Intel dice addio agli Atom per smartphone

Santa Clara comunica la volontà di tagliare lo sviluppo dei chip per terminali mobile, decisione che è diretta conseguenza degli annunciati piani di rifocalizzazione del business con tanto di mega-licenziamento

Roma – Chipzilla ha reso nota l’ennesima novità che caratterizzerà il futuro della corporation, un futuro in cui a quanto pare non saranno prodotti (né sviluppati) microchip x86 destinati agli smartphone, ai tablet e ai gadget mobile high-end. La linea Atom subisce in sostanza un nuovo colpo, e i miliardi spesi nel corso degli anni per fare concorrenza ad ARM finiscono letteralmente in fumo o quasi.

La comunicazione di Intel riguarda i chip Atom di nuova generazione noti con il nome in codice di Broxton, ancora in sviluppo, e i processori Sofia già disponibili al momento: in entrambi i casi le risorse economiche e tecnologiche aziendali sono state ridistribuite “verso prodotti in grado di garantire ritorni superiori e far avanzare la nostra strategia.”

Broxton avrebbe dovuto prendere il testimone dei SoC Cherry Trail sotto forma di Atom destinati ai gadget mobile, mentre Sofia è pensato per integrare in una sola unità computazionale CPU, GPU e modem wireless di nuova generazione per i terminali Android economici.

La “ridistribuzione” delle risorse interne equivale quasi certamente a una ritirata di Intel dal settore mobile, con un riposizionamento che è solo parziale ma rappresenta la fotografia plastica del fallimento del tentativo di conquistare un settore che è da sempre appannaggio quasi esclusivo dei chip basati su design ARM.

Il mobile di Intel, almeno per gli anni a venire, sarà quindi focalizzato sulla connettività 5G e poco altro – tecnologia che non a caso il CEO Brian Krzanich ha indicato come uno dei pilastri fondamentali per la strategia aziendale del prossimo futuro.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti