Google Meet e i filtri di cui nessuno aveva bisogno

Google Meet e i filtri di cui non avevamo bisogno

L'ultimo aggiornamento rilasciato dal gruppo di Mountain View per le applicazioni mobile del servizio introduce una funzionalità ereditata da Duo.
L'ultimo aggiornamento rilasciato dal gruppo di Mountain View per le applicazioni mobile del servizio introduce una funzionalità ereditata da Duo.

La doppia natura business-consumer di Google Meet si manifesta oggi con l'introduzione di una feature inedita di cui forse non si avvertiva la necessità (o forse sì): i filtri. Risulta al momento disponibile esclusivamente nelle applicazioni mobile del servizio, su Android e iOS, ma pensiamo (e temiamo) possa arrivare presto anche sulla controparte desktop.

I filtri su Google Meet (i filtri, su Google Meet)

Preparatevi psicologicamente a riunioni con colleghi che si presentano con un gatto in testa o nelle vesti di un robot. Questo l'annuncio ufficiale diramato dal gruppo di Mountain View.

Aggiungi gatti, astronauti, meduse e altro ancora alle tue videochiamate su Meet. Nuovi filtri, maschere ed effetti sono ora disponibili per Meet su Android e iOS.

Chi non ha mai desiderato affrontare una videochiamata di lavoro su Meet con una maschera così? Ora si può.

I filtri su Google Meet

Come detto in apertura, la mossa ha come finalità non dichiarata, ma piuttosto esplicita, quella di strizzare l'occhio agli utenti dell'ambito consumer, soprattutto in vista del sempre più probabile abbandono di Duo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti