HTC danza con Apple

L'acquisto del portafoglio brevettuale di S3 Graphics da parte della taiwanese potrebbe spingere le parti ad un accordo. Ma entrambi i contendenti hanno cartucce da sparare

Roma – HTC sembrerebbe interessata a trovare un accordo extragiudiziale per porre fine alle cause legali pendenti che la vedono contrapposta a Apple.

Qualche settimana fa Cupertino aveva aggiunto nuove accuse contro HTC, che poco prima l’ aveva accusatao di voler spostare la concorrenza dal mercato ai tribunali . Nel frattempo, una sentenza pregiudiziale dell’ International Trade Commission ha ritenuto HTC in violazione di 2 dei 10 brevetti contestategli da Apple.

La situazione, insomma, al momento sarebbe sbilanciata a favore di Cupertino, che ha segnato i primi punti nei procedimenti che vedono contrapposte le due aziende.

Solo l’acquisto da parte di HTC di S3 Graphics, azienda proprietaria di brevetti per la cui violazione Apple è già stata condannata a pagare 300 milioni, riequilibra la situazione quel tanto che basta per permettere alle parti di trovare spazio di manovra per raggiungere un accordo.

La chiave di volta è proprio la proprietà intellettuale di S3 : International Trade Commission ha specificato che i suoi brevetti sono violati non nei dispositivi iOS, ma in quelli Mac OS X con processori grafici di marche diverse da Nvidia, azienda che invece è licenziataria di SE Graphics. la sua decisione è in ogni caso ancora non vincolante e deve essere vagliata dalla commissione composta da tutti e 6 i giudici.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • udpate scrive:
    perche pagare?
    un cd costa 50cent ? perche pagare 25 30 euro per un cd ? facciamo tutti come la siae .. io lavoro al forno. faccio il pane, ma non lo rivendo mica al 300% del ricavo della materia prima....se metto una pagnotta a 30 euro che succede? non vendo. e cosi è anche il mercato dei cd. abbassate i prezzi invece di lamentarvi che non si vendono i cd perche mica la gente è tutta cojona!!
  • siae scrive:
    il copyright dovrebbe essere 1000 anni
    Io lavoro alla siae e devo dire che certe cavolate che fa l'azienda presso cui lavoro sono ridicole. Anche la legge sul copyright è logora e se ne abusa troppo e non certo in favore degli artisti e autori veri dei lavori ma solo in favore della siae stessa. E credetemi se vi dico da addetto ai lavori che TUTTE le aziende che difendono il copyright lo fanno in favore di loro stesse non in favore degli autori dei brani: normalmente agli autori veri non va quasi mai più del 10 - 15% il resto va alle multinazionali non agli artisti. Mi sento anche in colpa a imbrogliare cosi gli artisti ma devo pur guadagnarmi il pane da portare a casa di mia moglie e figli... la buona istruzione per i miei figli costa e se voglio guadagnare devo imbrogliare gli artisti... meglio loro che io...Certo che se gli autori e gli artisti di opere con copyright lo capissero per noi sarebbe un problema... per fortuna sono una manica di abituè... sono tutti o quasi sotto controllo... il nostro... se si mettessero a vendere per i fatti loro i loro stessi prodotti guadagnerebbero il 100% e noi nulla... ma non hanno il fegato di fare questo quindi noi possiamo continuare a sfruttarli... quindi viva il copyright!
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: il copyright dovrebbe essere 1000 anni
      - Scritto da: siae
      Io lavoro alla siaeE non ti vergogni? Cosa aspetti a dimetterti? Anche fare il mendicante sarebbe più onorevole e più dignitoso.
      e devo dire che certe
      cavolate che fa l'azienda presso cui lavoro sono
      ridicole.E tu ne fai parte.
      Anche la legge sul copyright è logora e
      se ne abusa troppoE allora perchè proponi di metterla di 100 anni? Andrebbe abrogata e basta.
      e non certo in favore degli
      artisti e autori veri dei lavori ma solo in
      favore della siae stessa.Appunto: lavori per una organizzazione di parassiti. Parassiti degli autori, parassiti degli utenti e parassiti dello stato (visto che non fornite nemmeno utili all'erario, ma siete in perdita).Ripeto, non hai un briciolo di vergogna?
      E credetemi se vi dico
      da addetto ai lavori che TUTTE le aziende che
      difendono il copyright lo fanno in favore di loro
      stesse non in favore degli autori dei brani:
      normalmente agli autori veri non va quasi mai più
      del 10 - 15% il resto va alle multinazionali non
      agli artisti. Mi sento anche in colpa a
      imbrogliare cosi gli artisti ma devo pur
      guadagnarmi il pane da portare a casa di mia
      moglie e figli...Guarda... ti rispetterei di più se tu mendicassi, per portare a casa il pane. Ma così provo solo disprezzo.
      la buona istruzione per i miei
      figli costa e se voglio guadagnare devo
      imbrogliare gli artisti... meglio loro che
      io...
      Certo che se gli autori e gli artisti di opere
      con copyright lo capissero per noi sarebbe un
      problema... per fortuna sono una manica di
      abituè... sono tutti o quasi sotto controllo...
      il nostro... se si mettessero a vendere per i
      fatti loro i loro stessi prodotti guadagnerebbero
      il 100% e noi nulla... ma non hanno il fegato di
      fare questo quindi noi possiamo continuare a
      sfruttarli... quindi viva il
      copyright!Bene: non proveremo nessuna compassione quando ti vedremo sotto un ponte, perchè lo meritate. Viva tutti coloro che vi fanno perdere soldi.
  • Claudio Rossi scrive:
    La scoperta dell'acqua calda.
    Wow! Hanno scoperto l'acqua calda! Sono secoli che si dicono queste csoe ma le case discografiche e le varie associazioni preferiscono spendere soldi e tempo per questa lotta inutile, e anzi dannosa per le stesse industrie dei contenuti multimediali. Purtroppo queste persone sono vecchie, hanno idee vecchie e non si rendono conto di quello che fanno.
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    La pirateria aiuta il cinema
    <b
    La pirateria aiuta il cinema ma lo studio viene secretato </b
    http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/07/29/news/pirateria_cinema-19494246
    • deactive scrive:
      Re: La pirateria aiuta il cinema
      io spero che il diritto d'autore come lo conosciamo oggi abbia i mesi contati ( si, mesi .. sono realista ) ;D
    • ThEnOra scrive:
      Re: La pirateria aiuta il cinema
      CHI CASSO SEI?
    • ThEnOra scrive:
      Re: La pirateria aiuta il cinema
      CHI CASSO SEI?
    • ThEnOra scrive:
      Re: La pirateria aiuta il cinema
      Perchè lo dice un giornale? Perchè lo dice Longo?Senso critico ne hai? Nemmeno l'hai letto lo studio!CHI SEI?PS.Anche così verrà censurato? :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 luglio 2011 17.53-----------------------------------------------------------
  • mikronimo scrive:
    Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
    Magari, grazie.
    • Franky scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      - Scritto da: mikronimo
      Magari, grazie.Cioe' vuoi il link e il nome della casa editrice che promuove l'iniziativa?Eccolo qui:(non credo che ci sia nulla di male nel darlo)http://www.edizioniets.com/biblioteca_alessandria.asp
      • mikronimo scrive:
        Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
        Esatto, grazie. Che male vuoi che ci sia, ci mancherebbe altro.
        • Franky scrive:
          Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
          - Scritto da: mikronimo
          Esatto, grazie. Che male vuoi che ci sia, ci
          mancherebbe
          altro.che ne so a volte la moderazione e' strana... cmq prego...felice di essere stato utile...
  • iupiter scrive:
    giustificazione alla pirateria
    ma cos e' giustificazione alla pirateria perche' un cretino dice una cretinata? ma bravi e tutti i danni quelli non li pubblicate...
  • dalek scrive:
    Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
    e i libri fotocopiati nelle scuole? kiudiamo le scuole!
    • Franky scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      - Scritto da: dalek
      e i libri fotocopiati nelle scuole? kiudiamo le
      scuole!ora che glielo hai fatto notare...dira' di abolire l'elettricita' e passare direttamente alle candele...per non far correre rischi ai suoi amici del copyright...
  • dalek scrive:
    non è vero niente
    80 % dei film non sono + disponibili alla vendita da 20 annidetemi voi se devo comprare ciò che non esiste!da torrent faccio prima e risparmio sul viaggio per andare a cercarli, risparmio sulla benzina e risparmio sul prodotto
    • dalek scrive:
      Re: non è vero niente
      e poi nella mia città nessuno ti vende il pacco completo di questo o di quel gruppo o cantante al massimo trovi un cd con le raccolte (10 canzoni) dei tipi prima citati.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: non è vero niente
        - Scritto da: dalek
        e poi nella mia città nessuno ti vende il pacco
        completo di questo o di quel gruppo o cantante al
        massimo trovi un cd con le raccolte (10 canzoni)
        dei tipi prima
        citati.Da quando c'è il p2p i negozi più forniti e più attenti a queste cose sono falliti. Quale senso ha per un negozio riempirsi di cofanetti quando poi ti rimangono lì sul gobbone?
        • Sgabbio scrive:
          Re: non è vero niente
          Falsissimo....credimi.... Se uno si cerca i cofaneti grazie al p2p e i negozi chiudono, scusami... è un contro senso, molti editori del settore ormai puntano molto sui cofanetti che raccolgono tutta una serie televisiva, anime, serie di film ed altro, grazie anche a internet :D
          • Funz scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: Sgabbio
            Falsissimo....credimi.... Se uno si cerca i
            cofaneti grazie al p2p e i negozi chiudono,
            scusami... è un contro senso, molti editori del
            settore ormai puntano molto sui cofanetti che
            raccolgono tutta una serie televisiva, anime,
            serie di film ed altro, grazie anche a internet
            :DPoi questa storia dei negozi reggeva solo nei grandi centri urbani. Ti sposti di 10km in provincia e trovavi solo più negozietti con scelta molto più limitata, e se volevi qualcosa di particolare ti rivolgevi al buon cuore del negoziante.
        • panda rossa scrive:
          Re: non è vero niente
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          Quale senso
          ha per un negozio riempirsi di cofanetti quando
          poi ti rimangono lì sul
          gobbone?Prova a venderli al giusto prezzo invece che ricaricarci spudoratamente il 1000%Io ho acquistato quattro o cinque cofanetti "limited collector" quando li ho trovati a 9.90 rispetto ai 99.90 a cui venivano proposti all'uscita.E non venirmi a dire che sono stati venduti in perdita.Perche' stiamo parlando di dischi di plastica che costano meno di 10 centesimi di materiale, piu' altra plastica e cartoncino intorno.
    • iupiter scrive:
      Re: non è vero niente
      ma infatti la pirateria su cose che non esistono piu' nei negozi fanno ridere i polli...ma se non lo vendete piu' cosa pirato?diverso e' il discorso su prodotti nuovi e in tutti i negozi(sempre che ne esistano ancora), li' non sono d'accordoma se scarico un film degli anni 70 che non si trova in vhs,dvd o altro che rompete?
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: non è vero niente
        - Scritto da: iupiter
        ma infatti la pirateria su cose che non esistono
        piu' nei negozi fanno ridere i polli...ma se non
        lo vendete piu' cosa
        pirato?

        diverso e' il discorso su prodotti nuovi e in
        tutti i negozi(sempre che ne esistano ancora),
        li' non sono
        d'accordo

        ma se scarico un film degli anni 70 che non si
        trova in vhs,dvd o altro che
        rompete?Certo: per questo motivo, però, diventa mio interesse che il film non venga messo in vendita, o che ci resti molto poco. Così, nessuno potrà dire nulla, poi, se viene scaricato.Quindi, se i negozi di film spariscono, diventa un vantaggio.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: non è vero niente
        - Scritto da: iupiter
        ma se scarico un film degli anni 70 che non si
        trova in vhs,dvd o altro che
        rompete?su su adesso sembra che il 99% delle persone stiano scaricando roba vintage e che chi si lamenta della pirateria è arrabbiato perché la gente scarica cose introvabili. Quando la realtà è che i prodotti mainstream sono quelli più scaricati. Non mi parlate poi della coda lunga che è stata smentita come teoria.
        • deactive scrive:
          Re: non è vero niente
          se vuoi dibattere, devi anche tener conto di tutti i casi.Non tutte le situazioni sono uguali, non tutti sono scarriconi a sbafo e non tutti scaricano roba recente.Quel che mi preoccupa davvero e' invece il solito fallimentare comportamento da fascistelli che le istituzioni stanno piano piano assumendo in tutti i settori. A problema X corrisponde soluzione Y. Senza eccezioni, e soprattutto senza mai pensare alle conseguenze.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: deactive
            se vuoi dibattere, devi anche tener conto di
            tutti i
            casi.Ne tengo conto e tengo conto anche di quelli che rappresentano la maggioranza. Non è che se uno su cento ha le sue ragioni allora devo mettere le fette di prosciutto sugli occhi per tutti gli altri.

            Non tutte le situazioni sono uguali, non tutti
            sono scarriconi a sbafo e non tutti scaricano
            roba
            recente.

            Quel che mi preoccupa davvero e' invece il solito
            fallimentare comportamento da fascistelli che le
            istituzioni stanno piano piano assumendo in tutti
            i settori. A problema X corrisponde soluzione Y.
            Senza eccezioni, e soprattutto senza mai pensare
            alle
            conseguenze.Appunto, hanno voluto fare Internet e non hanno pensato al fatto che poteva avviare una pirateria dilagante senza possibilità di sanzioni, mandano in rovina tanti posti di lavoro. Il lavoro può diventare obsoleto solo dalla nascita di soluzioni concorrenziali che utilizzano metodi legali.
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: non è vero niente

            Appunto, hanno voluto fare Internet e non hanno
            pensato al fatto che poteva avviare una pirateria
            dilagante senza possibilità di sanzioniQuindi l'Umanità avrebbe dovuto privarsi di Internet, il primo mezzo di comunicazione globale che sta rivoluzionando il mondo, per salvare qualche videoteca? (rotfl)
            Il lavoro può diventare obsoleto solo...Il lavoro diventa obsoleto quando non serve più alla Società.Altrimenti avremmo dovuto rendere illegale il frigorifero per salvare il posto dei venditori di ghiaccio... <b
            ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
            P-)
          • deactive scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: deactive

            se vuoi dibattere, devi anche tener conto di

            tutti i

            casi.

            Ne tengo conto e tengo conto anche di quelli che
            rappresentano la maggioranza. Non è che se uno su
            cento ha le sue ragioni allora devo mettere le
            fette di prosciutto sugli occhi per tutti gli
            altri.



            Non tutte le situazioni sono uguali, non
            tutti

            sono scarriconi a sbafo e non tutti scaricano

            roba

            recente.



            Quel che mi preoccupa davvero e' invece il
            solito

            fallimentare comportamento da fascistelli
            che
            le

            istituzioni stanno piano piano assumendo in
            tutti

            i settori. A problema X corrisponde
            soluzione
            Y.

            Senza eccezioni, e soprattutto senza mai
            pensare

            alle

            conseguenze.


            Appunto, hanno voluto fare Internet e non hanno
            pensato al fatto che poteva avviare una pirateria
            dilagante senza possibilità di sanzioni, mandano
            in rovina tanti posti di lavoro. Il lavoro può
            diventare obsoleto solo dalla nascita di
            soluzioni concorrenziali che utilizzano metodi
            legali.la pirateria esiste da prima di internet.E quindi come mai le major nel frattempo non sono fallite, ma ahinme' imperversano con le loro pretese almeno quanto prima ?Ieri erano i "vucumpra'", ora e' internet, e domani cosa sara' la causa dei loro scarsi, si fa per dire, profitti?
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: non è vero niente

            la pirateria esiste da prima di internet.
            E quindi come mai le major nel frattempo non sono
            fallite, ma ahinme' imperversano con le loro
            pretese almeno quanto prima?[img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/d7/The.Pirate.Bay.Cartoon-small.png[/img]
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: deactive
            la pirateria esiste da prima di internet.
            E quindi come mai le major nel frattempo non sono
            fallite, ma ahinme' imperversano con le loro
            pretese almeno quanto prima
            ?Prima era limitata alla rete sociale di amici. Chiedevi a un amico: hai questo disco? Se non l'aveva come lo duplicavi?Ora invece apri un programma e da perfetti sconosciuti, senza sapere chi siano, ricevi pezzetti di file che riuniti ricreano l'opera.

            Ieri erano i "vucumpra'", ora e' internet, e
            domani cosa sara' la causa dei loro scarsi, si fa
            per dire,
            profitti?I venditori abusivi chiedevano un compenso e a volte davano una fregatura, con Internet invece scarichi gratis e se ti va male riscarichi. Ovvio che è un pericolo ben più grave a livello di pirateria.
          • deactive scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: deactive

            la pirateria esiste da prima di internet.

            E quindi come mai le major nel frattempo non
            sono

            fallite, ma ahinme' imperversano con le loro

            pretese almeno quanto prima

            ?

            Prima era limitata alla rete sociale di amici.
            Chiedevi a un amico: hai questo disco? Se non
            l'aveva come lo
            duplicavi?tramite i pirati, che mettevano annunci su secondamano.Stessa storia per i vecchi floppy dell'amiga ;D
            Ora invece apri un programma e da perfetti
            sconosciuti, senza sapere chi siano, ricevi
            pezzetti di file che riuniti ricreano
            l'opera.Mi fa ridere che si voglia difendere l'opera ma poi si guardi alla perdita economica.Sarebbe piu' sensato e coerente dire: "stiamo perdendo un sacco di soldi perche' siamo dei dinosauri e non serviamo piu', salvateci tramite otto per mille".




            Ieri erano i "vucumpra'", ora e' internet, e

            domani cosa sara' la causa dei loro scarsi,
            si
            fa

            per dire,

            profitti?

            I venditori abusivi chiedevano un compenso e a
            volte davano una fregatura, anche ora, solo che il compenso arriva tramite le visite al sito ( ammesso che alla fine qualcosa arrivi a chi tiene su i siti )con Internet invece
            scarichi gratis e se ti va male riscarichi. Ovvio
            che è un pericolo ben più grave a livello di
            pirateria.Quindi il beneficio di internet e' invalidato dal pericolo della pirateria? Eheh, scusa ma stiamo andando nel ridicolo.
          • angros scrive:
            Re: non è vero niente

            Appunto, hanno voluto fare Internet e non hanno
            pensato al fatto che poteva avviare una pirateria
            dilaganteMagari l'hanno pensato, e lo scopo era proprio questo. Per noi la pirateria è una cosa positiva, non dimenticarlo.
            senza possibilità di sanzioni, mandano
            in rovina tanti posti di lavoro. Posti di lavoro che non servono più. Per noi utenti è un vantaggio, perchè eravamo noi a pagare gli stipendi di tali posti di lavoro: eliminandoli, risparmiamo parecchio.
        • erMedusa scrive:
          Re: non è vero niente
          La coda lunga?Calmati e cerca di ragionare. Se gente come me non esistesse, cinema, libreria, fumetterie, fiere.... sarebbero tutte vuote. Come ho già scritto in un altro post, spendo quasi la metà dello stipendio (ovviamente escluse le spese fisse) per "cultura e intertainment", se poi, come sto facendo questi giorni, mi scarico qualche film e qualche canzone per l'estate, francamente non mi sento in colpa neanche un pò, dopo aver comprato biglietti per il cinema a 10, album su itunes a 9, e giochi per console a 70 (!). Poi non è cattiveria la mia, se ad esempio i film su itunes non costassero quella cifra ridicola che costano, probabilmente ne scaricherei di meno dai torrent.La verità è che chi si "sbatte" per scaricare sono tutti o quasi dei meganerdoni che passano la loro vita al cinema o in fumetteria (o nel mio caso al gamestop) e senza questi nerdoni l'unico mercato in crescita post-2001 sarebbe già bello che defunto checchè ne dicano Apple, Ubisoft, Sony, tu o Ruppolo.
          • Sgabbio scrive:
            Re: non è vero niente
            un consiglio, per i giochi di consiglio di andare su certi siti inglesi, che notoriamente fanno prezzi enormemente bassi, rispetto che da noi, tralasciando poi il gemestop, che sono notoriamente disonesti.
          • erMedusa scrive:
            Re: non è vero niente
            Grazie carissimo il gamestop lo portavo ad esempio nel discorso. Ormai lì ci compro usati e un paio di D1 all'anno, per il resto hai piu che ragione è bene affidarsi alla rete e specie agli store inglesi, non fosse altro per prezzo (che non è poca la differenza) e il doppiaggio originale (9 volte su 10 mostruosamente migliore del nostrano, uno su tutti Batman:AA)
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: erMedusa
            La coda lunga?
            Calmati e cerca di ragionare. Se gente come me
            non esistesse, cinema, libreria, fumetterie,
            fiere.... sarebbero tutte vuote. Come ho già
            scritto in un altro post, spendo quasi la metà
            dello stipendio (ovviamente escluse le spese
            fisse) per "cultura e intertainment",Chi ti dice che tu rappresenti la norma? Li leggi i post di Panda Rossa o Uno Qualsiasi? Loro dicono che scaricano e non comprano niente perché è stupido farlo visto che puoi ottenere le stesse cose gratis.
          • erMedusa scrive:
            Re: non è vero niente
            1. Ma la notizia l'hai letta? Non che fosse la prima ricerca che parla di questo eh.... anche su larepubblica di oggi c'è un articolo simile.2. Le mie frequentazioni: trentenni di chiara ispirazione anarchica che campano con 1000-1200 euro al mese, i piu fortunati, e che spendono un capitale quanto me.3. Quindi per i commenti di due persone su un centinaio tu sostieni che la pirateria sia un male assoluto da combattere a forza di denunce?
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: erMedusa
            1. Ma la notizia l'hai letta? Non che fosse la
            prima ricerca che parla di questo eh.... anche su
            larepubblica di oggi c'è un articolo
            simile.L'ho letta, tu sì? Parla dell'opinione di un singolo EX DIRIGENTE che è stato licenziato.Fra l'altro come viene riportata la notizia:-Prima usa il plurale e mette il nome EMI-Poi scopro che è l'opinione di una singola persona basata su una sua deduzione, niente di scientifico-Dietro non ha alcuno studio, ma trattasi solo di opinione-Poi verso la fine dice L'ex-COO di EMI, cioè non è uno del vertice di EMI. Perché non ci lavora più.
            2. Le mie frequentazioni: trentenni di chiara
            ispirazione anarchica che campano con 1000-1200
            euro al mese, i piu fortunati, e che spendono un
            capitale quanto
            me.Non capisci che le tue frequentazioni non fanno statistica? Allora uno che ha tanti amici golfisti può dimostrare che il golf è uno sport altamente popolare.
            3. Quindi per i commenti di due persone su un
            centinaio tu sostieni che la pirateria sia un
            male assoluto da combattere a forza di
            denunce?Ma quali denunce? Per me si chiude Internet e si riapre solo quando si è in grado di sanzionare chi viola la legge, fra l'altro il diritto d'autore è una delle poche norme che ha valore a livello internazionale. Si dovrebbero poi evitare che ricchi oligopolisti abbiano la possibilità di mettere la seda da una parte fiscalmente amica e di fare i miliardi con clienti di altri paesi.
          • erMedusa scrive:
            Re: non è vero niente
            1.http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/07/29/news/pirateria_cinema-19494246/ ed è una delle tante eh2.ah i miei amici non fanno statistica, i commenti di Panda Rossa si?3.vabbè qui la risposta è così tanto per trollare. Il diritto d'autore è tutto tranne che univoco nei vari paesi. "chiudiamo internet"?? scusami ma allora ha ragione chi scrive che devono chiuderla a te la connessione eddai no, come se internet servisse solo ai pirati. Lo vuoi capire che NOI pirati TENIAMO IN PIEDI L'INTERO SETTORE, lo confermano le ricerche, la logica, le frequentazioni e sono convinto che te lo confermerebbe anche Panda Rossa (scusa Panda ma ormai ti abbiamo preso a metro di giudizio)4.Ma tu il discorso "devono abbassare i prezzi" manco lo prendi in considerazione. Chiudiamo internet, poi se Sony o Ubisoft o qualche altra megacorporazione mette prezzi alle stelle (piu di come sono adesso) che si fa?
          • erMedusa scrive:
            Re: non è vero niente
            Dimenticavo, lo conferemebbero pure i miei account Sony, Microsoft, Skype, Feltrinelli, ibs, iTunes e chissà chi altri.
          • panda rossa scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: erMedusa
            (scusa Panda ma
            ormai ti abbiamo preso a metro di
            giudizio)Fate pure. Sono qua apposta.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: erMedusa
            1.http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/07/29/nLe sintesi di repubblica specie su questioni tecnologiche non vogliono dire niente
            2.ah i miei amici non fanno statistica, i
            commenti di Panda Rossa
            si?Fosse solo lui, se guardi su Internet sono tutti così, ho citato lui perché è conosciuto qui.
            3.vabbè qui la risposta è così tanto per
            trollare. Il diritto d'autore è tutto tranne che
            univoco nei vari paesi. "chiudiamo internet"??
            scusami ma allora ha ragione chi scrive che
            devono chiuderla a te la connessione eddai no,
            come se internet servisse solo ai pirati. Lo vuoi
            capire che NOI pirati TENIAMO IN PIEDI L'INTERO
            SETTORE, lo confermano le ricerche, la logica, le
            frequentazioni e sono convinto che te lo
            confermerebbe anche Panda Rossa (scusa Panda ma
            ormai ti abbiamo preso a metro di
            giudizio)Troverai anche tante ricerche che confermano il contrario. Io intanto vedo i negozi chiudere non aprire.Internet serve anche agli oligopolisti per arricchirsi mettendo la sede in paesi fiscalmente amici e poi vendere a noi pagando pochissimo di tasse. Internet crea disoccupazione e povertà.
            4.Ma tu il discorso "devono abbassare i prezzi"
            manco lo prendi in considerazione. Chiudiamo
            internet, poi se Sony o Ubisoft o qualche altra
            megacorporazione mette prezzi alle stelle (piu di
            come sono adesso) che si
            fa?Abbassare i prezzi? Ma se vado in un centro commerciale ne trovo quanti ne voglio di DVD a prezzi stracciati. Ho comprato Toy Story 3 a 2,5 euro. Ci sono montagne di DVD lasciati nei cestoni. Certo se uno vuole la novità si attacca. Ma anche Inception costa 11 euro. E allora...Per non parlare dei libri in offerta che anche senza sconti costano pochissimo, certo se vuoi la novità copertina rigida o uno di quei libri in tiratura limitata. I prezzi non c'entrano niente perché al gratis non puoi fare concorrenza
          • erMedusa scrive:
            Re: non è vero niente
            1.Repubblica è un giornale di XXXXX, e infatti fino a oggi ha pubblicato un sacco di "ricerche" che ti danno "ragione".2.Su internet sono tutti come me, e qualcuno (pochi i non stipendiati) come te.3. I negozi chiudono grazie ai centri commerciali dove vai tu (e perchè ormai è ridicolo prendere la macchina per andare a comprare un DVD), io sono un paio di anni che non ci metto piede e mi rifornisco al mio vicino di negozio, spenderò qualche euro in più ma almeno sò che li spende per il figlio appena nato.4.Si trovo cose di anni fa, solo cose mainstream, nulla o quasi dell'intera filmografia italiana diciamo dagli anni 50 a oggi. E comunque io parlavo dei prezzi dei contenuti digitali che sono ridicoli per tutti tranne, a quanto sembra, per te. Non so te ma io i supporti fisici comincio ad odiarli e il mio fido pc non ha buchi per lettori.E cmq ti chiedo dovrei sentirmi in colpa per aver scaricato una decina di film da vedermi per questa estate? film che sono già stati ripagati dagli incassi al cinema? Al massimo tra l'altro il tuo discorso si potrebbe applicare per le opere "off" fuori dal mainstream, non fare di tutta l'erba un fascio (e poi se la fumamo).
          • ziovax scrive:
            Re: non è vero niente
            http://www.siae.it/edicola.asp?click_level=0500.0100.0200&view=4&open_menu=yes&id_news=10312Eccoti i dati di siae, non dei pirati.Il cinema ha dato il miglior risultato negli ultimi 25 anni.La musica va male (ma neanche così tanto visto che è meno del 5% in calo) perché l'offerta è una XXXXX: 40 euro (minimo) per un concerto di un'ora, 1,30 euro per un mp3 codificato male e 20 euro per un pezzo di plastica con licenza d'ascolto.
          • deactive scrive:
            Re: non è vero niente
            come non darti ragione ...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: non è vero niente

            Abbassare i prezzi? Ma se vado in un centro
            commerciale ne trovo quanti ne voglio di DVD a
            prezzi stracciati. Ho comprato Toy Story 3 a 2,5
            euro. Ci sono montagne di DVD lasciati nei
            cestoni. Certo se uno vuole la novità si attacca.Sì, si attacca al p2p. Perciò, i cestoni con i dvd sono inutili.
          • panda rossa scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Abbassare i prezzi? Ma se vado in un centro
            commerciale ne trovo quanti ne voglio di DVD a
            prezzi stracciati. Ho comprato Toy Story 3 a 2,5
            euro. Ecco. Bravo, proprio questo esempio che stai sbandierando da giorni.Tu dici di aver trovato quel dvd a quel prezzo.E io ci credo.Ma proprio ieri ho visto lo stesso titolo in un negozio di una nota catena che vende anche audiovisivi, alla modica cifra di 19.90Ora, siccome sappiamo benissimo che quello che ti ha venduto quel dvd per 2.50 ci ha comunque guadagnato, chi e' il ladro?Se i dvd fossero in vendita ovunque a 2.50 la gente comprerebbe molto di piu', io per primo.Invece, proprio perche', grazie alla rete e grazie a te, io sono venuto a sapere che quel dvd puo' essere venduto a 2.50, a maggior ragione non lo comprerei mai a 19.90, perche' da qualche giorno a questa parte il suo prezzo di mercato e' diventato 2.50Quindi, o tutti i rivenditori si adeguano, oppure io mi accontento del divx (tanto l'ho visto al cinema, quindi ho gia' dato).
          • Guybrush scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: erMedusa[...]
            L'ho letta, tu sì? Parla dell'opinione di un
            singolo EX DIRIGENTE che è stato
            licenziato.Allora non l'hai letta.GT
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: erMedusa
            [...]

            L'ho letta, tu sì? Parla dell'opinione di un

            singolo EX DIRIGENTE che è stato

            licenziato.
            Allora non l'hai letta.

            GTToh è arrivato Brunetta. Ho letto i link che sono le FONTI da cui è tratto l'articolo:http://www.tuaw.com/2011/07/26/former-emi-boss-says-limewire-users-were-major-itunes-customers/Douglas C. Merrill used to work for record label EMI, one of the biggest members of the RIAA. He was forced out just a year later, but now he's sharing information from inside the company
          • Guybrush scrive:
            Re: non è vero niente
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: Guybrush

            - Scritto da: Dottor Stranamore


            - Scritto da: erMedusa

            [...]


            L'ho letta, tu sì? Parla dell'opinione
            di
            un


            singolo EX DIRIGENTE che è stato


            licenziato.

            Allora non l'hai letta.



            GT

            Toh è arrivato Brunetta. Ho letto i link che sono
            le FONTI da cui è tratto
            l'articolo:
            http://www.tuaw.com/2011/07/26/former-emi-boss-say

            Douglas C. Merrill used to work for record label
            EMI, one of the biggest members of the RIAA. He
            was forced out just a year later, but now he's
            sharing information from inside the
            companyOh, bravo, adesso l'hai letta.Quale parte di "one of the biggest members of RIAA" ti è sfuggito?O forse ti e' sfuggito "[...]conducted of users of the LimeWire music sharing service portrayed them as some of the biggest spenders on iTunes" che magari è un po' troppo complicata per te?Ma magari stai solo tentando una spettacolare arrampicata sugli specchi.In tal caso ricordati di pulire le ventose o cederanno quando meno te l'aspetti.GT
  • gerry scrive:
    Proposta: offerta commerciale onesta
    A me servirebbero- una trentina di mp3 al mese- 5 film, oppure una ventina tra film ed espisodi di telefilm/cartoni animati- un paio di partire di calcio o altri eventi sportivi (opzionale, valuterei un sovrapprezzo o anche il non averlo del tutto)- scambierei lo sport con 2/3 ebook (sempre al mese)Per un'offerta del genere valuterei di pagare un fisso al mese (20 euro?) per evitare lo sbattimento di girare per i canali pirata, purchè siano rispettate queste condizioni:1) niente piagnucolate sugli accordi commerciali. Questo artista non lo puoi avere perchè è legato a una major fuori dall'accordo bla bla bla... Che se ne occupino le collecting societies a mettere daccordo i litiganti2) i files audio e gli ebook non devono sparire, già sui film e telefilm sarei molto meno interessato a tenermeliE' così improponibile come cosa?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 luglio 2011 10.55-----------------------------------------------------------
    • axl scrive:
      Re: Proposta: offerta commerciale onesta
      - Scritto da: gerry
      A me servirebbero
      - una trentina di mp3 al mese
      - 5 film, oppure una ventina tra film ed espisodi
      di telefilm/cartoni
      animati
      - un paio di partire di calcio o altri eventi
      sportivi (opzionale, valuterei un sovrapprezzo o
      anche il non averlo del
      tutto)
      - scambierei lo sport con 2/3 ebook (sempre al
      mese)

      Per un'offerta del genere valuterei di pagare un
      fisso al mese (20 euro?) per evitare lo
      sbattimento di girare per i canali pirata, purchè
      siano rispettate queste
      condizioni:
      1) niente piagnucolate sugli accordi commerciali.
      Questo artista non lo puoi avere perchè è legato
      a una major fuori dall'accordo bla bla bla... Che
      se ne occupino le collecting societies a mettere
      daccordo i
      litiganti
      2) i files audio e gli ebook non devono sparire,
      già sui film e telefilm sarei molto meno
      interessato a
      tenermeli

      E' così improponibile come cosa?
      --------------------------------------------------
      Modificato dall' autore il 28 luglio 2011 10.55
      --------------------------------------------------no ci arriveremo e vedrai come piangeranno miseria i videotechini... "buuu non viene più nessuno, non ci guarda mai nessuno"... ah ah ah
      • panda rossa scrive:
        Re: Proposta: offerta commerciale onesta
        - Scritto da: axl

        no ci arriveremo e vedrai come piangeranno
        miseria i videotechini... "buuu non viene più
        nessuno, non ci guarda mai nessuno"... ah ah
        ahPotrebbero riciclarsi in museo della videocassetta.Del resto oggi c'e' gente che PAGA per vedere i dinosauri, perche' non dovrebbe PAGARE per vedere una videoteca del secolo scorso?Un euro di ingresso e puoi entrare, girare per gli scaffali, vedere i film esposti, suddivisi per genere, per titolo... e poi puoi anche entrare nel corridoio riservato, dietro la tenda rossa... :$
        • Jacopo Monegato scrive:
          Re: Proposta: offerta commerciale onesta
          gghhh nell'armadio ho un sacco di cassette della serie dell'espresso :D file e file piene di film visti tante volte da essere danneggiati :D
        • Franky scrive:
          Re: Proposta: offerta commerciale onesta
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: axl




          no ci arriveremo e vedrai come piangeranno

          miseria i videotechini... "buuu non viene più

          nessuno, non ci guarda mai nessuno"... ah ah

          ah

          Potrebbero riciclarsi in museo della
          videocassetta.
          Del resto oggi c'e' gente che PAGA per vedere i
          dinosauri, perche' non dovrebbe PAGARE per vedere
          una videoteca del secolo
          scorso?

          Un euro di ingresso e puoi entrare, girare per
          gli scaffali, vedere i film esposti, suddivisi
          per genere, per titolo... e poi puoi anche
          entrare nel corridoio riservato, dietro la tenda
          rossa...
          :$ahahah...ma quante te ne vengono in mente!!! Hanno anche un talento innato da comici...quindi potrebbero intrattenere anche gli ospiti con un piccolo spettacolo volendo...(rotfl)
    • Meccaninoc scrive:
      Re: Proposta: offerta commerciale onesta
      20 euro ? Ma da dove salti fuori ? Non ci vai piu' nemmeno a mangiare fuori e tu vorresti tutti quei servizi ? Nel mondo dell'intrattenimento c'è pure gente che lavora.. E come se vorresti pagare la pizza margherita 1 euro.Piuttosto chiedi al tuo datore di aumentarti lo stipendio cosi' puoi permetterteli..
      • Guybrush scrive:
        Re: Proposta: offerta commerciale onesta
        - Scritto da: Meccaninoc
        20 euro ? Ma da dove salti fuori ? Non ci vai[...]
        permetterteli..Per la pizza posso spendere qualche euro, per la FOTOCOPIA della pizza no.GT
        • FDG scrive:
          Re: Proposta: offerta commerciale onesta
          - Scritto da: Guybrush
          Per la pizza posso spendere qualche euro, per la
          FOTOCOPIA della pizza no.(rotfl)
        • deactive scrive:
          Re: Proposta: offerta commerciale onesta
          ben detto, cavoli!:)
        • MeX scrive:
          Re: Proposta: offerta commerciale onesta
          anche la fotocopia del DVD puoi farla gratis.MA così come non mangi la focolai della pizza non puoi vedere la fotocopia del DVD
          • krane scrive:
            Re: Proposta: offerta commerciale onesta
            - Scritto da: MeX
            anche la fotocopia del DVD puoi farla gratis.
            MA così come non mangi la focolai della pizza non
            puoi vedere la fotocopia del DVDQuesto e' un semplice problema tecnologico, il sign, spock dovrebbe conoscere la tecnologia del replicatore no ?
      • FDG scrive:
        Re: Proposta: offerta commerciale onesta
        - Scritto da: Meccaninoc
        20 euro ? Ma da dove salti fuori ? Non ci vai
        piu' nemmeno a mangiare fuori e tu vorresti tutti
        quei servizi ? Nel mondo dell'intrattenimento c'è
        pure gente che lavora...Si, attori, produttori, tecnici, amministrativi e quanto di contorno alla produzione delle opere. Una domanda: che percentuale del costo attuale di vendita su supporto fisico viene destinata a ripagare tutte queste persone?p.s.: e una volta che questi costi sono stati ripagati, perché dovrei continuare a pagarli?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 luglio 2011 12.32-----------------------------------------------------------
        • Meccaninoc scrive:
          Re: Proposta: offerta commerciale onesta
          Marketing, logistica, distribuzione, agenti...'è un sacco di gente che ci lavora dietro... non sto dicendo che non si potrebbe abbassare il costo ma nemmeno regalarlo. Altrimenti rinunciamo a informazione, distribuzione, concerti e ci limitiamo a conoscere le band tramite internet e a pagarli in bitcoin.
          • panda rossa scrive:
            Re: Proposta: offerta commerciale onesta
            - Scritto da: Meccaninoc
            Marketing, logistica, distribuzione, agenti...'è
            un sacco di gente che ci lavora dietro... non sto
            dicendo che non si potrebbe abbassare il costo ma
            nemmeno regalarlo. Altrimenti rinunciamo a
            informazione, distribuzione, concerti e ci
            limitiamo a conoscere le band tramite internet e
            a pagarli in
            bitcoin.Fermo li'.Che cosa c'entra internet coi concerti?Nei concerti si paga il biglietto, e quel biglietto copre tutte le spese e garantisce pure del margine.Non venirmi a raccontare che il prezzo del CD serva a finanziare i concerti, che tra tutte le balle sparate dalle major questa e' la piu' colossale di tutte.
          • Picchiatell o scrive:
            Re: Proposta: offerta commerciale onesta
            - Scritto da: Meccaninoc
            Marketing, logistica, distribuzione, agenti...'è
            un sacco di gente che ci lavora dietro... non sto
            dicendo che non si potrebbe abbassare il costo ma
            nemmeno regalarlo. Altrimenti rinunciamo a
            informazione, distribuzione, concerti e ci
            limitiamo a conoscere le band tramite internet e
            a pagarli in
            bitcoin.la quasi totalità dei concerti nel nostro paese viene fatto perche' c'e denaro pubblico alle spalle o si utilizzano strutture pubbliche pagati da tutti... dovremmo essere tutti noi a venir pagati...
          • FDG scrive:
            Re: Proposta: offerta commerciale onesta
            - Scritto da: Meccaninoc
            Marketing, logistica, distribuzione, agenti...'è
            un sacco di gente che ci lavora dietro... non sto
            dicendo che non si potrebbe abbassare il costo ma
            nemmeno regalarlo. Altrimenti rinunciamo a
            informazione, distribuzione, concerti e ci
            limitiamo a conoscere le band tramite internet e
            a pagarli in bitcoin.Si, ma quanto quotano rispetto al resto?
      • Picchiatell o scrive:
        Re: Proposta: offerta commerciale onesta
        - Scritto da: Meccaninoc
        20 euro ? Ma da dove salti fuori ? Non ci vai
        piu' nemmeno a mangiare fuori e tu vorresti tutti
        quei servizi ? Nel mondo dell'intrattenimento c'è
        pure gente che lavora.. E come se vorresti pagare
        la pizza margherita 1
        euro.
        Piuttosto chiedi al tuo datore di aumentarti lo
        stipendio cosi' puoi
        permetterteli..nel nostro paese chi paga le tasse gia' paga gli stipendi ai sopraelencati se non ci fossero i copiosi aiuti statali tv , giornali, teatri, opera , film , produzioni ect ect ect fallirebbero domani mattina visto che il pubblico non compra...tutto il resto e' 1)commercio e se sei un buon comemrciante vendi senno' e' giusto che tu chiuda...2)associazioni medioevali come la siae che esiste solo in virtu' di dubbiosi accordi fatti con i politici per spennare i polli che comprano.
      • gerry scrive:
        Re: Proposta: offerta commerciale onesta
        - Scritto da: Meccaninoc
        20 euro ? Ma da dove salti fuori ? Non ci vai
        piu' nemmeno a mangiare fuori e tu vorresti tutti
        quei servizi ? Perchè? Sto chiedendo meno di tre album al mese (su iTunes li fanno a 9.99 no?) e qualche film che non voglio nemmeno tenere.Inoltre ti do i soldi prima e te li do sia che usufruisca di questa offerta sia che non ne usufruisca (quando sono in ferie non guardo film e 30 mp3 al mese per mie mia capacità di ascolto sono un tetto che raggiungerò ben poche volte).E comunque più di 20 euro al mese per queste cose io non te li darei, sotto qualunque forma cerchi di vendermeli. Per i ritmi che ho io non farei in tempo a godermeli. Poi se c'è chi guarda la TV 5 ore al giorno fatelo pagare a loro un canone da 60 euro al mese, mi sembra giusto.PS: cinema, concerti, teatro e materiale di cui voglio il package fisico sono esclusi.
      • Franky scrive:
        Re: Proposta: offerta commerciale onesta
        - Scritto da: Meccaninoc
        20 euro ? Ma da dove salti fuori ? Non ci vai
        piu' nemmeno a mangiare fuori e tu vorresti tutti
        quei servizi ? Nel mondo dell'intrattenimento c'è
        pure gente che lavora.. E come se vorresti pagare
        la pizza margherita 1
        euro.
        Piuttosto chiedi al tuo datore di aumentarti lo
        stipendio cosi' puoi
        permetterteli..veramente io pensavo che fossero pure troppi...dopo tutto vanno moltiplicati per milioni di persone... fai una moltiplicazione e vedi che cifre assurde che vengono fuori... Tieni presente che per stampare un dvd o un cd pagano il supporto la stampa la distribuzione...qui invece non pagano proprio un bel niente....hanno spese bassissime...Credi che sky e mediaset siano dei benefattori forse?Se ti fanno pagare 8 euro al mese per la pay-tv vuol dire che e' un prezzo adeguato no? Mo gli diamo i miliardi per vedere 4 filmetti in streaming... a questo punto ci mettiamo daccordo tra noi utenti della rete ci incontriamo e li autoproduciamo i film...e non se ne parla piu'...tanto le utenti gnocche in rete non mancano...Fare 4 sottotitoli con il moviemaker non ci vuole niente...quindi...
      • nonlosapess imaloso scrive:
        Re: Proposta: offerta commerciale onesta
        mah, io ho la tessera "unlimited" della catena Cineworld inglese, pago 20 sterline al mese e posso andare a vedermi TUTTI i film che voglio in QUALUNQUE orario in QUALUNQUE sala inglese della catena, credo che 20 euro per qualcosa che a loro non costa NULLA e te lo gestisci a casa tua senza alcuna spesa da parte loro sia anche fin troppo! non per niente servizi come spotify, almeno qui in UK, hanno finora fatto un buco nell'acqua e devono ancora fare dopo anni un centesimo di utile. d'altra parte, dovrei pagare 10 sterline al mese per avere in cambio che cosa? nulla? assolutamente nulla?!?! quando da HMV o su amazon i cd costano fra le tre e le 7 sterline?
      • Funz scrive:
        Re: Proposta: offerta commerciale onesta
        - Scritto da: Meccaninoc
        20 euro ? Ma da dove salti fuori ? Non ci vai
        piu' nemmeno a mangiare fuori e tu vorresti tutti
        quei servizi ? A me sembra persino troppo generosa, come offerta.Vai a farti un giro su Netflix: film e e telefilm in streaming senza limitazioni a 8$ al mese. Quando (se) arriverà qui sarà la fine di un sacco di cose.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Proposta: offerta commerciale onesta
          Franno una legge per proteggere certe categorie per azzoppare netflax in italia...
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Proposta: offerta commerciale onesta
      - Scritto da: gerry

      E' così improponibile come cosa?
      --------------------------------------------------
      Modificato dall' autore il 28 luglio 2011 10.55
      --------------------------------------------------nel nostro paese si visto che la "baracca della distribuzione" tiene in piedi il governo o e' il governo stesso, ed anche cambiandolo gli altri faranno lo stesso...ma tra poco dovranno farlo in quanto la maggior parte delle persone non potranno piu' permettersi acuistare dvd a 39 euro o libri a 25 euro... il digitale terrestre e' una bufala in quanto a tutt'oggi non vi vede bene nella maggior parte delle regioni...
    • Fisico scrive:
      Re: Proposta: offerta commerciale onesta
      - Scritto da: gerry
      Per un'offerta del genere valuterei di pagare un
      fisso al mese (20 euro?) per evitare lo
      sbattimento di girare per i canali pirata, purchè
      siano rispettate queste
      condizioni:Ma ti sei bevuto il cervello? la gente 20$ al mese non li pagherebbe mai. Piratano le app dell'iphone che costano 99cents.La gente pretende e vuole tutto gratis.
      • gerry scrive:
        Re: Proposta: offerta commerciale onesta
        - Scritto da: Fisico
        Ma ti sei bevuto il cervello? la gente 20$ al
        mese non li pagherebbe mai.Ma se c'è gente che ne paga 50 per Sky!
        • Franky scrive:
          Re: Proposta: offerta commerciale onesta
          - Scritto da: gerry
          - Scritto da: Fisico


          Ma ti sei bevuto il cervello? la gente 20$ al

          mese non li pagherebbe mai.

          Ma se c'è gente che ne paga 50 per Sky!ma no...ma quando mai...:"My Sky HD: corrispettivo iniziale pari a 49 (anziché 298), più il canone mensile scontato del Servizio Sky Multivision pari a 9,90 per 24 mesi per le combinazioni di pacchetti che non includono lo Sky Pack Calcio. In caso di richiesta di combinazioni che includano Sky Pack Calcio, il canone mensile per 24 mesi è pari a 19,90."quindi esattamete la cifra che dicevi tu...solo niente ebook e niente musica...non lo so io l'altro utente quanto si aspettava che fossimo disposti a spendere...la gente non ha idea del costo della vita...io capisco che l'artista e la major devono comprarsi i loro amati jet privati e spendere 58000 euro di fiori...pero' a me non e' che me ne freghi piu' di tanto...vorra' dire che anzicche' 3 jet privati ne compreranno 2...non cade mica il mondo...
        • Sgabbio scrive:
          Re: Proposta: offerta commerciale onesta
          Pirate haters, cosa vuoi che ti risponda ?Che poi parlano come se tutte le app dell'iphone costassero 0,79 centesimi!
        • deactive scrive:
          Re: Proposta: offerta commerciale onesta
          io infatti ne pago circa 45 di eurini, con cinema, mondo e un altro pacchetto di cui non ricordo il nome ( ma che comprende i vari natgeo, discovery, history e amici )Lo so che puo' far anche un po' ridere, ma io a volte mi scarico i film trasmessi da sky in orari improponibili o che sono fuori programmazione. Perche' dovrei essere considerato un pirata? io per la visione di quel materiale ho gia' pagato in anticipo e non ne ho nemmeno fruito. Percio' mi sento "praticamente" autorizzato a scaricare. I casi di download legittimi dal p2p ci sono eccome, per quanto si ostinino ottusamente a sostenere il contrario.Poi come in tutte le cose della vita, ci sono casi e casi..
    • Franky scrive:
      Re: Proposta: offerta commerciale onesta
      - Scritto da: gerry
      A me servirebbero
      - una trentina di mp3 al mese
      - 5 film, oppure una ventina tra film ed espisodi
      di telefilm/cartoni
      animati
      - un paio di partire di calcio o altri eventi
      sportivi (opzionale, valuterei un sovrapprezzo o
      anche il non averlo del
      tutto)
      - scambierei lo sport con 2/3 ebook (sempre al
      mese)

      Per un'offerta del genere valuterei di pagare un
      fisso al mese (20 euro?) per evitare lo
      sbattimento di girare per i canali pirata, purchè
      siano rispettate queste
      condizioni:
      1) niente piagnucolate sugli accordi commerciali.
      Questo artista non lo puoi avere perchè è legato
      a una major fuori dall'accordo bla bla bla... Che
      se ne occupino le collecting societies a mettere
      daccordo i
      litiganti
      2) i files audio e gli ebook non devono sparire,
      già sui film e telefilm sarei molto meno
      interessato a
      tenermeli

      E' così improponibile come cosa?
      Hulu e' in vendita...e tra gli interessati all'acquisto c'e' anche Google.... Quindi ci dovresti riuscire in qualche modo....:"Non soltanto Apple è interessata allacquisizione di Hulu. La piattaforma per lo streaming di contenuti multimediali sembra aver solleticato anche linteresse di Google, che stando ad alcune informazioni diffuse da una fonte ritenuta vicina alla società di Mountain View, sarebbe pronta a mettere mano al portafogli per staccare un assegno con parecchi zeri e battere la concorrenza.Lobiettivo di una simile mossa sarebbe con tutta probabilità quello di assicurarsi il catalogo di contenuti attualmente distribuiti da Hulu e dirottarlo sulle pagine di YouTube, accessibile mediante sottoscrizione a pagamento o con una forma di abbonamento periodico.Un passo nella direzione che il numero uno del sito Salar Kamangar (in foto) auspica ormai da tempo, per far evolvere ulteriormente la piattaforma di video sharing più cliccata al mondo. YouTube, dunque, potrebbe in futuro diventare sempre più un business basato sul noleggio di film e altri contenuti video, anziché un portale per la condivisione dei filmati come avviene oggi.Lentità della transizione economica necessaria per portare a termine questo tipo di operazione è davvero ingente: si parla di almeno due miliardi di dollari. Una cifra proibitiva per molti, ma non di certo per le casse di Google, che potrebbe però rinunciare ad avanzare la propria offerta per timore di incappare in eventuali problematiche legate allassunzione di una posizione anti-concorrenziale."http://android.digital.it/anche-google-in-corsa-per-hulu-9158.html
      • Sgabbio scrive:
        Re: Proposta: offerta commerciale onesta
        se youtube diventa una specie di video noleggio a discapido dei contenuti generati dagli utenti, dovrebbero cambiarli il nome.
    • POSTPC scrive:
      Re: Proposta: offerta commerciale onesta
      - Scritto da: gerry
      A me servirebbero
      - una trentina di mp3 al mese
      - 5 film, oppure una ventina tra film ed espisodi
      di telefilm/cartoni
      animati
      - un paio di partire di calcio o altri eventi
      sportivi (opzionale, valuterei un sovrapprezzo o
      anche il non averlo del
      tutto)
      - scambierei lo sport con 2/3 ebook (sempre al
      mese)

      Per un'offerta del genere valuterei di pagare un
      fisso al mese (20 euro?) per evitare lo
      sbattimento di girare per i canali pirata, purchè
      siano rispettate queste
      condizioni:Cubomusica per la musica (tutto quello che vuoi in streaming a meno di 3 euro/mese)Mediaset Premium per Film, serie e documentari (15 euro/mese)Biblet Store per i libri (dipende da cosa compri)Quel che sta oltre il tuo budget è solo il calcio, che ha prezzi spropositati.Per il resto con 20 euro hai quel che vuoi.
  • R3d Wo1f scrive:
    Prezzi onesti..Altro che p2p!
    Il problema fondamentale è che con indagini di mercato fatte da analisti da mandare in analisi...e logiche assurde del guadagno spropositato sul nulla, questa gente ha cercato di cavalcare l'onda di napster & co per proporre un nuovo modello di vendita.Dove stà il bug?Il bug stà nel fatto che i prezzi degli mp3 da comprare son altissimi e cozzano con i costi che hanno sempre sbandierato sulla distribuzione,o vuoi lucrarci in modo esasperato ora o prendevi in giro prima quando parlavi di prezzi alti per i dischi dettati da una distribuzione costosissima!Questo modello ha portato all'estinzione la figura del collezionista reale,quelli della mia generazione hanno assaporato il gusto di tenere una collezione vera di vinili e cd con tanto di copertine da guardare spolverare,gusto che è stato tolto alle nuove generazione sempre più spinte da smartphone e lettori mp3 su archivi di massa ben lontanti dal gusto feticista del vinile.Io comunque continuo a comprare le mie collezioni da spolverare,magari in offerta nelle grosse catene degli ipermercati spesso arrivano a prezzi ridicoli,costassero meno ne comprerei molti di più...Vuoi mettere il gusto di vederli li ordinati e catalogati.
  • ilBonny scrive:
    kaboom
    Eccomi!!mi spinge la voglia di avere li in bella mostra dischi (sopratutto vinili) e film originali, gia visti 10000 volte magari, sarà da "baluba" ma sinceramente non me ne frega nulla, e ti posso assicurare che siamo in tanti a fare una cosa simile (rotfl)
  • Quaraquaqua scrive:
    [OT] Le note...
    ...non sono sette.
  • Fisico scrive:
    Mi piacerebbe vedere...
    la statistica per paese.Ma chi e' quel baluba italiano che si scarica la roba gratis e poi va a comprare il cd.Saran giusto gli anglosassoni che son abituati alle cose tipo l'honor box.
    • ruppolo scrive:
      Re: Mi piacerebbe vedere...
      - Scritto da: Fisico
      la statistica per paese.

      Ma chi e' quel baluba italiano che si scarica la
      roba gratis e poi va a comprare il
      cd.

      Saran giusto gli anglosassoni che son abituati
      alle cose tipo l'honor
      box.Gli italiani sono invece abituati a XXXXXXX il prossimo. Il bello è che poi si lamentano se i politici al potere li fottono a sua volta, come se questi non fossero anche loro italiani...
      • 0alfredo scrive:
        Re: Mi piacerebbe vedere...
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Fisico

        la statistica per paese.



        Ma chi e' quel baluba italiano che si
        scarica
        la

        roba gratis e poi va a comprare il

        cd.



        Saran giusto gli anglosassoni che son
        abituati

        alle cose tipo l'honor

        box.

        Gli italiani sono invece abituati a XXXXXXX il
        prossimo. Il bello è che poi si lamentano se i
        politici al potere li fottono a sua volta, come
        se questi non fossero anche loro
        italiani...e tu che freghi la gente spacciandoti per consulente informatico? come la mettiamo?
      • deactive scrive:
        Re: Mi piacerebbe vedere...
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Fisico

        la statistica per paese.



        Ma chi e' quel baluba italiano che si
        scarica
        la

        roba gratis e poi va a comprare il

        cd.



        Saran giusto gli anglosassoni che son
        abituati

        alle cose tipo l'honor

        box.

        Gli italiani sono invece abituati a XXXXXXX il
        prossimo. Il bello è che poi si lamentano se i
        politici al potere li fottono a sua volta, come
        se questi non fossero anche loro
        italiani...Quanta aria fritta ruppel, io scarico e se mi piace poi compro, ho un sacco di cd e dvd originali.Non siamo mica tutti brain washed come te.
    • Aldo Naso scrive:
      Re: Mi piacerebbe vedere...
      - Scritto da: Fisico
      la statistica per paese.

      Ma chi e' quel baluba italiano che si scarica la
      roba gratis e poi va a comprare il
      cd.

      Saran giusto gli anglosassoni che son abituati
      alle cose tipo l'honor
      box.eccomi.. non credo di essere baluba.se mi piace e la trovo a prezzo onesto (quindi senza pizzo SIAE) la compro.
    • axl scrive:
      Re: Mi piacerebbe vedere...
      - Scritto da: Fisico
      la statistica per paese.

      Ma chi e' quel baluba italiano che si scarica la
      roba gratis e poi va a comprare il
      cd.

      Saran giusto gli anglosassoni che son abituati
      alle cose tipo l'honor
      box.no non è vero.. e te l'hanno pure già detto qui dentro..si chiama collezione, aver voglia di avere qualcosa di perfetto tanto è bello..si fa eccome..la realtà è che se scarichi 1000 compri 10, quello si..ti compri proprio il top del top..cmq i videotechini non han mai capito che il film di per se non è "primario" come la musica o il gioco etc... il film basta aspettare e lo si vedrà gratis in televisione.. il resto bisogna pagare prima o poi, anche se aspetti 10 anni.. il film no..aggiungiamoci il progresso ed ecco il fallimento delle videoteche in arrivo..
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: Mi piacerebbe vedere...
      io scarico poi quando ho soldi in più compro. mi piace vedere come la colonnina dei cd si riempie
    • Joe Tornado scrive:
      Re: Mi piacerebbe vedere...
      Baluba presente !Se il prodotto merita e lo trovo a prezzo congruo, lo acquisto. Dopo averlo "provato" !
    • mikronimo scrive:
      Re: Mi piacerebbe vedere...
      Lo hanno già detto altri, ma vorrei ribadire il concetto; per avere una copia migliore, per "premiare" l'autore (comprando su siti che l'labum non te lo fanno pagare 22 euro, ma un terzo, così non finanzi SIAE e compagnia bella), ecc. Non ha nessun valore la statistica nazionale, quando la major è multinazionale, come internet e i siti di file hosting, in un mondo ampiamente globalizzato.
  • 666 scrive:
    Ma la domanda è:
    uno scarica dal p2p (Limewire o altro) un mp3, un divx o altro. Perchè dovrebbe comprare un file identico se già lo possiede, lo ha già visto/ascoltato e può trasferirlo ovunque?Mia esperienza: scarico film o mp3 di pezzi che mi piacciono, magari un intero album. Gli mp3 li posso portare ovunque: perchè devo spendere 10-15-20 euro per una cosa uguale che, se voglio ascoltare in auto, devo usare un software per convertirlo?
    • deactive scrive:
      Re: Ma la domanda è:
      passione per la musica/cincema ti dice qualcosa ?
    • Aldo Naso scrive:
      Re: Ma la domanda è:
      - Scritto da: 666
      perchè devo spendere
      10-15-20 euro per una cosa uguale No, devi spendere 6 euro al massimo su play.com o simili
    • Funz scrive:
      Re: Ma la domanda è:
      - Scritto da: 666
      uno scarica dal p2p (Limewire o altro) un mp3, un
      divx o altro. Perchè dovrebbe comprare un file
      identico se già lo possiede, lo ha già
      visto/ascoltato e può trasferirlo
      ovunque?Perché gli va, perché trova una qualità migliore (non che non ci sia anche nel sharing, solo bisogna cercare di più), perché ci sono gli extra, perché c'è la confezione, perché lo attizza la commessa :p
      Mia esperienza: scarico film o mp3 di pezzi che
      mi piacciono, magari un intero album. Gli mp3 li
      posso portare ovunque: perchè devo spendere
      10-15-20 euro per una cosa uguale che, se voglio
      ascoltare in auto, devo usare un software per
      convertirlo?Puoi sempre comprare mp3 legali, ammesso che esistano servizi che non ti rompono i cog*ioni con i DRM (altrimenti sei daccapo a smanettare).
      • gerry scrive:
        Re: Ma la domanda è:
        - Scritto da: Funz
        Puoi sempre comprare mp3 legali, ammesso che
        esistano servizi che non ti rompono i cog*ioni
        con i DRM (altrimenti sei daccapo a
        smanettare).http://www.ibs.it/mp3/hme/hmepge.asp?Veloce, efficiente e ti assicuro DRM-free
      • panda rossa scrive:
        Re: Ma la domanda è:
        - Scritto da: Funz

        Perché gli va, perché trova una qualità migliore
        (non che non ci sia anche nel sharing, solo
        bisogna cercare di più), perché ci sono gli
        extra, perché c'è la confezione, perché lo
        attizza la commessa
        :p...perche' deve fare un regalo...
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: Ma la domanda è:
      tu non farlo. non dare 15-20 euro. dai 0 euro... oppure come hanno detto, 6 euro a play.com così non finanzi siae e paghi un prezzo corretto per quello che viene prodotto. certo, se alla bancarella del merchandise del gruppo alla festa dela birra mi dicono 10 euro un cd glieli do voletieri (se mi è piaciuto) perché so che vanno quasi solo a loro :P
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    ORA BASTA A CHIAMARCI LADRI!!!!!
    Non <b
    <u
    OSATE </u
    </b
    più chiamarci ladri.
    • ruppolo scrive:
      Re: ORA BASTA A CHIAMARCI LADRI!!!!!
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      Non <b
      <u
      OSATE </u

      </b
      più chiamarci
      ladri.Infatti siete DELINQUENTI!
      • Kamui scrive:
        Re: ORA BASTA A CHIAMARCI LADRI!!!!!
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

        Non <b
        <u
        OSATE </u


        </b
        più chiamarci

        ladri.

        Infatti siete DELINQUENTI!E tu sei RUPPOLO, che è peggio...
      • 0alfredo scrive:
        Re: ORA BASTA A CHIAMARCI LADRI!!!!!
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

        Non <b
        <u
        OSATE </u


        </b
        più chiamarci

        ladri.

        Infatti siete DELINQUENTI!tu sei un idiota
      • Andrea S scrive:
        Re: ORA BASTA A CHIAMARCI LADRI!!!!!
        - Scritto da: ruppolo
        Infatti siete DELINQUENTI!Guarda quanto me ne frega. Scarico quintali di film al mese e ho la casa piena di DVD originali. Stessa cosa coi videogiochi. Se mi piace, compro. Se no, non l'avrei comunque comprato. E non voglio impelagarmi nella questione "scaricare è come rubare ecc", non me ne frega proprio nulla della questione morale. Però non sopporto quelli che si difendono dicendo "libera cultura" o "aboliamo il copyright". Non possono essere tutti li a scambiarsi distro di Linux o roba simile...
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: ORA BASTA A CHIAMARCI LADRI!!!!!
        Il delinquente sei tu, che vai a finanziare la mafia.
  • Izio scrive:
    Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
    Eppure ci hanno provato. Ricordo una discussione di pochi anni fa in cui alcuni editori chiedevano l'applicazione di una specie di quota di noleggio per ogni prestito effettuato da una biblioteca. Ricordo di aver pensato che fosse miopia totale: meno biblioteche perché i fondi sono quelli che sono, meno gente si abitua a leggere, meno gente comprerà libri.Invece lo sai, che per difendere i piccoli librai da Amazon hanno appena imposto in Italia, con iniziativa bipartisan, un tetto allo sconto massimo applicabile ai libri? :(
    • Franky scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      - Scritto da: Izio
      Eppure ci hanno provato. Ricordo una discussione
      di pochi anni fa in cui alcuni editori chiedevano
      l'applicazione di una specie di quota di noleggio
      per ogni prestito effettuato da una biblioteca.
      Vedi...il libro elettronico a pagamento che si autodistrugge secondo Amazon dovrebbe sostituire il prestito dei libri cartacei...(e ti ho detto praticamente tutto...)
      Ricordo di aver pensato che fosse miopia totale:
      meno biblioteche perché i fondi sono quelli che
      sono, meno gente si abitua a leggere, meno gente
      comprerà
      libri.
      (infatti se uno conosce un autore e gli piace lo finanzia per fargli scrivere altri libri e compra i suoi libri che non sono presenti nelle biblioteche dal momento che gia' lo conosce e sa che e' uno in gamba...per aver letto un libro che ha avuto in prestito)
      Invece lo sai, che per difendere i piccoli librai
      da Amazon hanno appena imposto in Italia, con
      iniziativa bipartisan, un tetto allo sconto
      massimo applicabile ai libri?
      :(cioe' protezionismo miope e stupido a danno del consumatore come sempre ed a danno della liberta' di mercato...e questi sarebbero sostenitoridelle "teorie liberali economiche e della liberta' di mercato" se questi sono i sostenitori della liberta' di mercato e regolano il mercato peggio di quanto non si fa nelle peggiori dittature figuriamoci chi non la sostiene la liberta' di mercato cosa proporrebbe...tutte chiacchere...siccome ci sono interessi economici fra i politici ed il mondo dell'editoria e dell'industria ecco che sfruttano l'occasione per farsi le leggi protezionistiche che gli servono al momento...(ed il bipartisan ti indica che non esiste una opposizione purtroppo..solo consociativismo...la vera opposizione sono quei partiti del 5%-13% che vediamo difendere la rete...)
    • Funz scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      - Scritto da: Izio
      Eppure ci hanno provato. Ricordo una discussione
      di pochi anni fa in cui alcuni editori chiedevano
      l'applicazione di una specie di quota di noleggio
      per ogni prestito effettuato da una biblioteca.
      Ricordo di aver pensato che fosse miopia totale:
      meno biblioteche perché i fondi sono quelli che
      sono, meno gente si abitua a leggere, meno gente
      comprerà
      libri.Vedi Non pago di leggerehttp://www.nopago.org/index.php
      Invece lo sai, che per difendere i piccoli librai
      da Amazon hanno appena imposto in Italia, con
      iniziativa bipartisan, un tetto allo sconto
      massimo applicabile ai libri?
      :(Penso che sia una cosa miope e destinata al massimo a rimandare di poco l'inevitabile.
  • francofait scrive:
    ci voleva EMI (2)
    EMI e compani tutte , sono arrivate al 2011 per scoprire l' acqua calda. Che chi scarica da p2p dopo aver testato la validità del prodotto lo acquista pure , è da sempre nella norma . Che è da un secolo che si illudono di poter crescere costringendo potenziali utenti ad acquistare a scatola chiusa lo si sapeva ed era arcinoto. 80 anni orsono , avessero potuto avrebbero mandato in galera Marconi per l' aver inventato la radio,il che è tutto un bel dire.
    • Franky scrive:
      Re: ci voleva EMI (2)
      - Scritto da: francofait
      80 anni orsono ,
      avessero potuto avrebbero mandato in galera
      Marconi per l' aver inventato la radio,il che è
      tutto un bel
      dire.esattamenete...
    • deactive scrive:
      Re: ci voleva EMI (2)
      beh ci hanno provato, hanno spennato qualche sventurato e ora magari cominciano a fare qualche analisi un pochino piu' sensata.Del resto col portafogli piu' barzotto si ragiona meglio.
  • Dottor Stranamore scrive:
    Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
    - Scritto da: Franky
    Innanzitutto voglio ricordare a tutti che le
    biblioteche non hanno ucciso le vendite dei
    libri...
    ma anzi ne hanno incentivato le vendite....
    Grazie quando compri un libro rimane a te e non devi riportarlo indietro, inoltre è nuovo, puoi sottolinearlo, regalarlo ecc..Se scarichi una canzone poi che ti frega di comprare il file da itunes?Per me hanno fatto bene a licenziarlo questo tizio.Comunque chi se ne frega delle vostre canzonette, scaricatele pure. Chi ama la musica classica compra sempre, perché l'mp3 non ha una qualità abbastanza alta, ci vuole il CD. Ecco basterebbe smettere di spingere 'sti gruppetti del cavolo e finanziare solo artisti di musica classica. Tanto di musica popolare oltre gli anni '70 è stata prodotta solo XXXXX.Oppure la soluzione più semplice è: limitare la banda ai privati, dare connessioni lente con limiti di 30 minuti al giorno. Così se vogliono discutere hanno la libertà di farlo, ma non di rubare.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

      Grazie quando compri un libro rimane a te e non
      devi riportarlo indietro, inoltre è nuovo, puoi
      sottolinearlo, regalarlo
      ecc..
      Se scarichi una canzone poi che ti frega di
      comprare il file da
      itunes?Nulla. Se vuoi dare dei soldi all'autore lo fai, altrimenti no.
      Comunque chi se ne frega delle vostre canzonette,
      scaricatele pure. Chi ama la musica classica
      compra sempre, perché l'mp3 non ha una qualità
      abbastanza alta, ci vuole il CD.Balle.Se dicessi "ci vuole il vinile", potrei essere d'accordo. Il cd, no.

      Ecco basterebbe smettere di spingere 'sti
      gruppetti del cavoloInfatti: e scaricando gratis non li spingiamo.
      e finanziare solo artisti di
      musica classica.Che sono morti, e quindi non hanno bisogno di soldi.
      Tanto di musica popolare oltre
      gli anni '70 è stata prodotta solo
      XXXXX.Se la pensi così, dovresti essere favorevole alla pirateria: non vogliamo mica dare soldi a chi ha prodotto solo XXXXX, giusto?
      Oppure la soluzione più semplice è: limitare la
      banda ai privatiOppure, la togliamo a te e solo a te. È una soluzione migliore.
      • Franky scrive:
        Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
        - Scritto da: uno qualsiasi

        Oppure la soluzione più semplice è: limitare
        la

        banda

        Oppure, la togliamo a te e solo a te. È una
        soluzione
        migliore.l'unica soluzione e la migliore possibile togliergli la banda...la connessione...il computer e pure la tv...pero' il canone quello e' giusto che lo paghi...lo stesso anche senza tv... io sono notoriamente per la liberta' di opinione e di espressione...pero' rispetto anche opinioni diverse dalle mie e volonta' diverse dalle mie...questo povero ragazzo ci sta pregando affinche' gli tagliamo la connessione e la banda...perche' ritiene di non essere all'altezza di internet ma solo di "porta a porta"...qualche operatore telefonico di buon cuore puo' ascoltare le suppliche di questo povero utente chiamato "Dr.Stranamore" (anche il nome l'ha copiato da qualche patetica trasmissione televisiva...) e togliergli una buona volta la connessione? Si tratta di un caso di "eutanasia digitale"..ora conservatori per favore non fate come il vostro solito che dite che la vita digitale deve essere vissuta fino in fondo anche in uno stato di agonia digitale come quello del nostro amico...facciamo un gesto di buon senso...operatori staccategli la spina...ed accontentatelo una buona volta...
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
          - Scritto da: Franky
          l'unica soluzione e la migliore possibile
          togliergli la banda...Vedi ragazzo tu la butti sul personale. Vuoi sempre togliere cose, mandare via gente, mettere in galera, offendi categorie di lavoratori chiamandole parassiti, quando poi sul dizionario quello che più coincide col parassita è uno come te che scarica senza contribuire in alcun modo.Tutto questo solo perché non la pensi come me.Ma io parlo di problemi generali, di te non mi importa molto, se vuoi passare la vita nella stanzetta a scaricare film e musica fai pure. Sembra che al momento questa sia la cosa più importante per la tua vita.Magari un giorno quando avrai delle responsabilità ripenserai ad oggi e ti vergognerai di te stesso. Per me è importante far capire che Internet non è il santo graal, ci sono dei lati della rete che sono dannosi e vanno corretti. Se non si può correggerli si può anche chiudere, così come si chiude un locale che non riesce a rispettare determinate regole. La pensa come me Elthon John, uno che ha conquistato 25 dischi di platino e 35 d'oro.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            Rispondevo a Uno Qualsiasi non a FrankyNon ricordo se Franky è quello che parla sempre di Vespa o di cose che non c'entrano niente con quello che professo.E' il classico tipo che magari si lamenta sempre dei reality show e poi in rete si mette a discutere proprio come in un programma della De Filippi. Infatti non gli rispondo quasi mai, così come a Uno Qualsiasi o Panda Rossa che sembrano dei dischi rotti.La vita non è scaricare file coperti da diritto d'autore, guardate un po' più in là.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Rispondevo a Uno Qualsiasi non a Franky
            L'avevo capito.
            Infatti non gli rispondo quasi mai, così
            come a Uno Qualsiasi o Panda Rossa che sembrano
            dei dischi
            rotti.L'unico disco rotto, qui, sei tu. Ripeti a pappagallo le stesse idiozie.
            La vita non è scaricare file coperti da diritto
            d'autore, guardate un po' più in
            là.Sempre meglio che passare il tempo a infastidire il prossimo usando uno strumento che dici di disprezzare.
          • fracasso ubaldo scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            aha aha aha che bello hai trovato un'altra persona che ti ha deto quello che veramente sei ....una m....
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            Guarda che non fai bella figura, paragonandoti a Stranamore.Qui, tutti lo considerano un cretino. Sei come lui?
          • Franky scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Rispondevo a Uno Qualsiasi non a Franky

            Non ricordo se Franky è quello che parla sempre
            di Vespa o di cose che non c'entrano niente con
            quello che
            professo.
            E' il classico tipo che magari si lamenta sempre
            dei reality show e poi in rete si mette a
            discutere proprio come in un programma della De
            Filippi. Infatti non gli rispondo quasi mai, così
            come a Uno Qualsiasi o Panda Rossa che sembrano
            dei dischi
            rotti.
            La vita non è scaricare file coperti da diritto
            d'autore, guardate un po' più in
            là.Sai bene che io argomento bene...gia' thenora e Ruppolo mi tengono testa piu' efficacemente...undertaker anche se e' un conservatore fa ragionamenti interessanti...e Pepito e' praticamente un artista del throlling creativo...dato che sostiene un discorso...controcorrente ma poi ci mette delle considerazioni ad effetto su cui nessuno puo' dire niente (dato che sono vere) e le collega in maniera inusuale ed alquanto creativa al suo discorso...i tuoi sembrano invece i classici discorsi da tg1... cmq scusa se ti ho risposto sotto...non avevo capito che stavi rispondendo ad "uno qualsiasi" ed infatti mi sembrava strano che dicessi "parli di mettere in galera la gente"...io ma quando mai? C'e' stato un malinteso....
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

            Vedi ragazzo tu la butti sul personale.Tu hai offeso tutti, qui. Che ti aspettavi?
            Vuoi
            sempre togliere cose, mandare via gente, mettere
            in galera, offendi categorie di lavoratori
            chiamandole parassiti, quando poi sul dizionario
            quello che più coincide col parassita è uno come
            te che scarica senza contribuire in alcun
            modo.Tu, a cosa contribuisci?
            Tutto questo solo perché non la pensi come me.Nessuno sano di mente la penserebbe come te.
            Ma io parlo di problemi generali, di te non mi
            importa molto, se vuoi passare la vita nella
            stanzetta a scaricare film e musica fai pure.
            Sembra che al momento questa sia la cosa più
            importante per la tua
            vita.Mentre, per te, la cosa più importante sembra essere di mettersi a trollare per divertimento, per giunta usando uno strumento che dici di disprezzare.Quindi, i casi sono due: o sei uno stupido, o sei un bugiardo. E io disprezzo entrambe le categorie.
            Per me è importante far capire che Internet non è
            il santo graal, ci sono dei lati della rete che
            sono dannosi e vanno corretti. Se non si può
            correggerli si può anche chiudere, così come si
            chiude un locale che non riesce a rispettare
            determinate regole. La pensa come me Elthon John,
            uno che ha conquistato 25 dischi di platino e 35
            d'oro.Un parassita che vuol essere pagato senza più lavorare, vorrai dire.
          • fracasso ubaldo scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            e tu uno qualsiasi a cosa servi ? solo a scaricare o salvi vite , il tuo lavoro e cosi' importante da sminuire e offendere tutti gli altri lavori.io penso che tutti i lavori onesti siano da rispettare .
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

            io penso che tutti i lavori onesti siano da
            rispettare
            .Anche io. Ma vendere delle copie, facendosi pagare più volte, non è un lavoro onesto.
          • Guybrush scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: uno qualsiasi[]

            Tutto questo solo perché non la pensi come

            me.

            Nessuno sano di mente la penserebbe come te.[]90 minuti di APPLAUSIGT
          • Franky scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: Franky

            l'unica soluzione e la migliore possibile

            togliergli la banda...

            Vedi ragazzo tu la butti sul personale. Vuoi
            sempre togliere cose, io? Veramente sei te..che invochi il vandalismo digitale e la censura di interi siti...
            mandare via gente,beh..se uno vuole imporre la sua dottrina totalitaria all'umanita'...come nel tuo caso che chiedi la chiusura di una piazza digitale...non ti lamentare se non attiri molta simpatia con le tue idee...nemmeno Gheddafi sta molto simpatico ai libici se ti puo' consolare...
            mettere in galera,io? Io non criminalizzo chi presta o condivide le proprie cose...voi si'...
            offendi categorie di lavoratori chiamandole parassiti,perche' si pappano il 70% di introiti che non producono loro...ci sta' un motivo....
            quando poi sul dizionario quello che più coincide col parassita è uno come te che scarica senza contribuire in alcun modo.io collaboro con wikipedia,l'urbandictionary ed altre decine di progetti...quindi contribuisco e come... ed il fatto che io difenda il diritto alla rete ed alla critica ed alla proprieta' privata...non vuol dire che sia interessato a scaricare stupide canzonette...questa e' una tua ipotesi...(peraltro sbagliata)
            Tutto questo solo perché non la pensi come me.No.tutto questo perche' vorresti limitare la tecnologia e le liberta' altrui...che e' diverso...non e' una questione di divergenza di opinione te l'assicuro...
            Ma io parlo di problemi generali, di te non mi
            importa molto, se vuoi passare la vita nella
            stanzetta a scaricare film e musica fai pure.ancora con questa storia? Ma tu pensi che mettiamo su questp discorso solo perche' vogliamo scaricare stupide canzonette? Allora veramente non hai capito niente...menumale che sti sto parlando di libri riviste mediche,brevetti... e liberta' di critica su youtube...nonche' censura di interi siti e limitazione delle liberta' digitali...non la canzonetta...la canzonetta e' l'ultimo dei problemi...
            Magari un giorno quando avrai delle
            responsabilità ripenserai ad oggi e ti
            vergognerai di te stesso.
            Perche' ho contribuito a difendere la liberta' nel mio paese? Percio' dovrei vergognarmi...tu che invece invochi la censura dovresti essere fiero di questo?
            Per me è importante far capire che Internet non è
            il santo graal, ci sono dei lati della rete che
            sono dannosi e vanno corretti. Se non si può
            correggerli si può anche chiudere, così come si
            chiude un locale che non riesce a rispettare
            determinate regole. La pensa come me Elthon John,
            uno che ha conquistato 25 dischi di platino e 35
            d'oro.Ah be...se dei grandi filosofi illuministi come te ed Elton Johnn la pensate cosi' allora e' giusto che sacrifichiamo le nostre liberta' nel nome dei tuoi pregiudizi nei confronti della rete e nel nome degli interessi personali di Elton Johnn...senza dubbio le nostre liberta' valgono meno di queste cose...
          • FDG scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            La pensa come me Elthon John,
            uno che ha conquistato 25 dischi di platino e 35
            d'oro.E chi se ne fotte. Può aver ridato la vita ai ciechi. Le scemenze che dice non diventano sensate solo perché si chiama Elthon John e perché in passato ha fatto o ha detto cose (forse) giuste.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

            Per me è importante far capire che Internet non è
            il santo graal, ci sono dei lati della rete che
            sono dannosi e vanno corretti. Se non si può
            correggerli si può anche chiudere, così come si
            chiude un locale che non riesce a rispettare
            determinate regole.Se internet non è compatibile con altre strutture, si può chiudere internet, oppure si possono chiudere le altre strutture.Cosa è più fattibile? Cosa è più desiderabile?Ad esempio, se internet non è compatibile con la tua presenza, noi preferiamo rinunciare a te che a internet. Regolati di conseguenza.
          • Franky scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Se internet non è compatibile con altre
            strutture, si può chiudere internet, nella maniera piu' assoluta no!!! Se un politico non rispetta la costituzione non si abolisce la costituzione si manda a casa il politico... e qui e' lo stesso se qualcosa non e' compatibile con un mezzo che serve per manifestare ed esprimere i propri diritti non bisogna abolire il mezzo ma quel qualcosa che non e' compatibile...
            oppure si
            possono chiudere le altre
            strutture.
            Giustissimo...!!! Oppure le strutture si possono adeguare alla struttura della rete...se ne sono capaci...se no appunto la cosa piu' saggia e che chiudano loro...
            Cosa è più fattibile? Cosa è più desiderabile?

            Ad esempio, se internet non è compatibile con la
            tua presenza, noi preferiamo rinunciare a te che
            a internet. Regolati di
            conseguenza.concordo... :)
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2005/04/09/elton-john-40-milioni-di-debiti.html09 aprile 2005 <i
            ... <b
            Elton John </b
            è <b
            indebitato </b
            fino al collo e il suo conto è in rosso per <b
            40 milioni di euro </b
            , come ha scoperto la finanziaria William A. Bong, che controlla le sue finanze. «Ho talento per scrivere canzoni, ma non per gli affari», replica l' artista, che <b
            ogni mese spende 58 mila euro solo in fiori </b
            ... </i
            Maledetto filesharing, come farà ora Elton senza fiori? (rotfl) <b
            ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
            P-)
          • Franky scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
            http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/r
            09 aprile 2005
            <i
            ... <b
            Elton John </b
            è
            <b
            indebitato </b
            fino al collo e
            il suo conto è in rosso per <b
            40 milioni
            di euro </b
            , come ha scoperto la
            finanziaria William A. Bong, che controlla le sue
            finanze. «Ho talento per scrivere canzoni,
            ma non per gli affari», replica l' artista,
            che <b
            ogni mese spende 58 mila euro solo
            in fiori </b
            ... </i



            Maledetto filesharing, come farà ora Elton senza
            fiori?
            (rotfl)

            <b
            ABOLIRE IL COPYRIGHT </b


            P-)Se fosse una persona con un minimo di lungimiranza aprirebbe un sito ed inizierebbe a sponsorizzarlo ed a mettere tutti i suoi video e le sue canzoni online... facendosi pagare profumatamente dagli sponsor...cosi' non lascerebbe la sua musica ne in mano alle sanguisughe ne in mani al filesharing...ma guadagnerebbe da ogni visita e quindi da ogni scaricamento....poi il problema e che lui e' uno spendaccione...non il filesharing...e' una cosa risaputa...
          • panda rossa scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
            http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/r
            09 aprile 2005
            <i
            ... <b
            Elton John </b
            è
            <b
            indebitato </b
            fino al collo e
            il suo conto è in rosso per <b
            40 milioni
            di euro </b
            , come ha scoperto la
            finanziaria William A. Bong, che controlla le sue
            finanze. «Ho talento per scrivere canzoni,
            ma non per gli affari», replica l' artista,
            che <b
            ogni mese spende 58 mila euro solo
            in fiori </b
            ... </i



            Maledetto filesharing, come farà ora Elton senza
            fiori?
            (rotfl)
            Quindi scaricare Elton John contribuirebbe a salvaguardare i fiori e la natura!Adesso che lo so mi mettero' anche io a scaricare e condividere Elton.Lo faccio per i fiori.Ogni brano di Elton scaricato invece che acquistato e' un fiore in piu' su questo mondo.
    • axl scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      - Scritto da: Franky

      Innanzitutto voglio ricordare a tutti che le

      biblioteche non hanno ucciso le vendite dei

      libri...

      ma anzi ne hanno incentivato le vendite....



      Grazie quando compri un libro rimane a te e non
      devi riportarlo indietro, inoltre è nuovo, puoi
      sottolinearlo, regalarlo
      ecc..
      Se scarichi una canzone poi che ti frega di
      comprare il file da
      itunes?
      Per me hanno fatto bene a licenziarlo questo
      tizio.

      Comunque chi se ne frega delle vostre canzonette,
      scaricatele pure. Chi ama la musica classica
      compra sempre, perché l'mp3 non ha una qualità
      abbastanza alta, ci vuole il CD.

      Ecco basterebbe smettere di spingere 'sti
      gruppetti del cavolo e finanziare solo artisti di
      musica classica. Tanto di musica popolare oltre
      gli anni '70 è stata prodotta solo
      XXXXX.
      Oppure la soluzione più semplice è: limitare la
      banda ai privati, dare connessioni lente con
      limiti di 30 minuti al giorno. Così se vogliono
      discutere hanno la libertà di farlo, ma non di
      rubare.sempre e solo proposte assurde, impraticabili, scemenze.... bah..
      • Franky scrive:
        Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
        - Scritto da: axl
        - Scritto da: Dottor Stranamore; banda ai privati, dare connessioni lente con

        limiti di 30 minuti al giorno. Così se
        vogliono

        discutere hanno la libertà di farlo, ma non
        di

        rubare.

        sempre e solo proposte assurde, impraticabili,
        scemenze....
        bah..guarda il lato positivo...almeno non siamo costretti a pagare il canone per sentire queste scemenze...c'e' le dice gratis...invece per quanto riguarda la tv...ti costringono pure a pagare per sentire queste idiozie...(ed ovviamente loro sono tutti per la liberta' di mercato... e per la liberta' del consumatore!!!! Si come no... :D )
    • Franky scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      - Scritto da: Franky

      Innanzitutto voglio ricordare a tutti che le

      biblioteche non hanno ucciso le vendite dei

      libri...

      ma anzi ne hanno incentivato le vendite....



      Grazie quando compri un libro rimane a te e non
      devi riportarlo indietro, inoltre è nuovo, puoi
      sottolinearlo, regalarlo
      ecc..Parafrasando una nota pubblicita' con claudio Bisio..." e ci sta Nicola"Nicola? Ci stava"....Rimane a te...rimaneva... Potevi....una volta un tempo...ora non puoi piu'...perche' grazie al nuovo formato digitale...ti viene impedito di prestarlo...di regalarlo...e di goderne dove ti pare e piace grazie ai nuovi DRM...per esempio io ho un "bellissimo" dizionario di spagnolo su cd che pero' si rifiuta di funzionare in rete grazie a questa prodigiosa invenzione...e sempre grazie a questa prodigiosa invenzione c'e' sempre la possibilita' che il tuo libro si autodistrugga o venga distrutto da remoto....Bello e' ? Dici la verita'? Il libro che si autodistrugge...il sogno di ogni censore...[yt]n1rKZNqgG7w[/yt]
    • Joe Tornado scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

      Oppure la soluzione più semplice è: limitare la
      banda ai privati, dare connessioni lente con
      limiti di 30 minuti al giorno. Così se vogliono
      discutere hanno la libertà di farlo, ma non di
      rubare.Qualche premessa è interessante, ma queste soluzioni fanno letteralmente cascare le palle per terra ...
      • panda rossa scrive:
        Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
        - Scritto da: Joe Tornado

        Oppure la soluzione più semplice è: limitare
        la

        banda ai privati, dare connessioni lente con

        limiti di 30 minuti al giorno. Così se
        vogliono

        discutere hanno la libertà di farlo, ma non
        di

        rubare.

        Qualche premessa è interessante, ma queste
        soluzioni fanno letteralmente cascare le palle
        per terra
        ...Certi videotecari si meriterebbero che si andasse a parcheggiare davanti al loro inutile negozio, entrargli nel wifi stando comodamente in macchina, e usare la loro connessione per scaricare un film, e mentre il computer scarica andar dentro a chiedere quanto costerebbe affittarsi proprio quel film!
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Joe Tornado


          Oppure la soluzione più semplice è:
          limitare

          la


          banda ai privati, dare connessioni
          lente
          con


          limiti di 30 minuti al giorno. Così se

          vogliono


          discutere hanno la libertà di farlo, ma
          non

          di


          rubare.



          Qualche premessa è interessante, ma queste

          soluzioni fanno letteralmente cascare le
          palle

          per terra

          ...

          Certi videotecari Il bello che date dei videotecari a chiunque non la pensi come voi (rotfl)Sembra che il vostro problema nella vita sia scroccare film e musica :D
          • deactive scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

            Il bello che date dei videotecari a chiunque non
            la pensi come voi
            (rotfl)
            Sembra che il vostro problema nella vita sia
            scroccare film e musica
            :Dno no, in realta' il problema e' dialogare con gli ottusi difensori del Copyright, che poi gran difensori non sarebbero se non fossero in discussione i loro personalissimi interessi
          • FDG scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: deactive
            ...che poi gran difensori non sarebbero se non fossero in
            discussione i loro personalissimi interessiGrande osservazione.
          • Funz scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Il bello che date dei videotecari a chiunque non
            la pensi come voi
            (rotfl)Oramai è una categoria all'indice... gli conviene presentarsi come strozzini, spacciatori di hashish o operatori spurgo piuttosto che gestori di videoteche :p
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
        - Scritto da: Joe Tornado

        Oppure la soluzione più semplice è: limitare
        la

        banda ai privati, dare connessioni lente con

        limiti di 30 minuti al giorno. Così se
        vogliono

        discutere hanno la libertà di farlo, ma non
        di

        rubare.

        Qualche premessa è interessante, ma queste
        soluzioni fanno letteralmente cascare le palle
        per terra
        ...Fa cascare le palle per terra perché è sensata e fattibile.A te non fa cascare le palle per terra che interi business non vengano difesi solo perché Internet non permette soluzioni semplici per sanzionare chi infrange la legge?
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

          Fa cascare le palle per terra perché è sensata e
          fattibile.È più fattibile rinchiudere te, mettendoti una camicia di forza. Ed è molto più desiderabile.
          A te non fa cascare le palle per terra che interi
          business non vengano difesi solo perché Internet
          non permette soluzioni semplici per sanzionare
          chi infrange la
          legge?No, perchè sono business che non servono più, quindi non vanno difesi.Fosse per te, saremmo ancora alle carrozze a cavalli per proteggere i maniscalchi.
          • fracasso ubaldo scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            ti rode il culetto ah................
          • panda rossa scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: fracasso ubaldo
            ti rode il culetto ah................Gli rode che cosa?Chi e' che sta per fallire tra te e lui?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            A me no. A te, mi sembra di sì.
        • Franky scrive:
          Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          - Scritto da: Joe Tornado


          Oppure la soluzione più semplice è:
          limitare

          la


          banda ai privati, dare connessioni
          lente
          con


          limiti di 30 minuti al giorno. Così se

          vogliono


          discutere hanno la libertà di farlo, ma
          non

          di


          rubare.



          Qualche premessa è interessante, ma queste

          soluzioni fanno letteralmente cascare le
          palle

          per terra

          ...

          Fa cascare le palle per terra perché è sensata e
          fattibile.
          A te non fa cascare le palle per terra che interi
          business non vengano difesi solo perché Internet
          non permette soluzioni semplici per sanzionare
          chi infrange la
          legge?Se vuoi io ne ho una ancora migliore di questa...e che senza dubbio troverai ancora piu' sensata e fattibile...tu proponi di limitare la banda e fare un salto indietro di 20 anni...giusto? beh io ti propongo di farne direttamente uno di 100... I computer funzionano con l'elettricita' giusto? Dato che il progresso non serve all'umanita' e viola i diritti d'autore...ecco perche' occorre far retrocedere la tecnologia e controllarla in maniera cinese-iraniana-koreana...perche' non risolvere il problema a monte ed abolire direttamente l'elettricita'?Cosi' le persone possono continuare a chiaccherare a lume di candela...di sicuro non si scambiano dvd...perche' senza corrente i lettori di dvd non funzionano...e finalmente il vostro fondamentale diritto d'autore e' salvo...che ne pensi della proposta? A me sembra sensata...la proponiamo a "porta a porta" che ne dici?
        • Joe Tornado scrive:
          Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

          Fa cascare le palle per terra perché è sensata e
          fattibile.Fattibile, forse. Sensata certamente no, per ostacolare chi scarica e/o condivide, bloccheresti le attività di chissà quante altre categorie di persone.Come dire, blocchiamo la circolazione dei veicoli privati per impedire possibili violazioni al codice della strada.
          A te non fa cascare le palle per terra che interi
          business non vengano difesi solo perché Internet
          non permette soluzioni semplici per sanzionare
          chi infrange la
          legge?Assolutamente no !
        • axl scrive:
          Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          - Scritto da: Joe Tornado


          Oppure la soluzione più semplice è:
          limitare

          la


          banda ai privati, dare connessioni
          lente
          con


          limiti di 30 minuti al giorno. Così se

          vogliono


          discutere hanno la libertà di farlo, ma
          non

          di


          rubare.



          Qualche premessa è interessante, ma queste

          soluzioni fanno letteralmente cascare le
          palle

          per terra

          ...

          Fa cascare le palle per terra perché è sensata e
          fattibile.
          A te non fa cascare le palle per terra che interi
          business non vengano difesi solo perché Internet
          non permette soluzioni semplici per sanzionare
          chi infrange la
          legge?ma te ne accorgi di quello che dici ? lasciamo perdere i commenti, anche miei su pi, ma quando ne parli faccia a faccia con i tuoi amici cosa ti dicono ? ti ridono dietro.. ma alla grande..!!come XXXXX si fa a dire di dare 30 minuti di web al massimo alla gente ??o connessioni lente, quando tutto il mondo sta facendo la corsa a potenziarne la rete ?NO, NON è PRATICABILE, come quell'altra tua idea di togliere a tutti INTERNET.. sono proprio idee assurde assurde.. ma mai sentito castronerie simili. libero di pensarla diversamente ma c'è un limita a tutto.. te l'ho detto, ti fai ridere dietro da chiunque finchè dici ste cose..
          • Franky scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: axl
            ma te ne accorgi di quello che dici ? lasciamo
            perdere i commenti, anche miei su pi, ma quando
            ne parli faccia a faccia con i tuoi amici cosa ti
            dicono ? ti ridono dietro.. ma alla
            grande..!!
            come XXXXX si fa a dire di dare 30 minuti di web
            al massimo alla gente
            ??
            o connessioni lente, quando tutto il mondo sta
            facendo la corsa a potenziarne la rete
            ?
            NO, NON è PRATICABILE, come quell'altra tua idea
            di togliere a tutti INTERNET.. sono proprio idee
            assurde assurde.. ma mai sentito castronerie
            simili. libero di pensarla diversamente ma c'è un
            limita a tutto.. te l'ho detto, ti fai ridere
            dietro da chiunque finchè dici ste
            cose..lui si lamenta che lo prendo in giro e lo paragono agli ospiti di "porta a porta"...ma e' proprio la mia mente che leggendo le castronerie che scrive non riesce a prenderlo proprio sul serio...Voglio vedere cosa gli risponderebbero gli operai fiat se andasse in fabrica e gli dicesse le auto hanno rovinato l'umanita' torniamo al calesse...credo che si farebbero una risata...secondo la sua testa ottusa non dovremmo piu' poter scaricare ubuntu in santa pace...o vedere un nostro video in pace perche' i suoi amici del"abusoRight" hanno deciso che dovremmo rinunciare al progresso per loro...ma che vadano al diavolo...loro ed i loro privilegi da aristogatti...!!! Hanno proprio rotto l'anima!!! E che cavolo!!!Ha ragione Dario Fo quando dice che con questi censori il politicamente corretto dovrebbe essere abbandonato...
        • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
          Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

          A te non fa cascare le palle per terra che interi
          business non vengano difesi solo perché Internet
          non permette soluzioni sempliciSe un business non è in grado di adattarsi ai cambiamenti della Società, molto semplicemente quel business muore. <b
          ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
          P-)
          • Franky scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

            A te non fa cascare le palle per terra che
            interi

            business non vengano difesi solo perché
            Internet

            non permette soluzioni semplici

            Se un business non è in grado di adattarsi ai
            cambiamenti della Società, molto semplicemente
            quel business
            muore.

            <b
            ABOLIRE IL COPYRIGHT </b


            P-)in una societa' democratica e liberale(sul serio) e' quello che avviene...in una societa' oligarchica dove il potere politico e' mischiato ad interessi economici...questo non avviene...ma sono i cittadini a dover insistere perche' questo accada!!
    • FDG scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Oppure la soluzione più semplice è: limitare la
      banda ai privati, dare connessioni lente con
      limiti di 30 minuti al giorno. Così se vogliono
      discutere hanno la libertà di farlo, ma non di
      rubare.Ma ti rendi conto che scrivi solo razzate? Ma ci credi veramente? Quanto ci scommetteresti?
      • Franky scrive:
        Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: Dottor Stranamore


        Oppure la soluzione più semplice è: limitare
        la

        banda ai privati, dare connessioni lente con

        limiti di 30 minuti al giorno. Così se
        vogliono

        discutere hanno la libertà di farlo, ma non
        di

        rubare.

        Ma ti rendi conto che scrivi solo razzate? Ma ci
        credi veramente? Quanto ci
        scommetteresti?ma ti vuoi fare quattro risate? Piu' sopra dice che a me non mi risponde perche' non argomento bene....(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Picchiatell o scrive:
        Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: Dottor Stranamore


        Oppure la soluzione più semplice è: limitare
        la

        banda ai privati, dare connessioni lente con

        limiti di 30 minuti al giorno. Così se
        vogliono

        discutere hanno la libertà di farlo, ma non
        di

        rubare.

        Ma ti rendi conto che scrivi solo razzate? Ma ci
        credi veramente? Quanto ci
        scommetteresti?sulle razzate pienamente d'accordo ma la tim lo sta gia' facendo ...
        • FDG scrive:
          Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
          - Scritto da: Picchiatell o
          sulle razzate pienamente d'accordo ma la tim lo
          sta gia' facendo
          ...Che sta facendo? Traffic shaping? È un'altra cosa.
          • Picchiatell o scrive:
            Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: Picchiatell o


            sulle razzate pienamente d'accordo ma la tim
            lo

            sta gia' facendo

            ...

            Che sta facendo? Traffic shaping? È un'altra
            cosa.beh lo spero vivamente anche se doppo tot. minuti con le loro chiavette e preticamente impossibile vedere un contenuto you tube... poi saro' io lo sfigato di turno ....
    • hermanhesse scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      Radical chic.
      • Franky scrive:
        Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
        - Scritto da: hermanhesse
        Radical chic.che era rivolto a me ? Se si grazie...io lo prendo come un complimento..."radical chic", "rivoluzionario da salotto", "perbenista del cavolo"...questi sono alcuni simpatici aggettivi con cui di tanto in tanto vengo apostrofato...ma a me non dispiacciono....
    • deactive scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

      Se scarichi una canzone poi che ti frega di
      comprare il file da
      itunes?A me personalmente piace l'idea di contribuire attivamente, di ringraziare l'artista per il tempo piacevole che la sua musica mi regala.La mia regola in generale e': se ascolto un disco piu' di 10 volte allora lo poi lo compro ( solitamente pero' in CD ).
    • deactive scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      - Scritto da: Franky

      Innanzitutto voglio ricordare a tutti che le

      biblioteche non hanno ucciso le vendite dei

      libri...

      ma anzi ne hanno incentivato le vendite....



      Grazie quando compri un libro rimane a te e non
      devi riportarlo indietro, inoltre è nuovo, puoi
      sottolinearlo, regalarlo
      ecc..
      Se scarichi una canzone poi che ti frega di
      comprare il file da
      itunes?
      Per me hanno fatto bene a licenziarlo questo
      tizio.

      Comunque chi se ne frega delle vostre canzonette,
      scaricatele pure. Chi ama la musica classica
      compra sempre, perché l'mp3 non ha una qualità
      abbastanza alta, ci vuole il CD.guarda che sul torrente trovi anche i FLAC.Argomentazione non valida, come sempre del resto.

      Ecco basterebbe smettere di spingere 'sti
      gruppetti del cavolo e finanziare solo artisti di
      musica classica. Tanto di musica popolare oltre
      gli anni '70 è stata prodotta solo
      XXXXX.sei figlio di mario luzzatto fegiz ?allora smettila di blaterare.
      Oppure la soluzione più semplice è: limitare la
      banda ai privati, dare connessioni lente con
      limiti di 30 minuti al giorno. Così se vogliono
      discutere hanno la libertà di farlo, ma non di
      rubare.di solito una rivoluzione "tende" a sovvertire i poteri forti a favore del volere popolare, quindi in caso di rivoluzione le major sarebbero tra le prime a saltare.Quanto all'idea di limitare la banda, sei semplicemente ridicolo.
    • Funz scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Oppure la soluzione più semplice è: limitare la
      banda ai privati, dare connessioni lente con
      limiti di 30 minuti al giorno. Così se vogliono
      discutere hanno la libertà di farlo, ma non di
      rubare.Bravo, e poi come fanno a venderci e i loro strìmming, e le loro uéb tivvì a pagamento, e i loro àitiùns, e i loro dìgitel delìverii...
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria

      limitare la banda ai privati, dare connessioni
      lente con limiti di 30 minuti al giorno.
      Così se vogliono discutere hanno la libertà
      di farlo, ma non di <s
      rubare </s
      <b
      copiare </b
      .Se il Progresso si scontra con il copyright è il copyright a soccombere, non il Progresso.Comunque lascia perdere, le tue speranze sono pura fantascienza... <b
      ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
      P-)
    • mikronimo scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      De gustibus non disputandum esse... (spero di ricordare bene, ma lo sai cosa significa); in tutto il mondo si spinge per aumentare la banda, per ovvi motivi economici e tu la vuoi limitare per evitare la pirateria; guarda che esiste la presunzione di innocenza e non di colpevolezza, vale a dire che prima di punire bisogna dimostrare la colpa.
    • corigan scrive:
      Re: P2p e la Biblioteca di Alessandria
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      - Scritto da: Franky
      Grazie quando compri un libro rimane a te e non
      devi riportarlo indietro, inoltre è nuovo, puoi
      sottolinearlo, regalarlo
      ecc..
      Se scarichi una canzone poi che ti frega di
      comprare il file da
      itunes?
      Per me hanno fatto bene a licenziarlo questo
      tizio.

      Comunque chi se ne frega delle vostre canzonette,
      scaricatele pure. Chi ama la musica classica
      compra sempre, perché l'mp3 non ha una qualità
      abbastanza alta, ci vuole il CD.l'mp3 puo essere tranquillamente uguale al CD, al massimo i SACD hanno una qualita migliore, ma non in linea di principio. Chiaramente ci vorra poi un impianto audio adeguato. Lei possiede questi oggetti ovviamente, altrimenti non parlerebbe a sproposito :)

      Ecco basterebbe smettere di spingere 'sti
      gruppetti del cavolo e finanziare solo artisti di
      musica classica. Tanto di musica popolare oltre
      gli anni '70 è stata prodotta solo
      XXXXX.giusto! anzi, nemmeno quelli, e per dirla tutta, chiudiamo i teatri e distruggiamo i quadri. La pittura è inutile, da sempre! o.o
      Oppure la soluzione più semplice è: limitare la
      banda ai privati, dare connessioni lente con
      limiti di 30 minuti al giorno. Così se vogliono
      discutere hanno la libertà di farlo, ma non di
      rubare.ma lei lavora per telecom?dia il buon esempio e disdica il suo abbonamento, tanto le bastano 30 minuti al bar.
  • Picchiatell o scrive:
    privacy ?
    non ho ancora ben capito come fa EMI a sapere che l'utente che usa il p2p usa poi itunes per scaricare gli stessi album ...sta cosa ricorda in modo morboso i vari casi dei giornali di murdoch...sarebbe il caso che qualche gentile magistrato e la polizia sorvegliassero emi...
    • R3d Wo1f scrive:
      Re: privacy ?
      Hai mai letto le autorizzazioni di un mediaplayer che usi sul pc?Sai cosa manda online e cosa fa in rete?
      • Funz scrive:
        Re: privacy ?
        - Scritto da: R3d Wo1f
        Hai mai letto le autorizzazioni di un mediaplayer
        che usi sul pc?Sai cosa manda online e cosa fa in
        rete?Non so se mplayer mandi dati online, ma mi fido perché sicuramente un mucchio di gente se ne sarebbe accorta!Di WMP o schifezze proprietarie simili invece non mi fido proprio.
      • Picchiatell o scrive:
        Re: privacy ?
        - Scritto da: R3d Wo1f
        Hai mai letto le autorizzazioni di un mediaplayer
        che usi sul pc?Sai cosa manda online e cosa fa in
        rete?te lo ripeto come fanno a capire legalmente che un file e' stato scaricato da p2p dalla rete o comprato o rippato da cd?come fanno a capire che e' un file "pirata" ( ammesso e conXXXXX che esista questo termine) ? sono dei magistrati ? e' la polizia ? perche' se non lo sono e sono una ditta privata e' violazione della privacy non conta nulla quello che scrivono o dicono di fare nel contratto allegato al software e vanno in contro a megamulte da parte delle autorità...
        • R3d Wo1f scrive:
          Re: privacy ?
          Per mediaplayer non intendo quello di windows ma più in generale il software che usate per ascoltare musica,avete mai letto la licenza dei software che usate per catalogare audio e video?Quelli che vi scaricano copertine utilizzando database in remoto per esempio...In molti c'è scritto che raccolgono dati da usare in forma anche "anonima" per usi statistici,un file originale compresso contiene un marcatore DRM uno fasullo NO...Eccovi creata la lista dei buoni e dei cattivi...
          • panda rossa scrive:
            Re: privacy ?
            - Scritto da: R3d Wo1f
            Per mediaplayer non intendo quello di windows ma
            più in generale il software che usate per
            ascoltare musica,avete mai letto la licenza dei
            software che usate per catalogare audio e
            video?Certamente.Tutta roba open source che fa quello che dice.
            Quelli che vi scaricano copertine
            utilizzando database in remoto per esempio...In
            molti c'è scritto che raccolgono dati da usare in
            forma anche "anonima" per usi statistici,Vero.Puoi scegliere se partecipare alla raccolta oppure no e funzionano uguale.E ti posso garantire che i dati sono raccolti proprio in forma anonima.
            un file
            originale compresso contiene un marcatore DRM uno
            fasullo NO...Eccovi creata la lista dei buoni e
            dei cattivi...Un file compresso non e' piu' originale. E' stato compresso.
          • R3d Wo1f scrive:
            Re: privacy ?
            Gli mp3 che compri online sono originali e contengono marcatori DRM...
          • panda rossa scrive:
            Re: privacy ?
            - Scritto da: R3d Wo1f
            Gli mp3 che compri online sono originali e
            contengono marcatori
            DRM...Buono a sapersi, cosi' la prima cosa che faro' nel caso in cui me ne capitasse uno, sara' quella di convertirlo in ogg.
          • Guybrush scrive:
            Re: privacy ?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: R3d Wo1f

            Gli mp3 che compri online sono originali e

            contengono marcatori

            DRM...

            Buono a sapersi, cosi' la prima cosa che faro'
            nel caso in cui me ne capitasse uno, sara' quella
            di convertirlo in
            ogg.Di solito il marcatore è studiato apposta per reggere ad un po' di tutto.Un esempio? Inserire un segnale a 22kHz (al limite della soglia di udibilità e fuori range per la maggior parte degli umani) o su una frequenza precisa che si presta bene ad essere mascherata in fase di ascolto, ma che puo' essere filtrata all'occorrenza per "leggere" i dati in essa contenuti.Un segnale siffatto se ne frega di qualsiasi compressione/trasformazione perché fa parte dell'informazione stessa.Certo, la musica potrebbe risentirne un po', ma a meno di non essere un audiofilo che distingue al volo la direzione di un Von Karajan qualsiasi da un Abbado credo che sia difficile accorgersene.GT
          • panda rossa scrive:
            Re: privacy ?
            - Scritto da: Guybrush
            Un esempio? Inserire un segnale a 22kHz (al
            limite della soglia di udibilità e fuori range
            per la maggior parte degli umani) o su una
            frequenza precisa che si presta bene ad essere
            mascherata in fase di ascolto, ma che puo' essere
            filtrata all'occorrenza per "leggere" i dati in
            essa
            contenuti.Se facessero una cosa del genere, si potrebbe passare il brano ad un analizzatore che identifica tutte le frequenze fuori dal range dell'udibile e calcola se siano effettivamente risultati di armoniche oppure se siano state messe apposta.E comunque, un brano musicale con questa porcheria dentro, e' un brano degradato, quindi non merita un controvalore in denaro.
          • Guybrush scrive:
            Re: privacy ?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Guybrush...
            Se facessero una cosa del genere, si potrebbe
            passare il brano ad un analizzatore che
            identifica tutte le frequenze fuori dal rangehttp://www.ingonline.biz/nuovo_sito/index.php?option=com_content&view=article&id=319:analisi-armonica&catid=8:software&Itemid=16vai, si chiama analisi dello spettro armonico e quello indicato al link di cui sopra e' stato il primo risultato beccato con google.
            dell'udibile e calcola se siano effettivamente
            risultati di armoniche oppure se siano state
            messe
            apposta.Nyet.In un MP3 non ci sono frequenze fuori dell'udibile, ma si tratta di range "soggettivi".Spiego:se tu fossi un appassionato di musica tecnohouseunzunzunzettara probabilmente saresti sordo o comunque meno sensibile ad alcune frequenze poste agli estremi dello spettro (ad es: 21500Hz o 30Hz). Per te che ascolti il brano (e aggiungo: ti piace, o non lo avresti scaricato, ma lo stesso discorso, con gli opportuni distinguo, si applica a quasi tutta la musica commerciale) non c'e' alcun degrado: il tuo orecchio non e' in grado di sentire nessuna delle frequenze di disturbo.Solo con un analizzatore di spettro potresti accorgerti che c'e' dell'altro e anche allora ci vorrebbe un po' per capire che si tratta di 1 e 0 non messi a caso.

            E comunque, un brano musicale con questa
            porcheria dentro, e' un brano degradato, quindi
            non merita un controvalore in
            denaro.Nella tua ottica e' sicuramente così, ma per chi ha commercializzato il brano no ed e' quest'ultimo che impugnera' la serigrafia nascosta nel brano per risalire fino a chi l'ha condiviso abusivamente.GT
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: privacy ?

            Nella tua ottica e' sicuramente così, ma per chi
            ha commercializzato il brano no ed e'
            quest'ultimo che impugnera' la serigrafia
            nascosta nel brano per risalire fino a chi l'ha
            condiviso
            abusivamente.Possibilissimo, ma una volta che l'hai fatto cosa succede?Esempio pratico: Tizio è un ragazzino, non sa nulla di questo sistema, si compra il brano online, poi lo passa ai suoi amici. Uno dei suoi amici lo mette sul P2P. Milioni di persone lo scaricano (io a scaricarlo non rischio nulla: sopra non c'è il mio identificativo, visto che non l'ho mai comprato).L'editore se ne accorge (facile: basta aprire il mulo, cercare il brano, scaricarlo e guardare se contiene la serigrafia digitale). In questo modo risale a Tizio (è la sua serigrafia); ma cosa può fare? Gli chiede i danni? Ormai il brano è sul P2P, quindi le "mancate vendite" saranno milioni. Ma Tizio è un ragazzino, è minorenne (quindi non può essere condannato), e non ha i soldi. Inoltre, lui l'ha solo passato ai suoi amici (siamo ai limiti del fair use), quindi accusarlo è difficile.L'amico che l'ha messo sul P2P non ha lasciato nessuna traccia. E ormai, tutti i milioni di persone che l'hanno scaricato possono condividerlo (tanto, chi l'ha scaricato non rischia nulla: al massimo daranno la colpa a Tizio).Non solo: supponiamo che qualcuno rubi il mio lettore mp3, con sopra centinaia di canzoni: chi lo ruba, non si fa problemi a mettere online i brani contenuti: tanto, sa benissimo che sarei io, e non lui, ad andare nelle grane. Se però i brani sul mio lettore mp3 non sono acquistati, ma scaricati, su di essi non c'è il mio identificativo, e anche se li rubano non rischio nulla. Alla luce di questo, mettiamo che io voglia mettermi un po' di musica sul lettore mp3, per portarmelo in spiaggia (dove, per forza di cose, potrebbe essere rubato); legalmente, io rischio di meno se metto solo musica scaricata, invece di mettere file regolarmente acquistati.Infine: se mi rubano il lettore mp3, io dovrei subito sporgere denuncia, dichiarando i brani che c'erano sopra (un po' come quando ti rubano la macchina: devi sporgere denuncia, altrimenti se l'auto viene usata per attività illecite saresti tu ad esserne incolpato); ma, in questo modo, chi volesse mettere online un brano che ha scaricato non dovrebbe fare altro che sporgere una falsa denuncia, e così poi nessuno potrebbe più incolparlo se online compaiono dei brani con la sua serigrafia.Insomma, ci sono dei punti deboli molto importanti.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: privacy ?
            Unico problema: verrebbe tagliato dal software di compressione mp3.Infatti, è vero che ci sono molte frequente normalmente non udibili, in un file audio, ma è anche vero che tali frequenze vengono selettivamente cancellate, per ridurre le dimensioni del file, durante la compressione (tanto, non sono udibili, quindi non ti accorgi se non ci sono più... e si occupa molto meno spazio)Comunque, il principio è valido. Ti consiglio di cercare le parole steganografia, e digital watermark.
          • Sgabbio scrive:
            Re: privacy ?
            in queli luoghi ?
  • Cavallo Pazzo scrive:
    lo avenao già scoperto
    i produttori di tabacco: le prima sigarette sono sempre offerte, le seconde scoccate... e le terze comprate...
    • Funz scrive:
      Re: lo avenao già scoperto
      - Scritto da: Cavallo Pazzo
      i produttori di tabacco: le prima sigarette sono
      sempre offerte, le seconde scoccate... e le terze
      comprate...Quindi la musica è come il tabacco, l'alcool e la droga. Opinione... interessante :p
      • Franky scrive:
        Re: lo avenao già scoperto
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: Cavallo Pazzo

        i produttori di tabacco: le prima sigarette
        sono

        sempre offerte, le seconde scoccate... e le
        terze

        comprate...

        Quindi la musica è come il tabacco, l'alcool e la
        droga. Opinione... interessante
        :pMi sa che la pensava cosi' anche la Amy Winehouse ...
  • fracasso ubaldo scrive:
    bevi bevi
    e io sono micael jackson non sono morto , vivo su un'isola sparduta ....punto informatico bevete meno.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: bevi bevi
      - Scritto da: fracasso ubaldo
      e io sono <b
      micael </b
      jackson non sono morto , vivo su
      un'isola <b
      sparduta </b

      ....LOL!
    • corigan scrive:
      Re: bevi bevi
      guarda che di notizie cosi è piena internet.tutti gli studi non commissionati dai francesi (sarko') concordano sul fatto che la pirateria (in assoluto) alimenta il mercato.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: bevi bevi
        Sì, lo so, ma se lui ha una videoteca... evidentemente gli affari gli vanno male, e incolpa la pirateria.
        • panda rossa scrive:
          Re: bevi bevi
          - Scritto da: uno qualsiasi
          Sì, lo so, ma se lui ha una videoteca...
          evidentemente gli affari gli vanno male, e
          incolpa la
          pirateria.Ad ogni modo ieri sono passato dove una volta c'era un Blockbuster, e adesso c'e' un negozio di surgelati, che e' sicuramente piu' utile.
          • Franky scrive:
            Re: bevi bevi
            - Scritto da: panda rossa
            Ad ogni modo ieri sono passato dove una volta
            c'era un Blockbuster, e adesso c'e' un negozio di
            surgelati, che e' sicuramente piu'
            utile.senza ombra di dubbio.
        • axl scrive:
          Re: bevi bevi
          - Scritto da: uno qualsiasi
          Sì, lo so, ma se lui ha una videoteca...
          evidentemente gli affari gli vanno male, e
          incolpa la
          pirateria.ogni videoteca che leggo sul forum degli illusi mi fa ridere.."il gorno del giudizio sta arrivando"..ancora non han capito che da loro non ci tornerà nessuno dopo che han visto di che pasta sono fatti.. piuttosto li diamo a mediaset premium !!!videoteca ??? ciao ciao !!!
          • BFidus scrive:
            Re: bevi bevi
            - Scritto da: axl
            ogni videoteca che leggo sul forum degli illusi
            mi fa
            ridere..
            "il gorno del giudizio sta arrivando"..Si, ma...e' il loro di giorno del giudizio che sta arrivando...
          • Riketto scrive:
            Re: bevi bevi
            - Scritto da: axl
            piuttosto li diamo a mediaset premium
            !!!Piuttosto me li spendo in bagigi (altro che merdiaset...)
      • enry scrive:
        Re: bevi bevi
        - Scritto da: corigan
        guarda che di notizie cosi è piena internet.
        tutti gli studi non commissionati dai francesi
        (sarko') concordano sul fatto che la pirateria
        (in assoluto) alimenta il
        mercato.si quello illegale.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: bevi bevi
          - Scritto da: enry
          - Scritto da: corigan

          guarda che di notizie cosi è piena internet.

          tutti gli studi non commissionati dai
          francesi

          (sarko') concordano sul fatto che la
          pirateria

          (in assoluto) alimenta il

          mercato.

          si quello illegale.Quello che funziona. Il mercato invece che si basa su licenze capestro e drm non deve essere alimentato, deve morire di fame.
        • Funz scrive:
          Re: bevi bevi
          - Scritto da: enry
          - Scritto da: corigan

          guarda che di notizie cosi è piena internet.

          tutti gli studi non commissionati dai
          francesi

          (sarko') concordano sul fatto che la
          pirateria

          (in assoluto) alimenta il

          mercato.

          si quello illegale.Spiegami in parole semplici che mercato c'è nel p2p, chi ci guadagna se uno scarica un mp3 o un film. Forse ti confondi con i venditori ambulanti di roba contraffatta, manovalanza della camorra, ma non c'entra niente anzi il file sharing ha affossato quel fenomeno.L'unico guadagno che mi viene in mente è dalla pubblicità sui siti tipo TPB, megaupload e simili, ma non mi risulta che mettere pubblicità sia illegale...
        • corigan scrive:
          Re: bevi bevi
          eh, ma non devi dirlo a me, devi fare uno studio, fartelo pubblicare e... ah ovviamente non deve confutare quello che hai appena detto.
    • mikronimo scrive:
      Re: bevi bevi
      La tua è una ovvia battuta; fino a "ieri" l'industria perdeva mille-mila-miliardi e quindi si infieriva sul "maledetto pirata" che avrebbe fatto finire la musica, il cinema, ecc. per mancanza di denaro; ora che le statistiche, peraltro già abbondantemente note, dimostrano che la pirateria, pur non essendo il bene assoluto (ma nessuno ha mai detto niente di vagamente simile), FAVORISCE la conoscenza e l'acquisto informato, si nega l'evidenza; ovviamente, in un mondo piatto, intorno al quale gira un sole milioni di volte più massiccio, da ovest verso est, in cui l'evoluzione delle specie non è un'evidenza, ma solo un'opnione...
  • ThEnOra scrive:
    Troppi errori...
    Riconosco gli errori commessi (e che forse commetterà ancora) dell'industria dell'intrattenimento, ma la realtà non è mai bianca o nera.Con questo dico e sostengo che la pirateria non è il male assoluto, ma nemmeno il bene assoluto!
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: Troppi errori...
      CHI CASSO SEI?
      • kaiserxol scrive:
        Re: Troppi errori...
        Uno che riflette quando parla...
      • Franky scrive:
        Re: Troppi errori...
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
        CHI CASSO SEI?eheheheh... :)
      • ThEnOra scrive:
        Re: Troppi errori...
        CHI CASSO SEI?
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: Troppi errori...
          - Scritto da: ThEnOra
          CHI CASSO SEI?CHI CASSO SIETE?
          • gerry scrive:
            Re: Troppi errori...
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella
            - Scritto da: ThEnOra

            CHI CASSO SEI?

            CHI CASSO SIETE?Due bambini dell'asilo, a giudicare dal tenore(*) delle conversazioni.(*) Mi sono trattenuto dallo scrivere ThEnOra :)
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Troppi errori...
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella

            - Scritto da: ThEnOra


            CHI CASSO SEI?



            CHI CASSO SIETE?

            Due bambini dell'asilo, a giudicare dal tenore(*)
            delle
            conversazioni.

            (*) Mi sono trattenuto dallo scrivere ThEnOra :)Non dire così è tutto un macchinosissimo piano di ThEnOra atto ad ottenere chissà cosa in chissà quale modo. Pare che abbia a che fare con Windows Vista, il miglior sistema operativo del mondo a 360° farenheit.
          • Picchiatell o scrive:
            Re: Troppi errori...
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella
            Non dire così è tutto un macchinosissimo piano di
            ThEnOra atto ad ottenere chissà cosa in chissà
            quale modo. Pare che abbia a che fare con Windows
            Vista, il miglior sistema operativo del mondo a
            360°
            farenheit.e' tutto un piano dell'editore se scarichiamo PI sulla rete poi lo pagaremo anche in edicola...
          • Franky scrive:
            Re: Troppi errori...
            - Scritto da: Picchiatell o
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella


            Non dire così è tutto un macchinosissimo
            piano
            di

            ThEnOra atto ad ottenere chissà cosa in
            chissà

            quale modo. Pare che abbia a che fare con
            Windows

            Vista, il miglior sistema operativo del
            mondo
            a

            360°

            farenheit.
            e' tutto un piano dell'editore se scarichiamo PI
            sulla rete poi lo pagaremo anche in
            edicola...e la strategia che ha adottato "il fatto quotidiano" all'inizio per chi non lo sapesse...
          • panda rossa scrive:
            Re: Troppi errori...
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella
            - Scritto da: ThEnOra

            CHI CASSO SEI?

            CHI CASSO SIETE?MA SOPRATTUTTO: CI AVETE SCASSATO 'O CASSO!
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Troppi errori...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella

            - Scritto da: ThEnOra


            CHI CASSO SEI?



            CHI CASSO SIETE?

            MA SOPRATTUTTO: CI AVETE SCASSATO 'O CASSO!CASSEOLA IN CASSERUOLA!
          • Dilling scrive:
            Re: Troppi errori...
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella
            - Scritto da: ThEnOra

            CHI CASSO SEI?

            CHI CASSO SIETE?Tom&Jerry?
      • mikronimo scrive:
        Re: Troppi errori...
        Grande.. chi di spada ferisce...
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: Troppi errori...
      - Scritto da: ThEnOra
      Riconosco gli errori commessi (e che forse
      commetterà ancora) dell'industria
      dell'intrattenimento, ma la realtà non è mai
      bianca o
      nera.

      Con questo dico e sostengo che la pirateria non è
      il male assoluto, ma nemmeno il bene
      assoluto!Ma perchè, chi lo sostiene?Il problema è che si vuole curare il raffreddore con il napalm.
      • panda rossa scrive:
        Re: Troppi errori...
        - Scritto da: dont feed the troll/dovella
        - Scritto da: ThEnOra

        Riconosco gli errori commessi (e che forse

        commetterà ancora) dell'industria

        dell'intrattenimento, ma la realtà non è mai

        bianca o

        nera.



        Con questo dico e sostengo che la pirateria
        non
        è

        il male assoluto, ma nemmeno il bene

        assoluto!

        Ma perchè, chi lo sostiene?
        Il problema è che si vuole curare il raffreddore
        con il
        napalm.Guarda che funziona!Hai mai piu' visto un vietcong raffreddato?
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: Troppi errori...
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: dont feed the troll/dovella

          - Scritto da: ThEnOra


          Riconosco gli errori commessi (e che
          forse


          commetterà ancora) dell'industria


          dell'intrattenimento, ma la realtà non
          è
          mai


          bianca o


          nera.





          Con questo dico e sostengo che la
          pirateria

          non

          è


          il male assoluto, ma nemmeno il bene


          assoluto!



          Ma perchè, chi lo sostiene?

          Il problema è che si vuole curare il
          raffreddore

          con il

          napalm.

          Guarda che funziona!
          Hai mai piu' visto un vietcong raffreddato?Raffreddato no, ma costipato sì.
        • Picchiatell o scrive:
          Re: Troppi errori...
          - Scritto da: panda rossa

          Guarda che funziona!
          Hai mai piu' visto un vietcong raffreddato?viet minh anche....
        • MegaJock scrive:
          Re: Troppi errori...
          - Scritto da: panda rossa
          Guarda che funziona!
          Hai mai piu' visto un vietcong raffreddato?E poi ha quell'odore di benzina. Un odore di vittoria.... Un giorno questa guerra finirà.
    • ziovax scrive:
      Re: Troppi errori...
      - Scritto da: ThEnOra
      Riconosco gli errori commessi (e che forse
      commetterà ancora) dell'industria
      dell'intrattenimento, ma la realtà non è mai
      bianca o
      nera.

      Con questo dico e sostengo che la pirateria non è
      il male assoluto, ma nemmeno il bene
      assoluto!Quello che non capirete mai è che lo scaricatore folle non comprerà mai e poi mai un disco... magari manco se l'ascolta, ma non crea nessun danno, tanto non avrebbe comprato comunque.Le persone normali, non scaricano questo mondo e quell'altro, anzi, finalmente possono valutare un artista prima a loro sconosciuto, non comprare a busta chiusa... anche se il disco non verrà effettivamente comprato, sarà sempre un cliente in più: andrà ad un concerto, comprerà il disco successivo opuure un DVD o CD live... è sempre un "+1"."E noi non dovevamo nemmeno spendere per metterlo in pratica."Questa è emblematica: un disco non dovrebbe essere la fonte di guadagno per tutto un entourage di persone fino a NOVANTA anni dopo la morte dell'ultimo coautore... dovrebbe essere materiale pubblicitario per edizioni di lusso, concerti e merchandising vario.Potevano fare loro quello che fanno youtube e grooveshark, invece insistono a volerti vendere un pezzo di plastica (che ci devi pure stare attento) una mXrXa di licenza (che ti dai abilmente in faccia) senza sapere se il contenuto sarà di gradimento del cliente... e se lo fanno pagare pure caro.
      • Franky scrive:
        Re: Troppi errori...
        - Scritto da: ziovax

        Quello che non capirete mai è che lo scaricatore
        folle non comprerà mai e poi mai un disco...
        magari manco se l'ascolta, ma non crea nessun
        danno, tanto non avrebbe comprato
        comunque.
        Le persone normali, non scaricano questo mondo e
        quell'altro, anzi, finalmente possono valutare un
        artista prima a loro sconosciuto, non comprare a
        busta chiusa... anche se il disco non verrà
        effettivamente comprato, sarà sempre un cliente
        in più: andrà ad un concerto, comprerà il disco
        successivo opuure un DVD o CD live... è sempre un
        "+1".
        Ed infatti esistono video promozionali in tv...e brani promozionali in radio che hanno proprio lo scopo di fidelizzare il potenziale cliente affinche' compri l'intero disco... il fatto che per gli internet-fobicied i progresso-fobici internet e' un mondo buio e nero che non ha nulla a che fare con il mondo reale...(ci sono solo deliquenti pedoterrosatanisti...e gente che fa cose incomprensibili...addirittura leggevo dei commenti su "bitcoin" che sostenevano che era una truffa orchestrata dagli hacker...e questo la dice lunga sulla stupidita' di certa gente e di certe persone che anche se hanno i mezzi per informarsi e progredire...disgraziatamente preferiscono rimanere nell'ignoranza e dire XXXXXXX...) e quindi servono leggi speciali per regolarlo...la verita' e' che banalmente molte cose presenti in rete non sono che estensioni di quello che gia' esiste nel mondo reale... e banalmente internet non e' altro che l'evoluzione del telefono...(per quelli che vogliono proprio fare un paragone) quindi esattamente come il telefono non necessita di nessuna legge speciale...solo che l'ignorante ha paura di tutto quello che non conosce...questa e' la verita'...i prestiti sono sempre esistiti e cosi' gli scambi...la liberta' di scrivere quello che mi pare in un blog o in un forum e' sempre stata un diritto costituzionale... i forum ed i newsgroup possono essere considerati dei club per gente che ha delle passioni in comune...e cosi' via...ed il modello economico presente in rete e' esattamente equivalente a quello presente nelle radio e nelle tv commerciali finanziate dalla pubblicita'....pero' sprecare energie per spiegare queste cose a questi ignoranti non so quanto possa servire...insomma per tornare al nostro discorso originale i contenuti condivisi fanno da contenuto promozionale per quelli che vogliono successivamente comprare altre opere da un artista... ed e' una cosa scontata dal momento che i contenuti promozionali vengono usati e trasmessi gratis agli utenti da quando esistono radio e tv....e gli utenti li registrano da sempre facendosi delle compilation... e naturalmente se gli piace il brano comprano il disco...qui e' lo stesso...ma vallo a spiegare a queste teste vuote...("dummies"!!!)
        "E noi non dovevamo nemmeno spendere per metterlo
        in
        pratica."
        Questa è emblematica: un disco non dovrebbe
        essere la fonte di guadagno per tutto un
        entourage di persone fino a NOVANTA anni dopo la
        morte dell'ultimo coautore... dovrebbe essere
        materiale pubblicitario per edizioni di lusso,
        concerti e merchandising
        vario.
        Potevano fare loro quello che fanno youtube e
        grooveshark, invece insistono a volerti vendere
        un pezzo di plastica (che ci devi pure stare
        attento) una mXrXa di licenza (che ti dai
        abilmente in faccia) senza sapere se il contenuto
        sarà di gradimento del cliente... e se lo fanno
        pagare pure
        caro.per noi e' ovvio...ma quello che per una persona intelligente e' ovvio...per uno stolto non lo e'...prova a spiegarlo a qualche politico italiota che youtube e' un archivio storico-culturale di importanza mondiale...oltre che un servizio pubblico di comunicazione tramite cui si fa anche informazione scientifica e medica...loro non hanno mai visto youtube...pensano che gli unici video presenti siano quelli di ragazzini che si prendono a schiaffi per gioco...quelli di Grillo che gliene dice di tutti i colori...e quelli dei video che passano su MTV...il livello di ignoranza e' quello...
    • Joe Tornado scrive:
      Re: Troppi errori...

      Con questo dico e sostengo che la pirateria non è
      il male assoluto, ma nemmeno il bene
      assoluto!Probabilmente, in mezzo troverai una verità: quando ero uno studente senza un soldo, scaricavo di tutto, non compravo nulla. Ora ho un lavoro, scarico poco e compro molto. Tutti i miei acquisti, però, sono a colpo sicuro : tutte cose già viste / ascoltate / giocate / etc. per "altre vie" !
    • Sgabbio scrive:
      Re: Troppi errori...
      A dire il vero, hanno sostenuto il grigio, prima per loro era tutto bianco o nero :D
    • Guybrush scrive:
      Re: Troppi errori...
      - Scritto da: ThEnOra
      Riconosco gli errori commessi (e che forse
      commetterà ancora) dell'industria
      dell'intrattenimento, ma la realtà non è mai
      bianca o
      nera.E' anche bianca e nera.Hai una striscetta nera, un campo da calcio che vira dal grigioscuro al grigiochiaro e finisce con un'altra striscetta bianca.Dal 1998 a adesso l'industria discografica ha rotto i maroni a tutti i suoi clienti con prezzi fuori-mercato e pretese assolutamente non difendibili se non con un massiccio adire le vie legali.Se posso permettermi l'analogia: hanno adottato la strategia "Del Grillo", ovvero ciò che fece Onofrio Del Grillo al povero Aronne Piperno.Almeno per ciò che riguarda l'uso "improprio" della giustizia.
      Con questo dico e sostengo che la pirateria non è
      il male assoluto, ma nemmeno il bene
      assoluto!E' una risposta ad una stortura del mercato.Il mercato non risponde alle leggi degli uomini, ma a "leggi" statistiche.Descritte con il linguaggio della matematica, non quello delle carte legali.Al pari della forza di gravità il mercato non lo puoi contrastare, non puoi controllarlo, puoi (a patto di sapere esattamente cosa stai facendo) trarre vantaggio dal suo comportamento.Il copyright così come è diventato (a partire dal 1837 in poi) ha introdotto nel mercato della cultura il monopolio "de iure".Quando questa operazione e' stata effettuata, si e' approfittato delle enormi barriere d'ingresso al mercato.Per riprodurre un brano occorreva saper suonare.A risolvere il problema ci ha pensato Thomas Alva Edison inventando il FONOGRAFO.Il player è semplicissimo: basta uno spillo e un foglio di cartavelina (provare per credere).Incidere un rullo di cera pure.Ri-provare per credere.Tuttavia rendere il proXXXXX affidabile e produrre un rullo di qualita' decente richiedeva, allora, enormi investimenti in macchine.Spese che solo un editore sufficientemente dotato di mezzi poteva permettersi.I clienti, tutti musicofili/musicisti, erano ben contenti di pagare per aver un cilindro (e successivamente dischi in ceralacca a 78 giri) da ascoltare.Il guaio, per l'editore, era pensare che questo sistema sarebbe andato avanti per sempre.Qualcuno aveva anche intuito che non sarebbe durato quando, tra i primi anni '60 e fino a tutta la prima metà degli anni 70 comparvero le cabine di incisione.Vere e proprie cabine dotate di microfono e fessura da cui veniva sputato un 45 giri con sopra quel che avevi deciso di incidere.Scomparvero quando ci si accorse che venivano usate spesso per copiare i 45 giri.Stessa sorte per le "cartoline postali audio".Incidevi il saluto sulla cartolina (operazione svolta in tabaccheria o all'ufficio postale), pagavi e spedivi.Le macchine per "incidere le cartoline" potevano registrare qualsiasi cosa, anche il segnale audio in uscita da un "geloso" (mangiadischi "portatile" alimentato da 6 torcioni).Insomma i segnali per capire che la tecnologia avrebbe messo a disposizione del pubblico la possibiità di copiare musica c'erano.Eppure, quando philips commercializzò il suo lettore di nastri magnetici nessuno disse nulla... troppo costoso, vero, ma assai meno costoso del sistema usato per incidere i 45 giri.Niente.E si che dischi e nastri magnetici han viaggiato di pari passo e, talvolta, si trovavano rare edizioni per audiofili su bobina anziché LP.Quando SONY commercializzo' il walkman tuttavia le major dovevano capire che la pacchia era FINITA, che i sistemi di PRODUZIONE erano ormai alla portata del pubblico e che un artista, con una spesa molto minore rispetto agli anni passati (ancora elevata e dalla distribuzione limitata, poteva produrre i propri supporti.Niente.La reazione e' stata la produzione del CD.Ovvero un tentativo (inutile) di introdurre un nuovo formato per rendere inutili i sistemi di copia presenti.ROTFL.Ho ancora una scatola piena di cassette incise a partire da CD.A nulla valse il tentativo di affondare la DCC (Digital Compact Cassette) ideata da Philips (se la memoria non mi tradisce) e che, di fatto, permetteva di riversare un CD pari-pari su di una cassetta da 90'Del resto sulle cassette ci si registravano i giochi per il C=64, che problema c'era a metterci su file wav, magari un po' costipati (causa errori in lettura)?Eppure l'industria dell'intrattenimento non ha mai rinunciato a dichiarare guerra a chi, semplicemente, voleva diventare suo cliente.S'e' continuato con la guerra ai masterizzatori CD (in italia per averne uno, i primissimi 1x, bisognava avere un'autorizzazione dalla GdF), ai supporti di masterizzazione e memorizzazione (Equo compenso), agli strumenti di backup (DRM) e ai computer (Rootkit).Devo continuare?Questi sono solo esempi.Gli "errori" degli stampatori di dischi/editori sono stati tanti e da nessuno è stata appresa la lezione fondamentale: chi copia e chi paga sono due sottoinsiemi del mercato.Spesso le due entità coincidono con lo stesso individuo e ne consegue che l'intersezione tra i due insiemi è grande quasi quanto i due insiemi.Riconoscere gli errori è inutile se non si è disposti a cambiare.SalutiGT
    • iupiter scrive:
      Re: Troppi errori...
      bravo uno che ragiona ogni tanto in una landa di...
  • Pinco Pallo scrive:
    Assecondare il cliente
    A molti piace scaricare ma non possedere il supporto fisico di registrazione(CD, DVD ecc.). Le ditte lungimiranti assecondano la domanda offrendo on line i propri contenuti digitali. Le ditte reazionarie con la loro lotta alla pirateria tentano di imporre vecchi modelli di business. Sospetto che la lotta alla pirateria nasconda una lotta al progresso.
    • Franky scrive:
      Re: Assecondare il cliente
      - Scritto da: Pinco Pallo
      A molti piace scaricare ma non possedere il
      supporto fisico di registrazione(CD, DVD ecc.).
      Le ditte lungimiranti assecondano la domanda
      offrendo on line i propri contenuti digitali. Le
      ditte reazionarie con la loro lotta alla
      pirateria tentano di imporre vecchi modelli di
      business. Sospetto che la lotta alla pirateria
      nasconda una lotta al
      progresso.e' piu' di un sospetto...lo hanno fatto piu' di una volta...basta guardare cosa hanno fatto quando e' arrivato il videoregistratore...e precedentemente quando e' arrivata la tv e precedentemente la radio...
  • Fetente scrive:
    Prima del P2P non avevo neppure...
    Prima del P2P non avevo neppure il lettore DVD. Poi ne ho comprato uno in grado di vedere i DIVX masterizzati. A quel punto, ho cominciato a comprare anche alcuni DVD originali. Pochi, è vero. Ma più di zero. Poi ho anche cominciato ad andare al cinema, mentre prima non mi interessava.Ovviamente per fare questo ho sottratto parte del reddito da altre cose: libri, qualche viaggio in meno.Insomma, la smettano di rompere il c*220 che non c'è trippa per gatti.
    • Franky scrive:
      Re: Prima del P2P non avevo neppure...
      - Scritto da: Fetente

      Ovviamente per fare questo ho sottratto parte del
      reddito da altre cose: libri, qualche viaggio in
      meno.
      male ...molto male... sottrarre soldi ai libri e soprattutto ai viaggi per darli a questa gente e' quanto di piu' sbagliato uno possa fare per se stesso (a mio modesto parere..)
      Insomma, la smettano di rompere il c*220 che non
      c'è trippa per
      gatti.concordo ovviamente... ma credo che i miliardi gli abbiano annebbiato il cervello...
      • ciccio pasticcio quello vero scrive:
        Re: Prima del P2P non avevo neppure...
        - Scritto da: Franky
        - Scritto da: Fetente




        Ovviamente per fare questo ho sottratto
        parte
        del

        reddito da altre cose: libri, qualche
        viaggio
        in

        meno.



        male ...molto male... sottrarre soldi ai libri e
        soprattutto ai viaggi per darli a questa gente e'
        quanto di piu' sbagliato uno possa fare per se
        stesso (a mio modesto
        parere..)dipende dai viaggi, e soprattutto dai libri. C'è un sacco di spazzatura scritta che fa solo perdere soldi e tempo - non è che se è un libro, allora è per forza cultura..
        • Franky scrive:
          Re: Prima del P2P non avevo neppure...
          - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
          - Scritto da: Franky

          - Scritto da: Fetente







          Ovviamente per fare questo ho sottratto

          parte

          del


          reddito da altre cose: libri, qualche

          viaggio

          in


          meno.






          male ...molto male... sottrarre soldi ai
          libri
          e

          soprattutto ai viaggi per darli a questa
          gente
          e'

          quanto di piu' sbagliato uno possa fare per
          se

          stesso (a mio modesto

          parere..)

          dipende dai viaggi, e soprattutto dai libri. C'è
          un sacco di spazzatura scritta che fa solo
          perdere soldi e tempo - non è che se è un libro,
          allora è per forza
          cultura..questo e' vero...ma esattamente come uno si sceglie i film e la musica allo stesso modo si sceglie i libri...diciamo che (con la esclusione di alcuni romanzetti e di alcuni libri di politica...scritti alla buona...) mediamente e' piu facile trovare un libro che si adatti perfettamente a quello che ti interessa approfondire...mentre difficilmente troverai un film che ti illustri qualcosa di utile...riguardo ai viaggi e' sempre meglio conoscere gente e vedere il mondo che non starsene in casa a guardare 2 ore di vita irreale e fasulla...
    • COme sopra. scrive:
      Re: Prima del P2P non avevo neppure...
      Per me stessa storia, prima non mi interessava nulla, ora qualche cinema, tessera al videonoleggio lettori multimediali vari e tanti supporti vuoti (vedi equo scompenso)- Scritto da: Fetente
      Prima del P2P non avevo neppure il lettore DVD.
      Poi ne ho comprato uno in grado di vedere i DIVX
      masterizzati. A quel punto, ho cominciato a
      comprare anche alcuni DVD originali. Pochi, è
      vero. Ma più di zero. Poi ho anche cominciato ad
      andare al cinema, mentre prima non mi
      interessava.

      Ovviamente per fare questo ho sottratto parte del
      reddito da altre cose: libri, qualche viaggio in
      meno.

      Insomma, la smettano di rompere il c*220 che non
      c'è trippa per
      gatti.
  • confermo scrive:
    Confermo tutto
    Grazie alla "pirateria" avrò comprato almeno 30 cd di gruppi che prima non potevo conoscere.
    • Fininsvest scrive:
      Re: Confermo tutto
      in compenso grazie all'anti pirateria io ho smesso di comprare dischi e film dopo il decreto urbani...
      • Franky scrive:
        Re: Confermo tutto
        - Scritto da: Fininsvest
        in compenso grazie all'anti pirateria io ho
        smesso di comprare dischi e film dopo il decreto
        urbani...io pure...e da quando ho letto di mamma Jamie sono tanto disgustato da questa gente che non sto andando piu' nemmeno al cinema...e prima ci andavo una o due volte al mese...
      • LOL and ROTFL scrive:
        Re: Confermo tutto
        - Scritto da: Fininsvest
        in compenso grazie all'anti pirateria io ho
        smesso di comprare dischi e film dopo il decreto
        urbani...Moi aussi. Per ripicca non vado nemmeno al cinema, tanto ormai lì abbondano solo gli idioti che non sanno stare zitti, fanno commenti spoilerosi e non riescono a staccare le loro manacce dai cellulofoni.
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: Confermo tutto
          - Scritto da: LOL and ROTFL
          - Scritto da: Fininsvest

          in compenso grazie all'anti pirateria io ho

          smesso di comprare dischi e film dopo il
          decreto

          urbani...

          Moi aussi. Per ripicca non vado nemmeno al
          cinema, tanto ormai lì abbondano solo gli idiotiQuelli abbondano dappertutto.
    • korn scrive:
      Re: Confermo tutto
      Grazie al p2p, stufo di possedere copie esteticamente inguardabili mi sono comprato: tutte le serie di star trek, battlestar galactica, le extended edition del signore degli anelli, i 3 film pirati dei caraibi, tutta la saga di star wars, una trentina di dvd di cartoni animati per i miei figli ecc. ecc. e non sto raccontando XXXXXXXte... fate voi, magari non avendole a disposizione a gratis probabilmente mai mi sarebbe venuto in mente di comprarli originali anche per chè a parte i cartoni dei bambini il 70% dei dvd originali sono ancora nel cellophane, li ho comprati solo per il gusto di possederli originali (si lo so che sono disturbato psicologicamente :D ) caso mai dessero un bel giro di vite al p2p mi sa che con la banana che mi verrebbe la voglia di comprare originale...
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: Confermo tutto
        - Scritto da: korn
        Grazie al p2p, stufo di possedere copie
        esteticamente inguardabili mi sono comprato:
        tutte le serie di star trek, battlestar
        galactica, le extended edition del signore degli
        anelli, i 3 film pirati dei caraibi, tutta la
        saga di star wars,Nerd
      • Funz scrive:
        Re: Confermo tutto
        - Scritto da: korn
        Grazie al p2p, stufo di possedere copie
        esteticamente inguardabili mi sono comprato:Certo che se ti scarichi gli screener... non ti hanno detto che adesso ci sono i BD-rip, i DVD9 e persino i BD puramente riversati senza compressione?
        tutte le serie di star trek, battlestar
        galactica, le extended edition del signore degli
        anelli, i 3 film pirati dei caraibi, tutta la
        saga di star wars, una trentina di dvd di cartoni
        animati per i miei figli ecc. ecc. e non sto
        raccontando XXXXXXXte... fate voi, magari non
        avendole a disposizione a gratis probabilmente
        mai mi sarebbe venuto in mente di comprarli
        originali anche per chè a parte i cartoni dei
        bambini il 70% dei dvd originali sono ancora nel
        cellophane, li ho comprati solo per il gusto di
        possederli originali (si lo so che sono
        disturbato psicologicamente :D ) caso mai dessero
        un bel giro di vite al p2p mi sa che con la
        banana che mi verrebbe la voglia di comprare
        originale...Si, sei disturbato :D
    • gerry scrive:
      Re: Confermo tutto
      - Scritto da: confermo
      Grazie alla "pirateria" avrò comprato almeno 30
      cd di gruppi che prima non potevo
      conoscere.Io almeno i Sigur Ròs (4CD+1DVD+2concerti), i Royksopp e i Mars Volta.Però per la verità direi che c'è in giro parecchia gente che non avendo una coscienza non l'avrebbe fatto.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 luglio 2011 17.56-----------------------------------------------------------
    • Fisico scrive:
      Re: Confermo tutto
      - Scritto da: confermo
      Grazie alla "pirateria" avrò comprato almeno 30
      cd di gruppi che prima non potevo
      conoscere. e perche'?perche' non riuscivi a trovare tutte le gratis?
    • iupiter scrive:
      Re: Confermo tutto
      dipende dai campinel mio campo appena copiano il prodotto in uscita non si vende piu' un tubo perche' lo scaricano tutti e addio.sara' cosi' con la musica ma non con tutto...meglio 30 paganti di 100 paganti condivisori e 3milioni di scrocconi. Nutro piu' simpatia per gli zingari al supermercato.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Confermo tutto
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • panda rossa scrive:
        Re: Confermo tutto
        - Scritto da: iupiter
        meglio 30 paganti di 100 paganti
        condivisori e 3milioni di scrocconi.Ecco perche' te e quelli come te meritate di fallire, e che vi viene pure pignorata la casa!Perche' non ci capite niente di commercio ed economia.Dichiare di preferire una perdita certa piuttosto che vi sia altra gente che guadagna e' una idiozia indegna.
      • Guybrush scrive:
        Re: Confermo tutto
        - Scritto da: iupiter
        dipende dai campiIl tuo sara' mica di pomodori?
        nel mio campo appena copiano il prodotto in
        uscita non si vende piu' un tubo perche' lo
        scaricano tutti e
        addio.Nel qualcaso vuol dire che c'è una domanda elevatissima del tuo prodotto.Altrimenti non mi spiego perché una persona impiegerebbe il proprio tempo per fruirne ad ogni costo.
        sara' cosi' con la musica ma non con
        tutto...meglio 30 paganti di 100 paganti
        condivisori e 3milioni di scrocconi. Nutro piu'
        simpatia per gli zingari al
        supermercato.Con questa logica non andrai molto lontano.In ogni caso ti sconsiglio di aprire un supermercato.GT
  • upr scrive:
    e ci voleva EMI
    sono degli anni che si sentono questi discorsi...come sempre si scopre l'acqua calda...
    • Funz scrive:
      Re: e ci voleva EMI
      - Scritto da: upr
      sono degli anni che si sentono questi discorsi...

      come sempre si scopre l'acqua calda...Lo sappiamo noi e lo sanno benissimo anche loro, ma fanno finta di non saperlo per sfruttare il business delle lettere minatorie con minaccia di denuncia se non paghi.
      • ThEnOra scrive:
        Re: e ci voleva EMI
        - Scritto da: Funz

        business delle lettere minatorie con minaccia di
        denuncia se non
        paghi.Business??? Ora è un business? E la teoria invece dei costi legali spropositati sostenuti per combattere la pirateria dove la mettiamo?Però ne hai di fantasia!
        • Sgabbio scrive:
          Re: e ci voleva EMI
          certo che te certe notizie non le leggi..... eh ? Non ti ricordi che loro mandano una minaccia che se non paghi tot subito, ti trasciano in tribunale ?
          • ThEnOra scrive:
            Re: e ci voleva EMI
            E ti pare un business?Al massimo pareggeranno i conti con le spese legali, ma per definirlo "business" ce ne vuole, o no? :D
          • panda rossa scrive:
            Re: e ci voleva EMI
            - Scritto da: ThEnOra
            E ti pare un business?
            Al massimo pareggeranno i conti con le spese
            legali, ma per definirlo "business" ce ne vuole,
            o no?
            :DNo, pareggiano i conti con le spese legali nel caso in cui qualcuno voglia farsi trascinare in vie legali.Ma quella moltitudine ignorante che pur di non avere rogne paga, pur sapendo di aver ragione, genera il business.Si chiama "abuso di potere" sommato a "circonvenzione di incapace".
          • ThEnOra scrive:
            Re: e ci voleva EMI
            - Scritto da: panda rossa

            No, pareggiano i conti con le spese legali nel
            caso in cui qualcuno voglia farsi trascinare in
            vie
            legali.Ma che ne sai te visto che gli articoli sul copyright non li leggi neppure?
            Ma quella moltitudine ignorante che pur di non
            avere rogne paga, pur sapendo di aver ragione,
            genera il
            business.A chi ti riferisci?
            Si chiama "abuso di potere" sommato a
            "circonvenzione di
            incapace"."Abuso di potere" ad una società privata? Intendo abuso di danaro, forse?Poi con "circonvenzione di incapace" a chi ti rifersci, o meglio, chi è "l'incapace"? Lo scaricone pirata?
          • panda rossa scrive:
            Re: e ci voleva EMI
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: panda rossa



            No, pareggiano i conti con le spese legali
            nel

            caso in cui qualcuno voglia farsi trascinare
            in

            vie

            legali.

            Ma che ne sai te visto che gli articoli sul
            copyright non li leggi
            neppure?Perche' dovrei leggerli?Dice forse qualcosa di nuovo o e' la solita minestra ribollita?

            Ma quella moltitudine ignorante che pur di
            non

            avere rogne paga, pur sapendo di aver
            ragione,

            genera il

            business.

            A chi ti riferisci?A quelli che si spaventano quando la major di turno scrive che hanno scaricato un mp3 e che e' meglio se pagassero 1000 euro per evitare rogne legali.

            Si chiama "abuso di potere" sommato a

            "circonvenzione di

            incapace".

            "Abuso di potere" ad una società privata? Intendo
            abuso di danaro,
            forse?
            Poi con "circonvenzione di incapace" a chi ti
            rifersci, o meglio, chi è "l'incapace"? Lo
            scaricone
            pirata?No la vecchietta e' l'incapace.Lo scaricone pirata e' proprio quello che invece ti trascina in tribunale e si difende dalle accuse. Tanto che cos'ha da perdere?
          • ThEnOra scrive:
            Re: e ci voleva EMI
            Ma come fai a saperle tutte ste cose se manco leggi, appunto, gli articoli relativi al copyright?Ah capito! Te li fai leggere da terzi!
          • Guybrush scrive:
            Re: e ci voleva EMI
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ThEnOra[...]
            Perche' dovrei leggerli?
            Dice forse qualcosa di nuovo o e' la solita
            minestra
            ribollita?Potresti sapere chi è l'incapace, per la legge, e perché quello che hai scritto è solo una sparata priva di senso, per esempio.Io se sparo lo faccio con uno scopo preciso e non e' far ridere.
            A quelli che si spaventano quando la major di
            turno scrive che hanno scaricato un mp3 e che e'
            meglio se pagassero 1000 euro per evitare rogne
            legali.Ribadisco: verifica il concetto di "incapace" secondo il diritto.Cerca anche "capacità giuridica" e "capacità di agire" e ti si apre un mondo. [...]

            "Abuso di potere" ad una società privata?
            Intendo

            abuso di danaro,

            forse?Mi viene in mente "abuso di posizione dominante", ma c'entra poco con quanto fatto dalla societa' in oggetto.Pero' spedire una raccomandata dai toni legalmente minacciosi, in cui si chiede il pagamento di una somma o la denuncia all'autorita' puo' avere molti nomi:EstorsioneTruffaAssociazione a delinquere finalizzata all'estorsioneAssociazione a delinquere finalizzata alla truffagiusto per fare qualche esempio.In ogni caso è un giudice a dover stabilire chi e' colpevole e chi no.E da che mondo è mondo le accuse vanno PROVATE senza violare la legge.

            Poi con "circonvenzione di incapace" a chi ti

            rifersci, o meglio, chi è "l'incapace"? Lo

            scaricone

            pirata?

            No la vecchietta e' l'incapace.Non credo proprio, a meno che un giudice non abbia deciso in tal senso e per il bene suo e dei suoi eredi.
            Lo scaricone pirata e' proprio quello che invece
            ti trascina in tribunale e si difende dalle
            accuse. Tanto che cos'ha da
            perdere?Lo scaricone puo' essere chiunque e per uno che si difende 100 pagano e stanno zitti.Vista in quest'ottica il business c'e'.GT
        • mikronimo scrive:
          Re: e ci voleva EMI
          Definirlo business (affare) non è corretto, ma se le stesse major SANNO PERFETTAMENTE (C.V.D. da parecchio tempo) che la pirateria è, de facto, un vantaggio per i loro stessi affari e poi, per una logica di imbarazzante idiozia, decidono di spendere immensi capitali in azioni legali, sono business loro...
        • Funz scrive:
          Re: e ci voleva EMI
          - Scritto da: ThEnOra
          - Scritto da: Funz



          business delle lettere minatorie con
          minaccia
          di

          denuncia se non

          paghi.


          Business??? Ora è un business? E la teoria inveceIo lo definirei esattamente così.
          dei costi legali spropositati sostenuti per
          combattere la pirateria dove la
          mettiamo?Tutto quello che le major hanno fatto finora sono tre cose: lobbying verso i governi, denunce ai programmatori di limewire e simili, e spedizione in massa di lettere minatorie ai clienti. La terza è quella che porta i soldi.
          Però ne hai di fantasia!Non sono il solo a pensarla così, evidentemente non è tanto che bazzichi qui...
          • ThEnOra scrive:
            Re: e ci voleva EMI
            - Scritto da: Funz

            Tutto quello che le major hanno fatto finora sono
            tre cose: lobbying verso i governi, denunce ai
            programmatori di limewire e simili, e spedizione
            in massa di lettere minatorie ai clienti. La
            terza è quella che porta i
            soldi.E la terza è in grado di coprire le spese delle prime due attività che hai menzionato? Perchè se è un business, questo dovrebbe essere il suo fine.Ma se poi così fosse non sarebbero le major ad essere il problema, ma la casta degli avvocati.Indovina la figura professionale che deve SEMPRE essere presente in tutte le tre attività che hai indicato!

            Però ne hai di fantasia!

            Non sono il solo a pensarla così, evidentemente
            non è tanto che bazzichi
            qui...Non sei l'unico XXXXX allora :D
          • ThEnOra scrive:
            Re: e ci voleva EMI
            - Scritto da: Funz

            Tutto quello che le major hanno fatto finora sono
            tre cose: lobbying verso i governi, denunce ai
            programmatori di limewire e simili, e spedizione
            in massa di lettere minatorie ai clienti. La
            terza è quella che porta i
            soldi.E la terza è in grado di coprire le spese delle prime due attività che hai menzionato? Perchè se è un business, questo dovrebbe essere il suo fine.Ma se poi così fosse non sarebbero le major ad essere il problema, ma la casta degli avvocati.Indovina la figura professionale che deve SEMPRE essere presente in tutte le tre attività che hai indicato!P.s.Mi sa che l'altra risposta me la censurano :D
Chiudi i commenti