Il captcha è cosa per umani

Sciogliere gli intrichi di numeri e lettere diventa una professione. Accade in India, patria dei franchising anticaptcha al servizio degli spammer

Roma – Il loro è un compito estremamente alienante e ripetitivo: ogni giorno si confrontano con migliaia di combinazioni di lettere e numeri deformati, ogni giorno incanalano la propria immaginazione nell’interpretazione dei captcha, quelli che si ritenevano essere l’argine capace di contenere l’immondizia che preme su caselle di posta elettronica, blog, forum. Sta nascendo un vero e proprio modello di business legato all’interpretazione dei captcha: a tracciare un quadro della situazione è l’esperto di sicurezza Dancho Danchev, che ravvisa nell’India la patria dell’industria che opera a favore degli spammer.

Esiste una domanda imponente di risolutori di captcha . Sui siti dedicati alle offerte di lavoro c’è chi è pronto a reclutare maghi del data entry per risolvere non meno di 250mila captcha al giorno. C’è chi affida il progetto a soli team di risolutori in grado di fornire il servizio 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, c’è chi cerca personale specializzato nel districare gli intrichi di lettere e numeri che presidiano gli account MySpace.

Esistono altresì aziende vere e proprie che mettono a disposizione forza lavoro e interfacce per consentire ai clienti di dimenticarsi dei captcha e dare sfogo alle proprie strategie di comunicazione massiva a mezzo profili di social network e account per il blogging. Sul mercato esistono attori che promettono di risolvere un milione di captcha al giorno in cambio di pochi dollari .

Danchev conferma quanto si osserva in rete: il fulcro del business, mascherato da servizi per supportare i non vedenti e per migliorare la visibilità dei comunicati pubblicitari è l’ India . In India si orchestrano dei franchising per aggregare lavoratori che operano in proprio e interpretare a favore dei clienti una mole imponente di captcha; i lavoratori poco qualificati vengono addestrati con training e dotati delle cassette degli attrezzi; il data entry si mette al servizio degli spammer .

È altresì vero che i posti di blocco che dovrebbero consentire l’autenticazione ai soli esseri umani sono sempre più facilmente forzati dalle incursioni dei cracker . Dispongono e mettono a disposizione del grande pubblico sistemi automatici e kit sempre più rapidi e aggressivi per sfondare la barriera che dovrebbe interporsi tra uomo e macchina, tra registrazioni autentiche e registrazioni compiute dai bot. Hanno capitolato i sistemi che vigilano sull’autenticazione dei servizi di Yahoo , sono stati sfondati i setacci per umani di Gmail , è stato violato il filtro che presidia Windows Live Hotmail . Ma se gli algoritmi sono efficienti con i captcha, l’essere umano è progettato per risolverli.

L’esercito di umani disposto a prestarsi a compiti semplici e alienanti contro i quali si scontrano macchine e algoritmi non si mette però al solo servizio del cybercrimine. Amazon Mechanical Turk , il servizio di crowdsourcing studiato per frammentare e distribuire compiti stupidi che richiedono intelligenza umana, è stato sfruttato con gli intenti più differenti, dall’ analisi di mappe al tagging delle foto. Pare però che un’orda di truffatori stia iniziando a fare leva sul servizio per forzare le dinamiche sociali del web e delegare a frotte di netizen il compito di promuovere link e improvvisare una sorta di social spamming . C’è chi suggerisce ad Amazon di prendere provvedimenti: il business dei risolutori di captcha freelance potrebbe trovarvi terreno fertile.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Patito scrive:
    diCommodore
    ANTEPRIMA da Berlino: il floppy da 5"1/4 è opzionale.
  • Centoos scrive:
    Ma ha anche il lettore di cassette?
    Come si può fare senza?
  • il saggio scrive:
    ma c'e' il copper?
    senza parole
  • moonAce scrive:
    SO?
    Sarebbe simpatico se ci mettessero dentro AmigaOS
    • Fabrizio scrive:
      Re: SO?
      sono decenni che devono sviluppare la nuova versione, quaclosa c'è (un fork mi sembra) ma è letteralmente inutilizzabile, almeno secondo le recensioni lette
      • TADsince1995 scrive:
        Re: SO?
        - Scritto da: Fabrizio
        sono decenni che devono sviluppare la nuova
        versionehttp://www.osnews.com/story/20043/Amiga_OS_4_1_Announcedhttp://www.hyperion-entertainment.biz:8080/news/2008-07-11
        quaclosa c'è (un fork mi sembra) ma è
        letteralmente inutilizzabile, almeno secondo le
        recensioni
        letteDove please?TAD
        • 0verture scrive:
          Re: SO?
          Bello OS4... (bello anche il fratellastro morph os) peccato che manchi l'hardware e si tiri a campare su schedine che non sembrano proprio nate per il mercato home (Efika e Sam sono schede ad uso industriale).Forse dovrebbero veramente pensare di fare un port verso i pc così su di un atom o un c7 farebbero a fette sia xp che linux.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: SO?
            - Scritto da: 0verture
            Bello OS4... (bello anche il fratellastro morph
            os) peccato che manchi l'hardware e si tiri a
            campare su schedine che non sembrano proprio nate
            per il mercato home (Efika e Sam sono schede ad
            uso
            industriale).Efika ok, è di bassissimo profilo, ma Sam440 è una bella schedina, tutta italiana, sulla quale girerà OS4 e su cui già gira AROS nativo PPC:http://arosshow.blogspot.com/2008/07/aros-sam440-iso-released.htmltanto che la Acube Systems (autori di Sam440) lo distribuisce insieme alla scheda.
            Forse dovrebbero veramente pensare di fare un
            port verso i pc così su di un atom o un c7
            farebbero a fette sia xp che
            linux.Concordo pienamente.TAD
          • 0verture scrive:
            Re: SO?
            ma Sam440 è
            una bella schedina, tutta italiana, sulla quale
            girerà OS4 e su cui già gira AROS nativo
            PPC:
            Sarà anche una bella scheda ma è sempre qualcosa che non può andare oltre al mercato dei nostalgici. AmigaOne dimostra che per catturare dei polli basta serigrafare un marchio famoso sulla prima boiata che capita a tiro.Oltremodo un sistema operativo per avere motivo di esistere deve avere anche un certo supporto da parte dei software in uso presso i professionisti e se questi risultano troppo esosi di risorse (magari non direttamente per colpa dei programmatori ma anche solo perchè devono fare elaborazioni molto complesse) la schedina finisce in fretta tagliata fuori.Supponi anche solo un programma per il montaggio video: potrebbe essere scritto direttamente in ASM per G3/G4 finendo così per essere velocissimo ma se poi dovesse elaborare fonti in HD, la schedina non ce la farebbe comunque e non verrebbe considerata.Ultimamente ho sentito parlare di una versione di AOS per mac mini ppc ma mi chiedo quale senso abbia correre dietro alle nicchie morte di mercato.
          • 0verture scrive:
            Re: SO?
            E dimenticavo una cosa: queste schedine spesso e volentieri vengono vendute in pochissimi posti il che comporta degli esborsi spaventosi.Se cerchi le "ram per amigaone" (comunissime pc133 ma shhh guai a dirlo in giro) te le vendono a cifre di 80£ (ottanta sterline, non so se mi spiego).Insomma un altro punto a sfavore per una possibile invasione di mercato.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: SO?
            Il target amighista non sarà mai più il signor rossi che deve comprare "il computer" per il figlio. Il target siamo noi amighisti inguaribili. Ormai pochi.Per questo punto su AROS, che può essere installato su un comune PC e può avvicinare l'utente comune non amighista alla filosofia e a un sistema amiga-like.A meno che non si sveglino e decidano di portare AmigaOS su x86, ma ormai penso questo sia fantascienza.In ogni caso non finirò mai di dirlo, seppur in modo spesso grottesco e confusionario, amiga è l'unico caso nella storia dell'informatica in cui c'è ancora uno sforzo collettivo per far risorgere una piattaforma commercialmente morta da 14 anni.TAD
          • 0verture scrive:
            Re: SO?

            A meno che non si sveglino e decidano di portare
            AmigaOS su x86, ma ormai penso questo sia
            fantascienza.Ah bhe se la tendenza è preferire supportare delle misconosciute schede ppc dal nebuloso futuro a qualcosa si forse più plebeo (ma visti amigaone e parenti inviterei chi la pensa così a guardarsi il proprio orto prima di sputare veleno sui pc) ma infinitamente più vitale, si faccia pure, ma prima o poi anche gli ultimi interessati a sviluppare qualcosa si stuferanno e sarà poi la fine.Hyperion con il suo OS4 è stato un gran bel colpo ma non sta scritto da nessuna parte che ci saranno sempre e tanto meno che una volta persi loro ci sarà un sostituto.Aros sinceramente è un progetto troppo nostalgico per poter rilanciare qualcosa tanto è vero che non ci sono neanche due idee in croce sul futuro dopo il rilascio di una release stabile.
  • Ernesto Bruscia scrive:
    Se costava un pò di meno..,
    Non basta avere il marchio Commodore per emergere in questo mercato dove c'è un' offerta di moltissimi modelli che costano quasi tutti 399 euro. Avrebbero fatto bene a proporlo ad un prezzo più aggressivo. Purtroppo Commodore è solo un vecchio marchio da appiccicare a prodotti che non hanno nulla di innovativo.
  • Giambo scrive:
    Tutto bene ...
    Se non fosse per "un hard disk da 80 GB".Su un device del genere non ci vuole un HD cosi' grande, e sopratutto non ci vuole della meccanica.La strada giusta IMHO e' SSD.
    • Fabrizio scrive:
      Re: Tutto bene ...
      giusto nessuna parte meccanica in movimento deve essere presente su questa tipologia di macchine serve per navigare non per scaricare. è piccolo deve essere portato ovunque senza dover avere una borsa specifica (io il mio aspire one lo metto, con la mutanda fornita in dotazione, dentro una borsa comprata dai cinesi a 5 euro leggermente imbottita da me medesimo (ho metto sul fondo una strisciolina di gomma piuma che mi avanzava)) che ingombra e invoglia ai furti (chi me la frega la borsa da 5 euro? che ne sanno che c'è un portatile?). con la ssd puoi farlo con un hd normale no dopo 3 minuti si rompe (si rompono solo scuotendo un pò il portatile infatti ogni borsa seria ha un legaccio per tenere ferma la macchina)W l'aspire onecmq commodore è tornata da un pezzo 3 anni fa ho comprato un lettore mp3 con il logo commodore al mediaworld ce n'erano 10
      • 0verture scrive:
        Re: Tutto bene ...

        cmq commodore è tornata da un pezzo 3 anni fa ho
        comprato un lettore mp3 con il logo commodore al
        mediaworld ce n'erano
        10Qualitativamente almeno meritano o valgono quanto gli S1 rimarchiati mediacom che si suicidano dopo 3 mesi ?
  • Andreabont scrive:
    Prezzo
    Il prezzo, come tutti i mini notebook, varierà di 100-150 euro in base al sistema operativo montato su.Se monti linux compri solo il pc, se monti Windows devi pagare quei 100.150 euro in più come licenza per l'uso di software microsoft.(Calcoli eseguiti su mini notebook già in commercio)
    • Luca Vanoff scrive:
      Re: Prezzo
      Vai a vedere quanto costa la "licenza di XP" quando microsoft rompe per la genuinità di windows... esattamente 146 che è l'esatta differenza tra un NBK win e un NBK linux.Sebbene trovo che windows sia il sistema piu adeguato per lavorare su veri pc, per questi netbook trovo che linux invece sia l'ideale.Quindi a mio consiglio, sarebbe meglio acquistare un NBK linux se proprio dovete.
      • asasa scrive:
        Re: Prezzo
        - Scritto da: Luca Vanoff
        Quindi a mio consiglio, sarebbe meglio acquistare
        un NBK linux se proprio
        dovete.Sì, me l'ha prescritto il medico
    • lroby scrive:
      Re: Prezzo
      - Scritto da: Andreabont
      Il prezzo, come tutti i mini notebook, varierà di
      100-150 euro in base al sistema operativo montato
      su.

      Se monti linux compri solo il pc, se monti
      Windows devi pagare quei 100.150 euro in più come
      licenza per l'uso di software
      microsoft.

      (Calcoli eseguiti su mini notebook già in
      commercio)EEEPC900 HDD20GB S.O. Linux = 399 euro (prezzo ufficiale)EEEPC900 HDD12GB S.O. XP H.E.= 399 euro (prezzo ufficiale)sicuramente il costo delle licenze di XP (Home!) sui subnotebook è quello indicato da te...Avanti il prossimo!LROBY
      • Polemik scrive:
        Re: Prezzo
        Qual è la differenza di prezzo fra un HDD da 12 ed uno da 20 GB? Giusto per farsi un'idea su quanto lucra la Microsoft...
        • lroby scrive:
          Re: Prezzo
          - Scritto da: Polemik
          Qual è la differenza di prezzo fra un HDD da 12
          ed uno da 20 GB? Giusto per farsi un'idea su
          quanto lucra la
          Microsoft...Per essere corretti dovresti vedere quanto sia la differenza tra un disco SSD da 8GB al pubblico IVATO contro un disco SSD 16GB pubblico IVATOQuesto perchè in verita gli eeePC montano di serie 2 dischi SSD, il primo sempre da 4GB mentre il secondo appunto nei tagli da 8 e 16GBLROBY
          • 0verture scrive:
            Re: Prezzo
            In ogni caso è difficile che siano prezzi molto elevati. I dischi SSD di qualità costano un botto, ben più di tutto l'eeepc. Se asus può permettersi di inserirli dentro computerini che può vendere a basso costo (evidentemente guadagnandoci sopra) è perchè:a- Non devono essere il massimo in termini di affidabilità (il fatto che le distro linux caricate sopra siano formattate in ext2 e disabilitino buona parte dei log, fa pensare male)b- Costano una miseria e qualitativamente non hanno niente a che vedere con i 32 e 64GB disponibili sui portatili cari
          • lroby scrive:
            Re: Prezzo
            - Scritto da: 0verture
            In ogni caso è difficile che siano prezzi molto
            elevati. I dischi SSD di qualità costano un
            botto, ben più di tutto l'eeepc. Se asus può
            permettersi di inserirli dentro computerini che
            può vendere a basso costo (evidentemente
            guadagnandoci sopra) è
            perchè:

            a- Non devono essere il massimo in termini di
            affidabilità (il fatto che le distro linux
            caricate sopra siano formattate in ext2 e
            disabilitino buona parte dei log, fa pensare
            male)

            b- Costano una miseria e qualitativamente non
            hanno niente a che vedere con i 32 e 64GB
            disponibili sui portatili
            cariTutto quello che tu sostieni non fà che confermare che ANCHE il valore della licenza di XP sui netbook eeePC sia relativamente molto basso (ipotizziamo meno di 50 euro ivato) e non di 100-150 euro come sostenuto da qualcun'altro)senza contare che un privato compra una singola licenza OEM di XP H.E. al massimo a 90 euro, quindi la asus comprandone un lotto bello grande dalla MS potrà permettersi di venderlo ad un prezzo finale (anche se integrato nel costo del pc) IMHO non superiore a 30-40 euro.LROBY
          • krane scrive:
            Re: Prezzo
            - Scritto da: lroby
            - Scritto da: 0verture
            Tutto quello che tu sostieni non fà che
            confermare che ANCHE il valore della licenza di
            XP sui netbook eeePC sia relativamente molto
            basso (ipotizziamo meno di 50 euro ivato) e non
            di 100-150 euro come sostenuto da qualcun'altro)Per tagliare la testa al toro bisognerebbe vedere a quanto lo vendono negli store francesi adesso che c'e' stata la sentenza che li obbliga a separare il prezzo.Qualcuno ha qualche link ?
      • William scrive:
        Re: Prezzo
        Se ti facciamo notare che ci sono 8 GB di differenza tra i due modelli, ci arrivi da solo vero? ;-)
        • lroby scrive:
          Re: Prezzo
          - Scritto da: William
          Se ti facciamo notare che ci sono 8 GB di
          differenza tra i due modelli, ci arrivi da solo
          vero?
          ;-)Il mio messaggio era da intendersi come :valore della licenza di XP H.E. viene fatto pesare in termini di euro aggiunti al prodotto in maniera equivalente alla differenza tra il costo di 12 GB (8GB + 4GB in realtà) e 20 GB (16GB + 4GB in realtà)Ovvero si traduce nella sola differenza di prezzo al pubblico tra un ssd da 8 GB ed uno da 16GB:DLROBY
  • lol scrive:
    un marchio non fa primavera
    un marchio non fa primavera, ci vuole ben altro
    • fsn scrive:
      Re: un marchio non fa primavera
      oltretutto, il marchio "commodore" e tutti i brevetti non appartengono più ai legittimi proprietari e creatori di immortali Vic20 e C64/128per quanto mi riguarda, logo commodore o no, se lo possono tenere. Stanno rovinando la storia...
  • Whishper scrive:
    Se fosse un Amiga
    Se fosse un Amiga (OS), però, vi immaginereste????Il mio ultimo Amiga era velocissimo, ed era un 14MHz. Questo, con i suoi 1,6GHz, sarebbe 1000 volte più veloce!!! Da fantascienza!Rivoglio il mio deluxe paint, era 10000 volte meglio di Paint (amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)
    • jumpjack scrive:
      Re: Se fosse un Amiga

      Rivoglio il mio deluxe paint, era 10000 volte
      meglio di Paint
      (amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)Parole sante!Dopo 15 anni devo ancora abituarmi ai nuovi SW grafici e "disabituarmi" a Deluxe Paint!
      • Guybrush scrive:
        Re: Se fosse un Amiga
        Tie'http://it.wikipedia.org/wiki/AROSe beccati pure questohttp://aros.sourceforge.net/...e divertiti :DGT
        • CoreDump scrive:
          Re: Se fosse un Amiga
          Il problema e che Aros nn fa girare i programmi originale del vecchio AmigaOs previo ricompilazione o mi sbaglio? questo taglia praticamente fuori il 99% dei giochi e molto altro, comunque io dopo un bel po di astinenza nn cè l'ho fatta piu e proprio ieri ho ri-montato il mio buon A1200 con tanto di 8 mega di fast+68882, ho persino comprato una cavo scart su ebay che il vecchio si era deteriorato, un amiga e per sempre ^_^ciao.- Scritto da: Guybrush
          Tie'

          http://it.wikipedia.org/wiki/AROS

          e beccati pure questo

          http://aros.sourceforge.net/

          ...e divertiti :D

          GT
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Se fosse un Amiga
            - Scritto da: CoreDump
            Il problema e che Aros nn fa girare i programmi
            originale del vecchio AmigaOs previo
            ricompilazione o mi sbaglio?E' questo il suo scopo originale. La compatibilità a livello sorgente con AmigaOS 3.1, NON certo con il chipset Amiga originale, per quello c'è euae.
            questo taglia
            praticamente fuori il 99% dei giochiIl 99% dei giochi non usavano le api del sistema operativo ma lavoravano direttamente sull'hardware (credo una delle pochissime eccezioni era Sim City) e quindi come dicevo, la compatibilità con il chipset non è prevista, anche perchè in teoria aros dovrebbe girare sul classico cassone acer x86 del supermarket.
            e molto
            altro, comunque io dopo un bel po di astinenza nn
            cè l'ho fatta piu e proprio ieri ho ri-montato il
            mio buon A1200 con tanto di 8 mega di fast+68882,
            ho persino comprato una cavo scart su ebay che il
            vecchio si era deteriorato, un amiga e per sempreAssolutamente. (amiga)(amiga)TAD
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Se fosse un Amiga
      - Scritto da: Whishper
      Se fosse un Amiga (OS), però, vi immaginereste????Ce lo puoi sempre emulare, come in questo caso:http://www.amigaforever.com/news-events/20080115eee/
      Il mio ultimo Amiga era velocissimo, ed era un
      14MHz.Io con lo 030 a 50Mhz mi sentivo in paradiso!
      Questo, con i suoi 1,6GHz, sarebbe 1000
      volte più veloce!!! Da
      fantascienza!
      Rivoglio il mio deluxe paint, era 10000 volte
      meglio di Paint
      (amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)Io ho trovato questo molto simile:http://mtpaint.sourceforge.net/TAD (amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)
    • Anonimo scrive:
      Re: Se fosse un Amiga
      - Scritto da: Whishper
      Se fosse un Amiga (OS), però, vi immaginereste????
      Il mio ultimo Amiga era velocissimo, ed era un
      14MHz. Questo, con i suoi 1,6GHz, sarebbe 1000
      volte più veloce!!! Da
      fantascienza!
      Rivoglio il mio deluxe paint, era 10000 volte
      meglio di Paint
      (amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)So che un marchio non vuol dire nulla... Ma se fosse un amiga sarebbe il massimo!!!!
  • 0verture scrive:
    Non sarebbe male se non fosse...
    ...per quel cavolo di C7... si fa prendere a calci perfino dall'atom...Sarebbe interessante trovare un confronto tra i sottosistemi grafici dei sistemi su atom e di quelli via, magari c'è un recupero
    • Luca Vanoff scrive:
      Re: Non sarebbe male se non fosse...
      Inquanto a sottosistema grafico, la Via Chrome è migliore della intel 945...Altro discorso sarebbe se mettessimo a confronto Via Chrome con Intel 965GM in questo caso penso che intel abbia la meglio.
      • 0verture scrive:
        Re: Non sarebbe male se non fosse...
        Migliore ma di quanto e poi c'è qualcuno che si prende veramente la briga di ottimizzarci qualcosa sopra ?
  • Gix scrive:
    bentornata Commodore
    quanto dura la batteria?
    • francososo scrive:
      Re: bentornata Commodore
      più che altro si spera che il costo si abbassi ulteriormente !
    • Amiga lover scrive:
      Re: bentornata Commodore
      Che sistema monta?Il prezzo è un pò troppo alto e cmq la macchina andrebbe recensita a dovere per valutarne la bontà.(amiga)
      • Amiga lover scrive:
        Re: bentornata Commodore
        Mi rispondo da solo dopo una veloce ricerca:"Como sistema operativo se podrá optar entre Windows XP y Linux."Aspettiamo le valutazioni e le varie comparison per vedere se vale quel prezzo.Ciuaz!
      • Luca Vanoff scrive:
        Re: bentornata Commodore
        di sicuro non amiga os :)La versione da 400 euro (399.90) sarà Windows, la versione con Linux dipende se sceglieranno una distro commerciale o una distro comunity.Nel secondo caso si puo sperare per un 350 (349.90 )
        • DarkSchneider scrive:
          Re: bentornata Commodore
          - Scritto da: Luca Vanoff
          di sicuro non amiga os :)
          La versione da 400 euro (399.90) sarà Windows,
          la versione con Linux dipende se sceglieranno una
          distro commerciale o una distro
          comunity.

          Nel secondo caso si puo sperare per un 350
          (349.90
          )Linux? Un simile oggetto può avere solo un sistema operativo! AROS!
    • Luca Vanoff scrive:
      Re: bentornata Commodore
      - Scritto da: Gix
      quanto dura la batteria?Un C64 attaccato ad una batteria di una Fiat UNO con un inverter a suo tempo mi è durato ben 6 ore di gioco... ovviamente era collegata anche la televisione in bianco e nero... il classico tv arancione in bianco e nero dei primi anni 80...Dopo 4 ore di gioco si è spento tutto... (e mio padre si incazzò come una bestia per dover chidere i cavi a qualcuno per riavviare la uno)
Chiudi i commenti