IDC: i PC stanno meglio del previsto

Una tenue speranza si accende. Piccoli miglioramenti che non cambiano però il quadro complessivo: il passaggio al mobile è inarrestabile

Roma – Rispetto a marzo la situazione si è evoluta , anche se di poco: il mercato dei PC, secondo le stime di IDC , continua a navigare in acque negative nonostante un certo miglioramento rilevato nei mercati più maturi . Complessivamente i numeri saranno comunque in contrazione da qui ai prossimi quattro anni: i personal computer, desktop e portatili, hanno fatto il loro tempo e stanno cedendo progressivamente terreno all’assalto del mobile. Per quest’anno le stime sono state riviste in leggero miglioramento, ma in ogni caso il numero dei device immessi nel circuito della distribuzione calerà del 6 per cento (era -6.1 all’inizio delle primavera).

Nemmeno l’aumento di vendite di apparecchi nei paesi emergenti potrà compensare il progressivo abbandono dei form factor tradizionali: nel 2013 erano stati 315 milioni i PC venduti in tutto il mondo, un numero che calerà a 296 milioni quest’anno e giù fino a 287 milioni nel 2018 . A farne le spese soprattutto i sistemi desktop, mentre i laptop saranno risparmiati unicamente nei mercati ancora in via di sviluppo.

“La vendita di PC sta beneficiando al momento da uno stallo nella domanda di tablet a causa della crescente penetrazione degli stessi nei mercati maturi e la pressione competitiva ai modelli di diagonale inferiore da parte degli smartphone dalle dimensioni generose (i cosiddetti phablet): tuttavia la transizione verso il mobile e il cloud computing è inarrestabile”. Così parlò Loren Loverde, vicepresidente IDC e responsabile delle indagini nel comparto PC: di fatto si vendono più PC poiché i consumatori non individuano il prodotto che fa al loro caso tra i nuovi device. L’ unica arma nelle mani dei produttori è accelerare il passaggio a form-factor più simili ai tablet per dimensione, caratteristiche e prezzo: anche se questo costerà qualcosa sotto il profilo dei margini e del profitto. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Soluzione finale scrive:
    NLA
    Una bella botta con il lanciafiamme e risolviamo il problema alla radice, come quando si bruciano le erbacce per fare posto alla vegetazione ed evitare danni più grossi in caso di incendi.Ormai la situazione sta degenerando, e dopo l'introduzione del drm nei video non ci vorrà molto per vederli anche nella pagine web: Bisogna fermare questa gente o il web verrà distrutto. Almeno i giudici hanno avuto la decenza di accorgersi della XXXXXXX che avevano fatto nei gradi di giudizio inferiori.
  • bubba scrive:
    da caXXXXXrsi dal ridere...
    quei dragasaccocce dell'NLA gia' avevano ottenuto l'incredibile privilegio di essere pagati per venir linkati da un aggregatore ... ora volevano PURE un secondo pagamento dall'aggregatore, per concedere il "privilegio" all'utente di clickarci pure, su quel linkmamma mia...
    • Leguleio scrive:
      Re: da caXXXXXrsi dal ridere...

      quei dragasaccocce dell'NLA gia' avevano ottenuto
      l'incredibile privilegio di essere pagati per
      venir linkati da un aggregatore

      ... ora volevano PURE un secondo pagamento
      dall'aggregatore, per concedere il "privilegio"
      all'utente di clickarci pure, su quel
      linkIl denaro non fa schifo a nessuno. E il servizio di aggregatore di Meltwater è a pagamento.
      • bubba scrive:
        Re: da caXXXXXrsi dal ridere...
        - Scritto da: Leguleio

        quei dragasaccocce dell'NLA gia' avevano
        ottenuto

        l'incredibile privilegio di essere pagati per

        venir linkati da un aggregatore



        ... ora volevano PURE un secondo pagamento

        dall'aggregatore, per concedere il
        "privilegio"

        all'utente di clickarci pure, su quel

        link

        Il denaro non fa schifo a nessuno.ovvio, specie agli azzeccagarbugli.
        E il servizio di aggregatore di Meltwater è a
        pagamento.embe'? se qualcuno ritiene che il mio lavoro di aggregazione sia di tale valore da pagarlo... che lo paghi. son 2 cose scorrelate.
        • Leguleio scrive:
          Re: da caXXXXXrsi dal ridere...




          Il denaro non fa schifo a nessuno.
          ovvio, specie agli azzeccagarbugli.Loro i soldi li vedono una volta sola.I quotidiani invece si vedono corrisposta una somma su base regolare, almeno finché esisterà il servizio Meltwater.

          E il servizio di aggregatore di Meltwater è a

          pagamento.
          embe'? se qualcuno ritiene che il mio lavoro di
          aggregazione sia di tale valore da pagarlo... che
          lo paghi. son 2 cose
          scorrelate.Sembra, ma non è così. Gli editori inglesi si proteggono da un servizio che lucra da materiale prodotto da altri. Non vogliono impedirlo, vogliono avere la loro parte.Come ovunque.
          • bubba scrive:
            Re: da caXXXXXrsi dal ridere...
            - Scritto da: Leguleio





            Il denaro non fa schifo a nessuno.


            ovvio, specie agli azzeccagarbugli.

            Loro i soldi li vedono una volta sola.
            I quotidiani invece si vedono corrisposta una
            somma su base regolare, almeno finché esisterà il
            servizio
            Meltwater.mh no non ci siamo... senza azzeccagarbugli (o, se preferisci, giuristi) che hanno sancito questo obbrobrio, non ci sarebbe alcuna 'somma regolare'.



            E il servizio di aggregatore di
            Meltwater è
            a


            pagamento.


            embe'? se qualcuno ritiene che il mio lavoro
            di

            aggregazione sia di tale valore da
            pagarlo...
            che

            lo paghi. son 2 cose

            scorrelate.

            Sembra, ma non è così. Gli editori inglesi si
            proteggono da un servizio che lucra da materiale
            prodotto da altri. Non vogliono impedirlo,
            vogliono avere la loro
            parte.
            Come ovunque.la "loro parte" e' GIA' presente nell'atto di mandarti utenti a consultare le pagine da te hostate.. il resto rimane un obbrobrio.Non e' strano (ironia) che il web, che prevede il linking come fondante, sia cresciuto tantissimo, SENZA che questa aberrazione legale fosse presente?
          • Leguleio scrive:
            Re: da caXXXXXrsi dal ridere...




            Il denaro non fa schifo a nessuno.




            ovvio, specie agli azzeccagarbugli.



            Loro i soldi li vedono una volta sola.

            I quotidiani invece si vedono corrisposta una

            somma su base regolare, almeno finché esisterà
            il

            servizio

            Meltwater.
            mh no non ci siamo... senza azzeccagarbugli (o,
            se preferisci, giuristi) che hanno sancito questo
            obbrobrio, non ci sarebbe alcuna 'somma
            regolare'.La sentenza proviene da un giudice, che decide in base alla legge, non in base all'onorario dell'avvocato di una delle parti. Incidentalmente, in quanto liberi professionisti, gli avvocati ricevono un compenso anche quando la causa la perdono. Non so quanti clienti gli arriveranno in seguito, comunque funziona così.Se un cittadino si ritiene tanto bravo da intentare una causa, o difendersi da una causa, senza l'avvocato, lo può fare, nei Paesi della <I
            common law </I
            . La legge non cambia a seconda di chi siede nel ruolo della difesa o dell'accusa.



            E il servizio di aggregatore di

            Meltwater è

            a



            pagamento.




            embe'? se qualcuno ritiene che il mio
            lavoro

            di


            aggregazione sia di tale valore da

            pagarlo...

            che


            lo paghi. son 2 cose


            scorrelate.



            Sembra, ma non è così. Gli editori inglesi si

            proteggono da un servizio che lucra da materiale

            prodotto da altri. Non vogliono impedirlo,

            vogliono avere la loro

            parte.

            Come ovunque.
            la "loro parte" e' GIA' presente nell'atto di
            mandarti utenti a consultare le pagine da te
            hostate.. il resto rimane un
            obbrobrio.No, non è proprio così, ti stai confondendo con Google news (e anche lì c'erano importanti distinguo da fare).Uno dei servizi di Meltwater fornisce pagine temporanee che sono la copia del giornale online, altro che link.Incidentalemente questo servizio negli Usa è stato dichiarato non compatibile con il <I
            fair use </I
            , e quindi interrotto da un giudice.
            Non e' strano (ironia) che il web, che prevede il
            linking come fondante, sia cresciuto tantissimo,
            SENZA che questa aberrazione legale fosse
            presente?Ripeto, qui non si parla di link.
          • bubba scrive:
            Re: da caXXXXXrsi dal ridere...
            - Scritto da: Leguleio




            Il denaro non fa schifo a
            nessuno.






            ovvio, specie agli azzeccagarbugli.





            Loro i soldi li vedono una volta sola.


            I quotidiani invece si vedono
            corrisposta
            una


            somma su base regolare, almeno finché
            esisterà

            il


            servizio


            Meltwater.


            mh no non ci siamo... senza azzeccagarbugli
            (o,

            se preferisci, giuristi) che hanno sancito
            questo

            obbrobrio, non ci sarebbe alcuna 'somma

            regolare'.

            La sentenza proviene da un giudice, che decide in il giudice e' estraneo all'alveo dei giuristi e azzeccagarbugli? non direi... tant'e' che di garbugli ne produce parecchi.




            E il servizio di aggregatore
            di


            Meltwater è


            a




            pagamento.






            embe'? se qualcuno ritiene che il
            mio

            lavoro


            di



            aggregazione sia di tale valore da


            pagarlo...


            che



            lo paghi. son 2 cose



            scorrelate.





            Sembra, ma non è così. Gli editori
            inglesi
            si


            proteggono da un servizio che lucra da
            materiale


            prodotto da altri. Non vogliono
            impedirlo,


            vogliono avere la loro


            parte.


            Come ovunque.


            la "loro parte" e' GIA' presente nell'atto di

            mandarti utenti a consultare le pagine da te

            hostate.. il resto rimane un

            obbrobrio.

            No, non è proprio così, ti stai confondendo con
            Google news (e anche lì c'erano importanti
            distinguo da
            fare). [ I contenuti consultati dagli utenti di Meltwater, si osserva, sono ospitati sui siti degli editori, i quali hanno acquisito dai detentori dei diritti d'autore la licenza di metterli a disposizione per la navigazione ]
            Uno dei servizi di Meltwater fornisce pagine
            temporanee che sono la copia del giornale online,
            altro che
            link.?l'articolo parla proprio di link... le "pagine temporanee" ci sono (nel pc dell'utente) quando l'utente visita il link. hostato dal giornale.Nell'articolo c'e' questo. Se lo ha inventato P.I. non so...
            Incidentalemente questo servizio negli Usa è
            stato dichiarato non compatibile con il
            <I
            fair use </I
            , e quindi
            interrotto da un giudice.



            Non e' strano (ironia) che il web, che
            prevede
            il

            linking come fondante, sia cresciuto
            tantissimo,

            SENZA che questa aberrazione legale fosse

            presente?

            Ripeto, qui non si parla di link.?
          • Leguleio scrive:
            Re: da caXXXXXrsi dal ridere...



            mh no non ci siamo... senza azzeccagarbugli

            (o,


            se preferisci, giuristi) che hanno sancito

            questo


            obbrobrio, non ci sarebbe alcuna 'somma


            regolare'.



            La sentenza proviene da un giudice, che decide
            in
            <cut

            il giudice e' estraneo all'alveo dei giuristi e
            azzeccagarbugli? non direi... tant'e' che di
            garbugli ne produce
            parecchi.Puoi giocare al disadattato a vita, che rifiuta l'esistenza dei giudici, degli avvocati, dei malfattori, delle XXXXXX di piccione e delle punture di zanzare. Un vita vissuta con la ferrea convinzione che tutto ciò non esista è in effetti molto più agevole e spensierata. Oppure puoi prendere atto che vivi in una società strutturata formata da più individui con più interessi, non vivi né in piena anarchia né in popolazioni incontattate nella Nuova Guinea, e di conseguenza dedurrai che altro sistema di leggi codificate, e di giudici che le applicano ai casi particolari, non esiste. Che è poi ciò che fa la maggioranza dei tuoi simili.

            Uno dei servizi di Meltwater fornisce pagine

            temporanee che sono la copia del giornale
            online,

            altro che

            link.
            ?
            l'articolo parla proprio di link... le "pagine
            temporanee" ci sono (nel pc dell'utente) quando
            l'utente visita il link. hostato dal
            giornale.
            Nell'articolo c'e' questo. Se lo ha inventato
            P.I. non
            so...Ti do il link a una fonte più informata di PI:http://it-lex.org/news-clipping-service-isnt-fair-use-in-copyright-analysis/Riporto:" <I
            Meltwater uses automated computer programs or algorithms to copy or scrape an article from an online news source, index the article, and deliver verbatim excerpts of the article to its customers in response to search queries </I
            ".
    • panda rossa scrive:
      Re: da caXXXXXrsi dal ridere...
      - Scritto da: bubba
      quei dragasaccocce dell'NLA gia' avevano ottenuto
      l'incredibile privilegio di essere pagati per
      venir linkati da un aggregatore

      ... ora volevano PURE un secondo pagamento
      dall'aggregatore, per concedere il "privilegio"
      all'utente di clickarci pure, su quel
      link

      mamma mia...Intanto pero' e' stata emessa una sentenza importantissima: cio' che si reperisce AGGRATIS, e' AGGRATIS.
      • bubba scrive:
        Re: da caXXXXXrsi dal ridere...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: bubba

        quei dragasaccocce dell'NLA gia' avevano
        ottenuto

        l'incredibile privilegio di essere pagati per

        venir linkati da un aggregatore



        ... ora volevano PURE un secondo pagamento

        dall'aggregatore, per concedere il
        "privilegio"

        all'utente di clickarci pure, su quel

        link



        mamma mia...

        Intanto pero' e' stata emessa una sentenza
        importantissima: cio' che si reperisce AGGRATIS,
        e'
        AGGRATIS.eh.. e' meno eccitante di cosi'. Diciamo che per non completare un oscenita' tecnica & giuridica (che gia' hanno avvallato col 1'punto) han dovuto strologarsi andando a pescare la cosa della 'copia cache'.Io personalmente avrei infilato gia' la prima richiesta ("devo pagare per il privilegio di linkare") nel tritadocumenti... cosi' non ci sarebbe stato bisogno neanche di proseguire con i salti carpiati successivi...Cmq sara' interessante vedere effetti collaterali di questa impostazione.. sui sofismi del "legittimo se non siano in contrasto con lo sfruttamento normale dell'opera o degli altri materiali e non arrechino ingiustificato pregiudizio agli interessi legittimi del titolare"...
Chiudi i commenti