Huawei sfida Apple e Samsung: #NeverSlowDown

Huawei si professa differente da Apple e Samsung girando il coltello nella piaga della sentenza Antitrust sull'obsolescenza programmata.

Huawei sfida Apple e Samsung: #NeverSlowDown

Huawei lancia la pietra e non nasconde la mano, perché il suo obiettivo è proprio questo: far notare al mercato come la sfida ai big del settore sia ormai frontale. Ed è così che, sull’assist servito dalla storica sentenza dell’antitrust italiana dei giorni scorsi, l’affondo arrivi dalla divisione Huawei del Regno Unito. Un tweet, niente più di un tweet, ma dal forte valore simbolico in questa disfida per i vertici del mercato smartphone mondiale.

La si potrebbe tranquillamente definire come una grande “trollata” se non fosse che la posta in palio è decisamente alta. Il messaggio che manda Huawei è una sorta di “think different” rispetto ai leader del settore, ossia Apple e Samsung. In questo tweet Huawei si definisce differente rispetto a quelli della concorrenza, ricordando che un Huawei “nasce veloce e rimane veloce“: non saranno dunque gli aggiornamenti del sistema operativo a rallentare il device, né ora né mai, e soprattutto questa cosa non fa parte delle intenzioni del gruppo. L’Antitrust italiana ha ravvisato invece qualcosa di differente nel comportamento Apple e Samsung: dolosamente o meno, gli aggiornamenti degli anni passati avrebbero rallentato i device fino a costringere gli utenti a cambiare modello.

Quel che intende fare Huawei è una operazione di marketing che cavalca l’idea di “obsolescenza programmata” che l’AGCM ha francobollato sui dispositivi Apple e Samsung. Samsung da parte sua ha già respinto le accuse, preannunciando ricorso. Definire e dimostrare l’obsolescenza programmata, tracciando una linea certa rispetto al campo della semplice innovazione, non è cosa semplice. Ma è questa una patata bollente che l’AGCM si è sentita certa di poter gestire. Huawei da parte sua si limita a cavalcare la notizia tramite la creazione di due hashtag estremamente espliciti: #BornFastStaysFast e #NeverSlowDown, con un link diretto al nuovo Mate20 Pro.

Scaramucce tra giganti, ma in un contesto delicato nel quale l’oligopolio ai vertici viene messo in discussione da un gigante cinese che vuole una fetta della torta sempre più grande.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mario scrive:
    A me sta succedendo con il mio tv LG 50 pollici. Appena comprato era velocissimo, ora dopo i vari aggiornamenti ci mette una vita a cambiare canale. Vergogna.
  • giorgio scrive:
    Confermo. Il mio tablet Samsung N8000 10'' è diventato talmente lento che ho dovuto cambiare modello. Sfortunatamente (per Samsung) ho acquistato il MediaPad M5 di Huawei e così Samsung ha perso un cliente. Stessa fine ha fatto il Galaxy S4.
Chiudi i commenti