Imeem, Warner ci riprova

La terza sorella propone un altro ballo ad Imeem

Roma – È tempo di nuovi accordi tra etichette discografiche e musica in Rete. Warner Music allargherà, infatti, il suo investimento in Imeem , social network per la condivisione multimediale. Ed è quasi un colpo di scena visti i precedenti non troppo felici per il portafogli della terza sorella dell’industria musicale.

A maggio, Warner aveva inserito nel suo bilancio trimestrale proprio una voce relativa alla sua partecipazione nel mondo della musica online. 33 milioni totali per Lala e, appunto, Imeem. Un modo per farsi due conti in tasca e, probabilmente, porre fine alla partecipazione nei due progetti. Il CEO di Warner Edgar Bronfman Jr l’aveva detto in maniera non troppo velata, parlando di crisi economica ed “impatti insignificanti” sui guadagni.
Aggiungendo sul finale che la casa discografica non avrebbe avuto “intenzione di effettuare nuovi investimenti nel digitale”.

Tempi duri per i protagonisti di questa vicenda di musica e streaming. Imeem aveva costretto Warner ad aggiungere al bilancio 4 milioni di debiti , frutto amaro della sua insolvenza. La startup online aveva poi evitato con un colpo di coda la bancarotta, raggranellando 5 milioni di dollari di fondi. Ora, tuttavia, la terza sorella discografica pare intenzionata a riprovarci . Con calma e sangue freddo.

Verrà così rinegoziato il patto di licenza tra i due attori. Warner ridurrà il costo da far pagare ad Imeem ogni trimestre permettendo al social network di essere puntuale e, soprattutto, non insolvente. Non si sa, tuttavia, quanto quest’accordo entusiasmi la casa di New York: Imeem avrà accesso al suo vasto catalogo digitale (mentre è ancora alla ricerca di qualcuno a cui cedere le sue attività) e questo non costerà un soldo alla Warner, che così spera di evitare ulteriori salassi . (M.V.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fabio_debe scrive:
    Problema dopo download aggiornamento
    Da quando ho aggiornato Java (via Software Update) ho dei problemi pazzeschi con alcune applicazioni, in particolare Mail e Safari 4. Safari va in crash appena dopo essere stato lanciato (mi sarà sucXXXXX 50 volte di fila ieri) e Mail va in crash ogni volta che seleziono una mail con allegato.Qualcuno ha avuto lo stesso problema e ha idea di come sistemarlo?Io adesso sto scaricando l'ultimo combo update disponibile (anche se però è vecchio di un mese) nella speranza che la situazione torni alla normalità, poi scaricherò gli ultimi aggiornamenti sperando che quello Java non crei la stessa situazione.
    • lroby scrive:
      Re: Problema dopo download aggiornamento
      - Scritto da: fabio_debe
      Da quando ho aggiornato Java (via Software
      Update) ho dei problemi pazzeschi con alcune
      applicazioni, in particolare Mail e Safari 4.
      Safari va in crash appena dopo essere stato
      lanciato (mi sarà sucXXXXX 50 volte di fila ieri)
      e Mail va in crash ogni volta che seleziono una
      mail con
      allegato.
      Qualcuno ha avuto lo stesso problema e ha idea di
      come
      sistemarlo?
      Io adesso sto scaricando l'ultimo combo update
      disponibile (anche se però è vecchio di un mese)
      nella speranza che la situazione torni alla
      normalità, poi scaricherò gli ultimi
      aggiornamenti sperando che quello Java non crei
      la stessa
      situazione.Vorrei agganciarmi a questo post per dire una cosa assolutamente OT, intanto mi dispiace per il tuo problema che ti è capitato, però vorrei far notare a persone come Ruppolo che osannano nel Mac la perfezione fatta computer di come casi come il suo (purtroppo) non sono isolati solo che se chiedi aiuto nei forum per utenti Apple,molto probabilmente ti ridono in faccia o ti dicono che non sei capace ad usare il computer e cose simili.i Mac sono dei semplici computer come tutti gli altri e che montano un os proprietario fornito dalla stessa società assemblatrice del hardware (non sarebbe stato corretto dire PRODUTTRICE in quanto non produce la cpu, la ram gli hard disk o la scheda madre).Non per niente ormai si possono installare altri os (Linux e Windows) su un mac esattamente come si farebbe su un pc normalissimo.Quindi Ruppolo & soci (utenti di computer Mac), rendetevi conto di questa cosa: NON siete migliori o peggiori degli utenti Linux o Windows, siete soltanto persone che usando un computer diverso dalla maggioranza. fine dell'OT e scusatemiLROBY
  • Funz scrive:
    L'inferiorità del modello closed
    Ieri mi dicevano che in Linux bisogna affidarsi al buon cuore di chi compila i pacchetti per avere repository sempre aggiornati.Qui bisogna affidarsi al buon cuore (e alla liquidità in cassa) di un'azienda per avere soluzioni a problemi gravi di sicurezza. Almeno in Linux le patch di sicurezza escono sempre tempestivamente appena la falla viene resa nota.
  • pentolino scrive:
    Ma perchè non "aprono"?
    E' assurdo tutto questo ritardo nelle patch sulla VM Java, per non parlare quando escono nuove versioni, per cui bisogna regolarmente attendere un anno o più...E' chiaro che ad Apple della sua virtual machine Java non gliene importa più di tanto, perchè non la rende open source e la fa confluire nel progetto Open Jdk, in maniera che se ne possa occupare la comunità (che ha dimostrato di essere piuttosto attiva creando delle versioni alternative partendo dalla versione BSD)? Non sarebbe tutto più facile per tutti così?O forse Apple ha qualcosa da nascondere?
  • Fabrizio scrive:
    pecette?
    Povero Dante...
  • alexjenn scrive:
    Ovvio
    "Come aveva anche detto il ricercatore Landon Fuller: "Sfortunatamente, sembra che molti problemi di sicurezza per Mac OSX vengano ignorati se non evidenziati in maniera adeguata". Questa lentezza operativa non è nuova: nel settembre dello scorso anno l'azienda riparò qualche dozzina di falle che, tuttavia, erano già state risolte a marzo dai suoi competitor."Forse nessuno sa che Apple lavora per creare, e talvolta ha poco tempo, non come in Microsoft che hanno tempo solo per copiare e per patchare.(Questa è provocatoria).
    • LuNa scrive:
      Re: Ovvio
      più che una provocazione questo è un troll :D comunque ti quoto sul fatto del creare. Apple da questo punto di vista è irraggiungibile.
Chiudi i commenti