India, nuova legge VPN: altri 3 mesi per adeguarsi

India, nuova legge VPN: altri 3 mesi per adeguarsi

L'introduzione del nuovo obbligo imposto ai gestori dei servizi VPN in India è stato posticipato di tre mesi, ma ormai è troppo tardi.
L'introduzione del nuovo obbligo imposto ai gestori dei servizi VPN in India è stato posticipato di tre mesi, ma ormai è troppo tardi.

All’ultimo momento, in extremis, il CERT-In (Indian Computer Emergency Response Team) ha deciso di posticipare l’applicazione della nuova direttiva annunciata a fine aprile e che introduce l’obbligo di raccogliere alcuni dati relativi agli utenti a tutti coloro che gestiscono un servizio online. Non si tratta di una cancellazione e giunge in modo tardivo, quando i buoi sono già scappati, almeno sul fronte delle VPN. Sono infatti molte le realtà di questo settore che hanno già scelto di spegnere i server localizzati in India.

CERT-In temporeggia: altri tre mesi alle VPN in India

Nel comunicato, si legge che l’obiettivo è quello di concedere alle società interessate il tempo necessario per organizzarsi in vista dell’implementazione: sono citate in modo esplicito quelle attive negli ambiti relativi a Virual Private Network, Virtual Private Service, data center e cloud. Avranno tempo fino al 25 settembre.

CERT-In estende le tempistiche per l’applicazione delle Direttive Cyber Security fino al 25 settembre 2022 per le micro, piccole e medie imprese e per la validazione degli aspetti di convalida riguardanti i dettagli di abbonati e clienti.

Sono questi i dati che il governo chiederà di raccogliere e conservare fino a cinque anni, a tutte le realtà che gestiscono un’infrastruttura delegata all’erogazione di servizi online e situata in India.

  • Generalità (nome e cognome);
  • indirizzo di residenza;
  • indirizzo email;
  • numero di telefono;
  • motivo per cui si utilizza una VPN;
  • date di accesso al servizio;
  • indirizzo IP e indirizzo email impiegati per la registrazione al servizio;
  • momento esatto in cui è stata effettuata la registrazione;
  • elenco degli indirizzi IP messi a disposizione dell’utente durante l’utilizzo della VPN e di quelli realmente impiegati.

Tra coloro che hanno messo in cima alle proprie priorità la tutela della privacy degli utenti c’è  NordVPN (oggi in sconto del 63%), che già nelle scorse settimane ha annunciato lo spegnimento dei server fisicamente presenti nel territorio.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 giu 2022
Link copiato negli appunti