.Per gli altri costruttori vale lo stesso ragionamento, ad esempio la xbox360 in standby consuma come la xbox ma e' una console molto piu' potente e il mio monitor da 21" consuma in standby come il monitor da 17" che avevo qualche anno fa.nel caso del microonde e' raddoppiata la capacita' in litri ma la potenza e' la stessa dei modelli piu' vecchi.
      • chojin scrive:
        Re: ma siamo sicuri?
        - Scritto da: rocco siffredi
        Si e ti pare che la potenza sia rimasta a quella
        della
        ps2?
        Dove vivi?
        Con i pc è uguale.. perchè se no ci vogliono
        alimentatori da 450W quando 8-9 anni fa bastava
        la
        metà?Se metti schede video che consumano 150-200Watt e magari ne metti 2-3 certo che ti servono alimentatori da 550-1200Watt.Se usi una scheda video decente che consuma meno di 70Watt standard non hai bisogno di un alimentatore molto potente. Una CPU Penryn E8400 consuma al 100% di utilizzo appena 35Watt. Gli HDU 3.5" 7200rpm consumano un 8-11Watt. RAM e motherboard di norma sono un altri 20-30Watt complessivi. Con un buon alimentatore 300Watt-350Watt il sistema funziona perfettamente.
        • Anonymous coward scrive:
          Re: ma siamo sicuri?
          Confermo in pieno. Puoi anche mettere schede video decenti (ma non troppo) e rimanere a limiti accettabilissimi.Le ultime schede ATI per esempio hanno consumi piû bassi grazie alla riduzione delle dimensioni interne.Bisognerebbe non oltrepassare l'80% delle capacità di un alimentatore... ma neanche esagerare.
          • Deadpool scrive:
            Re: ma siamo sicuri?
            - Scritto da: Anonymous coward
            Confermo in pieno. Puoi anche mettere schede
            video decenti (ma non troppo) e rimanere a limiti
            accettabilissimi.

            Le ultime schede ATI per esempio hanno consumi
            piû bassi grazie alla riduzione delle dimensioni
            interne.

            Bisognerebbe non oltrepassare l'80% delle
            capacità di un alimentatore... ma neanche
            esagerare.Confermo, lì la riduzione delle componenti ha effettivamente prodotto conseguenze positive.In particolare è notevole il basso consumo a diverso regime di lavoro della 4670, che per essere un prodotto "da casa" ha più che discrete prestazioni.Per le console il discorso prestazionale è in parte diverso perché bisogna valutare anche il resto della componentistica: architettura video a parte (una spugna, e la principale indiziata, direi...), non so bene quanto si portino via il drive Blu-Ray della PS3 e soprattutto la pletora di connessioni wireless (non soltanto i pad ma anche la rete, ecc.). Il tutto pur avendo ridotto le dimensioni del Cell, notate bene.Il discorso per la 360 è molto probabilmente simile.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 novembre 2008 13.09-----------------------------------------------------------
          • Birba scrive:
            Re: ma siamo sicuri?
            La 4670 è davvero degna :D anche se è fascia economica, fa girare egregiamente molti giochi a 1280x1024 con qualità alta.Tirando a 1680x qualcosa inizia a sacrificare alcune cose, ma per il prezzo è ottima.Nvidia ha schede competitive, ma consumano di più (e costo leggermente più alto, anche se prestazioni leggermente migliori).La 9500GT però subisce in modo decisivo.
        • pentolino scrive:
          Re: ma siamo sicuri?
          sì però anni fa se la cavavano bene con 100-150 W... credo fosse questo il punto
        • fred scrive:
          Re: ma siamo sicuri?
          se puo' interessare ho preso un hd della western digital serie green power da 1TB e 5400rpm, e' tiepido (meno 3 watt se le testine no nfrullano), costa come gli altri e la perdita di prestazioni non si nota nell'uso.Se questo non incide molto nel complessivo i un pc, adesso che vanno di moda i nas, le macchine con SO embedded e hd e altro simile la scelta di dischi a consumo ridotto mi sembra una buona idea;attenti pero' alla pubblicita' che e' anncora molto fuorviante e inganna e di cui faccio un esempio:Western Digital fa girare questi dischi a 5400 poi sul depliant scrive 5400-7200; questo non significa che i dischi variano di velocita' ma che le prestazioni sono molto simili ad un 7200rpmAltri marchi producono dischi a basso consumo che girano a 7200 rpm, tuttavia cercando nel dettaglio delle caratteristiche il risparmio energetico e decisamente ridotto rispetto ad un modello normale.Sembra che il passaggio a 5400 sia la chiave per ridurre i consumi e se nell'uso non si nota la perdita di prestazioni e' perche' noi con difficolta' vediamo differenze poco nette salvo effettuare delle misure, e perche' il sistema operativo non ha l'efficenza per sfruttare i dischi al loro limite (es, se la testina frulla molto la velocita' di lettura del disco conta poco).
  • Birba scrive:
    Wii 16W
    Chi ha la Wii ha un consumo ridicolo di corrente :p ma sono valori che non so quanto abbiano fondamento.
    • pentolino scrive:
      Re: Wii 16W
      mah se riuscissero a tirarne fuori prima o poi un linux sufficientemente usabile finirà la sua vita come muletto a basso consumo; molto bene :-)
      • Anonymous coward scrive:
        Re: Wii 16W
        Povero Wii...
        • pentolino scrive:
          Re: Wii 16W
          beh intendo tra anni e anni... per ora mi ci diverto :-)
          • Birba scrive:
            Re: Wii 16W
            (rotfl)Due prese USB le ha, quindi tastiera e mouse ci stanno ;) (e poi dopo tastiera + hd esterno).Dici che qualcosa è già in progresso?Penso che intendeva "povero wii" perchè è molto rischioso scrivere sul firmware e rischiare che qualcosa vada storto.
          • pentolino scrive:
            Re: Wii 16W
            in realtà mi risulta che tramite il cosiddetto "twilight hack" si possa intervenire in maniera non permanente; in pratica si sfrutta un beffer overflow o simile in zelda, tramite questo si installa un canale e da quello in teoria si potrebbe avviare linux, anche se penso che ancora ci voglia tempo per una versione usabile.Per ulteriori informazioni:http://www.wiili.org/index.php/Main_Page
  • barioni scrive:
    Leggiamo meglio l'articolo
    Nell'articolo in lingua originale non si parla tanto dello standby ma soprattutto di consumi elevati quando le console sono accese/on anche per parecchie ore. Facciamo un esempio con l'XBOX: il costo di 103 dollari è riferito a 1031kWh di energia che l'XBOX consumerebbe in un anno senza MAI essere spenta, infatti si fa menzione a utenti che si scordano la console accesa (ecco che servirebbe quindi una specie di sleep mode dopo qualche tempo di inutilizzo). In standby/off la suddetta console (Microsoft Xbox 360 (2007)) consuma circa 3,1W ovvero 27kWh all'anno(2,7 dollari). Questo discorso vale anche per le altre console prese in esame. Una correzione all'articolo non sarebbe male. Saluti
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Leggiamo meglio l'articolo
      Mi associo a quanto espresso da barioni.Ma lo avete letto bene l'articolo in lingua originale?Il consumo delle console in stand-by è "quasi" trascurabile, nel senso che è paragonabile ad ogni altro elettrodomestico o apparecchio informatico (vedi hard disk usb con alimentatore o tv al plasma).E' un po' che vedo questo genere di superficialità negli articoli di PI e mi dispiace perchè lo ritengo un'ottima fonte di notizie.
      • qwerty scrive:
        Re: Leggiamo meglio l'articolo
        - Scritto da: Nome e cognome
        Mi associo a quanto espresso da barioni.
        Ma lo avete letto bene l'articolo in lingua
        originale?

        Il consumo delle console in stand-by è "quasi"
        trascurabile, nel senso che è paragonabile ad
        ogni altro elettrodomestico o apparecchio
        informatico (vedi hard disk usb con alimentatore
        o tv al
        plasma).

        E' un po' che vedo questo genere di
        superficialità negli articoli di PI e mi dispiace
        perchè lo ritengo un'ottima fonte di
        notizie.Ma tu l'hai letto l'articolo ?? Pare di no, altrimenti avrestiletto dove dice "incidendo di soli 7 dollari sulla bolletta di chi decide di non premere mai il tasto di spegnimento."Secondo te cosa vuol dire ???CIao.
        • Kappa scrive:
          Re: Leggiamo meglio l'articolo
          Diciamo che l'articolo è un pò forviante scritto in quel modo. Le informazioni ci sono, ma sono più che altro sotto intese e non alla portata di tutti.
      • fred scrive:
        Re: Leggiamo meglio l'articolo

        Il consumo delle console in stand-by è "quasi"
        trascurabile, nel senso che è paragonabile ad
        ogni altro elettrodomestico o apparecchio
        informatico (vedi hard disk usb con alimentatore
        o tv al plasma).-televisore a tubo 20" anno 1999 11watt in standby-xbox vecchio modello 15watt in standby-pc spento ma connesso 21watt di cui il 70% reattivi-monitor lcd 17" circa 4w in standby-poi ci sono l'alimentarr del modem e dello switchdi cui non ricordo il consumo, messi assieme faranno 6-7 wattsommiamo o ottengo che quando ero fuori casa avevo un consumo pari a quello di un lampadario acceso giorno e notte; ora ho cambiato casa e ho piazzato ciabatte con l'interruttore in giro per la casa mentre modem e switch sono alimentadi dal connettore di alimentazione dell'hard disk.
        • fred scrive:
          Re: Leggiamo meglio l'articolo
          Dimenticavo, il pc come consumi e' proprio uno schifo, consuma 130w solo per stare acceso e facendo girare un gioco recente il consumo varia fra i 250 e i 350w, d'inverno tiene cald ala stanza se usato a lungo.
    • Anonymous coward scrive:
      Re: Leggiamo meglio l'articolo
      The study's total results are also a bit shocking: idle machines consume almost as much electricity as those that are in use and merely turning them off could cut the U.S. electricity bill by more than $1 billion per year.Rileggi bene in lingua originale.Vedrai che ti sbagli alla grande.
      • barioni scrive:
        Re: Leggiamo meglio l'articolo
        Sicuro????????Idle vuol dire console accesa in attesa di comandi da parte dell'utente, magari con lo screen saver o un gioco in pausa così come indicato nell'articolo. Quasi la metà degli utenti USA spegne la tv mentre lascia la console in pausa accesa, magari proprio per non perdere i progressi di gioco. Lo standby invece è un'altra cosa. Non confondiamoci prego:Idle: The device is on, a disc is loaded in the console, but the user is not touching the controller.Standby/Off: Either the user has powered down the console manually through the switch on the console, or the console has powered down automatically through its power management feature.Ciao-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 novembre 2008 14.35-----------------------------------------------------------
  • Dedrisproject scrive:
    solo le console???
    bhe l'articolo giustamente da uno sguardo alle console , e ai loro alimentatori che pur avendo le console spente, cmq assorbono una corrente minima, per essere pronte ad avviarsi in ogni istantevi pongo però uno dei tanti esempitempo fa nelle nostre abitazioni c'era il classico campanello a 220 Volt con pulsante , ciò cosa comportava? che quando si premeva il pulsante per far suonare il campanello , in quel momento stavamo consumando correnteoggi invece, nelle nostre abitazioni ci sono i nuovi campanelli elettronici a 12 volt o 24 volt , con pulsante e relè integrato, a differenza del precedente, questo campanello ha un consumo di 8 watt per ora, anche se nessuno bussa alla porta, trasformato per migliaia di abitazioni, immaginate quanti watt vengono prodotti e sprecati ma l'esempio del campanello si può fare con qualsiasi cosa, tutto ciò che ha un alimentatore se non ha la spina scollegata , ha un consumo.Come combattere questo spreco? bhe ognuno trova una soluzione a se, alcuni usano prese elettriche telecomandate (cosi da scollegare la corrente senza doversi scomodare) , altri come me , installano pannelli solari sul tetto,di potenza e costo contenuto, quanto basta per produrre i watt sprecatia fine anno noterete differenze in centinaia di euro
    • Anonimo scrive:
      Re: solo le console???
      L'aveva gia' detta Beppe Grillo in tv questa cosa e si era beccato qualche nome (premetto che a me Beppe sta simpatico).In teoria hai ragione ma in pratica qualcuno c'e' rimasto secco o quasi quando c'erano i campanelli a 220 volt. Perche' quasi sempre le pulsantiere, specie quelle da esterni, sono in metallo !!Quando ci saranno i campanelli di plastica allora ne riparliamo.E ti posso dire che consuma di piu' la/le lampadina/e che retro-illuminano i nomi sui campanelli.
    • gnurant scrive:
      Re: solo le console???

      Come combattere questo spreco? bhe ognuno trova
      una soluzione a se, alcuni usano prese elettriche
      telecomandate (cosi da scollegare la corrente
      senza doversi scomodare) ,Non è una soluzione, ma solo uno spostamento di spreco (se così vogliamo chiamarlo).Perché è vero che in quel modo stacchi l'apparecchio in stand-by, ma resta cmq alimentata 24/24 la "presa"... sennò come fa a sentire il telecomando?Per di più quella oltre a consumare la corrente di stand-by, sia quando è spenta che accesa, quando "accesa" aggiunge al consumo totale anche la corrente necessaria ad eccitare il relè, un'altra 20ina di mA minimo.IMHO è inutile darsi tanto da fare per tornare all'era pre-telecomando staccando e riattaccando spine e ciabatte; basta risparmiare sull'illuminazione usando le lampadine a risp. energetico.Da quell'80% risparmiato rispetto al filamento, anche riutilizzandone una parte il saldo è ancora a favore del risparmio.A casa mia quelle a filamento ormai sono rimaste solo sui comodini, allo specchio del bagno (non chiedetemi perché :-) e nel lampadario del salotto (con quello che m'è costato quelle rare volte che è tutto acceso voglio vederlo "bello" :-) e credo che non sia eccessiva una bolletta media di circa 160 /bimestre negli ultimi 6 bimestri.80 /mese nonostante a casa abbiamo TUTTO in stand-by, dagli elettrodomestici (frigo/congelatore, lava*, stereo, centralino), ad un acquario da 120 litri, a PC, monitor, printers, router, 3 UPS e fax dello studio/ufficio (lavoro a casa, bolletta ENEL unica, quindi GLOBALE!!!)Se considero che a mangiare una pizza fuori in tre (io, moglie e figlio) difficilmente spendo meno di 30/40 euro per volta, quegli 80/mese mi sembrano accettabili... Certo potrei ridurli, ma qui andiamo sulla PERSONALISSIMA scelta fra risparmiare all'osso come Paperon de' Paperoni e tenere un po' di comodità.Io ho preferito non rinnegare i vantaggi della tecnologia, coniugando la comodità dello stand-by con il risparmio dell'illuminazione energy-saving e a LED.Ah già.. i LED... in sala, dove la luce resta accesa dalle 5 alle 7 ore al giorno, 200 LED bianchi fanno la stessa luce di 2 alogene da 80W complessivi consumndo solo 6 (dico SEI) Watt... in stand-by pure quelli... ecchecatz :-)E' un buon equilibrio? Credo di si.My 2 cents.
      • acno scrive:
        Re: solo le console???
        - Scritto da: gnurant

        Come combattere questo spreco? bhe ognuno trova

        una soluzione a se, alcuni usano prese
        elettriche

        telecomandate (cosi da scollegare la corrente

        senza doversi scomodare) ,

        Non è una soluzione, ma solo uno spostamento di
        spreco (se così vogliamo chiamarlo).
        Perché è vero che in quel modo stacchi
        l'apparecchio in stand-by, ma resta cmq
        alimentata 24/24 la "presa"... sennò come fa a sentire il
        telecomando?
        Per di più quella oltre a consumare la corrente
        di stand-by, sia quando è spenta che accesa,
        quando "accesa" aggiunge al consumo totale anche
        la corrente necessaria ad eccitare il relè,
        un'altra 20ina di mA minimo.Solo come precisazione:questi dispositivi nascono per staccare piu' carichi, ad esempio tv+dvd+hometeather+console, quindi con questo esempio hai ridotto da 4 a 1 i dispositivi attacati, poi, se ben fatto un alimentatore capace di gestire un simile apparecchio puo' anche assorbire solo 100/200mW in stand-bye infine, il rele' di accensione ti aggiunge altri ~400mW, trascurabili rispetto al consumo degli apparati collegati.
  • diego delgado scrive:
    ...ma scusate
    ...l'articolo non è molto chiaro o sono io un pirla:- *spegnere* la console significa staccare la spina? perché a casa mia quando spengo qualcosa, schiaccio il bottoncino di spegnimento, e solitamente quell'apparato va in stand-by.visto che (a parte alcune tv vecchie) i tasti di spegnimento mandano l'apparato in stand-by non ha senso parlare di spegnimento... ma piuttosto di scollegare la spina dalla rete elettrica, giusto?inoltre: che senso ha dare il consumo in dollari? come posso io milanese con la bolletta dell'a2a sapere a quando fattura i sui kw una compagnia elettrica statunitense? un po' più di precisione non sarebbe male, al posto di fare le traduzione degli articoli, dateci delle info più esaurienti!goodnite
    • bogumil scrive:
      Re: ...ma scusate
      da possessore di Wii posso dirti che è possibile mandare la console in standby senza spegnerla del tutto per poter usufruire dello scaricamento di servizi, news e aggiornamenti... In questo caso la console ha vita propria pur essendo spenta, credo che l'articolo si riferisca a ciò...
    • acno scrive:
      Re: ...ma scusate
      Nel report della NRDC e' specificato bene cosa intendono:la wii ti costa 3$ l'anno sempre in off e 10$ sempre in on,la ps3 15$ e 160$ rispettivamentela xbox 14$ e 143$ rispettivamente.
Chiudi i commenti