Hyperloop One, denuncia per il management

La società fondata per realizzare il sogno di Elon Musk sarebbe gestita da gente che pensa solo a farsi gli affari propri, denuncia l'ex-fondatore, un caso di fondi sprecati e nepotismo potenzialmente sorprendente
La società fondata per realizzare il sogno di Elon Musk sarebbe gestita da gente che pensa solo a farsi gli affari propri, denuncia l'ex-fondatore, un caso di fondi sprecati e nepotismo potenzialmente sorprendente

Una brutta vicenda legale minaccia il futuro di Hyperloop One, società creata per realizzare l’omonimo sistema di trasporto “sotto vuoto” proposto da Elon Musk e che sarebbe invece votata, a dare peso alle accuse mosse da uno dei suoi co-fondatori, all’arricchimento degli amministratori e relativo codazzo di parenti, amanti e altri personaggi che poco hanno a che fare con i sistemi veicolari di nuova generazione.

Motore principale della causa è Brogan BamBrogan, co-fondatore recentemente estromesso che si alleato con altri tre dipendenti di Hyperloop One per accusare il co-fondatore Shervin Pishevar, il CEO Rob Lloyd, l’ex-responsabile legale Afshin Pishevar (fratello del primo Pishevar) e l’investitore Joe Lonsdale.

Gli accusati avrebbero anteposto il proprio interesse personale a quello dell’azienda, accusa BamBrogan, portando alla realizzazione di un ambiente di lavoro invivibile e alla violazione dei contratti in essere, alla diffamazione, alla violenza morale e addirittura all’aggressione fisica.

I fratelli Pishevar e gli altri accusati avrebbero trasformato Hyperloop One in un “esercizio guidato dal marketing” piuttosto che in un’azienda fondata sullo sforzo ingegneristico, sostiene BamBrogan, con Shervin Pishevar impegnato a pagare prima 15mila dollari e poi 40mila dollari al mese l’amante assunta per gestire le pubbliche relazioni della società.

Nel frattempo Joseph Lonsdale ha provato a far assumere la piccola società del fratello minore senza alcuna esperienza per le specifiche necessità di Hyperloop, mentre Shervin Pishevar ha assunto il fratello avvocato garantendogli un salario e stock option parecchio superiori a qualsiasi ingegnere della società.

C’è poi di mezzo anche un cappio , che BamBrogan avrebbe trovato sulla propria sedia a mo di minaccia durante un pranzo con investitori russi interessati all’impresa di Hyperloop. L’imprenditore avrebbe anche provato a raddrizzare le cose con una lettera di accusa contro il management firmata da alcuni dipendenti, ma alla fine i proponenti ci hanno ricavato solo l’avvio di una campagna persecutoria con tanto di minacce di violenza personale.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 07 2016
Link copiato negli appunti