Google compra a Londra, Sony vende a New York

Nel 2016 termineranno i lavori per il nuovo quartier generale di BigG nella capitale britannica. Al costo di un miliardo di sterline. Mentre Sony vende per un miliardo di dollari il suo a Manhattan

Roma – Una superficie di oltre 9.700 metri quadrati nella zona londinese di King’s Cross, situata a nord di Londra, acquistata per costruire un complesso costituito da due edifici di 7 e 11 piani dal costo di 1 miliardo di sterline (1,19 miliardi di euro): è quanto si propone di realizzare Google entro il 2016.

Mountain View si prepara dunque a trasferire le risorse umane attualmente impiegate presso gli uffici di Victoria e Holborn. La nuova sede di Google disporrà inoltre di abitazioni private, esercizi commerciali e altri uffici, e si aggiungerà ad altri grandi complessi in corso di edificazione come la struttura appartenente alla banca BNP Paribas e un centro educativo e culturale musulmano gestito dall’Imam Aga Khan .

Una notizia accolta con entusiasmo da Matt Brittin, vicepresidente per l’Europa settentrionale e centrale, per il quale si tratta di buone notizie per Google, per Londra e per la Gran Bretagna intera. “Si tratta di un grande investimento per Google” ha spiegato Brittin , il quale ha ricordato il grande impegno dell’azienda nel paese in cui è nato il computer e il World Wide Web.

E se Google acquista a Londra, Sony ha deciso di vendere il grande quartier generale di Madison Avenue a New York, a un prezzo di 1,1 miliardo di dollari (circa 826 milioni di euro). Si tratta della cifra più alta pagata da da due anni a questa parte nel mercato immobiliare USA (un buon segno per il mattone a stelle e strisce, dunque), che sarà versata al colosso nipponico dal costruttore Chetrit Group per l’acquisto. La vendita dello spazio immobiliare rappresenta una scelta strategica a detta del presidente di Sony America, Nicole Seligman, tanto che sarebbe in programma una mossa simile anche a Tokyo dicono i meglio informati. Come spesso accade in queste circostanze, Sony utilizzerà i soldi per far cassa e si è comunque garantita l’affitto a lungo termine di quegli stessi spazi per gli anni a venire.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • feola maurizii scrive:
    edicola
    icia
  • Funz scrive:
    5 $$$ per una copia?
    Speravo che fosse un refuso, e che i 5 dolla$ fossero per un abbonamento a un numero decente di uscite... ma mi sbagliavo The iPad edition of Rolling Stone will not be bundled with the print issue. iPad subscriptions are $1.99 per month or $19.99 per year, while a single issue is $4.99 the same as the print magazine on the newsstand. Numero singolo allo stesso prezzo del cartaceo, solo due giorni prima? L'abbonameno mensile (2 numeri) viene meno della metà del numero singolo?Se compri il cartaceo non ti danno nemmeno la versione elettronica?Ti devi per forza comprare l'ipad sennò nisba?Devono pensare che siamo tutti pazzi.
Chiudi i commenti