Google Answers chiude i battenti

Gli esperti assoldati dal gigante del search non accetteranno nuove domande: la visione del co-founder Brin miete la prima vittima illustre. Dietro c'è Yahoo, che in questo settore surclassa BigG

Roma – Google Answers venne lanciato dal colosso della ricerca online nel lontano 2002 . Il servizio ha finora offerto la possibilità di chiedere agli oltre 500 esperti selezionati da BigG ogni genere di domanda : dalle prove concrete sull’esistenza del paranormale , ai luoghi online più popolari ; da come gli infermieri usano Internet alla scelta più importante della propria vita e via di questo passo. Dalla fine di questa settimana, riporta ora InformationWeek , Google Answers non accetterà ulteriori domande.

Ad annunciarlo sono gli ingegneri del software Andrew Fikes e Lexi Baugher su Google Blog : “Google è una società che si nutre di innovazione, il che per noi significa provare una gran quantità di nuove cose tutto il tempo e, a volte, riconsiderare i nostri obiettivi per un prodotto”, scrivono sconsolati i coder. L’idea originale di Google Answers, si legge ancora sul blog, è venuta a Larry Page in persona, con l’intenzione di realizzare un prodotto scalabile, in grado di offrire risposte pertinenti alle questioni poste dagli utenti e, in ultimo grado, costruire un database delle suddette .

Una sorta di motore di ricerca nelle questioni pratiche delle persone così come nei dubbi dell’animo umano , uno scandaglio non automatizzato ma capace di mettere in contatto chi la domanda la poneva (gli utenti) con chi avrebbe potuto avere la giusta risposta (gli esperti), gestito da un meccanismo di compensazione economica altrettanto peculiare: a seconda del grado di soddisfazione ricevuto dalla risposta, gli utilizzatori erano invitati ad offrire la somma che più ritenevano giusta , a partire da un minimo di 2,50 dollari. Una piccola percentuale di questa somma veniva trattenuta da Google e il resto andava all’esperto.

L’idea, in sé, non era affatto nuova, ma per quasi tre anni Google Answers ha potuto godere di una relativa scarsità di concorrenti all’altezza . Infine, con il varo e la crescita repentina di popolarità di Yahoo! Answers (disponibile anche in italiano), BigG non ha potuto far altro che capitolare.

Sebbene non vengano citati motivi concreti per la decisione di chiudere il risponditore , basta dare un’occhiata ai Google Trends comparati di entrambi i servizi per verificare di persona quanto Google Answers soffrisse negli ultimi tempi la popolarità del concorrente. E indicazioni del tutto simili arrivano da HitWise Intelligence , secondo le cui ricerche Yahoo! Answers supera di cinquanta volte la popolarità di Live QnA (il risponditore beta di Microsoft) e di 24 quella di Google Answers.

Con ogni probabilità, la decisione di chiudere rientra nel rispetto della più ampia direttiva recentemente diramata ai suoi dipendenti dal co-founder di Google Sergey Brin, una direttiva con cui si intende semplificare e razionalizzare quella “collezione confusa di servizi” (sono le sue parole) che è diventato il “Google network”.

Il patrimonio di expertise accumulato da Google Answers non andrà comunque perduto: il database di risposte date negli ultimi quattro anni rimarrà a disposizione del popolo della rete per le ricerche , e Fikes e Baugher sostengono che l’esperimento sia servito a fornire una gran quantità di materiale utile a sviluppare futuri prodotti da offrire agli utenti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alfonso Maruccia scrive:
    Re: Basta con la violenza nei videogioch
    ....è vero, è un'oscenità, basta con la violenza nei videogiochi.....Cominciamo tutti a spararci addosso a vista per le strade!GTA non è la soluzione ma una 44 Magnum o una Parabellum si! (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta con la violenza nei videogioch
    BHe, detta come l'hai detta tu sembra alquanto "incazzosa" come risposta all'articolo.Anzi, sembra quasi che a risponderti si debba aver paura di una tua reazione violenta.Non sarà colpa dei videogiochi violenti?
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta con la violenza nei videogioch
      - Scritto da:
      BHe, detta come l'hai detta tu sembra alquanto
      "incazzosa" come risposta
      all'articolo.Si ha toni accesi, e con cio'?
      Anzi, sembra quasi che a risponderti si debba
      aver paura di una tua reazione violenta.Mah, se hai paura di queste frasi di sfogo sei messo male.
      Non sarà colpa dei videogiochi violenti?Dimostralo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta con la violenza nei videogioch
      - Scritto da:
      BHe, detta come l'hai detta tu sembra alquanto
      "incazzosa" come risposta
      all'articolo.
      Anzi, sembra quasi che a risponderti si debba
      aver paura di una tua reazione
      violenta.
      Non sarà colpa dei videogiochi violenti?Vista l'ora direi che e' stress da ufficio : eliminiamo il lavoro e vedi che tutti saranno tutti piu' rilassati...
  • Anonimo scrive:
    neppure gli americani..
    ..neppure gli americani sono fessi quanto gli italiani! solo noi siamo capaci di censurare i videogiochi!
    • Alucard scrive:
      Re: neppure gli americani..
      - Scritto da:
      ..neppure gli americani sono fessi quanto gli
      italiani! solo noi siamo capaci di censurare i
      videogiochi!Sarà perché loro i videogiochi li usano per lavare il cervello ai futuri soldatuccihttp://www.youtube.com/watch?v=AT1I95dqrAY&NRCmq per questa volto sono d'accordo con gli esperti USA.
      • Anonimo scrive:
        Re: neppure gli americani..
        Era un tassista, e l'auto era il suo mezzo di sostentamento... :(
        • Alucard scrive:
          Re: neppure gli americani..
          - Scritto da:
          Era un tassista, e l'auto era il suo mezzo di
          sostentamento...
          :(
          Ma era brutto, cattivo e terrorista. I nostri prodi eroi hanno mostrato tutta la loro lungimiranza distrugendo preventivamente ciò che sarebbe sicuramente stato usato per combattere la democrazia.
  • Anonimo scrive:
    genitori ed esperti
    Gli esperti si rivolgono ai genitori: occupatevi dei vostri figli.I genitori si rivolgono agli esperti: fatevi un nugulo di c**** vostri :)
    • Anonimo scrive:
      Re: genitori ed esperti
      - Scritto da:
      Gli esperti si rivolgono ai genitori: occupatevi
      dei vostri
      figli.

      I genitori si rivolgono agli esperti: fatevi un
      nugulo di c**** vostri
      :)Vuat??? Ai dont andstend!!
  • Anonimo scrive:
    In Italia abbiamo la Dc (ex-dc..)
    Ovvero i benpensanti-perbenisti-inutili-politici.Quando vedono una preda si fiondano a peso morto per rastrellare consensi elettorali, pungolando i giornalisti che, come stiamo vedendo in questi giorni, a stento riescono ancora a lavorare (non gli fanno nemmeno il rinnovo del contratto, figuriamoci se gli fanno decidere cosa scrivere su testate di proprieta' delle Banche e dei Politici !).Che si puo' aggiungere ?Nulla credo, ormai il nostro belpaese e' arrivato a un punto di non ritorno, al limite si puo' solo peggiorare.
    • Alfonso Maruccia scrive:
      Re: In Italia abbiamo la Dc (ex-dc..)
      Veramente, ad essere precisi....il caso Rule of The Rose è nato proprio da un articolo mediocre di un giornalista mediocre di una testata giornalistica mediocre della mediamente mediocre stampa cartacea che il paese si ritrova.Francamente, volendo fare un pò il troll, non vedo perché Vittorio Feltri, che ha imbastito una carriera sulle gogne di Libero, non dovrebbe andare un pò a coltivare i campi o a fare l'operaio (io l'ho fatto, si imparano alcune cose interessanti imho) invece di scrivere bischerate e fregnacce assortite tutto tempo.....
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia abbiamo la Dc (ex-dc..)
        Beh ... perchè Vittorio Feltri si è occupato e ha portato alla luce reati che in Italia ti danno del fascista solo a menzionarli; mentre nello stesso periodo (96-2001) Scalfari scriveva su "Repubblica" che reati di quel tipo non avevano importanza, non dovevano essere perseguitati e ha invitato Dalema (presidente del consiglio) a dichiararli pubblicamente.Reati tipo raggiro pensioni legge Mosca (sindacati e SX). doveva servire 10.000 persone, oggi integra la pensione di 100.000 persone.Reati tipo concessioni palazzi PEEP (Piani Edilizia Economica e Popolare: le cosidette case popolari).E cosi via.Mentre Scalfari andava dicendo e predicando il pensiero SX-populista (adottato dai magistrati), che questi reati non avevano importanza e che non andavano perseguitati (ed erano pure un'attacco ai sindacati e alla base).
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia abbiamo la Dc (ex-dc..)
        - Scritto da: AlfonsoMaruccia
        Veramente, ad essere precisi....il caso Rule of
        The Rose è nato proprio da un articolo mediocre
        di un giornalista mediocre di una testata
        giornalistica mediocre della mediamente mediocre
        stampa cartacea che il paese si
        ritrova.Ma davvero pensi che questo giornalista mediocre abbia agito di sua iniziativa ?Davvero credi che un qualsiasi giornalista POSSA pubblicare un'articolo senza che il suo superiore (direttore o chi ti pare...) decida se l'articolo e' o meno opportuno ?Quando leggo un giornale non leggo l'opinione del giornalista, leggo l'opinione del suo "direttore" (o sponsor..fa lo stesso) messa su carta tramite le parole di un giornalista.
        Francamente, volendo fare un pò il troll, non
        vedo perché Vittorio Feltri, che ha imbastito una
        carriera sulle gogne di Libero, non dovrebbe
        andare un pò a coltivare i campi o a fare
        l'operaio (io l'ho fatto, si imparano alcune cose
        interessanti imho) invece di scrivere bischerate
        e fregnacce assortite tutto
        tempo.....Feltri come altri ha fatto (tra le altre cose) del giornalismo d'inchiesta, sfruttando un po' a destra e un po' a sinistra i rancori e le lotte interne per pubblicare gli articoli piu' scottanti.Pero' ripeto : i giornalisti "semplici" scrivono sotto dettatura, oggi piu' di ieri.E sicuramente domani piu' di oggi, altrimenti il loro bel contrattino sindacale mi sa che non verra' rinnovato per un bel pezzo.
        • Anonimo scrive:
          Re: In Italia abbiamo la Dc (ex-dc..)

          E sicuramente domani piu' di oggi, altrimenti il
          loro bel contrattino sindacale mi sa che non
          verra' rinnovato per un bel
          pezzo.E la colpa è tutta dei videogiochi violenti che il direttore ha giocato da bambino!!!
  • Anonimo scrive:
    Era ovvio
    Sarebbe stato incostituzionale.Cosi come nel '78 Larry Flint vise contro lo stato per la pornografia, che comuque la si veda è una forma di espressione e quindi protetta dalla costituzione vigente, nello stesso contesto ci possono benissimo entrare anche i videogiochi.
Chiudi i commenti