Hello Barbie, una spia bionda

Hello Barbie è una nuova versione della celebre bambola, equipaggiata con tecnologie di riconoscimento vocale: registra tutto e invia il sonoro ai server remoti. Un giocattolo intelligente o inquietante?

Roma – Fanno ancora discutere le peculiari capacità hi-tech di Hello Barbie, la nuova versione della storica bambola per bambine di ogni latitudine che Mattel ha dotato delle capacità di riconoscimento vocale realizzate dalla start-up ToyTalk.

La nuova Barbie arriverà presto nei negozi, e oltre a carpire quello che dice la sua piccola proprietaria sarà in grado di connettersi, tramite una rete WiFi, ai server di un servizio capace di arricchire la “conversazione” e imparare da quelle tenute in precedenza.

In una fiera del giocattolo recentemente tenutasi a New York, Mattel ha dimostrato in maniera eloquente quello che Hello Barbie sa fare: la bambola sa di essere nella Grande Mela e pone domande pertinenti, si ricorda dei commenti già ascoltati e più in generale si comporta come una versione molto più evoluta di giocattoli sofisticati come Furby.

Hello Barbie è “solo” un giocattolo hi-tech per bambine moderne, come pretenderebbe Mattel, o una nuova “raccapricciante” tecnologia capace di spiare sui bambini (e le persone che hanno intorno) dopo tutti i gadget “intelligenti” già perennemente in ascolto nel mondo degli adulti?
Per il gruppo Campaign for a Commercial-Free Childhood la Barbie “cloud” appartiene sicuramente alla seconda categoria, ed è stata in tal senso avviata una petizione per fermarne la commercializzazione, prevista per il prossimo autunno.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti