Google fa suonare la sua intelligenza artificiale

Project Magenta, basato su strumenti open source, fa progressi. E pubblica la sua prima canzone. I dipinti del suo cugino sviluppato a Mountain View sono già quotati migliaia di dollari

Roma – Dipingere e suonare strumenti musicali sono attività da sempre legate alla “sfera umana”. L’estro creativo, le capacità artistiche e le emozioni che con esse trasmettiamo, o che da esse percepiamo, sono ciò che ci ha sempre contraddistinto dal regno animale (in epoche più primitive) e dalle macchine (nei tempi più moderni), collocandoci per “diritto divino” in cima alla catena alimentare. Ma è (o sarà) ancora così? Difficile continuare a scommettere in tal senso, specialmente dopo quello che abbiamo visto e sentito nelle ultime settimane. Google ha fatto sfoggio dei primi (incoraggianti?) risultati del suo Project Magenta , dimostrando che per svolgere tali attività non servirà più un’entità fatta di carne, ossa e cervello.

Project Magenta, lanciato ufficialmente il primo giugno , è l’ambiziosa ricerca di Google che punta a insegnare musica e arte ai computer (reti neurali artificiali), affinché questi possano comporre e creare “opere” in totale autonomia . Alle spalle di tutto c’è TensorFlow , la libreria software open source impiegata da Big G anche nel progetto SyntaxNet per l’apprendimento del linguaggio naturale. Douglas Eck, del Team Brain di Google, spiega che l’obiettivo di Magenta è comprendere se le AI siano in grado di generare brani musicali o elementi di arte visiva tramite elaborazione di algoritmi, senza interventi da parte dell’uomo (in fase compositiva). E a quanto pare, lo sono.

Dopo una prima dimostrazione al MoogFest 2016, celebre evento dedicato al mondo della musica e della tecnologia (svoltosi dal 19 al 22 maggio a Durham in Nord Carolina), dov’è bastato suonare quattro note per innescare l’apprendimento, la reazione e la risposta creativa dell’AI, Google ha regalato al mondo la prima vera “performance generative” di Magenta (senza intervento da parte dell’uomo): una breve melodia di 90 secondi al pianoforte che sancisce l’esordio ufficiale del suo “giovane Mozart virtuale” (la ritmica è stata aggiunta in seguito per dare alla composizione un po’ di groove e rendere ancor più evidente la complessità del lavoro).


Il difficile, come osservano i ricercatori di Magenta, “non è fare una canzone, ma farne una che la gente voglia ascoltare”. Ed è proprio è qui che si potrebbe innescare una fervente discussione filosofica e sociale. Cos’è l’arte? Cosa può essere definito artistico e cosa no? Un’opera d’arte è tale solo se trova ampio riscontro di pubblico o si dovrebbe considerare arte solo ciò che, partorito dall’intelletto (ormai non più solo umano), possa elevare lo spirito di chi ne fruisce? Le risposte sono ovviamente soggettive: cercare di dare una definizione universale è come imboccare una strada senza uscita. Se però si osserva l’attuale scenario musicale internazionale, quello più commerciale, viene davvero difficile individuare artisti (degni di questo sostantivo) che non possano essere facilmente rimpiazzati dai computer.

È mai possibile che i robot saranno in grado di sostituire l’uomo anche in settori così creativi? Le macchine senzienti ci renderanno tutti disoccupati o schiavi come Matrix o Skynet di Terminator? Anche qui è difficile dare una risposta plausibile, libera da congetture ed elucubrazioni visionarie. Ma è vero che, circa un anno fa, gli ingegneri Google avevano già mostrato le potenzialità di Deep Dream, un’intelligenza artificiale che, a partire da una foto, crea dipinti artistici con lo stile post-impressionista di Van Gogh . Nel tempo Deep Dream ha raffinato il suo algoritmo riuscendo a generare dipinti sempre più credibili e originali, tanto che a marzo di quest’anno le sue “opere” sono state battute all’asta , a San Francisco, con quotazioni fino a 8.000 dollari USA.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Etype scrive:
    OS mobile
    "Agli altri competitor resterebbero davvero le briciole. Pare che persino Apple sulla lunga distanza (nel 2020) dovrà accontentarsi di un 14,5 per cento su scala globale."(rotfl)WP ? si avvia verso l'estinzione,di nuovo,alla faccia che doveva essere un pericoloso terzo incomodo :D
  • ... scrive:
    crescono gli smartphone
    [img]http://assets.diylol.com/hfs/45e/b24/790/resized/asian-smartphone-meme-generator-jj-hui-ce60cc.jpg[/img]
  • bubba scrive:
    qui serve dragon_lord
    non vorrei dire ma..... +m5s +fasci e -pd (forzilioti quasi morti)
    • ... scrive:
      Re: qui serve dragon_lord
      Ma quanto sei ritardato, QUANTO?
      • bubba scrive:
        Re: qui serve dragon_lord
        - Scritto da: ...
        Ma quanto sei ritardato, QUANTO?moi? leggo gli exit poll... e so leggere dall'eta' di 5 anni.....
        • ... scrive:
          Re: qui serve dragon_lord
          [img]http://memecrunch.com/meme/7S13/non-me-ne-frega-un-XXXXX/image.jpg[/img]
          • bubba scrive:
            Re: qui serve dragon_lord
            - Scritto da: ...
            [img]http://memecrunch.com/meme/7S13/non-me-ne-frec'e' poco da capire. il ritardo mentale e' palese.
  • rico scrive:
    solo nei feriali
    Crescono gli smartphone,ma solo fino a venerdì mattina.Fino a lunedì, il mondo è sospeso, almeno per PI.Prima o poi lo farò anch'io, facendovi mancare luce e corrente.Poi vediamo se gli smartphone sono così importanti.
  • che ha postato i precedenti scrive:
    dodici+2 commenti dallo stesso idiota
    Vai a farti inchiappettare altrove XXXXXXXXX!
  • dello stesso idiota scrive:
    dodici commenti
    MaXXXXXXXXXX
  • dodici commenti scrive:
    dello stesso idiota
    Ma 'na paralisi alle mani nun te pija mai?
  • Uffa scrive:
    Previsioni del tempo
    Quelli di gartner sono affidabili come le previsioni del tempo a lungo termine
    • Drummer scrive:
      Re: Previsioni del tempo
      Davvero, l'ultima frase poi è da delirio: "Poi nel 2020 ci sarà un piccolo rimbalzo: guadagnerà altri 2 punti percentuali"Una previsione del genere a distanza di 4 anni? Ma credono di avere la sfera di critallo?
  • wetgct scrive:
    Dominio android apple
    Le previsioni dell'oracolo inaffidabile rafforzate dalle affermazioni convinte del giornalista.Per i fatti aspettiamo un po'di tempo e vediamo come vanno le cose.
  • rico scrive:
    mega tablet
    Comprerò un tablet quando avrà uno schermo da 32 pollici full HD (1920x1080), 4GB di RAM e un proXXXXXre decente (es.qualcomm 800).L'ntermedio da 7 - 8 - 10" non mi interessa.
    • Uffa scrive:
      Re: mega tablet
      - Scritto da: rico
      Comprerò un tablet quando avrà uno schermo da 32
      pollici full HD (1920x1080), 4GB di RAM e un
      proXXXXXre decente (es.qualcomm
      800).
      L'ntermedio da 7 - 8 - 10" non mi interessa.affitta un cinema e ti compri una grande bacchetta oppure un pistola che spara proiettili di gomma piu' divertente
    • awfx scrive:
      Re: mega tablet
      - Scritto da: rico
      Comprerò un tablet quando avrà uno schermo da 32
      pollici full HD (1920x1080), 4GB di RAM e un
      proXXXXXre decente (es.qualcomm
      800).
      L'ntermedio da 7 - 8 - 10" non mi interessa.32 Pollici?Comodo per lavorare mentre stai in treno. :)
    • rinco scrive:
      Re: mega tablet
      - Scritto da: rico
      Comprerò un tablet quando avrà uno schermo da 32
      pollici full HD (1920x1080), 4GB di RAM e un
      proXXXXXre decente (es.qualcomm
      800).
      L'ntermedio da 7 - 8 - 10" non mi interessa.http://www.iekiosk.com/Txi-M%20Series-i7.htm[img]http://www.iekiosk.com/images/TXi-M%20Web-3.gif[/img]E lo appendi al muro, tanto tu mica hai detto che vuoi un dispositivo mobile... (?!)
      • Il fuddaro scrive:
        Re: mega tablet
        - Scritto da: rinco
        - Scritto da: rico

        Comprerò un tablet quando avrà uno schermo da 32

        pollici full HD (1920x1080), 4GB di RAM e un

        proXXXXXre decente (es.qualcomm

        800).

        L'ntermedio da 7 - 8 - 10" non mi interessa.

        http://www.iekiosk.com/Txi-M%20Series-i7.htm

        [img]http://www.iekiosk.com/images/TXi-M%20Web-3.g

        E lo appendi al muro, tanto tu mica hai detto che
        vuoi un dispositivo mobile...
        (?!)In verità non ha nemmeno detto dove gli serviva, gli serve nel bagno per 'rilassarsi' con film purga mentre defeca! (rotfl)
      • rico scrive:
        Re: mega tablet
        Ehi, allora esiste, anche se non ho trovato il prezzo e l'acquisto.L'ho già detto, il 32" mi serve sul tavolo, così mentre apparecchio mi dà le ricette, e posso ospitare qualcuno offrendogli un MEEEGA tablet mentre mangia ;-)
  • ecodumb scrive:
    prezzi
    Ma se si abbassassero i prezzi il tasso di sostituzione non aumenterebbe rilanciando le vendite?Ovviamente non intendo dumping o vendita sottocosto ma limando l'utile per un paio di anni
    • mimmo scrive:
      Re: prezzi
      - Scritto da: ecodumb
      Ma se si abbassassero i prezzi il tasso di
      sostituzione non aumenterebbe rilanciando le
      vendite?Ovviamente non intendo dumping o vendita
      sottocosto ma limando l'utile per un paio di
      anniConcordo, inoltre che senso ha cambiare uno smartphone quando ormaiandroid non innova piu'?e' sempre uguale a se stesso dalla versione 4.3.Ormai la tecnologia mobile è quella che e', difficile che cambi, e quindi difficile che le persone siano portate a cambiare il proprio smartphone.a meno che non abbassano i prezzi ( vedi Huawei che vende a prezzi un po' piu' contenuti e cmq prodotti di qualita' )
    • drsse scrive:
      Re: prezzi
      A parte i prodotti di lusso i prezzi sono già ridotti al minimo. Se vogliono vendere di più devono ricomprarsi l'usato. Forse la soluzione è trovare un modo di riciclare i vecchi gadgets. Per esempio il proXXXXXre e lo schermo di uno smartphone di due anni fa sono sufficienti per un robot aspirapolvere del livello del roomba.
    • ZLoneW scrive:
      Re: prezzi
      - Scritto da: ecodumb
      Ma se si abbassassero i prezzi il tasso di
      sostituzione non aumenterebbe rilanciando le
      vendite?Non ne sono mica sicuro... immagino che si alzerebbe il tasso di adozione, ossia il primo acquisto, ma non necessariamente quello di sostituzione.Se costano meno, posso acquistare una macchina più potente al prezzo di una meno potente, ed è probabile che mi duri di più...
  • user_ scrive:
    ma i surface costano troppo
    ma i surface costano troppo
    • Idiota che ha postato i precedenti scrive:
      Re: ma i surface costano troppo
      Ma all'una e mezzo non era meglio se dormivi?Non hai un XXXXX da fare?
  • prova123 scrive:
    Poi nel 2020...
    Del senno di poi ne son piene le fosse.(cit. A.Manzoni - I Promessi Sposi - Cap. 24)
Chiudi i commenti