L'hardware di Neat per i meeting di Zoom

Rinnovata la partnership tra Zoom e Neat con l'obiettivo di offrire soluzioni hardware ottimizzate e destinate alla collaborazione da remoto.
Rinnovata la partnership tra Zoom e Neat con l'obiettivo di offrire soluzioni hardware ottimizzate e destinate alla collaborazione da remoto.
Guarda 21 foto Guarda 21 foto

Oggi sul blog ufficiale di Zoom l’annuncio della rinnovata partnership con la norvegese Neat che mira ad offrire agli utenti soluzioni hardware ottimizzate per le riunioni e la collaborazione da remoto, anche per chi è operativo da casa in modalità smart working.

Zoom e Neat per lo smart working

Oltre a partecipare al programma Hardware as a Service annunciato all’inizio del mese, quest’ultima propone un proprio piano di sottoscrizione (Neat as a Service) che a fronte di un pagamento mensile consente di accedere a soluzioni hardware ottimizzate per l’utilizzo di Zoom: una di queste è quella visibile qui sotto, battezzata Neat Bar (110 dollari al mese), compatibile con Zoom for Home e da agganciare alla parete nell’ottica di un’ottimizzazione degli spazi. La disponibilità è prevista fin da subito in Europa, negli Stati Uniti, in Australia e in Nuova Zelanda.

Neat Bar con Zoom preinstallato

Di seguito invece Neat Board, un grande display touchscreen da 65 pollici con potente impianto audio, videocamera grandangolare e tutto ciò che serve per organizzare le riunioni in ufficio. È per ora offerto in pre-ordine con il debutto fissato per la fine di ottobre: il prezzo è 4.500 dollari.

Neat Board con Zoom preinstallato

Nell’occasione Zoom ha confermato di aver destinato un alto investimento (dopo quello del 2019) a Neat, così da supportare lo sviluppo di altre soluzioni.

Lato software ricordiamo che Zoom sta per introdurre la crittografia end-to-end chiesta a gran voce dai suoi utenti: il lancio della fase beta dovrebbe avvenire ormai a giorni.

Fonte: Zoom
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti