Intel, aspettative ridotte

I risultati del prossimo trimestre non saranno dorati, avverte il chipmaker. La colpa è della ridotta richiesta di computer nei mercati maturi. In attesa dei tablet Intel inside

Roma – Registrando numeri e crescita fuori parametro in occasione della seconda trimestrale del 2010, Intel pronosticò il perdurare del trend positivo nel settore microprocessori con numeri altrettanto rosei anche per il terzo trimestre dell’anno. Ma ora quelle promesse si fanno più sfumate, e Intel avverte: la richiesta di PC rallenta e i guadagni fanno altrettanto .

Dai 10,8 miliardi di dollari incassati tra aprile e giugno scorsi , aveva previsto il chipmaker di Santa Clara, nel terzo trimestre si sarebbe potuti arrivare a 11,2-12 miliardi. E invece no: le ultime stime di crescita del colosso statunitense prevedono ricavi pari a 11 miliardi di dollari, con una possibile oscillazione (positiva o negativa) di 200 milioni di dollari.

“Le entrate sono influenzate da una richiesta inferiore alle aspettative per i PC consumer nei mercati maturi”, dice Intel, echeggiando una previsione già fatta di recente da altri protagonisti di primo piano del settore come Dell e HP.

Come si spiega un simile tradimento delle aspettative di Intel e compagnia? Tra i “mercati maturi” chiamati in causa dal chipmaker ci sono gli Stati Uniti, dove una crescita anemica del mercato del lavoro nell’ambito di una ripresa economica al rallentatore avrebbe portato i consumatori a risparmiare sull’informatica in un periodo – quello del ritorno a scuola degli studenti – tradizionalmente votato alla spesa.

L’economia non tira come dovrebbe, e Intel e concorrenti non si giovano di un certo interesse registrato presso i consumatori in merito all’ acquisto di un tablet in sostituzione di un computer propriamente detto per i prossimi 12 mesi. I gadget-tavoletta sono nei pensieri di spesa del 14 per cento dei consumatori statunitensi, dice una ricerca di Forrester Research , e in attesa dell’ invasione dei gadget Intel-inside per il momento tablet fa inevitabilmente rima con “Apple” e “iPad”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Renosaldo scrive:
    Errore
    "il nuovo logo AMD Eyefinity"? Ma che è? Eyefinity è semplicemente la tecnologia multi-display di ATI, con la notizia c'azzecca poco o niente. Prego correggere.
  • Sbalky scrive:
    E fare il contrario?
    Il marchio ATI ha più estimatori entusiastici del marchio AMD: avrebbero potuto cambiare tutto in ATI!;-DD
    • upr scrive:
      Re: E fare il contrario?
      ormai sono AMdATI fuori di cranio
      • cira scrive:
        Re: E fare il contrario?
        - Scritto da: upr
        ormai sono AMdATI fuori di cranioComplimenti... è BELLISSIMA... ma aggiungerei...ormai sono AMdATI fuori di cranio senza provare nessuna Nvidia nei confronti del rivale...
      • sentinel scrive:
        Re: E fare il contrario?
        - Scritto da: upr
        ormai sono AMdATI fuori di cranioQuesta è fantastica!!!Super-LOL !!! (rotfl)
  • attonito scrive:
    li chiamassero anche "maria concetta"..
    i chip resterebbero quelli che sono: cazzuti e che danno la polvere a Fermi.A parlare devono essere i benchmark, tutto il resto e' fuffa.Certo, in un mercato guidato dalla fuffa e da markettari blablabla bisogna pero' stare attenti a queste mosse, eh!
    • quotone scrive:
      Re: li chiamassero anche "maria concetta"..
      - Scritto da: attonito
      i chip resterebbero quelli che sono: cazzuti e
      che danno la polvere a
      Fermi.
      A parlare devono essere i benchmark, tutto il
      resto e'
      fuffa.
      Certo, in un mercato guidato dalla fuffa e da
      markettari blablabla bisogna pero' stare attenti
      a queste mosse,
      eh!quoto
    • pippo75 scrive:
      Re: li chiamassero anche "maria concetta"..

      A parlare devono essere i benchmark, tutto il
      resto e' fuffa.chissà come mai a seconda dei benchmark al tempo camviavano i risultati.A seconda del produttore i suoi prodotti erano i migliori ed i risultati non erano falsati ( a pensare male si farà peccato..... )
    • Sgabbio scrive:
      Re: li chiamassero anche "maria concetta"..
      le prime fermi con una singola CPU superava la top di gamma della ATI con doppia cpu, il problema dei Fermi non sono le performance, ma è il contorno che rende quel prodotto inusabile, da una persona sana di mente.
      • ces scrive:
        Re: li chiamassero anche "maria concetta"..
        - Scritto da: Sgabbio
        le prime fermi con una singola CPU superava la
        top di gamma della ATI con doppia cpu, il
        problema dei Fermi non sono le performance, ma è
        il contorno che rende quel prodotto inusabile, da
        una persona sana di
        mente.Il che vuol dire che ati a parità di consumi ha prestazioni decisamente migliori, quindi in effetti Fermi mangia la polvere.Tra l'altro il nome è azzeccato visto che sono reattori nucleari più che gpu.
  • Nilok scrive:
    Un beneficio per i consumatori
    AUGH!Se ogni Azienda proprietaria di più marchi facesse lo stesso, i consumatori subirebbero meno truffe, raggiri ed, in complesso, potrebbero individuare meglio CHI gli vende CHE COSA....e scegliere più LIBERAMENTE!!!Per poter far fruttare ANCORA gli investimenti fatti per creare quel marchio.....lo stesso non viene CANCELLATO...ma sopratutto per fare MAGGIORI PROFITTI utilizzando la tecnica millenaria del "Dividi et Impera"!Quanti sanno, PER ESEMPIO, che "Dash" e "Dixan" sono di proprietà della STESSA Azienda???Se una Azienda produce un prodotto "sbagliato"...ma che ha un marchio DIVERSO....ecco che i consumatori poco si accorgono della faccenda e continuano ad acquistare gli altri prodotti....della stessa Azienda...e che potrebbero essere anche quelli "sbagliati"!!!HO PARLATO.Nilok
    • AtariLover scrive:
      Re: Un beneficio per i consumatori
      Ti sfugge che i due marchi erano di aziende che producono oggetti diversi.Come se Fiat comprasse Enel e la rimarchiasse Fiat.
      • Nilok scrive:
        Re: Un beneficio per i consumatori
        ...così sapresti CHI ti fa pagare uno SPROPOSITO l'energia elettrica e magari compri auto toyota....8)
    • DarkOne scrive:
      Re: Un beneficio per i consumatori
      - Scritto da: Nilok
      HO PARLATO.

      NilokHai parlato e hai detto una marea di fesserie.Augh.
    • scrotone scrive:
      Re: Un beneficio per i consumatori
      Vai così che il traguardo di 2000 fesserie postate è più vicino
    • ces scrive:
      Re: Un beneficio per i consumatori
      - Scritto da: Nilok
      AUGH!

      Se ogni Azienda proprietaria di più marchi
      facesse lo stesso, i consumatori subirebbero meno
      truffe, raggiri ed, in complesso, potrebbero
      individuare meglio CHI gli vende CHE COSA....e
      scegliere più
      LIBERAMENTE!!!

      Per poter far fruttare ANCORA gli investimenti
      fatti per creare quel marchio.....lo stesso non
      viene CANCELLATO...ma sopratutto per fare
      MAGGIORI PROFITTI utilizzando la tecnica
      millenaria del "Dividi et
      Impera"!

      Quanti sanno, PER ESEMPIO, che "Dash" e "Dixan"
      sono di proprietà della STESSA
      Azienda???

      Se una Azienda produce un prodotto
      "sbagliato"...ma che ha un marchio
      DIVERSO....ecco che i consumatori poco si
      accorgono della faccenda e continuano ad
      acquistare gli altri prodotti....della stessa
      Azienda...e che potrebbero essere anche quelli
      "sbagliati"!!!

      HO PARLATO.

      NilokBuoni i cavoli a merenda?(newbie)
  • Ottav(i)o Nano scrive:
    Perché vogliono uccidere il marchio...
    Tutta 'nvidia!
  • Ottav(i)o Nano scrive:
    La forza...
    ...dei nervi distesi.
  • sentinel scrive:
    che mossa sbagliata...
    Non si cancella mai un marchio storico, soprattutto in un periodo di crisi.Non stupisce se poi caleranno le loro vendite.
    • r1348 scrive:
      Re: che mossa sbagliata...
      Ha invece molto senso in vista di Fusion: due marchi un prodotto?
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: che mossa sbagliata...
      Basterebbe ricordare Compaq, acquisita e poi cancellata da HP; ora, la stessa HP si è rimessa a vendere prodotti con marchio Compaq.
    • Giggetto scrive:
      Re: che mossa sbagliata...
      Infatti, decisione sbagliatissima, non si rottama un marchio così pesante.
    • Ethan78 scrive:
      Re: che mossa sbagliata...
      Invece mossa decisamente normale. Se hai un'azienda con un nome e ne acquisisci un'altra è normalissimo dare il nome della tua (marchio forte o non forte).Chi si ricorda il passaggio da omnitel a vodafone... stessa identica cosa!!!caleranno le vendite, FORSE, in un primo periodo ma non appena sarà sulla bocca di tutti tutti ricorderanno ATI come un gran bel vecchio marchio.
    • nome e cognome scrive:
      Re: che mossa sbagliata...
      - Scritto da: sentinel
      Non si cancella mai un marchio storico,
      soprattutto in un periodo di
      crisi.
      Non stupisce se poi caleranno le loro vendite.gia conviene fare scorta di oro http://aurum-xxi.blogspot.com/
    • James Kirk scrive:
      Re: che mossa sbagliata...
      - Scritto da: sentinel
      Non si cancella mai un marchio storico,
      soprattutto in un periodo di
      crisi.
      Non stupisce se poi caleranno le loro vendite.Guarda, non credo che le vendite saranno influenzate dal cambio di marchio, ma a giudicare dalla competitività dei prodotti, e specialmente dai tempi di introduzione dei prodotti nuovi, direi che sarebbe più giusto cancellare il marchio AMD per sostituirlo con quello ATI :$
      • Cryon scrive:
        Re: che mossa sbagliata...
        - Scritto da: James Kirk
        - Scritto da: sentinel

        Non si cancella mai un marchio storico,

        soprattutto in un periodo di

        crisi.

        Non stupisce se poi caleranno le loro vendite.

        Guarda, non credo che le vendite saranno
        influenzate dal cambio di marchio, ma a giudicare
        dalla competitività dei prodotti, e specialmente
        dai tempi di introduzione dei prodotti nuovi,
        direi che sarebbe più giusto cancellare il
        marchio AMD per sostituirlo con quello ATI
        :$se avevano in mente di farlo da tempo questo è proprio il momento giusto perchè le ATI stanno andando alla grande :)ma a me personalmente dispiace e non l'avrei cambiato ^^
        • ces scrive:
          Re: che mossa sbagliata...
          - Scritto da: Cryon
          - Scritto da: James Kirk

          - Scritto da: sentinel


          Non si cancella mai un marchio storico,


          soprattutto in un periodo di


          crisi.


          Non stupisce se poi caleranno le loro vendite.



          Guarda, non credo che le vendite saranno

          influenzate dal cambio di marchio, ma a
          giudicare

          dalla competitività dei prodotti, e specialmente

          dai tempi di introduzione dei prodotti nuovi,

          direi che sarebbe più giusto cancellare il

          marchio AMD per sostituirlo con quello ATI

          :$

          se avevano in mente di farlo da tempo questo è
          proprio il momento giusto perchè le ATI stanno
          andando alla grande
          :)Infatti, Ati è un brand che in questo momento è sinonimo di sucXXXXX, ottime prestazioni e consumi ridotti (e prezzi alle stelle, ma questo mettiamolo da parte O)) e avrebbe anche potuto fare da traino per i nuovi prodotti Fusion.
          ma a me personalmente dispiace e non l'avrei
          cambiato
          ^^Anche a me :(
      • ces scrive:
        Re: che mossa sbagliata...
        - Scritto da: James Kirk
        - Scritto da: sentinel

        Non si cancella mai un marchio storico,

        soprattutto in un periodo di

        crisi.

        Non stupisce se poi caleranno le loro vendite.

        Guarda, non credo che le vendite saranno
        influenzate dal cambio di marchio, ma a giudicare
        dalla competitività dei prodotti, e specialmente
        dai tempi di introduzione dei prodotti nuovi,
        direi che sarebbe più giusto cancellare il
        marchio AMD per sostituirlo con quello ATI
        :$Non esageriamo adesso :DPerò un trattamento paritario sarebbe più giusto tipo AMD/ATI...no? Troppo lungo? Pronunciato in inglese suona come uno scioglilingua?
    • Silvio scrive:
      Re: che mossa sbagliata...
      Non sono d'accordo: io ad esempio farei lo stesso con le auto.La FIAT dovrebbe smettere di mettere il suo marchio sulle auto e mettere, invece, quello della Ferrari.Una Ferrari Panda venderebbe molto di più: lo giuro sui miei figli
Chiudi i commenti