Google apre la sua blacklist

BigG mette a disposizione degli sviluppatori le interfacce di programmazione per accedere a Safe Browsing, il database in cui vengono registrati gli indirizzi dei siti considerati pericolosi

Mountain View (USA) – D’ora in avanti l’imponente blacklist Safe Browsing di Google , la stessa utilizzata dal plug-in antiphishing di Firefox e da Google Desktop, potrà essere utilizzata da chiunque si registri gratuitamente al servizio. BigG ha infatti aperto le API di Safe Browsing così che gli sviluppatori indipendenti possano integrarle all’interno delle proprie applicazioni.

Safe Browsing è considerato uno dei più imponenti e aggiornati elenchi di indirizzi web pericolosi, indirizzi che spesso portano a pagine web contenenti attacchi di phishing o malware. Gli esperti ritengono che il suo utilizzo, complementare a quello di un antivirus e di un firewall, possa significativamente incrementare la sicurezza di chi naviga su Internet.

Chiunque possieda un account di Google può iscriversi al servizio da questa pagina : oltre alle API, l’utente riceve una chiave personale da 58 caratteri necessaria per autenticarsi al servizio. Ciò permette a Google di disattivare l’account degli utenti che trasgrediscano al contratto di servizio: contratto che, fra le altre cose, stabilisce che la stessa applicazione possa interrogare il database a intervalli di tempo non inferiori ai 30 minuti e che gli utenti di tale applicazione che utilizzano regolarmente il servizio non siano più di 10mila (se si supera tale soglia, è necessario avvertire Google). BigG impone inoltre alle applicazioni che utilizzano Safe Browsing di informare gli utenti circa il fatto che il servizio non fornisce una completa protezione dai malware.

Come dimostra anche la recente acquisizione della società di sicurezza GreenBorder, Google sta investendo molto nel settore della sicurezza : molti ipotizzano che il motore di ricerca sia intenzionata ad entrare nel mercato degli antivirus, ma l’obiettivo più immediato, secondo altri, è quello di accrescere la fiducia degli utenti nel Web e, soprattutto, nelle applicazioni web-based. Ciò si traduce infatti in un aumento degli utenti ai propri servizi, molti dei quali leader nel proprio settore.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • diego fontanelli scrive:
    utilizzo di opera mini
    sera
  • Matteo Mintoti scrive:
    problemi su connessione
    Salve, con il mio smatphone aprendo operamini anche se sono connesso con il wifi pago lo stesso i costi di connessione....come faccio a risolvere,se possibile, tale problema?
  • supertoms scrive:
    moolto beta
    sul mio IMATE PDA2K opera mini 4 va in crash dopo poche righe di scroll. Non sono arrivato in fondo alla pagina di conferma.penso sia un po' prematuro.
  • pippuzzo scrive:
    E dove lo installo?
    Ah ah ah! ma cosa sfida iphone!E dove lo installo? Su quei cellulari da tamarri dei Nokia o dei Samsung? ahahaha!!!!! ma via!!!!
    • pippuzzo scrive:
      Re: E dove lo installo?
      ahahaha! tamarri!
    • zac scrive:
      Re: E dove lo installo?
      - Scritto da: pippuzzo
      Ah ah ah! ma cosa sfida iphone!
      E dove lo installo? Su quei cellulari da tamarri
      dei Nokia o dei Samsung? ahahaha!!!!! ma
      via!!!!sui palmari e smartphone palm e windows mobile con jvm.
  • SIMONX scrive:
    NON HO PAROLE
    Non solo penso che il titolo sia completamente fuori luogo....E' come dire, TomTom sfida Mercerdes, solamente perché la mercedes monta navigatori satellitari della apple.... Ma dai!!!Ma anche la lancia spezzata verso il browser Opera Mini visto è lui a renderizzare l'html perchè "non ha un motore di rendering"...
  • Luigi Irace scrive:
    Tecnologia non nuovissima
    Mi ricorda molto la tecnologia MiniMap del nuovo browser standard di Series 60 3rd Edition (Nokia N80, N73 etc...). Ciò non toglie il merito ad Opera, che con la beta di Opera Mini 4 ha permesso anche a chi non ha un Nokia (o un Nokia S60 3rd Edition) di utilizzare quest'ottima tecnologia con l'anteprima.
    • Marco Pigozzi scrive:
      Re: Tecnologia non nuovissima
      :-o- Scritto da: Luigi Irace
      Mi ricorda molto la tecnologia MiniMap del nuovo
      browser standard di Series 60 3rd Edition (Nokia
      N80, N73 etc...).


      Ciò non toglie il merito ad Opera, che con la
      beta di Opera Mini 4 ha permesso anche a chi non
      ha un Nokia (o un Nokia S60 3rd Edition) di
      utilizzare quest'ottima tecnologia con
      l'anteprima.
  • MeX scrive:
    tutto molto bello...
    ...peccato che sul mio Nokia 6680 con USIM 3 non trovi "nessuna connessione ad internet" :(
Chiudi i commenti