Intel, CPU col baco

Un grave bug di sicurezza mette a rischio gli utenti di PC basati su CPU Intel, soprattutto in ambito virtualizzazione. La patch, in arrivo, potrebbe peggiorare in maniera sensibile le prestazioni. AMD? Gongola: noi immuni

Roma – I ricercatori hanno individuato una vulnerabilità di sicurezza di particolare gravità, un problema che riguarda tutti i processori x86 prodotti da Intel nell’ultima decade e che potrebbe portare alla compromissione di dati sensibili oltre che del normale funzionamento del PC. Quel che è peggio, poi, è che la patch in arrivo potrebbe avere effetti a dir poco deleteri sulle prestazioni di sistema complessive.

I dettagli sono ancora protetti da embargo, per dare tempo a Intel di lavorare sull’aggiornamento , ma quello che è già noto è a dir poco preoccupante: sfruttando il bug, un malintenzionato potrebbe arrivare a leggere il contenuto delle aree di memoria protette assegnate al kernel partendo da privilegi di accesso di un utente standard.

Il baco mette potenzialmente a rischio informazioni che dovrebbero restare “segrete” e di esclusiva competenza del codice privilegiato come password , chiavi di accesso, copie cache dei file su disco e molto altro ancora. Basterebbe uno script JavaScript malevolo per compromettere le informazioni, ipotizzano i ricercatori.

L’origine del problema risiede all’interno dell’hardware “fisico” della microarchitettura x86-64 di Intel , e non può essere eliminata con un “semplice” aggiornamento al microcodice veicolato attraverso un aggiornamento del firmware UEFI. La patch dovrà quindi agire a livello di sistema operativo, e in questo caso tutti i principali player di mercato (Windows, Linux, macOS) sono coinvolti.

La soluzione più immediata al bug sarebbe l’impiego di una misura di Page Table Isolation (PTI), un modo per rendere gli indirizzi di memoria assegnati al kernel “invisibili” e separati ai normali processi utente. In questo modo, però, si costringe il processore a un “super-lavoro” per passare continuamente dalla memoria kernel a quella utente con un impatto sulle prestazioni della CPU stimate fra i cinque e il 30% a seconda del modello del processore.

In attesa di novità sul fronte della patch, Intel è ora costretta a subire anche l’ advertising praticamente gratuito a favore di AMD : Sunnyvale ci tiene a sottolineare che i suoi processori sono “immuni” da questo genere di attacchi grazie alle protezioni native degli indirizzi di memoria assegnati al kernel.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lino scrive:
    Punterà su Tesla
    visto che è in grosse difficoltà
  • xte scrive:
    Mhh
    La cosa di Netflix non è così improbabile secondo me: la maggior parte degli utenti usa servizi di streaming pirata, la maggior parte degli utenti Apple vuole "il servizio comodo" e Netflix lo è. In altri termini possono benissimo integrarlo nel loro parco clienti in qualche offerta iTunes.La cosa sinceramente mi lascerebbe indifferente, non fosse che si avrebbe ancora maggior concentrazione in poche mani di quanto già abbiamo.
    • panda rossa scrive:
      Re: Mhh
      - Scritto da: xte
      La cosa di Netflix non è così improbabile secondo
      me: la maggior parte degli utenti usa servizi di
      streaming pirata, la maggior parte degli utenti
      Apple vuole "il servizio comodo" e Netflix lo è.
      In altri termini possono benissimo integrarlo nel
      loro parco clienti in qualche offerta
      iTunes.Solo che oggi come oggi netflix e' fruibile con mille piattaforme diverse.Dovessero comprarlo loro, diventerebbe obbligatorio un account su iTunes, ci sarebbero titoli pay per view, invece che all you can view come ora, e sicuramente farebbero in modo da impedire una piacevole esperienza d'uso a chi non paga per entrare nella dorata gabbia di apple.
      La cosa sinceramente mi lascerebbe indifferente,
      non fosse che si avrebbe ancora maggior
      concentrazione in poche mani di quanto già
      abbiamo.Nelle mani di chi e' torrent?
      • xte scrive:
        Re: Mhh

        Dovessero comprarlo loro, diventerebbe obbligatorio unQuesto è scontato, +1
        Nelle mani di chi e' torrent?Formalmente non è legale e più si va avanti tra deep packet inspection e proposte come l'introduzione in Europa di data cap mensili anche sulle linee fisse (sinora ci sono in Belgio soltanto che io sappia) potrebbe non essere una garanzia così forte.Ad ogni modo il problema non è tanto il chi avrà in mano Netflix quanto il fatto di avere un'azienda sola che ti vende dal telefono al computer al router ai servizi cloud alla musica al video ecc ecc ecc in pratica il problema è avere 4 gatti giganti che si spartiscono la torta al posto di un libero mercato.
        • Panda Assassino scrive:
          Re: Mhh
          - Scritto da: xte

          Dovessero comprarlo loro, diventerebbe
          Ad ogni modo il problema non è tanto il chi avrà
          in mano Netflix quanto il fatto di avere
          un'azienda sola che ti vende dal telefono al
          computer al router ai servizi cloud alla musica
          al video ecc ecc ecc in pratica il problema è
          avere 4 gatti giganti che si spartiscono la torta
          al posto di un libero
          mercato.Il problema è Google, perché offre servizi a spesa zero.Apple si fa pagare e le si può fare concorrenza, a Google no.Chi può partire da zero per offrire un servizio a costo zero basandosi sulla nostra totale profilazione?
          • panda rossa scrive:
            Re: Mhh
            - Scritto da: Panda Assassino
            - Scritto da: xte


            Dovessero comprarlo loro, diventerebbe


            Ad ogni modo il problema non è tanto il chi
            avrà

            in mano Netflix quanto il fatto di avere

            un'azienda sola che ti vende dal telefono al

            computer al router ai servizi cloud alla
            musica

            al video ecc ecc ecc in pratica il problema è

            avere 4 gatti giganti che si spartiscono la
            torta

            al posto di un libero

            mercato.
            Il problema è Google, perché offre servizi a
            spesa
            zero.Google non e' un problema proprio perche' offre servizi a spesa zero.
            Apple si fa pagare e le si può fare concorrenza,
            a Google
            no.Apple e' una istituzione religiosa e non le si puo' fare concorrenza.A google invece si. Basta che uno paghi gli altri perche' usino i suoi servizi, e piu' nessuno andra' da Google .
            Chi può partire da zero per offrire un servizio a
            costo zero basandosi sulla nostra totale
            profilazione?Chiunque.Ma la domanda non e' chi puo', ma a chi frega?
          • Rest scrive:
            Re: Mhh
            Il solito burlone.Se continui a fare il fan senza se e senza ma, non capirai mai di far già parte di una setta religiosa.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mhh
            - Scritto da: Rest
            Il solito burlone.
            Se continui a fare il fan senza se e senza ma,
            non capirai mai di far già parte di una setta
            religiosa.Quale setta religiosa?Intendi forse la liberta'?In tal caso, si, faccio parte della setta dei difensori della liberta'.
          • 6 1 0 scrive:
            Re: Mhh
            fai parte della redazione?
          • appleuser scrive:
            Re: Mhh
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Panda Assassino

            - Scritto da: xte



            Dovessero comprarlo loro,
            diventerebbe




            Ad ogni modo il problema non è tanto il
            chi

            avrà


            in mano Netflix quanto il fatto di avere


            un'azienda sola che ti vende dal
            telefono
            al


            computer al router ai servizi cloud alla

            musica


            al video ecc ecc ecc in pratica il
            problema
            è


            avere 4 gatti giganti che si
            spartiscono
            la

            torta


            al posto di un libero


            mercato.

            Il problema è Google, perché offre servizi a

            spesa

            zero.

            Google non e' un problema proprio perche' offre
            servizi a spesa
            zero.


            Apple si fa pagare e le si può fare
            concorrenza,

            a Google

            no.

            Apple e' una istituzione religiosa e non le si
            puo' fare
            concorrenza.Chi te l'ha raccontata questa idiozia?Le si può fare concorrenza.Il problema è essere capaci di produrre qualcosa di utile.
          • xte scrive:
            Re: Mhh
            Davvero? Interessante. Dimmi come fai concorrenza in un mondo in cui 4 giganti sono proprietari di praticamente ogni servizio e tecnologia esistente? In cui anche le università ovvero il sapere è in mano loro?Competi nel senso che hai una buona idea che se infastidisce sparisce per vari motivi o altrimenti viene da loro acquisita?
          • xte scrive:
            Re: Mhh
            Chi può fare concorrenza ai big dell'IT, a parte il software libero?Ps Google dà gratis il search o GMail base, ma se vuoi averla con dominio, non c'è più GMail for domain gratuito per le persone fisiche, si paga. Idem si paga Hangout for Work, Android è gratis per modo di dire, visto che è legato ad un terminale ecc ecc ecc
          • panda rossa scrive:
            Re: Mhh
            - Scritto da: xte
            Android è gratis
            per modo di dire, visto che è legato ad un
            terminale ecc ecc
            eccAndroid e' aggratis e non e' legato a nessun terminale.Puoi tranquillamente scaricarlo e installarlo su un emulatore.
          • xte scrive:
            Re: Mhh
            Ottimo, e cosa me ne faccio su un emulatore, sviluppo a parte? Mi porto forse dietro il portatile acceso, connesso e uso cuffiaµfono per telefonare?
          • panda rossa scrive:
            Re: Mhh
            - Scritto da: xte
            Ottimo, e cosa me ne faccio su un emulatore,
            sviluppo a parte? Mi porto forse dietro il
            portatile acceso, connesso e uso cuffiaµfono
            per
            telefonare?Scusa, avevi messo in dubbio che fosse gratis perche' legato ad un terminale.E' gratis perche' e' gratis.Il terminale non e' necessario per usarlo da computer.Se vuoi usarlo in mobilita' puoi costruirti un terminale tu.Comprare un terminale gia' pronto e' solo una comodita'.android esiste a prescindere dall'uso in mobilita'.
          • xte scrive:
            Re: Mhh
            Oh, si, vado subito dal brico a comprare il necessario per farmi un nuovo telefono...Da non arrampicarti sugli specchi, non è il tuo stile.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mhh
            - Scritto da: xte
            Oh, si, vado subito dal brico a comprare il
            necessario per farmi un nuovo
            telefono...Qui c'e' l'elenco.http://www.instructables.com/id/Make-your-own-cellphone-from-scratch/
            Da non arrampicarti sugli specchi, non è il tuo
            stile.Non mi arrampico su nessuno specchio.
          • xte scrive:
            Re: Mhh
            Carino, grazie del link. È che è un pelino più limitato del mio attuale smartphones e comunque non me lo faccio proprio io, per dire coltivando l'orto con quel che trovo in natura e facendomi pure il semenzaio.
        • Izio01 scrive:
          Re: Mhh
          - Scritto da: xte

          Dovessero comprarlo loro, diventerebbe
          obbligatorio
          un
          Questo è scontato, +1


          Nelle mani di chi e' torrent?
          Formalmente non è legale e più si va avanti tra
          deep packet inspection e proposte come
          l'introduzione in Europa di data cap mensili
          anche sulle linee fisse (sinora ci sono in Belgio
          soltanto che io sappia) potrebbe non essere una
          garanzia così forte.
          Ma con i data cap, che differenza ci sarebbe tra streaming legale ed illegale? I limiti al traffico dati non si applicano in entrambi i casi?
      • Panda Assassino scrive:
        Re: Mhh
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: xte

        La cosa di Netflix non è così improbabile
        secondo

        me: la maggior parte degli utenti usa
        servizi
        di

        streaming pirata, la maggior parte degli
        utenti

        Apple vuole "il servizio comodo" e Netflix
        lo
        è.

        In altri termini possono benissimo
        integrarlo
        nel

        loro parco clienti in qualche offerta

        iTunes.Oggi non hai un account Google?Non hai un account Netflix?Considerando le tue sparate prro client, non è escluso che tu abbia già un account AppStore per comprare la client card.
        • xte scrive:
          Re: Mhh
          Ho un account Google, non ho Netflix né Apple né mai li ho avuti.Se sei curioso i servizi "noti" che ho avuto sinora sono: - Google (con collegati Disqus&c) - Aruba - OVH - Agenzia delle Entrate/FiscoOnLine - Agenzia del territorio (confluito sopra) - OpenStreetMaps - ZeusNews, Pollycoke - Amazon, eBay, Pixmania, Yeppon, Bow, Monclick+Esprinet (P.I.), ... - Aliexpress, DealExtream, ...E sostanzialmente basta. A pagamento ho avuto solo Usenix/;Login:, LinuxJournal, LinuxPro quest'ultimo molto tempo fa solo un anno, semplicemente perché ai tempi avevano smesso di fare la rivista senza CD/DVD annessi che costava molto di meno di quella con. In ultimo Apress e Safari (O'Leary). Mi pare già una lista parecchio lunga per i miei gusti.
    • gnammolo scrive:
      Re: Mhh
      a me invece non piace per niente l'idea di una netflix acquisita da apple, il moralismo della mela segherebbe le gambe a serie tv controverse come orange is the new black o breaking bad.
    • 037490f1b71 scrive:
      Re: Mhh


      La cosa sinceramente mi lascerebbe indifferente,
      non fosse che si avrebbe ancora maggior
      concentrazione in poche mani di quanto già
      abbiamo.Non ho niente della Apple, non sono abbonato a netflix, non guardo le serie americane, ma un ulteriore spregio delle regole anti-trust non mi lascerebbe tanto indifferente.
  • come al solito scrive:
    articolo marketta
    Cosa diamine ce ne frega a noi di cosa vorrebbe comprare la papple.
    • Panda Assassino scrive:
      Re: articolo marketta
      - Scritto da: come al solito
      Cosa diamine ce ne frega a noi di cosa vorrebbe
      comprare la
      papple.Apple.Ci sei andato a scuola o sei un panda?
      • ubriaco scrive:
        Re: articolo marketta
        - Scritto da: Panda Assassino
        - Scritto da: come al solito

        Cosa diamine ce ne frega a noi di cosa vorrebbe

        comprare la

        papple.
        Apple.
        Ci sei andato a scuola o sei un panda?E che razzo c'entra la scuola?
        • Panda Assassino scrive:
          Re: articolo marketta
          - Scritto da: ubriaco
          - Scritto da: Panda Assassino

          - Scritto da: come al solito


          Cosa diamine ce ne frega a noi di cosa
          vorrebbe


          comprare la


          papple.

          Apple.

          Ci sei andato a scuola o sei un panda?

          E che razzo c'entra la scuola?A scuola avrebbero insegnato al panda a non storpiare i nomi per non mostrarsi puerili.
      • ... scrive:
        Re: articolo marketta
        [img]http://m.memegen.com/xcrngo.jpg[/img]
        • provo a spiegare scrive:
          Re: articolo marketta
          - Scritto da: ...
          [img]http://m.memegen.com/xcrngo.jpg[/img]Riconosco questa succhia sangue!Avviso a tutti i macachi, La Apple ha acquistato un'azienda di vibromassaggiatori bluetooth per creare i futuri gadget per gli adepti dai gusti risaputi ambigui.Tali aggeggi si vocifera che saranno i nuovi lush!
          • vibra tutto scrive:
            Re: articolo marketta
            - Scritto da: provo a spiegare
            - Scritto da: ...

            [img]http://m.memegen.com/xcrngo.jpg[/img]

            Riconosco questa succhia sangue!

            Avviso a tutti i macachi, La Apple ha acquistato
            un'azienda di vibromassaggiatori bluetooth per
            creare i futuri gadget per gli adepti dai gusti
            risaputi
            ambigui.

            Tali aggeggi si vocifera che saranno i nuovi lush!Sembrano essere i più abusati da ... per trapanarsi il deretano. ha ha ha.
          • ... scrive:
            Re: articolo marketta
            fuddaro l'altro XXXXXXXX di p.i.
          • Panda Assassino scrive:
            Re: articolo marketta

            Avviso a tutti i macachi, La Apple ha acquistato
            un'azienda di vibromassaggiatoriIl panda rossa li proverà senza dubbio e mi saprà dire se li certifica come client.
          • miami vice scrive:
            Re: articolo marketta
            Li proverà nel vostro oXXXX come al solito.
          • Panda Assassino scrive:
            Re: articolo marketta
            Panda, sei semplicemente noioso.
Chiudi i commenti