Il cuore di Windows Media è standard

Un importante organismo di standardizzazione ha dato la propria benedizione al codec VC-1 di Microsoft, lo stesso già abbracciato da Blu-ray e HD DVD


White Plains (USA) – La tecnologica di codifica video VC-1 di Microsoft, alla base del formato Windows Media 9 , ha ricevuto l’approvazione a standard da parte della Society of Motion Picture and Television Engineers ( SMPTE ). Per il gigante di Redmond si tratta di un traguardo molto importante, che fa del proprio codec un’alternativa ufficiale al già affermato standard H.264 di MPEG e ITU-T.

“La standardizzazione di VC-1 è il frutto di oltre due anni di lavoro da parte di 120 persone che rappresentano 75 aziende operanti nel settore dei media e dell’intrattenimento”, ha commentato Ingo Höntsch, chair del Video Compression Technology Committee di SMPTE.

La sottoposizione della specifica VC-1 all’SMPTE, un organismo che normalizza moltissimi aspetti chiave nel mondo del video e della televisione, ha già permesso a Microsoft di spingere la propria tecnologia all’interno dei giovani formati Blu-ray e HD DVD : l’implementazione del codec video VC-1, insieme a quello MPEG2 e MPEG4 AVC (H.264), è requisito obbligatorio per ogni player compatibile con uno dei due standard a laser blu.

Da sottolineare come VC-1 sia anche il codec standard di Xbox 360 , e venga utilizzato dagli sviluppatori per comprimere i video inclusi nei giochi.

La standardizzazione del codec dovrebbe semplificarne l’adozione da parte dell’industria, che d’ora in avanti sarà libera di implementare VC-1 in dispositivi come videocamere digitali e set-top box senza l’obbligo di ricevere l’approvazione da parte di Microsoft. Le aziende potranno licenziare il codec direttamente da SMPTE, la quale spartirà le royalty con Microsoft.

Windows Media 9 è un’implementazione di VC-1 che comprende molte, ma non tutte, le funzionalità previste dalla specifica del codec: tra quelle assenti vi sono ad esempio diverse modalità per il video interlacciato.

Il progetto open source FFmpeg sta già lavorando da diversi mesi ad un’implementazione libera di VC-1 in grado di decodificare il video compresso con tale codec.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • 5ze247940 scrive:
    Re: Ora c'è TOR, freenet è vecchio
    Personalmente non capisco il nodo comune...Freenet garantisce la ridondanza dei dati, il fatto che non vi sia un'indirizzo ip da chiudere o puntare per raggiungere l'informazione, la liberta di esprimersi e sopravvivere(cito dal testo) anche al suo creatore...Insomma Tor è meglio?E' una mia opinione ma pare come paragonare ostriche e pizza...Mha...Sbaglio?
  • Anonimo scrive:
    Re: senza nulla togliere a darknet
    Netsukuku è un progetto serio, con grandi potenzialità IMO. Punto Informatico ci ha pure fatto un articolo.Dagli uno sguardo, e non ti fissare su Hacker Journal! :-)
  • maleakim scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...

    Basta che donino un piccola percentuale di quelli
    che lo usano.
    Senza contare che, il 90% dei progetti software
    si basa sulla passione e sulla motivazione e non
    sui $.Vero, ma quello che volevo dire è che se aspettiamo a sostenere una causa (qualsiasi) solo nel momento in cui ne siamo interessati, potremmo non trovare nessuno che ci sostiene nel momento del "nostro" bisogno.

    Non voglio essere sarcastico, ma se pensiamo di

    aiutare un progetto solo se ne abbiamo veramente

    bisogno, rischiamo grosso.

    Non sei sarcastico, ma hai paraocchi.
    Semplificando al limite della illogicità (se io
    non dono, "Ed allora Freenet non ci sarà più") e
    generalizzando non vai da nessuna parte.Stavo solo puntualizzando sulla tua affermazione "se un giorno ne avrò bisogno, potrei rivalutare la decisione" che mi è sembrata un po' egoistica.Ho semplificato e generalizzato, è vero (però non capisco i paraocchi :)) ma è il discorso ad essere generale. Mi sembra che la mentalità sia: lasciamo che siano gli altri a sbattersi per ottenere qualcosa, poi quando mi servirà me ne occuperò.
  • maleakim scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?
    - Scritto da: Anonimo

    Nessuno ha mai pensato che se la giustizia fosse

    stata "ideale" e questo qua fosse stato preso,

    processato, giudicato e incarcerato il giorno

    stesso dello stupro, nel 2000 (o 2001), sarebbe

    uscito proprio in questo periodo, come uomo

    libero, e quindi perfettamente in grado di

    compiere quello che ha fatto.

    Se la giustizia fosse stata ideale Alessi, che ha
    stuprato una sedicenne (o diciottenne, ma è
    uguale) legando con un complice il ragazzo di
    questa ad un albero, avrebbe dovuto scontare
    10000 anni di galera non cinque!!!!
    DIECIMILA!Ok, considerando che diecimila è impossibile, prendo la tua affermazione come "ergastolo".Assumiamo come base il tuo Stupro=ergastolo.Ora ti chiedo di darmi i tuoi giudizi sulle pene di:1) Omicidio premeditato2) Strage3) Attentato terroristico4) Sequestro di personaEcc ecc...Tutti oltre l'ergastolo? Cosa facciamo, pena di morte?
  • Anonimo scrive:
    Re: IL PROBLEMA STORICO DI FREENET
    - Scritto da: Anonimo
    Il ciclo del software è fatto di questo. Se vuoi
    migliorare il prodotto devi essere pronto a
    distruggere e ricostruire da capo.
    non sono daccordo... è una idiozia..."il ciclo del software" non è il "cerchio della vita"...non siamo mica in un cartone animato.Se un progetto opensource/GPL vuole supporto dalla comunità, deve rendere la comunità partecipe.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Proposta:perchè PI non apre un forum

    solo per gli agenti Siae? Così stanno a

    trollarsi e denunciarsi a vicenda, e

    lasciano in pace noi...
    Tutti quelli che, al posto di argomentare,
    accusano gli altri di essere pagati da
    chicchesia, offendono più se stessi che le
    persone che vorrebbero offendere.Tanto che gli frega... Loro pensano allo stipendio a fine mese, altro che offendersi, e' solo un merd**o lavoro come un altro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo
    Proposta:perchè PI non apre un forum solo per gli
    agenti Siae? Così stanno a trollarsi e
    denunciarsi a vicenda, e lasciano in pace noi...Tutti quelli che, al posto di argomentare, accusano gli altri di essere pagati da chicchesia, offendono più se stessi che le persone che vorrebbero offendere.
  • Anonimo scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?

    - Scritto da: Anonimo
    Bravo, bella lezione, soprattutto se viene da uno
    che si firma "M."

    Purtroppo Darknet serve anche per proteggere
    quelli come te... Punto Informatico secondo me
    dovrebbe avere dalla Siae un ristorno dall' "equo
    compenso", visto che i provocatori SIAE consumano
    spazio e banda del forum.A parte il quoting da ubriaco, tutti quelli che, al posto di argomentare, accusano gli altri di essere pagati da chicchesia, offendono più se stessi che le persone che vorrebbero offendere.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ora c'è TOR, freenet è vecchio

    Basta freenet, è vecchio.si si, Tor e' bello tutto buono e' il futuro..... almeno fino a che gli exit point vorranno sobbarcarsi la responsabilita' delle sciocchezze commesse da chi sta nei layer superiori.
  • Anonimo scrive:
    Re: IL PROBLEMA STORICO DI FREENET
    Il ciclo del software è fatto di questo. Se vuoi migliorare il prodotto devi essere pronto a distruggere e ricostruire da capo.Ci vorrà del tempo.
  • Anonimo scrive:
    Re: senza nulla togliere a darknet

    http://netsukuku.freaknet.org
    fonte: hacker journal n.98ma soprattutto "hacker journal n.98"...omfg
  • Anonimo scrive:
    Re: Piu' importante la liberta' di parol
    - Scritto da: Anonimo
    Praticamente chiunque può
    entrare in un giro di scambi illegali di
    qualsiasi natura (anche la tratta degli schiavi,
    degli organi, richiedere un riscatto per un
    rapimento ....) senza essere rintracciabile.Che stupidaggine.Il punto che sembra sfuggirti e', per esempio, cheda qualche parte gli organi illegalmente scambiatidevono stare. Il contatto tramite la darknet sarebbeeventualmente solo un primo passo.
    Questo mi sembra troppo.Davvero, sembri il tipo della famosa storiellina a cuiil tecnico disse: "Lei e' troppo stupido per avere uncomputer".Sforzati di vedere al di la' del naso...
  • Anonimo scrive:
    Re: IL PROBLEMA STORICO DI FREENET

    Sottoscrivo tale proposito, limitandomi a
    sottolineare come spesso sia proprio la mancanza
    di mezzi il motivo per cui lo stesso dibattito è
    difficile e per il quale molti, che pur tanto han
    dato, son'ora uccel di bosco, tra figli e
    fidanzate, suocere e bollette.
    Tanto pensavo foss'utile dire.Sono daccordo,osservando il caso in questione pero',il team di freenet ha sempre posto molta piu' attenzione ai dettagli che alle cose pratiche senza neanche cercare vie di mezzo.... come mantenere il software in "puro" codice java per garantire la portabilita', come le politica dei rilasci, le priorita' sulle funzionalita' da implementare etc.Inoltre se adesso mancano fondi è soprattutto perche' Freenet e' stata _rasa al suolo_ e ricostruita _piu'_ volte sulle sue stesse macerie. Sarebbe come dire "chiudiamo questa internet e creiamone un altra da zero senza migrare i contenuti".Le mailing list su freenet in questi anni si sono svuotate, i contenuti e i supporter si sono piu' che dimezzati e i public gateway sono ormai praticamente inesistenti.C'e' bisogno di costruire la rete, popolarla di contenuti come e' gia' successo in passato, cercando di sensibilizzare gli sviluppatori per tener conto delle esigenze degli utenti (che poi sono quelli che finanziano il progetto) quando si passa da una versione all'altra.giobbe
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo


    Sta alla coscienza del singolo giudicare.

    Io non ho, per fortuna, bisogno disperato di

    privacy al punto da essere costretto ad usare

    freenet, se un giorno ne avrò bisogno, potrei

    rivalutare la decisione.

    Provocazione: se non hai un così disperato
    bisogno di privacy perchè ti mantieni anonimo?Proposta:perchè PI non apre un forum solo per gli agenti Siae? Così stanno a trollarsi e denunciarsi a vicenda, e lasciano in pace noi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo
    .. invece di comprarmi l'ultimo gadget
    elettronico.

    Penso di averli spesi meglio.Hai fatto bene. L'ho fatto anch'io, è una sorta di investimento sul futuro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Speriamo
    dare un euro non farebbe schifo, o deve essere proprio sempre tutto gratis, eh? Io dopo aver dato adesso mi sento meglio, di computer non capisco niente ma due lire le ho date di cuore...
  • Anonimo scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?
    - Scritto da: Anonimo
    La maggior parte dei reati è commessa col favore
    della notte, Darknet, mai nome poteva essere più
    appropriato.
    Ma non bastava Tor per bloggare anonimamente ed
    esprimere le proprie opinioni in libertà?
    Avete paura della RIAA? C'è MUTE.
    Riflettiamoci, solo chi ha qualcosa di davvero
    importante da nascondere può voler usare un
    servizio come DarkNet.
    A mio modesto parere Darknet protegge la libertà
    di occultazione non quella di espressione.
    A chi può servire un servizio del genere?
    A chi deve fare comunicazioni illecite.
    E poi in USA nel frattempo si lamentano che lo
    stato non riesce a proteggere i minori, beh, se
    si realizzano progetti simili è anche ovvio,
    purtroppo.

    Detto questo se volete aiutare criminali e
    pedofili o volete anche solo avere il dubbio di
    averlo fatto, finanziate pure Darknet.

    Per quanto mi riguarda, mi astengo.

    Saluti,

    M.


    Bravo, bella lezione, soprattutto se viene da uno che si firma "M."Purtroppo Darknet serve anche per proteggere quelli come te... Punto Informatico secondo me dovrebbe avere dalla Siae un ristorno dall' "equo compenso", visto che i provocatori SIAE consumano spazio e banda del forum.
  • Anonimo scrive:
    Re: HO DONATO 10 $
    Sono quello dei 10$... la mia donazione l'ho fatta affinchè mio figlio quando sarà grande possa togliersi dai piedi i datori di lavoro dei troll che infestano Punto Informatico... un mondo senza SIAE sarà un mondo migliore...
  • Anonimo scrive:
    Re: java = schifo
    - Scritto da: Anonimo
    x molti me compreso e' questo quello che vedo
    quando si vede un programma in java
    se lo compilassero in c++ andrebbe come il mulo
    ia per i programmatori sia per gli utentiSe sapessi scrivere in italiano capiresti che non si usa "x" su un forum per sostituire la parola "per".Se sapessi cos'è Java capiresti che in alcune applicazioni è estremamente utile.
  • Anonimo scrive:
    Re: Joint venture
    - Scritto da: Anonimo
    Ma perchè i progettisti di Mute, Ants, TOR e
    Freenet non si mettono tutte insieme, a lavorare
    ad un bel progetto in comune? Non sarebbe meglio?
    Metterebbero in quel progetto comune tutto il
    meglio dei loro sforzi individuali.

    Mi sa che devo convincere papà a sganciare un bel
    milioncino di euro, tanto per cominciare, sennò
    qui nessuno si da una mossa :(

    Con un bel milioncino iniziale, ve la dareste una
    mossa?!

    Solo risposte serie, please!E che ci dovesse nascondere vossia in Freenet, se sgancerebbe un milioncino per lo sviluppo?(Le sembra abbastanza seria come risposta?)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ora c'è TOR, freenet è vecchio
    - Scritto da: Anonimo
    TOR The Onion Router, http://tor.eff.org/, è
    decisamente un idea + promettente, freenet è
    stato un bell'esperimento ma ora bisogna fare sul
    serio.

    TOR è un progetto serio per creare un layer
    anonimo e criptato sopra una rete aperta, è
    duttile (permette sia di nascondere il proprio
    percorso verso siti in internet, sia di creare
    contenuti all'interno della rete tor stessa), non
    ha biosogno di creare darkqua e freela, è
    nativamente un protocollo di routing non un
    sistema di sharing di contenuti e come tale molto
    piu estensibile.

    Basta freenet, è vecchio.e io son sempre qui a chiedere una bella intervista al Minotti sule responsabilità di fare girare un nodo TOR :'(
  • Anonimo scrive:
    Re: Domanda niubba su Freenet
    Non per essere maleducato ma mi sa che l'inglese è fondamentale...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo


    Sta alla coscienza del singolo giudicare.

    Io non ho, per fortuna, bisogno disperato di

    privacy al punto da essere costretto ad usare

    freenet, se un giorno ne avrò bisogno, potrei

    rivalutare la decisione.

    Provocazione: se non hai un così disperato
    bisogno di privacy perchè ti mantieni anonimo?*NON* sono anonimo. Infatti non siamo su Freenet e non sto usando nè proxy nè tor.E non ce ne sarebbe motivo, peraltro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...

    Sta alla coscienza del singolo giudicare.
    Io non ho, per fortuna, bisogno disperato di
    privacy al punto da essere costretto ad usare
    freenet, se un giorno ne avrò bisogno, potrei
    rivalutare la decisione.Provocazione: se non hai un così disperato bisogno di privacy perchè ti mantieni anonimo?
  • Anonimo scrive:
    senza nulla togliere a darknet
    immaginate una rete indipendente da server, provider e autorità di controlllo di qualunque tipo: l'unico requisito indispensabile è il collegamento fisico tra computer, impensabile fino a pochi anni fa. Oggi con il wi-fi (e wi-fi max) è possibile. Un progetto in questo senso è netsukukuhttp://netsukuku.freaknet.org fonte: hacker journal n.98
  • Anonimo scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?
    - Scritto da: Anonimo
    Premesso che non abbia ancora capito di cosi si
    tratta appieno, ho solo potuto intuire qlc
    leggendo i vostri messaggi, stavo pensando alle
    stesse argomentazioni del primo...
    Sebbene possa aiutare in qlc paese in cui vige la
    censura di stato (libia, per es.) potrebbe anche
    essere molto pericoloso in un paese come
    l'Italia.
    Parliamoci chiaramente : sarebbe uno strumento
    semplicemente per cercare di eludere la propria
    identità. E si elude la propria identità solo se
    si commette qualcosa di non bello... giusto ?No, si elude la propria identita anche quando si e' circondati da persone che fanno cose non belle e le si vuole denunciare, non per niente la prima discussione sui primissimi server anonimi parlava di stupri in famiglia.
    Quindi, chi ne avrebbe _veramente_ interesse ?Chiunque abbia necessita' di comunicare pur essendo circondato da persone che non desiderano che queste comunicazioni avvengano.
    Sono curioso di leggere una replica dal tizio che
    aveva risposto "basta con questi luoghi comuni"
    in quanto ci sarà una motivazione talmente ovvia
    che io non posso che essere uno stupido a non
    vederla... lo scongiuro di non essere così avido
    di conoscenza e di illuminare anche me...Certo aiuterebbe leggere tutta la discussione invece di intervenire a meta' magare riproponendo domande a cui e' gia' stata data risposta.
    ciau
    - Dean
  • Anonimo scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?
    Premesso che non abbia ancora capito di cosi si tratta appieno, ho solo potuto intuire qlc leggendo i vostri messaggi, stavo pensando alle stesse argomentazioni del primo...Sebbene possa aiutare in qlc paese in cui vige la censura di stato (libia, per es.) potrebbe anche essere molto pericoloso in un paese come l'Italia.Parliamoci chiaramente : sarebbe uno strumento semplicemente per cercare di eludere la propria identità. E si elude la propria identità solo se si commette qualcosa di non bello... giusto ?Quindi, chi ne avrebbe _veramente_ interesse ?Sono curioso di leggere una replica dal tizio che aveva risposto "basta con questi luoghi comuni" in quanto ci sarà una motivazione talmente ovvia che io non posso che essere uno stupido a non vederla... lo scongiuro di non essere così avido di conoscenza e di illuminare anche me...ciau- Dean
  • Anonimo scrive:
    Re: Domanda niubba su Freenet
    sono nella tua stessa condizione con la sola differenza (credo) che sono anche uno studentello di informatica :@ Ciau- Dean
  • Anonimo scrive:
    Joint venture
    Ma perchè i progettisti di Mute, Ants, TOR e Freenet non si mettono tutte insieme, a lavorare ad un bel progetto in comune? Non sarebbe meglio? Metterebbero in quel progetto comune tutto il meglio dei loro sforzi individuali.Mi sa che devo convincere papà a sganciare un bel milioncino di euro, tanto per cominciare, sennò qui nessuno si da una mossa :(Con un bel milioncino iniziale, ve la dareste una mossa?! Solo risposte serie, please!
  • Anonimo scrive:
    Re: Ora c'è TOR, freenet è vecchio
    Loro lo scrivono, dubito freenet ti dia garanzie di qualche tipo, stiamo parlando di progetti best effort. Entrambi, inoltre questo non toglie che TOR è il futuro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ora c'è TOR, freenet è vecchio
    - Scritto da: Anonimo
    TOR The Onion Router, http://tor.eff.org/, è
    decisamente un idea + promettente, freenet è
    stato un bell'esperimento ma ora bisogna fare sul
    serio.

    TOR è un progetto serio per creare un layer
    anonimo e criptato sopra una rete aperta, è
    duttile (permette sia di nascondere il proprio
    percorso verso siti in internet, sia di creare
    contenuti all'interno della rete tor stessa), non
    ha biosogno di creare darkqua e freela, è
    nativamente un protocollo di routing non un
    sistema di sharing di contenuti e come tale molto
    piu estensibile.

    Basta freenet, è vecchio.[notice] Tor v0.1.x.xx. This is experimental software. Do not rely on it for strong anonymity.
  • Anonimo scrive:
    Ora c'è TOR, freenet è vecchio
    TOR The Onion Router, http://tor.eff.org/, è decisamente un idea + promettente, freenet è stato un bell'esperimento ma ora bisogna fare sul serio.TOR è un progetto serio per creare un layer anonimo e criptato sopra una rete aperta, è duttile (permette sia di nascondere il proprio percorso verso siti in internet, sia di creare contenuti all'interno della rete tor stessa), non ha biosogno di creare darkqua e freela, è nativamente un protocollo di routing non un sistema di sharing di contenuti e come tale molto piu estensibile.Basta freenet, è vecchio.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo
    Nessun astio per la tua scelta, non
    sopravvalutare la tua importanza; Veramente tu e il tuo collega sopra avete aggredito la mia scelta.L'astio c'è eccome.Il tuo collega mi ha messo eccome al centro del mondo "se tu non doni il progetto muore".
    Tu rappresenti soltanto uno dei tanti che si
    credono il centro del mondo.bravo solo ad offendere... non mi aspettavo di meglio:Nessun argomento e offese.
  • Anonimo scrive:
    Re: java = schifo

    Nel caso di freenet non cambierebbe molto, perchè
    fa largo uso di cifratura, che è quella che
    impiega la maggior parte di CPU. Anche se la
    scrivessi in c, il tempo di CPU necessario per
    criptare una comunicazione rimane uguale.ROTFL torna a giocare con java
  • Anonimo scrive:
    Re: Piu' importante la liberta' di parol
    - Scritto da: hdd
    Purtroppo quando si parla di violenza sessuale su
    minori, molta gente confonde la visione delle
    immagini di un crimine con il crimine stesso.
    Detenere file di pedopornografia è un crimine
    diverso dal commettere violenza su un minore. Ma
    sono entrambi comportamenti tabù e inaccettabili
    per la gran parte delle persone e quindi
    difficilmente qualcuno si prende la briga di fare
    chiarezza su queste distinzioni.
    In ogni caso, sicuramente e' piu' importante
    garantire la liberta' di parola che non vietare
    UNO dei tanti modi in cui gli amanti della
    pedopornografia possono trovare i loro orrendi
    materiali.Temo anch'io la limitazione delle libertà, ma conoscendo tecnicamente freenet mi rendo conto che è veramente troppo free.La nuova possibilità di creare dark net di pedofili è l'apoteosi. Praticamente chiunque può entrare in un giro di scambi illegali di qualsiasi natura (anche la tratta degli schiavi, degli organi, richiedere un riscatto per un rapimento ....) senza essere rintracciabile.Questo mi sembra troppo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?

    Nessuno ha mai pensato che se la giustizia fosse
    stata "ideale" e questo qua fosse stato preso,
    processato, giudicato e incarcerato il giorno
    stesso dello stupro, nel 2000 (o 2001), sarebbe
    uscito proprio in questo periodo, come uomo
    libero, e quindi perfettamente in grado di
    compiere quello che ha fatto.Se la giustizia fosse stata ideale Alessi, che ha stuprato una sedicenne (o diciottenne, ma è uguale) legando con un complice il ragazzo di questa ad un albero, avrebbe dovuto scontare 10000 anni di galera non cinque!!!!DIECIMILA!
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo
    userò quelli che mi servono nel momento e *SE* mi serviranno.
    Il tuo astio per la mia scelta è dettato da
    motivi di conflitti interni?Nessun astio per la tua scelta, non sopravvalutare la tua importanza; l'incazzatura invece e' tutta verso l'esterno, e diretta verso bersagli molto piu' importanti.Tu rappresenti soltanto uno dei tanti che si credono il centro del mondo.
  • hdd scrive:
    Piu' importante la liberta' di parola.
    Purtroppo quando si parla di violenza sessuale su minori, molta gente confonde la visione delle immagini di un crimine con il crimine stesso . Detenere file di pedopornografia è un crimine diverso dal commettere violenza su un minore. Ma sono entrambi comportamenti tabù e inaccettabili per la gran parte delle persone e quindi difficilmente qualcuno si prende la briga di fare chiarezza su queste distinzioni. In ogni caso, sicuramente e' piu' importante garantire la liberta' di parola che non vietare UNO dei tanti modi in cui gli amanti della pedopornografia possono trovare i loro orrendi materiali.
  • Anonimo scrive:
    Domanda niubba su Freenet
    Premesso che mi interessa il tema del combattere la censura in rete, e per questo cerco di seguire quello che Punto informatico scrive su Freenet ma gli articoli mi sembrano in arabo, e il sito Freenet è in inglese (che per me è arabo):che differenza c'è tra Freenet, TOR e altri strumenti per l'anonimato in rete?
  • hdd scrive:
    ...che profonda argomentazione
    - Scritto da: Anonimo
    x molti me compreso e' questo quello che vedo
    quando si vede un programma in javaottima argomentazione.ovviamente tutti i programmatori java hanno completamente sbagliato strada.ti fa schifo java. bene.ma a noi cosa ce ne frega?
  • Oradelte scrive:
    Re: IL PROBLEMA STORICO DI FREENET

    Forse sarebbe il caso da parte dei developer di
    aprire una discussione rivolta verso il grande
    pubblico sulla retrocompatibilita' delle future
    versioni di freenet....Sottoscrivo tale proposito, limitandomi a sottolineare come spesso sia proprio la mancanza di mezzi il motivo per cui lo stesso dibattito è difficile e per il quale molti, che pur tanto han dato, son'ora uccel di bosco, tra figli e fidanzate, suocere e bollette. Tanto pensavo foss'utile dire.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo
    E sperare che nel frattempo altri si siano fatti
    il mazzo per fartela trovareLo fanno *INDIPENDENTEMENTE* da me.
    rispettando i tuoi
    ritmi ed i tuoi bisogni...Non rispettano i miei ritmi e i miei bisogni.Se fosse vero, avrei una rete totalmente sicura a 1gbit.
    Ma la Rete non era condivisione, altruismo e
    collaborazione ? Se io uso freenet automaticamente divengo nodo e quindi faccio automaticamente "condivisione, altruismo e collaborazione".Finchè non la uso non vedo perchè dovrei.Se sei tanto altruista, perchè non vieni a risolvere imiei problemi reali?
    Mi pare che tu invece appartenga alla folta
    schiera di quelli che la considerano pappa
    pronta.Io pago un provider per dei srvizi che mi spettano come diritto.I protocolli differenti all'interno di internet e i servi di terze parti non sono garantiti e non sono pappa pronta.userò quelli che mi servono nel momento e *SE* mi serviranno.Il tuo astio per la mia scelta è dettato da motivi di conflitti interni?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: maleakim
    Ed allora Freenet non ci sarà più, Perche?
    perché saranno
    mancati i $ tuoi i miei $ non sono necessari per nessun progetto.Al massimo sono utili, ma sicuramente non necessari.
    e di chi come te "per adesso"
    non ne ha bisogno...Non vedo alcuna logica in quello che dici.Mi sembra che ragioni a *TUTTI* o *NESSUNO*mi sembra di parlare con un robot che conosce solo 1 e 0Basta che donino un piccola percentuale di quelli che lo usano.Senza contare che, il 90% dei progetti software si basa sulla passione e sulla motivazione e non sui $.
    Non voglio essere sarcastico, ma se pensiamo di
    aiutare un progetto solo se ne abbiamo veramente
    bisogno, rischiamo grosso.Non sei sarcastico, ma hai paraocchi.Semplificando al limite della illogicità (se io non dono, "Ed allora Freenet non ci sarà più") e generalizzando non vai da nessuna parte.
  • Anonimo scrive:
    Re: java = schifo
    - Scritto da: Anonimo
    x molti me compreso e' questo quello che vedo
    quando si vede un programma in java
    se lo compilassero in c++ andrebbe come il mulo
    ia per i programmatori sia per gli utentiNel caso di freenet non cambierebbe molto, perchè fa largo uso di cifratura, che è quella che impiega la maggior parte di CPU. Anche se la scrivessi in c, il tempo di CPU necessario per criptare una comunicazione rimane uguale.Poi, visto che sembrate tutti programmatori provetti, vi riporto la spiegazione (non ufficiale) del perchè freenet è stato scritto in java (commento all'articolo su slashdot)"Java is "heavier" than a native language/platform but for something like Freenet where privacy can be extremely important, reducing the possibility of stack smashing/bufer overrun type vulnerabilities to near zero - which Java helps do very well - is more than worth the execution overhead."Il tuo post mi porta a pensare che tradurtelo in italiano sia superfluo.Ciao, programmatore provetto!pieggi
  • Anonimo scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?
    - Scritto da: maleakim

    i pedofili esistono, FISICAMENTE e nessuno se ne

    sta occupando.



    Alessi doveva stare dentro da 5 a 6 anni per

    STUPRO PRIMA di ammazzare Tommy. E' stato dentro

    5 mesi. E senza darknet di mezzo ... solo
    nazione

    allo sbando, con un sistema giudiziario reso

    inefficiente o al quale è permesso di essere

    inefficiente
    Nessuno ha mai pensato che se la giustizia fosse
    stata "ideale" e questo qua fosse stato preso,
    processato, giudicato e incarcerato il giorno
    stesso dello stupro, nel 2000 (o 2001), sarebbe
    uscito proprio in questo periodo, come uomo
    libero, e quindi perfettamente in grado di
    compiere quello che ha fatto.Dopo 5 anni di galera e un sistema giudiziario che si dimostra efficente ??? Magare gli veniva voglia di fare qualcos'altro...

    io penso solo che ci sono centinaia di progetti

    non finanziati che vanno avantissimo... e questo

    no.

    perchè?
    Saranno finanziati da qualcun'altro, penso.Esatto...
  • maleakim scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?

    i pedofili esistono, FISICAMENTE e nessuno se ne
    sta occupando.

    Alessi doveva stare dentro da 5 a 6 anni per
    STUPRO PRIMA di ammazzare Tommy. E' stato dentro
    5 mesi. E senza darknet di mezzo ... solo nazione
    allo sbando, con un sistema giudiziario reso
    inefficiente o al quale è permesso di essere
    inefficienteNessuno ha mai pensato che se la giustizia fosse stata "ideale" e questo qua fosse stato preso, processato, giudicato e incarcerato il giorno stesso dello stupro, nel 2000 (o 2001), sarebbe uscito proprio in questo periodo, come uomo libero, e quindi perfettamente in grado di compiere quello che ha fatto.
    io penso solo che ci sono centinaia di progetti
    non finanziati che vanno avantissimo... e questo
    no.

    perchè?Saranno finanziati da qualcun'altro, penso.
  • Anonimo scrive:
    Freenet e' un rischio ....
    ... ma io preferisco correre i rischi derivanti dalla liberta', non quelli derivanti dai divieti e dal tecnocontrollo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...


    Scherzi a parte, fallo anche tu !

    No.
    Sebbene il progetto sia tecnicamente ottimo e
    filosoficamente fantastico, in pratica ho
    disinstallato freenet poco dopo averlo
    installato.

    Perchè?
    beh, è facile immaginarlo... non voglio propagare
    neanche in modo inconsapevole e probabilistico
    (nel senso che non posso essere sicuro se c'è o
    meno) un certo tipo di materiale che puoi ben
    immaginare.

    Puoi criticare la mia scelta ma, essendo una
    scelta personale e non imposta da nessuno (e
    soprattutto non imponente), non vedo perchè.

    Sta alla coscienza del singolo giudicare.
    Io non ho, per fortuna, bisogno disperato di
    privacy al punto da essere costretto ad usare
    freenet, se un giorno ne avrò bisogno, potrei
    rivalutare la decisione.E sperare che nel frattempo altri si siano fatti il mazzo per fartela trovare, rispettando i tuoi ritmi ed i tuoi bisogni...Ma la Rete non era condivisione, altruismo e collaborazione ? Mi pare che tu invece appartenga alla folta schiera di quelli che la considerano pappa pronta.
  • maleakim scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...

    Sta alla coscienza del singolo giudicare.
    Io non ho, per fortuna, bisogno disperato di
    privacy al punto da essere costretto ad usare
    freenet, se un giorno ne avrò bisogno, potrei
    rivalutare la decisione.Ed allora Freenet non ci sarà più, perché saranno mancati i $ tuoi e di chi come te "per adesso" non ne ha bisogno...Non voglio essere sarcastico, ma se pensiamo di aiutare un progetto solo se ne abbiamo veramente bisogno, rischiamo grosso.
  • Oradelte scrive:
    Re: utile in cina e simili

    ma qua, sinceramente, non mi sembra stia andando
    così male.Di che favelli? O che non ti accorgi d'esser circondato da cotante cose e tutte volgari?O il tuo spirito non anela forse ad esser libero come il superbo animale con cui adorni i tuoi messaggi?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo
    .. invece di comprarmi l'ultimo gadget
    elettronico.

    Penso di averli spesi meglio.Io non donerò niente, le cose vanno fatte alla luce del sole.Per paesi come la Cina invece, dove non c'è libertà di parola, per me freenet potrà creare solo problemi a chi lo usa. Vedi il caso giapponese dove hanno preso a caso tutte le persone che usavano un software simile a freenet.
  • Anonimo scrive:
    Re: HO DONATO 10 $
    - Scritto da: Anonimo
    Per la libertà di mio figlioPerché cosa gli è successo?
  • Anonimo scrive:
    IL PROBLEMA STORICO DI FREENET
    Chiedo gentilmente un commento di Calamari sull'argomento freenet e finanziamento...personalmente non ho mai approvato la facilita' con la quale negli anni (seguo freenet fin dal principio) si e' passati da una rete all'altra, migrando i contenuti, e perdendo di conseguenza le stesse persone che hanno iniziato a riempire freenet di contenuti.Forse sarebbe il caso da parte dei developer di aprire una discussione rivolta verso il grande pubblico sulla retrocompatibilita' delle future versioni di freenet....giobbe
  • AnyFile scrive:
    Re: utile in cina e simili
    - Scritto da: Anonimo

    ma qua, sinceramente, non mi sembra stia andando

    così male.

    Sì, è vero che da una certa parte si vorrebbe

    inscatolare l'utente; ma è anche vero che esiste

    un frangente forte (e non zittibile come nei

    regimi totalitari) che cerca di ribellarsi.

    non zittibile, ma non farmi ridere, puoi parlare
    quanto vuoi, tanto poi le decisioni non le prendi
    tu,Il problema e' che quanto viene detto non viene ascoltato.Oramai il sitema mediatico e' tale che ha importanza solo quello che viene detto (e soprattuto ripetuto in continuazione) in televisione. Oramai perfino quello che viene scritto sui giornali conta poc o nulla.Siamo poi all'assurdo che nel fare le leggi le commissioni parlamentari hanno l'obbligo si' di ascoltare le parti socali e le organizzazioni coinvolte, ma sia e' a loro insidacabile giudizio decidere chi rientra in tale categoria (per cui verrebbero ascoltati i produttori, ma non i consumatori contrari), sia la commissione (e quindi il Parlamento) non ha l'obbligo, nel prendere decisioni, basarsi su quanto gli e' stato detto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...

    Perche' no ?
    Da anonimo non mi dirai che mi sto facendo bello ?Ovviamente sì, ma non prendertela :)
    Scherzi a parte, fallo anche tu !No.Sebbene il progetto sia tecnicamente ottimo e filosoficamente fantastico, in pratica ho disinstallato freenet poco dopo averlo installato.Perchè?beh, è facile immaginarlo... non voglio propagare neanche in modo inconsapevole e probabilistico (nel senso che non posso essere sicuro se c'è o meno) un certo tipo di materiale che puoi ben immaginare.Puoi criticare la mia scelta ma, essendo una scelta personale e non imposta da nessuno (e soprattutto non imponente), non vedo perchè.Sta alla coscienza del singolo giudicare.Io non ho, per fortuna, bisogno disperato di privacy al punto da essere costretto ad usare freenet, se un giorno ne avrò bisogno, potrei rivalutare la decisione.
  • Anonimo scrive:
    Re: java = schifo

    x molti me compreso e' questo quello che vedo
    quando si vede un programma in java
    se lo compilassero in c++ andrebbe come il mulo
    ia per i programmatori sia per gli utentiSono pienamente d'accordo. Ho provato Freenet 0.5 su una Athlon 64 3200+ con 1 GB di RAM, quindi una macchina aggiornata, ed è lento e pesantissimo. Non ci siamo proprio.Se le risorse si orientassero di più verso GNUnet, Entropy o altri progetti in C/C++... Ora che viene introdotta l'incompatibilità tra 0.5 e 0.7 sarebbe il momento giusto!
  • Anonimo scrive:
    Re: java = schifo
    - Scritto da: Super_Treje

    Piano piano impareremo tutti a mettere solo lo
    stretto indispensabile in un software senza per
    questo renderlo inferiore graficamente o
    funzionalmente a prima :)IMHO invece lo stiamo disimparando, avvertendo meno i limiti, essendo le risorse disponibili sempre crescenti; come quando in Fidonet si veniva bastonati se la firma dei messaggi era troppo lunga (oltre 4 righe mi pare) mentre oggi si vedono transitare con disinvoltura email con allegati multimediali.Il profiling di una applicazione ha il suo "costo" e chi decide non sempre sceglie di affrontarlo, purtroppo...Quando sperimentavo col TurboPascal mi divertivo a cronometrare varie parti dei miei programmi e rifinirle finché potevo, infilandoci anche pezzi in assembly; un visualizzatore di bmp arrivò a tempi di elaborazione non lontani da quelli di uno dei programmi che andavano per la maggiore... ma erano ricerche fatte per conto mio, se fossero state pagate ad ore sarebbero costate una fortuna.KaysiX
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    .. invece di comprarmi l'ultimo gadget

    elettronico.

    Penso di averli spesi meglio.
    L'importante è che lo sbandieri ai 4 20Perche' no ? Da anonimo non mi dirai che mi sto facendo bello ?Scherzi a parte, fallo anche tu !
  • Anonimo scrive:
    Re: utile in cina e simili

    basterà trovare un nodo freenet per essere
    incarceratiMagari incarcerati no, ma prima o poi diventerà illegale in ogni paese.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una donazione a Freenet ...
    - Scritto da: Anonimo
    .. invece di comprarmi l'ultimo gadget
    elettronico.

    Penso di averli spesi meglio.L'importante è che lo sbandieri ai 4 20
  • Super_Treje scrive:
    Re: java = schifo
    Il problema che java e' lento non e' causato dal linguaggio in se' e per se', ma e' dato dal fatto che ha una java virtual machine piuttosto corposa.Se si cercassedi ottimizzarla ad ogni versione, eventualmente anche in base all'hardware sul quale la si installa e non solamente in base all'os, forse qualche cosa la si riuscirebbe a far andare + velocemente.In ogni modo concorco con il concetto che viene espresso in una notizia di oggi di PI "Il software di oggi? Troppo lento", e le applicazioni scritte in java, come in altri linguaggi, che non diano un occhio alla velocita' di tutte le funzione di un programma siano da ritenersi software "poco validi".Mi ci metto pure io nel discorso visto che solo da poco cerco, nel mio piccolo, di creare qualche programmino stupido ma che cmq non sprechi risorse all'infinito.Di questa cosa me ne sono reso conto quando per preparare un esame all'universita' ho dovuto programmare con un mio amico in C, ho notato una volta finito il programma e per ridurlo di dimensioni, sia in termini di peso vero e proprio sia per renderlo + performante, di quante "cose inutili" o cmq che si potevano realizzare con meno cicli di processore c'erano dentro.Piano piano impareremo tutti a mettere solo lo stretto indispensabile in un software senza per questo renderlo inferiore graficamente o funzionalmente a prima :)Ciao :) ;) - Scritto da: Anonimo
    x molti me compreso e' questo quello che vedo
    quando si vede un programma in java
    se lo compilassero in c++ andrebbe come il mulo
    ia per i programmatori sia per gli utenti
  • Anonimo scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?


    Avevi mangiato pane e luoghi comuni prima di
    rispondere?(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Re: utile in cina e simili
    - Scritto da: avvelenato
    ottimo per la libertà di espressione specie in
    quei paesi dove essa è malvista.basterà trovare un nodo freenet per essere incarcerati
  • Anonimo scrive:
    Re: Speriamo
    - Scritto da: Anonimo
    Ci contiamo tutti penso che qualche euro si
    dovrebbe dare e dovrebbero darlo soprattutto
    quelli che blaterano tanto di liberta' e non
    fanno nullatouchéperò axcrypt e truecrypt e gnupg e un sacco d'altro... vanno avanti senza soldini...
  • Anonimo scrive:
    Re: java = schifo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    x molti me compreso e' questo quello che vedo

    quando si vede un programma in java

    se lo compilassero in c++ andrebbe come il mulo

    ia per i programmatori sia per gli utenti

    ma che cazzo dici
    JAVA non è un linguaggio da signorine tipo il c++
    sentiamo perché
  • Anonimo scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?

    Avevi mangiato pane e luoghi comuni prima di
    rispondere?lascialo perdere. sappiamo tutti e due che la trollata di rito non manca mai.
  • Anonimo scrive:
    Re: HO DONATO 10 $
    - Scritto da: Anonimo
    Per la libertà di mio figlionon ti credo! :-P
  • Anonimo scrive:
    darknet di dark
    "Le darknet di Dark (perdonate il gioco di parole) saranno a tutti gli effetti separate dalla Dark pubblica, e non potrà nemmeno esserne dimostrata l'esistenza al suo interno."sembra un po' la modalità hidden di truecrypt
  • Anonimo scrive:
    Ho fatto una donazione a Freenet ....
    .. invece di comprarmi l'ultimo gadget elettronico.Penso di averli spesi meglio.
  • Anonimo scrive:
    HO DONATO 10 $
    Per la libertà di mio figlio
  • Anonimo scrive:
    Re: utile in cina e simili

    ma qua, sinceramente, non mi sembra stia andando
    così male.
    Sì, è vero che da una certa parte si vorrebbe
    inscatolare l'utente; ma è anche vero che esiste
    un frangente forte (e non zittibile come nei
    regimi totalitari) che cerca di ribellarsi.non zittibile, ma non farmi ridere, puoi parlare quanto vuoi, tanto poi le decisioni non le prendi tu, e poi quanto vuoi strillare? prima o poi ti stanchi e cose come i brevetti soft te l'infilano dove vogliono loro, tanto chi le capisce certe cose?
  • avvelenato scrive:
    utile in cina e simili
    ottimo per la libertà di espressione specie in quei paesi dove essa è malvista.Se contribuirà ad una rivoluzione, ad esempio in Cina, non sarà stata fatica sprecata.ma qua, sinceramente, non mi sembra stia andando così male.Sì, è vero che da una certa parte si vorrebbe inscatolare l'utente; ma è anche vero che esiste un frangente forte (e non zittibile come nei regimi totalitari) che cerca di ribellarsi.Più che lo sviluppo di darknet, allora, da noi sarebbe necessario lo sviluppo di coerenza, coordinazione, logica e idee. Ad esempio una cosa come TCPA va contrastata nei punti critici, non ci si può inventare delle specifiche a muzzo e poi dare adddosso a queste.Se tutti sapessero leggere e capire, nonché riconoscere che fare decine di post DISTINTI SALUTI (ogni riferimento NON è puramente casuale), se non parlassimo tutti del signoraggio come burattini prima d'esserci studiato qualche tomo, se insomma sviluppassimo SENSO CRITICO, secondo me sarebbe molto più utile, qua o in america, di questo darknet, che comunque è estremamente affascinante dal punto di vista tecnico.
  • Anonimo scrive:
    Re: Quali libertà proteggono?
    - Scritto da: Anonimo
    La maggior parte dei reati è commessa col favore
    della notte, Darknet, mai nome poteva essere più
    appropriato.
    Ma non bastava Tor per bloggare anonimamente ed
    esprimere le proprie opinioni in libertà?
    Avete paura della RIAA? C'è MUTE.
    Riflettiamoci, solo chi ha qualcosa di davvero
    importante da nascondere può voler usare un
    servizio come DarkNet.
    A mio modesto parere Darknet protegge la libertà
    di occultazione non quella di espressione.
    A chi può servire un servizio del genere?
    A chi deve fare comunicazioni illecite.
    E poi in USA nel frattempo si lamentano che lo
    stato non riesce a proteggere i minori, beh, se
    si realizzano progetti simili è anche ovvio,
    purtroppo.

    Detto questo se volete aiutare criminali e
    pedofili o volete anche solo avere il dubbio di
    averlo fatto, finanziate pure Darknet.

    Per quanto mi riguarda, mi astengo.

    Saluti,

    M.
    Avevi mangiato pane e luoghi comuni prima di rispondere?
  • Anonimo scrive:
    Quali libertà proteggono?
    La maggior parte dei reati è commessa col favore della notte, Darknet, mai nome poteva essere più appropriato.Ma non bastava Tor per bloggare anonimamente ed esprimere le proprie opinioni in libertà?Avete paura della RIAA? C'è MUTE.Riflettiamoci, solo chi ha qualcosa di davvero importante da nascondere può voler usare un servizio come DarkNet.A mio modesto parere Darknet protegge la libertà di occultazione non quella di espressione.A chi può servire un servizio del genere? A chi deve fare comunicazioni illecite.E poi in USA nel frattempo si lamentano che lo stato non riesce a proteggere i minori, beh, se si realizzano progetti simili è anche ovvio, purtroppo.Detto questo se volete aiutare criminali e pedofili o volete anche solo avere il dubbio di averlo fatto, finanziate pure Darknet. Per quanto mi riguarda, mi astengo.Saluti,M.
  • Anonimo scrive:
    Re: java = schifo

    x molti me compreso e' questo quello che vedo
    quando si vede un programma in java
    se lo compilassero in c++ andrebbe come il mulo
    ia per i programmatori sia per gli utentijava e' una gran cosa perche' multipiattaforma, anche se avrei preferito qualcosa di totalmente free per donare qualche 5? al mese, che per me non sono pochi.
  • Anonimo scrive:
    Re: java = schifo
    - Scritto da: Anonimo
    x molti me compreso e' questo quello che vedo
    quando si vede un programma in java
    se lo compilassero in c++ andrebbe come il mulo
    ia per i programmatori sia per gli utentima che cazzo dici JAVA non è un linguaggio da signorine tipo il c++
  • Anonimo scrive:
    java = schifo
    x molti me compreso e' questo quello che vedo quando si vede un programma in javase lo compilassero in c++ andrebbe come il mulo ia per i programmatori sia per gli utenti
  • Anonimo scrive:
    Speriamo
    Ci contiamo tutti penso che qualche euro si dovrebbe dare e dovrebbero darlo soprattutto quelli che blaterano tanto di liberta' e non fanno nulla
  • Anonimo scrive:
    non mi piace chi chiede soldi...
    ....in questo modo così diretto e prepotente :@ capito redazione di PI ??!In ogni caso è un buon progetto...(geek)
    • Anonimo scrive:
      Re: non mi piace chi chiede soldi...
      - Scritto da: Anonimo
      ....in questo modo così diretto e prepotente :@
      capito redazione di PI ??!si vede che non conosci Marco Calamari e il progetto winstonsmith.ahi ahi.. non sei venuto al mocm (mocm.olografix.org).....beh, fatti vedere almeno all'e-privacy 2006
    • Anonimo scrive:
      Re: non mi piace chi chiede soldi...
      - Scritto da: Anonimo
      ....in questo modo così diretto e prepotente :@
      capito redazione di PI ??!

      In ogni caso è un buon progetto...(geek)ah, ho capito, sei di quelli che vuole tutto, subito, e a sbafoavrai solo la urbani, la finanza e le major che ti dissanguano: bravo
    • Anonimo scrive:
      Re: non mi piace chi chiede soldi...
      - Scritto da: Anonimo
      ....in questo modo così diretto e prepotente :@
      capito redazione di PI ??!io credo abbia(no) fatto molto bene; meglio essere chiari.
      In ogni caso è un buon progetto...(geek):-)
Chiudi i commenti