Google sorride alla trimestrale

Cresce il fatturato totale dell'azienda trascinato dai guadagni in ambito pubblicitario. Unico neo: le perdite di Motorola Mobility. Ma Larry Page è entusiasta per i progetti futuri

Roma – Sereno variabile negli ultimi risultati trimestrali annunciati agli investitori da Google, nel periodo di attività finanziaria chiuso alla fine dello scorso marzo. L’azienda californiana ha riportato un fatturato complessivo di quasi 14 miliardi di dollari , un vistoso incremento del 31 per cento rispetto ai primi tre mesi del 2012. “È una partenza molto forte nel 2013”, come ammesso dal CEO Larry Page nel suo lungo intervento per investitori e azionisti della Grande G.

In rapida ascesa anche il volume dei guadagni netti registrati dal colosso di Mountain View, vicino ai 3,4 miliardi di dollari negli ultimi risultati trimestrali. Agli inizi del 2012, il flusso in entrata per BigG aveva sfiorato i 2,9 miliardi.

Le buone notizie vengono dal fatturato delle tante proprietà digitali dell’azienda statunitense – Google Sites – che hanno garantito un totale di 8,6 miliardi di dollari (+18 per cento). Il valore pubblicitario nel business californiano ha mostrato ancora una volta prova di grande forza, trascinando il titolo nelle contrattazioni after-hours a 783,08 dollari. Di fatto, il fatturato in ambito advertising rappresenta il 93 per cento dell’intero volume d’affari , con un totale di 12,9 miliardi di dollari.

Mentre gli inserzionisti legati ai servizi della Grande G virano con decisione verso gli ambiti del mobile o della promozione a mezzo video sharing, il costo per singolo click imposto dalla stessa azienda californiana è sceso del 4 per cento in un anno . Un dato che, almeno secondo gli analisti, non dovrebbe preoccupare più di tanto il CEO Larry Page, considerati i tanti timori espressi tra gli ambienti pubblicitari per il continuo declino della display advertising contro gli accessi in mobilità.

Ferita più sanguinolenta, la divisione Motorola Mobility ha registrato una perdita complessiva di 271 milioni di dollari , mentre agli inizi del 2012 questa stessa voce di bilancio registrava soli 86 milioni. Anche in questo caso, Page non sembra aver fatto drammi: dopo l’acquisizione per oltre 12 miliardi, la crescita di Motorola continuerà a risultare un processo lento e faticoso. Il CEO di BigG è però fiducioso per la tanto chiacchierata nuova gamma di dispositivi (per ora) soprannominata X Phone .

Dal progetto Google Fiber agli occhiali intelligenti Glass , l’azienda di Mountain View sembra puntare gli investimenti in infrastrutture – agli inizi di quest’anno, la spesa complessiva è stata di 1,2 miliardi, il 20 per cento in più dal 2012 – per alimentare quella capacità innovativa fin qui mostrata. “Siamo ancora all’inizio – ha spiegato un elettrizzato Larry Page – Ma è tutto molto eccitante”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • qualcuno scrive:
    Complimenti per il tempismo
    Unetbootin esiste da anni. Peró adesso con l'introduzione di UEFI/Secure boot rischia di diventare inutile.E voi vi accorgete che esiste solo ora?
  • user_ scrive:
    meglio un live cd da 800mb
    meglio un live cd da 800 mb su cd da 800 mb cdrW riscrivibile o distro più grande su dvdrw riscrivibile. o no ?oggi tutti i pc hanno un masterizzatore dvd.o meglio ancora usare wubi per gli *buntu così non c'è neanche la difficoltà di creare partizioni e poi si può togliere il tutto da una disinstallazione da windows.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 aprile 2013 17.32-----------------------------------------------------------
    • Matrix scrive:
      Re: meglio un live cd da 800mb
      I modelli di pc ultrasottili non hanno il lettore/masterizzatore dvd e poi il vantaggio di avere una distro live su chiavetta usb ha i suoi vantaggi.Per primo la velocità di lettura, nettamente superiore dei dvd, e poi se lo si vuole, almeno con il "creatore dischi di avvio" di *buntu, si può riservare un certo spazio della chiavetta per installare ad esempio un programma nella liveUsb e averla sempre a disposizione. unetbootin non l'ho mai provato
      • anverone99 scrive:
        Re: meglio un live cd da 800mb
        - Scritto da: Matrix
        con il "creatore dischi di avvio" di *buntu, si
        può riservare un certo spazio della chiavetta per
        installare ad esempio un programma nella liveUsb
        e averla sempre a disposizione. unetbootin non
        l'ho mai
        provatoSe guardi l'immagine vedrai che ha la stessa opzione anche unetbootin :-)
    • anverone99 scrive:
      Re: meglio un live cd da 800mb
      Uno dei miei software preferiti :-)
    • qualcuno scrive:
      Re: meglio un live cd da 800mb
      Magic Parted oppure System Rescue CD da mettere su una chiavetta cosí piccola che te la puoi portare sempre a appresso ti fanno schifo?Una distro live che contenga RealCrypt oppure Truecrypt insieme ad una partizione criptata per portarti appresso dei dati in maniera sicura ti fanno schifo?P.S. Non tirarmi fuori winzozz qui perché ho scoperto da poco che quel XXXXX di SO non é in grado di leggere partizioni multiple sui pen drive usb.
      • user_ scrive:
        Re: meglio un live cd da 800mb
        - Scritto da: qualcuno
        Magic Parted oppure System Rescue CD da mettere
        su una chiavetta cosí piccola che te la puoi
        portare sempre a appresso ti fanno
        schifo?

        Una distro live che contenga RealCrypt oppure
        Truecrypt insieme ad una partizione criptata per
        portarti appresso dei dati in maniera sicura ti
        fanno
        schifo?
        P.S. Non tirarmi fuori winzozz qui perché ho
        scoperto da poco che quel XXXXX di SO non é in
        grado di leggere partizioni multiple sui pen
        drive
        usb.no ma forse sono troppo difficili da usare quei programmi che hai detto e poi un cdrw costa meno delle chiavette ,e si può riscrivere anch'esso.
        • qualcuno scrive:
          Re: meglio un live cd da 800mb

          no ma forse sono troppo difficili da usare quei
          programmi che hai dettoSe la porta USB é giá nella sequenza di boot con Magic Parted anche un utonto puó riparare un PC che non parte perché qualche settore del disco rigido é danneggiato.Prova fatta aiutando un amico da lontano con mail e telefono.
          e poi un cdrw costa meno
          delle chiavette ,e si può riscrivere
          anch'esso.Prova a metterti in tasca un cd.Io la chiavetta usb la tengo nel portafogli, nella tasca degli spiccioli.
          • user_ scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb
            - Scritto da: qualcuno

            no ma forse sono troppo difficili da usare
            quei

            programmi che hai detto
            Se la porta USB é giá nella sequenza di boot
            con Magic Parted anche un utonto puó
            riparare un PC che non parte perché qualche
            settore del disco rigido é
            danneggiato.
            Prova fatta aiutando un amico da lontano con mail
            e
            telefono.


            e poi un cdrw costa meno

            delle chiavette ,e si può riscrivere

            anch'esso.

            Prova a metterti in tasca un cd.
            Io la chiavetta usb la tengo nel portafogli,
            nella tasca degli
            spiccioli.se ha settori danneggiati come hai fatto a fare partire il sistema operativo che usava quei settori?
          • qualcuno scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb


            se ha settori danneggiati come hai fatto a fare
            partire il sistema operativo che usava quei
            settori?Se fai il boot da usb non parti mica dal disco rigido danneggiato.Dopodiché ripari i settori danneggiato con gparted (é l'icona piú visibile sul desktop di magic parted).Ovviamente il pen drive con magic parted lo prepari da un altro PC.Comunque ormai queste discussioni sono piú o meno come quelle sul sesso degli angeli. Con secure boot cambia tutto. Gli utenti meno esperti sono ricacciati nell'angolo.
          • user_ scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb
            - Scritto da: qualcuno



            se ha settori danneggiati come hai fatto a
            fare

            partire il sistema operativo che usava quei

            settori?

            Se fai il boot da usb non parti mica dal disco
            rigido
            danneggiato.
            Dopodiché ripari i settori danneggiato con
            gparted (é l'icona piú visibile sul desktop
            di magic
            parted).

            Ovviamente il pen drive con magic parted lo
            prepari da un altro
            PC.

            Comunque ormai queste discussioni sono piú o
            meno come quelle sul sesso degli angeli. Con
            secure boot cambia tutto. Gli utenti meno esperti
            sono ricacciati
            nell'angolo.lo so che fai il boot da usb ,volevo sapere appunto come fare per riparare in qualche modo un hard disk con settori danneggiati che ne ho uno che mi fa inca//are da un po' di giorni.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 aprile 2013 18.27-----------------------------------------------------------
          • qualcuno scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb


            lo so che fai il boot da usb ,volevo sapere
            appunto come fare per riparare in qualche modo un
            hard disk con settori danneggiati che ne ho uno
            che mi fa inca//are da un po' di
            giorni.L'avevo scritto. Quando parte Magic Parted sul desktop vedi un'icona a forma di hard disk. Quello é gparted, il partition editor fatto dal team di gnome.Con quello puoi creare/modificare le partizioni oppure tra le varie opzioni puoi fare il check, praticamente é una interfaccia grafica per chkdsk con quello puoi riparare i settori danneggiati.
          • user_ scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb
            - Scritto da: qualcuno



            lo so che fai il boot da usb ,volevo sapere

            appunto come fare per riparare in qualche
            modo
            un

            hard disk con settori danneggiati che ne ho
            uno

            che mi fa inca//are da un po' di

            giorni.

            L'avevo scritto. Quando parte Magic Parted sul
            desktop vedi un'icona a forma di hard disk.
            Quello é gparted, il partition editor fatto dal
            team di
            gnome.
            Con quello puoi creare/modificare le partizioni
            oppure tra le varie opzioni puoi fare il check,
            praticamente é una interfaccia grafica per chkdsk
            con quello puoi riparare i settori
            danneggiati.sto usando gparted 0.12.1ce l'ho qua davanti, il disco è smontato, ho trovato solo tasto destro
            "controllo" e è un'operazione che dura 1 secondo poi finisce. il disco da curare è stato formattato in ntfs e c'ho anche usato da win 7 il low level format (write zeros) dall'utility fatta apposta di western digital ,e il test l'ha conluso . certi file che scrivo poi risultano illeggibili o solo in parte leggibili, è da usb e non lo posso mettere dentro al pc in sata. c'è qualche settore danneggiato ,come risulta dai parametri smart letti quando ho messo giorni fa l'hard disk dentro al pc su serial ata.sto usando ubuntu 12.10 che è installato su un altro hard disk.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 aprile 2013 18.54-----------------------------------------------------------
          • qualcuno scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb
            Gprated é solo l'interfaccia, il comando poi deve fare parte del sistema operativo, é un po che non uso gparted, non ricordo cosa includesse, mi sa che ubuntu include solo fsck. Peró ho provato e cercare su google sia "chkdsk ntfs" sia "fsck ntfs" e sono arrivato a questa pagina:http://ubuntuforums.org/showthread.php?t=881344Forse la cosa piú facile per te é installare ntfsfix
          • user_ scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb
            leggo da http://linux.die.net/man/8/ntfsfixche "ntfsfix is a utility that fixes some common NTFS problems. ntfsfix is NOT a Linux version of chkdsk. It only repairs some fundamental NTFS inconsistencies, resets the NTFS journal file and schedules an NTFS consistency check for the first boot into Windows.You may run ntfsfix on an NTFS volume if you think it was damaged by Windows or some other way and it cannot be mounted. "non è per avere a che fare coi settori danneggiati
          • Matrix scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb
            Prova a seguire la guida di questo forum:http://www.istitutomajorana.it/forum/Thread-RISOLTO-Hard-Disk-Gestore-Dischi-segnala-settori-danneggiati
          • user_ scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb
            - Scritto da: Matrix
            Prova a seguire la guida di questo forum:
            http://www.istitutomajorana.it/forum/Thread-RISOLTsì ho letto e ho già fatto quello che viene descritto là, low level format zero fill (write zeros) con l'utility del produttore ,western digital data life guard diagnostics, l'unica cosa rimasta sarebbe quella di provare hdd regenerator se fa cose diverse, ma richiede che venga messo l'hard disk dentro al pc in seriala-ta e io non lo posso mettere là, ce l'ho su usb, forse in futuro proverò, quando potrò.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 aprile 2013 20.21-----------------------------------------------------------
          • Matrix scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb
            La vedo dura allora. Di solito quando con una formattazione low level format non si risolve vuol dire che l'hd è andato.
          • qualcuno scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb
            Mi é venuto un dubbio. Quando lanci un comando in gparted lo metti in coda. Nella versione inglese poi devi clickare "apply" per eseguire i comandi in coda, per te dovrebbe essere "applica" o "esegui".Comunque questa é solo una nota su come funziona il partition editor.Se usi ubuntu ti conviene come ho scritto nell'altra risposta usare ntfsfix.
          • user_ scrive:
            Re: meglio un live cd da 800mb
            - Scritto da: qualcuno
            Mi é venuto un dubbio. Quando lanci un comando in
            gparted lo metti in coda. Nella versione inglese
            poi devi clickare "apply" per eseguire i comandi
            in coda, per te dovrebbe essere "applica" o
            "esegui".

            Comunque questa é solo una nota su come funziona
            il partition
            editor.
            Se usi ubuntu ti conviene come ho scritto
            nell'altra risposta usare
            ntfsfix.sì ho cliccato su apply
Chiudi i commenti