Intel e soci

Il colosso di Santa Clara spiega l'importanza del legame con Apple. Nel frattempo Microsoft avverte: state facendo confusione sulla compatibilità e le esclusive di Windows 8

Roma – Al Global Technology Summit organizzato da Reuters , si è continuato a parlare del futuro di Intel. Il vicepresidente di Santa Clara, Tom Kilroy, ha colto l’occasione per spiegare l’importanza di Apple nella road map dell’azienda. I due colossi hanno lavorato a stretto contatto per la creazione dell’interconnessione Thunderbolt e Apple ha appena annunciato nuovi iMac con piattaforma Sandy Bridge.

Storicamente, il legame tra Apple e Intel non è mai stato tanto forte. La crescita del settore della Mela è quadruplicata da quando Cupertino ha scelto di utilizzare Intel e nel futuro, chissà, i nuovi Atom “mobile” potrebbero anche finire dentro iPhone e iPad. Il portavoce Intel ha anche cercato di dissipare le voci riguardanti il passaggio di Apple alla tecnologia ARM.

Il CEO Intel, Paul Otellini, ha invece commentato la battaglia tra iOS e Android. Il boss dell’architettura x86 vede il “caos” dell’universo Android contro il “controllo” del mondo Apple, e teme che Google dovrà penare parecchio per riportare ordine nella confusione della frammentazione. Come capitò a Windows.

A proposito di Windows, occorre segnalare anche l’ammonimento arrivato da Microsoft. Nei giorni scorsi, BigI ha parlato del prossimo Windows 8 , delle diverse versioni in arrivo e del fatto che i SoC ARM dovranno accontentarsi di una versione “depotenziata” del sistema operativo, senza le applicazioni legacy di Redmond. Ebbene, Microsoft ha replicato che si tratta di commenti piuttosto “imprecisi”, ma senza chiarire quale parte del discorso non corrisponda alla realtà.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Zapper scrive:
    Inquinamento luminoso
    Spegnete le luci e guardate il cielo stellato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Inquinamento luminoso
      - Scritto da: Zapper
      Spegnete le luci e guardate il cielo stellato.Quoto. In più è anche orrendo da guardare sono più le ombre della luce che crea...
      • Ashura scrive:
        Re: Inquinamento luminoso
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Zapper

        Spegnete le luci e guardate il cielo stellato.
        Quoto. In più è anche orrendo da guardare sono
        più le ombre della luce che
        crea...Non deve mica fare luce, deva solo fare scena.E comunque, sullo spegnere e guardare il cielo, straquoto tutti e due...
      • OldDog scrive:
        Re: Inquinamento luminoso
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Zapper

        Spegnete le luci e guardate il cielo stellato.
        Quoto. In più è anche orrendo da guardare sono
        più le ombre della luce che
        crea...Perchè stupirsene? Scrisse Terry Pratchett:"La luce crede di viaggiare più veloce di ogni altra cosa, ma si sbaglia. Per quanto veloce viaggi, la luce scopre che l'oscurità arriva sempre prima, ed è lì che l'aspetta." P.S. Questa citazione l'hanno usata anche in una puntata di Criminal Minds ;-)
    • OldDog scrive:
      Re: Inquinamento luminoso
      - Scritto da: Zapper
      Spegnete le luci e guardate il cielo stellato.Ben detto, Zapper!In effetti esiste una normativa perennemente disattesa (riferita all'illuminazione pubblica, però) che invita a installare solo sorgenti luminose che concentrino verso il basso la luce.Servirebbe proprio a limitare l'effetto "zuppa luminosa" che sopra le città non consente di vedere che pochissime stelle.Bisogna portare i figli in montagna, fuori dalle località turistiche, per mostrare loro quanto diverso è il cielo se non lo "sporchiamo" con la nostra paura del buio.
      • Guybrush scrive:
        Re: Inquinamento luminoso
        - Scritto da: OldDog
        - Scritto da: Zapper

        Spegnete le luci e guardate il cielo stellato.
        Ben detto, Zapper!Concordo.
        In effetti esiste una normativa perennemente[...]
        stelle.

        Bisogna portare i figli in montagna, fuori dalle
        località turistiche, per mostrare loro quanto
        diverso è il cielo se non lo "sporchiamo" con la
        nostra paura del
        buio.Si, be'... in italia non si può più. Non c'è un solo sito di montagna abbastanza lontano da inquinanti luminosi.C'è rimasto il mare.Traghetto, rotta Civitavecchia-Palermo... a dormire non si dorme, con le mani si riesce a schermare le luci della nave, guardate verso l'orizzonte a sud/est (qualsiasi stagione va bene), se il mare è calmo e la notte tersa potrete vedere la via lattea come NON l'avete mai vista e se il comandante è di buonumore avviserà che ad una certa ora spegnerà le luci esterne (escluse quelle di posizione).In alternativa ci sono le imbarcazioni private per una mini-crociera di qualche giorno. Il cielo visto in mare aperto appare ancora come appariva Merita.GT
        • OldDog scrive:
          Re: Inquinamento luminoso
          - Scritto da: Guybrush
          Si, be'... in italia non si può più. Non c'è un
          solo sito di montagna abbastanza lontano da
          inquinanti
          luminosi.
          C'è rimasto il mare.Diversi anni fa ci riuscii bene in un alpeggio in zona Monte Leone (Nord Ovest, Zona Parco Alpe Veglia). Credo non sia molto cambiato, stiamo parlando di quote tra 1600 e 1800 metri dove d'inverno chiudono tutto, quindi poche luci e niente auto.
Chiudi i commenti